chkdsk

Controlla il file system e i metadati del file system di un volume per gli errori logici e fisici. Se utilizzata senza parametri, chkdsk Visualizza solo lo stato del volume e corregge gli errori. Se usato con i parametri /f, /r, /x o /b , corregge gli errori nel volume.

Importante

Appartenenza al gruppo locale amministratori o gruppo equivalente, è il requisito minimo necessario per eseguire chkdsk. Per aprire una finestra del prompt dei comandi come amministratore, fare clic con il pulsante destro del mouse sul prompt dei comandi nel menu Start e quindi scegliere Esegui come amministratore.

Importante

Interrompere chkdsk non è consigliata. Tuttavia, l'annullamento o interruzione chkdsk non lasciare il volume più danneggiato che si trovava prima chkdsk è stata eseguita. L'esecuzione di nuovo di chkdsk controlla e deve ripristinare eventuali danneggiamenti rimanenti nel volume.

Nota

Chkdsk può essere usato solo per i dischi locali. Il comando non può essere usato con una lettera di unità locale reindirizzata sulla rete.

Sintassi

chkdsk [<volume>[[<path>]<filename>]] [/f] [/v] [/r] [/x] [/i] [/c] [/l[:<size>]] [/b]

Parametri

Parametro Descrizione
<volume> Specifica la lettera di unità (seguita da due punti), un punto di montaggio o un nome del volume.
[ [<path>]<filename> Usare solo con la tabella di allocazione dei file (FAT) e FAT32. Specifica il percorso e nome di un file o un set di file che si desidera chkdsk per controllare la frammentazione. È possibile usare i caratteri jolly e* ? per specificare più file.
/f Consente di correggere gli errori sul disco. Il disco deve essere bloccato. Se chkdsk il blocco viene visualizzata l'unità, un messaggio che chiede se si desidera controllare l'unità successiva ora è possibile riavviare il computer.
/v Visualizza il nome di ogni file in ogni directory come il controllo del disco.
/r Individua i settori danneggiati e recupera le informazioni leggibili. Il disco deve essere bloccato. /r include la funzionalità di /f, con l'analisi aggiuntiva degli errori del disco fisico.
/x Forza il volume da smontare in primo luogo, se necessario. Vengono invalidati tutti gli handle aperti per l'unità. /x include anche la funzionalità di /f.
/i Utilizzare solo con NTFS. Esegue una verifica meno approfondita delle voci di indice, che riduce la quantità di tempo necessaria per eseguire chkdsk.
/C Utilizzare solo con NTFS. Non verifica cicli all'interno della struttura di cartelle, che riduce la quantità di tempo necessaria per eseguire chkdsk.
/l[:<size>] Utilizzare solo con NTFS. Modifica la dimensione del file di registro per la dimensione digitata. Se si omette il parametro dimensioni, /l visualizza le dimensioni correnti.
/b Utilizzare solo con NTFS. Cancella l'elenco di cluster non valido nel volume e analizza tutti i cluster allocati e gratuiti per gli errori. /b include la funzionalità di /r. Usare questo parametro dopo la creazione dell'immagine di un volume in una nuova unità disco rigido.
/Scansione Utilizzare solo con NTFS. Esegue un'analisi online sul volume.
/forceofflinefix Usare solo con NTFS (deve essere usato con /scan). Ignorare tutte le riparazioni online; tutti i difetti rilevati vengono accodati per la riparazione offline (ad esempio, chkdsk /spotfix).
/Perf Usare solo con NTFS (deve essere usato con /scan). Usa più risorse di sistema per completare un'analisi il più velocemente possibile. Questo può avere un impatto negativo sulle prestazioni su altre attività in esecuzione nel sistema.
/spotfix Utilizzare solo con NTFS. Esegue la correzione del punto sul volume.
/sdcleanup Utilizzare solo con NTFS. I dati del descrittore di sicurezza non autorizzati di Garbage Collection (implica /f).
/offlinescanandfix Esegue un'analisi offline e correzione nel volume.
/freeorphanedchains Usare solo fat/FAT32/exFAT. Libera tutte le catene di cluster orfane anziché recuperare il contenuto.
/markclean Usare solo fat/FAT32/exFAT. Contrassegna il volume pulito se non è stato rilevato alcun danneggiamento, anche se /f non è stato specificato.
/? Visualizza la guida al prompt dei comandi.

Commenti

  • L'opzione /i o /c riduce il tempo necessario per eseguire chkdsk ignorando determinati controlli del volume.

  • Se si desidera che chkdsk correggere gli errori del disco, non è possibile avere file aperti nell'unità. Se sono aperti i file, viene visualizzato il messaggio di errore seguente:

    Chkdsk cannot run because the volume is in use by another process. Would you like to schedule this volume to be checked the next time the system restarts? (Y/N)
    
  • Se si sceglie di controllare l'unità al successivo riavvio del computer, chkdsk Controlla l'unità e corregge automaticamente gli errori quando si riavvia il computer. Se la partizione dell'unità è una partizione di avvio, chkdsk Riavvia automaticamente il computer dopo aver controllato l'unità.

  • È anche possibile usare il chkntfs /c comando per pianificare il volume da controllare alla successiva riavvio del computer. Usare il comando per impostare il fsutil dirty set bit sporco del volume (che indica il danneggiamento), in modo che Windows esegua chkdsk quando il computer viene riavviato.

  • Si consiglia di utilizzare chkdsk occasionalmente nel file system FAT e NTFS per controllare gli errori del disco. CHKDSK esamina lo spazio su disco e spazio su disco e fornisce un report di stato specifico di ogni file di sistema. Il report di stato Mostra errori trovati nel file system. Se si esegue chkdsk senza il parametro /f in una partizione attiva, potrebbe segnalare errori spuri perché non può bloccare l'unità.

  • Chkdsk corregge gli errori del disco logico solo se si specifica il parametro /f . CHKDSK deve essere in grado di bloccare l'unità per correggere gli errori.

    Poiché riparazioni nel file system FAT in genere la tabella di allocazione file del disco e talvolta causare una perdita di dati, chkdsk potrebbe essere visualizzato un messaggio di conferma simile al seguente:

    10 lost allocation units found in 3 chains.
    Convert lost chains to files?
    
    • Se si preme Y, Windows Salva ogni concatenamento perso nella directory radice in un file con un nome nel formato di File<nnnn>. chk. Quando chkdsk al termine, è possibile controllare questi file per vedere se contengono dati necessari.

    • Se si preme N, Windows consente di correggere il disco, ma non salva il contenuto delle unità di allocazione perse.

  • Se non si usa il parametro /f , chkdsk visualizza un messaggio che il file deve essere risolto, ma non corregge alcun errore.

  • Se si usa chkdsk /f* su un disco molto grande o su un disco con un numero molto elevato di file (ad esempio milioni di file), chkdsk /f potrebbe richiedere molto tempo per completare.

  • Usare il parametro /r per trovare errori del disco fisico nel file system e tentare di recuperare i dati da qualsiasi settore del disco interessato.

  • Se si specifica il parametro /f , chkdsk visualizza un messaggio di errore se nel disco sono presenti file aperti. Se non si specifica il parametro /f e i file aperti esistono, chkdsk potrebbe segnalare la perdita di unità di allocazione sul disco. Questo problema può verificarsi se aprire i file non sono ancora stati registrati nella tabella di allocazione file. Se chkdsk riporta la perdita di un numero elevato di unità di allocazione, si consiglia di riparare il disco.

  • Poiché il volume di origine Copie shadow per cartelle condivise non può essere bloccato durante l'abilitazione delle copie shadow per le cartelle condivise , l'esecuzione di chkdsk sul volume di origine potrebbe segnalare errori falsi o causare la chiusura imprevista di chkdsk . È tuttavia possibile controllare la presenza di errori nelle copie shadow eseguendo chkdsk in modalità di sola lettura (senza parametri) per controllare il volume di archiviazione Copie shadow per cartelle condivise.

  • Il chkdsk comando con parametri diversi, è disponibile dalla Console di ripristino.

  • Nei server che vengono riavviati raramente, è possibile usare chkntfs o i fsutil dirty query comandi per determinare se il bit dirty del volume è già impostato prima di eseguire chkdsk.

Codici di uscita di conoscenza

La tabella seguente elenca i codici di uscita che chkdsk segnala al termine.

Codice di uscita Descrizione
0 Non sono stati rilevati errori.
1 Gli errori rilevati e corretti.
2 È stata eseguita la pulizia del disco (ad esempio, Garbage Collection) o non è stata eseguita la pulizia perché /f non è stato specificato.
3 Impossibile controllare il disco, non è stato possibile correggere errori o non sono stati corretti errori perché /f non è stato specificato.

Esempi

Per controllare il disco nell'unità D e correggere gli errori di Windows, digitare:

chkdsk d: /f

Se si verificano errori, chkdsk sospende e vengono visualizzati dei messaggi. CHKDSK Termina visualizzando un report che elenca lo stato del disco. Non è possibile aprire qualsiasi file nell'unità specificata fino a chkdsk Termina.

Per controllare tutti i file in un disco FAT nella directory corrente per i blocchi non contigui, digitare:

chkdsk *.*

CHKDSK Visualizza un rapporto di stato e quindi vengono elencati i file che soddisfano le specifiche dei file blocchi non contigui.

Visualizzazione dei log di chkdsk

Esistono due metodi che possono essere usati per recuperare i file di log chkdsk in Windows. Visualizzare i metodi descritti di seguito:

Per visualizzare i log con Visualizzatore eventi, passare a quanto segue:

  1. Avviare >Pannello di controllo>Strumenti> amministrativi Visualizzatore eventi.

    In alternativa, premere i tasti Win + R per visualizzare la finestra di dialogo di esecuzione, digitare eventvwr.msc e selezionare OK.

  2. Espandere Log> di Windows fare clic con il pulsante destro del mouse su Applicazione> selezionare Filtra log corrente.

  3. Nella finestra Filtra log corrente passare al menu a discesa Origini eventi , selezionare Chkdsk e Wininit.

  4. Fare clic su OK per completare il filtro per queste due origini.

Riferimenti aggiuntivi