Usare i database SQL nell'hub di Azure Stack

Importante

A partire dalla build 2108 dell'hub di Azure Stack, i provider di risorse SQL e MySQL vengono offerti alle sottoscrizioni a cui è stato concesso l'accesso. Se si vuole iniziare a usare questa funzionalità o se è necessario eseguire l'aggiornamento da una versione precedente, aprire un caso di supporto e i tecnici del supporto ti guideranno attraverso il processo di distribuzione o aggiornamento.

Usare il provider di risorse SQL per offrire database SQL nell'hub di Azure Stack. Dopo aver installato il provider di risorse e averlo collegato a una o più istanze di SQL Server, gli utenti possono creare:

  • Database SQL per le app native del cloud.
  • Database SQL per le applicazioni Web.

Limitazioni da considerare prima di installare il provider di risorse SQL:

  • Gli utenti possono creare e gestire solo singoli database. Le istanze del server di database non sono accessibili agli utenti finali. Ciò può limitare la compatibilità con le app di database locali che devono accedere a master, Temp DB o per gestire dinamicamente i database.
  • L'operatore hub di Azure Stack è responsabile della distribuzione, dell'aggiornamento, della protezione, della configurazione e della gestione dei server e degli host di database SQL. Il servizio RP non fornisce alcuna funzionalità di gestione dell'istanza del server di database e host.
  • I database di utenti diversi in sottoscrizioni diverse possono trovarsi nella stessa istanza del server di database. Il punto di ripristino non fornisce un meccanismo per isolare i database in host o istanze del server di database diversi.
  • Il punto di ripristino non fornisce report sull'utilizzo dei database del tenant.
  • È possibile spostare un server di hosting SQL solo in un'altra sottoscrizione in Azure globale. L'hub di Azure Stack non supporta lo spostamento di un server di hosting SQL in un'altra sottoscrizione.
  • Il punto di ripristino non monitora l'integrità del server SQL.
  • Non esiste alcun controllo di accesso nei database di sistema di SQL Server. Se il server di hosting SQL è un server SQL autonomo (non sql a disponibilità elevata), sql rp usa account di accesso SQL per controllare l'accesso degli utenti ai propri database.If your SQL hosting server is a standalone SQL server (non SQL HA), SQL RP usa account di accesso SQL per controllare l'accesso degli utenti ai propri database. Tuttavia, gli account di accesso SQL non controllano l'accesso degli utenti ai database di sistema. Ad esempio, un utente che tenta di ripristinare un database da uno dei backup sarà in grado di visualizzare tutte le cronologie di backup nello stesso server di hosting, perché la cronologia dei backup è archiviata nel database msdb.

Per il carico di lavoro SQL Server tradizionale in locale, è consigliabile usare una macchina virtuale SQL Server nell'hub di Azure Stack.

Architettura dell'adapter del provider di risorse SQL

Il provider di risorse è costituito dai componenti seguenti:

  • Macchina virtuale dell'adattatore del provider di risorse SQL, ovvero una macchina virtuale Windows Server che esegue i servizi del provider.
  • Provider di risorse, che elabora le richieste e accede alle risorse del database.
  • Server che ospitano SQL Server, che forniscono capacità per i database denominati server di hosting.

È necessario creare almeno un'istanza di SQL Server o fornire l'accesso alle istanze di SQL Server esterne.

Nota

I server di hosting installati nei sistemi integrati dell'hub di Azure Stack devono essere creati da una sottoscrizione tenant. Non possono essere creati dalla sottoscrizione del provider predefinita. Devono essere creati dal portale utenti o usando PowerShell con l'accesso appropriato. Tutti i server di hosting sono macchine virtuali fatturabili e devono avere licenze. L'amministratore del servizio può essere il proprietario della sottoscrizione del tenant.

Passaggi successivi

Distribuire il provider di risorse SQL Server