Connettersi a MongoDB e gestirlo in Microsoft Purview

Questo articolo illustra come registrare MongoDB e come eseguire l'autenticazione e interagire con MongoDB in Microsoft Purview. Per altre informazioni su Microsoft Purview, vedere l'articolo introduttivo.

Funzionalità supportate

Estrazione dei metadati Analisi completa Analisi incrementale Analisi con ambito Classificazione Applicazione di etichette Criteri di accesso Lignaggio Condivisione dei dati Visualizzazione dinamica
No No No No No No No

Le versioni di MongoDB supportate sono da 2.6 a 5.1.

Durante l'analisi dell'origine MongoDB, Microsoft Purview supporta l'estrazione di metadati tecnici, tra cui:

  • Server
  • Database
  • Raccolte che includono lo schema
  • Visualizzazioni che includono lo schema

Durante l'analisi, Microsoft Purview recupera e analizza i documenti di esempio per dedurre lo schema di raccolta/visualizzazione. Le dimensioni del campione sono configurabili.

Quando si configura l'analisi, è possibile scegliere di analizzare completamente uno o più database MongoDB o definire un ulteriore ambito per l'analisi a un sottoinsieme di raccolte corrispondenti ai nomi o ai modelli di nomi specificati.

Limitazioni note

Quando l'oggetto viene eliminato dall'origine dati, attualmente l'analisi successiva non rimuove automaticamente l'asset corrispondente in Microsoft Purview.

Prerequisiti

Registrazione

Questa sezione descrive come registrare MongoDB in Microsoft Purview usando il portale di governance di Microsoft Purview.

Passaggi per la registrazione

Per registrare una nuova origine MongoDB nel catalogo dati, eseguire le operazioni seguenti:

  1. Passare all'account Microsoft Purview nel portale di governance di Microsoft Purview.
  2. Selezionare Mappa dati nel riquadro di spostamento a sinistra.
  3. Selezionare Registra
  4. In Registra origini selezionare MongoDB. Selezionare Continua.

Nella schermata Registra origini (MongoDB) eseguire le operazioni seguenti:

  1. Immettere un nome in cui l'origine dati verrà elencata all'interno del catalogo.

  2. Immettere il nome del server . Specificare un nome per identificare in modo univoco l'istanza di MongoDB nell'azienda. Ad esempio, host per la distribuzione autonoma, MyReplicaSetName per il set di repliche, MyClusterName per il cluster partizionato. Questo valore verrà usato nel nome completo dell'asset e non può essere modificato.

  3. Selezionare una raccolta o crearne una nuova (facoltativa).

  4. Completare la registrazione dell'origine dati.

    opzioni di registrazione delle origini

Analisi

Seguire la procedura seguente per analizzare MongoDB per identificare automaticamente gli asset. Per altre informazioni sull'analisi in generale, vedere l'introduzione alle analisi e all'inserimento.

Autenticazione per un'analisi

Il tipo di autenticazione supportato per un'origine MongoDB è l'autenticazione di base.

Creare ed eseguire l'analisi

Per creare ed eseguire una nuova analisi, eseguire le operazioni seguenti:

  1. Nel Centro gestione selezionare Runtime di integrazione. Assicurarsi che sia configurato un runtime di integrazione self-hosted. Se non è configurato, usare i passaggi indicati qui per creare un runtime di integrazione self-hosted.

  2. Passare a Origini.

  3. Selezionare l'origine MongoDB registrata.

  4. Selezionare + Nuova analisi.

  5. Specificare i dettagli seguenti:

    1. Nome: nome dell'analisi

    2. Connettersi tramite il runtime di integrazione: selezionare il runtime di integrazione self-hosted usato per eseguire l'analisi.

    3. Credenziali: selezionare le credenziali per connettersi all'origine dati. Assicurarsi di:

      • Selezionare Autenticazione di base durante la creazione di credenziali.
      • Specificare il nome utente usato per connettersi a MongoDB nel campo di input Nome utente.
      • Archiviare la password utente usata per connettersi a MongoDB nella chiave privata.
    4. Stringa di connessione: specificare la stringa di connessione MongoDB usata per connettersi a MongoDB, escludendo il nome utente e la password. Ad esempio, mongodb://mongodb0.example.com:27017,mongodb1.example.com:27017/?replicaSet=myRepl.

    5. Database: specificare un elenco di database MongoDB da importare. L'elenco può avere uno o più nomi di database separati da punto e virgola (;), ad esempio database1; database2.

    6. Raccolte: sottoinsieme di raccolte da importare espresso come elenco di raccolte delimitato da punto e virgola, ad esempio collection1; collection2. Tutte le raccolte vengono importate se l'elenco è vuoto.

      I modelli di nomi di raccolta accettabili che usano la sintassi delle espressioni SQL LIKE includono l'uso di %. Ad esempio: : A%; %B; %C%; D

      • Iniziare con A o
      • Terminare con B o
      • Contengono C o
      • Uguale a D

      L'utilizzo di NOT e caratteri speciali non è accettabile.

    7. Numero di documenti di esempio: numero di documenti di esempio da analizzare per l'estrazione dello schema. Il valore predefinito è 10.

    8. Memoria massima disponibile (applicabile quando si usa il runtime di integrazione self-hosted): memoria massima (in GB) disponibile nella macchina virtuale del cliente da usare per l'analisi dei processi. Dipende dalle dimensioni dell'origine MongoDB da analizzare.

      scan MongoDB

  6. Selezionare Test connessione per convalidare le configurazioni.

  7. Selezionare Continua.

  8. Scegliere il trigger di analisi. È possibile configurare una pianificazione o eseguire l'analisi una sola volta.

  9. Esaminare l'analisi e selezionare Salva ed esegui.

Visualizzare le analisi e le esecuzioni di analisi

Per visualizzare le analisi esistenti:

  1. Passare al portale di governance di Microsoft Purview. Nel riquadro sinistro selezionare Mappa dati.
  2. Selezionare l'origine dati. È possibile visualizzare un elenco di analisi esistenti nell'origine dati in Analisi recenti oppure è possibile visualizzare tutte le analisi nella scheda Analisi .
  3. Selezionare l'analisi con i risultati che si desidera visualizzare. Il riquadro mostra tutte le esecuzioni di analisi precedenti, insieme allo stato e alle metriche per ogni esecuzione dell'analisi.
  4. Selezionare l'ID di esecuzione per controllare i dettagli dell'esecuzione dell'analisi.

Gestire le analisi

Per modificare, annullare o eliminare un'analisi:

  1. Passare al portale di governance di Microsoft Purview. Nel riquadro sinistro selezionare Mappa dati.

  2. Selezionare l'origine dati. È possibile visualizzare un elenco di analisi esistenti nell'origine dati in Analisi recenti oppure è possibile visualizzare tutte le analisi nella scheda Analisi .

  3. Selezionare l'analisi da gestire. È quindi possibile eseguire automaticamente le seguenti azioni:

    • Modificare l'analisi selezionando Modifica analisi.
    • Annullare un'analisi in corso selezionando Annulla esecuzione analisi.
    • Eliminare l'analisi selezionando Elimina analisi.

Nota

  • L'eliminazione dell'analisi non elimina gli asset del catalogo creati dalle analisi precedenti.
  • L'asset non verrà più aggiornato con le modifiche dello schema se la tabella di origine è stata modificata e la tabella di origine viene analizzata di nuovo dopo aver modificato la descrizione nella scheda Schema di Microsoft Purview.

Passaggi successivi

Dopo aver registrato l'origine, seguire le guide seguenti per altre informazioni su Microsoft Purview e i dati.