Domande frequenti su SQL Server in Linux

Si applica a: SQL Server (tutte le versioni supportate) - Linux

Le sezioni seguenti contengono domande e risposte comuni per SQL Server in esecuzione in Linux.

Domande generali

  1. Quali piattaforme Linux sono supportate?

    SQL Server è attualmente supportato in Red Hat Enterprise Server, SUSE Linux Enterprise Server e Ubuntu. È supportata anche l'esecuzione in un contenitore con Docker. Per le informazioni più recenti sulle versioni supportate, vedere Piattaforme supportate.

  2. SQL Server in Linux può essere usato anche in altre piattaforme?

    SQL Server è testato e supportato in Linux per le distribuzioni elencate in precedenza. Le altre distribuzioni Linux sono strettamente correlate e potrebbero riuscire a eseguire SQL Server. CentOS, ad esempio, è strettamente correlato a Red Hat Enterprise Server. Se tuttavia si sceglie di installare SQL Server in un sistema operativo non supportato, vedere la sezione Criteri di supporto di Criteri di supporto tecnico per Microsoft SQL Server per comprendere le implicazioni per il supporto. Si noti anche che alcune distribuzioni Linux gestite dalla community non ricevono supporto in modo formale se il problema è dovuto al sistema operativo sottostante.

  3. SQL Server in Linux è uguale alla versione per Windows?

    Il motore di database principale per SQL Server è lo stesso sia in Linux che in Windows. Tuttavia, alcune funzionalità non sono attualmente supportate in Linux. Per un elenco di funzionalità non supportate in Linux, vedere i servizi di funzionalità & non supportati. Vedere anche Problemi noti. Se non diversamente specificato in questi elenchi, le altre funzionalità e servizi di SQL Server sono supportati in Linux.

  4. Quali sono i criteri di supporto per SQL Server?

    Per informazioni sui criteri di supporto, vedere Criteri di supporto tecnico per Microsoft SQL Server.

  5. Si ha familiarità con SQL Server per Windows. Sono disponibili risorse per imparare a usare SQL Server in Linux?

    Gli argomenti di avvio rapido forniscono istruzioni dettagliate per installare SQL Server in Linux ed eseguire query di Transact-SQL. In altre esercitazioni sono disponibili istruzioni aggiuntive sull'uso di SQL Server in Linux. Per un elenco di suggerimenti di terze parti, vedere l'elenco di suggerimenti su SQL Server in Linux di MSSQLTIPS.

Gestione delle licenze

  1. Come funzionano le licenze in Linux?

    SQL Server viene concesso in licenza nello stesso modo per Windows e Linux. Si ottiene infatti la licenza per SQL Server che può essere usata nella piattaforma preferita. Per altre informazioni, vedere Come ottenere una licenza per SQL Server.

  2. Quale edizione di SQL Server scegliere quando l'acquisto è già stato effettuato?

    Quando si esegue l'installazione di mssql-conf, vengono visualizzate le opzioni seguenti:

    Choose an edition of SQL Server:
       1. Evaluation (free, no production use rights, 180-day limit)
       2. Developer (free, no production use rights)
       3. Express (free)
       4. Web (PAID)
       5. Standard (PAID)
       6. Enterprise (PAID)
       7. Enterprise Core (PAID)
       8. I bought a license through a retail sales channel and have a product key to enter.
    

    Se la licenza è stata ottenuta tramite contratti multilicenza nell'ambito di un contratto Enterprise o tramite l'abbonamento a MSDN, è necessario selezionare le opzioni da 4 a 7. Questo passaggio non richiede di immettere la licenza, ma è necessario aver acquistato in precedenza la licenza appropriata per la configurazione. Se è stata acquistata l'edizione Standard tramite un canale di vendita al dettaglio, selezionare l'opzione 8. Questa opzione richiede di immettere una chiave.

  3. Come verificare la versione installata e l'edizione di SQL Server in Linux?

    Connettersi all'istanza di SQL Server con uno strumento client, ad esempio sqlcmd, mssql-cli o Visual Studio Code. Eseguire quindi la query Transact-SQL seguente per verificare la versione e l'edizione di SQL Server in esecuzione:

    SELECT @@VERSION
    SELECT SERVERPROPERTY('Edition')
    

Installazione

  1. Come installare SQL Server nei server Linux?

    Microsoft gestisce i repository dei pacchetti per l'installazione di SQL Server e supporta l'installazione tramite utilità di gestione pacchetti nativi, ad esempio yum, zypper e apt. Per un'installazione rapida, vedere uno degli argomenti di avvio rapido.

  2. È possibile installare SQL Server nel sottosistema Linux per Windows 10 o Windows 11?

    No. Linux in esecuzione in Windows 10 o Windows 11 non è attualmente una piattaforma supportata per SQL Server e strumenti correlati.

  3. Quali file system Linux possono essere usati da SQL Server per i file di dati?

    SQL Server in Linux supporta attualmente ext4 e XFS. Il supporto per gli altri file system verrà aggiunto in futuro, se necessario.

  4. È possibile scaricare i pacchetti di installazione per installare SQL Server offline?

    Sì. Per altre informazioni, vedere i collegamenti ai download dei pacchetti nelle Note sulla versione. Vedere anche le istruzioni per le installazioni offline.

  5. È possibile eseguire un'installazione automatica di SQL Server in Linux?

    Sì. Per informazioni sull'installazione automatica, vedere Linee guida per l'installazione di SQL Server in Linux. Vedere gli script di esempio per Red Hat, SUSE Linux Enterprise Server e Ubuntu. È anche possibile vedere questo script di esempio creato dal team di consulenza clienti di SQL Server.

Strumenti

  1. È possibile usare il client SQL Server Management Studio in Windows per accedere a SQL Server in Linux?

    Sì, per accedere a SQL Server in Linux, è possibile usare tutti gli strumenti esistenti eseguiti in Windows, inclusi gli strumenti di Microsoft, ad esempio SQL Server Management Studio (SSMS), SQL Server Data Tools (SSDT) e OSS, e strumenti di terze parti.

  2. È disponibile uno strumento come SSMS eseguito in Linux?

    Il nuovo Azure Data Studio è uno strumento multipiattaforma per la gestione di SQL Server. Per altre informazioni, vedere Informazioni su Azure Data Studio.

  3. I comandi come sqlcmd e bcp sono disponibili in Linux?

    Sì, sqlcmd e bcp sono disponibili in modalità nativa in Linux, macOS e Windows. Usare anche il nuovo strumento da riga di comando mssql-scripter in Linux, macOS o Windows per generare script T-SQL per il database SQL ovunque sia in esecuzione. Vedere anche la versione di anteprima per mssql-cli.

  4. È possibile visualizzare Monitoraggio attività quando si è connessi tramite SSMS in Windows per un'istanza in esecuzione in Linux?

    Sì, è possibile usare SSMS in Windows per connettersi in remoto e usare strumenti/funzionalità come i comandi di Monitoraggio attività in un'istanza di Linux.

  5. Quali strumenti sono disponibili per monitorare le prestazioni di SQL Server in Linux?

    È possibile usare le viste a gestione dinamica di sistema per raccogliere diversi tipi di informazioni su SQL Server, incluse informazioni sui processi Linux. È possibile usare Query Store per migliorare le prestazioni delle query. Altri strumenti, ad esempio Performance Dashboard, funzionano in modalità remota in SQL Server Management Studio (SSMS) da Windows.

    Suggerimento

    Un modo per migliorare le prestazioni consiste nel configurare correttamente il sistema operativo Linux e l'istanza di SQL Server. Per altre informazioni, vedere Procedure consigliate per le prestazioni e linee guida per la configurazione per SQL Server in Linux.

Amministrazione

  1. Microsoft ha creato un'app come Gestione configurazione SQL Server in Linux?

    Sì, è disponibile uno strumento di configurazione per SQL Server in Linux: mssql-conf.

  2. SQL Server in Linux supporta più istanze nello stesso host?

    Per avere più istanze distinte, è consigliabile eseguire più contenitori in un host. Questa operazione può essere eseguita facilmente con Docker, ma ogni contenitore deve essere in ascolto su una porta diversa. Per altre informazioni, vedere Eseguire più contenitori di SQL Server.

  3. L'autenticazione di Active Directory è supportata in Linux?

    Sì. Per altre informazioni, vedere Usare l'autenticazione di Active Directory con SQL Server in Linux.

  4. Always On e il clustering sono supportati in Linux?

    Il clustering di failover e la disponibilità elevata in Linux sono possibili grazie a Pacemaker in Linux. Per altre informazioni, vedere Continuità aziendale e recupero del database - SQL Server in Linux.

  5. È possibile configurare la replica da Linux a Windows e viceversa?

    È possibile usare le repliche con scalabilità in lettura tra Windows e Linux per la replica di dati unidirezionale.

  6. È possibile eseguire la migrazione di database esistenti in versioni precedenti di SQL Server da Windows a Linux?

    Sì, esistono diversi metodi per eseguire questa operazione.

  7. È possibile eseguire la migrazione dei dati da Oracle e altri motori di database a SQL Server in Linux?

    Sì. SSMA supporta la migrazione da diversi tipi di motori di database: Microsoft Access, DB2, MySQL, Oracle e SAP ASE (in precedenza SAP Sybase ASE). Per un esempio dell'uso di SSMA, vedere Eseguire la migrazione di uno schema Oracle a SQL Server in Linux con SQL Server Migration Assistant.

  8. Quali autorizzazioni sono necessarie per i file di SQL Server?

    Tutti i file nella cartella di file /var/opt/mssql devono essere di proprietà dell'utente mssql e appartenere al gruppo mssql. Sia l'utente che il gruppo mssql devono avere autorizzazioni di lettura/scrittura per tutti i file e le directory. Si notino gli scenari speciali seguenti riguardanti le autorizzazioni per file e directory:

    • Le autorizzazioni per il proprietario e il gruppo mssql sono necessarie per le condivisioni di rete montate che vengono usate per archiviare i file di SQL Server.
    • Se si inseriscono file di database o backup in una directory non predefinita, è necessario impostare anche le autorizzazioni per tale directory.
    • Se si modifica l'opzione umask per la radice predefinita da 0022, la configurazione di SQL Server dopo l'installazione non riesce. È quindi necessario applicare manualmente le autorizzazioni necessarie all'account di avvio di SQL Server.
  9. È possibile modificare la proprietà dei file e delle directory di SQL Server rispetto all'account e al gruppo mssql installati?

    La modifica della proprietà della directory e dei file di SQL Server rispetto all'installazione predefinita non è supportata. L'account e il gruppo mssql vengono usati in modo specifico per SQL Server e non hanno accesso interattivo.

  10. I collegamenti simbolici sono supportati per le directory dei dati e dei log di SQL Server?

    No, i collegamenti simbolici non sono supportati per le directory dei dati e dei log di SQL Server. Per modificare le directory dei dati e dei log predefinite, vedere Modificare il percorso predefinito della directory dei dati o dei log.

  11. È possibile rimuovere l'account Builtin\Administrator dalle istanze di SQL Server in Linux e contenitori?

    Eliminazione di builtin\administrators per SQL Server in Linux interruzioni di esecuzione di alcune stored procedure di sistema. È consigliabile non rimuovere o eliminare l'account Builtin\administrator da SQL Server in Linux/contenitori.

Ottenere aiuto