Condividi tramite


Bollettino sulla sicurezza

Microsoft Security Bulletin MS11-003 - Critico

Aggiornamento cumulativo della sicurezza per Internet Explorer (2482017)

Pubblicato: 8 febbraio 2011 | Aggiornato: 8 marzo 2011

Versione: 2.0

Informazioni generali

Schema riepilogativo

Questo aggiornamento della sicurezza risolve due vulnerabilità segnalate privatamente e due vulnerabilità divulgate pubblicamente in Internet Explorer. Le vulnerabilità potrebbero consentire l'esecuzione di codice remoto se un utente visualizza una pagina Web appositamente creata usando Internet Explorer o se un utente apre un file HTML legittimo che carica un file di libreria appositamente creato. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente una di queste vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente locale. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.

Questo aggiornamento della sicurezza è valutato Critical per Internet Explorer 6, Internet Explorer 7 e Internet Explorer 8 nei client Windows; e Moderate per Internet Explorer 6, Internet Explorer 7 e Internet Explorer 8 nei server Windows. Per altre informazioni, vedere la sottosezione, Affected e Non-Affected Software, in questa sezione.

L'aggiornamento della sicurezza risolve le vulnerabilità modificando il modo in cui Internet Explorer gestisce gli oggetti in memoria, gestisce fogli di stile css e carica librerie esterne. Per altre informazioni sulle vulnerabilità, vedere la sottosezione Domande frequenti per la voce di vulnerabilità specifica nella sezione successiva Informazioni sulla vulnerabilità.

Questo aggiornamento della sicurezza risolve anche la vulnerabilità descritta in Microsoft Security Advisory 2488013.

Elemento consigliato. La maggior parte dei clienti ha abilitato l'aggiornamento automatico e non dovrà eseguire alcuna azione perché questo aggiornamento della sicurezza verrà scaricato e installato automaticamente. I clienti che non hanno abilitato l'aggiornamento automatico devono verificare la disponibilità di aggiornamenti e installare questo aggiornamento manualmente. Per informazioni sulle opzioni di configurazione specifiche nell'aggiornamento automatico, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 294871.

Per gli amministratori e le installazioni aziendali o per gli utenti finali che vogliono installare manualmente questo aggiornamento della sicurezza, Microsoft consiglia ai clienti di applicare immediatamente l'aggiornamento usando il software di gestione degli aggiornamenti o controllando la disponibilità di aggiornamenti tramite il servizio Microsoft Update .

Vedere anche la sezione Strumenti di rilevamento e distribuzione e indicazioni, più avanti in questo bollettino.

Problemi noti. None

Software interessato e non interessato

Il software seguente è stato testato per determinare quali versioni o edizioni sono interessate. Altre versioni o edizioni superano il ciclo di vita del supporto o non sono interessate. Per determinare il ciclo di vita del supporto per la versione o l'edizione del software, visitare supporto tecnico Microsoft Ciclo di vita.

Software interessato

Sistema operativo Componente Impatto massimo sulla sicurezza Valutazione della gravità aggregata Bollettini sostituiti da questo aggiornamento
Internet Explorer 6
Windows XP Service Pack 3 Internet Explorer 6 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows XP Professional x64 Edition Service Pack 2 Internet Explorer 6 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows Server 2003 Service Pack 2 Internet Explorer 6 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2003 x64 Edition Service Pack 2 Internet Explorer 6 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2003 con SP2 per sistemi basati su Itanium Internet Explorer 6 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Internet Explorer 7
Windows XP Service Pack 3 Internet Explorer 7 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows XP Professional x64 Edition Service Pack 2 Internet Explorer 7 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows Server 2003 Service Pack 2 Internet Explorer 7 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2003 x64 Edition Service Pack 2 Internet Explorer 7 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2003 con SP2 per sistemi basati su Itanium Internet Explorer 7 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Vista Service Pack 1 e Windows Vista Service Pack 2 Internet Explorer 7 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows Vista x64 Edition Service Pack 1 e Windows Vista x64 Edition Service Pack 2 Internet Explorer 7 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit e Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit Service Pack 2 Internet Explorer 7** Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 Service Pack 2 Internet Explorer 7** Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2008 per sistemi basati su Itanium e Windows Server 2008 per Sistemi basati su Itanium Service Pack 2 Internet Explorer 7 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Internet Explorer 8
Windows XP Service Pack 3 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows XP Professional x64 Edition Service Pack 2 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows Server 2003 Service Pack 2 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2003 x64 Edition Service Pack 2 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Vista Service Pack 1 e Windows Vista Service Pack 2 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows Vista x64 Edition Service Pack 1 e Windows Vista x64 Edition Service Pack 2 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit e Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit Service Pack 2 Internet Explorer 8** Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 Service Pack 2 Internet Explorer 8** Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows 7 per sistemi a 32 bit e Windows 7 per sistemi a 32 bit Service Pack 1 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows 7 per sistemi basati su x64 e Windows 7 per sistemi basati su x64 Service Pack 1 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Critico MS10-090
Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 Service Pack 1 Internet Explorer 8** Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090
Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su Itanium e Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su Itanium Service Pack 1 Internet Explorer 8 Esecuzione di codice remoto Moderato MS10-090

**Installazione dei componenti di base del server non interessata. Le vulnerabilità risolte da questo aggiornamento non influiscono sulle edizioni supportate di Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2, come indicato, se installate con l'opzione di installazione Server Core. Per altre informazioni su questa opzione di installazione, vedere gli articoli TechNet Gestione di un'installazione dei componenti di base del server e manutenzione di un'installazione dei componenti di base del server. Si noti che l'opzione di installazione Server Core non si applica a determinate edizioni di Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2; vedere Confrontare le opzioni di installazione dei componenti di base del server.

Perché questo bollettino è stato rivisto l'8 marzo 2011?
Microsoft ha spiegato che il software interessato include Windows 7 per sistemi a 32 bit Service Pack 1, Windows 7 per sistemi basati su x64 Service Pack 1, Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 Service Pack 1 e Windows Server 2008 R2 per Sistemi basati su Itanium Service Pack 1. I clienti della versione originale di Windows 7 per sistemi a 32 bit, Windows 7 per sistemi basati su x64, Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su Itanium, che hanno già applicato questo aggiornamento della sicurezza non devono eseguire alcuna azione. I clienti che hanno aggiornato questi sistemi operativi con il Service Pack 1 corrispondente devono applicare questo aggiornamento della sicurezza.

Dove sono i dettagli delle informazioni sul file?
Per informazioni dettagliate sul percorso delle informazioni sui file, vedere le tabelle di riferimento nella sezione Distribuzione aggiornamenti della sicurezza.

Internet Explorer 9 Beta è interessato da queste vulnerabilità?
Internet Explorer 9 Beta è interessato dalle vulnerabilità descritte in questo bollettino. I clienti che eseguono questa versione beta sono invitati a scaricare e applicare l'aggiornamento ai propri sistemi. Gli aggiornamenti della sicurezza sono disponibili in Microsoft Update e Windows Update. Gli aggiornamenti della sicurezza per questa versione beta sono disponibili anche per il download dall'Area download Microsoft.

Perché questo aggiornamento risolve diverse vulnerabilità di sicurezza segnalate?
Questo aggiornamento contiene il supporto per diverse vulnerabilità perché le modifiche necessarie per risolvere questi problemi si trovano nei file correlati. Invece di dover installare più aggiornamenti quasi uguali, i clienti devono installare solo questo aggiornamento.

Se sono state applicate soluzioni alternative fornite in Microsoft Security Advisory 2488013, è necessario annullarle prima di applicare questo aggiornamento?
Prima di installare questo aggiornamento della sicurezza, Microsoft consiglia di annullare la soluzione alternativa "Impedisci il caricamento ricorsivo di fogli di stile CSS (Cascading Style Sheets) in Internet Explorer" dai sistemi in cui è stata applicata in precedenza. Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2482017 per usare la soluzione di correzione automatica di Microsoft per disabilitare questa soluzione alternativa.

Questo aggiornamento è correlato a Microsoft Security Advisory 2269637?
Sì, la vulnerabilità CVE-2011-0038, risolta da questo aggiornamento è correlata alla classe di vulnerabilità, descritta in Avviso di sicurezza Microsoft 2269637, che influiscono sul modo in cui le applicazioni caricano librerie esterne. Questo aggiornamento della sicurezza risolve una particolare istanza di questo tipo di vulnerabilità.

Uso una versione precedente del software discussa in questo bollettino sulla sicurezza. Cosa devo fare?
Il software interessato elencato in questo bollettino è stato testato per determinare quali versioni sono interessate. Altre versioni hanno superato il ciclo di vita del supporto. Per altre informazioni sul ciclo di vita del prodotto, visitare il sito Web supporto tecnico Microsoft Lifecycle.

Deve essere una priorità per i clienti che dispongono di versioni precedenti del software per eseguire la migrazione alle versioni supportate per evitare potenziali esposizione alle vulnerabilità. Per determinare il ciclo di vita del supporto per la versione software, vedere Selezionare un prodotto per informazioni sul ciclo di vita. Per altre informazioni sui Service Pack per queste versioni software, vedere Lifecycle Supported Service Pack.

I clienti che richiedono supporto personalizzato per il software precedente devono contattare il rappresentante del team dell'account Microsoft, il responsabile dell'account tecnico o il rappresentante partner Microsoft appropriato per le opzioni di supporto personalizzate. I clienti senza contratto Alliance, Premier o Authorized possono contattare l'ufficio vendite Microsoft locale. Per informazioni di contatto, visitare il sito Web Microsoft Worldwide Information , selezionare il paese nell'elenco Informazioni contatto e quindi fare clic su Vai per visualizzare un elenco di numeri di telefono. Quando chiami, chiedi di parlare con il responsabile vendite premier support locale. Per altre informazioni, vedere domande frequenti sui criteri relativi al ciclo di vita di supporto tecnico Microsoft.

Informazioni sulla vulnerabilità

Classificazioni di gravità e identificatori di vulnerabilità

Le classificazioni di gravità seguenti presuppongono il potenziale impatto massimo della vulnerabilità. Per informazioni sulla probabilità, entro 30 giorni dal rilascio del bollettino sulla sicurezza, della sfruttabilità della vulnerabilità in relazione alla classificazione di gravità e all'impatto sulla sicurezza, vedere l'indice di exploit nel riepilogo del bollettino di febbraio. Per altre informazioni, vedere Microsoft Exploitability Index.

Software interessato Vulnerabilità di danneggiamento della memoria CSS - CVE-2010-3971 Vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0035 Vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0036 Vulnerabilità di caricamento della libreria non sicura di Internet Explorer - CVE-2011-0038 Valutazione della gravità aggregata
Internet Explorer 6
Internet Explorer 6 per Windows XP Service Pack 3 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Non applicabile Critico
Internet Explorer 6 per Windows XP Professional x64 Edition Service Pack 2 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Non applicabile Critico
Internet Explorer 6 per Windows Server 2003 Service Pack 2 Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 6 per Windows Server 2003 x64 Edition Service Pack 2 Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 6 per Windows Server 2003 con SP2 per sistemi basati su Itanium Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 7
Internet Explorer 7 per Windows XP Service Pack 3 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Non applicabile Critico
Internet Explorer 7 per Windows XP Professional x64 Edition Service Pack 2 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Non applicabile Critico
Internet Explorer 7 per Windows Server 2003 Service Pack 2 Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 7 per Windows Server 2003 x64 Edition Service Pack 2 Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 7 per Windows Server 2003 con SP2 per sistemi basati su Itanium Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 7 in Windows Vista Service Pack 1 e Windows Vista Service Pack 2 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Non applicabile Critico
Internet Explorer 7 in Windows Vista x64 Edition Service Pack 1 e Windows Vista x64 Edition Service Pack 2 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Non applicabile Critico
Internet Explorer 7 in Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit e Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit Service Pack 2** Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 7 in Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 Service Pack 2** Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 7 in Windows Server 2008 per sistemi basati su Itanium e Windows Server 2008 per sistemi basati su Itanium Service Pack 2 Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Non applicabile Moderato
Internet Explorer 8
Internet Explorer 8 per Windows XP Service Pack 3 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Moderare l'esecuzione di codice remoto Critico
Internet Explorer 8 per Windows XP Professional x64 Edition Service Pack 2 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Moderare l'esecuzione di codice remoto Critico
Internet Explorer 8 per Windows Server 2003 Service Pack 2 Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderato
Internet Explorer 8 per Windows Server 2003 x64 Edition Service Pack 2 Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderato
Internet Explorer 8 in Vista Service Pack 1 e Windows Vista Service Pack 2 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Moderare l'esecuzione di codice remoto Critico
Internet Explorer 8 in Windows Vista x64 Edition Service Pack 1 e Windows Vista x64 Edition Service Pack 2 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Moderare l'esecuzione di codice remoto Critico
Internet Explorer 8 in Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit e Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit Service Pack 2** Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderato
Internet Explorer 8 in Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 Service Pack 2** Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderato
Internet Explorer 8 in Windows 7 per sistemi a 32 bit e Windows 7 per Sistemi a 32 bit Service Pack 1 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Moderare l'esecuzione di codice remoto Critico
Internet Explorer 8 in Windows 7 per sistemi basati su x64 e Windows 7 per sistemi basati su x64 Service Pack 1 Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Esecuzione di codice remoto critico Moderare l'esecuzione di codice remoto Critico
Internet Explorer 8 in Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 Service Pack 1** Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderato
Internet Explorer 8 in Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su Itanium e Windows Server 2008 R2 per Sistemi basati su Itanium Service Pack 1 Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderare l'esecuzione di codice remoto Moderato

**Installazione dei componenti di base del server non interessata. Le vulnerabilità risolte da questo aggiornamento non influiscono sulle edizioni supportate di Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2, come indicato, se installate con l'opzione di installazione Server Core. Per altre informazioni su questa opzione di installazione, vedere gli articoli TechNet Gestione di un'installazione dei componenti di base del server e manutenzione di un'installazione dei componenti di base del server. Si noti che l'opzione di installazione Server Core non si applica a determinate edizioni di Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2; vedere Confrontare le opzioni di installazione dei componenti di base del server.

Vulnerabilità di danneggiamento della memoria CSS - CVE-2010-3971

Esiste una vulnerabilità di esecuzione remota del codice nel modo in cui Internet Explorer accede alla memoria durante l'importazione di un foglio di stile css che fa riferimento a se stesso in modo ricorsivo. Un utente malintenzionato potrebbe sfruttare la vulnerabilità creando una pagina Web appositamente creata. Quando un utente visualizza la pagina Web, la vulnerabilità potrebbe consentire l'esecuzione remota del codice. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente connesso. Se un utente è connesso con diritti utente amministrativi, un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe assumere il controllo completo di un sistema interessato. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi.

Per visualizzare questa vulnerabilità come voce standard nell'elenco Vulnerabilità ed esposizioni comuni, vedere CVE-2010-3971.

Fattori di mitigazione della vulnerabilità di danneggiamento della memoria CSS - CVE-2010-3971

La mitigazione si riferisce a un'impostazione, a una configurazione comune o a una procedura consigliata generale, esistente in uno stato predefinito, che potrebbe ridurre la gravità dello sfruttamento di una vulnerabilità. I fattori di mitigazione seguenti possono essere utili nella situazione:

  • In uno scenario di attacco basato sul Web, un utente malintenzionato potrebbe ospitare un sito Web contenente una pagina Web usata per sfruttare questa vulnerabilità. Inoltre, siti Web compromessi e siti Web che accettano o ospitano contenuti o annunci forniti dall'utente potrebbero contenere contenuti appositamente creati che potrebbero sfruttare questa vulnerabilità. In tutti i casi, tuttavia, un utente malintenzionato non avrebbe modo di forzare gli utenti a visitare questi siti Web. Un utente malintenzionato dovrà invece convincere gli utenti a visitare il sito Web, in genere facendogli clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica o in un messaggio di Instant Messenger che porta gli utenti al sito Web dell'utente malintenzionato.
  • Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente locale. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.
  • Per impostazione predefinita, tutte le versioni supportate di Microsoft Outlook, Microsoft Outlook Express e Windows Mail aprono messaggi di posta elettronica HTML nell'area Siti con restrizioni, che disabilita gli script e i controlli ActiveX, rimuovendo il rischio che un utente malintenzionato possa usare questa vulnerabilità per eseguire codice dannoso. Se un utente fa clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica, l'utente potrebbe comunque essere vulnerabile allo sfruttamento di questa vulnerabilità tramite lo scenario di attacco basato sul Web.
  • Per impostazione predefinita, Internet Explorer in Windows Server 2003, Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2 viene eseguito in una modalità con restrizioni nota come Configurazione sicurezza avanzata. Questa modalità attenua questa vulnerabilità. Per altre informazioni sulla configurazione della sicurezza avanzata di Internet Explorer, vedere la sezione Domande frequenti di questo aggiornamento della sicurezza.

Soluzioni alternative per la vulnerabilità di danneggiamento della memoria CSS - CVE-2010-3971

La soluzione alternativa si riferisce a un'impostazione o a una modifica della configurazione che non corregge la vulnerabilità sottostante, ma che consente di bloccare i vettori di attacco noti prima di applicare l'aggiornamento. Microsoft ha testato le soluzioni alternative e gli stati seguenti nella discussione se una soluzione alternativa riduce le funzionalità:

  • Leggere i messaggi di posta elettronica in testo normale

    Per proteggersi dal vettore di attacco di posta elettronica, leggere i messaggi di posta elettronica in formato testo normale.

    Gli utenti di Microsoft Office Outlook 2002 che hanno applicato Office XP Service Pack 1 o versione successiva e gli utenti di Microsoft Office Outlook Express 6 che hanno applicato Internet Explorer 6 Service Pack 1 o versione successiva possono abilitare questa impostazione e visualizzare messaggi di posta elettronica non firmati digitalmente o messaggi di posta elettronica non crittografati solo in testo normale.

    I messaggi di posta elettronica firmati digitalmente o i messaggi di posta elettronica crittografati non sono interessati dall'impostazione e possono essere letti nei formati originali. Per altre informazioni su come abilitare questa impostazione in Outlook 2002, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 307594.

    Per informazioni su questa impostazione in Outlook Express 6, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 291387.

    Impatto della soluzione alternativa. I messaggi di posta elettronica visualizzati in formato testo normale non conterranno immagini, tipi di carattere specializzati, animazioni o altri contenuti avanzati. Inoltre:

    • Le modifiche vengono applicate al riquadro di anteprima e per aprire i messaggi.
    • Le immagini diventano allegati in modo che non vengano persi.
    • Poiché il messaggio è ancora in formato RTF o HTML nell'archivio, il modello a oggetti (soluzioni di codice personalizzate) potrebbe comportarsi in modo imprevisto.
  • Impostare le impostazioni dell'area di sicurezza Internet e Intranet locale su "Alto" per bloccare i controlli ActiveX e lo scripting attivo in queste zone

    È possibile proteggersi dallo sfruttamento di questa vulnerabilità modificando le impostazioni per l'area di sicurezza Internet per bloccare i controlli ActiveX e Scripting attivo. A tale scopo, impostare la sicurezza del browser su Alto.

    Per aumentare il livello di sicurezza di esplorazione in Internet Explorer, seguire questa procedura:

    1. Scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti di Internet Explorer.
    2. Nella finestra di dialogo Opzioni Internet fare clic sulla scheda Sicurezza e quindi sull'icona Internet.
    3. In Livello di sicurezza per questa zona spostare il dispositivo di scorrimento su Alto. In questo modo viene impostato il livello di sicurezza per tutti i siti Web visitati su Alto.

    Nota Se non è visibile alcun dispositivo di scorrimento, fai clic su Livello predefinito e quindi sposta il dispositivo di scorrimento su Alto.

    Nota L'impostazione del livello su Alto potrebbe causare il funzionamento non corretto di alcuni siti Web. Se si ha difficoltà a usare un sito Web dopo aver modificato questa impostazione e si è certi che il sito sia sicuro da usare, è possibile aggiungere tale sito all'elenco di siti attendibili. In questo modo il sito funzionerà correttamente anche con l'impostazione di sicurezza impostata su Alto.

    Impatto della soluzione alternativa. Esistono effetti collaterali per bloccare i controlli ActiveX e lo scripting attivo. Molti siti Web che si trovano su Internet o in una intranet usano ActiveX o Scripting attivo per fornire funzionalità aggiuntive. Ad esempio, un sito di e-commerce online o un sito bancario può utilizzare i controlli ActiveX per fornire menu, moduli di ordinamento o persino estratti conto. Il blocco di controlli ActiveX o scripting attivo è un'impostazione globale che influisce su tutti i siti Internet e Intranet. Se non si desidera bloccare i controlli ActiveX o lo scripting attivo per tali siti, attenersi alla procedura descritta in "Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer".

    Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer

    Dopo aver impostato Internet Explorer per bloccare i controlli ActiveX e Scripting attivo nell'area Internet e nell'area Intranet locale, è possibile aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer. Ciò consentirà di continuare a usare siti Web attendibili esattamente come si fa oggi, aiutando a proteggersi da questo attacco su siti non attendibili. È consigliabile aggiungere solo i siti considerati attendibili all'area Siti attendibili.

    Per farlo, effettuare i seguenti passaggi:

    1. In Internet Explorer fare clic su Strumenti, fare clic su Opzioni Internet, quindi fare clic sulla scheda Sicurezza.
    2. Nella casella Selezionare un'area contenuto Web per specificare le impostazioni di sicurezza correnti fare clic su Siti attendibili e quindi su Siti.
    3. Se si desidera aggiungere siti che non richiedono un canale crittografato, fare clic per deselezionare la casella di controllo Richiedi verifica server (https:) per tutti i siti dell'area .
    4. Nella casella Aggiungi sito Web alla zona digitare l'URL di un sito attendibile e quindi fare clic su Aggiungi.
    5. Ripetere questi passaggi per ogni sito da aggiungere alla zona.
    6. Fare clic su OK due volte per accettare le modifiche e tornare a Internet Explorer.

    Nota Aggiungere tutti i siti attendibili per non eseguire azioni dannose sul sistema. Due in particolare che è possibile aggiungere sono *.windowsupdate.microsoft.com e *.update.microsoft.com. Si tratta dei siti che ospiteranno l'aggiornamento e richiede un controllo ActiveX per installare l'aggiornamento.

  • Configurare Internet Explorer per richiedere conferma prima di eseguire script attivi o disabilitare lo scripting attivo nell'area di sicurezza Internet e Intranet locale

    È possibile proteggersi dallo sfruttamento di questa vulnerabilità modificando le impostazioni in modo da richiedere prima di eseguire script attivi o disabilitare lo scripting attivo nell'area di sicurezza Internet e Intranet locale. Per farlo, effettuare i seguenti passaggi:

    1. In Internet Explorer fare clic su Opzioni Internet dal menu Strumenti .
    2. Fare clic sulla scheda Sicurezza.
    3. Fare clic su Internet e quindi su Livello personalizzato.
    4. In Impostazioni, nella sezione Scripting, in Scripting attivo, fare clic su **Prompt **o Disabilita, quindi fare clic su OK.
    5. Fare clic su Intranet locale e quindi su Livello personalizzato.
    6. In Impostazioni, nella sezione Scripting, in Scripting attivo, fare clic su **Prompt **o Disabilita, quindi fare clic su OK.
    7. Fare clic su OK due volte per tornare a Internet Explorer.

    Nota La disabilitazione dello scripting attivo nelle aree di sicurezza Internet e Intranet locale può causare il funzionamento non corretto di alcuni siti Web. Se si ha difficoltà a usare un sito Web dopo aver modificato questa impostazione e si è certi che il sito sia sicuro da usare, è possibile aggiungere tale sito all'elenco di siti attendibili. In questo modo il sito funzionerà correttamente.

    Impatto della soluzione alternativa. Esistono effetti collaterali da richiedere prima di eseguire lo scripting attivo. Molti siti Web che si trovano su Internet o in una intranet usano Scripting attivo per fornire funzionalità aggiuntive. Ad esempio, un sito di e-commerce online o un sito bancario può utilizzare Scripting attivo per fornire menu, moduli di ordinamento o persino estratti conto. La richiesta prima di eseguire script attivi è un'impostazione globale che influisce su tutti i siti Internet e Intranet. Quando si abilita questa soluzione alternativa, viene richiesto di frequente. Per ogni richiesta, se si ritiene attendibile il sito che si sta visitando, fare clic su per eseguire script attivi. Se non si desidera richiedere tutti questi siti, attenersi alla procedura descritta in "Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer".

    Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer

    Dopo aver impostato Internet Explorer per richiedere una richiesta prima di eseguire controlli ActiveX e Scripting attivo nell'area Internet e nell'area Intranet locale, è possibile aggiungere siti considerati attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer. Ciò consentirà di continuare a usare siti Web attendibili esattamente come si fa oggi, contribuendo al contempo a proteggere l'utente da questo attacco su siti non attendibili. È consigliabile aggiungere solo i siti considerati attendibili all'area Siti attendibili.

    A tale scopo, effettuare i passaggi seguenti:

    1. In Internet Explorer fare clic su Strumenti, fare clic su Opzioni Internet, quindi fare clic sulla scheda Sicurezza.
    2. Nella casella Selezionare un'area contenuto Web per specificare le impostazioni di sicurezza correnti fare clic su Siti attendibili e quindi su Siti.
    3. Se si desidera aggiungere siti che non richiedono un canale crittografato, fare clic per deselezionare la casella di controllo Richiedi verifica server (https:) per tutti i siti dell'area .
    4. Nella casella Aggiungi sito Web alla zona digitare l'URL di un sito attendibile e quindi fare clic su Aggiungi.
    5. Ripetere questi passaggi per ogni sito da aggiungere alla zona.
    6. Fare clic su OK due volte per accettare le modifiche e tornare a Internet Explorer.

    Nota Aggiungere tutti i siti attendibili per non eseguire azioni dannose sul sistema. Due in particolare che è possibile aggiungere sono *.windowsupdate.microsoft.com e *.update.microsoft.com. Si tratta dei siti che ospiteranno l'aggiornamento e richiede un controllo ActiveX per installare l'aggiornamento.

  • Impedire il caricamento ricorsivo di fogli di stile CSS (Cascading Style Sheets) in Internet Explorer

    Questa soluzione alternativa consente di evitare lo sfruttamento della vulnerabilità bloccando il vettore di attacco CSS (Cascading Style Sheet) in Internet Explorer.

    Questa soluzione alternativa è disponibile solo come soluzione Microsoft Fix it . Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2482017 per usare la soluzione Microsoft Fix it automatizzata per abilitare o disabilitare questa soluzione alternativa.

    Nota I clienti di Internet Explorer che non hanno già applicato l'aggiornamento MS10-090 devono applicare anche l'aggiornamento MS10-090 prima di abilitare questa soluzione alternativa.

    Impatto della soluzione alternativa. Esistono effetti collaterali per bloccare il caricamento ricorsivo di un foglio di stile CSS (Cascading Style Sheet). Gli utenti possono riscontrare alcuni lievi problemi di prestazioni a causa dell'aumento del controllo necessario per bloccare il caricamento dei file CSS.

    Nota Nei sistemi in cui questa soluzione alternativa è abilitata, Microsoft consiglia di disabilitare la soluzione alternativa prima di applicare questo aggiornamento della sicurezza.

Domande frequenti sulla vulnerabilità di danneggiamento della memoria CSS - CVE-2010-3971

Qual è l'ambito della vulnerabilità?
Si tratta di una vulnerabilità di esecuzione remota del codice. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente connesso. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.

Che cosa causa la vulnerabilità?
Internet Explorer non gestisce correttamente la memoria durante l'analisi di un foglio di stile css appositamente creato che fa riferimento a se stesso in modo ricorsivo.

Cosa può fare un utente malintenzionato che usa la vulnerabilità?
Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente di un utente connesso. Se l'utente è connesso con diritti utente amministrativi, un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe assumere il controllo completo di un sistema interessato. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi.

In che modo un utente malintenzionato potrebbe sfruttare la vulnerabilità?
Un utente malintenzionato potrebbe ospitare un sito Web appositamente creato progettato per sfruttare questa vulnerabilità tramite Internet Explorer e quindi convincere un utente a visualizzare il sito Web. L'utente malintenzionato potrebbe anche sfruttare i siti Web compromessi e i siti Web che accettano o ospitano contenuti o annunci forniti dall'utente. Questi siti Web possono contenere contenuti appositamente creati che potrebbero sfruttare questa vulnerabilità. In tutti i casi, tuttavia, un utente malintenzionato non avrebbe modo di forzare gli utenti a visitare questi siti Web. Un utente malintenzionato dovrà invece convincere gli utenti a visitare il sito Web, in genere facendo clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica o in un messaggio di Instant Messenger che porta gli utenti al sito Web dell'utente malintenzionato. Potrebbe anche essere possibile visualizzare contenuti Web appositamente creati usando annunci banner o utilizzando altri metodi per distribuire contenuti Web ai sistemi interessati.

Quali sistemi sono principalmente a rischio dalla vulnerabilità?
Questa vulnerabilità richiede che un utente sia connesso e visiti un sito Web per eventuali azioni dannose. Pertanto, tutti i sistemi in cui Internet Explorer viene usato di frequente, ad esempio workstation o server terminal, rappresentano il rischio maggiore da questa vulnerabilità.

Sono in esecuzione Internet Explorer per Windows Server 2003, Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2. In questo modo si riduce questa vulnerabilità?
Sì. Per impostazione predefinita, Internet Explorer in Windows Server 2003, Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2 viene eseguito in una modalità con restrizioni nota come Configurazione sicurezza avanzata. La configurazione della sicurezza avanzata è un gruppo di impostazioni preconfigurate in Internet Explorer che possono ridurre la probabilità che un utente o un amministratore scarichi e esegua contenuti Web appositamente creati in un server. Si tratta di un fattore di mitigazione per i siti Web che non sono stati aggiunti all'area Siti attendibili di Internet Explorer.

Cosa fa l'aggiornamento?
L'aggiornamento risolve la vulnerabilità modificando il modo in cui Internet Explorer gestisce fogli di stile css.

Quando è stato pubblicato questo bollettino sulla sicurezza, questa vulnerabilità è stata divulgata pubblicamente?
Sì. Questa vulnerabilità è stata divulgata pubblicamente. È stato assegnato il numero di vulnerabilità ed esposizione comuni CVE-2010-3971. Questa vulnerabilità è stata descritta in Microsoft Security Advisory 2488013.

Quando è stato emesso questo bollettino sulla sicurezza, Microsoft ha ricevuto eventuali segnalazioni che questa vulnerabilità è stata sfruttata?
Sì. Microsoft è a conoscenza di attacchi limitati che tentano di sfruttare la vulnerabilità.

Vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0035

Esiste una vulnerabilità di esecuzione remota del codice nel modo in cui Internet Explorer accede a un oggetto che non è stato inizializzato correttamente o è stato eliminato. Un utente malintenzionato potrebbe sfruttare la vulnerabilità creando una pagina Web appositamente creata. Quando un utente visualizza la pagina Web, la vulnerabilità potrebbe consentire l'esecuzione remota del codice. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente connesso. Se un utente è connesso con diritti utente amministrativi, un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe assumere il controllo completo di un sistema interessato. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi.

Per visualizzare questa vulnerabilità come voce standard nell'elenco Vulnerabilità ed esposizioni comuni, vedere CVE-2011-0035.

Fattori di mitigazione della vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0035

La mitigazione si riferisce a un'impostazione, a una configurazione comune o a una procedura consigliata generale, esistente in uno stato predefinito, che potrebbe ridurre la gravità dello sfruttamento di una vulnerabilità. I fattori di mitigazione seguenti possono essere utili nella situazione:

  • In uno scenario di attacco basato sul Web, un utente malintenzionato potrebbe ospitare un sito Web contenente una pagina Web usata per sfruttare questa vulnerabilità. Inoltre, siti Web compromessi e siti Web che accettano o ospitano contenuti o annunci forniti dall'utente potrebbero contenere contenuti appositamente creati che potrebbero sfruttare questa vulnerabilità. In tutti i casi, tuttavia, un utente malintenzionato non avrebbe modo di forzare gli utenti a visitare questi siti Web. Un utente malintenzionato dovrà invece convincere gli utenti a visitare il sito Web, in genere facendogli clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica o in un messaggio di Instant Messenger che porta gli utenti al sito Web dell'utente malintenzionato.
  • Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente locale. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.
  • Per impostazione predefinita, tutte le versioni supportate di Microsoft Outlook, Microsoft Outlook Express e Windows Mail aprono messaggi di posta elettronica HTML nell'area Siti con restrizioni, che disabilita gli script e i controlli ActiveX, rimuovendo il rischio che un utente malintenzionato possa usare questa vulnerabilità per eseguire codice dannoso. Se un utente fa clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica, l'utente potrebbe comunque essere vulnerabile allo sfruttamento di questa vulnerabilità tramite lo scenario di attacco basato sul Web.
  • Per impostazione predefinita, Internet Explorer in Windows Server 2003, Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2 viene eseguito in una modalità con restrizioni nota come Configurazione sicurezza avanzata. Questa modalità attenua questa vulnerabilità. Per altre informazioni sulla configurazione della sicurezza avanzata di Internet Explorer, vedere la sezione Domande frequenti di questo aggiornamento della sicurezza.

Soluzioni alternative per la vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0035

La soluzione alternativa si riferisce a un'impostazione o a una modifica della configurazione che non corregge la vulnerabilità sottostante, ma che consente di bloccare i vettori di attacco noti prima di applicare l'aggiornamento. Microsoft ha testato le soluzioni alternative e gli stati seguenti nella discussione se una soluzione alternativa riduce le funzionalità:

  • Impostare le impostazioni dell'area di sicurezza Internet e Intranet locale su "Alto" per bloccare i controlli ActiveX e lo scripting attivo in queste zone

    È possibile proteggersi dallo sfruttamento di questa vulnerabilità modificando le impostazioni per l'area di sicurezza Internet per bloccare i controlli ActiveX e Scripting attivo. A tale scopo, impostare la sicurezza del browser su Alto.

    Per aumentare il livello di sicurezza di esplorazione in Internet Explorer, seguire questa procedura:

    1. Scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti di Internet Explorer.
    2. Nella finestra di dialogo Opzioni Internet fare clic sulla scheda Sicurezza e quindi sull'icona Internet.
    3. In Livello di sicurezza per questa zona spostare il dispositivo di scorrimento su Alto. In questo modo viene impostato il livello di sicurezza per tutti i siti Web visitati su Alto.

    Nota Se non è visibile alcun dispositivo di scorrimento, fai clic su Livello predefinito e quindi sposta il dispositivo di scorrimento su Alto.

    Nota L'impostazione del livello su Alto potrebbe causare il funzionamento non corretto di alcuni siti Web. Se si ha difficoltà a usare un sito Web dopo aver modificato questa impostazione e si è certi che il sito sia sicuro da usare, è possibile aggiungere tale sito all'elenco di siti attendibili. In questo modo il sito funzionerà correttamente anche con l'impostazione di sicurezza impostata su Alto.

    Impatto della soluzione alternativa. Esistono effetti collaterali per bloccare i controlli ActiveX e lo scripting attivo. Molti siti Web che si trovano su Internet o in una intranet usano ActiveX o Scripting attivo per fornire funzionalità aggiuntive. Ad esempio, un sito di e-commerce online o un sito bancario può utilizzare i controlli ActiveX per fornire menu, moduli di ordinamento o persino estratti conto. Il blocco di controlli ActiveX o scripting attivo è un'impostazione globale che influisce su tutti i siti Internet e Intranet. Se non si desidera bloccare i controlli ActiveX o lo scripting attivo per tali siti, attenersi alla procedura descritta in "Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer".

    Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer

    Dopo aver impostato Internet Explorer per bloccare i controlli ActiveX e Scripting attivo nell'area Internet e nell'area Intranet locale, è possibile aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer. Ciò consentirà di continuare a usare siti Web attendibili esattamente come si fa oggi, aiutando a proteggersi da questo attacco su siti non attendibili. È consigliabile aggiungere solo i siti considerati attendibili all'area Siti attendibili.

    Per farlo, effettuare i seguenti passaggi:

    1. In Internet Explorer fare clic su Strumenti, fare clic su Opzioni Internet, quindi fare clic sulla scheda Sicurezza.
    2. Nella casella Selezionare un'area contenuto Web per specificare le impostazioni di sicurezza correnti fare clic su Siti attendibili e quindi su Siti.
    3. Se si desidera aggiungere siti che non richiedono un canale crittografato, fare clic per deselezionare la casella di controllo Richiedi verifica server (https:) per tutti i siti dell'area .
    4. Nella casella Aggiungi sito Web alla zona digitare l'URL di un sito attendibile e quindi fare clic su Aggiungi.
    5. Ripetere questi passaggi per ogni sito da aggiungere alla zona.
    6. Fare clic su OK due volte per accettare le modifiche e tornare a Internet Explorer.

    Nota Aggiungere tutti i siti attendibili per non eseguire azioni dannose sul sistema. Due in particolare che è possibile aggiungere sono *.windowsupdate.microsoft.com e *.update.microsoft.com. Si tratta dei siti che ospiteranno l'aggiornamento e richiede un controllo ActiveX per installare l'aggiornamento.

  • Configurare Internet Explorer per richiedere conferma prima di eseguire script attivi o disabilitare lo scripting attivo nell'area di sicurezza Internet e Intranet locale

    È possibile proteggersi dallo sfruttamento di questa vulnerabilità modificando le impostazioni in modo da richiedere prima di eseguire script attivi o disabilitare lo scripting attivo nell'area di sicurezza Internet e Intranet locale. Per farlo, effettuare i seguenti passaggi:

    1. In Internet Explorer fare clic su Opzioni Internet dal menu Strumenti .
    2. Fare clic sulla scheda Sicurezza.
    3. Fare clic su Internet e quindi su Livello personalizzato.
    4. In Impostazioni, nella sezione Scripting, in Scripting attivo, fare clic su **Prompt **o Disabilita, quindi fare clic su OK.
    5. Fare clic su Intranet locale e quindi su Livello personalizzato.
    6. In Impostazioni, nella sezione Scripting, in Scripting attivo, fare clic su **Prompt **o Disabilita, quindi fare clic su OK.
    7. Fare clic su OK due volte per tornare a Internet Explorer.

    Nota La disabilitazione dello scripting attivo nelle aree di sicurezza Internet e Intranet locale può causare il funzionamento non corretto di alcuni siti Web. Se si ha difficoltà a usare un sito Web dopo aver modificato questa impostazione e si è certi che il sito sia sicuro da usare, è possibile aggiungere tale sito all'elenco di siti attendibili. In questo modo il sito funzionerà correttamente.

    Impatto della soluzione alternativa. Esistono effetti collaterali da richiedere prima di eseguire lo scripting attivo. Molti siti Web che si trovano su Internet o in una intranet usano Scripting attivo per fornire funzionalità aggiuntive. Ad esempio, un sito di e-commerce online o un sito bancario può utilizzare Scripting attivo per fornire menu, moduli di ordinamento o persino estratti conto. La richiesta prima di eseguire script attivi è un'impostazione globale che influisce su tutti i siti Internet e Intranet. Quando si abilita questa soluzione alternativa, viene richiesto di frequente. Per ogni richiesta, se si ritiene attendibile il sito che si sta visitando, fare clic su per eseguire script attivi. Se non si desidera richiedere tutti questi siti, attenersi alla procedura descritta in "Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer".

    Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer

    Dopo aver impostato Internet Explorer per richiedere una richiesta prima di eseguire controlli ActiveX e Scripting attivo nell'area Internet e nell'area Intranet locale, è possibile aggiungere siti considerati attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer. Ciò consentirà di continuare a usare siti Web attendibili esattamente come si fa oggi, contribuendo al contempo a proteggere l'utente da questo attacco su siti non attendibili. È consigliabile aggiungere solo i siti considerati attendibili all'area Siti attendibili.

    Per farlo, effettuare i seguenti passaggi:

    1. In Internet Explorer fare clic su Strumenti, fare clic su Opzioni Internet, quindi fare clic sulla scheda Sicurezza.
    2. Nella casella Selezionare un'area contenuto Web per specificare le impostazioni di sicurezza correnti fare clic su Siti attendibili e quindi su Siti.
    3. Se si desidera aggiungere siti che non richiedono un canale crittografato, fare clic per deselezionare la casella di controllo Richiedi verifica server (https:) per tutti i siti dell'area .
    4. Nella casella Aggiungi sito Web alla zona digitare l'URL di un sito attendibile e quindi fare clic su Aggiungi.
    5. Ripetere questi passaggi per ogni sito da aggiungere alla zona.
    6. Fare clic su OK due volte per accettare le modifiche e tornare a Internet Explorer.

    Nota Aggiungere tutti i siti attendibili per non eseguire azioni dannose sul sistema. Due in particolare che è possibile aggiungere sono *.windowsupdate.microsoft.com e *.update.microsoft.com. Si tratta dei siti che ospiteranno l'aggiornamento e richiede un controllo ActiveX per installare l'aggiornamento.

Domande frequenti sulla vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0035

Qual è l'ambito della vulnerabilità?
Si tratta di una vulnerabilità di esecuzione remota del codice. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente connesso. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.

Che cosa causa la vulnerabilità?
Internet Explorer non gestisce correttamente gli oggetti in memoria durante l'analisi di contenuti Web appositamente creati.

Cosa può fare un utente malintenzionato che usa la vulnerabilità?
Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente di un utente connesso. Se l'utente è connesso con diritti utente amministrativi, un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe assumere il controllo completo di un sistema interessato. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi.

In che modo un utente malintenzionato potrebbe sfruttare la vulnerabilità?
Un utente malintenzionato potrebbe ospitare un sito Web appositamente creato progettato per sfruttare questa vulnerabilità tramite Internet Explorer e quindi convincere un utente a visualizzare il sito Web. L'utente malintenzionato potrebbe anche sfruttare i siti Web compromessi e i siti Web che accettano o ospitano contenuti o annunci forniti dall'utente. Questi siti Web possono contenere contenuti appositamente creati che potrebbero sfruttare questa vulnerabilità. In tutti i casi, tuttavia, un utente malintenzionato non avrebbe modo di forzare gli utenti a visitare questi siti Web. Un utente malintenzionato dovrà invece convincere gli utenti a visitare il sito Web, in genere facendo clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica o in un messaggio di Instant Messenger che porta gli utenti al sito Web dell'utente malintenzionato. Potrebbe anche essere possibile visualizzare contenuti Web appositamente creati usando annunci banner o utilizzando altri metodi per distribuire contenuti Web ai sistemi interessati.

Quali sistemi sono principalmente a rischio dalla vulnerabilità?
Questa vulnerabilità richiede che un utente sia connesso e visiti un sito Web per eventuali azioni dannose. Pertanto, tutti i sistemi in cui Internet Explorer viene usato di frequente, ad esempio workstation o server terminal, rappresentano il rischio maggiore da questa vulnerabilità.

Sono in esecuzione Internet Explorer per Windows Server 2003, Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2. In questo modo si riduce questa vulnerabilità?
Sì. Per impostazione predefinita, Internet Explorer in Windows Server 2003, Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2 viene eseguito in una modalità con restrizioni nota come Configurazione sicurezza avanzata. La configurazione della sicurezza avanzata è un gruppo di impostazioni preconfigurate in Internet Explorer che possono ridurre la probabilità che un utente o un amministratore scarichi e esegua contenuti Web appositamente creati in un server. Si tratta di un fattore di mitigazione per i siti Web che non sono stati aggiunti all'area Siti attendibili di Internet Explorer.

Cosa fa l'aggiornamento?
L'aggiornamento risolve la vulnerabilità modificando il modo in cui Internet Explorer gestisce gli oggetti in memoria.

Quando è stato pubblicato questo bollettino sulla sicurezza, questa vulnerabilità è stata divulgata pubblicamente?
No. Microsoft ha ricevuto informazioni su questa vulnerabilità tramite la divulgazione coordinata delle vulnerabilità.

Quando è stato emesso questo bollettino sulla sicurezza, Microsoft ha ricevuto eventuali segnalazioni che questa vulnerabilità è stata sfruttata?
No. Microsoft non ha ricevuto informazioni per indicare che questa vulnerabilità era stata usata pubblicamente per attaccare i clienti quando questo bollettino sulla sicurezza è stato originariamente rilasciato.

Vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0036

Esiste una vulnerabilità di esecuzione remota del codice nel modo in cui Internet Explorer accede a un oggetto che non è stato inizializzato correttamente o è stato eliminato. Un utente malintenzionato potrebbe sfruttare la vulnerabilità creando una pagina Web appositamente creata. Quando un utente visualizza la pagina Web, la vulnerabilità potrebbe consentire l'esecuzione remota del codice. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente connesso. Se un utente è connesso con diritti utente amministrativi, un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe assumere il controllo completo di un sistema interessato. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi.

Per visualizzare questa vulnerabilità come voce standard nell'elenco Vulnerabilità ed esposizioni comuni, vedere CVE-2011-0036.

Fattori di mitigazione della vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0036

La mitigazione si riferisce a un'impostazione, a una configurazione comune o a una procedura consigliata generale, esistente in uno stato predefinito, che potrebbe ridurre la gravità dello sfruttamento di una vulnerabilità. I fattori di mitigazione seguenti possono essere utili nella situazione:

  • In uno scenario di attacco basato sul Web, un utente malintenzionato potrebbe ospitare un sito Web contenente una pagina Web usata per sfruttare questa vulnerabilità. Inoltre, siti Web compromessi e siti Web che accettano o ospitano contenuti o annunci forniti dall'utente potrebbero contenere contenuti appositamente creati che potrebbero sfruttare questa vulnerabilità. In tutti i casi, tuttavia, un utente malintenzionato non avrebbe modo di forzare gli utenti a visitare questi siti Web. Un utente malintenzionato dovrà invece convincere gli utenti a visitare il sito Web, in genere facendogli clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica o in un messaggio di Instant Messenger che porta gli utenti al sito Web dell'utente malintenzionato.
  • Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente locale. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.
  • Per impostazione predefinita, tutte le versioni supportate di Microsoft Outlook, Microsoft Outlook Express e Windows Mail aprono messaggi di posta elettronica HTML nell'area Siti con restrizioni, che disabilita gli script e i controlli ActiveX, rimuovendo il rischio che un utente malintenzionato possa usare questa vulnerabilità per eseguire codice dannoso. Se un utente fa clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica, l'utente potrebbe comunque essere vulnerabile allo sfruttamento di questa vulnerabilità tramite lo scenario di attacco basato sul Web.
  • Per impostazione predefinita, Internet Explorer in Windows Server 2003, Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2 viene eseguito in una modalità con restrizioni nota come Configurazione sicurezza avanzata. Questa modalità attenua questa vulnerabilità. Per altre informazioni sulla configurazione della sicurezza avanzata di Internet Explorer, vedere la sezione Domande frequenti di questo aggiornamento della sicurezza.

Soluzioni alternative per la vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0036

La soluzione alternativa si riferisce a un'impostazione o a una modifica della configurazione che non corregge la vulnerabilità sottostante, ma che consente di bloccare i vettori di attacco noti prima di applicare l'aggiornamento. Microsoft ha testato le soluzioni alternative e gli stati seguenti nella discussione se una soluzione alternativa riduce le funzionalità:

  • Impostare le impostazioni dell'area di sicurezza Internet e Intranet locale su "Alto" per bloccare i controlli ActiveX e lo scripting attivo in queste zone

    È possibile proteggersi dallo sfruttamento di questa vulnerabilità modificando le impostazioni per l'area di sicurezza Internet per bloccare i controlli ActiveX e Scripting attivo. A tale scopo, impostare la sicurezza del browser su Alto.

    Per aumentare il livello di sicurezza di esplorazione in Internet Explorer, seguire questa procedura:

    1. Scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti di Internet Explorer.
    2. Nella finestra di dialogo Opzioni Internet fare clic sulla scheda Sicurezza e quindi sull'icona Internet.
    3. In Livello di sicurezza per questa zona spostare il dispositivo di scorrimento su Alto. In questo modo viene impostato il livello di sicurezza per tutti i siti Web visitati su Alto.

    Nota Se non è visibile alcun dispositivo di scorrimento, fai clic su Livello predefinito e quindi sposta il dispositivo di scorrimento su Alto.

    Nota L'impostazione del livello su Alto potrebbe causare il funzionamento non corretto di alcuni siti Web. Se si ha difficoltà a usare un sito Web dopo aver modificato questa impostazione e si è certi che il sito sia sicuro da usare, è possibile aggiungere tale sito all'elenco di siti attendibili. In questo modo il sito funzionerà correttamente anche con l'impostazione di sicurezza impostata su Alto.

    Impatto della soluzione alternativa. Esistono effetti collaterali per bloccare i controlli ActiveX e lo scripting attivo. Molti siti Web che si trovano su Internet o in una intranet usano ActiveX o Scripting attivo per fornire funzionalità aggiuntive. Ad esempio, un sito di e-commerce online o un sito bancario può utilizzare i controlli ActiveX per fornire menu, moduli di ordinamento o persino estratti conto. Il blocco di controlli ActiveX o scripting attivo è un'impostazione globale che influisce su tutti i siti Internet e Intranet. Se non si desidera bloccare i controlli ActiveX o lo scripting attivo per tali siti, attenersi alla procedura descritta in "Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer".

    Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer

    Dopo aver impostato Internet Explorer per bloccare i controlli ActiveX e Scripting attivo nell'area Internet e nell'area Intranet locale, è possibile aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer. Ciò consentirà di continuare a usare siti Web attendibili esattamente come si fa oggi, aiutando a proteggersi da questo attacco su siti non attendibili. È consigliabile aggiungere solo i siti considerati attendibili all'area Siti attendibili.

    Per farlo, effettuare i seguenti passaggi:

    1. In Internet Explorer fare clic su Strumenti, fare clic su Opzioni Internet, quindi fare clic sulla scheda Sicurezza.
    2. Nella casella Selezionare un'area contenuto Web per specificare le impostazioni di sicurezza correnti fare clic su Siti attendibili e quindi su Siti.
    3. Se si desidera aggiungere siti che non richiedono un canale crittografato, fare clic per deselezionare la casella di controllo Richiedi verifica server (https:) per tutti i siti dell'area .
    4. Nella casella Aggiungi sito Web alla zona digitare l'URL di un sito attendibile e quindi fare clic su Aggiungi.
    5. Ripetere questi passaggi per ogni sito da aggiungere alla zona.
    6. Fare clic su OK due volte per accettare le modifiche e tornare a Internet Explorer.

    Nota Aggiungere tutti i siti attendibili per non eseguire azioni dannose sul sistema. Due in particolare che è possibile aggiungere sono *.windowsupdate.microsoft.com e *.update.microsoft.com. Si tratta dei siti che ospiteranno l'aggiornamento e richiede un controllo ActiveX per installare l'aggiornamento.

  • Configurare Internet Explorer per richiedere conferma prima di eseguire script attivi o disabilitare lo scripting attivo nell'area di sicurezza Internet e Intranet locale

    È possibile proteggersi dallo sfruttamento di questa vulnerabilità modificando le impostazioni in modo da richiedere prima di eseguire script attivi o disabilitare lo scripting attivo nell'area di sicurezza Internet e Intranet locale. Per farlo, effettuare i seguenti passaggi:

    1. In Internet Explorer fare clic su Opzioni Internet dal menu Strumenti .
    2. Fare clic sulla scheda Sicurezza.
    3. Fare clic su Internet e quindi su Livello personalizzato.
    4. In Impostazioni, nella sezione Scripting, in Scripting attivo, fare clic su **Prompt **o Disabilita, quindi fare clic su OK.
    5. Fare clic su Intranet locale e quindi su Livello personalizzato.
    6. In Impostazioni, nella sezione Scripting, in Scripting attivo, fare clic su **Prompt **o Disabilita, quindi fare clic su OK.
    7. Fare clic su OK due volte per tornare a Internet Explorer.

    Nota La disabilitazione dello scripting attivo nelle aree di sicurezza Internet e Intranet locale può causare il funzionamento non corretto di alcuni siti Web. Se si ha difficoltà a usare un sito Web dopo aver modificato questa impostazione e si è certi che il sito sia sicuro da usare, è possibile aggiungere tale sito all'elenco di siti attendibili. In questo modo il sito funzionerà correttamente.

    Impatto della soluzione alternativa. Esistono effetti collaterali da richiedere prima di eseguire lo scripting attivo. Molti siti Web che si trovano su Internet o in una intranet usano Scripting attivo per fornire funzionalità aggiuntive. Ad esempio, un sito di e-commerce online o un sito bancario può utilizzare Scripting attivo per fornire menu, moduli di ordinamento o persino estratti conto. La richiesta prima di eseguire script attivi è un'impostazione globale che influisce su tutti i siti Internet e Intranet. Quando si abilita questa soluzione alternativa, viene richiesto di frequente. Per ogni richiesta, se si ritiene attendibile il sito che si sta visitando, fare clic su per eseguire script attivi. Se non si desidera richiedere tutti questi siti, attenersi alla procedura descritta in "Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer".

    Aggiungere siti attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer

    Dopo aver impostato Internet Explorer per richiedere una richiesta prima di eseguire controlli ActiveX e Scripting attivo nell'area Internet e nell'area Intranet locale, è possibile aggiungere siti considerati attendibili all'area Siti attendibili di Internet Explorer. Ciò consentirà di continuare a usare siti Web attendibili esattamente come si fa oggi, contribuendo al contempo a proteggere l'utente da questo attacco su siti non attendibili. È consigliabile aggiungere solo i siti considerati attendibili all'area Siti attendibili.

    Per farlo, effettuare i seguenti passaggi:

    1. In Internet Explorer fare clic su Strumenti, fare clic su Opzioni Internet, quindi fare clic sulla scheda Sicurezza.
    2. Nella casella Selezionare un'area contenuto Web per specificare le impostazioni di sicurezza correnti fare clic su Siti attendibili e quindi su Siti.
    3. Se si desidera aggiungere siti che non richiedono un canale crittografato, fare clic per deselezionare la casella di controllo Richiedi verifica server (https:) per tutti i siti dell'area .
    4. Nella casella Aggiungi sito Web alla zona digitare l'URL di un sito attendibile e quindi fare clic su Aggiungi.
    5. Ripetere questi passaggi per ogni sito da aggiungere alla zona.
    6. Fare clic su OK due volte per accettare le modifiche e tornare a Internet Explorer.

    Nota Aggiungere tutti i siti attendibili per non eseguire azioni dannose sul sistema. Due in particolare che è possibile aggiungere sono *.windowsupdate.microsoft.com e *.update.microsoft.com. Si tratta dei siti che ospiteranno l'aggiornamento e richiede un controllo ActiveX per installare l'aggiornamento.

Domande frequenti sulla vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata - CVE-2011-0036

Qual è l'ambito della vulnerabilità?
Si tratta di una vulnerabilità di esecuzione remota del codice. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente connesso. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.

Che cosa causa la vulnerabilità?
Internet Explorer non gestisce correttamente gli oggetti in memoria durante l'analisi di contenuti Web appositamente creati.

Cosa può fare un utente malintenzionato che usa la vulnerabilità?
Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente di un utente connesso. Se l'utente è connesso con diritti utente amministrativi, un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe assumere il controllo completo di un sistema interessato. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi.

In che modo un utente malintenzionato potrebbe sfruttare la vulnerabilità?
Un utente malintenzionato potrebbe ospitare un sito Web appositamente creato progettato per sfruttare questa vulnerabilità tramite Internet Explorer e quindi convincere un utente a visualizzare il sito Web. L'utente malintenzionato potrebbe anche sfruttare i siti Web compromessi e i siti Web che accettano o ospitano contenuti o annunci forniti dall'utente. Questi siti Web possono contenere contenuti appositamente creati che potrebbero sfruttare questa vulnerabilità. In tutti i casi, tuttavia, un utente malintenzionato non avrebbe modo di forzare gli utenti a visitare questi siti Web. Un utente malintenzionato dovrà invece convincere gli utenti a visitare il sito Web, in genere facendo clic su un collegamento in un messaggio di posta elettronica o in un messaggio di Instant Messenger che porta gli utenti al sito Web dell'utente malintenzionato. Potrebbe anche essere possibile visualizzare contenuti Web appositamente creati usando annunci banner o utilizzando altri metodi per distribuire contenuti Web ai sistemi interessati.

Quali sistemi sono principalmente a rischio dalla vulnerabilità?
Questa vulnerabilità richiede che un utente sia connesso e visiti un sito Web per eventuali azioni dannose. Pertanto, tutti i sistemi in cui Internet Explorer viene usato di frequente, ad esempio workstation o server terminal, rappresentano il rischio maggiore da questa vulnerabilità.

Sono in esecuzione Internet Explorer per Windows Server 2003, Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2. In questo modo si riduce questa vulnerabilità?
Sì. Per impostazione predefinita, Internet Explorer in Windows Server 2003, Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2 viene eseguito in una modalità con restrizioni nota come Configurazione sicurezza avanzata. La configurazione della sicurezza avanzata è un gruppo di impostazioni preconfigurate in Internet Explorer che possono ridurre la probabilità che un utente o un amministratore scarichi e esegua contenuti Web appositamente creati in un server. Si tratta di un fattore di mitigazione per i siti Web che non sono stati aggiunti all'area Siti attendibili di Internet Explorer.

Cosa fa l'aggiornamento?
L'aggiornamento risolve la vulnerabilità modificando il modo in cui Internet Explorer gestisce gli oggetti in memoria.

Quando è stato pubblicato questo bollettino sulla sicurezza, questa vulnerabilità è stata divulgata pubblicamente?
No. Microsoft ha ricevuto informazioni su questa vulnerabilità tramite la divulgazione coordinata delle vulnerabilità.

Quando è stato emesso questo bollettino sulla sicurezza, Microsoft ha ricevuto eventuali segnalazioni che questa vulnerabilità è stata sfruttata?
No. Microsoft non ha ricevuto informazioni per indicare che questa vulnerabilità era stata usata pubblicamente per attaccare i clienti quando questo bollettino sulla sicurezza è stato originariamente rilasciato.

Vulnerabilità di caricamento della libreria non sicura di Internet Explorer - CVE-2011-0038

Esiste una vulnerabilità di esecuzione remota del codice nel modo in cui Internet Explorer gestisce il caricamento di file DLL. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente connesso. Se un utente è connesso con diritti utente amministrativi, un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe assumere il controllo completo di un sistema interessato. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi.

Per visualizzare questa vulnerabilità come voce standard nell'elenco Vulnerabilità ed esposizioni comuni, vedere CVE-2011-0038.

Fattori di mitigazione della vulnerabilità di caricamento della libreria non sicura di Internet Explorer - CVE-2011-0038

La mitigazione si riferisce a un'impostazione, a una configurazione comune o a una procedura consigliata generale, esistente in uno stato predefinito, che potrebbe ridurre la gravità dello sfruttamento di una vulnerabilità. I fattori di mitigazione seguenti possono essere utili nella situazione:

  • Il protocollo di condivisione file, Server Message Block (SMB), viene spesso disabilitato nel firewall perimetrale. Questo limita i potenziali vettori di attacco per questa vulnerabilità.
  • Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti utente dell'utente locale. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.

Soluzioni alternative per la vulnerabilità di caricamento della libreria non sicura di Internet Explorer - CVE-2011-0038

La soluzione alternativa si riferisce a un'impostazione o a una modifica della configurazione che non corregge la vulnerabilità sottostante, ma che consente di bloccare i vettori di attacco noti prima di applicare l'aggiornamento. Microsoft ha testato le soluzioni alternative e gli stati seguenti nella discussione se una soluzione alternativa riduce le funzionalità:

  • Disabilitare il caricamento delle librerie da WebDAV e condivisioni di rete remota

    Nota Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2264107 per distribuire uno strumento alternativo che consente ai clienti di disabilitare il caricamento di librerie da condivisioni WebDAV o di rete remota. Questo strumento può essere configurato per impedire il caricamento non sicuro per ogni applicazione o per ogni sistema globale.

    I clienti che sono informati dal fornitore di un'applicazione vulnerabile possono usare questo strumento per proteggersi dai tentativi di sfruttare questo problema.

    Nota Vederel'articolo della Microsoft Knowledge Base 2264107 per usare la soluzione di correzione automatica di Microsoft per distribuire la chiave del Registro di sistema per bloccare il caricamento delle librerie per condivisioni SMB e WebDAV. Si noti che questa soluzione Fix it richiede di installare lo strumento di soluzione alternativa descritto anche in Microsoft Knowledge Base Article 2264107 first. Questa soluzione di correzione distribuisce solo la chiave del Registro di sistema e richiede lo strumento di soluzione alternativa per essere efficace. È consigliabile che gli amministratori esaminino attentamente l'articolo della Knowledge Base prima di distribuire questa soluzione Fix it.

  • Disabilitare il servizio WebClient

    La disabilitazione del servizio WebClient consente di proteggere i sistemi interessati dai tentativi di sfruttare questa vulnerabilità bloccando il vettore di attacco remoto più probabile tramite il servizio client Web Distributed Authoring and Versioning (WebDAV). Dopo aver applicato questa soluzione alternativa, è comunque possibile per gli utenti malintenzionati remoti che sfruttano correttamente questa vulnerabilità per fare in modo che il sistema esegua programmi che si trovano nel computer dell'utente di destinazione o nella rete LAN (Local Area Network), ma agli utenti verrà richiesto di confermare prima di aprire programmi arbitrari da Internet.

    Per disabilitare il servizio WebClient, seguire questa procedura:

    1. Fare clic su Start, scegliere Esegui, digitare Services.msc e quindi fare clic su OK.
    2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul servizio WebClient e scegliere Proprietà.
    3. Modificare il tipo di avvio in Disabilitato. Se il servizio è in esecuzione, fare clic su Arresta.
    4. Fare clic su OK e uscire dall'applicazione di gestione.

    Impatto della soluzione alternativa. Quando il servizio WebClient è disabilitato, le richieste Web Distributed Authoring e Versioning (WebDAV) non vengono trasmesse. Inoltre, tutti i servizi che dipendono in modo esplicito dal servizio client Web non verranno avviati e verrà registrato un messaggio di errore nel log di sistema. Ad esempio, le condivisioni WebDAV non saranno accessibili dal computer client.

    Come annullare la soluzione alternativa.

    Per riabilitare il servizio WebClient, seguire questa procedura:

    1. Fare clic su Start, scegliere Esegui, digitare Services.msc e quindi fare clic su OK.
    2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul servizio WebClient e scegliere Proprietà.
    3. Modificare il tipo di avvio in Automatico. Se il servizio non è in esecuzione, fare clic su Avvia.
    4. Fare clic su OK e uscire dall'applicazione di gestione.
  • Bloccare le porte TCP 139 e 445 nel firewall

    Queste porte vengono usate per avviare una connessione con il componente interessato. Il blocco delle porte TCP 139 e 445 nel firewall consente di proteggere i sistemi protetti da tale firewall dai tentativi di sfruttare questa vulnerabilità. Microsoft consiglia di bloccare tutte le comunicazioni in ingresso non richieste da Internet per evitare attacchi che potrebbero usare altre porte. Per altre informazioni sulle porte, vedere l'articolo TechNet, Assegnazioni di porte TCP e UDP.

    Impatto della soluzione alternativa. Diversi servizi Di Windows usano le porte interessate. Il blocco della connettività alle porte può causare la mancata funzione di varie applicazioni o servizi. Di seguito sono elencate alcune delle applicazioni o dei servizi che potrebbero essere interessati:

    • Applicazioni che usano SMB (CIFS)
    • Applicazioni che usano mailslot o named pipe (RPC su SMB)
    • Server (condivisione file e stampa)
    • Criteri di gruppo
    • Accesso rete
    • File system distribuito (DFS)
    • Licenze per Terminal Server
    • Spooler di stampa
    • Browser di computer
    • Localizzatore chiamata di procedura remota
    • Servizio fax
    • Servizio di indicizzazione
    • Registri e avvisi sulle prestazioni
    • Server di gestione dei sistemi
    • Servizio registrazione licenze

    Come annullare la soluzione alternativa. Sbloccare le porte TCP 139 e 445 nel firewall. Per altre informazioni sulle porte, vedere Assegnazioni di porte TCP e UDP.

Domande frequenti sulla vulnerabilità caricamento della libreria non sicura di Internet Explorer - CVE-2011-0038

Qual è l'ambito della vulnerabilità?
Si tratta di una vulnerabilità di esecuzione remota del codice. Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe assumere il controllo completo di un sistema interessato. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi.

Che cosa causa la vulnerabilità?
Internet Explorer non limita correttamente il percorso usato per il caricamento di librerie esterne.

Cosa può fare un utente malintenzionato che usa la vulnerabilità?
Un utente malintenzionato che ha sfruttato correttamente questa vulnerabilità potrebbe eseguire codice arbitrario come utente connesso. L'utente malintenzionato potrebbe quindi installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati, oppure creare nuovi account con diritti utente completi. Se un utente è connesso con diritti utente amministrativi, un utente malintenzionato potrebbe assumere il controllo completo del sistema interessato. Gli utenti con account che dispongono di diritti utente limitati per il sistema in uso risultano meno esposti degli utenti che operano con diritti amministrativi.

In che modo un utente malintenzionato potrebbe sfruttare la vulnerabilità?
Un utente malintenzionato potrebbe convincere un utente ad aprire un file HTML (HyperText Markup Language) legittimo che si trova nella stessa directory di un file DLL (Dynamic Link Library) appositamente creato. Quindi, durante l'apertura del file HTML, Internet Explorer potrebbe tentare di caricare il file DLL ed eseguire qualsiasi codice contenuto. Per impostazione predefinita, Internet Explorer considera solo il desktop come la directory corrente. Affinché questo attacco riesca, un utente malintenzionato dovrà inserire sia il file HTML che la DLL appositamente creata sul desktop dell'utente. Un utente malintenzionato dovrà convincere un utente a modificare la variabile di ambiente PATH per sfruttare questo problema tramite un percorso UNC o WebDAV.

In uno scenario di attacco tramite posta elettronica, un utente malintenzionato potrebbe sfruttare la vulnerabilità inviando un file HTML legittimo e allegati DLL appositamente creati a un utente e convincendo l'utente a inserire i file sul desktop e ad aprire il file HTML. Quindi, durante l'apertura del file HTML, Internet Explorer potrebbe tentare di caricare il file DLL ed eseguire qualsiasi codice contenuto.

In uno scenario di attacco basato sul Web, un utente malintenzionato potrebbe convincere un utente a scaricare e salvare un file HTML legittimo e una DLL appositamente creata sul desktop e convincere l'utente ad aprire il file HTML legittimo. Quindi, durante l'apertura del file HTML, Internet Explorer potrebbe tentare di caricare il file DLL ed eseguire qualsiasi codice contenuto. Questa vulnerabilità non può essere sfruttata semplicemente passando a una pagina Web, è necessaria l'interazione dell'utente.

In uno scenario di attacco di rete, un utente malintenzionato potrebbe inserire un file HTML legittimo e una DLL appositamente creata in una condivisione di rete, ad esempio un percorso UNC o WebDAV. L'utente malintenzionato dovrà quindi convincere l'utente a modificare la variabile di ambiente PATH per includere questa condivisione di rete, UNC o webDAV e quindi convincere l'utente ad aprire il file HTML. Quindi, durante l'apertura del file HTML, Internet Explorer potrebbe tentare di caricare il file DLL trovato nel percorso di ricerca ed eseguire qualsiasi codice contenuto.

Quali sistemi sono principalmente a rischio dalla vulnerabilità?
Questa vulnerabilità interessa principalmente le workstation in cui gli utenti potrebbero essere tenuti ad aprire allegati da percorsi di rete non attendibili. I server possono anche essere a rischio se gli amministratori consentono agli utenti di accedere ai server e di eseguire programmi. Tuttavia, le procedure consigliate sconsigliano vivamente di consentire questo problema.

Cosa fa l'aggiornamento?
L'aggiornamento risolve questa vulnerabilità correggendo il modo in cui Internet Explorer carica le librerie esterne.

Questa vulnerabilità è correlata a Microsoft Security Advisory 2269637?
Sì, questa vulnerabilità è correlata alla classe di vulnerabilità, descritta in Microsoft Security Advisory 2269637, che influiscono sul modo in cui le applicazioni caricano librerie esterne. Questo aggiornamento della sicurezza risolve una particolare istanza di questo tipo di vulnerabilità.

Quando è stato pubblicato questo bollettino sulla sicurezza, questa vulnerabilità è stata divulgata pubblicamente?
Sì. Questa vulnerabilità è stata divulgata pubblicamente. È stato assegnato il numero di vulnerabilità ed esposizione comuni CVE-2011-0038.

Quando è stato emesso questo bollettino sulla sicurezza, Microsoft ha ricevuto eventuali segnalazioni che questa vulnerabilità è stata sfruttata?
No. Microsoft non ha ricevuto informazioni per indicare che questa vulnerabilità era stata usata pubblicamente per attaccare i clienti quando questo bollettino sulla sicurezza è stato originariamente rilasciato.

Aggiorna informazioni

Strumenti e linee guida per il rilevamento e la distribuzione

Sicurezza centrale

Gestire gli aggiornamenti software e della sicurezza necessari per la distribuzione nei server, nei sistemi desktop e mobili dell'organizzazione. Per altre informazioni, vedere TechNet Update Management Center. Il sito Web Microsoft TechNet Security fornisce informazioni aggiuntive sulla sicurezza nei prodotti Microsoft.

Gli aggiornamenti della sicurezza sono disponibili in Microsoft Update e Windows Update. Gli aggiornamenti della sicurezza sono disponibili anche nell'Area download Microsoft. È possibile trovarli più facilmente eseguendo una ricerca di parole chiave per "aggiornamento della sicurezza".

Infine, è possibile scaricare gli aggiornamenti della sicurezza dal Catalogo di Microsoft Update. Microsoft Update Catalog fornisce un catalogo ricercabile di contenuto reso disponibile tramite Windows Update e Microsoft Update, inclusi gli aggiornamenti della sicurezza, i driver e i Service Pack. Eseguendo una ricerca usando il numero di bollettino di sicurezza (ad esempio, "MS07-036"), è possibile aggiungere tutti gli aggiornamenti applicabili al carrello (incluse lingue diverse per un aggiornamento) e scaricare nella cartella di propria scelta. Per altre informazioni sul catalogo di Microsoft Update, vedere domande frequenti sul catalogo di Microsoft Update.

Linee guida per il rilevamento e la distribuzione

Microsoft fornisce indicazioni per il rilevamento e la distribuzione per gli aggiornamenti della sicurezza. Queste indicazioni contengono raccomandazioni e informazioni che consentono ai professionisti IT di comprendere come usare vari strumenti per il rilevamento e la distribuzione degli aggiornamenti della sicurezza. Per altre informazioni, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 961747.

Microsoft Baseline Security Analyzer

Microsoft Baseline Security Analyzer (MBSA) consente agli amministratori di analizzare i sistemi locali e remoti per individuare gli aggiornamenti della sicurezza mancanti e le configurazioni comuni della sicurezza. Per altre informazioni su MBSA, vedere Microsoft Baseline Security Analyzer.

Nella tabella seguente viene fornito il riepilogo del rilevamento MBSA per questo aggiornamento della sicurezza.

Software MBSA
Windows XP Service Pack 3
Windows XP Professional x64 Edition Service Pack 2
Windows Server 2003 Service Pack 2
Windows Server 2003 x64 Edition Service Pack 2
Windows Server 2003 con SP2 per sistemi basati su Itanium
Windows Vista Service Pack 1 e Windows Vista Service Pack 2
Windows Vista x64 Edition Service Pack 1 e Windows Vista x64 Edition Service Pack 2
Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit e Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit Service Pack 2
Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 Service Pack 2
Windows Server 2008 per sistemi basati su Itanium e Windows Server 2008 per Sistemi basati su Itanium Service Pack 2
Windows 7 per sistemi a 32 bit e Windows 7 per sistemi a 32 bit Service Pack 1
Windows 7 per sistemi basati su x64 e Windows 7 per sistemi basati su x64 Service Pack 1
Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 Service Pack 1
Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su Itanium e Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su Itanium Service Pack 1

Nota Per i clienti che usano software legacy non supportato dalla versione più recente di MBSA, Microsoft Update e Windows Server Update Services, visitare Microsoft Baseline Security Analyzer e fare riferimento alla sezione Supporto tecnico legacy per informazioni su come creare un rilevamento completo degli aggiornamenti della sicurezza con strumenti legacy.

Windows Server Update Services

Windows Server Update Services (WSUS) consente agli amministratori di information technology di distribuire gli ultimi aggiornamenti dei prodotti Microsoft nei computer che eseguono il sistema operativo Windows. Per altre informazioni su come distribuire gli aggiornamenti della sicurezza con Windows Server Update Services, vedere l'articolo TechNet, Windows Server Update Services.

Server di gestione dei sistemi

La tabella seguente fornisce il riepilogo di rilevamento e distribuzione SMS per questo aggiornamento della sicurezza.

Software SMS 2.0 SMS 2003 con SUIT SMS 2003 con ITMU Configuration Manager 2007
Windows XP Service Pack 3 Sì* Sì*
Windows XP Professional x64 Edition Service Pack 2 No No
Windows Server 2003 Service Pack 2 Sì* Sì*
Windows Server 2003 x64 Edition Service Pack 2 No No
Windows Server 2003 con SP2 per sistemi basati su Itanium No No
Windows Vista Service Pack 1 e Windows Vista Service Pack 2 No No
Windows Vista x64 Edition Service Pack 1 e Windows Vista x64 Edition Service Pack 2 No No
Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit e Windows Server 2008 per sistemi a 32 bit Service Pack 2 No No
Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 per sistemi basati su x64 Service Pack 2 No No
Windows Server 2008 per sistemi basati su Itanium e Windows Server 2008 per Sistemi basati su Itanium Service Pack 2 No No
Windows 7 per sistemi a 32 bit e Windows 7 per sistemi a 32 bit Service Pack 1 No No
Windows 7 per sistemi basati su x64 e Windows 7 per sistemi basati su x64 Service Pack 1 No No
Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 e Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 Service Pack 1 No No
Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su Itanium e Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su Itanium Service Pack 1 No No

*Solo Internet Explorer 6. Per altre informazioni, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 924178.

Per SMS 2.0 e SMS 2003, lo strumento di inventario aggiornamenti della sicurezza (SUIT) può essere usato da SMS per rilevare gli aggiornamenti della sicurezza. Vedere anche Download per Systems Management Server 2.0.

Per SMS 2003, lo strumento di inventario SMS 2003 per Microsoft Aggiornamenti (ITMU) può essere usato da SMS per rilevare gli aggiornamenti della sicurezza offerti da Microsoft Update e supportati da Windows Server Update Services. Per altre informazioni su SMS 2003 ITMU, vedere SMS 2003 Inventory Tool for Microsoft Aggiornamenti. Per altre informazioni sugli strumenti di analisi SMS, vedere SMS 2003 Software Update Scanning Tools. Vedere anche Download per Systems Management Server 2003.

System Center Configuration Manager 2007 usa WSUS 3.0 per il rilevamento degli aggiornamenti. Per altre informazioni su Configuration Manager 2007 Software Update Management, visitare System Center Configuration Manager 2007.

Per altre informazioni sugli SMS, visitare il sito Web SMS.

Per informazioni più dettagliate, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 910723: elenco riepilogo delle linee guida per il rilevamento mensile e la distribuzione.

Analizzatore di compatibilità degli aggiornamenti e Application Compatibility Toolkit

Aggiornamenti spesso scrivere negli stessi file e nelle stesse impostazioni del Registro di sistema necessarie per l'esecuzione delle applicazioni. Ciò può attivare incompatibilità e aumentare il tempo necessario per distribuire gli aggiornamenti della sicurezza. È possibile semplificare i test e convalidare gli aggiornamenti di Windows nelle applicazioni installate con i componenti dell'analizzatore di compatibilità degli aggiornamenti inclusi in Application Compatibility Toolkit.

Application Compatibility Toolkit (ACT) contiene gli strumenti e la documentazione necessari per valutare e attenuare i problemi di compatibilità delle applicazioni prima di distribuire Microsoft Windows Vista, Windows Update, Microsoft Security Update o una nuova versione di Windows Internet Explorer nell'ambiente in uso.

Distribuzione degli aggiornamenti della sicurezza

Software interessato

Per informazioni sull'aggiornamento della sicurezza specifico per il software interessato, fare clic sul collegamento appropriato:

Windows XP (tutte le edizioni)

Tabella di riferimento

La tabella seguente contiene le informazioni sull'aggiornamento della sicurezza per questo software. In questa sezione sono disponibili informazioni aggiuntive nella sottosezione Informazioni sulla distribuzione.

Inclusione nei Service Pack futuri L'aggiornamento per questo problema verrà incluso in un Service Pack futuro o un aggiornamento cumulativo
Distribuzione
Installazione senza intervento dell'utente Internet Explorer 6 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ WindowsXP-KB2482017-x86-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 6 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ IE7-WindowsXP-KB2482017-x86-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ IE7-WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ IE8-WindowsXP-KB2482017-x86-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ IE8-WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /quiet
Installazione senza riavvio Internet Explorer 6 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ WindowsXP-KB2482017-x86-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 6 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ IE7-WindowsXP-KB2482017-x86-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ IE7-WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ IE8-WindowsXP-KB2482017-x86-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ IE8-WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /norestart
Aggiornare il file di log Internet Explorer 6 per tutte le edizioni supportate di Windows XP:\ KB2482017.log
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni supportate di Windows XP:\ KB2482017-IE7.log
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni supportate di Windows XP:\ KB2482017-IE8.log
Ulteriori informazioni Vedere la sottosezione, gli strumenti di rilevamento e distribuzione e le linee guida
Requisito di riavvio
Riavvio obbligatorio? Sì, è necessario riavviare il sistema dopo aver applicato questo aggiornamento della sicurezza
Con patch a caldo Non applicabile
Informazioni sulla rimozione Internet Explorer 6 per tutte le edizioni supportate di Windows XP:Usa strumento Installazione applicazioni in Pannello di controllo o l'utilità Spuninst.exe che si trova nella cartella %Windir%$NTUninstallKB 2482017$\Spuninst
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni supportate di Windows XP:\ Usa lo strumento Installazione applicazioni in Pannello di controllo o l'utilità Spuninst.exe che si trova nella cartella %Windir%\ie7updates\KB2482017-IE7\spuninst
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni supportate di Windows XP:\ Usa lo strumento Installazione applicazioni in Pannello di controllo o l'utilità Spuninst.exe che si trova nella cartella %Windir%\ie8updates\KB2482017-IE8\spuninst
Informazioni sui file Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2482017
Verifica della chiave del Registro di sistema Internet Explorer 6 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows XP\SP4\KB2482017\Filelist
Internet Explorer 6 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows XP Versione 2003\SP3\KB2482017\Filelist
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows XP\SP0\KB2482017-IE7\Filelist
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows XP Versione 2003\SP0\KB2482017-IE7\Filelist
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows XP:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows XP\SP0\KB2482017-IE8\Filelist
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows XP:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows XP Versione 2003\SP0\KB2482017-IE8\Filelist

Nota Per le versioni supportate di Windows XP Professional x64 Edition, questo aggiornamento della sicurezza corrisponde alle versioni supportate dell'aggiornamento della sicurezza di Windows Server 2003 x64 Edition.

Informazioni sulla distribuzione

Installazione dell'aggiornamento

Quando si installa questo aggiornamento della sicurezza, il programma di installazione verifica se uno o più file aggiornati nel sistema sono stati aggiornati in precedenza da un hotfix Microsoft.

Se in precedenza è stato installato un hotfix per aggiornare uno di questi file, il programma di installazione copia i file RTMQFE, SP1QFE o SP2QFE nel sistema. In caso contrario, il programma di installazione copia i file RTMGDR, SP1GDR o SP2GDR nel sistema. Gli aggiornamenti della sicurezza potrebbero non contenere tutte le varianti di questi file. Per altre informazioni su questo comportamento, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 824994.

Per altre informazioni sul programma di installazione, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 832475.

Per altre informazioni sulla terminologia visualizzata in questo bollettino, ad esempio l'hotfix, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 824684.

Questo aggiornamento della sicurezza supporta le opzioni di installazione seguenti.

Switch Descrizione
/help Visualizza le opzioni della riga di comando.
Modalità di installazione
/passive Modalità di installazione automatica. Non è necessaria alcuna interazione dell'utente, ma viene visualizzato lo stato dell'installazione. Se è necessario un riavvio alla fine dell'installazione, all'utente verrà visualizzata una finestra di dialogo con un avviso timer che indica che il computer verrà riavviato in 30 secondi.
/quiet Modalità non interattiva. Si tratta dello stesso tipo di modalità automatica, ma non vengono visualizzati messaggi di stato o di errore.
Opzioni di riavvio
/norestart Non viene riavviato al termine dell'installazione.
/forcerestart Riavvia il computer dopo l'installazione e forza la chiusura di altre applicazioni all'arresto senza prima salvare i file aperti.
/warnrestart[:x] Visualizza una finestra di dialogo con un timer che avvisa l'utente che il computer verrà riavviato in x secondi. L'impostazione predefinita è 30 secondi. Destinato all'uso con l'opzione /quiet o l'opzione /passive .
/promptrestart Visualizza una finestra di dialogo che richiede all'utente locale di consentire un riavvio.
Opzioni speciali
/overwriteoem Sovrascrive i file OEM senza richiedere conferma.
/nobackup Non esegue il backup dei file necessari per la disinstallazione.
/forceappsclose Forza la chiusura di altri programmi quando il computer si arresta.
/log:path Consente il reindirizzamento dei file di log di installazione.
/integrate:path Integra l'aggiornamento nei file di origine di Windows. Questi file si trovano nel percorso specificato nell'opzione.
/extract[:p ath] Estrae i file senza avviare il programma di installazione.
/ER Abilita la segnalazione errori estesa.
/verbose Abilita la registrazione dettagliata. Durante l'installazione, crea %Windir%\CabBuild.log. Questo log illustra in dettaglio i file copiati. L'uso di questa opzione può causare un rallentamento dell'installazione.

Nota È possibile combinare queste opzioni in un unico comando. Per la compatibilità con le versioni precedenti, l'aggiornamento della sicurezza supporta anche le opzioni di installazione usate dalla versione precedente del programma di installazione. Per altre informazioni sulle opzioni di installazione supportate, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 262841.

Rimozione dell'aggiornamento

Questo aggiornamento della sicurezza supporta le opzioni di installazione seguenti.

Switch Descrizione
/help Visualizza le opzioni della riga di comando.
Modalità di installazione
/passive Modalità di installazione automatica. Non è necessaria alcuna interazione dell'utente, ma viene visualizzato lo stato dell'installazione. Se è necessario un riavvio alla fine dell'installazione, all'utente verrà visualizzata una finestra di dialogo con un avviso timer che indica che il computer verrà riavviato in 30 secondi.
/quiet Modalità non interattiva. Si tratta dello stesso tipo di modalità automatica, ma non vengono visualizzati messaggi di stato o di errore.
Opzioni di riavvio
/norestart Non viene riavviato al termine dell'installazione
/forcerestart Riavvia il computer dopo l'installazione e forza la chiusura di altre applicazioni all'arresto senza prima salvare i file aperti.
/warnrestart[:x] Visualizza una finestra di dialogo con un timer che avvisa l'utente che il computer verrà riavviato in x secondi. L'impostazione predefinita è 30 secondi. Destinato all'uso con l'opzione /quiet o l'opzione /passive .
/promptrestart Visualizza una finestra di dialogo che richiede all'utente locale di consentire un riavvio.
Opzioni speciali
/forceappsclose Forza la chiusura di altri programmi quando il computer si arresta.
/log:path Consente il reindirizzamento dei file di log di installazione.

Verifica dell'applicazione dell'aggiornamento

  • Microsoft Baseline Security Analyzer

    Per verificare che un aggiornamento della sicurezza sia stato applicato a un sistema interessato, è possibile usare lo strumento Microsoft Baseline Security Analyzer (MBSA). Per altre informazioni, vedere la sezione Strumenti di rilevamento e distribuzione e linee guida, più indietro in questo bollettino.

  • Verifica della versione dei file

    Poiché esistono diverse edizioni di Microsoft Windows, i passaggi seguenti possono essere diversi nel sistema. In caso affermativo, vedere la documentazione del prodotto per completare questi passaggi.

    1. Fare clic su Start e quindi su Cerca.
    2. Nel riquadro Risultati ricerca fare clic su Tutti i file e le cartelle in Cerca complementare.
    3. Nella casella Tutto o parte del nome file digitare un nome file dalla tabella di informazioni file appropriata e quindi fare clic su Cerca.
    4. Nell'elenco dei file fare clic con il pulsante destro del mouse su un nome file dalla tabella di informazioni file appropriata e quindi scegliere Proprietà.
      Nota A seconda dell'edizione del sistema operativo o dei programmi installati nel sistema, alcuni dei file elencati nella tabella delle informazioni sui file potrebbero non essere installati.
    5. Nella scheda Versione determinare la versione del file installato nel sistema confrontandola con la versione documentata nella tabella di informazioni file appropriata.
      Nota Attributi diversi dalla versione del file possono cambiare durante l'installazione. Il confronto di altri attributi di file con le informazioni nella tabella delle informazioni sui file non è un metodo supportato per verificare che l'aggiornamento sia stato applicato. Inoltre, in alcuni casi, i file possono essere rinominati durante l'installazione. Se le informazioni sul file o sulla versione non sono presenti, usare uno degli altri metodi disponibili per verificare l'installazione degli aggiornamenti.
  • Verifica della chiave del Registro di sistema

    È anche possibile verificare i file installati dall'aggiornamento della sicurezza esaminando le chiavi del Registro di sistema elencate nella tabella di riferimento in questa sezione.

    Queste chiavi del Registro di sistema potrebbero non contenere un elenco completo di file installati. Inoltre, queste chiavi del Registro di sistema potrebbero non essere create correttamente quando un amministratore o un OEM integra o inserisce questo aggiornamento della sicurezza nei file di origine dell'installazione di Windows.

Windows Server 2003 (tutte le edizioni)

Tabella di riferimento

La tabella seguente contiene le informazioni sull'aggiornamento della sicurezza per questo software. In questa sezione sono disponibili informazioni aggiuntive nella sottosezione Informazioni sulla distribuzione.

Inclusione nei Service Pack futuri L'aggiornamento per questo problema verrà incluso in un Service Pack futuro o un aggiornamento cumulativo
Distribuzione
Installazione senza intervento dell'utente Internet Explorer 6 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2003:\ WindowsServer2003-KB2482017-x86-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 6 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2003:\ WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 6 per tutte le edizioni basate su Itanium supportate di Windows Server 2003:\ WindowsServer2003-KB2482017-ia64-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2003:\ IE7-WindowsServer2003-KB2482017-x86-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2003:\ IE7-WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni basate su Itanium supportate di Windows Server 2003:\ IE7-WindowsServer2003-KB2482017-ia64-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2003:\ IE8-WindowsServer2003-KB2482017-x86-ENU.exe /quiet
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2003:\ IE8-WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /quiet
Installazione senza riavvio Internet Explorer 6 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2003:\ WindowsServer2003-KB2482017-x86-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 6 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2003:\ WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 6 per tutte le edizioni basate su Itanium supportate di Windows Server 2003:\ WindowsServer2003-KB2482017-ia64-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2003:\ IE7-WindowsServer2003-KB2482017-x86-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2003:\ IE7-WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni basate su Itanium supportate di Windows Server 2003:\ IE7-WindowsServer2003-KB2482017-ia64-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2003:\ IE8-WindowsServer2003-KB2482017-x86-ENU.exe /norestart
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2003:\ IE8-WindowsServer2003.WindowsXP-KB2482017-x64-ENU.exe /norestart
Aggiornare il file di log Internet Explorer 6 per tutte le edizioni a 32 bit supportate, le edizioni basate su x64 e le edizioni basate su Itanium di Windows Server 2003:\ KB2482017.log
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni a 32 bit supportate, le edizioni basate su x64 e le edizioni basate su Itanium di Windows Server 2003:\ KB2482017-IE7.log
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni a 32 bit supportate, le edizioni basate su x64 e itanium di Windows Server 2003:\ KB2482017-IE8.log
Ulteriori informazioni Vedere la sottosezione, gli strumenti di rilevamento e distribuzione e le linee guida
Requisito di riavvio
Riavvio obbligatorio? Sì, è necessario riavviare il sistema dopo aver applicato questo aggiornamento della sicurezza.
HotPatching Questo aggiornamento della sicurezza non supporta HotPatching. Per altre informazioni su HotPatching, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 897341.
Informazioni sulla rimozione Internet Explorer 6 per tutte le edizioni a 32 bit supportate, le edizioni basate su x64 e le edizioni basate su Itanium di Windows Server 2003:\ Usare lo strumento Installazione applicazioni in Pannello di controllo o l'utilità Spuninst.exe disponibile nell'utilità Usa l'utilità Spuninst.exe, che si trova nella cartella %Windir%$NTUninstallKB 2482017$\Spuninst
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni a 32 bit supportate, le edizioni basate su x64 e le edizioni basate su Itanium di Windows Server 2003:\ Usare lo strumento Installazione applicazioni in Pannello di controllo o l'utilità Spuninst.exe che si trova nella cartella %Windir%\ie7updates\KB2482017-IE7\spuninst
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni a 32 bit supportate e le edizioni basate su x64 di Windows Server 2003:\ Usa lo strumento Installazione applicazioni in Pannello di controllo o l'utilità Spuninst.exe che si trova nella cartella %Windir%\ie8updates\KB2482017-IE8\spuninst
Informazioni sui file Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2482017
Verifica della chiave del Registro di sistema Internet Explorer 6 per tutte le edizioni a 32 bit supportate, le edizioni basate su x64 e le edizioni basate su Itanium di Windows Server 2003:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows Server 2003\SP3\KB2482017\Filelist
Internet Explorer 7 per tutte le edizioni a 32 bit supportate, le edizioni basate su x64 e le edizioni basate su Itanium di Windows Server 2003:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows Server 2003\SP0\KB2482017-IE7\Filelist
Internet Explorer 8 per tutte le edizioni a 32 bit supportate e le edizioni basate su x64 di Windows Server 2003:\ HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Aggiornamenti\Windows Server 2003\SP0\KB2482017-IE8\Filelist

Informazioni sulla distribuzione

Installazione dell'aggiornamento

Quando si installa questo aggiornamento della sicurezza, il programma di installazione verifica se uno o più file aggiornati nel sistema sono stati aggiornati in precedenza da un hotfix Microsoft.

Se in precedenza è stato installato un hotfix per aggiornare uno di questi file, il programma di installazione copia i file RTMQFE, SP1QFE o SP2QFE nel sistema. In caso contrario, il programma di installazione copia i file RTMGDR, SP1GDR o SP2GDR nel sistema. Gli aggiornamenti della sicurezza potrebbero non contenere tutte le varianti di questi file. Per altre informazioni su questo comportamento, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 824994.

Per altre informazioni sul programma di installazione, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 832475.

Per altre informazioni sulla terminologia visualizzata in questo bollettino, ad esempio l'hotfix, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 824684.

Questo aggiornamento della sicurezza supporta le opzioni di installazione seguenti.

Switch Descrizione
/help Visualizza le opzioni della riga di comando.
Modalità di installazione
/passive Modalità di installazione automatica. Non è necessaria alcuna interazione dell'utente, ma viene visualizzato lo stato dell'installazione. Se è necessario un riavvio alla fine dell'installazione, all'utente verrà visualizzata una finestra di dialogo con un avviso timer che indica che il computer verrà riavviato in 30 secondi.
/quiet Modalità non interattiva. Si tratta dello stesso tipo di modalità automatica, ma non vengono visualizzati messaggi di stato o di errore.
Opzioni di riavvio
/norestart Non viene riavviato al termine dell'installazione.
/forcerestart Riavvia il computer dopo l'installazione e forza la chiusura di altre applicazioni all'arresto senza prima salvare i file aperti.
/warnrestart[:x] Visualizza una finestra di dialogo con un timer che avvisa l'utente che il computer verrà riavviato in x secondi. L'impostazione predefinita è 30 secondi. Destinato all'uso con l'opzione /quiet o l'opzione /passive .
/promptrestart Visualizza una finestra di dialogo che richiede all'utente locale di consentire un riavvio.
Opzioni speciali
/overwriteoem Sovrascrive i file OEM senza richiedere conferma.
/nobackup Non esegue il backup dei file necessari per la disinstallazione.
/forceappsclose Forza la chiusura di altri programmi quando il computer si arresta.
/log:path Consente il reindirizzamento dei file di log di installazione.
/integrate:path Integra l'aggiornamento nei file di origine di Windows. Questi file si trovano nel percorso specificato nell'opzione.
/extract[:p ath] Estrae i file senza avviare il programma di installazione.
/ER Abilita la segnalazione errori estesa.
/verbose Abilita la registrazione dettagliata. Durante l'installazione, crea %Windir%\CabBuild.log. Questo log illustra in dettaglio i file copiati. L'uso di questa opzione può causare un rallentamento dell'installazione.

Nota È possibile combinare queste opzioni in un unico comando. Per la compatibilità con le versioni precedenti, l'aggiornamento della sicurezza supporta anche molte delle opzioni di installazione usate dalla versione precedente del programma di installazione. Per altre informazioni sulle opzioni di installazione supportate, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 262841.

Rimozione dell'aggiornamento

Questo aggiornamento della sicurezza supporta le opzioni di installazione seguenti.

Switch Descrizione
/help Visualizza le opzioni della riga di comando.
Modalità di installazione
/passive Modalità di installazione automatica. Non è necessaria alcuna interazione dell'utente, ma viene visualizzato lo stato dell'installazione. Se è necessario un riavvio alla fine dell'installazione, all'utente verrà visualizzata una finestra di dialogo con un avviso timer che indica che il computer verrà riavviato in 30 secondi.
/quiet Modalità non interattiva. Si tratta dello stesso tipo di modalità automatica, ma non vengono visualizzati messaggi di stato o di errore.
Opzioni di riavvio
/norestart Non viene riavviato al termine dell'installazione.
/forcerestart Riavvia il computer dopo l'installazione e forza la chiusura di altre applicazioni all'arresto senza prima salvare i file aperti.
/warnrestart[:x] Visualizza una finestra di dialogo con un timer che avvisa l'utente che il computer verrà riavviato in x secondi. L'impostazione predefinita è 30 secondi. Destinato all'uso con l'opzione /quiet o l'opzione /passive .
/promptrestart Visualizza una finestra di dialogo che richiede all'utente locale di consentire un riavvio.
Opzioni speciali
/forceappsclose Forza la chiusura di altri programmi quando il computer si arresta.
/log:path Consente il reindirizzamento dei file di log di installazione.

Verifica che l'aggiornamento sia stato applicato

  • Microsoft Baseline Security Analyzer

    Per verificare che un aggiornamento della sicurezza sia stato applicato a un sistema interessato, è possibile usare lo strumento Microsoft Baseline Security Analyzer (MBSA). Per altre informazioni, vedere la sezione Strumenti di rilevamento e distribuzione e linee guida, più indietro in questo bollettino.

  • Verifica della versione dei file

    Poiché esistono diverse edizioni di Microsoft Windows, i passaggi seguenti possono essere diversi nel sistema. In caso affermativo, vedere la documentazione del prodotto per completare questi passaggi.

    1. Fare clic su Start e quindi su Cerca.
    2. Nel riquadro Risultati ricerca fare clic su Tutti i file e le cartelle in Cerca complementare.
    3. Nella casella Tutto o parte del nome file digitare un nome file dalla tabella di informazioni file appropriata e quindi fare clic su Cerca.
    4. Nell'elenco dei file fare clic con il pulsante destro del mouse su un nome file dalla tabella di informazioni file appropriata e quindi scegliere Proprietà.
      Nota A seconda dell'edizione del sistema operativo o dei programmi installati nel sistema, alcuni dei file elencati nella tabella delle informazioni sui file potrebbero non essere installati.
    5. Nella scheda Versione determinare la versione del file installato nel sistema confrontandola con la versione documentata nella tabella di informazioni file appropriata.
      Nota Attributi diversi dalla versione del file possono cambiare durante l'installazione. Il confronto di altri attributi di file con le informazioni nella tabella delle informazioni sui file non è un metodo supportato per verificare che l'aggiornamento sia stato applicato. Inoltre, in alcuni casi, i file possono essere rinominati durante l'installazione. Se le informazioni sul file o sulla versione non sono presenti, usare uno degli altri metodi disponibili per verificare l'installazione degli aggiornamenti.
  • Verifica della chiave del Registro di sistema

    È anche possibile verificare i file installati dall'aggiornamento della sicurezza esaminando le chiavi del Registro di sistema elencate nella tabella di riferimento in questa sezione.

    Queste chiavi del Registro di sistema potrebbero non contenere un elenco completo di file installati. Inoltre, queste chiavi del Registro di sistema potrebbero non essere create correttamente quando un amministratore o un OEM integra o inserisce questo aggiornamento della sicurezza nei file di origine dell'installazione di Windows.

Windows Vista (tutte le edizioni)

Tabella di riferimento

La tabella seguente contiene le informazioni sull'aggiornamento della sicurezza per questo software. In questa sezione sono disponibili informazioni aggiuntive nella sottosezione Informazioni sulla distribuzione.

Inclusione nei Service Pack futuri L'aggiornamento per questo problema verrà incluso in un Service Pack futuro o un aggiornamento cumulativo
Distribuzione
Installazione senza intervento dell'utente Internet Explorer 7 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Vista:\ Windows6.0-KB2482017-x86.msu /quiet
Internet Explorer 7 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Vista:\ Windows6.0-KB2482017-x64.msu /quiet
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Vista:\ IE8-Windows6.0-KB2482017-x86.msu /quiet
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Vista:\ IE8-Windows6.0-KB2482017-x64.msu /quiet
Installazione senza riavvio Internet Explorer 7 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Vista:\ Windows6.0-KB2482017-x86.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 7 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Vista:\ Windows6.0-KB2482017-x64.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Vista:\ IE8-Windows6.0-KB2482017-x86.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Vista:\ IE8-Windows6.0-KB2482017-x64.msu /quiet /norestart
Ulteriori informazioni Vedere la sottosezione, gli strumenti di rilevamento e distribuzione e le linee guida
Requisito di riavvio
Riavvio obbligatorio? Sì, è necessario riavviare il sistema dopo aver applicato questo aggiornamento della sicurezza
Con patch a caldo Non applicabile
Informazioni sulla rimozione WUSA.exe non supporta la disinstallazione degli aggiornamenti. Per disinstallare un aggiornamento installato da WUSA, fare clic su Pannello di controllo e quindi su Sicurezza. In Windows Update fare clic su Visualizza aggiornamenti installati e selezionare dall'elenco degli aggiornamenti.
Informazioni sui file Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2482017
Verifica della chiave del Registro di sistema Nota Una chiave del Registro di sistema non esiste per convalidare la presenza di questo aggiornamento.

Informazioni sulla distribuzione

Installazione dell'aggiornamento

Quando si installa questo aggiornamento della sicurezza, il programma di installazione verifica se uno o più file aggiornati nel sistema sono stati aggiornati in precedenza da un hotfix Microsoft.

Per altre informazioni sulla terminologia visualizzata in questo bollettino, ad esempio l'hotfix, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 824684.

Questo aggiornamento della sicurezza supporta le opzioni di installazione seguenti.

Switch Descrizione
/?, /h, /help Visualizza la Guida sulle opzioni supportate.
/quiet Elimina la visualizzazione di messaggi di stato o di errore.
/norestart Se combinato con /quiet, il sistema non verrà riavviato dopo l'installazione anche se è necessario un riavvio per completare l'installazione.

Nota Per altre informazioni sul programma di installazione di wusa.exe, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 934307.

Verifica dell'applicazione dell'aggiornamento

  • Microsoft Baseline Security Analyzer

    Per verificare che un aggiornamento della sicurezza sia stato applicato a un sistema interessato, è possibile usare lo strumento Microsoft Baseline Security Analyzer (MBSA). Per altre informazioni, vedere la sezione Strumenti di rilevamento e distribuzione e linee guida, più indietro in questo bollettino.

  • Verifica della versione dei file

    Poiché esistono diverse edizioni di Microsoft Windows, i passaggi seguenti possono essere diversi nel sistema. In caso affermativo, vedere la documentazione del prodotto per completare questi passaggi.

    1. Fare clic su Start e quindi immettere un nome di file di aggiornamento nella casella Avvia ricerca .
    2. Quando il file viene visualizzato in Programmi, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del file e scegliere Proprietà.
    3. Nella scheda Generale confrontare le dimensioni del file con le tabelle di informazioni sui file fornite nell'articolo della Knowledge Base del bollettino.
      Nota A seconda dell'edizione del sistema operativo o dei programmi installati nel sistema, alcuni dei file elencati nella tabella delle informazioni sui file potrebbero non essere installati.
    4. È anche possibile fare clic sulla scheda Dettagli e confrontare le informazioni, ad esempio la versione del file e la data modificate, con le tabelle di informazioni sui file fornite nell'articolo della Knowledge Base del bollettino.
      Nota Attributi diversi dalla versione del file possono cambiare durante l'installazione. Il confronto di altri attributi di file con le informazioni nella tabella delle informazioni sui file non è un metodo supportato per verificare che l'aggiornamento sia stato applicato. Inoltre, in alcuni casi, i file possono essere rinominati durante l'installazione. Se le informazioni sul file o sulla versione non sono presenti, usare uno degli altri metodi disponibili per verificare l'installazione degli aggiornamenti.
    5. Infine, è anche possibile fare clic sulla scheda Versioni precedenti e confrontare le informazioni sul file per la versione precedente del file con le informazioni sul file nuovo o aggiornato versione del file.

Windows Server 2008 (tutte le edizioni)

Tabella di riferimento

La tabella seguente contiene le informazioni sull'aggiornamento della sicurezza per questo software. In questa sezione sono disponibili informazioni aggiuntive nella sottosezione Informazioni sulla distribuzione.

Inclusione nei Service Pack futuri L'aggiornamento per questo problema verrà incluso in un Service Pack futuro o un aggiornamento cumulativo
Distribuzione
Installazione senza intervento dell'utente Internet Explorer 7 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2008:\ Windows6.0-KB2482017-x86.msu /quiet
Internet Explorer 7 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2008:\ Windows6.0-KB2482017-x64.msu /quiet
Internet Explorer 7 in tutte le edizioni basate su Itanium supportate di Windows Server 2008:\ Windows6.0-KB2482017-ia64.msu /quiet
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2008:\ IE8-Windows6.0-KB2482017-x86.msu /quiet
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2008:\ IE8-Windows6.0-KB2482017-x64.msu /quiet
Installazione senza riavvio Internet Explorer 7 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2008:\ Windows6.0-KB2482017-x86.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 7 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2008:\ Windows6.0-KB2482017-x64.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 7 in tutte le edizioni basate su Itanium supportate di Windows Server 2008:\ Windows6.0-KB2482017-ia64.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows Server 2008:\ IE8-Windows6.0-KB2482017-x86.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2008:\ IE8-Windows6.0-KB2482017-x64.msu /quiet /norestart
Ulteriori informazioni Vedere la sottosezione, gli strumenti di rilevamento e distribuzione e le linee guida
Requisito di riavvio
Riavvio obbligatorio? Sì, è necessario riavviare il sistema dopo aver applicato questo aggiornamento della sicurezza.
HotPatching Non applicabile.
Informazioni sulla rimozione WUSA.exe non supporta la disinstallazione degli aggiornamenti. Per disinstallare un aggiornamento installato da WUSA, fare clic su Pannello di controllo e quindi su Sicurezza. In Windows Update fare clic su Visualizza aggiornamenti installati e selezionare dall'elenco degli aggiornamenti.
Informazioni sui file Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2482017
Verifica della chiave del Registro di sistema Nota Una chiave del Registro di sistema non esiste per convalidare la presenza di questo aggiornamento.

Informazioni sulla distribuzione

Installazione dell'aggiornamento

Quando si installa questo aggiornamento della sicurezza, il programma di installazione verifica se uno o più file aggiornati nel sistema sono stati aggiornati in precedenza da un hotfix Microsoft.

Per altre informazioni sulla terminologia visualizzata in questo bollettino, ad esempio l'hotfix, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 824684.

Questo aggiornamento della sicurezza supporta le opzioni di installazione seguenti.

Switch Descrizione
/?, /h, /help Visualizza la Guida sulle opzioni supportate.
/quiet Elimina la visualizzazione di messaggi di stato o di errore.
/norestart Se combinato con /quiet, il sistema non verrà riavviato dopo l'installazione anche se è necessario un riavvio per completare l'installazione.

Nota Per altre informazioni sul programma di installazione di wusa.exe, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 934307.

Verifica dell'applicazione dell'aggiornamento

  • Microsoft Baseline Security Analyzer

    Per verificare che un aggiornamento della sicurezza sia stato applicato a un sistema interessato, è possibile usare lo strumento Microsoft Baseline Security Analyzer (MBSA). Per altre informazioni, vedere la sezione Strumenti di rilevamento e distribuzione e linee guida, più indietro in questo bollettino.

  • Verifica della versione dei file

    Poiché esistono diverse edizioni di Microsoft Windows, i passaggi seguenti possono essere diversi nel sistema. In caso affermativo, vedere la documentazione del prodotto per completare questi passaggi.

    1. Fare clic su Start e quindi immettere un nome di file di aggiornamento nella casella Avvia ricerca .
    2. Quando il file viene visualizzato in Programmi, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del file e scegliere Proprietà.
    3. Nella scheda Generale confrontare le dimensioni del file con le tabelle di informazioni sui file fornite nell'articolo della Knowledge Base del bollettino.
      Nota A seconda dell'edizione del sistema operativo o dei programmi installati nel sistema, alcuni dei file elencati nella tabella delle informazioni sui file potrebbero non essere installati.
    4. È anche possibile fare clic sulla scheda Dettagli e confrontare le informazioni, ad esempio la versione del file e la data modificate, con le tabelle di informazioni sui file fornite nell'articolo della Knowledge Base del bollettino.
      Nota Attributi diversi dalla versione del file possono cambiare durante l'installazione. Il confronto di altri attributi di file con le informazioni nella tabella delle informazioni sui file non è un metodo supportato per verificare che l'aggiornamento sia stato applicato. Inoltre, in alcuni casi, i file possono essere rinominati durante l'installazione. Se le informazioni sul file o sulla versione non sono presenti, usare uno degli altri metodi disponibili per verificare l'installazione degli aggiornamenti.
    5. Infine, è anche possibile fare clic sulla scheda Versioni precedenti e confrontare le informazioni sul file per la versione precedente del file con le informazioni sul file nuovo o aggiornato versione del file.

Windows 7 (tutte le edizioni)

Tabella di riferimento

La tabella seguente contiene le informazioni sull'aggiornamento della sicurezza per questo software. In questa sezione sono disponibili informazioni aggiuntive nella sottosezione Informazioni sulla distribuzione.

Inclusione nei Service Pack futuri L'aggiornamento per questo problema verrà incluso in un Service Pack futuro o un aggiornamento cumulativo
Distribuzione
Installazione senza intervento dell'utente Internet Explorer 8 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows 7:\ Windows6.1-KB2482017-x86.msu /quiet
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows 7:\ Windows6.1-KB2482017-x64.msu /quiet
Installazione senza riavvio Internet Explorer 8 in tutte le edizioni a 32 bit supportate di Windows 7:\ Windows6.1-KB2482017-x86.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows 7:\ Windows6.1-KB2482017-x64.msu /quiet /norestart
Ulteriori informazioni Vedere la sottosezione, gli strumenti di rilevamento e distribuzione e le linee guida
Requisito di riavvio
Riavvio obbligatorio? Sì, è necessario riavviare il sistema dopo aver applicato questo aggiornamento della sicurezza
Con patch a caldo Non applicabile
Informazioni sulla rimozione Per disinstallare un aggiornamento installato da WUSA, usare l'opzione /Uninstall setup oppure fare clic su Pannello di controllo, fare clic su Sistema e sicurezza, quindi in Windows Update fare clic su Visualizza aggiornamenti installati e selezionare dall'elenco degli aggiornamenti.
Informazioni sui file Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2482017
Verifica della chiave del Registro di sistema Nota Una chiave del Registro di sistema non esiste per convalidare la presenza di questo aggiornamento.

Informazioni sulla distribuzione

Installazione dell'aggiornamento

Quando si installa questo aggiornamento della sicurezza, il programma di installazione verifica se uno o più file aggiornati nel sistema sono stati aggiornati in precedenza da un hotfix Microsoft.

Per altre informazioni sulla terminologia visualizzata in questo bollettino, ad esempio l'hotfix, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 824684.

Questo aggiornamento della sicurezza supporta le opzioni di installazione seguenti.

Switch Descrizione
/?, /h, /help Visualizza la Guida sulle opzioni supportate.
/quiet Elimina la visualizzazione di messaggi di stato o di errore.
/norestart Se combinato con /quiet, il sistema non verrà riavviato dopo l'installazione anche se è necessario un riavvio per completare l'installazione.
/warnrestart:<seconds> Se combinato con /quiet, il programma di installazione avvisa l'utente prima di avviare il riavvio.
/promptrestart Se combinato con /quiet, il programma di installazione richiederà prima di avviare il riavvio.
/forcerestart Se combinato con /quiet, il programma di installazione chiuderà forzatamente le applicazioni e avvierà il riavvio.
/log:<nome file> Abilita la registrazione nel file specificato.
/extract:<destination> Estrae il contenuto del pacchetto nella cartella di destinazione.
/uninstall /kb:<KB Number> Disinstalla l'aggiornamento della sicurezza.

Nota Per altre informazioni sul programma di installazione di wusa.exe, vedere "Windows Update Stand-alone Installer" nell'articolo TechNet, Varie modifiche in Windows 7.

Verifica dell'applicazione dell'aggiornamento

  • Microsoft Baseline Security Analyzer

    Per verificare che un aggiornamento della sicurezza sia stato applicato a un sistema interessato, è possibile usare lo strumento Microsoft Baseline Security Analyzer (MBSA). Per altre informazioni, vedere la sezione Strumenti di rilevamento e distribuzione e linee guida, più indietro in questo bollettino.

  • Verifica della versione dei file

    Poiché esistono diverse edizioni di Microsoft Windows, i passaggi seguenti possono essere diversi nel sistema. In caso affermativo, vedere la documentazione del prodotto per completare questi passaggi.

    1. Fare clic su Start e quindi immettere un nome di file di aggiornamento nella casella Cerca .
    2. Quando il file viene visualizzato in Programmi, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del file e scegliere Proprietà.
    3. Nella scheda Generale confrontare le dimensioni del file con le tabelle di informazioni sui file fornite nell'articolo della Knowledge Base del bollettino.
      Nota A seconda dell'edizione del sistema operativo o dei programmi installati nel sistema, alcuni dei file elencati nella tabella delle informazioni sui file potrebbero non essere installati.
    4. È anche possibile fare clic sulla scheda Dettagli e confrontare le informazioni, ad esempio la versione del file e la data modificate, con le tabelle di informazioni sui file fornite nell'articolo della Knowledge Base del bollettino.
      Nota Attributi diversi dalla versione del file possono cambiare durante l'installazione. Il confronto di altri attributi di file con le informazioni nella tabella delle informazioni sui file non è un metodo supportato per verificare che l'aggiornamento sia stato applicato. Inoltre, in alcuni casi, i file possono essere rinominati durante l'installazione. Se le informazioni sul file o sulla versione non sono presenti, usare uno degli altri metodi disponibili per verificare l'installazione degli aggiornamenti.
    5. Infine, è anche possibile fare clic sulla scheda Versioni precedenti e confrontare le informazioni sul file per la versione precedente del file con le informazioni sul file nuovo o aggiornato versione del file.

Windows Server 2008 R2 (tutte le edizioni)

Tabella di riferimento

La tabella seguente contiene le informazioni sull'aggiornamento della sicurezza per questo software. In questa sezione sono disponibili informazioni aggiuntive nella sottosezione Informazioni sulla distribuzione.

Inclusione nei Service Pack futuri L'aggiornamento per questo problema verrà incluso in un Service Pack futuro o un aggiornamento cumulativo
Distribuzione
Installazione senza intervento dell'utente Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2008 R2:\ Windows6.1-KB2482017-x64.msu /quiet
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su Itanium supportate di Windows Server 2008 R2:\ Windows6.1-KB2482017-ia64.msu /quiet
Installazione senza riavvio Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su x64 supportate di Windows Server 2008 R2:\ Windows6.1-KB2482017-x64.msu /quiet /norestart
Internet Explorer 8 in tutte le edizioni basate su Itanium supportate di Windows Server 2008 R2:\ Windows6.1-KB2482017-ia64.msu /quiet /norestart
Ulteriori informazioni Vedere la sottosezione, gli strumenti di rilevamento e distribuzione e le linee guida
Requisito di riavvio
Riavvio obbligatorio? Sì, è necessario riavviare il sistema dopo aver applicato questo aggiornamento della sicurezza
Con patch a caldo Non applicabile
Informazioni sulla rimozione Per disinstallare un aggiornamento installato da WUSA, usare l'opzione /Uninstall setup oppure fare clic su Pannello di controllo, fare clic su Sistema e sicurezza, quindi in Windows Update fare clic su Visualizza aggiornamenti installati e selezionare dall'elenco degli aggiornamenti.
Informazioni sui file Vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 2482017
Verifica della chiave del Registro di sistema Nota Una chiave del Registro di sistema non esiste per convalidare la presenza di questo aggiornamento.

Informazioni sulla distribuzione

Installazione dell'aggiornamento

Quando si installa questo aggiornamento della sicurezza, il programma di installazione verifica se uno o più file aggiornati nel sistema sono stati aggiornati in precedenza da un hotfix Microsoft.

Per altre informazioni sulla terminologia visualizzata in questo bollettino, ad esempio l'hotfix, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 824684.

Questo aggiornamento della sicurezza supporta le opzioni di installazione seguenti.

Switch Descrizione
/?, /h, /help Visualizza la Guida sulle opzioni supportate.
/quiet Elimina la visualizzazione di messaggi di stato o di errore.
/norestart Se combinato con /quiet, il sistema non verrà riavviato dopo l'installazione anche se è necessario un riavvio per completare l'installazione.
/warnrestart:<seconds> Se combinato con /quiet, il programma di installazione avvisa l'utente prima di avviare il riavvio.
/promptrestart Se combinato con /quiet, il programma di installazione richiederà prima di avviare il riavvio.
/forcerestart Se combinato con /quiet, il programma di installazione chiuderà forzatamente le applicazioni e avvierà il riavvio.
/log:<nome file> Abilita la registrazione nel file specificato.
/extract:<destination> Estrae il contenuto del pacchetto nella cartella di destinazione.
/uninstall /kb:<KB Number> Disinstalla l'aggiornamento della sicurezza.

Nota Per altre informazioni sul programma di installazione di wusa.exe, vedere "Windows Update Stand-alone Installer" nell'articolo TechNet, Varie modifiche in Windows 7.

Verifica dell'applicazione dell'aggiornamento

  • Microsoft Baseline Security Analyzer

    Per verificare che un aggiornamento della sicurezza sia stato applicato a un sistema interessato, è possibile usare lo strumento Microsoft Baseline Security Analyzer (MBSA). Per altre informazioni, vedere la sezione Strumenti di rilevamento e distribuzione e linee guida, più indietro in questo bollettino.

  • Verifica della versione dei file

    Poiché esistono diverse edizioni di Microsoft Windows, i passaggi seguenti possono essere diversi nel sistema. In caso affermativo, vedere la documentazione del prodotto per completare questi passaggi.

    1. Fare clic su Start e quindi immettere un nome di file di aggiornamento nella casella Avvia ricerca .
    2. Quando il file viene visualizzato in Programmi, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del file e scegliere Proprietà.
    3. Nella scheda Generale confrontare le dimensioni del file con le tabelle di informazioni sui file fornite nell'articolo della Knowledge Base del bollettino.
      Nota A seconda dell'edizione del sistema operativo o dei programmi installati nel sistema, alcuni dei file elencati nella tabella delle informazioni sui file potrebbero non essere installati.
    4. È anche possibile fare clic sulla scheda Dettagli e confrontare le informazioni, ad esempio la versione del file e la data modificate, con le tabelle di informazioni sui file fornite nell'articolo della Knowledge Base del bollettino.
      Nota Attributi diversi dalla versione del file possono cambiare durante l'installazione. Il confronto di altri attributi di file con le informazioni nella tabella delle informazioni sui file non è un metodo supportato per verificare che l'aggiornamento sia stato applicato. Inoltre, in alcuni casi, i file possono essere rinominati durante l'installazione. Se le informazioni sul file o sulla versione non sono presenti, usare uno degli altri metodi disponibili per verificare l'installazione degli aggiornamenti.
    5. Infine, è anche possibile fare clic sulla scheda Versioni precedenti e confrontare le informazioni sul file per la versione precedente del file con le informazioni sul file nuovo o aggiornato versione del file.

Altre informazioni

Riconoscimenti

Microsoft ringrazia quanto segue per collaborare a proteggere i clienti:

  • Yuki Chen of Trend Micro per segnalare la vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata (CVE-2011-0035)
  • SkyLined di Google Inc. per la segnalazione della vulnerabilità di danneggiamento della memoria non inizializzata (CVE-2011-0036)
  • Haifei Li of FortiGuard Labs per segnalare la vulnerabilità di caricamento della libreria non sicura di Internet Explorer (CVE-2011-0038)

Microsoft Active Protections Program (MAPP)

Per migliorare le protezioni di sicurezza per i clienti, Microsoft fornisce informazioni sulle vulnerabilità ai principali provider di software di sicurezza in anticipo di ogni versione mensile dell'aggiornamento della sicurezza. I provider di software di sicurezza possono quindi usare queste informazioni sulla vulnerabilità per fornire protezioni aggiornate ai clienti tramite il software o i dispositivi di sicurezza, ad esempio antivirus, sistemi di rilevamento delle intrusioni basati sulla rete o sistemi di prevenzione delle intrusioni basati su host. Per determinare se le protezioni attive sono disponibili dai provider di software di sicurezza, visitare i siti Web delle protezioni attive forniti dai partner del programma, elencati in Microsoft Active Protections Program (MAPP).

Supporto tecnico

  • I clienti negli Stati Uniti e in Canada possono ricevere supporto tecnico dal supporto per la sicurezza o da 1-866-PCSAFETY. Non sono previsti addebiti per le chiamate di supporto associate agli aggiornamenti della sicurezza. Per altre informazioni sulle opzioni di supporto disponibili, vedere Guida e supporto tecnico Microsoft.
  • I clienti internazionali possono ricevere supporto dalle filiali Microsoft locali. Non è previsto alcun addebito per il supporto associato agli aggiornamenti della sicurezza. Per altre informazioni su come contattare Microsoft per i problemi di supporto, visitare il sito Web del supporto internazionale.

Dichiarazione di non responsabilità

Le informazioni fornite nella Microsoft Knowledge Base vengono fornite "così com'è" senza garanzia di alcun tipo. Microsoft dichiara tutte le garanzie, espresse o implicite, incluse le garanzie di commerciabilità e idoneità per uno scopo specifico. In nessun caso, Microsoft Corporation o i suoi fornitori saranno responsabili di qualsiasi danno, incluso diretto, indiretto, accidentale, consequenziale, perdita di profitti aziendali o danni speciali, anche se Microsoft Corporation o i suoi fornitori sono stati informati della possibilità di tali danni. Alcuni stati non consentono l'esclusione o la limitazione della responsabilità per danni consequenziali o accidentali, pertanto la limitazione precedente potrebbe non essere applicata.

Revisioni

  • V1.0 (8 febbraio 2011): Bollettino pubblicato.
  • V2.0 (8 marzo 2011): chiarimento sul software interessato da includere Windows 7 per sistemi a 32 bit Service Pack 1, Windows 7 per sistemi basati su x64 Service Pack 1, Windows Server 2008 R2 per sistemi basati su x64 Service Pack 1 e Windows Server 2008 R2 per Sistemi basati su Itanium Service Pack 1. Vedere la voce nella sezione Domande frequenti correlate a questo aggiornamento della sicurezza, che illustra questa revisione.

Costruito al 2014-04-18T13:49:36Z-07:00