Installare Linux in Windows con WSL

Questa guida illustra come installare una distribuzione Linux (ad esempio Ubuntu, OpenSUSE, Kali, Debian, Arch Linux e altro ancora) usando il sottosistema Windows per Linux. WSL consente di usare strumenti Linux, ad esempio Bash o Grep, completamente integrati con strumenti di Windows, come PowerShell o Visual Studio Code, senza la necessità di eseguire il doppio avvio.

Prerequisiti

È necessario eseguire Windows 10 versione 2004 e successive (Build 19041 e versioni successive) o Windows 11.

Nota

Per controllare la versione di Windows e il numero di build, selezionare Tasto logo Windows + R, digitare winver, selezionare OK. È possibile eseguire l'aggiornamento alla versione più recente di Windows selezionando StartSettings (Impostazioni> di avvio>Windows Update>Check for updates (Controlla aggiornamenti).

Se si esegue una build precedente o si preferisce non usare il comando di installazione e si vogliono istruzioni dettagliate, vedere Passaggi di installazione manuale di WSL per le versioni precedenti.

Installare il comando WSL

È ora possibile installare tutti gli elementi necessari per eseguire sottosistema Windows per Linux (WSL) immettendo questo comando in un amministratore di PowerShell o nel prompt dei comandi di Windows e quindi riavviando il computer.

wsl --install

Questo comando abiliterà le funzionalità necessarie per eseguire WSL e installare la distribuzione Ubuntu di Linux. Questa distribuzione predefinita può essere modificata.

La prima volta che si avvia una distribuzione Linux appena installata, verrà aperta una finestra della console e verrà chiesto di attendere che i file vengano decompressi e archiviati nel computer. Tutti gli avvii successivi dovrebbero richiedere meno di un secondo.

Nota

Il comando precedente funziona solo se WSL non è installato, se si esegue wsl --install e viene visualizzato il testo della Guida di WSL, provare a eseguire wsl --list --online per visualizzare un elenco delle distribuzioni disponibili ed eseguire wsl --install -d <DistroName> per installare una distribuzione. Per disinstallare WSL, vedere Disinstallare la versione legacy di WSL o annullare la registrazione o disinstallare una distribuzione Linux.

Modificare la distribuzione linux predefinita installata

Per impostazione predefinita, la distribuzione di Linux installata sarà Ubuntu. Questa operazione può essere modificata usando il -d flag .

  • Per modificare la distribuzione installata, immettere: wsl --install -d <Distribution Name>. Sostituire <Distribution Name> con il nome della distribuzione che si vuole installare.
  • Per visualizzare un elenco delle distribuzioni Linux disponibili per il download tramite l'archivio online, immettere: wsl --list --online o wsl -l -o.
  • Per installare distribuzioni Linux aggiuntive dopo l'installazione iniziale, è anche possibile usare il comando : wsl --install -d <Distribution Name>.

Suggerimento

Se si vogliono installare distribuzioni aggiuntive dall'interno di una riga di comando linux/Bash (anziché da PowerShell o dal prompt dei comandi), è necessario usare .exe nel comando: wsl.exe --install -d <Distribution Name> o per elencare le distribuzioni disponibili: wsl.exe -l -o.

Se si verifica un problema durante il processo di installazione, vedere la sezione relativa all'installazione della guida alla risoluzione dei problemi.

Per installare una distribuzione Linux non elencata come disponibile, è possibile importare qualsiasi distribuzione Linux usando un file TAR. In alcuni casi, come con Arch Linux, è possibile installare usando un .appx file. È anche possibile creare una distribuzione Linux personalizzata da usare con WSL.

Configurare le informazioni utente di Linux

Dopo aver installato WSL, sarà necessario creare un account utente e una password per la distribuzione Linux appena installata. Per altre informazioni, vedere le procedure consigliate per la configurazione di un ambiente di sviluppo WSL .

Configurare e procedure consigliate

È consigliabile seguire le procedure consigliate per la configurazione di un ambiente di sviluppo WSL per una procedura dettagliata su come configurare un nome utente e una password per le distribuzioni Linux installate, usando i comandi WSL di base, l'installazione e la personalizzazione di Terminale Windows, la configurazione per il controllo della versione Git, la modifica e il debug del codice usando il server remoto di VS Code, procedure consigliate per l'archiviazione file, la configurazione di un database, il montaggio di un'unità esterna, la configurazione dell'accelerazione GPU e altro ancora.

Controllare la versione di WSL in esecuzione

È possibile elencare le distribuzioni di Linux installate e controllare la versione di WSL su ogni opzione immettendo il comando: wsl -l -v in PowerShell o nel prompt dei comandi di Windows.

Per impostare la versione predefinita su WSL 1 o WSL 2 quando viene installata una nuova distribuzione Linux, usare il comando : wsl --set-default-version <Version#>, sostituendo <Version#> con 1 o 2.

Per impostare la distribuzione Linux predefinita usata con il wsl comando , immettere: wsl -s <DistributionName> o wsl --setdefault <DistributionName>, sostituendo <DistributionName> con il nome della distribuzione Linux che si vuole usare. Ad esempio, da PowerShell/CMD immettere: wsl -s Debian per impostare la distribuzione predefinita su Debian. A questo momento l'esecuzione wsl npm init da PowerShell eseguirà il npm init comando in Debian.

Per eseguire una distribuzione wsl specifica all'interno di PowerShell o del prompt dei comandi di Windows senza modificare la distribuzione predefinita, usare il comando : wsl -d <DistributionName>, sostituendo <DistributionName> con il nome della distribuzione che si vuole usare.

Per altre informazioni, vedere la guida ai comandi di base per WSL.

Aggiornare la versione da WSL 1 a WSL 2

Le nuove installazioni di Linux, installate con il wsl --install comando , verranno impostate su WSL 2 per impostazione predefinita.

Il wsl --set-version comando può essere usato per eseguire il downgrade da WSL 2 a WSL 1 o per aggiornare le distribuzioni Linux installate in precedenza da WSL 1 a WSL 2.

Per verificare se la distribuzione di Linux è impostata su WSL 1 o WSL 2, usare il comando : wsl -l -v.

Per modificare le versioni, usare il comando : wsl --set-version <distro name> 2 sostituendo <distro name> con il nome della distribuzione Linux che si vuole aggiornare. Ad esempio, wsl --set-version Ubuntu-20.04 2 imposterà la distribuzione di Ubuntu 20.04 per l'uso di WSL 2.

Se WSL è stato installato manualmente prima che il wsl --install comando sia disponibile, potrebbe essere necessario abilitare anche il componente facoltativo della macchina virtuale usato da WSL 2 e installare il pacchetto kernel , se non è già stato fatto.

Per altre informazioni, vedere le informazioni di riferimento sui comandi per WSL per un elenco di comandi WSL, Confronto tra WSL 1 e WSL 2 per indicazioni su quali usare per lo scenario di lavoro o procedure consigliate per la configurazione di un ambiente di sviluppo WSL per indicazioni generali sulla configurazione di un flusso di lavoro di sviluppo ottimale con WSL.

Modi per eseguire più distribuzioni Linux con WSL

WSL supporta l'esecuzione di tutte le distribuzioni Linux diverse da installare. Ciò può includere la scelta delle distribuzioni da Microsoft Store, l'importazione di una distribuzione personalizzata o la creazione di una distribuzione personalizzata.

Esistono diversi modi per eseguire le distribuzioni Linux dopo l'installazione:

  1. Installare Terminale Windows(scelta consigliata) Usando Terminale Windows supporta tutte le righe di comando che si desidera installare e consente di aprirle in più schede o riquadri di finestra e passare rapidamente da più distribuzioni Linux a altre righe di comando (PowerShell, prompt dei comandi, PowerShell, interfaccia della riga di comando di Azure e così via). È possibile personalizzare completamente il terminale con combinazioni di colori univoche, stili di carattere, dimensioni, immagini di sfondo e scelte rapide da tastiera personalizzate. Altre informazioni.
  2. È possibile aprire direttamente la distribuzione di Linux visitando il menu Start di Windows e digitando il nome delle distribuzioni installate. Ad esempio: "Ubuntu". Verrà aperto Ubuntu nella finestra della console.
  3. Dal prompt dei comandi di Windows o Da PowerShell è possibile immettere il nome della distribuzione installata. ad esempio ubuntu
  4. Dal prompt dei comandi di Windows o Da PowerShell è possibile aprire la distribuzione linux predefinita all'interno della riga di comando corrente immettendo: wsl.exe.
  5. Dal prompt dei comandi di Windows o PowerShell è possibile usare la distribuzione Linux predefinita all'interno della riga di comando corrente, senza immetterne una nuova, immettendo:wsl [command]. Sostituzione [command] con un comando WSL, ad esempio: wsl -l -v per elencare le distribuzioni installate o wsl pwd per vedere dove è montato il percorso della directory corrente in wsl. Da PowerShell, il comando get-date fornirà la data del file system Windows e wsl date fornirà la data dal file system Linux.

Il metodo selezionato deve dipendere da ciò che si sta facendo. Se è stata aperta una riga di comando WSL all'interno di un prompt di Windows o di una finestra di PowerShell e si vuole uscire, immettere il comando : exit.

Vuoi provare le funzionalità di anteprima di WSL più recenti?

Prova le funzionalità o gli aggiornamenti più recenti di WSL aggiungendoti al programma Windows Insiders. Dopo aver aggiunto Windows Insider, puoi scegliere il canale da cui vuoi ricevere le build di anteprima dal menu delle impostazioni di Windows per ricevere automaticamente tutti gli aggiornamenti WSL o le funzionalità di anteprima associate a tale compilazione. È possibile scegliere tra:

  • Canale di sviluppo: aggiornamenti più recenti, ma bassa stabilità.
  • Canale beta: ideale per gli early adopter, build più affidabili rispetto al canale Dev.
  • Canale di anteprima della versione: consente di correggere in anteprima e di usare le funzionalità principali nella versione successiva di Windows appena prima della versione disponibile per il pubblico generale.

Risorse aggiuntive