Puntamento con la testa e attesa

Quando le mani sono occupate con gli attrezzi e le parti, i movimenti possono risultare difficili o addirittura impossibili. I comandi vocali, come i movimenti, possono non essere affidabili in determinati contesti, ad esempio in ambienti particolarmente rumorosi. Inoltre, l'uso della voce per controllare i computer, nonostante conosca una rapida diffusione, non è ancora una pratica comune ovunque. Il modello di input puntamento con la testa e attesa offre un meccanismo già familiare e di facilissima gestione per lavorare in HoloLens con la testa sollevata e senza avere bisogno di usare le mani. Questo modello di input è anche affidabile al 100%, indipendentemente dall'interferenza di possibili rumori o da eventuali obblighi di restare in silenzio nell'ambiente operativo.

Scenari

Lo sguardo della testa e la permanenza sono grandi negli scenari in cui le mani di una persona sono occupato con altre attività. La funzionalità è utile anche quando la voce non è affidabile o disponibile al 100% a causa di vincoli ambientali o sociali. Un buon esempio di questo tipo di situazioni è dato da una persona che indossa un dispositivo HoloLens per la sovrimpressione di informazioni di riferimento mentre ripara il motore di un'automobile. Le sue mani sono occupate con gli attrezzi o devono sostenere il corpo mentre la persona si protende sul vano motore. L'autofficina è rumorosa a causa dei colpi e del ronzio costanti degli attrezzi da lavoro, quindi l'uso dei comandi vocali risulterebbe particolarmente difficoltoso. Lo sguardo capo e la permanenza consentono alla persona di usare il HoloLens di spostarsi in modo sicuro nel materiale di riferimento senza interrompere il flusso di lavoro.

Supporto di dispositivi

Modello di input HoloLens (prima generazione) HoloLens 2 Visori VR immersive
Puntamento con la testa e attesa ✔️ Consigliato ✔️ Consigliato ✔️ Consigliato

Principi di progettazione

Evitare di usare lo "sguardo fisso come un'arma"

Il puntamento con la testa e l'attesa richiedono un feedback visivo intuitivo, ma una mole eccessiva di feedback può produrre ansia. Il feedback deve aiutare un utente a sapere cosa si sta indirizzando, ma non selezionarlo automaticamente rispetto alla finalità. Quando si legge testo, icone e etichette, è necessario fornire agli utenti il tempo necessario per assorbire le informazioni prima di selezionare.

Cercare di ottenere una velocità ottimale

Le interazioni di attesa possono avere timer diversi in base all'impatto sulla navigazione: le funzioni usate con maggiore frequenza in genere traggono vantaggio da tempi di riempimento più ridotti, mentre le funzioni più consequenziali possono trarre vantaggio da tempi di riempimento più lunghi. Quando viene usato un effetto di riempimento per mostrare questi timer, le curve di animazione del colore di riempimento possono indurre positivamente la sensazione che i tempi di riempimento siano più rapidi. Considera questi aspetti per consentire all'utente di prendere le sue decisioni scegliendo override della velocità di riempimento alta/media/bassa.

Evitare l'effetto yo-yo

L'effetto yo-yo è un modello di movimento testa scomodo che si verifica quando il posizionamento del contenuto e i controlli head-gaze/dwell forzano le persone a guardare e giù ripetutamente. Ad esempio, un elenco di spostamento con lo sguardo head e il pulsante di attesa nella parte inferiore provoca un ciclo di - guardare verso il basso, guardare verso l'alto i risultati, guardare verso il basso, guardare verso il basso e così via. Il modello risultante è scomodo, quindi è consigliabile inserire i controlli di spostamento in una posizione centralizzata che richiede meno indietro e indietro. Il posizionamento dei pulsanti di attesa in base ai loro effetti diventa importante per il comfort. s


Linee guida e procedure consigliate per l'esperienza utente

Dimensioni delle destinazioni

Per essere facilmente accessibili, gli obiettivi di punta e di attesa devono essere abbastanza grandi per guardare comodamente, e tenere la testa stabile sulla destinazione per il tempo prescritto. Ti consigliamo una dimensione minima di 2 gradi per ottenere l'esperienza più confortevole.

Feedback visivo

Quando usi un riempimento radiale per rappresentare il timer di attesa, inizia dalla parte centrale del pulsante. Una risposta uniforme genera meno confusione di tante indicazioni diverse sui vari pulsanti.

  • Questa regola può essere interrotta anche se per le interazioni direzionali (ad esempio, spostamento su/basso/sinistra/destra e così via). Ad esempio, Microsoft Dynamics 365 Guides fa un'eccezione per AVANTI/INDIETRO, trattandosi di riempimenti sinistra-destra.
  • È consigliabile invertire il riempimento radiale dall'esterno, per scenari come disattivare un pulsante. La sensazione opposta di premere un pulsante è un effetto visivo piacevole da mantenere.

Rivelazione progressiva

Con la rilevazione progressiva vengono mostrati solo i dettagli rilevanti in ciascuna fase di un'interazione. Per l'attesa, ciò significa che la destinazione di attesa viene visualizzata sull'evidenziazione (ad esempio, in un controllo elenco).

Destinazioni di dimensioni eccessive

L'area di attesa può essere più grande dell'icona inattiva per agevolare l'uso, come nel caso del pulsante Indietro in Microsoft Dynamics 365 Guides.

Evitare lo sfarfallio con un feedback ritardato

Aggiungi un breve ritardo prima di avviare il feedback visivo per evitare lo sfarfallio quando qualcuno passa su una destinazione di attesa.

  • Per i pulsanti interagiti con frequenza, mantenere il ritardo breve in modo che l'applicazione sia reattiva.
  • Per i pulsanti che interagiscono raramente con, un ritardo più lungo può essere appropriato per evitare la sensazione di sensazione di interfaccia contemporaneamente.


Modelli per l'interfaccia utente

Pulsanti usati frequentemente

I pulsanti a frequenza elevata sono pulsanti usati comunemente in un'applicazione. Un buon esempio è rappresentato dai pulsanti Avanti e Indietro in Microsoft Dynamics 365 Guides.

Indicazioni

  • I pulsanti ad alta frequenza devono essere grandi, più facili da colpire con sguardo verso la testa
  • Rimanere vicino all'altezza dell'occhio per evitare lo sforzo ergonomico.

    Immagine: pulsante successivo Dynamics 365 Guides Microsoft

Microsoft Dynamics 365 Guides next button



Pulsanti usati raramente

I pulsanti a bassa frequenza sono pulsanti che non interagiscono con come regolarmente in tutta l'applicazione. Un buon esempio è rappresentato da un pulsante che consente di accedere al menu delle impostazioni o di cancellare tutto il lavoro svolto.

  • Prova a posizionare questi pulsanti in modo che non intralcino i percorsi di puntamento con la testa di uso frequente per evitare che vengano attivati accidentalmente.


Conferme

Quando un'azione ha un impatto significativo, ad esempio carica denaro, eliminazione di lavoro o avvio di un processo lungo, è utile confermare che una persona intendeva selezionare un pulsante.

Indicazioni

  • Mostra l'evidenziazione della selezione sul pulsante principale.
  • Rivela la destinazione dell'attesa contemporaneamente all'evidenziazione della selezione.
  • Per il pulsante secondario, rivela la destinazione dell'attesa al momento del puntamento con la testa.

    Immagine: finestra di dialogo di conferma di Microsoft Dynamics 365 Guides

Microsoft Dynamics 365 Guides Confirmation Dialog



Interruttori

Per funzionare correttamente, gli interruttori necessitano di una logica più sottile. Quando una persona si sofferma su un pulsante di attivazione e la attiva, è necessario uscire dal pulsante e quindi tornare al riavvio della logica di attesa. È importante che i pulsanti attivabili abbiano uno stato attivo o inattivo.



Visualizzazioni elenco

Le visualizzazioni elenco presentano una particolare sfida per l'input di sguardo diretto e di attesa. Le persone possono analizzare il contenuto senza sentirsi come che devono puntare intorno alle destinazioni di attesa.

Indicazioni

  • Avere l'intero punto di evidenziazione della riga quando si guarda la testa, ma non inizia a vivere a meno che lo sguardo della testa non sia sulla destinazione di attesa specifica.
  • Mostra solo la destinazione di attesa quando la riga è evidenziata per ridurre il rumore visivo.
  • Essere chiari e coerenti con la posizione delle destinazioni di attesa.
  • Non mostrare tutte le destinazioni di attesa contemporaneamente per evitare l'interfaccia utente ripetitiva.
  • Riutilizzare lo stesso modello il più spesso possibile per stabilire la familiarità dell'esperienza utente.

    Immagine: Elenco di Dynamics 365 Guides Microsoft

Microsoft Dynamics 365 Guides list



Vedi anche