Installare e configurare i punti di distribuzione in Configuration Manager

Si applica a: Configuration Manager (Current Branch)

Installare Configuration Manager punti di distribuzione per ospitare i file di contenuto distribuiti a dispositivi e utenti. Creare gruppi di punti di distribuzione per semplificare la gestione dei punti di distribuzione e la distribuzione del contenuto nei punti di distribuzione.

Per installare un nuovo punto di distribuzione , usare l'installazione guidata. Per altre informazioni, vedere Installare un punto di distribuzione. Per gestire le proprietà di un punto di distribuzione esistente, modificare le proprietà del punto di distribuzione. Per altre informazioni, vedere Configurare un punto di distribuzione.

Configurare la maggior parte delle impostazioni del punto di distribuzione con entrambi i metodi. Alcune impostazioni sono disponibili solo durante l'installazione o la modifica, ma non entrambe:

  • Impostazioni disponibili solo quando si installa un punto di distribuzione:

    • Consentire a Configuration Manager di installare IIS nel computer del punto di distribuzione

    • Configurare le impostazioni dello spazio unità per il punto di distribuzione

  • Impostazioni disponibili solo quando si modificano le proprietà di un punto di distribuzione:

    • Gestire le relazioni dei gruppi di punti di distribuzione

    • Visualizzare il contenuto distribuito nel punto di distribuzione

    • Configurare i limiti di frequenza per i trasferimenti di dati ai punti di distribuzione

    • Configurare le pianificazioni per i trasferimenti di dati ai punti di distribuzione

Installare un punto di distribuzione

Prima di rendere disponibile il contenuto ai client, scegliere un server del sistema del sito come punto di distribuzione. Assegnare ogni punto di distribuzione ad almeno un gruppo di limiti. Aggiungere il ruolo del punto di distribuzione a un nuovo server o aggiungerlo a un server esistente.

Prerequisiti

Quando si installa un nuovo punto di distribuzione, si usa un'installazione guidata che illustra le impostazioni disponibili. Prima di iniziare, considerare i prerequisiti seguenti:

  • Per creare e configurare un punto di distribuzione, è necessario disporre delle autorizzazioni di sicurezza seguenti:

    • Lettura per l'oggetto Punto di distribuzione

    • Copia nel punto di distribuzione per l'oggetto Punto di distribuzione

    • Modifica per l'oggetto Site

    • Gestire i certificati per la distribuzione del sistema operativo per l'oggetto Site

  • Installare Internet Information Services (IIS) nel server Windows che ospita il punto di distribuzione. In alternativa, quando si installa il ruolo del sistema del sito, Configuration Manager può installare e configurare IIS automaticamente.

Consiglio

Per impedire l'installazione di Configuration Manager in un'unità specifica, creare un file vuoto denominato NO_SMS_ON_DRIVE.SMS e copiarlo nella cartella radice dell'unità prima di installare il punto di distribuzione.

Procedura per installare un punto di distribuzione

Utilizzare questa procedura per aggiungere un nuovo punto di distribuzione. Per modificare la configurazione di un punto di distribuzione esistente, vedere la sezione Configurare un punto di distribuzione .

Iniziare con la procedura generale Installare i ruoli del sistema del sito. Selezionare il ruolo Punto di distribuzione nella pagina Selezione ruolo di sistema della creazione guidata server del sistema del sito. Questa azione aggiunge le pagine seguenti alla procedura guidata:

Importante

Le impostazioni seguenti sono disponibili solo quando si installa un punto di distribuzione:

  • Consentire a Configuration Manager di installare IIS nel computer del punto di distribuzione

  • Configurare le impostazioni dello spazio unità per il punto di distribuzione

Per altre informazioni sulle pagine della procedura guidata specifiche per il ruolo del punto di distribuzione, vedere la sezione Configurare un punto di distribuzione . Ad esempio, se si vuole installare il punto di distribuzione come punto di distribuzione pull, scegliere l'opzione Abilita questo punto di distribuzione per eseguire il pull del contenuto da altri punti di distribuzione. Eseguire quindi le altre configurazioni richieste dai punti di distribuzione pull.

Al termine della procedura guidata Crea server del sistema del sito, il sito aggiunge il ruolo del punto di distribuzione al server del sistema del sito.

Nota

È possibile usare PowerShell per automatizzare l'installazione di un punto di distribuzione. Per altre informazioni, vedere Add-CMDistributionPoint.

Per semplificare la risoluzione dei problemi, esaminare i file di log seguenti nel server del sito:

  • distmgr.log
  • SMSdpmon.log

Per altre informazioni, vedere Informazioni di riferimento sui file di log.

Gestire i gruppi di punti di distribuzione

I gruppi di punti di distribuzione forniscono un raggruppamento logico di punti di distribuzione per la distribuzione del contenuto. Usare questi gruppi per gestire e monitorare il contenuto da una posizione centrale per i punti di distribuzione che si estendono su più siti. Tenere presente quanto segue:

  • Aggiungere uno o più punti di distribuzione da qualsiasi sito nella gerarchia a un gruppo di punti di distribuzione.

  • Aggiungere un punto di distribuzione a più di un gruppo di punti di distribuzione.

  • Quando si distribuisce il contenuto a un gruppo di punti di distribuzione, Configuration Manager distribuisce il contenuto a tutti i punti di distribuzione membri del gruppo.

  • Se si aggiunge un punto di distribuzione al gruppo dopo una distribuzione iniziale del contenuto, Configuration Manager distribuisce automaticamente il contenuto al nuovo membro del punto di distribuzione.

  • Associare una raccolta a un gruppo di punti di distribuzione. Quando si distribuisce contenuto a tale raccolta, Configuration Manager determina quali gruppi sono associati alla raccolta. Distribuisce quindi il contenuto a tutti i punti di distribuzione che sono membri di tali gruppi.

    Nota

    Dopo aver distribuito il contenuto a una raccolta, se si associa la raccolta a un nuovo gruppo di punti di distribuzione, è necessario ridistribuire il contenuto nella raccolta prima che il contenuto venga distribuito al nuovo gruppo di punti di distribuzione.

Le sezioni successive elencano le procedure per le azioni seguenti per gestire i gruppi di punti di distribuzione:

Procedura per creare e configurare un nuovo gruppo di punti di distribuzione

  1. Nella console Configuration Manager passare all'area di lavoro Amministrazione e selezionare il nodo Gruppi di punti di distribuzione.

  2. Nella barra multifunzione selezionare Crea gruppo.

  3. Nella finestra Crea nuovo gruppo di punti di distribuzione immettere il nome e facoltativamente una descrizione per il gruppo.

  4. Nella scheda Membri selezionare Aggiungi.

  5. Nella finestra Aggiungi punti di distribuzione selezionare uno o più punti di distribuzione da aggiungere come membri del gruppo. Scegliere quindi OK.

  6. Se necessario, passare alla scheda Raccolte della finestra Crea nuovo gruppo di punti di distribuzione e selezionare Aggiungi.

  7. Nella finestra Seleziona raccolte selezionare le raccolte da associare al gruppo di punti di distribuzione e quindi scegliere OK.

  8. Nella finestra Crea nuovo gruppo di punti di distribuzione scegliere OK per creare il gruppo.

Nota

È possibile usare PowerShell per automatizzare questo processo. Per altre informazioni, vedere New-CMDistributionPointGroup.

Creare un nuovo gruppo da un punto di distribuzione esistente

  1. Nella console Configuration Manager passare all'area di lavoro Amministrazione e selezionare il nodo Punti di distribuzione. Selezionare uno o più punti di distribuzione da aggiungere a un nuovo gruppo di punti di distribuzione.

  2. Nella barra multifunzione selezionare Aggiungi elementi selezionati e quindi selezionare Aggiungi elementi selezionati a un nuovo gruppo di punti di distribuzione.

Questo processo popola automaticamente la scheda Membri della finestra Crea nuovo gruppo di punti di distribuzione con i server selezionati.

Procedura per modificare un gruppo di punti di distribuzione esistente

  1. Nella console Configuration Manager passare all'area di lavoro Amministrazione e selezionare il nodo Gruppi di punti di distribuzione.

  2. Selezionare un gruppo di punti di distribuzione esistente da modificare. Nella barra multifunzione selezionare Proprietà.

  3. Per associare nuove raccolte a questo gruppo, passare alla scheda Raccolte e scegliere Aggiungi. Selezionare le raccolte e quindi scegliere OK.

  4. Per aggiungere nuovi punti di distribuzione a questo gruppo, passare alla scheda Membri e scegliere Aggiungi. Selezionare i punti di distribuzione e quindi scegliere OK.

  5. Scegliere OK per salvare le modifiche apportate al gruppo di punti di distribuzione.

Nota

È possibile usare PowerShell per automatizzare questo processo. Per altre informazioni, vedere Set-CMDistributionPointGroup.

Procedura per aggiungere punti di distribuzione selezionati ai gruppi di punti di distribuzione esistenti

  1. Nella console Configuration Manager passare all'area di lavoro Amministrazione e selezionare il nodo Punti di distribuzione. Selezionare uno o più punti di distribuzione da aggiungere a un gruppo esistente.

  2. Nella barra multifunzione selezionare Aggiungi elementi selezionati e quindi selezionare Aggiungi elementi selezionati a gruppi di punti di distribuzione esistenti.

  3. In Gruppi di punti di distribuzione disponibili selezionare i gruppi a cui vengono aggiunti i punti di distribuzione selezionati come membri. Scegliere quindi OK.

Nota

È possibile usare PowerShell per automatizzare questo processo. Per altre informazioni, vedere Add-CMDistributionPointToGroup.

Riassegnare un punto di distribuzione

Molti clienti hanno infrastrutture di Configuration Manager di grandi dimensioni e riducono i siti primari o secondari per semplificare l'ambiente. Devono comunque mantenere i punti di distribuzione nelle sedi delle succursali per distribuire il contenuto ai client gestiti. Questi punti di distribuzione contengono spesso più terabyte o più contenuti. Questo contenuto è costoso per il tempo e la larghezza di banda di rete da distribuire a questi server remoti.

Questa funzionalità consente di riassegnare un punto di distribuzione a un altro sito primario senza ridistribuire il contenuto. Il sito corrente del punto di distribuzione può essere un sito primario o secondario. Questa azione aggiorna l'assegnazione del sistema del sito mantenendo in modo permanente tutto il contenuto nel server. Se è necessario riassegnare più punti di distribuzione, eseguire prima questa azione in un singolo punto di distribuzione. Continuare quindi con altri server uno alla volta.

Importante

Il server di destinazione può ospitare solo il ruolo del punto di distribuzione. Se il server del sistema del sito ospita un altro ruolo del server Configuration Manager, ad esempio il punto di migrazione dello stato, non è possibile riassegnare il punto di distribuzione. Non è possibile riassegnare un gateway di gestione cloud.

Prima di riassegnare un punto di distribuzione, aggiungere l'account computer del server del sito di destinazione al gruppo Administrator locale nel server del punto di distribuzione di destinazione.

Seguire questa procedura per riassegnare un punto di distribuzione:

  1. Nella console Configuration Manager connettersi al sito di amministrazione centrale.

  2. Passare all'area di lavoro Amministrazione e selezionare il nodo Punti di distribuzione .

  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul punto di distribuzione di destinazione e scegliere Riassegna punto di distribuzione.

  4. Selezionare il server del sito di destinazione e il codice del sito a cui si vuole riassegnare il punto di distribuzione.

Monitorare la riassegnazione in modo analogo a quando si aggiunge un nuovo ruolo. Il metodo più semplice consiste nell'aggiornare la visualizzazione della console dopo alcuni minuti. Aggiungere la colonna del codice del sito alla visualizzazione. Questo valore cambia quando Configuration Manager riassegna il server. Se si tenta di eseguire un'altra azione nel server di destinazione prima di aggiornare la visualizzazione della console, si verifica un errore "oggetto non trovato". Assicurarsi che il processo sia completato e aggiornare la visualizzazione della console prima di avviare qualsiasi altra azione nel server.

Dopo aver riassegnato un punto di distribuzione, aggiornare il certificato del server. Il nuovo server del sito deve crittografare nuovamente il certificato usando la chiave pubblica e archiviarlo nel database del sito. Per altre informazioni, vedere Creare un certificato autofirma o importare un certificato client PKI (Public Key Infrastructure) per l'impostazione del punto di distribuzione nella scheda Generale delle proprietà del punto di distribuzione.

  • Per i certificati PKI, non è necessario creare un nuovo certificato. Importare lo stesso oggetto . PFX e immettere la password.

  • Per i certificati autofirmati, modificare la data o l'ora di scadenza per aggiornarla.

  • Se non si aggiorna il certificato, il punto di distribuzione fornisce comunque contenuto, ma le funzioni seguenti hanno esito negativo:

    • Messaggi di convalida del contenuto (distmgr.log indica che non è possibile decrittografare il certificato)

    • Supporto PXE per i client

Suggerimenti

  • Eseguire questa azione dal sito di amministrazione centrale. Questa procedura consente di eseguire la replica nei siti primari.

  • Non distribuire il contenuto al server di destinazione e quindi provare a riassegnare il contenuto. La distribuzione delle attività di contenuto in corso potrebbe non riuscire durante il processo di riassegnazione, ma viene ritentato in base alla normale.

  • Se il server è anche un client Configuration Manager, assicurarsi di riassegnare anche il client al nuovo sito primario. Questo passaggio è particolarmente critico per i punti di distribuzione pull, che usano componenti client per scaricare il contenuto.

  • Questo processo rimuove il punto di distribuzione dal gruppo di limiti predefinito del sito precedente. È necessario aggiungerlo manualmente al gruppo di limiti predefinito del nuovo sito, se necessario. Tutte le altre assegnazioni di gruppi di limiti rimangono invariate.

Nota

È possibile usare PowerShell per automatizzare questo processo. Per altre informazioni, vedere il parametro ReassignSiteCode del cmdlet Set-CMDistributionPoint .

Modalità di manutenzione

È possibile impostare un punto di distribuzione in modalità di manutenzione. Abilitare la modalità di manutenzione quando si installano gli aggiornamenti software o si apportano modifiche hardware al server.

Anche se il punto di distribuzione è in modalità di manutenzione, presenta i comportamenti seguenti:

  • Il sito non distribuisce alcun contenuto.

  • I punti di gestione non restituiscono la posizione di questo punto di distribuzione ai client.

  • Quando si aggiorna il sito, viene comunque aggiornato un punto di distribuzione in modalità di manutenzione.

  • Le proprietà del punto di distribuzione sono di sola lettura. Ad esempio, non è possibile modificare il certificato o aggiungere gruppi di limiti.

  • Qualsiasi attività pianificata, ad esempio la convalida del contenuto, viene comunque eseguita nella stessa pianificazione.

Prestare attenzione all'abilitazione della modalità di manutenzione in più punti di distribuzione. Questa azione può causare un impatto sulle prestazioni per gli altri punti di distribuzione. A seconda delle configurazioni del gruppo di limiti, i client potrebbero avere tempi di download maggiori o non essere in grado di scaricare il contenuto.

La modalità di manutenzione non deve essere uno stato a lungo termine per qualsiasi punto di distribuzione. Per qualsiasi azione con una durata prolungata, è consigliabile rimuovere prima di tutto il ruolo del punto di distribuzione.

Nota

Mentre un punto di distribuzione è in modalità di manutenzione, non eseguire le azioni seguenti:

  • Rimuovi ruolo
  • Riassegnare il punto di distribuzione

Abilitare la modalità di manutenzione

Per impostare un punto di distribuzione in modalità di manutenzione, l'account utente richiede l'autorizzazione Modifica per la classe Site . Ad esempio, i ruoli predefiniti Amministratore infrastruttura e Amministratore completo dispongono di questa autorizzazione.

  1. Nella console Configuration Manager passare all'area di lavoro Amministrazione.

  2. Selezionare il nodo Punti di distribuzione .

  3. Selezionare il punto di distribuzione di destinazione e scegliere Abilita modalità di manutenzione dalla barra multifunzione.

Per visualizzare lo stato corrente dei punti di distribuzione, aggiungere la colonna "Modalità manutenzione" al nodo Punti di distribuzione nella console.

Per altre informazioni sull'automazione di questo processo con Configuration Manager SDK, vedere Metodo SetDPMaintenanceMode nella classe SMS_DistributionPointInfo.

Configurare un punto di distribuzione

I singoli punti di distribuzione supportano diversi tipi di configurazioni. Tuttavia, non tutti i tipi di punti di distribuzione supportano tutte le configurazioni. Ad esempio, i gateway di gestione cloud non supportano distribuzioni abilitate per PXE o multicast. Per altre informazioni sulle limitazioni specifiche, vedere gli articoli seguenti:

Le sezioni seguenti descrivono le configurazioni dei punti di distribuzione quando ne si installa una nuova o ne si modifica una esistente:

Procedura per modificare un punto di distribuzione

  1. Nella console Configuration Manager passare all'area di lavoro Amministrazione e selezionare il nodo Punti di distribuzione.

  2. Selezionare il punto di distribuzione da configurare. Nella barra multifunzione scegliere Proprietà.

  3. Usare le informazioni nelle sezioni seguenti quando si modificano le proprietà del punto di distribuzione.

  4. Dopo aver apportato le modifiche desiderate, selezionare OK per salvare le impostazioni e chiudere le proprietà del punto di distribuzione.

Nota

È possibile usare PowerShell per automatizzare questo processo. Per altre informazioni, vedere Set-CMDistributionPoint.

Generale

Le impostazioni seguenti si trovano nella pagina Punto di distribuzione della creazione guidata server del sistema del sito e nella scheda Generale della finestra delle proprietà del punto di distribuzione:

  • Descrizione: descrizione facoltativa per questo ruolo del punto di distribuzione.

  • Installare e configurare IIS se richiesto da Configuration Manager: se IIS non è già installato nel server, Configuration Manager lo installa e lo configura. Configuration Manager richiede IIS in tutti i punti di distribuzione. Se non si sceglie questa impostazione e IIS non è installato nel server, installare IIS prima che Configuration Manager possa installare correttamente il punto di distribuzione.

    Nota

    Questa opzione si trova solo nella pagina Punto di distribuzione della creazione guidata server del sistema del sito. È disponibile solo quando si installa un nuovo punto di distribuzione.

  • Abilitare e configurare BranchCache per questo punto di distribuzione: scegliere questa impostazione per consentire Configuration Manager configurare Windows BranchCache nel server del punto di distribuzione. Per altre informazioni, vedere BranchCache.

  • Regolare la velocità di download per usare la larghezza di banda di rete inutilizzata (Windows LEDBAT): abilitare i punti di distribuzione per usare il controllo della congestione di rete. Per altre informazioni, vedere Windows LEDBAT. Requisiti minimi per il supporto di LEDBAT:

    • Windows Server, versione 1709 o successiva
    • Windows Server 2016 con gli aggiornamenti seguenti:
      • Aggiornamento cumulativo KB4132216, rilasciato il 21 giugno 2018 o un aggiornamento cumulativo successivo.
      • Aggiornamento dello stack di manutenzione KB4284833, rilasciato il 18 maggio 2018 o un aggiornamento dello stack di manutenzione successivo.
    • Windows Server 2019
  • Abilita questo punto di distribuzione per il contenuto pre-installato: questa impostazione consente di aggiungere contenuto al server prima di distribuire il software. Poiché i file di contenuto si trovano già nella raccolta contenuto, non vengono trasferiti in rete quando si distribuisce il software. Per altre informazioni, vedere Contenuto pre-installato.

  • Abilitare questo punto di distribuzione da usare come Microsoft server cache connessa: usare questa opzione per installare un server di cache connessa Microsoft nel punto di distribuzione. Memorizzando nella cache questo contenuto in locale, i client possono trarre vantaggio dalla funzionalità Ottimizzazione recapito, ma è possibile proteggere i collegamenti WAN. Per altre informazioni, inclusa la descrizione delle altre impostazioni, vedere Microsoft Connected Cache in Configuration Manager.

Comunicazione

Le impostazioni seguenti si trovano nella pagina Comunicazione della procedura guidata Crea server del sistema del sito e nella finestra delle proprietà del punto di distribuzione:

  • Configurare il modo in cui i dispositivi client comunicano con il punto di distribuzione: l'uso di HTTP o HTTPS presenta vantaggi e svantaggi. Per altre informazioni, vedere Indicazioni sulla sicurezza per la gestione dei contenuti.

  • Consenti ai client di connettersi in modo anonimo: questa impostazione specifica se il punto di distribuzione consente connessioni anonime dai client Configuration Manager alla raccolta contenuto.

  • Creare un certificato autofirma o importare un certificato client PKI: Configuration Manager usa questo certificato per gli scopi seguenti:

    • Autentica il punto di distribuzione in un punto di gestione prima che il punto di distribuzione invii messaggi di stato.

    • Quando si abilita il supporto PXE per i client nella pagina Impostazioni PXE , il punto di distribuzione lo invia ai computer che avviano PXE. Questi computer lo usano quindi per connettersi a un punto di gestione durante il processo di distribuzione del sistema operativo.

      Quando si configurano tutti i punti di gestione nel sito per HTTP, selezionare l'opzione Crea certificato autofirmato. Quando si configurano i punti di gestione per HTTPS, usare l'opzione Importa certificato da PKI. In altre parole, non usare certificati autofirmati nei punti di distribuzione quando i punti di gestione usano i certificati. In caso contrario, potrebbero verificarsi problemi. Ad esempio, i punti di distribuzione non invieranno messaggi di stato.

      Per importare il certificato, passare a un file PKCS #12 (Public Key Cryptography Standard) valido. Questo file PFX o CER ha il certificato PKI con i requisiti seguenti per Configuration Manager:

    • L'uso previsto include l'autenticazione client

    • Abilitare l'esportazione della chiave privata

      Consiglio

      Non sono previsti requisiti specifici per il soggetto del certificato o il nome alternativo del soggetto (SAN). Se necessario, usare lo stesso certificato per più punti di distribuzione.

      Per altre informazioni sui requisiti del certificato, vedere Requisiti del certificato PKI.

      Per un esempio di distribuzione di questo certificato, vedere Distribuzione del certificato client per i punti di distribuzione.

Impostazioni unità

Nota

Queste opzioni sono disponibili solo quando si installa un nuovo punto di distribuzione.

Specificare le impostazioni dell'unità per il punto di distribuzione. Configurare fino a due unità disco per la raccolta contenuto e due unità disco per la condivisione del pacchetto. Configuration Manager possono usare altre unità quando i primi due raggiungono la riserva di spazio dell'unità configurata. La pagina Impostazioni unità configura la priorità per le unità disco e la quantità di spazio disponibile su disco che rimane in ogni unità disco.

  • Riserva di spazio unità (MB): questo valore determina la quantità di spazio disponibile in un'unità prima che Configuration Manager scelga un'unità diversa e continui il processo di copia in tale unità. I file di contenuto possono estendersi su più unità.

  • Percorsi del contenuto: specificare i percorsi per la raccolta contenuto e la condivisione del pacchetto in questo punto di distribuzione. Per impostazione predefinita, tutte le posizioni del contenuto sono impostate su Automatico. Configuration Manager copia il contenuto nel percorso del contenuto primario fino a quando la quantità di spazio libero non raggiunge il valore specificato per Riserva spazio unità (MB). Quando si seleziona Automatico, Configuration Manager imposta le posizioni del contenuto primario sull'unità disco con la maggior parte dello spazio su disco durante l'installazione. Imposta le posizioni secondarie sull'unità disco con il secondo spazio disponibile su disco. Quando le posizioni primaria e secondaria raggiungono la riserva di spazio dell'unità, Configuration Manager seleziona un'altra unità disponibile con lo spazio su disco più libero per continuare il processo di copia.

Consiglio

Per impedire l'installazione di Configuration Manager in un'unità specifica, creare un file vuoto denominato NO_SMS_ON_DRIVE.SMS e copiarlo nella cartella radice dell'unità prima di installare il punto di distribuzione.

Per altre informazioni, vedere La raccolta contenuto.

Impostazioni firewall

Il punto di distribuzione deve avere le regole in ingresso seguenti configurate in Windows Firewall:

  • Strumentazione gestione Windows (DCOM-In)
  • Strumentazione gestione Windows (WMI-In)

Senza queste regole, i client riceveranno l'errore 0x801901F4 in DataTransferService.log quando tentano di scaricare il contenuto.

Punto di distribuzione pull

Quando si abilita questo punto di distribuzione per il pull di contenuto da altri punti di distribuzione, diventa un punto di distribuzione pull. Si modifica il comportamento del modo in cui il punto di distribuzione ottiene il contenuto distribuito. Per altre informazioni, vedere Usare un punto di distribuzione pull.

Per ogni punto di distribuzione pull configurato, specificare uno o più punti di distribuzione di origine da cui ottiene il contenuto:

  • Scegliere Aggiungi e quindi selezionare uno o più punti di distribuzione disponibili come origini.

  • Usare i pulsanti freccia per regolare la priorità. Quando il punto di distribuzione pull tenta di trasferire il contenuto, la priorità è l'ordine in cui contatta i punti di distribuzione di origine. Prima di tutto contatta i punti di distribuzione con il valore più basso.

Pxe

Specificare se abilitare PXE nel punto di distribuzione. Usare PXE per avviare le distribuzioni del sistema operativo nei client. Per altre informazioni su come usare PXE in Configuration Manager, vedere Usare PXE per distribuire Windows in rete.

Quando si abilita PXE, Configuration Manager installa Servizi di distribuzione Windows nel server, se necessario. WdS è il servizio che supporta l'avvio PXE per installare i sistemi operativi. Dopo aver completato la procedura guidata per creare il punto di distribuzione, Configuration Manager installa un provider in Servizi di distribuzione Windows che usa le funzioni di avvio PXE.

È possibile abilitare PXE in un punto di distribuzione senza Servizi di distribuzione Windows.

Selezionare l'opzione Abilita supporto PXE per i client e quindi configurare le impostazioni seguenti:

Nota

Selezionare nella finestra di dialogo Rivedi porte necessarie per PXE per confermare che si vuole abilitare PXE. Configuration Manager configura automaticamente le porte predefinite in Windows Firewall. Se si usa un firewall diverso, configurare manualmente le porte.

Se si installa WDS e DHCP nello stesso server, configurare WdS per l'ascolto su una porta diversa. Per impostazione predefinita, DHCP è in ascolto sulla stessa porta. Per altre informazioni, vedere Considerazioni su quando si dispone di Servizi di distribuzione Windows e DHCP nello stesso server.

  • Consenti a questo punto di distribuzione di rispondere alle richieste PXE in ingresso: specificare se abilitare WdS per rispondere alle richieste del servizio PXE. Usare questa impostazione per abilitare e disabilitare il servizio senza rimuovere la funzionalità PXE dal punto di distribuzione.

  • Abilita supporto computer sconosciuto: specificare se abilitare il supporto per i computer che Configuration Manager non gestiscono. Per altre informazioni, vedere Preparare le distribuzioni di computer sconosciute.

  • Abilitare un risponditore PXE senza servizio di distribuzione Windows: questa opzione abilita un risponditore PXE nel punto di distribuzione, che non richiede Servizi di distribuzione Windows. Questo risponditore PXE supporta le reti IPv6. Se si abilita questa opzione in un punto di distribuzione già abilitato per PXE, Configuration Manager sospende il servizio Servizi di distribuzione Windows. Se si disabilita questa opzione, ma si abilita ancora il supporto PXE per i client, il punto di distribuzione abilita di nuovo Servizi di distribuzione Windows.

    Nota

    Quando si abilita un risponditore PXE in un punto di distribuzione senza servizio di distribuzione Windows, può trovarsi nello stesso server del servizio DHCP.

  • Richiedi una password quando i computer usano PXE: per fornire maggiore sicurezza per le distribuzioni PXE, specificare una password complessa.

  • Affinità utente dispositivo: specificare come si vuole che il punto di distribuzione associ gli utenti al computer di destinazione per le distribuzioni PXE. Scegli una delle opzioni seguenti:

    • Consenti affinità utente dispositivo con l'approvazione automatica: scegliere questa impostazione per associare automaticamente gli utenti al computer di destinazione senza attendere l'approvazione.

    • Consenti affinità utente dispositivo in attesa di approvazione amministratore: scegliere questa impostazione per attendere l'approvazione da un utente amministratore prima che gli utenti siano associati al computer di destinazione.

    • Non consentire l'affinità utente-dispositivo: scegliere questa impostazione per specificare che gli utenti non sono associati al computer di destinazione. Questa impostazione è l'impostazione predefinita.

      Per altre informazioni sull'affinità utente-dispositivo, vedere Collegare utenti e dispositivi con affinità utente-dispositivo.

  • Interfacce di rete: specificare che il punto di distribuzione risponde alle richieste PXE da tutte le interfacce di rete o da interfacce di rete specifiche. Se il punto di distribuzione risponde a interfacce di rete specifiche, specificare l'indirizzo MAC per ogni interfaccia di rete.

    Nota

    Quando si modifica l'interfaccia di rete, riavviare il servizio WdS per assicurarsi che la configurazione venga salvata correttamente. Quando si usa il servizio risponditore PXE, riavviare il servizio Risponditore PXE di ConfigMgr (SccmPxe).

  • Specificare il ritardo di risposta del server PXE (secondi): quando si usano più server PXE, specificare per quanto tempo il punto di distribuzione abilitato per PXE deve attendere prima di rispondere alle richieste del computer. Per impostazione predefinita, il punto di distribuzione abilitato per PXE Configuration Manager risponde immediatamente.

Multicast

Specificare se abilitare il multicast nel punto di distribuzione. Le distribuzioni multicast risparmiano la larghezza di banda di rete inviando simultaneamente i dati a più client Configuration Manager. Senza multicast, il server invia una copia dei dati a ogni client tramite una connessione separata. Per altre informazioni sull'uso del multicast per la distribuzione del sistema operativo, vedere Usare il multicast per distribuire Windows in rete.

Quando si abilita il multicast, Configuration Manager installa Servizi di distribuzione Windows nel server, se necessario.

Selezionare l'opzione Abilita multicast per inviare contemporaneamente dati a più client e quindi configurare le impostazioni seguenti:

  • Account di connessione multicast: specificare l'account da usare quando si configurano le connessioni di database Configuration Manager per il multicast. Per altre informazioni, vedere l'account di connessione Multicast.

  • Impostazioni degli indirizzi multicast: specificare gli indirizzi IP per l'invio di dati ai computer di destinazione. Per impostazione predefinita, ottiene l'indirizzo IP da un server DHCP abilitato per la distribuzione di indirizzi multicast. A seconda dell'ambiente di rete, è possibile specificare un intervallo di indirizzi IP da 239.0.0.0 a 239.255.255.255.

    Importante

    Gli indirizzi IP configurati devono essere accessibili dai computer di destinazione che richiedono l'immagine del sistema operativo. Verificare che i router e i firewall consentano il traffico multicast tra il computer di destinazione e il punto di distribuzione.

  • Intervallo di porte UDP per il multicast: specificare l'intervallo di porte UDP usate per inviare dati ai computer di destinazione.

    Importante

    Le porte UDP devono essere accessibili dai computer di destinazione che richiedono l'immagine del sistema operativo. Verificare che router e firewall consentano il traffico multicast tra il computer di destinazione e il server del sito.

  • Numero massimo di client: specificare il numero massimo di computer di destinazione che possono scaricare l'immagine del sistema operativo da questo punto di distribuzione.

  • Abilita multicast pianificato: specificare come Configuration Manager i controlli quando iniziare a distribuire i sistemi operativi nei computer di destinazione. Configurare le opzioni seguenti:

    • Ritardo inizio sessione (minuti):specificare il numero di minuti di attesa Configuration Manager prima che risponda alla prima richiesta di distribuzione.

    • Dimensioni minime della sessione (client):specificare il numero di richieste da ricevere prima che Configuration Manager inizi a distribuire il sistema operativo.

Importante

Per abilitare e configurare il multicast nella scheda Multicast delle proprietà del punto di distribuzione, il punto di distribuzione deve usare Il servizio di distribuzione Windows.

  • Se si abilita il supporto PXE per i client e si abilita il multicast per l'invio simultaneo dei dati a più client, non è possibile abilitare un risponditore PXE senza il servizio di distribuzione Windows.

  • Se si abilita il supporto PXE per i client e si abilita un risponditore PXE senza il servizio di distribuzione Windows, non è possibile abilitare il multicast per l'invio simultaneo di dati a più client.

Relazioni di gruppo

Nota

Queste opzioni sono disponibili solo quando si modificano le proprietà di un punto di distribuzione installato in precedenza.

Gestire i gruppi di punti di distribuzione in cui questo punto di distribuzione è membro.

Per aggiungere questo punto di distribuzione come membro a un gruppo di punti di distribuzione esistente, scegliere Aggiungi. Nella finestra Aggiungi ai gruppi di punti di distribuzione selezionare un gruppo esistente e quindi scegliere OK.

Per rimuovere questo punto di distribuzione da un gruppo di punti di distribuzione, selezionare il gruppo nell'elenco e quindi scegliere Rimuovi. La rimozione del punto di distribuzione da un gruppo di punti di distribuzione non rimuove alcun contenuto dal punto di distribuzione.

Contenuto

Nota

Queste opzioni sono disponibili solo quando si modificano le proprietà di un punto di distribuzione installato in precedenza.

Gestire il contenuto distribuito al punto di distribuzione. Selezionare dall'elenco dei pacchetti di distribuzione e quindi selezionare una delle azioni seguenti:

  • Convalida: avviare il processo per convalidare l'integrità dei file di contenuto per il software. Per visualizzare i risultati del processo di convalida del contenuto, nell'area di lavoro Monitoraggio espandere Stato distribuzione e quindi scegliere il nodo Stato contenuto . Per altre informazioni, vedere Convalidare il contenuto.

  • Ridistribuire: copia tutti i file di contenuto per il software selezionato nel punto di distribuzione e sovrascrive i file esistenti. Questa azione viene in genere usata per ripristinare i file di contenuto. Per altre informazioni, vedere Ridistribuire il contenuto.

  • Rimuovi: rimuove i file di contenuto per il software dal punto di distribuzione. Per altre informazioni, vedere Rimuovere il contenuto.

Convalida del contenuto

Impostare una pianificazione per convalidare l'integrità dei file di contenuto nel punto di distribuzione. Quando si abilita la convalida del contenuto in base a una pianificazione, Configuration Manager avvia il processo all'ora pianificata. Verifica tutto il contenuto nel punto di distribuzione in base alla classe SCCMDP SMS_PackagesInContLib locale. È anche possibile configurare la priorità di convalida del contenuto. Per impostazione predefinita, la priorità è impostata su Minimo. L'aumento della priorità potrebbe aumentare l'utilizzo del processore e del disco nel server durante il processo di convalida, ma dovrebbe essere completato più velocemente.

Per visualizzare i risultati del processo di convalida del contenuto, nell'area di lavoro Monitoraggio espandere Stato distribuzione e quindi scegliere il nodo Stato contenuto . Mostra il contenuto per ogni tipo di software, ad esempio applicazione, pacchetto di aggiornamento software e immagine di avvio.

Avviso

Anche se si specifica la pianificazione della convalida del contenuto usando l'ora locale per il computer, la console Configuration Manager visualizza la pianificazione in formato UTC.

Per altre informazioni, vedere Convalidare il contenuto.

Gruppi di limiti

Gestire i gruppi di limiti a cui si assegna questo punto di distribuzione. Aggiungere il punto di distribuzione ad almeno un gruppo di limiti. Durante la distribuzione del contenuto, i client devono trovarsi in un gruppo di limiti associato a un punto di distribuzione per usare tale punto di distribuzione come percorso di origine per il contenuto.

Configurare relazioni di gruppi di limiti che definiscono quando e a quali gruppi di limiti un client può eseguire il backback per trovare il contenuto. Per altre informazioni, vedere Gruppi di limiti.

Scegliere Aggiungi e selezionare un gruppo di limiti esistente nell'elenco.

Per creare un nuovo gruppo di limiti per questo punto di distribuzione, scegliere Crea. Per altre informazioni su come creare e configurare un gruppo di limiti, vedere Procedure per i gruppi di limiti.

Quando si modificano le proprietà di un punto di distribuzione installato in precedenza, gestire l'opzione Abilita per la distribuzione su richiesta. Questa opzione consente Configuration Manager di distribuire automaticamente il contenuto al server quando un client lo richiede. Per altre informazioni, vedere Distribuzione del contenuto su richiesta.

Pianificazione

Nota

Queste opzioni sono disponibili solo quando si modificano le proprietà di un punto di distribuzione installato in precedenza.

Questa scheda è disponibile solo quando si modificano le proprietà per un punto di distribuzione remoto dal server del sito.

Configurare una pianificazione che limita quando Configuration Manager possono trasferire dati al punto di distribuzione. Limitare i dati in base alla priorità o chiudere la connessione per periodi di tempo selezionati.

Per limitare i dati, selezionare il periodo di tempo nella griglia e quindi scegliere una delle impostazioni seguenti per Disponibilità:

  • Apri per tutte le priorità: Configuration Manager invia i dati al punto di distribuzione senza restrizioni. Questa impostazione è l'impostazione predefinita per tutti i periodi di tempo.

  • Consenti priorità media e alta: Configuration Manager invia solo dati con priorità media e alta al punto di distribuzione.

  • Consenti solo la priorità alta: Configuration Manager invia solo dati ad alta priorità al punto di distribuzione.

  • Chiuso: Configuration Manager non invia dati al punto di distribuzione.

Configurare la priorità di distribuzione del software nella scheda Impostazioni distribuzione delle proprietà del software.

Importante

La pianificazione si basa sul fuso orario del sito di invio, non sul punto di distribuzione.

Limiti di frequenza

Nota

Queste opzioni sono disponibili solo quando si modificano le proprietà di un punto di distribuzione installato in precedenza.

Questa scheda è disponibile solo quando si modificano le proprietà per un punto di distribuzione remoto dal server del sito.

Configurare i limiti di frequenza per controllare la larghezza di banda di rete usata Configuration Manager per trasferire il contenuto al punto di distribuzione. Scegliere una delle seguenti opzioni:

  • Illimitato quando si invia a questa destinazione: Configuration Manager invia contenuto al punto di distribuzione senza restrizioni di frequenza. Questa impostazione è l'impostazione predefinita.

  • Modalità pulse: questa opzione specifica le dimensioni dei blocchi di dati inviati dal server del sito al punto di distribuzione. È anche possibile specificare un ritardo di tempo tra l'invio di ogni blocco di dati. Usare questa opzione quando è necessario inviare dati attraverso una connessione di rete a larghezza di banda molto bassa al punto di distribuzione. Ad esempio, sono presenti vincoli per inviare 1 KB di dati ogni cinque secondi, indipendentemente dalla velocità del collegamento o dal relativo utilizzo in un determinato momento.

  • Limitato alle tariffe di trasferimento massime specificate per ora: specificare questa impostazione per fare in modo che un sito invii dati a un punto di distribuzione usando solo la percentuale di tempo configurata. Quando si usa questa opzione, Configuration Manager non identifica la larghezza di banda disponibile della rete. Divide invece il tempo in cui può inviare i dati. Il server invia i dati per un breve periodo di tempo, seguito da periodi di tempo in cui i dati non vengono inviati. Ad esempio, se si imposta Limita larghezza di banda disponibile su 50%, Configuration Manager trasmette i dati per un periodo di tempo seguito da un periodo di tempo uguale quando non vengono inviati dati. La quantità effettiva di dati o le dimensioni del blocco di dati non vengono gestite. Gestisce solo la quantità di tempo durante la quale invia i dati.