Condividi tramite


Creazione di una libreria dei moduli dell'organizzazione

 

Si applica a: Exchange Server 2010 SP2, Exchange Server 2010 SP3

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-28

La libreria moduli di un'organizzazione è un archivio dove vengono conservati i moduli a cui accedono gli utenti di una società. I moduli sono modelli che facilitano l'immissione e la visualizzazione di informazioni. È possibile, ad esempio, archiviare in una Libreria moduli organizzazione un modulo standard per la richiesta di forniture. Se a tutti gli utenti vengono concesse le autorizzazioni per accedere alla libreria, tutti saranno in grado di accedere ai moduli in essa conservati.

Una Libreria moduli organizzazione è un tipo particolare di cartella pubblica che compare solo nell'elenco all'interno della cartella di sistema NON_IPM_SUBTREE. In un'organizzazione è possibile avere solo una Libreria moduli organizzazione per ciascuna lingua.

È possibile aggiungere un modulo nella Libreria moduli organizzazione quando si desidera utilizzare lo stesso modulo personalizzato in più cartelle pubbliche. La libreria viene utilizzata spesso per i moduli dei messaggi di posta elettronica poiché generalmente non sono basati su una specifica cartella pubblica. Se si pubblica un modulo, non è possibile pubblicarne altri contemporaneamente.

Importante

Per impostazione predefinita, la Libreria moduli organizzazione non è necessaria per il corretto funzionamento di Exchange Server 2010. Creare la Libreria moduli organizzazione solo se è necessario supportare i moduli personalizzati già sviluppati o se un'applicazione di terzi necessita della libreria.

Per informazioni sulle altre attività relative alla gestione delle cartelle pubbliche, vedere Gestione delle cartelle pubbliche.

Passo 1: Creare una cartella pubblica per la Libreria moduli organizzazione

È necessario disporre delle autorizzazioni prima di poter eseguire questa procedura. Per visualizzare quali autorizzazioni sono necessarie, vedere "Cartelle pubbliche" nell'argomento Autorizzazioni per le cassette postali.

Creazione della cartella pubblica per la Libreria moduli organizzazione tramite Shell

In questo esempio, la cartella pubblica per la Libreria moduli organizzazione viene creata nella diramazione EFORMS REGISTRY della gerarchia delle cartelle pubbliche.

New-PublicFolder -Path "\NON_IPM_SUBTREE\EFORMS REGISTRY" -Name "Organizational Forms Library"

Per ulteriori informazioni sulla sintassi e sui parametri, vedere New-PublicFolder.

Creazione della cartella pubblica per la Libreria moduli organizzazione tramite la Console Gestione cartelle pubbliche

  1. Nell'albero della console di EMC, fare clic su Casella degli strumenti.

  2. Nel riquadro dei risultati, fare clic su Console Gestione cartelle pubbliche.

  3. Nel riquadro azioni, fare clic su Apri strumento.

  4. Nell'albero della cartella pubblica della Console Gestione cartelle pubbliche, espandere Cartelle pubbliche di sistema e quindi fare clic su EFORMS REGISTRY.

  5. Nel riquadro azioni, fare clic su Nuova cartella pubblica.

  6. Nella pagina Introduzione, compilare i seguenti campi:

    • Nome   Utilizzare questa casella per digitare il nome della nuova cartella pubblica (ad esempio, Libreria moduli organizzazione).

    • Percorso°°°Utilizzare questa casella di sola lettura per verificare il percorso della cartella pubblica. Il percorso deve essere: \Non_IPM_SUBTREE\EFORMS REGISTRY.

  7. Nella pagina di completamento esaminare quanto segue, quindi fare clic su Fine per chiudere la procedura guidata:

    • Lo stato Completato indica che la procedura guidata è stata completata correttamente.

    • Lo stato Non riuscito indica che l'attività non è stata completata. Se l'attività non riesce, controllare il riepilogo per trovare una spiegazione, quindi fare clic su Indietro per apportare eventuali modifiche alla configurazione.

Passo 2: Utilizzare lo strumento ExFolders per aggiungere la proprietà PR_URL_NAME alla Libreria moduli organizzazione

Per eseguire questa procedura, è necessario che lo strumento ExFolders (ExFolders.exe) si trovi nella directory <Percorso di installazione di Exchange>\V14\Bin. È possibile scaricare lo strumento da uno dei seguenti percorsi:

Dopo il download, copiare il file ExFolders.exe nella directory <Percorso di installazione di Exchange>\V14\Bin.

Per eseguire questa procedura, è necessario disporre delle autorizzazioni amministrative sulle cartelle pubbliche da modificare. Per ulteriori informazioni, vedere Informazioni sulle autorizzazioni per le cartelle pubbliche.

  1. Accedere alla directory <Percorso di installazione di Exchange>\V14\Bin e quindi fare doppio clic su ExFolders.exe.

    Nota

    Lo strumento ExFolders deve essere eseguito da un server Exchange 2010. Non è possibile eseguirlo da una workstation come si potrebbe invece fare con lo strumento PFDAVAdmin. Per ulteriori sullo strumento ExFolders, vedere l'articolo nel blog del team di Exchange Server Exchange, Meet ExFolders.

  2. Nella console di gestione di ExFolders, accedere a File > Connetti.

  3. In Connetti, fare clic su Cartelle pubbliche.

  4. Accanto alla casella Catalogo globale, fare clic su Seleziona e quindi selezionare il server di catalogo globale desiderato.

  5. Accanto alla casella Database, fare clic su Seleziona, selezionare il database delle cartelle pubbliche da utilizzare e quindi fare clic su OK. Nell'albero della console di ExFolders apparirà una gerarchia di cartelle pubbliche.

  6. Espandere Cartelle di sistema e quindi EFORMS REGISTRY, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella pubblica creata per la Libreria moduli organizzazione e quindi selezionare Editor proprietà.

  7. Nel menu Proprietà, fare clic su Aggiungi alla visualizzazione.

  8. In Aggiungi alla visualizzazione, digitare 0x6707001E e quindi fare clic su OK.

  9. Ordinare la colonna Nome per individuare la proprietà PR_URL_NAME appena aggiunta.

  10. Fare clic con il pulsante destro del mouse su PR_URL_NAME e quindi selezionare Modifica valore.

  11. Nella casella Valore, digitare /NON_IPM_SUBTREE/EFORMS REGISTRY e quindi fare clic su OK.

  12. Chiudere lo strumento ExFolders.

Passo 3: Utilizzare MAPI Editor (Mfcmapi.exe) per aggiungere la proprietà PR_EFORMS_LOCALE_ID alla Libreria moduli organizzazione

Per eseguire questa procedura, è necessario utilizzare Microsoft Exchange Server MAPI Editor (MFCMAPI) su un computer che utilizza la versione a 64 bit di Microsoft Outlook 2010. Per scaricare MFCMAPI, vedere la pagina dedicata a Microsoft Exchange Server MAPI Editor.

  1. In MFCMAPI, nel menu Sessione, fare clic su Accedi e visualizza la tabella archivio.

    Nota

    Se è la prima volta che si utilizza MAPI Editor, è necessario creare un profilo.

  2. Nel menu MDB, fare clic su Apri archivio cartelle pubbliche e quindi su OK. Viene visualizzata la console Gestione cartelle pubbliche.

  3. Nell'albero della console, espandere nell'ordine Radice pubblica, NON_IPM_SUBTREE e EFORMS REGISTRY; quindi, fare clic sulla cartella pubblica creata per la Libreria moduli organizzazione.

  4. Nel riquadro dei risultati, nella colonna Nome proprietà, fare clic sulla proprietà PR_URL_NAME.

  5. Nel menu Riquadro proprietà, fare clic su Modifica proprietà aggiuntive.

  6. In Proprietà aggiuntive, fare clic su Aggiungi.

  7. In Editor tag proprietà, fare clic su Seleziona tag proprietà.

  8. In Selettore proprietà, fare clic su PR_EFORMS_LOCALE_ID e quindi su OK.

  9. Fare clic su OK per chiudere Editor tag proprietà e quindi fare clic su OK per chiudere Proprietà aggiuntive.

  10. Per verificare che la proprietà sia stata aggiunta, in Console Gestione cartelle pubbliche, individuare nella colonna Nome proprietà la proprietà PR_EFORMS_LOCALE_ID appena creata. Un punto esclamativo rosso (!) rappresenta la sua icona.

  11. Fare doppio clic su PR_EFORMS_LOCALE_ID per aprire Editorproprietà.

  12. Nella casella Decimale non firmato, digitare l'ID dell'impostazione internazionale desiderata e quindi fare clic su OK. Ad esempio, digitare 1033 per l'inglese, 1040 per l'italiano e così via.

    Nota

    Per ulteriori informazioni su come individuare l'ID delle impostazioni internazionali, vedere la pagina dedicata al campo languagecode.

  13. Chiudere MFCMAPI.

Altre attività

Dopo aver creato la Libreria moduli organizzazione, è anche possibile effettuare le seguenti operazioni:

 ©2010 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.