Distribuzioni Linux approvate in Azure

Si applica a: ✔️ Set di scalabilità flessibili delle macchine virtuali ✔️ Linux Uniform scale set ✔️ di scalabilità

I partner forniscono immagini Linux in Azure Marketplace. Microsoft lavora con varie community Linux per aggiungere ancora più sapori all'elenco Distribuzione approvata. Per le distribuzioni che non sono disponibili nel Marketplace, è sempre possibile portare linux seguendo le linee guida in Creare e caricare un disco rigido virtuale contenente il sistema operativo Linux.

Distribuzioni e versioni supportate

Nella tabella seguente sono elencate le distribuzioni e versioni di Linux supportate in Azure. Per altre informazioni, vedere Supporto per le immagini Linux in Microsoft Azure.

I driver di Linux Integration Services (LIS) per Hyper-V e Azure sono moduli kernel forniti da Microsoft direttamente nel kernel Linux upstream. Per impostazione predefinita, alcuni driver LIS sono integrati nel kernel della distribuzione. Le distribuzioni precedenti basate su Red Hat Enterprise (RHEL)/CentOS sono disponibili come download separato in Linux Integration Services versione 4.2 per Hyper-V e Azure. Per altre informazioni, vedere Requisiti del kernel Linux.

L'agente Linux di Azure è già preinstallato nelle immagini Azure Marketplace ed è in genere disponibile nel repository del pacchetto della distribuzione. Il codice sorgente è disponibile su GitHub.

Distribuzione Versione Driver Agente
CentOS by Rogue Wave Software (in precedenza noto come OpenLogic) CentOS 6.x, 7.x, 8.x CentOS 6.3: download LIS

CentOS 6.4 +: nel kernel

Pacchetto: nel repository in "WALinuxAgent"
Codice sorgente: GitHub
CoreOS

CoreOS è ora alla fine della vita a partire dal 26 maggio 2020.

Non più disponibile
Debian by credativ 9.x (LTS), 10.x, 11.x Nel kernel Pacchetto: in repo sotto "waagent"
Codice sorgente: GitHub
Flatcar Container Linux by Kinvolk Pro, Stabile, Beta Nel kernel wa-linux-agent è già installato in /usr/share/oem/bin/waagent
Oracle Linux by Oracle 6.x, 7.x, 8.x Nel kernel Pacchetto: in repo sotto "WALinuxAgent"
Codice sorgente: GitHub
Red Hat Enterprise Linux di Red Hat 7.x, 8.x Nel kernel Pacchetto: in repo sotto "WALinuxAgent"
Codice sorgente: GitHub
SUSE Linux Enterprise by SUSE SLES/SLES per SAP 11.x, 12.x, 15.x
Ciclo di vita dell'immagine del cloud pubblico SUSE
Nel kernel Pacchetto:

per 11 in Cloud: strumenti archivio
per 12 inclusi nel modulo "Cloud pubblico" in "python-azure-agent"
Codice sorgente: GitHub

openSUSE by SUSE openSUSE Leap 15.x Nel kernel Pacchetto: in repository Cloud:Tools sotto "python-azure-agent"
Codice sorgente: GitHub
Ubuntu by Canonico Ubuntu Server e Pro. 18.x, 20.x 22.x

Le informazioni sul supporto esteso per Ubuntu 14.04 pro e 16.04 pro sono disponibili qui: Manutenzione della sicurezza estesa Ubuntu.

Nel kernel Pacchetto: in repo sotto "WALinuxAgent"
Codice sorgente: GitHub

Cadenza dell'aggiornamento dell'immagine

Azure richiede che gli editori delle distribuzioni Linux approvate aggiornino regolarmente le proprie immagini in Azure Marketplace con le patch e le correzioni di sicurezza più recenti, a una frequenza trimestrale o più veloce. Le immagini aggiornate nel Marketplace sono disponibili automaticamente per i clienti come nuove versioni di uno SKU di immagine. Altre informazioni su come trovare immagini Linux: trovare immagini di macchine virtuali Linux in Azure Marketplace.

Kernel ottimizzati per Azure

Azure lavora strettamente con varie distribuzioni Linux approvate per ottimizzare le immagini pubblicate in Azure Marketplace. Un aspetto di questa collaborazione è lo sviluppo di kernel Linux "ottimizzati" ottimizzati per la piattaforma Azure e forniti come componenti completamente supportati della distribuzione Linux. I kernel Azure-Tuned includono nuove funzionalità e miglioramenti delle prestazioni e, in genere, una cadenza più veloce (in genere trimestrale) rispetto ai kernel predefiniti o generici disponibili dalla distribuzione.

Nella maggior parte dei casi, questi kernel pre-installati nelle immagini predefinite in Azure Marketplace i clienti otterranno immediatamente il vantaggio di questi kernel ottimizzati. Altre informazioni su questi kernel Azure-Tuned sono disponibili nei collegamenti seguenti:

Partner

CoreOS

CoreOS è prevista per la fine della vita entro il 26 maggio 2020. Microsoft ha due canali (2) di migrazione per gli utenti CoreOS.

credativ

https://www.credativ.de/en/portfolio/support/open-source-support-center/

credativ è un'azienda indipendente di consulenza e servizi specializzata nello sviluppo e nell'implementazione di soluzioni professionali usando software gratuito. Come specialisti open source leader, credativ ha riconoscimento internazionale con molti reparti IT che usano il loro supporto. Insieme a Microsoft, credativ sta preparando immagini Debian. Le immagini sono progettate appositamente per l'esecuzione in Azure e possono essere facilmente gestite tramite la piattaforma. credativ supporterà anche la manutenzione a lungo termine e l'aggiornamento delle immagini Debian per Azure tramite i centri di supporto Open Source.

Kinvolk

https://www.flatcar-linux.org/

Kinvolk è il team di Flatcar Container Linux, continuando la visione originale di CoreOS per una base minima, immutabile e di aggiornamento automatico per le applicazioni in contenitori. Come distribuzione minima, Flatcar contiene solo questi pacchetti necessari per la distribuzione di contenitori. Il file system non modificabile garantisce coerenza e sicurezza, mentre le funzionalità di aggiornamento automatico consentono di essere sempre aggiornati con le correzioni di sicurezza più recenti. Kinvolk è stato acquisito da Microsoft nel mese di aprile 2021 e, dopo l'acquisizione, continua la sua missione per supportare la community Linux di Flatcar Container.

Oracle

https://www.oracle.com/technetwork/topics/cloud/faq-1963009.html

La strategia di Oracle consiste nell'offrire un ampio portfolio di soluzioni per cloud pubblici e privati. Ciò offre ai clienti scelta e flessibilità nella modalità distribuzione del software Oracle in cloud Oracle e in altri cloud. La partnership di Oracle con Microsoft consente ai clienti di distribuire software Oracle in cloud pubblici e privati Microsoft con la certezza della certificazione e del supporto di Oracle. L'impegno e l'investimento di Oracle nelle soluzioni di cloud pubblico e privato Oracle sono invariati.

Red Hat

https://www.redhat.com/en/partners/strategic-alliance/microsoft

Il principale fornitore mondiale di soluzioni open source, Red Hat aiuta oltre il 90% delle aziende Fortune 500 a risolvere le sfide aziendali, allineare le strategie IT e aziendali e prepararsi per il futuro della tecnologia. Red Hat ottiene questo risultato fornendo soluzioni sicure tramite un modello di business aperto e un modello di sottoscrizione prevedibile e conveniente.

SUSE

https://www.suse.com/suse-linux-enterprise-server-on-azure

SUSE Linux Enterprise Server su Azure è una piattaforma collaudata che offre un'affidabilità e una sicurezza superiori per il cloud computing. La piattaforma Linux versatile di SUSE consente l'integrazione lineare con i servizi cloud di Azure per offrire un ambiente cloud facilmente gestibile. Grazie alle oltre 9.200 applicazioni certificate create da oltre 1.800 fornitori indipendenti di software per SUSE Linux Enterprise Server, SUSE è in grado di assicurare che i carichi di lavoro in esecuzione supportati nel data center possano essere distribuiti con sicurezza su Azure.

Canonical

https://www.ubuntu.com/cloud/azure

Le competenze di Canonical in ambito di engineering e le regole di governance della community aperta sono alla base del successo di Ubuntu nelle tecnologie per client, server e cloud computing, inclusi servizi cloud personali per i consumatori. L'obiettivo di Canonical di una piattaforma unificata e gratuita in Ubuntu, dal telefono al cloud, offre una famiglia di interfacce coerenti per telefono, tablet, TV e desktop. Ciò fa di Ubuntu la scelta ideale per istituzioni di vari tipo, dai provider di cloud pubblico ai produttori di elettronica di consumo e la soluzione preferita tra singoli esperti di IT.

Grazie a centri per lo sviluppo e l'engineering in tutto il mondo, Canonical si trova in una posizione privilegiata ed è pertanto in grado di collaborare con produttori di hardware, provider di contenuti e sviluppatori di software, in modo da portare le soluzioni Ubuntu sul mercato, da PC a server e dispositivi palmari.