Appliance Azure Migrate

Questo articolo riepiloga i prerequisiti e i requisiti di supporto per l'appliance di Azure Migrate.

Scenari di distribuzione

L'appliance di Azure Migrate viene usata negli scenari seguenti.

Scenario Strumento Usato per
Individuazione e valutazione dei server in esecuzione nell'ambiente VMware Azure Migrate: individuazione e valutazione Individuare i server in esecuzione nell'ambiente VMware

Eseguire l'individuazione dell'inventario software installato, ASP.NET app Web, istanze e database SQL Server e analisi delle dipendenze senza agente.

Raccogliere i metadati di configurazione e prestazioni del server per le valutazioni.
Migrazione senza agente di server in esecuzione nell'ambiente VMware Azure Migrate: Migrazione server Individuare i server in esecuzione nell'ambiente VMware.

Replicare i server senza installare alcun agente in essi.
Individuazione e valutazione dei server in esecuzione nell'ambiente Hyper-V Azure Migrate: individuazione e valutazione Individuare i server in esecuzione nell'ambiente Hyper-V.

Eseguire l'individuazione dell'inventario software installato, delle istanze e dei database SQL Server e dell'analisi delle dipendenze senza agente.

Raccogliere i metadati di configurazione e prestazioni del server per le valutazioni.
Individuazione e valutazione di server fisici o virtualizzati in locale Azure Migrate: individuazione e valutazione Individuare server fisici o virtualizzati in locale.

Eseguire l'individuazione dell'inventario software installato, ASP.NET app Web, istanze e database SQL Server e analisi delle dipendenze senza agente.

Raccogliere i metadati di configurazione e prestazioni del server per le valutazioni.

Metodi di distribuzione

L'appliance può essere distribuita usando due metodi:

  • L'appliance può essere distribuita usando un modello per i server in esecuzione in ambiente VMware o Hyper-V (modello OVA per VMware o VHD per Hyper-V).
  • Se non si vuole usare un modello, è possibile distribuire l'appliance per L'ambiente VMware o Hyper-V usando uno script del programma di installazione di PowerShell.
  • In Azure per enti pubblici è necessario distribuire l'appliance usando uno script del programma di installazione di PowerShell. Vedere i passaggi della distribuzione qui.
  • Per i server fisici o virtualizzati in locale o in qualsiasi altro cloud, si distribuisce sempre l'appliance usando uno script del programma di installazione di PowerShell. Vedere i passaggi della distribuzione qui.
  • I collegamenti di download sono disponibili nelle tabelle seguenti.

Servizi appliance

L'appliance include i servizi seguenti:

  • Gestione configurazione appliance: si tratta di un'applicazione Web, che può essere configurata con i dettagli di origine per avviare l'individuazione e la valutazione dei server.
  • Agente di individuazione: l'agente raccoglie i metadati di configurazione del server, che possono essere usati per creare come valutazioni locali.
  • Agente di valutazione: l'agente raccoglie i metadati delle prestazioni del server, che possono essere usati per creare valutazioni basate sulle prestazioni.
  • Servizio di aggiornamento automatico: il servizio mantiene aggiornati tutti gli agenti in esecuzione nell'appliance. Viene eseguito automaticamente una volta ogni 24 ore.
  • Agente di individuazione e valutazione SQL: invia i metadati di configurazione e prestazioni di istanze e database SQL Server ad Azure.
  • Agente DRA: orchestra la replica del server e coordina la comunicazione tra server replicati e Azure. Usato solo quando si replicano i server in Azure usando la migrazione senza agente.
  • Gateway: invia i dati replicati ad Azure. Usato solo quando si replicano i server in Azure usando la migrazione senza agente.
  • Agente di individuazione e valutazione delle app Web: invia i dati di configurazione delle app Web ad Azure.

Nota

Gli ultimi 3 servizi sono disponibili solo nell'appliance usata per l'individuazione e la valutazione dei server in esecuzione nell'ambiente VMware.

Appliance - VMware

La tabella seguente riepiloga i requisiti dell'appliance di Azure Migrate per VMware.

Requisito VMware
Autorizzazioni Per accedere a Gestione configurazione appliance in locale o in remoto, è necessario disporre di un account utente locale o di dominio con privilegi amministrativi nel server dell'appliance.
Servizi appliance L'appliance include i servizi seguenti:

- Gestione configurazione appliance: si tratta di un'applicazione Web che può essere configurata con i dettagli di origine per avviare l'individuazione e la valutazione dei server.
- Agente di individuazione VMware: l'agente raccoglie i metadati di configurazione del server che possono essere usati per creare come valutazioni locali.
- Agente di valutazione VMware: l'agente raccoglie i metadati delle prestazioni del server che possono essere usati per creare valutazioni basate sulle prestazioni.
- Servizio di aggiornamento automatico: il servizio mantiene aggiornati tutti gli agenti in esecuzione nell'appliance. Viene eseguito automaticamente una volta ogni 24 ore.
- Agente DRA: orchestra la replica del server e coordina la comunicazione tra server replicati e Azure. Usato solo quando si replicano i server in Azure usando la migrazione senza agente.
- Gateway: invia i dati replicati ad Azure. Usato solo quando si replicano i server in Azure usando la migrazione senza agente.
- Agente di individuazione e valutazione SQL: invia i metadati di configurazione e prestazioni di istanze e database di SQL Server ad Azure.
- Agente di individuazione e valutazione delle app Web: invia i dati di configurazione delle app Web ad Azure.
Limiti di progetto Un'appliance può essere registrata solo con un singolo progetto.
Un singolo progetto può avere più appliance registrate.
Limiti dell'individuazione Un'appliance può individuare fino a 10.000 sever in esecuzione in più server vCenter.
Un'unica appliance può connettersi a un massimo di 10 server vCenter.
Distribuzione supportata Distribuire come nuovo server in esecuzione nel server vCenter usando il modello OVA.

Distribuire in un server esistente che esegue Windows Server 2016 usando lo script del programma di installazione di PowerShell.
Modello OVA Scaricare dal progetto o da qui

Le dimensioni del download sono 11,9 GB.

Il modello di appliance scaricato include una licenza di valutazione di Windows Server 2016 valida per 180 giorni.
Se il periodo di valutazione è vicino alla scadenza, è consigliabile scaricare e distribuire una nuova appliance usando il modello OVA oppure attivare la licenza del sistema operativo del server appliance.
Verifica dell'app OVA Verificare il modello OVA scaricato dal progetto controllando i valori hash.
Script di PowerShell Vedere questo articolo su come distribuire un'appliance usando lo script del programma di installazione di PowerShell.

Requisiti hardware e di rete L'appliance deve essere eseguita sul server con Windows Server 2016, RAM da 32 GB, 8 vCPU, circa 80 GB di archiviazione su disco e un commutatore virtuale esterno.
L'appliance richiede l'accesso a Internet, direttamente o tramite un proxy.

Se si distribuisce l'appliance usando il modello OVA, sono necessarie risorse sufficienti nel server vCenter per creare un server che soddisfi i requisiti hardware.

Se si esegue l'appliance in un server esistente, assicurarsi che sia in esecuzione Windows Server 2016 e soddisfi i requisiti hardware.
Attualmente la distribuzione di appliance è supportata solo in Windows Server 2016.
Requisiti di VMware Se si distribuisce l'appliance come server nel server vCenter, deve essere distribuita in un server vCenter che esegue 5.5, 6.0, 6.5, 6.7 o 7.0 e un host ESXi che esegue la versione 5.5 o successiva.

VDDK (migrazione senza agente) Per usare l'appliance per la migrazione senza agente dei server, è necessario installare VDDK VDDK vMware vSphere nel server dell'appliance.

Appliance - Hyper-V

Requisito Hyper-V
Autorizzazioni Per accedere a Gestione configurazione appliance in locale o in remoto, è necessario disporre di un account utente locale o di dominio con privilegi amministrativi nel server dell'appliance.
Servizi appliance L'appliance include i servizi seguenti:

- Gestione configurazione appliance: si tratta di un'applicazione Web che può essere configurata con i dettagli di origine per avviare l'individuazione e la valutazione dei server.
- Agente di individuazione: l'agente raccoglie i metadati di configurazione del server che possono essere usati per creare come valutazioni locali.
- Agente di valutazione: l'agente raccoglie i metadati delle prestazioni del server che possono essere usati per creare valutazioni basate sulle prestazioni.
- Servizio di aggiornamento automatico: il servizio mantiene aggiornati tutti gli agenti in esecuzione nell'appliance. Viene eseguito automaticamente una volta ogni 24 ore.
- Agente di individuazione e valutazione SQL: invia i metadati di configurazione e prestazioni di istanze e database di SQL Server ad Azure.
Limiti di progetto Un'appliance può essere registrata solo con un singolo progetto.
Un singolo progetto può avere più appliance registrate.
Limiti dell'individuazione Un'appliance può individuare fino a 5000 server in esecuzione nell'ambiente Hyper-V.
Un'appliance può connettersi al massimo con 300 host Hyper-V.
Distribuzione supportata Distribuire come server in esecuzione in un host Hyper-V usando un modello VHD.

Distribuire in un server esistente che esegue Windows Server 2016 usando lo script del programma di installazione di PowerShell.
Modello di disco rigido virtuale File zip che include un disco rigido virtuale. Scaricare dal progetto o da qui.

Le dimensioni del download sono 8,91 GB.

Il modello di appliance scaricato include una licenza di valutazione di Windows Server 2016 valida per 180 giorni. Se il periodo di valutazione è vicino alla scadenza, è consigliabile scaricare e distribuire una nuova appliance oppure attivare la licenza del sistema operativo del server appliance.
Verifica del disco rigido virtuale Verificare il modello VHD scaricato dal progetto controllando i valori hash.
Script di PowerShell Vedere questo articolo su come distribuire un'appliance usando lo script del programma di installazione di PowerShell.
Requisiti hardware e di rete L'appliance deve essere eseguita sul server con Windows Server 2016, 16 GB di RAM, 8 vCPU, circa 80 GB di archiviazione su disco e un commutatore virtuale esterno.
L'appliance deve avere un indirizzo IP statico o dinamico e richiede l'accesso a Internet, direttamente o tramite un proxy.

Se si esegue l'appliance come server in esecuzione in un host Hyper-V, sono necessarie risorse sufficienti nell'host per creare un server che soddisfi i requisiti hardware.

Se si esegue l'appliance in un server esistente, assicurarsi che sia in esecuzione Windows Server 2016 e soddisfi i requisiti hardware.
Attualmente la distribuzione di appliance è supportata solo in Windows Server 2016.
Requisiti di Hyper-V Se si distribuisce l'appliance con il modello VHD, l'appliance fornita da Azure Migrate è La macchina virtuale Hyper-V versione 5.0.

L'host Hyper-V deve eseguire Windows Server 2012 R2 o una versione successiva.

Appliance - Computer fisico

Requisito Computer fisico
Autorizzazioni Per accedere a Gestione configurazione appliance in locale o in remoto, è necessario disporre di un account utente locale o di dominio con privilegi amministrativi nel server dell'appliance.
Servizi appliance L'appliance include i servizi seguenti:

- Gestione configurazione appliance: si tratta di un'applicazione Web che può essere configurata con i dettagli di origine per avviare l'individuazione e la valutazione dei server.
- Agente di individuazione: l'agente raccoglie i metadati di configurazione del server che possono essere usati per creare come valutazioni locali.
- Agente di valutazione: l'agente raccoglie i metadati delle prestazioni del server che possono essere usati per creare valutazioni basate sulle prestazioni.
- Servizio di aggiornamento automatico: il servizio mantiene aggiornati tutti gli agenti in esecuzione nell'appliance. Viene eseguito automaticamente una volta ogni 24 ore.
- Agente di individuazione e valutazione SQL: invia i metadati di configurazione e prestazioni di istanze e database di SQL Server ad Azure.
Limiti di progetto Un'appliance può essere registrata solo con un singolo progetto.
Un singolo progetto può avere più appliance registrate.
Limiti dell'individuazione Un'appliance può individuare fino a 1000 server fisici.
Distribuzione supportata Distribuire in un server esistente che esegue Windows Server 2016 usando lo script del programma di installazione di PowerShell.
Script di PowerShell Scaricare lo script (AzureMigrateInstaller.ps1) in un file zip dal progetto o da qui. Altre informazioni

Le dimensioni del download sono 85,8 MB.
Verifica dello script Verificare lo script del programma di installazione di PowerShell scaricato dal progetto controllando i valori hash.
Requisiti hardware e di rete L'appliance deve essere eseguita sul server con Windows Server 2016, 16 GB di RAM, 8 vCPU, circa 80 GB di archiviazione su disco.
L'appliance deve avere un indirizzo IP statico o dinamico e richiede l'accesso a Internet, direttamente o tramite un proxy.

Se si esegue l'appliance in un server esistente, assicurarsi che sia in esecuzione Windows Server 2016 e soddisfi i requisiti hardware.
Attualmente la distribuzione di appliance è supportata solo in Windows Server 2016.

accesso con URL

L'appliance di Azure Migrate richiede la connettività a Internet.

  • Quando si distribuisce l'appliance, Azure Migrate esegue un controllo della connettività agli URL richiesti.
  • È necessario consentire l'accesso a tutti gli URL nell'elenco. Se si esegue la valutazione solo, è possibile ignorare gli URL contrassegnati come necessari per la migrazione senza agente VMware.
  • Se si usa un proxy basato su URL per eseguire la connessione a Internet, verificare che il proxy risolva tutti i record CNAME ricevuti durante la ricerca degli URL.

URL del cloud pubblico

URL Dettagli
*.portal.azure.com Passare al portale di Azure.
*.windows.net
*.msftauth.net
*.msauth.net
*.microsoft.com
*.live.com
*.office.com
*.microsoftonline.com
*.microsoftonline-p.com
*.microsoftazuread-sso.com
Usato per il controllo di accesso e la gestione delle identità da Azure Active Directory
management.azure.com Usato per le distribuzioni e le operazioni di gestione delle risorse
*.services.visualstudio.com Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.
*.vault.azure.net Gestire i segreti in Azure Key Vault.
Nota: assicurarsi che i server da replicare abbiano accesso a questo.
aka.ms/* Consenti l'accesso a questi collegamenti; usato per scaricare e installare gli aggiornamenti più recenti per i servizi dell'appliance.
download.microsoft.com/download Consenti download dall'area download Microsoft.
*.servicebus.windows.net Comunicazione tra l'appliance e il servizio Azure Migrate.
*.discoverysrv.windowsazure.com
*.migration.windowsazure.com
Connettersi agli URL del servizio Azure Migrate.
*.hypervrecoverymanager.windowsazure.com Usato per la migrazione senza agente VMware

Connettersi agli URL del servizio Azure Migrate.
*.blob.core.windows.net Usato per la migrazione senza agente VMware

Caricare i dati nella risorsa di archiviazione per la migrazione.

URL del cloud per enti pubblici

URL Dettagli
*.portal.azure.us Passare al portale di Azure.
graph.windows.net
graph.microsoftazure.us
Accedere alla sottoscrizione di Azure.
login.microsoftonline.us Usato per il controllo di accesso e la gestione delle identità da Azure Active Directory.
management.usgovcloudapi.net Usato per le distribuzioni delle risorse e le operazioni di gestione.
*.services.visualstudio.com Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.
*.vault.usgovcloudapi.net Gestire i segreti in Azure Key Vault.
aka.ms/* Consenti l'accesso a questi collegamenti; usato per scaricare e installare gli aggiornamenti più recenti per i servizi dell'appliance.
download.microsoft.com/download Consenti download dall'area download Microsoft.
*.servicebus.usgovcloudapi.net Comunicazione tra l'appliance e il servizio Azure Migrate.
*.discoverysrv.windowsazure.us
*.migration.windowsazure.us
Connettersi agli URL del servizio Azure Migrate.
*.hypervrecoverymanager.windowsazure.us Usato per la migrazione senza agente VMware

Connettersi agli URL del servizio Azure Migrate.
*.blob.core.usgovcloudapi.net Usato per la migrazione senza agente VMware

Caricare i dati nella risorsa di archiviazione per la migrazione.
*.applicationinsights.us Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.

L'appliance deve accedere agli URL seguenti (direttamente o tramite proxy) sopra e sopra l'accesso al collegamento privato.

URL Dettagli
*.portal.azure.com Passare al portale di Azure.
*.windows.net
*.msftauth.net
*.msauth.net
*.microsoft.com
*.live.com
*.office.com
*.microsoftonline.com
*.microsoftonline-p.com
*.microsoftazuread-sso.com
Usato per il controllo di accesso e la gestione delle identità da Azure Active Directory
management.azure.com Usato per le distribuzioni e le operazioni di gestione delle risorse
*.services.visualstudio.com (facoltativo) Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.
aka.ms/* (facoltativo) Consenti l'accesso a questi collegamenti; usato per scaricare e installare gli aggiornamenti più recenti per i servizi dell'appliance.
download.microsoft.com/download Consenti download dall'area download Microsoft.
*.blob.core.windows.net (facoltativo) Questo è facoltativo e non è necessario se l'account di archiviazione ha un endpoint privato collegato.
URL Dettagli
*.portal.azure.us Passare al portale di Azure.
graph.windows.net Accedere alla sottoscrizione di Azure.
login.microsoftonline.us Usato per il controllo di accesso e la gestione delle identità da Azure Active Directory.
management.usgovcloudapi.net Usato per le distribuzioni delle risorse e le operazioni di gestione.
*.services.visualstudio.com (facoltativo) Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.
aka.ms/* (facoltativo) Consenti l'accesso a questi collegamenti; usato per scaricare e installare gli aggiornamenti più recenti per i servizi dell'appliance.
download.microsoft.com/download Consenti download dall'area download Microsoft.
*.blob.core.usgovcloudapi.net (facoltativo) Questo è facoltativo e non è necessario se l'account di archiviazione ha un endpoint privato collegato.
*.applicationinsights.us (facoltativo) Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.

URL di Azure China 21Vianet (Azure China)

URL Dettagli
*.portal.azure.cn Passare al portale di Azure.
graph.chinacloudapi.cn Accedere alla sottoscrizione di Azure.
login.microsoftonline.cn Usato per il controllo di accesso e la gestione delle identità da Azure Active Directory.
management.chinacloudapi.cn Usato per le distribuzioni e le operazioni di gestione delle risorse
*.services.visualstudio.com Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.
*.vault.chinacloudapi.cn Gestire i segreti in Azure Key Vault.
aka.ms/* Consenti l'accesso a questi collegamenti; usato per scaricare e installare gli aggiornamenti più recenti per i servizi dell'appliance.
download.microsoft.com/download Consenti download dall'area download Microsoft.
*.servicebus.chinacloudapi.cn Comunicazione tra l'appliance e il servizio Azure Migrate.
*.discoverysrv.cn2.windowsazure.cn *.cn2.prod.migration.windowsazure.cn Connettersi agli URL del servizio Azure Migrate.
*.cn2.hypervrecoverymanager.windowsazure.cn Usato per la migrazione senza agente VMware.

Connettersi agli URL del servizio Azure Migrate.
*.blob.core.chinacloudapi.cn Usato per la migrazione senza agente VMware.

Caricare i dati nella risorsa di archiviazione per la migrazione.
*.applicationinsights.azure.cn Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.

URL di Azure Cina

URL Dettagli
*.portal.azure.cn Passare al portale di Azure.
graph.chinacloudapi.cn Accedere alla sottoscrizione di Azure.
login.microsoftonline.cn Usato per il controllo di accesso e la gestione delle identità da Azure Active Directory.
management.chinacloudapi.cn Usato per le distribuzioni e le operazioni di gestione delle risorse
*.services.visualstudio.com Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.
*.vault.chinacloudapi.cn Gestire i segreti in Azure Key Vault.
aka.ms/* Consenti l'accesso a questi collegamenti; usato per scaricare e installare gli aggiornamenti più recenti per i servizi dell'appliance.
download.microsoft.com/download Consenti download dall'area download Microsoft.
*.servicebus.chinacloudapi.cn Comunicazione tra l'appliance e il servizio Azure Migrate.
*.discoverysrv.cn2.windowsazure.cn
*.cn2.prod.migration.windowsazure.cn
Connettersi agli URL del servizio Azure Migrate.
*.cn2.hypervrecoverymanager.windowsazure.cn Usato per la migrazione senza agente VMware.

Connettersi agli URL del servizio Azure Migrate.
*.blob.core.chinacloudapi.cn Usato per la migrazione senza agente VMware.

Caricare i dati nella risorsa di archiviazione per la migrazione.
*.applicationinsights.azure.cn Caricare i log dell'appliance usati per il monitoraggio interno.

Processo di individuazione e raccolta

Diagramma dell'architettura dell'appliance.

L'appliance comunica con le origini di individuazione usando il processo seguente.

Processo Appliance VMware Appliance Hyper-V Appliance fisica
Avviare l'individuazione L'appliance comunica con il server vCenter sulla porta TCP 443 per impostazione predefinita. Se il server vCenter è in ascolto su una porta diversa, è possibile configurarlo in Gestione configurazione appliance. L'appliance comunica con gli host Hyper-V sulla porta WinRM 5985 (HTTP). L'appliance comunica con i server Windows tramite la porta WinRM 5985 (HTTP) con server Linux sulla porta 22 (TCP).
Raccogliere metadati di configurazione e prestazioni L'appliance raccoglie i metadati dei server in esecuzione nei server vCenter usando le API vSphere connettendosi alla porta 443 (porta predefinita) o a qualsiasi altra porta in ascolto del server vCenter. L'appliance raccoglie i metadati dei server in esecuzione negli host Hyper-V usando una sessione CIM (Common Information Model) con host sulla porta 5985. L'appliance raccoglie i metadati dai server Windows usando la sessione CIM (Common Information Model) con server sulla porta 5985 e dai server Linux che usano la connettività SSH sulla porta 22.
Inviare dati di individuazione L'appliance invia i dati raccolti ad Azure Migrate: individuazione e valutazione e Azure Migrate: Migrazione del server sulla porta SSL 443.

L'appliance può connettersi ad Azure tramite Internet o tramite il peering privato ExpressRoute o i circuiti di peering Microsoft.
L'appliance invia i dati raccolti ad Azure Migrate: individuazione e valutazione sulla porta SSL 443.

L'appliance può connettersi ad Azure tramite Internet o tramite il peering privato ExpressRoute o i circuiti di peering Microsoft.
L'appliance invia i dati raccolti ad Azure Migrate: individuazione e valutazione sulla porta SSL 443.

L'appliance può connettersi ad Azure tramite Internet o tramite il peering privato ExpressRoute o i circuiti di peering Microsoft.
Frequenza di raccolta dati I metadati di configurazione vengono raccolti e inviati ogni 15 minuti.

I metadati delle prestazioni vengono raccolti ogni 50 minuti per inviare un punto dati ad Azure.

I dati di inventario software vengono inviati ad Azure una volta ogni 24 ore.

I dati sulle dipendenze senza agente vengono raccolti ogni 5 minuti, aggregati nell'appliance e inviati ad Azure ogni 6 ore.

I dati di configurazione SQL Server vengono aggiornati una volta ogni 24 ore e i dati sulle prestazioni vengono acquisiti ogni 30 secondi.

I dati di configurazione delle app Web vengono aggiornati una volta ogni 24 ore. I dati sulle prestazioni non vengono acquisiti per le app Web.
I metadati di configurazione vengono raccolti e inviati ogni 30 minuti.

I metadati delle prestazioni vengono raccolti ogni 30 secondi e vengono aggregati per inviare un punto dati ad Azure ogni 15 minuti.

I dati di inventario software vengono inviati ad Azure una volta ogni 24 ore.

I dati sulle dipendenze senza agente vengono raccolti ogni 5 minuti, aggregati nell'appliance e inviati ad Azure ogni 6 ore.

I dati di configurazione SQL Server vengono aggiornati una volta ogni 24 ore e i dati sulle prestazioni vengono acquisiti ogni 30 secondi.
I metadati di configurazione vengono raccolti e inviati ogni 3 ore.

I metadati delle prestazioni vengono raccolti ogni 5 minuti per inviare un punto dati ad Azure.

I dati di inventario software vengono inviati ad Azure una volta ogni 24 ore.

I dati sulle dipendenze senza agente vengono raccolti ogni 5 minuti, aggregati nell'appliance e inviati ad Azure ogni 6 ore.

I dati di configurazione SQL Server vengono aggiornati una volta ogni 24 ore e i dati sulle prestazioni vengono acquisiti ogni 30 secondi.
Valutazione e migrazione È possibile creare valutazioni dai metadati raccolti dall'appliance usando Lo strumento di individuazione e valutazione di Azure Migrate.

È anche possibile avviare la migrazione dei server in esecuzione nell'ambiente VMware usando Azure Migrate: Strumento di migrazione del server per orchestrare la replica server senza agente.
È possibile creare valutazioni dai metadati raccolti dall'appliance usando Lo strumento di individuazione e valutazione di Azure Migrate. È possibile creare valutazioni dai metadati raccolti dall'appliance usando Lo strumento di individuazione e valutazione di Azure Migrate.

Aggiornamenti dell'appliance

L'appliance viene aggiornata man mano che i servizi di Azure Migrate in esecuzione nell'appliance vengono aggiornati. Questa operazione viene eseguita in modo automatico, perché l'aggiornamento automatico è abilitato per impostazione predefinita nell'appliance. È possibile modificare questa impostazione predefinita per aggiornare manualmente i servizi dell'appliance.

Disattivare l'aggiornamento automatico

  1. Nel server che esegue l'appliance aprire l'editor del Registro di sistema.

  2. Passare a HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\AzureAppliance.

  3. Per disabilitare l'aggiornamento automatico, creare una chiave del Registro di sistema AutoUpdate impostando il valore DWORD su 0.

    Screenshot del processo per impostare la chiave del Registro di sistema.

Attivare l'aggiornamento automatico

È possibile attivare l'aggiornamento automatico usando uno di questi metodi:

  • Eliminando la chiave del Registro di sistema AutoUpdate da HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\AzureAppliance.
  • Fare clic su Visualizza i servizi dell'appliance dai controlli di aggiornamento più recenti nel pannello Configura prerequisiti per attivare l'aggiornamento automatico.

Per eliminare la chiave del Registro di sistema:

  1. Nel server che esegue l'appliance aprire l'editor del Registro di sistema.
  2. Passare a HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\AzureAppliance.
  3. Eliminare la chiave del Registro di sistema AutoUpdate, creata in precedenza per disattivare l'aggiornamento automatico.

Per attivare l'aggiornamento automatico nel Configuration Manager dell'appliance, al termine dell'individuazione:

  1. In Gestione configurazione appliance passare al pannello Configura prerequisiti

  2. Nel controllo degli aggiornamenti più recenti fare clic su Visualizza i servizi dell'appliance e fare clic sul collegamento per attivare l'aggiornamento automatico.

    Immagine della schermata di attivazione degli aggiornamenti automatici.

Verificare la versione dei servizi dell'appliance

È possibile verificare la versione dei servizi dell'appliance usando uno di questi metodi:

  • In Gestione configurazione appliance passare al pannello Configura prerequisiti .
  • Nell'appliance, in Pannello di controllo>Programmi e funzionalità.

Per archiviare Gestione configurazione appliance:

  1. In Gestione configurazione appliance passare al pannello Configura prerequisiti

  2. Nel controllo degli aggiornamenti più recenti fare clic su Visualizza servizi appliance.

    Screenshot della schermata per controllare la versione.

Per verificare nel Pannello di controllo:

  1. Nell'appliance fare clic su Start>Pannello di controllo>Programmi e funzionalità

  2. Verificare le versioni dei servizi dell'appliance nell'elenco.

    Screenshot del processo per controllare la versione in Pannello di controllo.

Aggiornare manualmente una versione precedente

Se si esegue una versione precedente per uno dei servizi, è necessario disinstallare il servizio e eseguire manualmente l'aggiornamento alla versione più recente.

  1. Per verificare le versioni del servizio dell'appliance più recenti, scaricare il file LatestComponents.json.

  2. Dopo il download, aprire il file LatestComponents.json nel Blocco note.

  3. Individuare la versione del servizio più recente nel file e il relativo collegamento di download. Ad esempio:

    "Name": "ASRMigrationWebApp", "DownloadLink": "https://download.microsoft.com/download/f/3/4/f34b2eb9-cc8d-4978-9ffb-17321ad9b7ed/MicrosoftAzureApplianceConfigurationManager.msi", "Version": "6.0.211.2", "Md5Hash": "e00a742acc35e78a64a6a81e75469b84"

  4. Scaricare la versione più recente di un servizio obsoleto usando il collegamento di download nel file.

  5. Dopo il download, eseguire il comando seguente in una finestra di comando dell'amministratore per verificare l'integrità del file MSI.

    C:\> Get-FileHash -Path <file_location> -Algorithm [Hashing Algorithm]

    Ad esempio:

    C:\> CertUtil -HashFile C:\Users\public\downloads\MicrosoftAzureApplianceConfigurationManager.MSI MD5

  6. Verificare che l'output del comando corrisponda alla voce del valore hash per il servizio nel file, ad esempio, al valore hash MD5 precedente.

  7. Eseguire ora il file MSI per installare il servizio. Si tratta di un'installazione invisibile; al termine la finestra di installazione si chiude.

  8. Al termine dell'installazione, verificare la versione del servizio nel Pannello di controllo>Programmi e funzionalità. La versione del servizio dovrebbe ora essere aggiornata alla versione più recente visualizzata nel file JSON.

Passaggi successivi