Aggiungere indirizzi IP pubblici

In questo articolo si fa riferimento a indirizzi esterni come indirizzi IP pubblici. Nel contesto dell'hub di Azure Stack, un indirizzo IP pubblico è un indirizzo IP accessibile dall'esterno dell'hub di Azure Stack. Se la rete esterna è internet pubblica instradabile o si trova in una intranet e usa spazio indirizzi privato non importa a scopo di questo articolo, i passaggi sono gli stessi.

Anche se è possibile configurare più pool IP, non sarà possibile selezionare il pool usato per allocare indirizzi IP pubblici. L'hub di Azure Stack considera tutti i pool IP come uno. Gli indirizzi IP provenienti da tutti i pool aggiuntivi vengono allocati solo dopo l'esaurimento degli indirizzi IP nei pool esistenti. Quando si crea una risorsa di rete, non è possibile selezionare un indirizzo IP pubblico specifico per l'assegnazione, ma una volta assegnato può essere reso statico.

Importante

I passaggi descritti in questo articolo si applicano solo ai sistemi distribuiti usando il toolkit partner versione 1809 o successiva. I sistemi distribuiti prima della versione 1809 richiedono l'aggiornamento degli elenchi di controllo di accesso (ACL) top-of-rack (TOR) per consentire l'aggiornamento del nuovo intervallo di pool VIP pubblico. Se si eseguono configurazioni di commutatori precedenti, usare l'OEM per aggiungere gli ACL CONSENTITi appropriati per il nuovo pool IP pubblico o riconfigurare il commutatore usando il toolkit partner più recente per impedire l'blocco dei nuovi indirizzi IP pubblici.

Aggiungere un pool di indirizzi IP pubblici

È possibile aggiungere indirizzi IP pubblici al sistema dell'hub di Azure Stack in qualsiasi momento dopo la distribuzione iniziale del sistema dell'hub di Azure Stack. Le dimensioni di rete in questa subnet per il nuovo pool IP pubblico possono variare da un minimo di /26 (64 host) a un massimo di /22 (1022 host). È consigliabile pianificare una rete /24. Vedere come visualizzare l'utilizzo degli indirizzi IP pubblici per visualizzare l'utilizzo corrente e la disponibilità degli indirizzi IP pubblici nell'hub di Azure Stack.

A livello generale, il processo di aggiunta di un nuovo blocco di indirizzi IP pubblici all'hub di Azure Stack è simile al seguente:

Aggiungere il flusso IP

Ottenere il blocco di indirizzi dal proprio provider

Per prima cosa è necessario eseguire questa operazione per ottenere il blocco di indirizzi che si vuole aggiungere all'hub di Azure Stack. A seconda della posizione in cui si ottiene il blocco di indirizzi, prendere in considerazione il lead time e gestirlo rispetto alla frequenza con cui si usano gli indirizzi IP pubblici nell'hub di Azure Stack.

Importante

L'hub di Azure Stack accetta qualsiasi blocco di indirizzi specificato se è un blocco di indirizzi valido e non si sovrappone a un intervallo di indirizzi esistente nell'hub di Azure Stack. Assicurarsi di ottenere un blocco di indirizzi valido che sia instradabile e non sovrapposto con la rete esterna a cui è connesso l'hub di Azure Stack. Dopo aver aggiunto l'intervallo all'hub di Azure Stack, non è possibile rimuoverlo senza assistenza di supporto tecnico Microsoft. È possibile rimuovere solo pool IP specificati dopo la distribuzione. L'intervallo di pool IP specificato durante la distribuzione non può essere modificato o rimosso; Se è necessario modificare l'intervallo di pool IP originale, è necessario ridistribuire un ridistribuimento del timbro.

Aggiungere l'intervallo di indirizzi IP all'hub di Azure Stack

  1. In un browser passare al dashboard del portale di amministrazione. Per questo esempio, si userà https://adminportal.local.azurestack.external.
  2. Accedere al portale dell'amministratore dell'hub di Azure Stack come operatore cloud.
  3. Nel dashboard predefinito individuare l'elenco Gestione aree e selezionare l'area da gestire. Per questo esempio si userà l'area locale.
  4. Trovare il riquadro Provider di risorse e fare clic sul provider di risorse di rete.
  5. Fare clic sul riquadro dei pool IP pubblici.
  6. Fare clic sul pulsante Aggiungi pool IP.
  7. Specificare un nome per il pool IP. Il nome scelto consente di identificare facilmente il pool IP. Non è possibile usare un carattere speciale come "/" in questo campo. È consigliabile usare un nome uguale a quello dell'intervallo di indirizzi, ma non è obbligatorio.
  8. Immettere il blocco di indirizzi da aggiungere nella notazione CIDR. Ad esempio: 192.168.203.0/24
  9. Quando si specifica un intervallo CIDR valido nel campo Intervallo di indirizzi (blocco CIDR) i campi Indirizzo IP iniziale, indirizzo IP finale e Indirizzi IP disponibili vengono compilati automaticamente. Sono di sola lettura e generati automaticamente in modo da non poter modificare questi campi senza modificare anche il valore nel campo Intervallo indirizzi.
  10. Dopo aver esaminato le informazioni nel pannello e verificato che tutto sia corretto, selezionare Ok per eseguire il commit della modifica e aggiungere l'intervallo di indirizzi all'hub di Azure Stack.

Passaggi successivi

Esaminare le azioni del nodo unità di scalabilità.