Abilitare la protezione dagli exploit

Si applica a:

Suggerimento

Si desidera provare Microsoft Defender per endpoint? iscriversi a una versione di valutazione gratuita.

La protezione dagli exploit consente di proteggersi dai malware che usano gli exploit per infettare i dispositivi e diffondersi. La protezione dagli exploit è costituita da numerose mitigazioni che possono essere applicate al sistema operativo o alle singole app.

Importante

.NET 2.0 non è compatibile con alcune funzionalità di protezione dagli exploit, in particolare EAF (Export Address Filtering) e IAF (Import Address Filtering). Se .NET 2.0 è stato abilitato, l'uso di EAF e IAF non è supportato.

Molte delle funzionalità in Enhanced Mitigation Experience Toolkit (EMET) sono incluse nella protezione dagli exploit.

È possibile abilitare ciascuna mitigazione separatamente con uno di questi metodi:

La protezione dagli exploit è configurata in Windows 10 e Windows 11 per impostazione predefinita. È possibile impostare ciascuna mitigazione su attivata, disattivata o sul valore predefinito. Alcune mitigazioni dispongono di più opzioni. È possibile esportare le impostazioni come file XML e distribuirle in altri dispositivi.

È anche possibile impostare le mitigazioni sulla modalità di controllo. La modalità di controllo consente di testare il funzionamento delle mitigazioni, oltre a esaminare gli eventi, senza influire sul normale utilizzo del dispositivo.

App Sicurezza di Windows

  1. Aprire l'app Sicurezza di Windows selezionando l'icona a forma di scudo nella barra delle applicazioni o eseguendo la ricerca di Sicurezza nel menu Start.

  2. Selezionare il riquadro Controllo app e browser, o l'icona dell'app sulla barra dei menu a sinistra, e selezionare quindi Impostazioni di protezione dagli exploit.

  3. Andare alle impostazioni del programma e scegliere l'app a cui si desidera applicare le mitigazioni.

    • Se l'app che si desidera configurare è già elencata, selezionarla poi scegliere Modifica.
    • Se l'app non è elencata, nella parte superiore dell'elenco selezionare Aggiungi programma da personalizzare e quindi scegliere come si desidera aggiungere l'app.
    • Usare Aggiungi per nome programma per applicare la mitigazione a qualsiasi processo in esecuzione con tale nome. Specificare un file con la relativa estensione. È possibile immettere un percorso completo per limitare la mitigazione solo all'app con questo nome in quella posizione.
    • Usare Scegli il percorso esatto del file per utilizzare una finestra di selezione file Esplora risorse standard per trovare e selezionare il file desiderato.
  4. Dopo aver selezionato l'app, verrà visualizzato un elenco di tutte le mitigazioni che è possibile applicare. La scelta di Controllo applicherà la mitigazione solo in modalità di controllo. Si riceverà una notifica se è necessario riavviare il processo o l'app oppure se è necessario riavviare Windows.

  5. Ripetere i passaggi da 3 a 4 per tutte le app e le mitigazioni da configurare.

  6. Nella sezione Impostazioni di sistema, individuare la mitigazione che si desidera configurare e quindi specificare una delle impostazioni seguenti. Le app che non sono configurate singolarmente nella sezione Impostazioni programma usano le impostazioni configurate qui.

    • Attivata per impostazione predefinita: la mitigazione è abilitata per le app per cui la mitigazione non è impostata nella sezione Impostazioni programma specifica dell'app
    • Disattivata per impostazione predefinita: la mitigazione è abilitata per le app per cui la mitigazione non è impostata nella sezione Impostazioni programma specifica dell'app
    • Usa l'impostazione predefinita: la mitigazione è abilitata o disabilitata, a seconda della configurazione predefinita configurata dall'installazione di Windows 10 o Windows 11. Il valore predefinito (Attivata o Disattivata) viene sempre specificato accanto all'etichetta Usa predefinita per ogni mitigazione
  7. Ripetere il passaggio 6 per tutte le mitigazioni a livello di sistema da configurare. Al termine della configurazione, selezionare Applica.

Se si aggiunge un'app alla sezione Impostazioni del programma e si configurano le singole impostazioni di mitigazione, tali impostazioni verranno anteposte alla configurazione per le stesse mitigazioni specificate nella sezione Impostazioni di sistema. La matrice e gli esempi seguenti consentono di illustrare il funzionamento delle impostazioni predefinite:

Abilitato nelle Impostazioni del programma Abilitato nelle Impostazioni di sistema Comportamento
No Come definito nelle Impostazioni del programma
Come definito nelle Impostazioni del programma
No Come definito nelle Impostazioni di sistema
No No Impostazione predefinita come determinato nell'opzione Usa predefinito

Esempio 1: Luca configura la prevenzione dell'esecuzione dei dati nella sezione delle impostazioni di sistema in modo che sia disattivata per impostazione predefinita

Luca aggiunge l'app test.exe alla sezione Impostazioni programma. Nelle opzioni per l'app, in Protezione dell'esecuzione dei dati, Luca abilita l'opzione Ignora impostazioni di sistema e imposta l'interruttore su Attivato. Nella sezione Impostazioni del programma non sono elencate altre app.

Il risultato è che DEP è abilitato solo per test.exe. A tutte le altre app non verrà applicato DEP.

Esempio 2: Martina configura la prevenzione dell'esecuzione dei dati nelle impostazioni di sistema in modo che sia disattivata per impostazione predefinita

Martina aggiunge l'app test.exe alla sezione Impostazioni programma. Nelle opzioni per l'app, in Protezione dell'esecuzione dei dati, Martina abilita l'opzione Ignora impostazioni di sistema e imposta l'interruttore su Attivato.

Martina aggiunge anche l'app miles.exe alla sezione Impostazioni del programma e configura Protezione del flusso di controllo (Control Flow Guard, CFG) su Attivato. Martina non abilita l'opzione Ignora impostazioni di sistema per DEP o altre mitigazioni per l'app.

Il risultato è che DEP è abilitato per test.exe. DEP non verrà abilitato per altre app, incluso miles.exe. La CFG verrà abilitata per miles.exe.

  1. Aprire l'app Sicurezza di Windows selezionando l'icona a forma di scudo nella barra delle applicazioni o eseguendo la ricerca di Sicurezza nel menu Start.

  2. Selezionare il riquadro Controllo app e browser, o l'icona dell'app sulla barra dei menu a sinistra, e selezionare quindi Protezione dagli exploit.

  3. Andare alle impostazioni del programma e scegliere l'app a cui si desidera applicare le mitigazioni.

    • Se l'app che si desidera configurare è già elencata, selezionarla poi scegliere Modifica.
    • Se l'app non è elencata, nella parte superiore dell'elenco selezionare Aggiungi programma da personalizzare e quindi scegliere come si desidera aggiungere l'app.
      • Usare Aggiungi per nome programma per applicare la mitigazione a qualsiasi processo in esecuzione con tale nome. Specificare un file con un'estensione. È possibile immettere un percorso completo per limitare la mitigazione solo all'app con questo nome in quella posizione.
      • Usare Scegli il percorso esatto del file per utilizzare una finestra di selezione file Esplora risorse standard per trovare e selezionare il file desiderato.
  4. Dopo aver selezionato l'app, verrà visualizzato un elenco di tutte le mitigazioni che è possibile applicare. La scelta di Controllo applicherà la mitigazione solo in modalità di controllo. Si riceverà una notifica se è necessario riavviare il processo o l'app oppure se è necessario riavviare Windows.

  5. Ripetere i passaggi da 3 a 4 per tutte le app e le mitigazioni da configurare. Al termine della configurazione, selezionare Applica.

Intune

  1. Accedere al portale di Azure e aprire Intune.

  2. Passare a Configurazione del dispositivo > Profili > Crea profilo.

  3. Assegnare un nome al profilo, scegliere Windows 10 e versioni successive e Endpoint protection.

    Creazione di un profilo di protezione endpoint

  4. Selezionare Configura > Windows Defender Exploit Guard > Protezione dagli exploit.

  5. Caricare un file XML con le impostazioni di protezione dagli exploit:

    Abilitazione delle impostazioni di protezione della rete in Intune

  6. Selezionare OK per salvare ogni pannello aperto e quindi scegliere Crea.

  7. Selezionare la scheda Assegnazioni del profilo, assegnare il criterio a Tutti gli utenti e tutti i dispositivi, quindi selezionare Salva.

MDM

Usare il provider di servizi di configurazione ./Vendor/MSFT/Policy/Config/ExploitGuard/ExploitProtectionSettings per abilitare o disabilitare le mitigazioni della protezione dagli exploit o per usare la modalità di controllo.

Microsoft Endpoint Manager

  1. In Microsoft Endpoint Manager, passare a Sicurezza degli endpoint > Riduzione della superficie di attacco.

  2. Selezionare Crea criterio > Piattaforma e, per Profilo, scegliere Protezione dagli exploit. Quindi selezionare Crea.

  3. Specificare un nome e una descrizione, quindi scegliere Avanti.

  4. Scegliere Seleziona file XML e passare alla posizione del file XML di protezione dagli exploit. Selezionare il file, quindi scegliere Avanti.

  5. Configurare Tag di ambito e Assegnazioni, se necessario.

  6. In Rivedi e crea, esaminare le impostazioni di configurazione poi scegliere Crea.

Microsoft Endpoint Configuration Manager

  1. In Microsoft Endpoint Configuration Manager, passare ad Risorse e conformità > Endpoint Protection > Windows Defender Exploit Guard.

  2. Selezionare Home > Creare criterio di Exploit Guard.

  3. Specificare un nome e una descrizione, selezionare Protezione dagli exploit e quindi scegliere Avanti.

  4. Passare alla posizione del file XML di protezione dagli exploit e selezionare Avanti.

  5. Verificare le impostazioni e scegliere Avanti per creare il criterio.

  6. Dopo la creazione del criterio, selezionare Chiudi.

Criteri di gruppo

  1. Nel dispositivo di gestione dei Criteri di gruppo, aprire la Console Gestione Criteri di gruppo, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto Criteri di gruppo da configurare e fare clic su Modifica.

  2. Nell'Editor Gestione Criteri di gruppo passare a Configurazione computer e selezionare Modelli amministrativi.

  3. Espandere l'albero in Componenti di Windows > Windows Defender Exploit Guard >Protezione dagli exploit > Usare un set comune di impostazioni di protezione dagli exploit.

  4. Selezionare Abilitato e digitare la posizione del file XML, quindi scegliere OK.

PowerShell

È possibile usare il verbo di PowerShell Get o Set con il cmdlet ProcessMitigation. L'uso di Get elencherà lo stato di configurazione corrente di tutte le mitigazioni abilitate nel dispositivo. Aggiungere il cmdlet -Name e il file exe per visualizzare le mitigazioni solo per l'app:

Get-ProcessMitigation -Name processName.exe

Importante

Le mitigazioni a livello di sistema che non sono state configurate mostreranno lo stato di NOTSET.

  • Per le impostazioni a livello di sistema, NOTSET indica che è stata applicata l'impostazione predefinita per tale mitigazione.
  • Per le impostazioni a livello di app, NOTSET indica che è stata applicata l'impostazione a livello di sistema per tale mitigazione. L'impostazione predefinita per ogni mitigazione a livello di sistema può essere visualizzata in sicurezza di Windows.

Usare Set per configurare ciascuna mitigazione nel formato seguente:

Set-ProcessMitigation -<scope> <app executable> -<action> <mitigation or options>,<mitigation or options>,<mitigation or options>

Dove:

  • <Scope>:
    • -Name per indicare che le mitigazioni devono essere applicate a un'app specifica. Specificare l'eseguibile dell'app dopo questo flag.
      • -System per indicare che la mitigazione deve essere applicate a livello di sistema
  • <Action>:
    • -Enable per abilitare la mitigazione
    • -Disable per disabilitare la mitigazione
  • <Mitigation>:
    • Il cmdlet della mitigazione insieme a eventuali opzioni secondarie (racchiuse tra spazi). Ogni mitigazione è separata da una virgola.

Ad esempio, per abilitare la mitigazione DEP (Data Execution Prevention) con l'emulazione thunk ATL e per un file eseguibile denominato testing.exe nella cartella C:\Apps\LOB\tests e per impedire a tale eseguibile di creare processi figlio, è consigliabile usare il comando seguente:

Set-ProcessMitigation -Name c:\apps\lob\tests\testing.exe -Enable DEP, EmulateAtlThunks, DisallowChildProcessCreation

Importante

Separare ogni opzione di mitigazione con virgole.

Se si vuole applicare DEP a livello di sistema, usare il comando seguente:

Set-Processmitigation -System -Enable DEP

Per disabilitare le mitigazioni, è possibile sostituire -Enable con -Disable. Tuttavia, per le mitigazioni a livello di app, questa azione forza la disabilitazione della mitigazione solo per l'app.

Se è necessario ripristinare l'impostazione predefinita di sistema per la mitigazione, è necessario includere anche il cmdlet -Remove, come nell'esempio seguente:

Set-Processmitigation -Name test.exe -Remove -Disable DEP

Nella tabella seguente sono elencate le singole mitigazioni (e controlli, se disponibili) da usare con i parametri del cmdlet -Enable o -Disable.

Piano di mitigazione Si applica a Parola chiave del parametro del cmdlet di mitigazione Parametro del cmdlet per la modalità di controllo
Protezione del flusso di controllo (CFG) A livello di sistema e di app CFG, StrictCFG, SuppressExports Controllo non disponibile
Protezione esecuzione programmi (DEP) A livello di sistema e di app DEP, EmulateAtlThunks Controllo non disponibile
Forza l'assegnazione casuale per le immagini (ASLR obbligatorio) A livello di sistema e di app ForceRelocateImages Controllo non disponibile
Utilizza le allocazioni di memoria casuali (ASLR bottom-up) A livello di sistema e di app BottomUp, HighEntropy Controllo non disponibile
Convalida catene di eccezione (SEHOP) A livello di sistema e di app SEHOP, SEHOPTelemetry Controllo non disponibile
Convalida l'integrità dell'heap A livello di sistema e di app TerminateOnError Controllo non disponibile
Controllo arbitrario di codice (ACG) Solo a livello app DynamicCode AuditDynamicCode
Blocca immagini con bassa integrità Solo a livello app BlockLowLabel AuditImageLoad
Blocca immagini remote Solo a livello app BlockRemoteImages Controllo non disponibile
Blocca i tipi di carattere non attendibili Solo a livello app DisableNonSystemFonts AuditFont, FontAuditOnly
Controllo integrità codice Solo a livello app BlockNonMicrosoftSigned, AllowStoreSigned AuditMicrosoftSigned, AuditStoreSigned
Disabilita i punti di estensione Solo a livello app ExtensionPoint Controllo non disponibile
Disabilita le chiamate di sistema Win32k Solo a livello app DisableWin32kSystemCalls AuditSystemCall
Non consentire processi figlio Solo a livello app DisallowChildProcessCreation AuditChildProcess
Filtro di indirizzi da esportare (EAF) Solo a livello app EnableExportAddressFilterPlus, EnableExportAddressFilter [1] Controllo non disponibile [2]
Filtro di indirizzi da importare (IAF) Solo a livello app EnableImportAddressFilter Controllo non disponibile [2]
Simula l'esecuzione (SimExec) Solo a livello app EnableRopSimExec Controllo non disponibile [2]
Convalida chiamata di API (CallerCheck) Solo a livello app EnableRopCallerCheck Controllo non disponibile [2]
Convalida l'uso di handle Solo a livello app StrictHandle Controllo non disponibile
Convalida l'integrità di dipendenza dell'immagine Solo a livello app EnforceModuleDepencySigning Controllo non disponibile
Convalida l'integrità della pila (StackPivot) Solo a livello app EnableRopStackPivot Controllo non disponibile [2]

[1]: utilizzare il formato seguente per abilitare i moduli EAF per le DLL per un processo:

Set-ProcessMitigation -Name processName.exe -Enable EnableExportAddressFilterPlus -EAFModules dllName1.dll,dllName2.dll

[2]: il controllo per questa mitigazione non è disponibile tramite i cmdlet di PowerShell.

Personalizzare la notifica

Per informazioni sulla personalizzazione della notifica quando viene attivata una regola e un'app o un file viene bloccato, vedere Sicurezza di Windows.

Vedere anche