Soluzioni di Microsoft Purview eDiscovery

Il rilevamento elettronico o eDiscovery, è il processo di identificazione e consegna di dati elettronici che possono essere utilizzati come prove in casi legali. È possibile usare gli strumenti di eDiscovery in Microsoft Purview per cercare contenuto nei team di Exchange Online, OneDrive for Business, SharePoint Online, Microsoft Teams, Gruppi di Microsoft 365 e Yammer. È possibile eseguire ricerche in cassette postali e siti nella stessa ricerca di eDiscovery e quindi esportare i risultati della ricerca. È possibile usare Microsoft Purview eDiscovery case (Standard) per identificare, conservare ed esportare il contenuto presente nelle cassette postali e nei siti. Se l'organizzazione ha una sottoscrizione Office 365 E5 o Microsoft 365 E5 (o le sottoscrizioni di componenti aggiuntivi E5 correlate), è possibile gestire ulteriormente i responsabili e analizzare il contenuto usando la soluzione Microsoft Purview eDiscovery (Premium) ricca di funzionalità in Microsoft 365.

Consiglio

Se non sei un cliente E5, puoi provare gratuitamente tutte le funzionalità Premium in Microsoft Purview. Usare la versione di valutazione delle soluzioni Purview di 90 giorni per scoprire in che modo le funzionalità di Purview affidabili possono aiutare l'organizzazione a gestire le esigenze di sicurezza e conformità dei dati. Iniziare ora dall'hub delle versioni di valutazione Portale di conformità di Microsoft Purview. Informazioni dettagliate sull'iscrizione e le condizioni di valutazione.

Soluzioni eDiscovery

Microsoft Purview offre tre soluzioni eDiscovery: Ricerca contenuto, eDiscovery (Standard) ed eDiscovery (Premium).

Ricerca contenuto eDiscovery (Standard) eDiscovery (Premium)
- Ricerca di contenuto
- Query con parole chiave e condizioni
di ricerca - Esportare i risultati
della ricerca - Autorizzazioni basate su ruoli
- Ricerca ed esportazione
- Gestione dei
casi - Blocco legale
- Gestione dei responsabili
- Notifiche
di blocco legale - Indicizzazione
avanzata - Filtraggio
dei set di revisione - Assegnazione di
tag - Analisi
- Modelli
di codifica predittiva E altro ancora...
  • Ricerca contenuto. Utilizzare lo strumento di ricerca contenuto per cercare contenuto nelle origini dati di Microsoft 365 e quindi esportare i risultati della ricerca in un computer locale.

  • eDiscovery (Standard). eDiscovery (Standard) si basa sulla funzionalità di ricerca ed esportazione di base di Ricerca contenuto consentendo di creare casi di eDiscovery e assegnare gestori di eDiscovery a casi specifici. I manager di eDiscovery possono accedere solo ai casi di cui sono membri. eDiscovery (Standard) ti consente anche di associare ricerche ed esportazioni a un caso e ti consente di mettere in attesa eDiscovery le posizioni dei contenuti rilevanti per il caso.

  • eDiscovery (Premium). Lo strumento eDiscovery (Premium) si basa sulle capacità di gestione, conservazione, ricerca ed esportazione dei casi esistenti in eDiscovery (Standard). eDiscovery (Premium) fornisce un flusso di lavoro end-to-end per conservare, raccogliere, esaminare, analizzare ed esportare contenuti che rispondono alle indagini interne ed esterne dell'organizzazione. Consente ai team legali di gestire i responsabili e il flusso di lavoro per le notifiche di blocco a fini giudiziari per comunicare con i responsabili coinvolti in un caso. Consente di raccogliere e copiare dati dal servizio live in set di revisioni, quando è possibile filtrare, cercare e contrassegnare il contenuto per eliminare il contenuto non pertinente da un'ulteriore revisione in modo che il flusso di lavoro possa identificare e concentrarsi sul contenuto più rilevante. eDiscovery (Premium) fornisce modelli di codifica predittiva basati su analisi e apprendimento automatico per restringere ulteriormente l'ambito dell'indagine al contenuto più pertinente.

Confronto tra funzionalità chiave

La tabella seguente confronta le funzionalità chiave disponibili in Ricerca contenuto, eDiscovery (Standard) e eDiscovery (Premium).

Funzionalità Ricerca contenuto eDiscovery (Standard) eDiscovery (Premium)
Cercare contenuto Supportati. Supportati. Supportati.
Query con parole chiave e condizioni di ricerca Supportati. Supportati. Supportati.
Statistiche della ricerca Supportati. Supportati. Supportati.
Esportare i risultati della ricerca Supportati. Supportati. Supportati.
Autorizzazioni basate sui ruoli Supportati. Supportati. Supportati.
Gestione dei casi Supportati. Supportati.
Inserire le posizioni del contenuto in blocco legale Supportati. Supportati.
Gestione dei responsabili Supportati.
Notifiche di blocco legale Supportati.
Indicizzazione avanzata Supportati.
Correzione errori Supportati.
Set di revisione Supportati.
Supporto per allegati cloud e versioni di SharePoint Supportati.
Riconoscimento ottico dei caratteri Supportati.
Threading delle conversazioni Supportati.
Statistiche e report di raccolte Supportati.
Esaminare i filtri dei set Supportati.
Aggiunta di tag Supportati.
Analisi Supportati.
Modelli di codifica predittiva Supportati.
Metadati dei documenti calcolati Supportati.
Trasparenza dei processi a esecuzione prolungata Supportati.
Esportare nel percorso di archiviazione di Azure di proprietà del cliente Supportati.

Ecco una descrizione di ogni funzionalità di eDiscovery.

  • Cercare contenuto. Cercare il contenuto archiviato nelle cassette postali di Exchange, negli account OneDrive for Business, nei siti di SharePoint, Microsoft Teams, Gruppi di Microsoft 365 e Yammer Teams. Sono inclusi i contenuti generati da altre app Microsoft 365 che archivia i dati in cassette postali e siti.

  • Query con parole chiave e condizioni di ricerca. Creare query di ricerca KQL (Keyword Query Language) per cercare parole chiave di contenuto corrispondenti ai criteri di query. È anche possibile includere condizioni per limitare l'ambito della ricerca.

  • Statistiche di ricerca. Dopo aver eseguito una ricerca, è possibile visualizzare le statistiche dei risultati della ricerca stimati, ad esempio il numero e le dimensioni totali degli elementi corrispondenti ai criteri di ricerca. Altre statistiche includono i percorsi di contenuto principali che contengono i risultati della ricerca e il numero di elementi che corrispondono a parti diverse della query di ricerca.

  • Esportare i risultati della ricerca. Esportare i risultati della ricerca in un computer locale dell'organizzazione in un processo in due passaggi. Quando si esportano i risultati della ricerca, gli elementi vengono copiati dalla posizione del contenuto originale in Microsoft 365 in un percorso di archiviazione di Azure fornito Microsoft. È quindi possibile scaricare tali elementi in un computer locale.

  • Autorizzazioni basate su ruoli. Usare le autorizzazioni di controllo degli accessi in base al ruolo per controllare le attività correlate a eDiscovery che possono essere eseguite da utenti diversi. È possibile usare un gruppo di ruoli predefinito correlato a eDiscovery o creare gruppi di ruoli personalizzati che assegnano autorizzazioni eDiscovery specifiche.

  • Gestione dei casi. I casi di eDiscovery in eDiscovery (Standard) ed eDiscovery (Premium) consentono di associare ricerche ed esportazioni specifiche a un'indagine specifica. È anche possibile assegnare membri a un caso per controllare chi può accedere al caso e visualizzare il contenuto del caso. eDiscovery (Premium) supporta anche l'integrazione della creazione di nuovi casi con Gestione dei rischi Insider Microsoft Purview case.

  • Inserire le posizioni del contenuto in blocco legale. Mantenere il contenuto rilevante per l'indagine inserendo un blocco legale nelle posizioni del contenuto in un caso. In questo modo è possibile proteggere le informazioni archiviate elettronicamente dall'eliminazione accidentale (o intenzionale) durante l'indagine.

  • Gestione dei responsabili. Gestire le persone identificate come persone di interesse nel caso (denominate responsabili) e altre origini dati che potrebbero non essere associate a un responsabile. Quando si aggiungono responsabili e origini dati non responsabili a un caso, è possibile inserire un blocco legale su queste origini dati, comunicare con i responsabili usando il processo di notifica di blocco legale e cercare origini dati responsabili e non responsabili per raccogliere contenuti rilevanti per il caso.

  • Notifiche di blocco legale. Gestire il processo di comunicazione con i responsabili del caso. Una notifica di blocco legale indica ai responsabili di mantenere il contenuto pertinente al caso. È possibile tenere traccia degli avvisi ricevuti, letti e riconosciuti dai responsabili. Il flusso di lavoro delle comunicazioni in eDiscovery (Premium) consente di creare e inviare notifiche iniziali, promemoria e escalation se i responsabili non riescono a confermare una notifica di blocco.

  • Indicizzazione avanzata. Quando si aggiungono origini dati responsabili e non responsabili a un caso, i percorsi del contenuto associati vengono reindicizzati in un processo denominato Indicizzazione avanzata. L'indicizzazione avanzata garantisce che qualsiasi contenuto considerato parzialmente indicizzato venga rielaborato per renderlo completamente ricercabile quando si raccolgono dati per un'indagine.

  • Correzione degli errori. Correggere gli errori di elaborazione usando un processo denominato correzione degli errori. La correzione degli errori consente di correggere i problemi di dati che impediscono a eDiscovery (Premium) di elaborare correttamente il contenuto durante l'indicizzazione avanzata. Ad esempio, i file protetti da password non possono essere elaborati perché i file sono bloccati o crittografati. Usando la correzione degli errori, è possibile scaricare i file con errori, rimuovere la protezione password e quindi caricare i file corretti.

  • Esaminare i set. Aggiungere dati rilevanti a un set di revisione. Un set di revisione è una posizione sicura di Archiviazione di Azure fornita Microsoft nel cloud Microsoft. Quando si aggiungono dati a un set di revisione, gli elementi raccolti vengono copiati dal percorso del contenuto originale al set di revisione. I set di revisione forniscono un set noto di contenuto statico che è possibile cercare, filtrare, contrassegnare, analizzare e stimare la pertinenza usando modelli di codifica predittiva. È anche possibile tenere traccia e segnalare il contenuto aggiunto al set di revisione.

  • Supporto per gli allegati cloud e le versioni di SharePoint. Quando si aggiunge contenuto a un set di revisione, è possibile includere allegati cloud o file collegati. Ciò significa che il file di destinazione di un allegato cloud o di un file collegato viene aggiunto al set di revisione. È anche possibile aggiungere tutte le versioni di un documento di SharePoint a un set di revisione.

  • Riconoscimento ottico dei caratteri (OCR). Quando il contenuto viene aggiunto a un set di revisione, la funzionalità OCR estrae il testo dalle immagini e include il testo dell'immagine con il contenuto aggiunto a un set di revisione. In questo modo è possibile cercare il testo dell'immagine quando si esegue una query sul contenuto nel set di revisione.

  • Threading della conversazione. Quando i messaggi di chat delle conversazioni di Teams e Yammer vengono aggiunti a un set di revisione, è possibile raccogliere l'intero thread di conversazione. Ciò significa che l'intera conversazione di chat che contiene elementi che corrispondono ai criteri di raccolta viene aggiunta al set di revisione. In questo modo è possibile esaminare gli elementi della chat nel contesto della conversazione back-and-forth.

  • Statistiche e report di raccolta. Dopo aver creato una stima della raccolta o aver eseguito il commit di una raccolta in un set di revisione, è possibile visualizzare un set completo di statistiche sugli elementi recuperati, ad esempio i percorsi di contenuto che contengono la maggior parte degli elementi corrispondenti ai criteri di ricerca e il numero di elementi restituiti dalla query di ricerca. È anche possibile visualizzare in anteprima un subset dei risultati.

  • Esaminare il filtro dei set. Dopo aver aggiunto il contenuto a un set di revisione, è possibile applicare filtri per visualizzare solo il set di elementi che corrispondono ai criteri di filtro. È quindi possibile salvare i set di filtri come query, che consente di riapplicare rapidamente i filtri salvati. Esaminare i filtri dei set e le query salvate per selezionare rapidamente gli elementi di contenuto più rilevanti per l'analisi.

  • Assegnazione di tag. I tag consentono anche di omettere contenuti non pertinenti e identificare il contenuto più pertinente. Quando esperti, avvocati o altri utenti esaminano il contenuto in un set di recensioni, le loro opinioni relative al contenuto possono essere acquisite usando tag. Ad esempio, se lo scopo è escludere contenuto non necessario, un utente può contrassegnare i documenti con un tag come "non reattivo". Dopo che il contenuto è stato esaminato e contrassegnato, è possibile creare una query del set di revisione per escludere qualsiasi contenuto contrassegnato come "non reattivo". Questo processo elimina il contenuto non reattivo dai passaggi successivi del flusso di lavoro di eDiscovery.

  • Analisi. eDiscovery (Premium) fornisce strumenti per analizzare i documenti del set di revisione per organizzare i documenti in modo coerente e ridurre il volume di documenti da rivedere. Il rilevamento quasi duplicato raggruppa documenti simili a testo per migliorare l'efficienza del processo di revisione. Email threading identifica messaggi di posta elettronica specifici che forniscono un contesto completo della conversazione in un thread di posta elettronica. La funzionalità Temi tenta di analizzare i temi in esaminare i documenti impostati e assegnare un tema ai documenti in modo da poter esaminare i documenti con il tema correlato. Queste funzionalità di analisi consentono di rendere più efficiente il processo di revisione in modo che i revisori possano esaminare una frazione dei documenti raccolti.

  • Modelli di codifica predittiva. Usare i modelli di codifica predittiva per ridurre grandi volumi di contenuto del caso a un set pertinente di elementi che è possibile definire come priorità per la revisione. Questa operazione viene eseguita creando e eseguendo il training di modelli di codifica predittiva personalizzati che consentono di assegnare priorità alla revisione degli elementi più rilevanti in un set di revisione. Il sistema usa il training per applicare punteggi di stima a ogni elemento del set di revisione. In questo modo è possibile filtrare gli elementi in base al punteggio di stima, che consente di esaminare prima gli elementi più rilevanti (o non rilevanti).

  • Metadati del documento calcolati. Molte delle funzionalità di eDiscovery (Premium), ad esempio indicizzazione avanzata, threading delle conversazioni, analisi e codifica predittiva, aggiungono proprietà di metadati per esaminare i documenti impostati. Questi metadati contengono informazioni correlate alla funzione eseguita da una funzionalità specifica. Quando si esaminano i documenti, è possibile filtrare le proprietà dei metadati per visualizzare i documenti che corrispondono ai criteri di filtro. Questi metadati possono essere importati in applicazioni di revisione di terze parti dopo l'esportazione dei documenti del set di revisione.

  • Trasparenza dei processi a esecuzione prolungata. I processi in eDiscovery (Premium) sono in genere processi a esecuzione prolungata attivati da azioni dell'utente, ad esempio l'aggiunta di responsabili a un caso, l'aggiunta di contenuto a un set di revisioni, l'esecuzione di analisi e il training di modelli di codifica predittiva. È possibile tenere traccia dello stato di questi processi e ottenere informazioni sul supporto se è necessario inoltrare i problemi a supporto tecnico Microsoft.

  • Esportare nel percorso di archiviazione di Azure di proprietà del cliente. Quando si esportano documenti da un set di revisione, è possibile esportarli in un account di archiviazione di Azure gestito dall'organizzazione. Inoltre, eDiscovery (Premium) consente di personalizzare i dati esportati. Sono inclusi l'esportazione di metadati di file, file nativi, file di testo, tag e documenti redacted salvati in un file PDF.

Confronto tra sottoscrizioni di eDiscovery

Le sezioni seguenti illustrano i requisiti minimi di sottoscrizione per Ricerca contenuto, eDiscovery (Standard) ed eDiscovery (Premium). Anche le sottoscrizioni che supportano eDiscovery (Standard) supportano la ricerca contenuto. Le sottoscrizioni che supportano eDiscovery (Premium) supportano anche Ricerca contenuto ed eDiscovery (Standard).

  • sottoscrizione di Microsoft 365 E1
  • sottoscrizione di Microsoft 365 G1
  • Microsoft 365 F1 o sottoscrizione F3 o componente aggiuntivo F5 Security
  • sottoscrizione Microsoft 365 Business Premium
  • sottoscrizione Microsoft 365 Business Standard
  • Abbonamento Microsoft 365 Business Basic
  • Abbonamento a Office 365 Education A1
  • sottoscrizione Office 365 E1

eDiscovery (Standard)

  • Exchange Online, piano 2
  • SharePoint Online Piano 2
  • sottoscrizione Microsoft 365 E3
  • sottoscrizione Microsoft 365 G3
  • sottoscrizione Microsoft 365 Business Premium
  • Microsoft componente aggiuntivo 365 F5 Compliance o F5 Security & Componente aggiuntivo conformità
  • Microsoft 365 Education sottoscrizione A3 o Office 365 Education A3
  • sottoscrizione Office 365 E3

eDiscovery (Premium)

  • Abbonamento a Microsoft 365 E5 o a Office 365 E5
  • Abbonamento a Microsoft 365 E3 con il componente aggiuntivo E5 Compliance
  • Microsoft 365 E3 sottoscrizione con il componente aggiuntivo E5 eDiscovery e Audit
  • sottoscrizione di Microsoft 365 G5
  • Microsoft sottoscrizione 365 G5 con componente aggiuntivo conformità G5
  • Microsoft sottoscrizione 365 G5 con G5 eDiscovery e il componente aggiuntivo Audit
  • Microsoft componente aggiuntivo 365 F5 Compliance o F5 Security & Componente aggiuntivo conformità
  • Microsoft 365 Education sottoscrizione A5 o Office 365 Education A5

Introduzione a eDiscovery

Per altre informazioni e per iniziare a usare soluzioni Microsoft Purview eDiscovery, vedere gli articoli seguenti.

Introduzione a eDiscovery Standard

Introduzione a eDiscovery (Premium)

Integrazione con Insider Risk Management

I casi in Gestione dei rischi Insider Microsoft Purview possono essere rapidamente inoltrati a nuovi casi in Microsoft Purview eDiscovery (Premium) quando è necessaria una revisione legale aggiuntiva per attività utente potenzialmente rischiose. La stretta integrazione tra queste soluzioni può aiutare i team di rischio e legali a lavorare in modo più efficiente e a fornire una visione completa delle attività degli utenti in esame. Scopri come iniziare a usare Insider Risk Management e come inoltrare facilmente un caso di Insider Risk Management a un caso di eDiscovery (Premium).

Roadmap di eDiscovery

Per informazioni sulle funzionalità di eDiscovery avviate, in fase di implementazione o in fase di sviluppo, vedere la roadmap Microsoft 365.

Formazione

La formazione degli amministratori IT, dei responsabili di eDiscovery e dei team di analisi della conformità nelle nozioni di base su Ricerca contenuto, eDiscovery (Standard) ed eDiscovery (Premium) può aiutare l'organizzazione a iniziare più rapidamente a usare gli strumenti di Microsoft Purview eDiscovery. Per consentire a questi utenti dell'organizzazione di iniziare a usare eDiscovery, vedere Descrivere le funzionalità di eDiscovery e di controllo di Microsoft Purview.