Aggiornare System Center Virtual Machine Manager

Questo articolo fornisce le informazioni sull'aggiornamento per System Center 2022 - Virtual Machine Manager (VMM).

Aggiornamento a System Center 2022 - Virtual Machine Manager

Le sezioni seguenti forniscono informazioni su come eseguire l'aggiornamento a VMM 2022. Sono inclusi i prerequisiti, le istruzioni per l'aggiornamento e le attività da completare al termine dell'aggiornamento.

Nota

  • È possibile eseguire l'aggiornamento a VMM 2022 da VMM 2019, l'aggiornamento da 2016 non è supportato.
  • Durante l'installazione di VMM, assicurarsi che database SQL non faccia parte di alcun gruppo di disponibilità.

Requisiti e limitazioni

  • È consigliabile eseguire VMM in System Center 2019.
  • Assicurarsi che il server soddisfi tutti i requisiti per VMM 2022 e che i prerequisiti siano disponibili altre informazioni
  • Verificare che venga eseguita una versione supportata di SQL Server.
  • Se la distribuzione corrente di VMM è integrata con Azure Site Recovery, si noti che:
    • Le impostazioni di Site Recovery non possono essere aggiornate. Dopo l'aggiornamento è necessario ripetere la distribuzione.
    • Verificare il supporto host Hyper-V per VMM 2022.

Prima di iniziare

Verificare quanto segue:

  1. Completare tutti i processi attualmente in esecuzione in VMM. La cronologia dei processi viene eliminata durante l'aggiornamento.

  2. Chiudere tutte le connessioni al server di gestione VMM, compresa la console VMM e la shell dei comandi VMM.

  3. Chiudere eventuali altri programmi in esecuzione nel server di gestione VMM.

  4. Verificare che non vi sia alcun riavvio in attesa nei server VMM.

  5. Eseguire un backup completo del database VMM.

  6. Se il database corrente di SQL Server viene usato con i gruppi di disponibilità Always On:

    • Se il database VMM è incluso nel gruppo di disponibilità, rimuoverlo in SQL Server Management Studio.
    • Avviare un failover nel computer che esegue SQL Server e in cui è installato il database VMM.
  7. Se si esegue Operations Manager con VMM, interrompere la connessione tra VMM e il server di Operations Manager.

Sequenza di aggiornamento per i componenti di System Center

Se si eseguono più componenti di System Center, è necessario seguire un ordine specifico per l'aggiornamento, come mostrato di seguito:

  1. Service Management Automation
  2. Orchestrator
  3. Service Manager
  4. Data Protection Manager
  5. Operations Manager
  6. Configuration Manager
  7. Virtual Machine Manager
  8. Service Provider Foundation

Aggiornare un server VMM autonomo

Nota

Quando si aggiorna un server VMM autonomo, è consigliabile installare VMM 2022 nello stesso server con VMM 2019.

Se si usa Gestione chiavi distribuite, è possibile scegliere di installare VMM 2022 in un server diverso.

Usare le procedure seguenti:

Eseguire il backup e l'aggiornamento del sistema operativo

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Disinstallare VMM. Assicurarsi di rimuovere il server di gestione e la console.
  3. Aggiornare il sistema operativo di gestione a Windows Server 2022.
  4. Installare Windows 11 o Windows Server 2022 versione di ADK.

Disinstallare VMM

  1. Passare a Pannello di controllo>Programmi>Programma e funzionalità, selezionare Virtual Machine Manager e fare clic su Disinstalla.
  2. Nella disinstallazione guidata selezionare Rimuovi funzionalità e selezionare sia Server di gestione VMM sia Console VMM nell'elenco delle funzionalità da rimuovere.
  3. Nella pagina delle opzioni del database selezionare Mantieni database.
  4. Esaminare il riepilogo e fare clic su Disinstalla.

Installare VMM 2022

  1. Nella pagina principale del programma di installazione fare clic su Installa.

  2. In Selezionare le funzionalità da installare selezionare il server di gestione VMM e quindi fare clic su Avanti. La console VMM verrà installata automaticamente.

  3. In Informazioni sulla registrazione del prodotto specificare le informazioni appropriate e quindi fare clic su Avanti. Se non si immette un codice Product Key, VMM viene installato come versione di valutazione che scade 180 giorni dopo la data di installazione.

  4. In Leggere questo contratto di licenza, esaminare il contratto di licenza, selezionare l'oggetto letto , compreso e accettare le condizioni del contratto di licenza, quindi fare clic su Avanti.

  5. In Usage and Connectivity Data (Dati su uso e connettività) selezionare una delle due opzioni e fare clic su Avanti.

  6. Se viene visualizzata la pagina Microsoft Update selezionare se si vuole usare o meno Microsoft Update, quindi fare clic su Avanti. Se si è già scelto di usare Microsoft Update nel computer, la pagina non viene visualizzata.

  7. In Percorso installazione usare il percorso predefinito oppure digitare un altro percorso di installazione per i file di programma di VMM e quindi fare clic su Avanti.

  8. In Configurazione database:

    • Vedere Altre informazioni se è necessario aggiornare SQL Server in VMM.
    • Se si usa un'istanza remota di SQL specificare il nome del computer remoto che esegue SQL Server.
    • Se SQL Server viene eseguito sul server VMM digitare il nome del server VMM oppure digitare localhost. Se SQL Server si trova in un cluster, digitare il nome del cluster.
    • Non specificare un valore di porta se si usa un'istanza locale di SQL Server o se l'istanza remota di SQL Server usa il valore di porta predefinito (1443).
    • Selezionare Database esistente e quindi il database che è stato mantenuto (sottoposto a backup) nell'installazione precedente. Inserire le credenziali con le autorizzazioni per accedere al database. Quando viene chiesto di aggiornare il database fare clic su .
  9. In Configura account di servizio e gestione delle chiavi distribuite specificare l'account che verrà usato dal servizio VMM.

    Nota

    L'identità dell'account del servizio VMM non può essere modificata dopo l'installazione.

  10. In Gestione delle chiavi distribuite selezionare se le chiavi di crittografia dovranno essere archiviate o meno in Active Directory.

    Nota

    Scegliere con attenzione le impostazioni per l'account di servizio e la gestione delle chiavi distribuite. A seconda della selezione, i dati crittografati, ad esempio le password nei modelli, potrebbero non essere disponibili dopo l'aggiornamento e dovranno essere immessi manualmente.

  11. In Configurazione porta usare il numero di porta predefinito per ogni funzionalità o specificare un numero di porta univoco appropriato nell'ambiente.

    Nota

    Le porte assegnate durante l'installazione di un server di gestione VMM non possono essere modificate senza disinstallare e reinstallare il server di gestione VMM. Evitare anche di configurare le funzionalità per l'uso della porta 5986 perché questo numero di porta è preassegnato.

  12. In Configurazione libreria scegliere se si vuole creare una nuova condivisione di libreria oppure usare una condivisione di libreria esistente nel computer. La condivisione di libreria predefinita creata da VMM è denominata MSSCVMMLibrary e la cartella si trova in %SYSTEMDRIVE%\ProgramData\Virtual Machine Manager Library Files. ProgramData è una cartella nascosta e non è possibile rimuoverla. Dopo l'installazione del server di gestione VMM, è possibile aggiungere condivisioni di libreria e server di libreria usando la console VMM o la shell dei comandi VMM.

  13. In Report compatibilità aggiornamenti rivedere le impostazioni e fare clic su Avanti per procedere con l'aggiornamento.

  14. In Riepilogo installazione rivedere le impostazioni e fare clic su Installa per aggiornare il server. Si apre la pagina Installazione funzionalità in cui viene visualizzato lo stato dell'installazione.

  15. In Installazione completata fare clic su Chiudi per terminare l'installazione. Per aprire la console VMM, selezionare Aprire la console VMM quando questa procedura guidata si chiude oppure fare clic sull'icona Console di Virtual Machine Manager sul desktop.

Nota

Dopo aver completato l'aggiornamento aggiornare manualmente l'agente host tramite VMM.

In caso di problemi con il programma di installazione controllare la cartella %SYSTEMDRIVE%\ProgramData\VMMLogs.

Durante l'installazione, VMM abilita le regole del firewall seguenti. Queste regole restano attive anche se in seguito VMM viene disinstallato.

  • Gestione remota Windows
  • Gestione archiviazione basata su standard Windows

Aggiornare un server VMM a disponibilità elevata

È possibile aggiornare un server VMM a disponibilità elevata 2019 a 2022.

Sono supportate le due modalità di aggiornamento seguenti:

Nota

L'aggiornamento di SQL Server può essere eseguito in qualsiasi momento, indipendentemente dall'aggiornamento di VMM.

Modalità mista senza server VMM aggiuntivi

Questa procedura non richiede nessun server VMM aggiuntivo ma può presentare tempi di inattività superiori in determinati scenari. Un esempio è il caso in cui sono presenti due nodi VMM a disponibilità elevata e il nodo VMM attivo si blocca mentre si sta aggiornando il nodo passivo. In questo scenario il server VMM non ha un nodo di failover disponibile.

Seguire questa procedura:

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Disinstallare VMM nel nodo passivo.
  3. Nel nodo VMM passivo aggiornare il sistema operativo di gestione a Windows server 2022.
  4. Eseguire l'aggiornamento alla versione Windows 11 o Windows Server 2022 di ADK.
  5. Installare VMM 2022 nel nodo passivo seguendo questa procedura:
    • Nella pagina principale del programma di installazione fare clic su Installa.
    • In Selezionare le funzionalità da installare selezionare Server di gestione VMM e quindi fare clic su Avanti. La console VMM verrà installata automaticamente.
    • Quando viene richiesto, confermare che si vuole aggiungere questo server come nodo alla distribuzione a disponibilità elevata.
    • Se viene richiesto, nella pagina Configurazione database selezionare l'opzione di aggiornamento del database.
    • Esaminare le informazioni di riepilogo e completare l'installazione.
  6. Eseguire il failover del nodo VMM attivo al server VMM appena aggiornato.
  7. Ripetere la procedura per gli altri nodi VMM.
  8. Aggiornare il livello funzionale del cluster usando Update-ClusterFunctionalLevel (comando).
  9. [Facoltativo] Installare le utilità della riga di comando SQL appropriate.

Modalità mista con server VMM aggiuntivi

Questa procedura richiede server VMM aggiuntivi, ma garantisce tempi di inattività minimi in tutti gli scenari.

Seguire questa procedura:

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Aggiungere lo stesso numero di server aggiuntivi (con il sistema operativo di gestione di Windows Server 2022) uguale al numero di server presente nel cluster a disponibilità elevata.
  3. Installare Windows 11/Windows Server 2022 versione di ADK nei server appena aggiunti 2022.
  4. Installare VMM 2022 in uno dei nuovi server aggiunti usando i dettagli nel passaggio 5nell'aggiornamento in modalità mista senza server VMM aggiuntivi.
  5. Ripetere la procedura di installazione per tutti gli altri server appena aggiunti.
  6. Eseguire il failover del nodo VMM attivo a uno dei server appena aggiunti.
  7. Disinstallare VMM dai nodi 2019 e rimuovere questi nodi dal cluster dopo il failover.
  8. Aggiornare il livello funzionale del cluster usando Update-ClusterFunctionalLevel (comando).
  9. [Facoltativo] Installare le utilità della riga di comando SQL appropriate.

Nota

Dopo aver completato l'aggiornamento a VMM a disponibilità elevata aggiornare manualmente l'agente host tramite VMM.

Aggiornare gli agenti VMM

Dopo l'aggiornamento sarà necessario aggiornare gli agenti VMM nei server di libreria VMM e negli host Hyper-V.

  1. Fare clic suServer>di infrastruttura>tutti gli host.
  2. Nel riquadro Host fare clic con il pulsante destro del mouse sull'intestazione di una colonna e quindi scegliere Stato versione agente.
  3. Selezionare l'host con l'agente VMM che si vuole aggiornare. Nella scheda Host, nel gruppo Host fare clic su Aggiorna. Se è necessario effettuare l'aggiornamento dell'agente VMM di un host, nella colonna Stato host viene visualizzato il messaggio Richiesta attenzione e nella colonna Stato versione agente il messaggio Aggiornamento disponibile.
  4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'host di cui si vuole aggiornare l'agente VMM e quindi fare clic su Aggiorna agente. Inserire le credenziali necessarie in Aggiorna agente e quindi fare clic su OK.
  5. Nella colonna Stato versione agente viene visualizzato il messaggio Aggiornamento in corso. Dopo che l'agente VMM è stato aggiornato correttamente nell'host, nella colonna Stato versione agente verrà visualizzato il valore Aggiornatoe nella colonna Versione agente verrà visualizzata la versione aggiornata dell'agente. Dopo aver aggiornato nuovamente l'host, nella colonna Stato host corrispondente verrà visualizzato OK.
  6. È possibile aggiornare l'agente VMM su un server di libreria VMM in modo simile. Per visualizzare un elenco di server di libreria VMM, fare clic suServer>di libreria serverdi infrastruttura>.

Riassociare i server host e di libreria

Dopo l'aggiornamento può essere necessario riassociare gli host macchina virtuale e i server di libreria VMM al server di gestione VMM.

A tale scopo, seguire questa procedura:

  1. Fare clic suServer>di infrastruttura>tutti gli host.
  2. Nel riquadro Host assicurarsi che sia visualizzata la colonna Stato agente. Se non viene visualizzato, fare clic con il pulsante destro del mouse su un'intestazione di colonna, selezionare Stato agente.
  3. Nel gruppo host fare clic su Aggiorna. Se un host deve essere riassociato, la colonna Stato host visualizza l'attenzione e la colonna Stato agente visualizza Accesso negato. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'host da riassociare, quindi fare clic su Riassocia.
  4. Nella pagina Reassociate Agent specificare le credenziali e quindi fare clic su OK. Nella colonna Stato agente viene visualizzato lo stato Riassociazione in corso. Dopo che l'host viene riassociato correttamente, lo stato viene modificato in Risposta.
    6. Aggiornare l'host, le colonne di stato host ora visualizzano OK. Dopo che l'host è stato riassociato, potrebbe essere necessario aggiornare l'agente VMM nell'host.

Aggiornare il database di SQL Server VMM

L'aggiornamento del database di SQL Server VMM può essere necessario per diversi motivi:

  • Si sta aggiornando VMM a System Center 2022 e la versione corrente del database di SQL Server non è supportata.
  • Si vuole aggiornare un server VMM autonomo trasformandolo in un server a disponibilità elevata ed SQL Server è installato localmente.
  • Si vuole spostare il database di SQL Server in un computer diverso.

Raccogliere le informazioni relative al database

Prima di eseguire l'aggiornamento, raccogliere le informazioni relative al database VMM:

  1. Registrare la connessione al database nella console > VMM Impostazioni>generale>connessione database.
  2. Registrare le informazioni sull'account neiservizistrumenti> di Server Manager>. Fare clic con il pulsante destro del mouse su System Center Virtual Machine Manager >Properties>Log On. Questo è l'account di dominio o locale assegnato come account di servizio al momento dell'installazione di VMM. È possibile verificare se è locale in Strumenti>Gestione computer>Utenti locali e gruppi>Utenti.
  3. Verificare se al momento dell'installazione di VMM è stata usata la gestione delle chiavi distribuite o se le chiavi di crittografia sono archiviate localmente nel server VMM.
  4. Se si esegue lo spostamento del database VMM, ma non l'aggiornamento di VMM, verificare quali aggiornamenti cumulativi sono stati applicati al server VMM.

Aggiornare un database autonomo

  1. Eseguire il backup del database VMM esistente e copiare tale backup in un computer che esegue una versione supportata di SQL Server.
  2. Usare gli strumenti di SQL Server per ripristinare il database.
    • Se si esegue l'aggiornamento di VMM, si specifica il nuovo percorso di SQL Server in Configurazione del database di configurazione > VMM.
    • Se si vuole aggiornare il database senza aggiornare VMM, è necessario disinstallare e reinstallare VMM. Quando si esegue la disinstallazione selezionare Mantieni database nella pagina Opzioni database. Quindi, eseguire di nuovo l'installazione con le stesse impostazioni usate nell'installazione originale. Nella configurazione del database si specificano i nuovi dettagli di SQL Server. Dopo la reinstallazione applicare gli aggiornamenti cumulativi e verificare che la distribuzione funzioni come previsto.

Aggiornare un database a disponibilità elevata

  1. Registrare la versione di origine del database esistente e la versione a cui si vuole eseguire l'aggiornamento.
  2. Creare un backup del database di SQL Server a disponibilità elevata a partire dal nodo attivo del cluster di SQL Server.
  3. Aggiornare i nodi passivi di SQL Server alla nuova versione. Dopo l'aggiornamento, se si vuole gestire SQL Server da questo nodo, installare SQL Server Management Studio (facoltativo).
  4. Eseguire il failover del ruolo SQL Server a disponibilità elevata dal nodo attualmente attivo al nodo aggiornato. Dopo il failover, è possibile usare SQL Server Management Studio per convalidare la versione del database in esecuzione.
  5. Ripetere l'aggiornamento per gli altri nodi del cluster SQL a disponibilità elevata. Come ulteriore convalida, è possibile eseguire il failover dei ruoli del database di SQL Server per verificare che tutto funzioni nel modo previsto.

Eseguire la migrazione di un cluster di SQL Server come parte dell'aggiornamento di VMM

  1. Creare un backup del database VMM a disponibilità elevata dal nodo attivo del cluster SQL esistente.
  2. Prendere nota del nome del ruolo di VMM da usare durante la reinstallazione del ruolo del server VMM. Disinstallare il server VMM dai nodi del cluster VMM esistenti con l'opzione che consente di mantenere il database. Quando si disinstalla il server VMM dall'ultimo nodo, potrebbe essere visualizzato un messaggio relativo all'esito negativo della registrazione del nome SPN. Si tratta di un problema noto senza impatto a livello funzionale.
  3. Ripristinare il database di backup in un altro cluster SQL che esegue una versione supportata di SQL Server. Aggiungere l'account utente usato per l'esecuzione del servizio VMM come utente del nuovo database con appartenenza al ruolo db_owner.
  4. Durante l'aggiornamento del server VMM durante la migrazione di un cluster SQL, assegnare i parametri corrispondenti al nuovo cluster SQL.

Ridistribuire Azure Site Recovery

Se Azure Site Recovery è stato integrato nella distribuzione di VMM 2019, è necessario ridistribuirlo con VMM 2022, per la replica in Azure o la replica in un sito secondario.

Connettersi a Operations Manager

Dopo l'aggiornamento, ristabilire la connessione tra VMM e Operations Manager.

Rinnovare i certificati per i server PXE

Se si usa un server PXE nell'infrastruttura di VMM, è necessario rimuoverlo e quindi aggiungerlo di nuovo all'infrastruttura. In questo modo viene rinnovato il certificato del server PXE e si evitano errori del certificato.

Questo articolo contiene informazioni sull'aggiornamento per System Center 2019 - Virtual Machine Manager (VMM).

Aggiornamento a System Center 2019 - Virtual Machine Manager

Nelle sezioni seguenti vengono fornite informazioni su come eseguire l'aggiornamento a VMM 2019. Sono inclusi i prerequisiti, le istruzioni per l'aggiornamento e le attività da completare al termine dell'aggiornamento.

Nota

Durante l'installazione di VMM, assicurarsi che database SQL non faccia parte di alcun gruppo di disponibilità.

Requisiti e limitazioni

  • È consigliabile eseguire VMM in System Center 2016 con aggiornamento cumulativo 6, 1801 o 1807.
  • Verificare che il server soddisfi tutti i requisiti di VMM 2019 e che i prerequisiti siano rispettati. Altre informazioni
  • Verificare che venga eseguita una versione supportata di SQL Server.
  • Se la distribuzione corrente di VMM è integrata con Azure Site Recovery, si noti che:
    • Le impostazioni di Site Recovery non possono essere aggiornate. Dopo l'aggiornamento è necessario ripetere la distribuzione.
    • Verificare il supporto host Hyper-V per VMM 2019.

Prima di iniziare

Verificare quanto segue:

  1. Completare tutti i processi attualmente in esecuzione in VMM. La cronologia dei processi viene eliminata durante l'aggiornamento.

  2. Chiudere tutte le connessioni al server di gestione VMM, compresa la console VMM e la shell dei comandi VMM.

  3. Chiudere eventuali altri programmi in esecuzione nel server di gestione VMM.

  4. Verificare che non vi sia alcun riavvio in attesa nei server VMM.

  5. Eseguire un backup completo del database VMM.

  6. Se il database corrente di SQL Server viene usato con i gruppi di disponibilità Always On:

    • Se il database VMM è incluso nel gruppo di disponibilità, rimuoverlo in SQL Server Management Studio.
    • Avviare un failover nel computer che esegue SQL Server e in cui è installato il database VMM.
  7. Se si esegue Operations Manager con VMM, interrompere la connessione tra VMM e il server di Operations Manager.

Sequenza di aggiornamento per i componenti di System Center

Se si eseguono più componenti di System Center, è necessario seguire un ordine specifico per l'aggiornamento, come mostrato di seguito:

  1. Service Management Automation
  2. Orchestrator
  3. Service Manager
  4. Data Protection Manager
  5. Operations Manager
  6. Configuration Manager
  7. Virtual Machine Manager
  8. Service Provider Foundation

Aggiornare un server VMM autonomo

Nota

Quando si esegue l'aggiornamento di un server VMM autonomo, è consigliabile installare VMM 2019 nello stesso server con VMM 2016, 1801 o 1807.

Se si usa Gestione delle chiavi distribuite, si può scegliere di installare VMM 2019 in un server diverso, ma assicurarsi che il nuovo server abbia lo stesso nome del server VMM precedente.

Usare le procedure seguenti:

Eseguire il backup e l'aggiornamento del sistema operativo

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Disinstallare VMM. Assicurarsi di rimuovere il server di gestione e la console.
  3. Aggiornare il sistema operativo di gestione a Windows Server 2019.
  4. Installare la versione di Windows 10 di ADK.

Disinstallare VMM

  1. Passare a Pannello di controllo>Programmi>Programma e funzionalità, selezionare Virtual Machine Manager e fare clic su Disinstalla.
  2. Nella disinstallazione guidata selezionare Rimuovi funzionalità e selezionare sia Server di gestione VMM sia Console VMM nell'elenco delle funzionalità da rimuovere.
  3. Nella pagina delle opzioni del database selezionare Mantieni database.
  4. Esaminare il riepilogo e fare clic su Disinstalla.

Installare VMM 2019

  1. Nella pagina principale del programma di installazione fare clic su Installa.

  2. In Selezionare le funzionalità da installare selezionare il server di gestione VMM e quindi fare clic su Avanti. La console VMM verrà installata automaticamente.

  3. In Informazioni sulla registrazione del prodotto specificare le informazioni appropriate e quindi fare clic su Avanti. Se non si immette un codice Product Key, VMM viene installato come versione di valutazione che scade 180 giorni dopo la data di installazione.

  4. In Leggere questo contratto di licenza, esaminare il contratto di licenza, selezionare l'oggetto letto , compreso e accettare le condizioni del contratto di licenza, quindi fare clic su Avanti.

  5. In Usage and Connectivity Data (Dati su uso e connettività) selezionare una delle due opzioni e fare clic su Avanti.

  6. Se viene visualizzata la pagina Microsoft Update selezionare se si vuole usare o meno Microsoft Update, quindi fare clic su Avanti. Se si è già scelto di usare Microsoft Update nel computer, la pagina non viene visualizzata.

  7. In Percorso installazione usare il percorso predefinito oppure digitare un altro percorso di installazione per i file di programma di VMM e quindi fare clic su Avanti.

  8. In Configurazione database:

    • Vedere Altre informazioni se è necessario aggiornare SQL Server in VMM.
    • Se si usa un'istanza remota di SQL specificare il nome del computer remoto che esegue SQL Server.
    • Se SQL Server viene eseguito sul server VMM digitare il nome del server VMM oppure digitare localhost. Se SQL Server si trova in un cluster, digitare il nome del cluster.
    • Non specificare un valore di porta se si usa un'istanza locale di SQL Server o se l'istanza remota di SQL Server usa il valore di porta predefinito (1443).
    • Selezionare Database esistente e quindi il database che è stato mantenuto (sottoposto a backup) nell'installazione precedente. Inserire le credenziali con le autorizzazioni per accedere al database. Quando viene chiesto di aggiornare il database fare clic su .
  9. In Configura account di servizio e gestione delle chiavi distribuite specificare l'account che verrà usato dal servizio VMM.

    Nota

    L'identità dell'account del servizio VMM non può essere modificata dopo l'installazione.

  10. In Gestione delle chiavi distribuite selezionare se le chiavi di crittografia dovranno essere archiviate o meno in Active Directory.

    Nota

    Scegliere con attenzione le impostazioni per l'account di servizio e la gestione delle chiavi distribuite. A seconda della selezione, i dati crittografati, ad esempio le password nei modelli, potrebbero non essere disponibili dopo l'aggiornamento e dovranno essere immessi manualmente.

  11. In Configurazione porta usare il numero di porta predefinito per ogni funzionalità o specificare un numero di porta univoco appropriato nell'ambiente.

    Nota

    Le porte assegnate durante l'installazione di un server di gestione VMM non possono essere modificate senza disinstallare e reinstallare il server di gestione VMM. Evitare anche di configurare le funzionalità per l'uso della porta 5986 perché questo numero di porta è preassegnato.

  12. In Configurazione libreria scegliere se si vuole creare una nuova condivisione di libreria oppure usare una condivisione di libreria esistente nel computer. La condivisione di libreria predefinita creata da VMM è denominata MSSCVMMLibrary e la cartella si trova in %SYSTEMDRIVE%\ProgramData\Virtual Machine Manager Library Files. ProgramData è una cartella nascosta e non è possibile rimuoverla. Dopo l'installazione del server di gestione VMM, è possibile aggiungere condivisioni di libreria e server di libreria usando la console VMM o la shell dei comandi VMM.

  13. In Report compatibilità aggiornamenti rivedere le impostazioni e fare clic su Avanti per procedere con l'aggiornamento.

  14. In Riepilogo installazione rivedere le impostazioni e fare clic su Installa per aggiornare il server. Si apre la pagina Installazione funzionalità in cui viene visualizzato lo stato dell'installazione.

  15. In Installazione completata fare clic su Chiudi per terminare l'installazione. Per aprire la console VMM, selezionare Apri la console VMM al termine della procedura guidata oppure fare clic sull'icona Console di Virtual Machine Manager sul desktop.

Nota

Dopo aver completato l'aggiornamento aggiornare manualmente l'agente host tramite VMM.

In caso di problemi con il programma di installazione controllare la cartella %SYSTEMDRIVE%\ProgramData\VMMLogs.

Durante l'installazione, VMM abilita le regole del firewall seguenti. Queste regole restano attive anche se in seguito VMM viene disinstallato.

  • Gestione remota Windows
  • Gestione archiviazione basata su standard Windows

Aggiornare un server VMM a disponibilità elevata

È possibile aggiornare un server VMM a disponibilità elevata 2016, 1801 o 1807 a 2019.

Sono supportate le due modalità di aggiornamento seguenti:

Nota

L'aggiornamento di SQL Server può essere eseguito in qualsiasi momento, indipendentemente dall'aggiornamento di VMM.

Modalità mista senza server VMM aggiuntivi

Questa procedura non richiede nessun server VMM aggiuntivo ma può presentare tempi di inattività superiori in determinati scenari. Un esempio è il caso in cui sono presenti due nodi VMM a disponibilità elevata e il nodo VMM attivo si blocca mentre si sta aggiornando il nodo passivo. In questo scenario il server VMM non ha un nodo di failover disponibile.

Seguire questa procedura:

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Disinstallare VMM nel nodo passivo.
  3. Nel nodo VMM passivo aggiornare il sistema operativo di gestione a Windows Server 2019/2016.
  4. Eseguire l'aggiornamento alla versione Windows 10 di ADK.
  5. Installare VMM 2019 nel nodo passivo usando la procedura seguente:
    • Nella pagina principale del programma di installazione fare clic su Installa.
    • In Selezionare le funzionalità da installare selezionare Server di gestione VMM e quindi fare clic su Avanti. La console VMM verrà installata automaticamente.
    • Quando viene richiesto, confermare che si vuole aggiungere questo server come nodo alla distribuzione a disponibilità elevata.
    • Se viene richiesto, nella pagina Configurazione database selezionare l'opzione di aggiornamento del database.
    • Esaminare le informazioni di riepilogo e completare l'installazione.
  6. Eseguire il failover del nodo VMM attivo al server VMM appena aggiornato.
  7. Ripetere la procedura per gli altri nodi VMM.
  8. Aggiornare il livello funzionale del cluster usando Update-ClusterFunctionalLevel (comando).
  9. [Facoltativo] Installare le utilità della riga di comando SQL appropriate.

Modalità mista con server VMM aggiuntivi

Questa procedura richiede server VMM aggiuntivi, ma garantisce tempi di inattività minimi in tutti gli scenari.

Seguire questa procedura:

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Aggiungere lo stesso numero di server aggiuntivi (con sistema operativo di gestione di Windows Server 2019/2016) uguale al numero di server presente nel cluster a disponibilità elevata.
  3. Installare la versione di ADK per Windows 10 nei server 2019 appena aggiunti.
  4. Installare VMM 2019 in uno dei server appena aggiunti. Usare i dettagli del passaggio 5 di Modalità mista senza server VMM aggiuntivi.
  5. Ripetere la procedura di installazione per tutti gli altri server appena aggiunti.
  6. Eseguire il failover del nodo VMM attivo a uno dei server appena aggiunti.
  7. Disinstallare VMM dai nodi 2016 e rimuovere i nodi dal cluster dopo il failover.
  8. Aggiornare il livello funzionale del cluster usando Update-ClusterFunctionalLevel (comando).
  9. [Facoltativo] Installare le utilità della riga di comando SQL appropriate.

Nota

Dopo aver completato l'aggiornamento a VMM a disponibilità elevata aggiornare manualmente l'agente host tramite VMM.

Aggiornare gli agenti VMM

Dopo l'aggiornamento sarà necessario aggiornare gli agenti VMM nei server di libreria VMM e negli host Hyper-V.

  1. Fare clic su Infrastruttura>server>Tutti gli host.
  2. Nel riquadro Host fare clic con il pulsante destro del mouse sull'intestazione di una colonna e quindi scegliere Stato versione agente.
  3. Selezionare l'host con l'agente VMM che si vuole aggiornare. Nella scheda Host, nel gruppo Host fare clic su Aggiorna. Se è necessario effettuare l'aggiornamento dell'agente VMM di un host, nella colonna Stato host viene visualizzato il messaggio Richiesta attenzione e nella colonna Stato versione agente il messaggio Aggiornamento disponibile.
  4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'host di cui si vuole aggiornare l'agente VMM e quindi fare clic su Aggiorna agente. Inserire le credenziali necessarie in Aggiorna agente e quindi fare clic su OK.
  5. Nella colonna Stato versione agente viene visualizzato il messaggio Aggiornamento in corso. Dopo che l'agente VMM è stato aggiornato correttamente nell'host, nella colonna Stato versione agente verrà visualizzato il valore Aggiornatoe nella colonna Versione agente verrà visualizzata la versione aggiornata dell'agente. Dopo aver aggiornato nuovamente l'host, nella colonna Stato host corrispondente verrà visualizzato OK.
  6. È possibile aggiornare l'agente VMM su un server di libreria VMM in modo simile. Per visualizzare un elenco di server di libreria VMM, fare clic suServer di libreria server>di infrastruttura>.

Riassociare i server host e di libreria

Dopo l'aggiornamento può essere necessario riassociare gli host macchina virtuale e i server di libreria VMM al server di gestione VMM.

A tale scopo, seguire questa procedura:

  1. Fare clic su Infrastruttura>server>Tutti gli host.
  2. Nel riquadro Host assicurarsi che sia visualizzata la colonna Stato agente. Se non viene visualizzato, fare clic con il pulsante destro del mouse su un'intestazione di colonna, selezionare Stato agente.
  3. Nel gruppo host fare clic su Aggiorna. Se è necessario riassociare un host, nella colonna Stato host viene visualizzata la colonna Stato host e nella colonna Stato agente viene visualizzato Accesso negato. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'host da riassociare, quindi fare clic su Riassocia.
  4. Nella pagina Riassociate Agent specificare le credenziali e quindi fare clic su OK. Nella colonna Stato agente viene visualizzato lo stato Riassociazione in corso. Dopo che l'host viene riassociato correttamente, lo stato cambia in Risposta.
    6. Aggiornare l'host, le colonne dello stato host ora visualizzano OK. Dopo che l'host è stato riassociato, potrebbe essere necessario aggiornare l'agente VMM nell'host.

Aggiornare il database di SQL Server VMM

L'aggiornamento del database di SQL Server VMM può essere necessario per diversi motivi:

  • Si sta eseguendo l'aggiornamento di VMM a System Center 2019 e la versione corrente del database di SQL Server non è supportata.
  • Si vuole aggiornare un server VMM autonomo trasformandolo in un server a disponibilità elevata ed SQL Server è installato localmente.
  • Si vuole spostare il database di SQL Server in un computer diverso.

Raccogliere le informazioni relative al database

Prima di eseguire l'aggiornamento, raccogliere le informazioni relative al database VMM:

  1. Registrare la connessione al database nella console > VMM Impostazioni>generali>connessione al database.
  2. Registrare le informazioni sull'account in Server Manager >Tools>Services. Fare clic con il pulsante destro del mouse su System Center Virtual Machine Manager>Proprietà>accesso. Questo è l'account di dominio o locale assegnato come account di servizio al momento dell'installazione di VMM. È possibile verificare se è locale in Strumenti>Gestione computer>Utenti e gruppi>utenti locali.
  3. Verificare se al momento dell'installazione di VMM è stata usata la gestione delle chiavi distribuite o se le chiavi di crittografia sono archiviate localmente nel server VMM.
  4. Se si esegue lo spostamento del database VMM, ma non l'aggiornamento di VMM, verificare quali aggiornamenti cumulativi sono stati applicati al server VMM.

Aggiornare un database autonomo

  1. Eseguire il backup del database VMM esistente e copiare tale backup in un computer che esegue una versione supportata di SQL Server.
  2. Usare gli strumenti di SQL Server per ripristinare il database.
    • Se si esegue l'aggiornamento di VMM, specificare il nuovo percorso di SQL Server in Configurazione del database di installazione > di VMM.
    • Se si vuole aggiornare il database senza aggiornare VMM, è necessario disinstallare e reinstallare VMM. Quando si esegue la disinstallazione selezionare Mantieni database nella pagina Opzioni database. Quindi, eseguire di nuovo l'installazione con le stesse impostazioni usate nell'installazione originale. Nella configurazione del database specificare i nuovi dettagli SQL Server. Dopo la reinstallazione applicare gli aggiornamenti cumulativi e verificare che la distribuzione funzioni come previsto.

Aggiornare un database a disponibilità elevata

  1. Registrare la versione di origine del database esistente e la versione a cui si vuole eseguire l'aggiornamento.
  2. Creare un backup del database di SQL Server a disponibilità elevata a partire dal nodo attivo del cluster di SQL Server.
  3. Aggiornare i nodi passivi di SQL Server alla nuova versione. Dopo l'aggiornamento, se si vuole gestire SQL Server da questo nodo, installare SQL Server Management Studio (facoltativo).
  4. Eseguire il failover del ruolo SQL Server a disponibilità elevata dal nodo attualmente attivo al nodo aggiornato. Dopo il failover, è possibile usare SQL Server Management Studio per convalidare la versione del database in esecuzione.
  5. Ripetere l'aggiornamento per gli altri nodi del cluster SQL a disponibilità elevata. Come ulteriore convalida, è possibile eseguire il failover dei ruoli del database di SQL Server per verificare che tutto funzioni nel modo previsto.

Eseguire la migrazione di un cluster di SQL Server come parte dell'aggiornamento di VMM

  1. Creare un backup del database VMM a disponibilità elevata dal nodo attivo del cluster SQL esistente.
  2. Prendere nota del nome del ruolo di VMM da usare durante la reinstallazione del ruolo del server VMM. Disinstallare il server VMM dai nodi del cluster VMM esistenti con l'opzione che consente di mantenere il database. Quando si disinstalla il server VMM dall'ultimo nodo, potrebbe essere visualizzato un messaggio relativo all'esito negativo della registrazione del nome SPN. Si tratta di un problema noto senza impatto a livello funzionale.
  3. Ripristinare il database di backup in un altro cluster SQL che esegue una versione supportata di SQL Server. Aggiungere l'account utente usato per l'esecuzione del servizio VMM come utente del nuovo database con appartenenza al ruolo db_owner.
  4. Durante l'aggiornamento del server VMM durante la migrazione di un cluster SQL, assegnare i parametri corrispondenti al nuovo cluster SQL.

Ridistribuire Azure Site Recovery

Se la funzionalità Azure Site Recovery era integrata nella distribuzione di VMM 2016/1801/1807, è necessario ridistribuirla con VMM 2019, per la replica in Azure o la replica in un sito secondario.

Connettersi a Operations Manager

Dopo l'aggiornamento, ristabilire la connessione tra VMM e Operations Manager.

Rinnovare i certificati per i server PXE

Se si usa un server PXE nell'infrastruttura di VMM, è necessario rimuoverlo e quindi aggiungerlo di nuovo all'infrastruttura. In questo modo viene rinnovato il certificato del server PXE e si evitano errori del certificato.

Importante

Questa versione di Virtual Machine Manager (VMM) ha raggiunto la fine del supporto, è consigliabile eseguire l'aggiornamento a VMM 2022.

Per applicare l'aggiornamento 1807 è necessario che System Center - Virtual Machine Manager 1801 sia installato. Altre informazioni su come installare VMM 1807.

Importante

Questa versione di Virtual Machine Manager (VMM) ha raggiunto la fine del supporto, è consigliabile eseguire l'aggiornamento a VMM 2022.

Questo articolo include le informazioni di aggiornamento per System Center 1801 - Virtual Machine Manager (VMM).

Questo articolo include le informazioni di aggiornamento per System Center 2016 - Virtual Machine Manager (VMM).

Aggiornamento a System Center 1801 - Virtual Machine Manager

Nelle sezioni seguenti vengono offerte informazioni su come eseguire l'aggiornamento a VMM 1801. Sono inclusi i passaggi per l'aggiornamento e le attività da completare al termine dell'aggiornamento.

Nota

Durante l'installazione di VMM, assicurarsi che database SQL non faccia parte di alcun gruppo di disponibilità.

Requisiti e limitazioni

  • È consigliabile eseguire VMM in System Center 2012 R2 con aggiornamento cumulativo 14 o 2016 UR 4.
  • Verificare che il server soddisfi tutti i requisiti di VMM 1801 e che i prerequisiti siano rispettati. Altre informazioni
  • Verificare che venga eseguita una versione supportata di SQL Server.
  • Se la distribuzione corrente di VMM è integrata con Azure Site Recovery, si noti che:
    • Le impostazioni di Site Recovery non possono essere aggiornate. Dopo l'aggiornamento è necessario ripetere la distribuzione.
    • Verificare il supporto host Hyper-V per VMM 1801.

Prima di iniziare

Verificare quanto segue:

  1. Completare tutti i processi attualmente in esecuzione in VMM. La cronologia dei processi viene eliminata durante l'aggiornamento.
  2. Chiudere tutte le connessioni al server di gestione VMM, compresa la console VMM e la shell dei comandi VMM.
  3. Chiudere eventuali altri programmi in esecuzione nel server di gestione VMM.
  4. Verificare che non vi sia alcun riavvio in attesa nei server VMM.
  5. Eseguire un backup completo del database VMM.
  6. Se si esegue Operations Manager con VMM, interrompere la connessione tra VMM e il server di Operations Manager.

Sequenza di aggiornamento per i componenti di System Center

Se si eseguono più componenti di System Center, è necessario seguire un ordine specifico per l'aggiornamento:

  1. Service Management Automation
  2. Orchestrator
  3. Service Manager
  4. Data Protection Manager (DPM)
  5. Operations Manager
  6. Configuration Manager
  7. Virtual Machine Manager (VMM)
  8. App Controller
  9. Service Provider Foundation
  10. Microsoft Azure Pack per Windows Server
  11. Cloud del Bus di servizio
  12. Windows Azure Pack
  13. Service Reporting

Aggiornare un server VMM autonomo

Usare le procedure seguenti:

Eseguire il backup e l'aggiornamento del sistema operativo

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Disinstallare VMM. Assicurarsi di rimuovere il server di gestione e la console.
  3. Aggiornare il sistema operativo di gestione a Windows Server 2016/1709.
  4. Installare la versione di ADK per Windows 10 o 1709, rispettivamente.

Disinstallare VMM

  1. Passare a Installazione applicazioni, selezionare VMM e fare clic su Disinstalla.
  2. Nella disinstallazione guidata selezionare Rimuovi funzionalità e selezionare sia Server di gestione VMM sia Console VMM nell'elenco delle funzionalità da rimuovere.
  3. Nella pagina delle opzioni del database selezionare Mantieni database.
  4. Esaminare il riepilogo e fare clic su Disinstalla.

Installare VMM 1801

  1. Nella pagina principale del programma di installazione fare clic su Installa.

  2. In Seleziona le funzionalità da installare selezionare il server di gestione VMM e quindi fare clic su Avanti. La console VMM verrà installata automaticamente.

  3. In Informazioni sulla registrazione del prodotto specificare le informazioni appropriate e quindi fare clic su Avanti. Se non si immette un codice Product Key, VMM viene installato come versione di valutazione che scade 180 giorni dopo la data di installazione.

  4. In Leggere il contratto di licenza, esaminare il contratto di licenza, selezionare la casella di controllo Ho letto, compreso e accettato le condizioni del contratto di licenza **, quindi fare clic su **Avanti.

  5. In Usage and Connectivity Data (Dati su uso e connettività) selezionare una delle due opzioni e fare clic su Avanti.

  6. Se viene visualizzata la pagina Microsoft Update selezionare se si vuole usare o meno Microsoft Update, quindi fare clic su Avanti. Se si è già scelto di usare Microsoft Update nel computer, la pagina non viene visualizzata.

  7. In Percorso installazione usare il percorso predefinito oppure digitare un altro percorso di installazione per i file di programma di VMM e quindi fare clic su Avanti.

  8. In Configurazione database:

    • Vedere Altre informazioni se è necessario aggiornare SQL Server in VMM.
    • Se si usa un'istanza remota di SQL specificare il nome del computer remoto che esegue SQL Server.
    • Se SQL Server viene eseguito sul server VMM digitare il nome del server VMM oppure digitare localhost. Se SQL Server si trova in un cluster, digitare il nome del cluster.
    • Non specificare un valore di porta se si usa un'istanza locale di SQL Server o se l'istanza remota di SQL Server usa il valore di porta predefinito (1443).
    • Selezionare Database esistente e quindi il database che è stato mantenuto (sottoposto a backup) nell'installazione precedente. Inserire le credenziali con le autorizzazioni per accedere al database. Quando viene chiesto di aggiornare il database fare clic su .
  9. In Configura account di servizio e gestione delle chiavi distribuite specificare l'account che verrà usato dal servizio VMM.

    Nota

    L'identità dell'account del servizio VMM non può essere modificata dopo l'installazione.

  10. In Gestione delle chiavi distribuite selezionare se le chiavi di crittografia dovranno essere archiviate o meno in Active Directory.

    Nota

    Scegliere con attenzione le impostazioni per l'account di servizio e la gestione delle chiavi distribuite. A seconda della selezione, i dati crittografati, ad esempio le password nei modelli, potrebbero non essere disponibili dopo l'aggiornamento e dovranno essere immessi manualmente.

  11. In Configurazione porta usare il numero di porta predefinito per ogni funzionalità o specificare un numero di porta univoco appropriato nell'ambiente.

    Nota

    Le porte assegnate durante l'installazione di un server di gestione VMM non possono essere modificate senza disinstallare e reinstallare il server di gestione VMM. Evitare anche di configurare le funzionalità per l'uso della porta 5986 perché questo numero di porta è preassegnato.

  12. In Configurazione libreria scegliere se si vuole creare una nuova condivisione di libreria oppure usare una condivisione di libreria esistente nel computer. La condivisione di libreria predefinita creata da VMM è denominata MSSCVMMLibrary e la cartella si trova in %SYSTEMDRIVE%\ProgramData\Virtual Machine Manager Library Files. ProgramData è una cartella nascosta e non è possibile rimuoverla. Dopo l'installazione del server di gestione VMM, è possibile aggiungere condivisioni di libreria e server di libreria usando la console VMM o la shell dei comandi VMM.

  13. In Report compatibilità aggiornamenti rivedere le impostazioni e fare clic su Avanti per procedere con l'aggiornamento.

  14. In Riepilogo installazione rivedere le impostazioni e fare clic su Installa per aggiornare il server. Si apre la pagina Installazione funzionalità in cui viene visualizzato lo stato dell'installazione.

  15. In Installazione completata fare clic su Chiudi per terminare l'installazione. Per aprire la console VMM, selezionare Apri la console VMM al termine della procedura guidata oppure fare clic sull'icona Console di Virtual Machine Manager sul desktop.

Nota

Dopo aver completato l'aggiornamento aggiornare manualmente l'agente host tramite VMM.

In caso di problemi con il programma di installazione controllare la cartella %SYSTEMDRIVE%\ProgramData\VMMLogs.

Durante l'installazione, VMM abilita le regole del firewall seguenti. Queste regole restano attive anche se in seguito VMM viene disinstallato.

  • Gestione remota Windows
  • Gestione archiviazione basata su standard Windows

Aggiornare un server VMM a disponibilità elevata

È possibile aggiornare un server VMM a disponibilità elevata 2012 R2 e 2016 a 1801.

Sono supportate le due modalità di aggiornamento seguenti:

Nota

L'aggiornamento di SQL Server può essere eseguito in qualsiasi momento, indipendentemente dall'aggiornamento di VMM.

Modalità mista senza server VMM aggiuntivi

Questa procedura non richiede nessun server VMM aggiuntivo ma può presentare tempi di inattività superiori in determinati scenari. Un esempio è il caso in cui sono presenti due nodi VMM a disponibilità elevata e il nodo VMM attivo si blocca mentre si sta aggiornando il nodo passivo. In questo scenario il server VMM non ha un nodo di failover disponibile.

Seguire questa procedura:

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.

  2. Disinstallare VMM nel nodo passivo.

  3. VMM 1801 supporta WS 2016 e 1709 come sistema operativo di gestione. Nel nodo VMM passivo aggiornare il sistema operativo di gestione a Windows Server 2016/1709.

    Se il cluster dispone di VMM 2012 R2 in Windows Server (WS) 2012 R2 e si intende eseguire l'aggiornamento a VMM 1801 in WS 1709, usare la procedura seguente per ognuno di tali nodi del cluster:

    • Eseguire l'aggiornamento a VMM 1801 in WS 2016 come sistema operativo di gestione per tutti i nodi del cluster con WS 2012 R2. Questo è necessario perché un cluster misto 2012 R2 e WS 1709 non è supportato.
    • Eseguire l'aggiornamento del sistema operativo di gestione a WS 1709.
  4. Eseguire l'aggiornamento alla versione Windows 10/1709 di ADK.

  5. Installare VMM 1801 nel nodo passivo usando la procedura seguente:

    • Nella pagina principale del programma di installazione fare clic su Installa.
    • In Selezionare le funzionalità da installare selezionare Server di gestione VMM e quindi fare clic su Avanti. La console VMM verrà installata automaticamente.
    • Quando viene richiesto, confermare che si vuole aggiungere questo server come nodo alla distribuzione a disponibilità elevata.
    • Se viene richiesto, nella pagina Configurazione database selezionare l'opzione di aggiornamento del database.
    • Esaminare le informazioni di riepilogo e completare l'installazione.
  6. Eseguire il failover del nodo VMM attivo al server VMM appena aggiornato.

  7. Ripetere la procedura per gli altri nodi VMM.

  8. Aggiornare il livello funzionale del cluster usando Update-ClusterFunctionalLevel (comando).

  9. [Facoltativo] Installare le utilità della riga di comando SQL appropriate.

Modalità mista con server VMM aggiuntivi

Questa procedura richiede server VMM aggiuntivi, ma garantisce tempi di inattività minimi in tutti gli scenari.

Seguire questa procedura:

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.

  2. Aggiungere lo stesso numero di server aggiuntivi (con sistema operativo di gestione Windows Server 2016/1709) uguale al numero di server presente nel cluster a disponibilità elevata.

    Se il cluster dispone di nodi VMM 2012 R2 in WS 2012 R2 e si intende eseguire l'aggiornamento a WS 1709 con VMM 1801, usare la procedura seguente:

    • Aggiungere i nuovi nodi WS 2016 e installare VMM 1801 in tutti i nuovi nodi.
    • Rimuovere tutti i nodi WS 2012 R2 dal cluster.
    • Eseguire l'aggiornamento del sistema operativo di gestione a WS 1709.
  3. Installare la versione di ADK per Windows 10/1709 nei server 2016 appena aggiunti.

  4. Installare VMM 1801 in uno dei server appena aggiunti usando i dettagli nel passaggio 5 in [Aggiornamento in modalità mista senza server VMM aggiuntivi](#mixed-mode- upgrade-with-no-additional-VMM-servers).

  5. Ripetere la procedura di installazione per tutti gli altri server appena aggiunti.

  6. Eseguire il failover del nodo VMM attivo a uno dei server appena aggiunti.

  7. Rimuovere i nodi 2012 R2/2016 nodi dal cluster dopo il failover.

  8. Aggiornare il livello funzionale del cluster usando Update-ClusterFunctionalLevel (comando).

  9. [Facoltativo] Installare le utilità della riga di comando SQL appropriate.

Nota

Dopo aver completato l'aggiornamento a VMM a disponibilità elevata aggiornare manualmente l'agente host tramite VMM.

Aggiornare il database di SQL Server VMM

L'aggiornamento del database di SQL Server VMM può essere necessario per diversi motivi:

  • Si sta eseguendo l'aggiornamento di VMM a System Center 1801 e la versione corrente del database di SQL Server non è supportata.
  • Si vuole aggiornare un server VMM autonomo trasformandolo in un server a disponibilità elevata ed SQL Server è installato localmente.
  • Si vuole spostare il database di SQL Server in un computer diverso.

Raccogliere le informazioni relative al database

Prima di eseguire l'aggiornamento, raccogliere le informazioni relative al database VMM:

  1. Registrare la connessione al database nella console > VMM Impostazioni>generale>connessione database.
  2. Registrare le informazioni sull'account neiservizistrumenti> di Server Manager>. Fare clic con il pulsante destro del mouse su System Center Virtual Machine Manager >Properties>Log On. Questo è l'account di dominio o locale assegnato come account di servizio al momento dell'installazione di VMM. È possibile verificare se è locale in Strumenti>Gestione computer>Utenti locali e gruppi>Utenti.
  3. Verificare se al momento dell'installazione di VMM è stata usata la gestione delle chiavi distribuite o se le chiavi di crittografia sono archiviate localmente nel server VMM.
  4. Se si esegue lo spostamento del database VMM, ma non l'aggiornamento di VMM, verificare quali aggiornamenti cumulativi sono stati applicati al server VMM.

Aggiornare un database autonomo

  1. Eseguire il backup del database VMM esistente e copiare tale backup in un computer che esegue una versione supportata di SQL Server.
  2. Usare gli strumenti di SQL Server per ripristinare il database.
    • Se si esegue l'aggiornamento di VMM, si specifica il nuovo percorso di SQL Server in Configurazione del database di configurazione > VMM.
    • Se si vuole aggiornare il database senza aggiornare VMM, è necessario disinstallare e reinstallare VMM. Quando si esegue la disinstallazione selezionare Mantieni database nella pagina Opzioni database. Quindi, eseguire di nuovo l'installazione con le stesse impostazioni usate nell'installazione originale. Nella configurazione del database si specificano i nuovi dettagli di SQL Server. Dopo la reinstallazione applicare gli aggiornamenti cumulativi e verificare che la distribuzione funzioni come previsto.

Aggiornare un database a disponibilità elevata

  1. Registrare la versione di origine del database esistente e la versione a cui si vuole eseguire l'aggiornamento.
  2. Creare un backup del database di SQL Server a disponibilità elevata a partire dal nodo attivo del cluster di SQL Server.
  3. Aggiornare i nodi passivi di SQL Server alla nuova versione. Dopo l'aggiornamento, se si vuole gestire SQL Server da questo nodo, installare SQL Server Management Studio (facoltativo).
  4. Eseguire il failover del ruolo SQL Server a disponibilità elevata dal nodo attualmente attivo al nodo aggiornato. Dopo il failover, è possibile usare SQL Server Management Studio per convalidare la versione del database in esecuzione.
  5. Ripetere l'aggiornamento per gli altri nodi del cluster SQL a disponibilità elevata. Come ulteriore convalida, è possibile eseguire il failover dei ruoli del database di SQL Server per verificare che tutto funzioni nel modo previsto.

Eseguire la migrazione di un cluster di SQL Server come parte dell'aggiornamento di VMM

  1. Creare un backup del database VMM a disponibilità elevata dal nodo attivo del cluster SQL esistente.
  2. Prendere nota del nome del ruolo di VMM da usare durante la reinstallazione del ruolo del server VMM. Disinstallare il server VMM dai nodi del cluster VMM esistenti con l'opzione che consente di mantenere il database. Quando si disinstalla il server VMM dall'ultimo nodo, potrebbe essere visualizzato un messaggio relativo all'esito negativo della registrazione del nome SPN. Si tratta di un problema noto senza impatto a livello funzionale.
  3. Ripristinare il database di backup in un altro cluster SQL che esegue una versione supportata di SQL Server. Aggiungere l'account utente usato per l'esecuzione del servizio VMM come utente del nuovo database con appartenenza al ruolo db_owner.
  4. Durante l'aggiornamento del server VMM durante la migrazione di un cluster SQL, assegnare i parametri corrispondenti al nuovo cluster SQL.

Aggiornare gli agenti VMM

Dopo l'aggiornamento sarà necessario aggiornare gli agenti VMM nei server di libreria VMM e negli host Hyper-V.

  1. Fare clic suServer>di infrastruttura>tutti gli host.
  2. Nel riquadro Host fare clic con il pulsante destro del mouse sull'intestazione di una colonna e quindi scegliere Stato versione agente.
  3. Selezionare l'host con l'agente VMM che si vuole aggiornare. Nella scheda Host, nel gruppo Host fare clic su Aggiorna. Se è necessario effettuare l'aggiornamento dell'agente VMM di un host, nella colonna Stato host viene visualizzato il messaggio Richiesta attenzione e nella colonna Stato versione agente il messaggio Aggiornamento disponibile.
  4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'host di cui si vuole aggiornare l'agente VMM e quindi fare clic su Aggiorna agente. Inserire le credenziali necessarie in Aggiorna agente e quindi fare clic su OK.
  5. Nella colonna Stato versione agente viene visualizzato il messaggio Aggiornamento in corso. Dopo che l'agente VMM è stato aggiornato correttamente nell'host, nella colonna Stato versione agente verrà visualizzato il valore Aggiornatoe nella colonna Versione agente verrà visualizzata la versione aggiornata dell'agente. Dopo aver aggiornato nuovamente l'host, nella colonna Stato host corrispondente verrà visualizzato OK.
  6. È possibile aggiornare l'agente VMM su un server di libreria VMM in modo simile. Per visualizzare un elenco di server di libreria VMM, fare clic suServer>di libreria serverdi infrastruttura>.

Ridistribuire Azure Site Recovery

Se la funzionalità Azure Site Recovery era integrata nella distribuzione di VMM 2012 R2/2016, è necessario ridistribuirla con VMM 1801, per la replica in Azure o la replica in un sito secondario.

Leggere questo post di blog per i dettagli del supporto host Hyper-V per l'esecuzione di VMM 1801.

Connettersi a Operations Manager

Dopo l'aggiornamento, ristabilire la connessione tra VMM e Operations Manager.

Rinnovare i certificati per i server PXE

Se si usa un server PXE nell'infrastruttura di VMM, è necessario rimuoverlo e quindi aggiungerlo di nuovo all'infrastruttura. In questo modo viene rinnovato il certificato del server PXE e si evitano errori del certificato.

Eseguire l'aggiornamento a System Center 2016 - VMM

Le sezioni seguenti descrivono come eseguire l'aggiornamento a System Center Virtual Machine Manager (VMM) 2016. con i prerequisiti, le istruzioni per l'aggiornamento e le attività da completare al termine dell'aggiornamento.

Nota

Durante l'installazione di VMM, assicurarsi che database SQL non faccia parte di alcun gruppo di disponibilità.

Requisiti e limitazioni

  • È consigliabile eseguire VMM in System Center 2012 R2 con aggiornamento cumulativo 9 o versione successiva.
  • Il server in cui verrà installato VMM deve soddisfare i requisiti di VMM 2016. Scopri di più
  • Verificare che venga eseguita una versione supportata di SQL Server.
  • Se la distribuzione corrente di VMM è integrata con Azure Site Recovery, si noti che le impostazioni di Azure Site Recovery non possono essere aggiornate. Dopo l'aggiornamento è necessario ripetere la distribuzione.
  • Verificare i requisiti del supporto host Hyper-V per VMM 2016.

Prima di iniziare

  1. Completare tutti i processi attualmente in esecuzione in VMM. La cronologia di tutti i processi viene eliminata durante l'aggiornamento.

  2. Chiudere tutte le connessioni al server di gestione VMM, compresa la console VMM e la shell dei comandi VMM.

  3. Chiudere eventuali altri programmi in esecuzione nel server di gestione VMM.

  4. Verificare che non vi sia alcun riavvio in attesa nei server VMM.

  5. Eseguire un backup completo del database VMM.

  6. Se il database corrente di SQL Server viene usato con i gruppi di disponibilità Always On:

    • Se il database VMM è incluso nel gruppo di disponibilità, rimuoverlo in SQL Server Management Studio.
    • Avviare un failover nel computer che esegue SQL Server e in cui è installato il database VMM.
  7. Se si esegue Operations Manager con VMM, interrompere la connessione tra VMM e il server di Operations Manager.

  8. Se il server VMM 2012 R2 esegue l'aggiornamento cumulativo 10 o 11 e per la distribuzione si usa lo strumento di bilanciamento del carico Citrix NetScalar, eseguire lo script di SQL Server prima di avviare l'aggiornamento, che altrimenti potrebbe non riuscire. Lo script non è necessario se si esegue l'aggiornamento cumulativo 12 o versione successiva.

    ALTER TABLE [dbo].[tbl_NetMan_HardwareModelSettings] ALTER COLUMN Version NVARCHAR(255) NULL; GO

Sequenza di aggiornamento per i componenti di System Center

Se si eseguono più componenti di System Center, è necessario seguire un ordine specifico per l'aggiornamento:

  1. Service Management Automation
  2. Orchestrator
  3. Service Manager
  4. Data Protection Manager (DPM)
  5. Operations Manager
  6. Configuration Manager
  7. Virtual Machine Manager (VMM)
  8. App Controller
  9. Service Provider Foundation
  10. Microsoft Azure Pack per Windows Server
  11. Cloud del Bus di servizio
  12. Windows Azure Pack
  13. Service Reporting

Aggiornare un server VMM autonomo

Eseguire il backup e aggiornare il sistema operativo e quindi installare VMM 2016.

Eseguire il backup e aggiornare il sistema operativo

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Disinstallare VMM. Per eseguire questa operazione: a. In Installazione applicazioni selezionare VMM>Disinstalla. b. Selezionare Rimuovi funzionalità e quindi server di gestione VMM e console VMM. c. In Opzioni di database selezionare Mantieni database. d. Esaminare il riepilogo e fare clic su Disinstalla.
  3. Aggiornare il sistema operativo di gestione a Windows Server 2016.
  4. Eseguire l'aggiornamento alla versione Windows 10 di ADK.

Installare VMM 2016

  1. Nella pagina principale del programma di installazione fare clic su Installa.

  2. In Selezionare le funzionalità da installare selezionare il server > di gestione VMM Avanti. La console VMM verrà installata automaticamente.

  3. In Informazioni sulla registrazione del prodotto specificare le informazioni appropriate e quindi fare clic su Avanti. Se non si immette un codice Product Key, VMM viene installato come versione di valutazione che scade 180 giorni dopo la data di installazione.

  4. In Leggere il contratto di licenza visualizzare il contratto di licenza, selezionare Ho letto, ho compreso e accetto le condizioni del contratto di licenza e quindi fare clic su Avanti.

  5. In Usage and Connectivity Data (Dati su uso e connettività) selezionare una delle due opzioni e fare clic su Avanti.

  6. Se viene visualizzata la pagina Microsoft Update selezionare se si vuole usare o meno Microsoft Update, quindi fare clic su Avanti. Se si è già scelto di usare Microsoft Update nel computer, la pagina non viene visualizzata.

  7. In Percorso installazione usare il percorso predefinito oppure digitare un altro percorso di installazione per i file di programma di VMM e quindi fare clic su Avanti.

  8. In Configurazione database:

    • Vedere Altre informazioni se è necessario aggiornare SQL Server in VMM.
    • Se si usa un'istanza remota di SQL specificare il nome del computer remoto che esegue SQL Server.
    • Se SQL Server viene eseguito sul server VMM digitare il nome del server VMM oppure digitare localhost. Se SQL Server si trova in un cluster, digitare il nome del cluster.
    • Non specificare un valore di porta se si usa un'istanza locale di SQL Server o se l'istanza remota di SQL Server usa il valore di porta predefinito (1443).
    • Selezionare Database esistente e quindi il database che è stato mantenuto (sottoposto a backup) nell'installazione precedente. Inserire le credenziali con le autorizzazioni per accedere al database. Quando viene chiesto di aggiornare il database fare clic su .
  9. In Configura account di servizio e gestione delle chiavi distribuite specificare l'account che verrà usato dal servizio VMM. L'identità dell'account del servizio VMM non può essere modificata dopo l'installazione.

  10. In Gestione delle chiavi distribuite selezionare se le chiavi di crittografia dovranno essere archiviate o meno in Active Directory.

    Nota

    Scegliere con attenzione le impostazioni per l'account del servizio e per la gestione delle chiavi distribuite. A seconda della selezione, i dati crittografati, ad esempio le password nei modelli, potrebbero non essere disponibili dopo l'aggiornamento e dovranno essere immessi manualmente.

  11. In Configurazione porta usare il numero di porta predefinito per ogni funzionalità o specificare un numero di porta univoco appropriato per l'ambiente. Per cambiare le porte assegnate durante l'installazione di un server di gestione VMM, è necessario disinstallare e reinstallare il server. Evitare di configurare le funzionalità per l'uso della porta 5986 perché questo numero di porta è preassegnato.

  12. In Configurazione libreria scegliere se si vuole creare una nuova condivisione di libreria oppure usare una condivisione di libreria esistente nel computer. La condivisione di libreria predefinita creata da VMM è denominata MSSCVMMLibrary e la cartella si trova in %SYSTEMDRIVE%\ProgramData\Virtual Machine Manager Library Files. ProgramData è una cartella nascosta e non è possibile rimuoverla. Dopo l'installazione del server di gestione VMM, è possibile aggiungere condivisioni di libreria e server di libreria usando la console VMM o la shell dei comandi VMM.

  13. In Report compatibilità aggiornamenti rivedere le impostazioni e fare clic su Avanti per procedere con l'aggiornamento.

  14. In Riepilogo installazione rivedere le impostazioni e fare clic su Installa per aggiornare il server. Si apre la pagina Installazione funzionalità in cui viene visualizzato lo stato dell'installazione.

  15. In Installazione completata fare clic su Chiudi per terminare l'installazione. Per aprire la console VMM, selezionare Apri la console VMM al termine della procedura guidata oppure fare clic sull'icona della console VMM sul desktop.

  16. Dopo l'aggiornamento, aggiornare l'agente host manualmente.

  17. Durante l'installazione VMM abilita le regole del firewall seguenti. Queste regole restano attive anche se in seguito si disinstalla VMM:

    • Gestione remota Windows
    • Gestione archiviazione basata su standard Windows

Se si verificano problemi durante l'installazione, controllare i log nella cartella %SYSTEMDRIVE%\ProgramData\VMMLogs.

Aggiornare un server VMM a disponibilità elevata

È possibile aggiornare un server VMM 2012 R2 a disponibilità elevata (che esegua almeno l'aggiornamento cumulativo 9) a VMM 2016.

Sono supportate le modalità di aggiornamento seguenti:

Nota

L'aggiornamento di SQL Server può essere eseguito in qualsiasi momento, indipendentemente dall'aggiornamento di VMM.

Modalità mista senza server VMM aggiuntivi

Non è necessario alcun server VMM aggiuntivo ma si possono verificare tempi di inattività superiori in determinati scenari. Un esempio è il caso in cui sono presenti due nodi VMM a disponibilità elevata e il nodo VMM attivo si blocca mentre si sta aggiornando il nodo passivo. In questo scenario il server VMM non ha un nodo di failover disponibile.

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Disinstallare VMM nel nodo passivo.
  3. Nel nodo VMM passivo aggiornare il sistema operativo di gestione a Windows Server 2016.
  4. Eseguire l'aggiornamento alla versione Windows 10 di ADK.
  5. Installare VMM 2016 nel nodo passivo usando la procedura seguente:
    • Nella pagina principale del programma di installazione fare clic su Installa.
    • In Selezionare le funzionalità da installare selezionare Server di gestione VMM e quindi fare clic su Avanti. La console VMM viene installata automaticamente.
    • Quando viene richiesto, confermare che si vuole aggiungere questo server come nodo alla distribuzione a disponibilità elevata.
    • Se viene richiesto, nella pagina Configurazione database selezionare l'opzione di aggiornamento del database.
    • Esaminare le informazioni di riepilogo e completare l'installazione.
  6. Eseguire il failover del nodo VMM attivo al server VMM appena aggiornato.
  7. Ripetere la procedura per gli altri nodi VMM.
  8. Aggiornare il livello funzionale del cluster usando Update-ClusterFunctionalLevel (comando).
  9. [Facoltativo] Installare le utilità della riga di comando SQL appropriate.

Modalità mista con server VMM aggiuntivi

Sono necessari server aggiuntivi. Tutti gli scenari, tuttavia, sono quasi totalmente esenti da tempi di inattività.

  1. Eseguire il backup e mantenere il database VMM.
  2. Aggiungere lo stesso numero di server aggiuntivi (con sistema operativo di gestione Windows Server 2016) uguale al numero di server presente nel cluster a disponibilità elevata.
  3. Installare la versione di ADK per Windows 10 nei server 2016 appena aggiunti.
  4. Installare VMM 2016 in uno dei server appena aggiunti usando i dettagli nel passaggio 5 in [Aggiornamento in modalità mista senza server VMM aggiuntivi](#mixed-mode- upgrade-with-no-additional-VMM-servers).
  5. Ripetere la procedura di installazione per tutti gli altri server appena aggiunti.
  6. Eseguire il failover del nodo VMM attivo a uno dei server appena aggiunti.
  7. Disinstallare VMM dai nodi 2012 R2 e rimuovere questi nodi dal cluster dopo il failover.
  8. Aggiornare il livello di funzionalità del cluster usando update-ClusterFunctionalLevelcommand.
  9. Facoltativamente, installare le utilità della riga di comando SQL appropriate.
  10. Dopo l'aggiornamento, aggiornare l'agente host manualmente.

Aggiornare il database di SQL Server VMM

L'aggiornamento del database di SQL Server VMM può essere necessario per diversi motivi:

  • Si sta eseguendo l'aggiornamento di VMM a System Center 2016 e la versione corrente del database di SQL Server non è supportata.
  • Si vuole aggiornare un server VMM autonomo trasformandolo in un server a disponibilità elevata ed SQL Server è installato localmente.
  • Si vuole spostare il database di SQL Server in un computer diverso.

Raccogliere le informazioni relative al database

Prima di eseguire l'aggiornamento, raccogliere le informazioni relative al database VMM:

  1. Registrare la connessione al database nella console > VMM Impostazioni>generale>connessione database.
  2. Registrare le informazioni sull'account neiservizistrumenti> di Server Manager>. Fare clic con il pulsante destro del mouse su System Center Virtual Machine Manager >Properties>Log On. Questo è l'account di dominio o locale assegnato come account di servizio al momento dell'installazione di VMM. È possibile verificare se è locale in Strumenti>Gestione computer>Utenti locali e gruppi>Utenti.
  3. Verificare se al momento dell'installazione di VMM è stata usata la gestione delle chiavi distribuite o se le chiavi di crittografia sono archiviate localmente nel server VMM.
  4. Se si esegue lo spostamento del database VMM, ma non l'aggiornamento di VMM, verificare quali aggiornamenti cumulativi sono stati applicati al server VMM.

Aggiornare un database autonomo

  1. Eseguire il backup del database VMM esistente e copiare tale backup in un computer che esegue una versione supportata di SQL Server.
  2. Usare gli strumenti di SQL Server per ripristinare il database.
    • Se si esegue l'aggiornamento di VMM, si specifica il nuovo percorso di SQL Server in Configurazione del database di configurazione > VMM.
    • Se si vuole aggiornare il database senza aggiornare VMM, è necessario disinstallare e reinstallare VMM. Quando si esegue la disinstallazione selezionare Mantieni database nella pagina Opzioni database. Quindi, eseguire di nuovo l'installazione con le stesse impostazioni usate nell'installazione originale. Nella configurazione del database si specificano i nuovi dettagli di SQL Server. Dopo la reinstallazione applicare gli aggiornamenti cumulativi e verificare che la distribuzione funzioni come previsto.

Aggiornare un database a disponibilità elevata

  1. Registrare la versione di origine del database esistente e la versione a cui si vuole eseguire l'aggiornamento.
  2. Creare un backup del database di SQL Server a disponibilità elevata a partire dal nodo attivo del cluster di SQL Server.
  3. Aggiornare i nodi passivi di SQL Server alla nuova versione. Dopo l'aggiornamento, se si vuole gestire SQL Server da questo nodo, installare SQL Server Management Studio (facoltativo).
  4. Eseguire il failover del ruolo SQL Server a disponibilità elevata dal nodo attualmente attivo al nodo aggiornato. Dopo il failover, è possibile usare SQL Server Management Studio per convalidare la versione del database in esecuzione.
  5. Ripetere l'aggiornamento per gli altri nodi del cluster SQL a disponibilità elevata. Come ulteriore convalida, è possibile eseguire il failover dei ruoli del database di SQL Server per verificare che tutto funzioni nel modo previsto.

Eseguire la migrazione di un cluster di SQL Server come parte dell'aggiornamento di VMM

  1. Creare un backup del database VMM a disponibilità elevata dal nodo attivo del cluster SQL esistente.
  2. Prendere nota del nome del ruolo di VMM da usare durante la reinstallazione del ruolo del server VMM. Disinstallare il server VMM dai nodi del cluster VMM esistenti con l'opzione che consente di mantenere il database. Quando si disinstalla il server VMM dall'ultimo nodo, potrebbe essere visualizzato un messaggio relativo all'esito negativo della registrazione del nome SPN. Si tratta di un problema noto senza impatto a livello funzionale.
  3. Ripristinare il database di backup in un altro cluster SQL che esegue una versione supportata di SQL Server. Aggiungere l'account utente usato per l'esecuzione del servizio VMM come utente del nuovo database con appartenenza al ruolo db_owner.
  4. Durante l'aggiornamento del server VMM durante la migrazione di un cluster SQL, assegnare i parametri corrispondenti al nuovo cluster SQL.

Aggiornare gli agenti VMM

Dopo l'aggiornamento sarà necessario aggiornare gli agenti VMM nei server di libreria VMM e negli host Hyper-V.

  1. Fare clic suServer>di infrastruttura>tutti gli host.
  2. Nel riquadro Host fare clic con il pulsante destro del mouse sull'intestazione di una colonna e quindi scegliere Stato versione agente.
  3. Selezionare l'host con l'agente VMM che si vuole aggiornare. Nella scheda Host, nel gruppo Host fare clic su Aggiorna. Se è necessario effettuare l'aggiornamento dell'agente VMM di un host, nella colonna Stato host viene visualizzato il messaggio Richiesta attenzione e nella colonna Stato versione agente il messaggio Aggiornamento disponibile.
  4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'host di cui si vuole aggiornare l'agente VMM e quindi fare clic su Aggiorna agente. Inserire le credenziali necessarie in Aggiorna agente e quindi fare clic su OK.
  5. Nella colonna Stato versione agente viene visualizzato il messaggio Aggiornamento in corso. Dopo che l'agente VMM è stato aggiornato correttamente nell'host, nella colonna Stato versione agente verrà visualizzato il valore Aggiornatoe nella colonna Versione agente verrà visualizzata la versione aggiornata dell'agente. Dopo aver aggiornato nuovamente l'host, nella colonna Stato host corrispondente verrà visualizzato OK.
  6. È possibile aggiornare l'agente VMM su un server di libreria VMM in modo simile. Per visualizzare un elenco di server di libreria VMM, fare clic suServer>di libreria serverdi infrastruttura>.

Riassociare i server host e di libreria

Può essere necessario riassociare gli host macchina virtuale e i server di libreria VMM al server di gestione VMM dopo l'aggiornamento.

  1. Fare clic suServer>di infrastruttura>tutti gli host.
  2. Nel riquadro Host assicurarsi che sia visualizzata la colonna Stato agente. Se non si fa clic con il pulsante destro del mouse su un'intestazione di > colonna Stato agente.
  3. Selezionare l'host da riassociare al server di gestione VMM.
  4. Nel gruppo host fare clic su Aggiorna. Se un host deve essere riassociato, la colonna Stato host visualizzerà un valore Di attenzione necessario e la colonna Stato agente visualizzerà un valore di Accesso negato. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'host da riassociare, quindi fare clic su Riassocia. In Riassocia agente fornire le credenziali e quindi fare clic su OK. Nella colonna Stato agente viene visualizzato il valore Riassociazione in corso. Dopo che l'host è stato riassociato correttamente, nella colonna Stato agente verrà visualizzato il valore Risposta in corso. Dopo aver aggiornato nuovamente l'host, nella colonna Stato host corrispondente verrà visualizzato OK. Dopo che l'host è stato riassociato, probabilmente sarà necessario aggiornare l'agente VMM sull'host.

Ridistribuire Azure Site Recovery

Se la funzionalità Azure Site Recovery era integrata nella distribuzione di VMM 2012 R2, è necessario ridistribuirla con VMM 2016, per la replica in Azure o la replica in un sito secondario.

Leggere questo post di blog per i dettagli del supporto host Hyper-V per l'esecuzione di VMM 2016.

Connettersi a Operations Manager

Dopo l'aggiornamento, ristabilire la connessione tra VMM e Operations Manager. Si noti che non deve essere installato alcun Management Pack in VMM 2016 RTM. È necessario installare l'aggiornamento cumulativo 1 o versione successiva. Se sono stati installati Management Pack nella versione RTM, disinstallarli prima di installare l'aggiornamento cumulativo 1.

Configurare i gruppi di disponibilità AlwaysOn

Se è stato eseguito l'aggiornamento di un database configurato con i gruppi di disponibilità Always On, è necessario completare alcune operazioni per assicurare che il database aggiornato sia configurato correttamente con tali gruppi.

  1. Aggiungere il database VMM al gruppo di disponibilità. Per eseguire questa operazione, è possibile usare lo strumento Microsoft SQL Server Management Studio.
  2. Creare un nuovo account di accesso nel computer del nodo secondario del cluster che esegue SQL Server. Configurare il nome di accesso in modo che sia identico al nome dell'account del servizio di VMM. Includere il mapping utente al database VMM e configurare le credenziali del proprietario del database.
  3. Avviare un failover al computer del nodo secondario che esegue SQL Server e verificare che sia possibile riavviare il servizio VMM (scvmmservice).
  4. Ripetere gli ultimi due passaggi per ogni nodo secondario del cluster che esegue SQL Server.
  5. Se si sta usando un programma di installazione VMM a disponibilità elevata, continuare a installare gli altri nodi VMM a disponibilità elevata.

Aggiornare i modelli di macchina virtuale

Tutti i modelli di macchina virtuale aggiornati devono specificare correttamente il disco rigido virtuale che contiene il sistema operativo.

  1. Fare clic suModelli di macchina virtuale modelli>di libreria>.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modello >Proprietà>configurazione hardware e controllare le impostazioni del disco.

Rinnovare i certificati per i server PXE

Se si usa un server PXE nell'infrastruttura di VMM, è necessario rimuoverlo e quindi aggiungerlo di nuovo all'infrastruttura. In questo modo viene rinnovato il certificato del server PXE e si evitano errori del certificato.

Aggiornare i pacchetti driver

I pacchetti driver aggiunti precedentemente alla libreria VMM devono essere rimossi e aggiunti di nuovo per poter essere individuati correttamente.

Se si intende assegnare driver personalizzati, i file dei driver devono essere presenti nella libreria. È possibile aggiungere un tag ai driver nella libreria, in modo che sia possibile filtrarli in un secondo momento per tag. Dopo aver aggiunto i file, quando si configura un profilo computer fisico, è possibile specificare i file dei driver. VMM installa i driver specificati durante l'installazione del sistema operativo in un computer fisico.

Nel profilo computer fisico è possibile scegliere di filtrare i driver per tag o in base agli ID PnP (Plug and Play) corrispondenti presenti nel computer fisico. Se si sceglie di filtrare i driver per tag, VMM determina i driver da applicare usando la corrispondenza tra i tag assegnati ai driver nella libreria e i tag assegnati nel profilo. Se si sceglie di filtrare i driver con corrispondenza agli ID PnP, è necessario assegnare tag personalizzati.

  1. Individuare il pacchetto driver da aggiungere alla libreria.
  2. Nella condivisione di libreria, che si trova nel server di libreria associato al gruppo in cui si vogliono distribuire i computer fisici, creare una cartella per archiviare i driver e quindi copiare il pacchetto driver nella cartella.
  3. È consigliabile creare una cartella separata per ogni pacchetto driver e di non inserire risorse diverse nelle cartelle di driver. Se si includono altre risorse di libreria quali immagini ISO, file con estensione vhd o file di script con estensione inf nella stessa cartella, il server di libreria di VMM non riuscirà a trovare tali risorse. Quando si elimina un pacchetto driver con estensione inf dalla libreria, VMM elimina l'intera cartella in cui risiede il file con estensione inf.
  4. Nella console VMM aprire l'area di lavoro Libreria. > Neiserver libreria espandere il server di libreria in cui si trova la condivisione, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla condivisione e quindi scegliere Aggiorna. Dopo l'aggiornamento della libreria verrà visualizzata la cartella creata per archiviare i driver.
  5. Se necessario, assegnare i tag. In Libreria espandere la cartella creata per archiviare i driver nella procedura precedente e quindi fare clic sulla cartella che contiene il pacchetto driver.
  6. In Oggetti libreria fisica fare clic con il pulsante destro del mouse sul file di driver con estensione INF e quindi scegliere Proprietà.
  7. Neitag personalizzatiNome> file driver immettere tag personalizzati separati da un punto e virgola oppure fare clic su Seleziona per assegnare tag disponibili o per creare e assegnare nuovi tag. Se si fa clic su Seleziona e quindi si fa clic su Nuovo tag, è possibile modificare il nome del tag dopo aver fatto clic su OK. Se, ad esempio, è stato aggiunto un file di driver della scheda di rete, è possibile creare un tag denominato ModelloServer ModelloSchedaRete, dove ModelloServer è il modello del server e ModelloSchedaRete è il modello della scheda di rete.

Spostare la libreria VMM

  • Se è stato aggiornato un server di gestione VMM a disponibilità elevata, si consiglia di spostare la libreria VMM in un file server a disponibilità elevata.
  • Dopo la creazione di una nuova libreria VMM, sarà necessario trasferire le risorse dalla libreria VMM precedente alla nuova libreria.
  • Per mantenere i campi personalizzati e le proprietà delle macchine virtuali salvate nella libreria VMM precedente, distribuire le macchine virtuali salvate su un host e quindi salvare le macchine virtuali nella nuova libreria VMM.
  • Si noti che non è possibile spostare il sistema operativo e i profili hardware. È necessario ricreare questi profili.

Passaggi successivi

Leggere le informazioni sulla distribuzione dei più recenti aggiornamenti cumulativi.