sys.dm_os_memory_cache_clock_hands (Transact-SQL)

Si applica a: sìSQL Server (tutte le versioni supportate) sìAzure Synapse Analytics sìParallel Data Warehouse

Restituisce lo stato di ogni indicatore per un orologio della cache.

Nota

Per chiamare il metodo da Azure Synapse Analytics o Piattaforma di strumenti analitici (PDW), usare il nome sys.dm_pdw_nodes_os_memory_cache_clock_hands. Questa sintassi non è supportata da pool SQL serverless in Azure Synapse Analytics.

Nome colonna Tipo di dati Descrizione
cache_address varbinary(8) Indirizzo della cache associata all'orologio. Non ammette i valori Null.
nome nvarchar(256) Nome della cache. Non ammette i valori Null.
type nvarchar(60) Tipo di archivio di cache. Possono essere presenti diverse cache dello stesso tipo. Non ammette i valori Null.
clock_hand nvarchar(60) Tipo di indicatore. Il valore è uno dei seguenti:

Esterno

Interno

Non ammette i valori Null.
clock_status nvarchar(60) Stato dell'orologio. Il valore è uno dei seguenti:

Suspended

In esecuzione

Non ammette i valori Null.
rounds_count bigint Numero di operazioni eseguite nella cache per rimuovere le voci. Non ammette i valori Null.
removed_all_rounds_count bigint Numero di voci rimosse da tutte le operazioni. Non ammette i valori Null.
updated_last_round_count bigint Numero di voci aggiornate durante l'ultima operazione. Non ammette i valori Null.
removed_last_round_count bigint Numero di voci rimosse durante l'ultima operazione. Non ammette i valori Null.
last_tick_time bigint Ora, espressa in millisecondi, in cui l'indicatore dell'orologio si è spostata per l'ultima volta. Non ammette i valori Null.
round_start_time bigint Ora, espressa in millisecondi, dell'operazione precedente. Non ammette i valori Null.
last_round_start_time bigint Tempo totale, espresso in millisecondi, impiegato dall'orologio per completare il ciclo precedente. Non ammette i valori Null.
pdw_node_id int Si applica a: Azure Synapse Analytics, Piattaforma di strumenti analitici (PDW)

Identificatore del nodo su cui si trova la distribuzione.

Autorizzazioni

In SQL Server e in SQL Istanza gestita richiede l'autorizzazione VIEW SERVER STATE .

Negli database SQL di servizio Basic, S0 e S1 e per i database nei pool elastici è necessario l'account amministratore del server, l'account ##MS_ServerStateReader## amministratore di Azure Active Directory o l'appartenenza al ruolo del server. In tutti gli database SQL obiettivi di servizio è necessaria l'autorizzazione VIEW DATABASE STATE per il database o l'appartenenza al ##MS_ServerStateReader## ruolo del server.

Commenti

In SQL Server le informazioni vengono archiviate in memoria in una struttura denominata cache in memoria. Le informazioni nella cache possono essere dati, voci di indice, piani di procedure compilate e vari altri tipi di SQL Server informazioni. Per evitare la nuova creazione delle informazioni, queste vengono mantenute nella cache in memoria per il maggior tempo possibile e vengono in genere rimosse quando risultano obsolete oppure quando è necessario spazio di memoria per nuove informazioni. Il processo di rimozione delle informazioni meno recenti è denominato operazione della memoria. L'operazione della memoria è un'attività frequente, ma non continua. Un algoritmo di orologio controlla l'operazione nella cache in memoria. Ogni orologio può controllare diverse operazioni della memoria tramite indicatori. L'indicatore dell'orologio della cache in memoria rappresenta la posizione corrente di uno degli indicatori di un'operazione della memoria.

Vedere anche

SQL Server viste a gestione dinamica correlate al sistema operativo (Transact-SQL)
sys.dm_os_memory_cache_counters (Transact-SQL)