Gestire cluster di Spazi di archiviazione diretta

Importante

Questa versione di Virtual Machine Manager (VMM) ha raggiunto la fine del supporto, è consigliabile eseguire l'aggiornamento a VMM 2022.

Questo articolo illustra come gestire i cluster Spazi di archiviazione diretta (S2D) nell'infrastruttura di System Center Virtual Machine Manager (VMM).

Configurare le impostazioni del cluster

È possibile visualizzare e configurare le impostazioni del cluster, tra cui lo stato del cluster, la gestione degli errori e l'archiviazione disponibile.

Aggiungere un nodo a un cluster iperconvergente

È possibile aggiungere un nuovo nodo in un cluster S2D iperconvergente nell'infrastruttura di VMM. Il nuovo nodo può essere un server Hyper-V esistente o un server fisico bare metal.

Nota

In genere, il nodo S2D richiede l'accesso diretto alla memoria remota (RDMA), la qualità del servizio (QoS) e le impostazioni set (Embedded Teaming). Per configurare queste impostazioni per un nodo usando computer bare metal, è possibile usare la funzionalità di script post-distribuzione nel profilo computer fisico (PCP). Ecco lo script di post-distribuzione PCP di esempio. È anche possibile usare questo script per configurare RDMA, QoS e SET quando si aggiunge un nuovo nodo a una distribuzione S2D esistente da computer bare metal.

  • Quando si aggiunge un nuovo nodo in un cluster iperconvergente, VMM individua automaticamente i dischi nel nuovo nodo e abilita S2D.
  • VMM disabilita la modalità di manutenzione nei dischi prima di aggiungerli.

Controllare le risorse di archiviazione con QoS

La qualità del servizio in Windows Server consente di specificare le risorse minime e massime che possono essere assegnate alle macchine virtuali Hyper-V usando l'archiviazione di condivisione file con scalabilità orizzontale. QoS riduce i problemi di prossimità rumorosi e garantisce che una singola macchina virtuale non consumi tutte le risorse di archiviazione.

Configurare i criteri QoS per un file server o per dischi virtuali specifici nel server.

Nota

La funzionalità seguente è applicabile da VMM 2019 UR1.

Configurare le impostazioni DCB nei cluster S2D

Con l'avvento della rete convergente, le organizzazioni usano Ethernet come rete convergente per la gestione e il traffico di archiviazione. È importante che le reti Ethernet supportino un livello simile per prestazioni e perdita di dati rispetto a quello delle reti fibre channel dedicate. Questo livello di supporto simile diventa più importante quando viene considerato l'uso di cluster S2D.

RDMA in combinazione con il bridging del data center (DCB) consente di ottenere un livello simile di prestazioni e perdita di dati in una rete Ethernet rispetto alle reti fiber channel.

Le impostazioni DCB devono essere coerenti tra tutti gli host e la rete di infrastruttura (commutatori). Un'impostazione di DCB non configurata correttamente in uno dei dispositivi host/infrastruttura è dannosa per le prestazioni S2D.

Per configurare un'impostazione DCB, utilizzare questa procedura.