Utilizzo del recupero automatico con i cursori ODBC

Si applica a: sìSQL Server (tutte le versioni supportate) Sìdatabase SQL di Azure SìIstanza gestita di SQL di Azure sìAzure Synapse Analytics sìParallel Data Warehouse

Quando si è connessi a un'istanza di , il driver ODBC di SQL Server Native Client supporta un'opzione di completamento automatico quando si usa qualsiasi tipo di SQL Server cursore server. Con il completamento automatico, la funzione SQLExecute o SQLExecDirect che apre il cursore ha anche una funzione SQLFetchScroll(SQL_FIRST) implicita. Le righe incluse nel primo set di righe vengono restituite alle variabili di applicazione associate come parte dell'esecuzione dell'istruzione, evitando in questo modo un altro round trip del server nella rete. SQLGetData non è supportato quando è abilitata l'opzione autofetch. Le colonne del set di risultati devono essere associate a variabili di programma.

Le applicazioni richiedono il recupero automatico impostando l'attributo di istruzione SQL_SOPT_SS_CURSOR_OPTIONS specifico del driver su SQL_CO_AF.

Vedere anche

Dettagli sulla programmazione dei cursori (odbc)