Creazione guidata dell'origine dati

La Creazione guidata origine dati consente di configurare e salvare informazioni sull'origine dati necessarie per connettere il provider di dati per DB2 (provider di dati) a server di database DB2 remoti. La Creazione guidata origine dati semplifica operazioni quali la configurazione e il test delle connessioni di rete, l'utilizzo dei pacchetti, la definizione di conversioni di tabelle codici di stringhe di caratteri, l'utilizzo della sicurezza e della crittografia e la convalida e il salvataggio della configurazione. Nelle sezioni seguenti vengono descritte le finestre di dialogo della procedura guidata di accesso ai dati e le azioni che è possibile eseguire in ciascuna finestra.

Connessione di rete TCP/IP

La finestra di dialogo Connessione di rete TCP/IP deve essere utilizzata per configurare i parametri obbligatori, ad esempio l'indirizzo di rete (o alias) e il numero di porta.

Indirizzo o alias

È necessario immettere un indirizzo IP o un alias valido nel formato IPv4 o IPv6.

Porta

È necessario specificare un numero di porta IP. Per DB2/400, il valore predefinito della porta TCP/IP è 446. Altre piattaforme IBM DB2 supportano più istanze di database simultanee, ciascuna con un numero di porta TCP/IP univoco.

Database DB2

La finestra di dialogo Database DB2 deve essere utilizzata per configurare i parametri del database obbligatori, quali il catalogo iniziale e la raccolta dei pacchetti.

Catalogo iniziale

Il provider di dati utilizza questo valore per eseguire la connessione a un catalogo iniziale sul server di database DB2.

  • DB2 per z/OS accetta una stringa di 16 byte (il catalogo è definito anche percorso).

  • DB2 per i5/OS accetta una stringa di 18 byte (il catalogo è definito anche database relazionale).

  • DB2 per LUW accetta una stringa di 8 byte (il catalogo è definito anche database).

    Raccolta pacchetti

    La raccolta di pacchetti è necessaria per indicare al provider di dati lo schema DB2 in cui creare un set di pacchetti. Ogni pacchetto è diviso in sezioni con istruzioni SQL statiche, ad esempio CREATE CURSOR, utilizzate per recuperare dati durante l'esecuzione di query nel database.

  • DB2 per z/OS accetta una stringa di 128 byte (lo schema è noto anche come raccolta).

  • DB2 per i5/OS accetta una stringa di 10 byte (lo schema è noto anche come raccolta o libreria).

  • DB2 per LUW accetta una stringa di 30 byte.

    Il provider di dati può creare pacchetti in due modalità.

  • Automatico, per ambienti con un solo utente. In fase di esecuzione, il provider di dati crea e associa un solo pacchetto per il livello di isolamento corrente (l'impostazione predefinita è Cursor Stability). Il provider di dati concede le autorizzazioni di esecuzione all'utente corrente.

  • Manuale, per ambienti con più utenti. In fase di progettazione, quando si utilizza l'opzione di menu Strumento di accesso ai dati, la Creazione guidata origine dati, la Libreria di accesso ai dati o Collegamenti dati, il provider di dati crea e associa un set di 4 pacchetti (5 pacchetti per DB2 per i5/OS). Il provider di dati concede le autorizzazioni di esecuzione al gruppo PUBLIC.

    Il provider di dati crea 4-5 pacchetti, a seconda dell'ambiente e della piattaforma del server di database. I pacchetti e i livelli di isolamento vengono descritti nella tabella riportata di seguito.

Nome pacchetto Microsoft Nome livello di isolamento DB2 Nome livello di isolamento OLE DB
MSNC001 NO COMMIT N/D (solo DB2 per i5/OS)
MSUR001 UNCOMMITTED READ ISOLATIONLEVEL_READUNCOMMITTED
MSCS001 CURSOR STABILITY ISOLATIONLEVEL_READCOMMITTED
MSRS001 READ STABILITY ISOLATIONLEVEL_REPEATABLEREAD
MSRR001 REPEATABLE READ ISOLATIONLEVEL_SERIALIZABLE

Schema predefinito

Gli oggetti del database DB2 sono organizzati in gruppi logici definiti schemi. Il nome dello schema viene usato per catalogare oggetti SQL, ad esempio tabelle e viste, usando uno SCHEMA> di convenzione <di denominazione in due parti.< OBJECTNAME>. In fase di progettazione, per creare istruzioni SQL come SELECT, i consumer di SQL Server possono presentare all'utente un elenco di tutti gli oggetti presenti nel catalogo del database. Facoltativamente, è possibile specificare una stringa per indicare al provider di dati di limitare le query sullo schema a un unico schema di database, in modo da migliorare l'efficienza e le prestazioni. Il valore predefinito è una stringa vuota.

  • DB2 per z/OS accetta una stringa di 128 byte (lo schema è noto anche come raccolta).

  • DB2 per i5/OS accetta una stringa di 10 byte (lo schema è noto anche come raccolta o libreria).

  • DB2 per LUW accetta una stringa di 30 byte.

Qualificatore predefinito

Facoltativamente, è possibile specificare una stringa per indicare al provider di dati di impostare un'opzione di ambiente per un qualificatore predefinito, con il quale comunicare al server DB2 lo schema in cui posizionare gli oggetti del database. Il valore predefinito è una stringa vuota. In fase di connessione, il provider di dati può impostare un'opzione di ambiente per specificare un qualificatore predefinito. In questo modo, viene indicato al server DB2 lo schema in cui è incluso l'oggetto. Il valore del qualificatore predefinito deve corrispondere a un nome di schema DB2 esistente. In caso contrario, è possibile che venga restituito un errore dal server DB2.

  • DB2 per z/OS accetta una stringa di 128 byte (lo schema è noto anche come raccolta).

  • DB2 per i5/OS accetta una stringa di 10 byte (lo schema è noto anche come raccolta o libreria).

  • DB2 per LUW accetta una stringa di 30 byte.

Impostazioni locali

Facoltativamente, per migliorare le prestazioni e ridurre l'impatto sul database remoto, selezionare l'ID del set di caratteri codificati (CCSID) per il database DB2 remoto (host) e il consumer SQL Server locale (computer). Il provider di dati utilizza questi valori per convertire le stringhe di caratteri in una tabella codici supportata da queste piattaforme. Il provider di dati supporta una combinazione di set di caratteri a un byte (SBCS), set di caratteri a byte misti (MBCS), set di caratteri a due byte (DBCS) e Unicode - UTF8 [1208], che è un formato di trasformazione Unicode a 8 bit. Per altre informazioni, vedere SNA Internationalization Programmer's Reference (https://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=181017).

CCSID host

Il provider di dati richiede di specificare un valore per CCSID (Coded Character Set Identifier) host con cui eseguire conversioni di tabelle codici su dati di tipo stringa. Il valore CCSID host predefinito è EBCDIC - U.S./Canada [37]. In genere, i server di database IBM DB2 per z/OS e i5/OS utilizzano il codice EBCDIC (Extended Binary Coded Decimal Interchange Code). Per altre informazioni, vedere SNA Internationalization Programmer's Reference (https://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=181017).

Tabella codici PC

Il provider di dati richiede un valore per la tabella codici PC con cui eseguire conversioni di tabelle codici su dati di tipo stringa. La tabella codici PC predefinita è ANSI - Latin I [1252]. In genere, i consumer di dati utilizzano ANSI (American National Standards Institute) o Unicode. Per altre informazioni, vedere SNA Internationalization Programmer's Reference (https://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=181017).

Sicurezza

La finestra di dialogo Sicurezza consente di configurare l'autenticazione di base.

Nome utente

  • DB2 per z/OS accetta una stringa di 8 byte.

  • DB2 per i5/OS accetta una stringa di 10 byte.

  • DB2 per Linux o UNIX accetta una stringa di 8 byte.

  • DB2 per Windows accetta una stringa di 30 byte.

    Password

  • DB2 per z/OS accetta una stringa di 8 byte.

  • DB2 per i5/OS accetta una stringa di 128 byte.

  • DB2 per Linux o UNIX accetta una stringa di 8 byte.

  • DB2 per Windows accetta una stringa di 32 byte.

    Salva password

    Facoltativamente, è possibile salvare la password nel file UDL (Universal Data Link) OLE DB facendo clic sulla casella di controllo Consenti salvataggio password . La scelta di questa opzione consente di salvare il nome utente e la password in testo normale. Non è possibile crittografare il nome utente o la password utilizzando questo metodo. La sicurezza del server può essere compromessa se l'autore di un attacco ottiene l'accesso alla condivisione di file in cui si trova il file UDL o il file di testo.

Tutte le proprietà

La finestra di dialogo Tutte le proprietà consente di configurare proprietà più dettagliate e facoltative. È possibile modificare queste proprietà selezionandone una dall'elenco e quindi selezionando o modificando il valore nella colonna destra. In questa finestra di dialogo è possibile modificare le proprietà riportate di seguito.

Nome proprietà Creazione guidata origine dati Finestra o finestre di dialogo Creazione guidata origine dati Finestra o finestre di dialogo Collegamenti dati Descrizione
Applicazione affiliata Sicurezza Connessione Questa proprietà indica al provider di recuperare le credenziali da un database Enterprise Single Sign-On.
Nome alternativo elaborazione transazioni Tutti Tutti Questa proprietà è disabilitata in Provider Microsoft OLE DB per DB2 v5.0. È abilitata con la versione del provider utilizzata con Host Integration Server.
Alias LU locale ad APPC Tutti Impostazioni rete APPC Questa proprietà è disabilitata nel provider di dati. È abilitata con la versione del provider utilizzata con Host Integration Server.
Nome modalità APPC Tutti Impostazioni rete APPC Questa proprietà è disabilitata nel provider di dati. È abilitata con la versione del provider utilizzata con Host Integration Server.
Alias LU remota ad APPC Tutti Impostazioni rete APPC Questa proprietà è disabilitata nel provider di dati. È abilitata con la versione del provider utilizzata con Host Integration Server.
Tipo di sicurezza APPC Tutti Impostazioni rete APPC Questa proprietà è disabilitata nel provider di dati. È abilitata con la versione del provider utilizzata con Host Integration Server.
Authentication Sicurezza Tutti Imposta il metodo di autenticazione utilizzato per la connessione. Il valore predefinito è Server, ovvero l'autenticazione basata su un nome utente e una password senza crittografia. Server_Encrypt_Pwd indica al provider di dati di crittografare solo la password. Server_Encrypt_UsrPwd indica al provider di dati di crittografare sia il nome utente che la password.
Commit automatico Tutti Tutto (Commit automatico) Facoltativamente, è possibile indicare al provider di dati di non eseguire un COMMIT implicito su tutte le istruzioni SQL specificando FALSE. Per impostazione predefinita, questa proprietà booleana è impostata su TRUE. La modalità Commit automatico consente di ridurre il flusso di rete e può migliorare le prestazioni complessive. È adeguata per la maggior parte delle transazioni comuni costituite da un'unica istruzione SQL. Questa modalità, tuttavia, non consente il rollback dell'unità di lavoro.
Tabella codici binari Tutti Tutto (Tabella codici binari) Facoltativamente, è possibile indicare al provider di dati di convertire le colonne binarie e varbinary DB2 in colonne carattere e caratteri variabili specificando un valore CCSID HOST.
Cache Authentication Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare TRUE per indicare al consumer di dati o al componente del servizio di memorizzare le informazioni di autenticazione riservate, ad esempio la password, in una cache interna. Per impostazione predefinita, questo valore booleano è impostato su FALSE. I componenti del servizio, ad esempio il pooling di risorse OLE DB, richiedono l'impostazione di questa proprietà su TRUE.
Nome comune certificato Connessione di rete TCP/IP Impostazioni rete TCP/IP Facoltativamente, è possibile specificare un nome comune del certificato server per indicare al provider di dati di usare la crittografia SSL (Secure Sockets Layer) V3.0 o Transport Layer Security (TLS) V1.0. L'utilizzo di SSL o TLS determinerà un miglioramento della sicurezza grazie alla crittografia delle credenziali di autenticazione e dei dati. Per impostazione predefinita, questo valore è una stringa vuota (SSL o TLS non abilitato).
Contabilità client Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare una stringa di 200 byte per indicare al provider di dati di inviare informazioni contabili client durante la connessione al server di database IBM DB2. Gli amministratori DB2 possono utilizzare queste informazioni per scopi contabili, di registrazione e di risoluzione dei problemi. Per impostazione predefinita, questo valore è una stringa vuota (non vengono inviati dati).
Nome applicazione client Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare una stringa di 32 byte per indicare al provider di dati di inviare un nome di applicazione client durante la connessione al server di database IBM DB2. Gli amministratori DB2 possono utilizzare queste informazioni per scopi contabili, di registrazione e di risoluzione dei problemi. Per impostazione predefinita, questo valore è una stringa vuota (non vengono inviati dati).
ID utente client Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare una stringa di 16 byte per indicare al provider di dati di inviare un identificatore utente client durante la connessione al server di database IBM DB2. Gli amministratori DB2 possono utilizzare queste informazioni per scopi contabili, di registrazione e di risoluzione dei problemi. Per impostazione predefinita, questo valore è una stringa vuota (non vengono inviati dati).
Nome workstation client Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare una stringa da 18 byte per indicare al provider di dati di inviare un nome di workstation client durante la connessione al server di database IBM DB2. Gli amministratori DB2 possono utilizzare queste informazioni per scopi contabili, di registrazione e di risoluzione dei problemi. Per impostazione predefinita, questo valore è una stringa vuota (non vengono inviati dati).
Timeout di connessione Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare un numero di secondi per indicare al provider di dati il tempo di attesa per stabilire le connessioni utilizzando il pool lato client. Quando tutte le connessioni di un pool sono in uso e il periodo di timeout termina, il provider di dati restituirà al consumer di dati un errore di connessione non disponibile. Il valore predefinito è 15 secondi. Non esiste un limite massimo per la proprietà Timeout di connessione. Specificare -1 per indicare al provider di dati un tempo di attesa indefinito per una connessione aperta nel pool lato client.
Pool di connessioni Opzioni avanzate Tutti Facoltativamente, è possibile specificare TRUE per indicare al provider di dati di utilizzare il pool di connessioni lato client. Il valore predefinito è FALSE (nessun pool).
origine dati Salvataggio delle informazioni in corso Connessione Un parametro facoltativo utilizzato per descrivere l'origine dati. Non è previsto alcun valore predefinito.
Nome database Database DB2 Tutti Facoltativamente, è possibile specificare una stringa di 8 byte per indicare al provider di dati di utilizzare una clausola IN DATABASE nelle istruzioni SQL. Gli amministratori DB2 possono dividere DB2 per z/OS in più database logici, ciascuno contenente spazi di tabella e di indice separati. Il valore predefinito è una stringa vuota.
DateTime come grafico Tutti Tutti Proprietà di inizializzazione dell'origine dati OLE DB facoltativa che indica al provider di dati di esporre le colonne DB2 DATE, TIME e TIMESTAMP come colonne di tipo carattere utilizzando IdbSchemaRowsets::GetSchemas (DBSCHEMA_COLUMNS). In questo modo, il provider di dati considera i valori delle colonne DB2 DATE, TIME e TIMESTAMP come valori letterali stringa. È necessario utilizzare l'opzione di connessione DateTime come grafico facoltativa per consentire a Distributed Query Processor e altri consumer di SQL Server di selezionare un valore DATE predefinito di DB2 (0001-01-01) in una colonna DATE o TIMESTAMP.Il valore predefinito per questa proprietà booleana è false. È possibile impostare questa proprietà nella stringa di inizializzazione DateTime As Char=True o nella scheda Collegamenti dati Tutto. Questa proprietà viene esposta nella schermata Creazione guidata origine dati Tutte le proprietà. Avviso: Non è possibile usare DateTime As Char=True e DateTime As Date=True nella stessa connessione. Per utilizzare queste due caratteristiche, sono necessarie connessioni separate.
DateTime come data Tutti Tutti Proprietà di inizializzazione dell'origine dati OLE DB facoltativa che indica al provider di dati di eliminare le informazioni sull'ora nel valore dei dati datetime di SQL Server e di passare al database IBM DB2 solo le informazioni sulla data.

È necessario utilizzare l'opzione di connessione DateTime come data facoltativa per consentire a Distributed Query Processor e ad altri consumer di SQL Server di scrivere valori di dati datetime di SQL Server tramite le istruzioni INSERT e UPDATE, oppure di utilizzare i valori dei dati datetime di SQL Server nei parametri tramite le istruzioni SELECT, INSERT, UPDATE e DELETE. Il valore predefinito è false. È possibile impostare questa proprietà nella stringa di inizializzazione DateTime As Date=True o nella scheda Collegamenti dati Tutto. Questa proprietà viene esposta nella schermata Creazione guidata origine dati Tutte le proprietà. Avviso: Non è possibile usare DateTime As Char=True e DateTime As Date=True nella stessa connessione. Per utilizzare queste due caratteristiche, sono necessarie connessioni separate.
Piattaforma DBMS Origine dati (definita anche Piattaforma origine dati) Avanzato Facoltativamente, è possibile indicare al provider di dati di connettersi ai server di database IBM DB2 in base alla designazione di una piattaforma di sistemi per la gestione di database relazionali. Il provider di dati supporta questi valori di stringa: DB2/MVS, DB2/400, DB2/6000 e DB2/NT. Il valore predefinito è DB2/MVS.
Decimale come numerico Tutti Tutti Proprietà facoltativa di inizializzazione dell'origine dati OLE DB che indica al provider di dati di eseguire il mapping di Decimal DB2 (OLE DB DBTYPE_DECIMAL) a Numeric DB2 (DBTYPE_NUMERIC). Questa opzione consente ai consumer OLE DB che supportano DBTYPE_NUMERIC ma non DBTYPE_DECIMAL di leggere e scrivere dati di tipo Decimal DB2. Il valore predefinito è false. È possibile impostare questa proprietà nella stringa di inizializzazione Decimal As Numeric=True o nella scheda Collegamenti dati Tutto. Questa proprietà viene esposta nella schermata Creazione guidata origine dati Tutte le proprietà.
Qualificatore predefinito Database DB2 Connessione Gli oggetti del database DB2 sono organizzati in gruppi logici definiti schemi. Il nome dello schema viene usato per identificare oggetti SQL, ad esempio tabelle e viste, usando uno SCHEMA> di denominazione <in due parti.< OBJECTNAME>. È possibile che i consumer di SQL Server eseguano istruzioni SQL con nomi di oggetto non qualificati o costituiti da una sola parte. Facoltativamente, è possibile specificare una stringa per indicare al provider di dati di impostare un'opzione di ambiente per un qualificatore predefinito, con il quale comunicare al server DB2 lo schema in cui posizionare gli oggetti del database. Il valore predefinito è una stringa vuota.

- DB2 per z/OS accetta una stringa di 128 byte (lo schema è noto anche come raccolta).
- DB2 per i5/OS accetta una stringa di 10 byte (schema è noto anche come raccolta o libreria).
- DB2 per LUW accetta una stringa di 30 byte.
Schema predefinito Database DB2 Connessione Gli oggetti del database DB2 sono organizzati in gruppi logici definiti schemi. Il nome dello schema viene usato per catalogare oggetti SQL, ad esempio tabelle e visualizzazioni, utilizzando uno SCHEMA> della convenzione <di denominazione in due parti.< OBJECTNAME>. In fase di progettazione, per creare istruzioni SQL come SELECT, i consumer di SQL Server possono presentare all'utente un elenco di tutti gli oggetti presenti nel catalogo del database. Facoltativamente, è possibile specificare una stringa per indicare al provider di dati di limitare le query sullo schema a un unico schema di database, in modo da migliorare l'efficienza e le prestazioni. Il valore predefinito è una stringa vuota.

- DB2 per z/OS accetta una stringa di 128 byte (lo schema è noto anche come raccolta).
- DB2 per i5/OS accetta una stringa di 10 byte (schema è noto anche come raccolta o libreria).
- DB2 per LUW accetta una stringa di 30 byte.
Posticipa comandi prepare Opzioni avanzate Tutti Facoltativamente, è possibile specificare TRUE per indicare al provider di dati di ottimizzare l'elaborazione dei comandi di database con parametri. Il valore predefinito è FALSE. Per i comandi INSERT, UPDATE e DELETE, il provider di dati può combinare i comandi PREPARE, EXECUTE e COMMIT in un unico flusso di rete da inviare al database remoto. Per il comando SELECT, il provider di dati combina i comandi PREPARE ed EXECUTE in un unico flusso di rete. Questa ottimizzazione riduce il traffico di rete e può migliorare le prestazioni complessive.
Deriva parametri Opzioni avanzate Tutti Il provider di dati verificherà e correggerà le lunghezze dei parametri per i tipi di dati carattere, per conto di consumer di dati quali le procedure guidate di importazione/esportazione e la finestra di progettazione dei pacchetti di SQL Server Integration Services. Facoltativamente, è possibile specificare FALSE per indicare al provider di dati di non utilizzare l'opzione di derivazione per i tipi di dati dei parametri. Il valore predefinito è TRUE. Questa funzionalità non è obbligatoria quando si utilizzano i servizi di replica o altri consumer di SQL Server.
Extended Properties Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare coppie aggiuntive di valori di proprietà delimitati da virgole che il consumer passerà al provider di dati in fase di connessione.
CCSID host Impostazioni locali Avanzato Il provider di dati richiede di specificare un valore per CCSID (Coded Character Set Identifier) host con cui eseguire conversioni di tabelle codici su dati di tipo stringa. Il valore CCSID host predefinito è EBCDIC - U.S./Canada [37]. In genere, i server di database IBM DB2 per z/OS e i5/OS utilizzano il codice EBCDIC (Extended Binary Coded Decimal Interchange Code). Per altre informazioni, vedere Informazioni di riferimento sul programmatore di internazionalizzazione SNA (https://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=181017).
Catalogo iniziale Database DB2 Connessione Questo valore è necessario nel provider di dati per la connessione a un catalogo iniziale sul server di database DB2. DB2 per z/OS accetta una stringa di 16 byte (il catalogo è definito anche percorso). DB2 per i5/OS accetta una stringa di 18 byte (il catalogo è definito anche database relazionale). DB2 per LUW accetta una stringa di 8 byte (il catalogo è definito anche database).
Sicurezza integrata Sicurezza (definita anche Single Sign-On) Connessione (definita anche Single Sign-On) Facoltativamente, è possibile specificare una stringa per indicare al provider di dati di utilizzare l'autenticazione Enterprise Single Sign-On o Kerberos. Quando si utilizza ESSO, è necessario specificare un valore stringa simultaneo per la proprietà separata Applicazione affiliata. Quando si utilizza Kerberos, è necessario specificare un valore stringa simultaneo per Nome entità. Il valore predefinito è una stringa vuota, che indica al provider di dati di utilizzare Interactive Sign-On con nome utente e password ricavati dall'oggetto connessione.
Bilanciamento del carico Tutti Tutti Indica al provider di dati di utilizzare l'elenco dei server restituito da un server di database DB2 per z/OS, per eseguire nuovamente la connessione al server più disponibile in un gruppo di condivisione dei dati, fornendo il supporto necessario al failover a tolleranza di errore e al bilanciamento del carico delle transazioni client. Il valore predefinito di questa proprietà è FALSE.
Dimensione max pool Tutti Tutti Proprietà di inizializzazione dell'origine dati OLE DB facoltativa che specifica il numero massimo di connessioni che possono esistere nel pool di connessioni quando quest'ultimo è abilitato per l'origine dati. Il valore predefinito è 100. Non esiste un limite massimo per la proprietà Dimensioni massime pool. Se si configura un valore inferiore a 0 per la proprietà Dimensioni massime pool, viene utilizzato il valore predefinito 100.
Indirizzo di rete Connessione di rete TCP/IP Impostazioni rete TCP/IP Durante la connessione al server di database IBM DB2 tramite una connessione di rete TCP/IP, il provider di dati richiede un indirizzo IP o un alias IP in formato IPv4 o IPv6.
Porta di rete Connessione di rete TCP/IP Impostazioni rete TCP/IP Durante la connessione al server di database IBM DB2 tramite una connessione di rete TCP/IP, il provider di dati richiede un numero di porta IP. Per DB2/400, il valore predefinito della porta TCP/IP è 446. Altre piattaforme IBM DB2 supportano più istanze di database simultanee, ciascuna con un numero di porta TCP/IP univoco.
Libreria di trasporto di rete origine dati Connessione Il provider di dati supporta connessioni di rete TCP/IP ai server di database IBM DB2 remoti. L'opzione di connessione di rete SNA LU6.2 (APPC) è disabilitata nel provider di dati. È abilitata con la versione del provider utilizzata con Host Integration Server.
Raccolta pacchetti Database DB2 Connessione La raccolta di pacchetti è necessaria per indicare al provider di dati lo schema DB2 in cui creare un set di pacchetti. Ogni pacchetto è diviso in sezioni con istruzioni SQL statiche, ad esempio CREATE CURSOR, utilizzate per recuperare dati durante l'esecuzione di query nel database.
Password Sicurezza Connessione Il metodo di sicurezza Punto di accesso interattivo si basa su un nome utente e una password immessi in fase di esecuzione oppure archiviati in un file di configurazione o in un archivio di configurazione del consumer di dati, ad esempio un pacchetto di Integration Services.
Tabella codici PC Impostazioni locali Avanzato Il provider di dati richiede un valore per la tabella codici PC con cui eseguire conversioni di tabelle codici su dati di tipo stringa. La tabella codici PC predefinita è ANSI - Latin I [1252]. In genere, i consumer di dati utilizzano ANSI (American National Standards Institute) o Unicode. Per altre informazioni, vedere SNA Internationalization Programmer's Reference (https://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=181017).
Persist Security Info Sicurezza Connessione Facoltativamente, è possibile specificare TRUE per indicare al consumer di dati o al componente del servizio di mantenere in modo permanente le informazioni di sicurezza, ad esempio la password, insieme ad altre informazioni di autenticazione. Per impostazione predefinita, questo valore booleano è impostato su FALSE. La scelta di questa opzione consente di salvare il nome utente e la password in testo normale. Non è possibile crittografare il nome utente o la password utilizzando questo metodo. La sicurezza del server può essere compromessa se l'autore di un attacco ottiene l'accesso alla condivisione di file in cui si trova il file UDL o il file di testo.
Nome entità Sicurezza Connessione Si tratta di una proprietà da utilizzare obbligatoriamente con l'autenticazione Kerberos.
Sola lettura Opzioni avanzate Avanzato Facoltativamente, è possibile specificare l'opzione di lettura per indicare al provider di dati di dichiarare il metodo di accesso di sola lettura durante la connessione al server di database DB2. Il valore predefinito è FALSE.
Dimensioni cache set di righe Tutti Tutti Proprietà di inizializzazione dell'origine dati OLE DB facoltativa che indica al provider di dati di recuperare preventivamente le righe da DB2 elaborandole e restituendole simultaneamente al consumer di dati per le chiamate a IRowset::GetNextRows. Questa caratteristica consente di migliorare le prestazioni nelle operazioni bulk di sola lettura sui computer con più processori. Il valore predefinito per questa proprietà è 0 e indica che la caratteristica di recupero preventivo facoltativa è disattivata. Si consiglia di impostare un valore compreso tra 50 e 200, con un valore consigliato iniziale di 100. In questo modo viene indicato al provider di dati di recuperare preventivamente fino al numero specificato di batch di righe, archiviate nella cache dei set di righe del provider di dati. La dimensione dei batch di righe viene determinata automaticamente in base al valore di cRows nell'interfaccia OLE DB IRowset::GetNextRows specificata dal consumer. È possibile impostare questa proprietà nella pagina Opzioni avanzate della Creazione guidata origine dati o nella scheda Tutto della finestra di dialogo Collegamenti dati. È inoltre possibile specificare la proprietà in una stringa di connessione o di inizializzazione OLE DB impostando Dimensioni cache set di righe=100.
Catalogo shadow Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare TRUE per indicare al provider di dati di recuperare le informazioni sullo schema da un catalogo shadow DB2. Questa operazioni può determinare un miglioramento dell'accesso simultaneo ai metadati e un aumento delle prestazioni. Il valore predefinito è FALSE.
Registri speciali Tutti Tutti Facoltativamente, è possibile specificare un'istruzione DB2 SET per indicare al provider di dati di elaborare una singola istruzione di registrazione speciale DB2 SET in fase di connessione al database. Ad esempio, per connettersi a IBM Netezza e IDAA (IBM DB2 Analytics Accelerator), specificare "SET CURRENT QUERY ACCELERATION=ALL".
Unità di lavoro (Transazioni distribuite) Avanzato Il provider di dati supporta sia URW (unità remote di lavoro) che DUW (unità distribuite di lavoro) con XA. Il valore predefinito è RUW.
Usa metadati iniziali Tutti Tutti Indica al provider di dati di usare metadati iniziali (tipi di dati parametro e colonna) definiti in fase di progettazione o i metadati finali definiti in fase di esecuzione. Questa proprietà opzionale accetta un valore booleano. Il valore predefinito è false. Facoltativamente, specificare true quando si usano programmi consumer di dati che offrono un'opzione in fase di progettazione per derivare i tipi di dati o verificare i metadati iniziali. Specificare true quando si usano SQL Server Integration Services, replica di SQL Server e Distributed Query Processor (query server collegate in quattro parti). Specificare true quando si usano DB2 BLOB, CLOB, XML, NUMERIC e UDT con la maggior parte degli altri consumer di dati. Specificare true quando si usa FastLoad con SQL Server Integration Services per l'INSERT dei dati nelle colonne TIMESTAMP. Specificare true quando si usa SQL Server Migration Assistant (SSMA) per DB2 per leggere i dati CLOB, incluse le informazioni sullo schema codificate come dati CLOB ,ad esempio colonna STATEMENT di SYSIBM. Tabella SYSTRIGGERS.
ID utente Sicurezza Connessione Il metodo di sicurezza Punto di accesso interattivo si basa su un nome utente e una password immessi dall'utente in fase di esecuzione oppure archiviati in un file di configurazione o in un archivio di configurazione del consumer di dati, ad esempio un pacchetto di Integration Services.

Convalida

È possibile utilizzare la schermata Convalida per convalidare la configurazione verificando la connessione. È possibile utilizzarla anche per creare pacchetti DB2 ed eseguire una query di esempio.

Connessione

Fare clic sul pulsante Connetti per eseguire una connessione di test per verificare l'origine dati e visualizzare informazioni quali la piattaforma host e la versione. Nella finestra Output vengono visualizzati i risultati del comando di connessione di test. La stringa di connessione visualizza la definizione origine dati in formato stringa di connessione.

Pacchetti

Fare clic sul pulsante Pacchetti per creare i pacchetti DB2 necessari per eseguire istruzioni SQL in un ambiente multiutente. Nella finestra Output vengono visualizzati i risultati del comando crea pacchetti.

Query di esempio

Fare clic sul pulsante Query di esempio per eseguire una query di esempio sull'origine dati remota. La query di esempio recupera un elenco di tabelle dal catalogo di sistema utilizzando la proprietà predefinita dello schema configurata nell'origine dati. Nella finestra Output vengono visualizzati i risultati del comando di query di esempio. Nella finestra Griglia viene visualizzato un elenco di tabelle nello schema predefinito.

Salvataggio delle informazioni in corso

Utilizzare la schermata Salvataggio delle informazioni in corso per assegnare un nome alla configurazione e salvarla. Le configurazioni vengono salvate nella posizione fXollowing.

C:\Users\<username>\Documents\Host Integration Projects\Data Sources\

Nome origine dati

Origine dati è un parametro che può essere utilizzato per descrivere l'origine dati. Quando si crea un'origine dati tramite la Creazione guidata origine dati, la proprietà Origine dati viene utilizzata per denominare il file UDL (Universal Data Link) o il file di stringa di connessione.

Gruppo OLE DB o gestito

Esplora server di Visual Studio e SQL Server Business Intelligence Development Studio (BIDS) presenta una finestra di dialogo standard della proprietà Collegamenti dati OLE DB, con cui l'utente può passare a un file UDL. Per altri consumer di dati, è possibile salvare la configurazione in un formato di file di stringa di testo di inizializzazione gestita.

Finish

Nella schermata Completamento della Creazione guidata origine dati vengono visualizzati un riepilogo e lo stato della configurazione. Fare clic su Fine per implementare le azioni.

Libreria di accesso ai dati

È possibile usare le classi .NET Framework nello spazio dei nomi Microsoft.HostIntegration.DataAccessLibrary per automatizzare la definizione di pacchetti e origini dati. Per la documentazione di riferimento, vedere Spazio dei nomi Microsoft.HostIntegration.DataAccessLibrary (https://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=180763).