Guida alla migrazione: Da Oracle a Istanza gestita di SQL di Azure

Si applica a: Istanza gestita di SQL di Azure

Questa guida illustra come eseguire la migrazione degli schemi Oracle a Istanza gestita di SQL di Azure usando SQL Server Migration Assistant per Oracle.

Per altre guide alla migrazione, vedere Guide alla migrazione del database di Azure.

Prerequisiti

Prima di iniziare la migrazione dello schema Oracle a Istanza gestita di SQL:

Pre-migrazione

Una volta soddisfatti i prerequisiti, si è pronti per individuare la topologia dell'ambiente e valutare la fattibilità della migrazione. Questa parte del processo comporta l'esecuzione di un inventario dei database di cui è necessario eseguire la migrazione, la valutazione di tali database per potenziali problemi di migrazione o blocchi e la risoluzione di eventuali elementi che potrebbero essere stati scoperti.

Valutazione

Usando SSMA per Oracle, è possibile esaminare gli oggetti e i dati del database, valutare i database per la migrazione, eseguire la migrazione di oggetti di database a Istanza gestita di SQL e infine eseguire la migrazione dei dati al database.

Per creare una valutazione:

  1. Aprire SSMA per Oracle.

  2. Selezionare File e quindi New Project.

  3. Immettere un nome di progetto e un percorso in cui salvare il progetto. Selezionare quindi Istanza gestita di SQL di Azure come destinazione della migrazione dall'elenco a discesa e selezionare OK.

    Screenshot che mostra New Project.

  4. Selezionare Connetti a Oracle. Immettere i valori per i dettagli della connessione Oracle nella finestra di dialogo Connetti a Oracle .

    Screenshot che mostra Connect to Oracle (Connetti a Oracle).

  5. Selezionare gli schemi Oracle di cui si vuole eseguire la migrazione.

    Screenshot che mostra la selezione dello schema Oracle.

  6. In Esplora metadati Oracle fare clic con il pulsante destro del mouse sullo schema Oracle di cui eseguire la migrazione e quindi scegliere Crea report per generare un report HTML. È invece possibile selezionare un database e quindi selezionare la scheda Crea report .

    Screenshot che mostra Create Report.

  7. Leggere il report HTML per esaminare le statistiche di conversione e gli eventuali errori o avvisi. È anche possibile aprire il report in Excel per ottenere un inventario degli oggetti Oracle e il lavoro necessario per eseguire le conversioni dello schema. La posizione predefinita del report è la cartella report all'interno di SSMAProjects.

    Ad esempio, vedere drive:\<username>\Documents\SSMAProjects\MyOracleMigration\report\report_2020_11_12T02_47_55\.

    Screenshot che mostra un report di valutazione.

Convalidare i tipi di dati

Convalidare i mapping dei tipi di dati predefiniti e modificarli in base ai requisiti, se necessario. A questo scopo, attenersi alla procedura seguente:

  1. In SSMA per Oracle selezionare Strumenti e quindi Impostazioni progetto.

  2. Selezionare la scheda Type Mapping.

    Screenshot che mostra Type Mapping.

  3. È possibile modificare il mapping dei tipi per ogni tabella selezionando la tabella in Esplora metadati Oracle.

Convertire lo schema

Per convertire lo schema:

  1. (Facoltativo) Aggiungere query dinamiche o ad hoc alle istruzioni. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nodo e quindi scegliere Aggiungi istruzioni.

  2. Selezionare la scheda Connetti a Istanza gestita di SQL di Azure.

    1. Immettere i dettagli di connessione per connettere il database in database SQL Istanza gestita.
    2. Selezionare il database di destinazione dall'elenco a discesa oppure immettere un nuovo nome. In questo caso verrà creato un database nel server di destinazione.
    3. Immettere i dettagli di autenticazione e selezionare Connetti.

    Screenshot che mostra Connetti a Istanza gestita di SQL di Azure.

  3. In Oracle Metadata Explorer fare clic con il pulsante destro del mouse sullo schema Oracle e quindi scegliere Converti schema. In alternativa, è possibile selezionare lo schema e quindi selezionare la scheda Converti schema .

    Screenshot che mostra Convert Schema.

  4. Al termine della conversione, confrontare ed esaminare gli oggetti convertiti con quelli originali per identificare i potenziali problemi e risolverli in base alle raccomandazioni.

    Screenshot che mostra il confronto tra le raccomandazioni della tabella.

  5. Confrontare il testo Transact-SQL convertito con il codice originale ed esaminare le raccomandazioni.

    Screenshot che mostra il confronto tra le raccomandazioni relative alle procedure.

  6. Nel riquadro di output selezionare Review results ed esaminare gli errori nel riquadro Error List.

  7. Salvare il progetto in locale per un esercizio di correzione dello schema offline. Scegliere Save Project dal menu File. Questo passaggio offre la possibilità di valutare gli schemi di origine e di destinazione offline ed eseguire la correzione prima di pubblicare lo schema in Istanza gestita di SQL.

Migrate

Dopo aver completato la valutazione dei database e corretto eventuali discrepanze, il passaggio successivo consiste nell'eseguire il processo di migrazione. La migrazione prevede due passaggi: la pubblicazione dello schema e la migrazione dei dati.

Per pubblicare lo schema ed eseguire la migrazione dei dati:

  1. Pubblicare lo schema facendo clic con il pulsante destro del mouse sul database dal nodo Database in Istanza gestita di SQL di Azure Esplora metadati e scegliendo Sincronizza con database.

    Screenshot che mostra Synchronize with Database.

  2. Esaminare il mapping tra il progetto di origine e la destinazione.

    Screenshot che mostra La sincronizzazione con la revisione del database.

  3. Eseguire la migrazione dei dati facendo clic con il pulsante destro del mouse sullo schema o sull'oggetto di cui si vuole eseguire la migrazione in Esplora metadati Oracle e scegliendo Esegui migrazione dati. In alternativa, è possibile selezionare la scheda Esegui migrazione dati . Per eseguire la migrazione dei dati per un intero database, selezionare la casella di controllo accanto al nome del database. Per eseguire la migrazione dei dati da singole tabelle, espandere il database, espandere Tabelle e quindi selezionare le caselle di controllo accanto alle tabelle. Per omettere i dati dalle singole tabelle, deselezionare le caselle di controllo.

    Screenshot che mostra Migrate Data.

  4. Immettere i dettagli di connessione per Oracle e Istanza gestita di SQL.

  5. Al termine della migrazione, visualizzare il report di migrazione dei dati.

    Screenshot che mostra il report sulla migrazione dei dati.

  6. Connettersi all'istanza di Istanza gestita di SQL usando SQL Server Management Studio e convalidare la migrazione esaminando i dati e lo schema.

    Screenshot che mostra la convalida in SSMA per Oracle.

In alternativa, è anche possibile usare SQL Server Integration Services per eseguire la migrazione. Per altre informazioni, vedere:

Post-migrazione

Dopo aver completato la fase di migrazione, è necessario completare una serie di attività post-migrazione per assicurarsi che tutto funzioni nel modo più corretto ed efficiente possibile.

Correggere le applicazioni

Dopo la migrazione dei dati nell'ambiente di destinazione, tutte le applicazioni che in precedenza usavano l'origine devono iniziare a usare la destinazione. Questa operazione richiederà modifiche alle applicazioni in alcuni casi.

Il Data Access Migration Toolkit è un'estensione per Visual Studio Code che consente di analizzare il codice sorgente Java e rilevare le chiamate e le query dell'API di accesso ai dati. Il toolkit offre una visualizzazione a riquadro singolo di ciò che deve essere indirizzato per supportare il nuovo back-end del database. Per altre informazioni, vedere il post di blog Eseguire la migrazione dell'applicazione Java da Oracle .

Eseguire test

L'approccio di test per la migrazione del database prevede le attività seguenti:

  1. Sviluppare i test di convalida: per testare la migrazione del database, è necessario usare query SQL. È necessario creare le query di convalida da eseguire sia sul database di origine che su quello di destinazione. Le query di convalida devono essere estese all'ambito definito.
  2. Configurare un ambiente di test: l'ambiente di test deve contenere una copia del database di origine e del database di destinazione. Assicurarsi di isolare l'ambiente di test.
  3. Eseguire i test di convalida: eseguire i test di convalida sull'origine e sulla destinazione, quindi analizzare i risultati.
  4. Eseguire test delle prestazioni: eseguire test delle prestazioni sull'origine e sulla destinazione, quindi analizzare e confrontare i risultati.

Convalidare gli oggetti migrati

Microsoft SQL Server Migration Assistant per Oracle Tester (SSMA Tester) consente di testare gli oggetti di database migrati. Il tester di SSMA viene usato per verificare che gli oggetti convertiti si comportino nello stesso modo.

Crea test case

  1. Aprire SSMA per Oracle, selezionare Tester e quindi Nuovo test case.

    Screenshot che mostra il nuovo test case.

  2. Nella procedura guidata Test Case specificare le informazioni seguenti:

    Nome: Immettere il nome per identificare il test case.

    Data di creazione: Data corrente di oggi, definita automaticamente.

    Data ultima modifica: La compilazione automatica non deve essere modificata.

    Descrizione: Immettere eventuali informazioni aggiuntive per identificare lo scopo del test case.

    Screenshot che mostra il passaggio per inizializzare un test case.

  3. Selezionare gli oggetti che fanno parte del test case dall'albero degli oggetti Oracle che si trova sul lato sinistro.

    Screenshot che mostra il passaggio per selezionare e configurare l'oggetto.

    In questo esempio viene selezionata la stored procedure ADD_REGION e la tabella REGION .

    Per altre informazioni, vedere Selezione e configurazione di oggetti da testare.

  4. Selezionare quindi le tabelle, le chiavi esterne e altri oggetti dipendenti dall'albero degli oggetti Oracle nella finestra sinistra.

    Screenshot che mostra il passaggio per selezionare e configurare l'oggetto interessato.

    Per altre informazioni, vedere Selezione e configurazione degli oggetti interessati.

  5. Esaminare la sequenza di valutazione degli oggetti. Modificare l'ordine facendo clic sui pulsanti nella griglia.

    Screenshot che mostra il passaggio per l'esecuzione dell'oggetto di test della sequenza.

  6. Finalizzare il test case esaminando le informazioni fornite nei passaggi precedenti. Configurare le opzioni di esecuzione dei test in base allo scenario di test.

    Screenshot che mostra il passaggio per finalizzare l'oggetto.

    Per altre informazioni sulle impostazioni del test case, Completamento della preparazione del test case

  7. Fare clic su Fine per creare il test case.

    Screenshot che mostra il passaggio per testare il repository.

Eseguire il test case

Quando SSMA Tester esegue un test case, il motore di test esegue gli oggetti selezionati per il test e genera un report di verifica.

  1. Selezionare il test case dal repository di test e quindi fare clic su Esegui.

    Screenshot che mostra per esaminare il repository di test.

  2. Esaminare il test case di avvio e fare clic su Esegui.

    Screenshot che mostra il passaggio per avviare il test case.

  3. Specificare quindi le credenziali di origine Oracle. Fare clic su Connetti dopo aver immesso le credenziali.

    Screenshot che mostra il passaggio per connettersi all'origine Oracle.

  4. Specificare le credenziali SQL Server di destinazione e fare clic su Connetti.

    Screenshot che mostra il passaggio per connettersi alla destinazione SQL.

    In caso di esito positivo, il test case passa alla fase di inizializzazione.

  5. Un indicatore di stato in tempo reale mostra lo stato di esecuzione dell'esecuzione del test.

    Screenshot che mostra lo stato di avanzamento del test del tester.

  6. Esaminare il report al termine del test. Il report fornisce le statistiche, gli eventuali errori durante l'esecuzione del test e un report dettagliato.

    Screenshot che mostra un report di test di tester di esempio

  7. Fare clic sui dettagli per ottenere altre informazioni.

    Esempio di convalida dei dati positivi.

    Screenshot che mostra un report di esempio sull'esito positivo del tester.

    Esempio di convalida dei dati non riuscita.

    Screenshot che mostra il report degli errori del tester.

Ottimizzazione

La fase di post-migrazione è fondamentale per riconciliare eventuali problemi di accuratezza dei dati e verificarne la completezza, nonché per risolvere possibili problemi di prestazioni con il carico di lavoro.

Nota

Per altre informazioni su questi problemi e sulle procedure per correggerli, vedere la Guida alla convalida e all'ottimizzazione post-migrazione.

Risorse per la migrazione

Per ulteriore assistenza sul completamento di questo scenario di migrazione, vedere le risorse seguenti. Sono state sviluppate a supporto di un progetto di migrazione reale.

Titolo/collegamento Descrizione
Strumento e modello di valutazione dei carichi di lavoro dei dati Questo strumento indica le piattaforme di destinazione "più idonee" suggerite, la preparazione per il cloud e il livello di correzione di applicazioni o database per un determinato carico di lavoro. Offre funzionalità semplici e accessibili con un solo clic per l'esecuzione di calcoli e la generazione di report, che consentono di accelerare le valutazioni in ambienti estesi grazie a un processo decisionale automatizzato e uniforme per la piattaforma di destinazione.
Artefatti dello script di inventario Oracle Questo asset include una query PL/SQL che raggiunge le tabelle di sistema Oracle e fornisce un conteggio degli oggetti in base al tipo di schema, al tipo di oggetto e allo stato. Fornisce inoltre una stima approssimativa dei dati non elaborati in ogni schema e il ridimensionamento delle tabelle in ogni schema, con i risultati archiviati in un formato CSV.
Automatizzare il consolidamento della raccolta & di valutazioni Oracle di SSMA Questo set di risorse usa un file .csv come voce (sources.csv nelle cartelle di progetto) per produrre i file XML necessari per eseguire una valutazione SSMA in modalità console. Il source.csv viene fornito dal cliente in base a un inventario delle istanze Oracle esistenti. I file di output sono AssessmentReportGeneration_source_1.xml, ServersConnectionFile.xml e VariableValueFile.xml.
Istanza gestita da Oracle a SQL - Utilità di confronto del database SSMA per Oracle Tester è lo strumento consigliato per convalidare automaticamente la conversione degli oggetti di database e la migrazione dei dati ed è un superset della funzionalità Confronto database.

Se si sta cercando un'opzione di convalida dei dati alternativa, è possibile usare l'utilità Confronto database per confrontare i dati fino al livello di riga o di colonna in tutte le tabelle, le righe e le colonne selezionate.

Queste risorse sono state progettate dal team di progettazione dei dati di SQL. L'obiettivo principale di questo team consiste nello sbloccare e accelerare la modernizzazione complessa per i progetti di migrazione della piattaforma dati alla piattaforma dati di Microsoft Azure.

Passaggi successivi