Condividi tramite


Dettagli dell’iniziativa predefinita di conformità alle normative per NIST SP 800-53 Rev. 4 (Azure per enti pubblici)

L'articolo seguente definisce il mapping della definizione dell'iniziativa predefinita di conformità alle normative di Criteri di Azure a domini di conformità e controlli in NIST SP 800-53 Rev. 4 (Azure per enti pubblici). Per altre informazioni su questo standard di conformità, vedere NIST SP 800-53 Rev. 4. Per comprendere la Proprietà, esaminare il tipo di criterio e la responsabilità condivisa nel cloud.

I mapping seguenti fanno riferimento ai controlli NIST SP 800-53 Rev. 4. Molti controlli vengono implementati con una definizione dell'iniziativa Criteri di Azure. Per esaminare la definizione dell'iniziativa completa, aprire Criteri nel portale di Azure e selezionare la pagina Definizioni. Quindi, trovare e selezionare la definizione dell'iniziativa predefinita di conformità alle normative NIST SP 800-53 Rev 4.

Importante

Ogni controllo tra quelli riportati di seguito è associato a una o più definizioni di Criteri di Azure. Questi criteri possono aiutare a valutare la conformità con il controllo. In molti casi tuttavia non si tratta di una corrispondenza uno-a-uno o completa tra un controllo e uno o più criteri. Di per sé, Conforme in Criteri di Azure si riferisce solo alle definizioni dei criteri e non garantisce che l'utente sia completamente conforme a tutti i requisiti di un controllo. Inoltre, in questo momento lo standard di conformità include controlli che non vengono gestiti da alcuna definizione di Criteri di Azure. La conformità in Criteri di Azure è quindi solo una visualizzazione parziale dello stato di conformità generale. Le associazioni tra domini di conformità, controlli e definizioni di Criteri di Azure per questo standard di conformità possono cambiare nel tempo. Per visualizzare la cronologia delle modifiche, vedere la cronologia dei commit di GitHub.

Controllo dell’accesso

Criteri e procedure di controllo degli accessi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1000 - Requisiti di criteri e procedure di controllo di accesso Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1001 - Requisiti di criteri e procedure di controllo di accesso Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Gestione degli account

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Per la sottoscrizione devono essere designati al massimo 3 proprietari È consigliabile designare fino a 3 proprietari della sottoscrizione in modo da ridurre la probabilità di violazione da parte di un proprietario compromesso. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
È consigliabile effettuare il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per i server SQL Controlla il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per il server SQL per abilitare l'autenticazione di Azure AD. L'autenticazione di Azure AD consente una gestione semplificata delle autorizzazioni e una gestione centralizzata delle identità di utenti di database e di altri servizi Microsoft AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le app del servizio app devono usare l'identità gestita Usare un'identità gestita per la protezione avanzata dell'autenticazione AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllare l'utilizzo dei ruoli Controllo degli accessi in base al ruolo (RBAC) personalizzati Controlla i ruoli predefiniti, ad esempio "Proprietario, Collaboratore, Lettore" invece che i ruoli Controllo degli accessi in base al ruolo personalizzati, che sono soggetti a errori. L'uso di ruoli personalizzati è considerato un'eccezione e richiede una revisione rigorosa e la modellazione delle minacce Audit, Disabled 1.0.1
Le risorse di Servizi di Azure AI devono avere l'accesso alla chiave disabilitato (disabilitare l'autenticazione locale) È consigliabile disabilitare l'accesso alla chiave (autenticazione locale) per la sicurezza. Azure OpenAI Studio, in genere usato in fase di sviluppo/test, richiede l'accesso alle chiavi e non funzionerà se l'accesso alla chiave è disabilitato. Dopo la disabilitazione, Microsoft Entra ID diventa l'unico metodo di accesso, che consente di mantenere il principio dei privilegi minimi e il controllo granulare. Per altre informazioni, vedere: https://aka.ms/AI/auth Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Gli account bloccati con autorizzazioni di proprietario nelle risorse di Azure devono essere rimossi Gli account deprecati con autorizzazioni di proprietario devono essere rimossi dalla sottoscrizione. Gli account deprecati sono account a cui è stato bloccato l'accesso. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Gli account bloccati con autorizzazioni di scrittura e lettura nelle risorse di Azure devono essere rimossi È necessario rimuovere dalle sottoscrizioni gli account deprecati. Gli account deprecati sono account a cui è stato bloccato l'accesso. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le app per le funzioni devono usare l'identità gestita Usare un'identità gestita per la protezione avanzata dell'autenticazione AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Gli account guest con autorizzazioni di proprietario nelle risorse di Azure devono essere rimossi È necessario rimuovere dalla sottoscrizione gli account esterni con autorizzazioni di proprietario in modo da evitare l'accesso non monitorato. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Gli account guest con autorizzazioni di lettura nelle risorse di Azure devono essere rimossi È necessario rimuovere dalla sottoscrizione gli account esterni con privilegi di lettura in modo da evitare l'accesso non monitorato. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Gli account guest con autorizzazioni di scrittura nelle risorse di Azure devono essere rimossi È necessario rimuovere dalla sottoscrizione gli account esterni con privilegi di scrittura in modo da evitare l'accesso non monitorato. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1002 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1003 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1004 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1005 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1006 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1007 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1008 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1009 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1010 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1011 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1012 - Gestione account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
I cluster di Service Fabric deve usare solo Azure Active Directory per l'autenticazione client Controlla l'utilizzo dell'autenticazione client solo tramite Azure Active Directory in Service Fabric Audit, Deny, Disabled 1.1.0

Gestione automatizzata degli account di sistema

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
È consigliabile effettuare il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per i server SQL Controlla il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per il server SQL per abilitare l'autenticazione di Azure AD. L'autenticazione di Azure AD consente una gestione semplificata delle autorizzazioni e una gestione centralizzata delle identità di utenti di database e di altri servizi Microsoft AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le risorse di Servizi di Azure AI devono avere l'accesso alla chiave disabilitato (disabilitare l'autenticazione locale) È consigliabile disabilitare l'accesso alla chiave (autenticazione locale) per la sicurezza. Azure OpenAI Studio, in genere usato in fase di sviluppo/test, richiede l'accesso alle chiavi e non funzionerà se l'accesso alla chiave è disabilitato. Dopo la disabilitazione, Microsoft Entra ID diventa l'unico metodo di accesso, che consente di mantenere il principio dei privilegi minimi e il controllo granulare. Per altre informazioni, vedere: https://aka.ms/AI/auth Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Controllo gestito da Microsoft 1013 - Gestione degli account | Gestione automatica degli account del sistema Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
I cluster di Service Fabric deve usare solo Azure Active Directory per l'autenticazione client Controlla l'utilizzo dell'autenticazione client solo tramite Azure Active Directory in Service Fabric Audit, Deny, Disabled 1.1.0

Rimozione degli account temporanei / di emergenza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1014 - Gestione degli account | Rimozione degli account temporanei / di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Disabilitare account inattivi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1015 - Gestione degli account | Disabilitazione degli account inattivi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Azioni di audit automatizzate

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1016 - Gestione degli account | Azioni di controllo automatiche Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Disconnessione per inattività

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1017 - Gestione degli account | Disconnessione per inattività Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Schemi basati su ruoli

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (7) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
È consigliabile effettuare il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per i server SQL Controlla il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per il server SQL per abilitare l'autenticazione di Azure AD. L'autenticazione di Azure AD consente una gestione semplificata delle autorizzazioni e una gestione centralizzata delle identità di utenti di database e di altri servizi Microsoft AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Controllare l'utilizzo dei ruoli Controllo degli accessi in base al ruolo (RBAC) personalizzati Controlla i ruoli predefiniti, ad esempio "Proprietario, Collaboratore, Lettore" invece che i ruoli Controllo degli accessi in base al ruolo personalizzati, che sono soggetti a errori. L'uso di ruoli personalizzati è considerato un'eccezione e richiede una revisione rigorosa e la modellazione delle minacce Audit, Disabled 1.0.1
Le risorse di Servizi di Azure AI devono avere l'accesso alla chiave disabilitato (disabilitare l'autenticazione locale) È consigliabile disabilitare l'accesso alla chiave (autenticazione locale) per la sicurezza. Azure OpenAI Studio, in genere usato in fase di sviluppo/test, richiede l'accesso alle chiavi e non funzionerà se l'accesso alla chiave è disabilitato. Dopo la disabilitazione, Microsoft Entra ID diventa l'unico metodo di accesso, che consente di mantenere il principio dei privilegi minimi e il controllo granulare. Per altre informazioni, vedere: https://aka.ms/AI/auth Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Controllo gestito da Microsoft 1018 - Gestione degli account | Schemi basati sui ruoli Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1019 - Gestione degli account | Schemi basati sui ruoli Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1020 - Gestione degli account | Schemi basati sui ruoli Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
I cluster di Service Fabric deve usare solo Azure Active Directory per l'autenticazione client Controlla l'utilizzo dell'autenticazione client solo tramite Azure Active Directory in Service Fabric Audit, Deny, Disabled 1.1.0

Restrizioni all'uso di account/gruppi condivisi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (9) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1021 - Gestione degli account | Restrizioni all'uso di account condivisi / di gruppo Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Chiusura delle credenziali dell'account condiviso/di gruppo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (10) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1022 - Gestione degli account | Terminazione delle credenziali degli account condivisi / di gruppo Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Condizioni d'utilizzo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (11) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1023 - Gestione degli account | Condizioni d'uso Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Monitoraggio/utilizzo atipico degli account

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (12) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
[Anteprima]: I cluster Kubernetes con abilitazione di Azure Arc dovrebbero avere installata l'estensione Microsoft Defender per il cloud L'estensione Microsoft Defender for Cloud per Azure Arc fornisce la protezione dalle minacce per i cluster Kubernetes abilitati per Arc. L'estensione raccoglie i dati da tutti i nodi del cluster e li invia al back-end di Azure Defender per Kubernetes nel cloud per un'ulteriore analisi. Altre informazioni sono disponibili in https://docs.microsoft.com/azure/defender-for-cloud/defender-for-containers-enable?pivots=defender-for-container-arc. AuditIfNotExists, Disabled 4.0.1 - anteprima
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Le porte di gestione delle macchine virtuali devono essere protette tramite un controllo di accesso alla rete JIT I possibili accessi JIT alla rete verranno monitorati dal Centro sicurezza di Azure che invierà i consigli corrispondenti AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1024 - Gestione degli account | Monitoraggio / Utilizzo atipico degli account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1025 - Gestione degli account | Monitoraggio / Utilizzo atipico degli account Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Disabilitare gli account per utenti ad alto rischio

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-2 (13) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1026 - Gestione degli account | Disabilitazione degli account per singoli utenti ad alto rischio Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Applicazione dell'accesso

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Per gli account con autorizzazioni di proprietario nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con autorizzazioni di proprietario per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Per gli account con autorizzazioni di lettura nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con privilegi di lettura per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Per gli account con autorizzazioni di scrittura nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con privilegi di scrittura per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali senza identità Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest ma che non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali con un'identità assegnata dall'utente Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest e che hanno almeno un'identità assegnata dall'utente, ma non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
È consigliabile effettuare il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per i server SQL Controlla il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per il server SQL per abilitare l'autenticazione di Azure AD. L'autenticazione di Azure AD consente una gestione semplificata delle autorizzazioni e una gestione centralizzata delle identità di utenti di database e di altri servizi Microsoft AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le app del servizio app devono usare l'identità gestita Usare un'identità gestita per la protezione avanzata dell'autenticazione AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controlla i computer Linux in cui sono presenti account senza password Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer saranno non conformi se nei computer Linux sono presenti account senza password AuditIfNotExists, Disabled 1.4.0
Le risorse di Servizi di Azure AI devono avere l'accesso alla chiave disabilitato (disabilitare l'autenticazione locale) È consigliabile disabilitare l'accesso alla chiave (autenticazione locale) per la sicurezza. Azure OpenAI Studio, in genere usato in fase di sviluppo/test, richiede l'accesso alle chiavi e non funzionerà se l'accesso alla chiave è disabilitato. Dopo la disabilitazione, Microsoft Entra ID diventa l'unico metodo di accesso, che consente di mantenere il principio dei privilegi minimi e il controllo granulare. Per altre informazioni, vedere: https://aka.ms/AI/auth Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Linux per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Linux Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Linux nelle macchine virtuali Linux ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Linux è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Linux e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Linux. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.4.0
Le app per le funzioni devono usare l'identità gestita Usare un'identità gestita per la protezione avanzata dell'autenticazione AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1027 - Applicazione dell'accesso Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
I cluster di Service Fabric deve usare solo Azure Active Directory per l'autenticazione client Controlla l'utilizzo dell'autenticazione client solo tramite Azure Active Directory in Service Fabric Audit, Deny, Disabled 1.1.0
È consigliabile eseguire la migrazione degli account di archiviazione alle nuove risorse di Azure Resource Manager È possibile usare la nuova versione di Azure Resource Manager per gli account di archiviazione per fornire funzionalità di sicurezza migliorate, ad esempio controllo di accesso (controllo degli accessi in base al ruolo) più avanzato, controllo ottimizzato, distribuzione e governance basate su Azure Resource Manager, accesso alle identità gestite, accesso all'insieme di credenziali delle chiavi per i segreti, autenticazione basata su Azure AD e supporto di tag e gruppi di risorse per una gestione della sicurezza semplificata Audit, Deny, Disabled 1.0.0
È consigliabile eseguire la migrazione delle macchine virtuali alle nuove risorse di Azure Resource Manager Usare la nuova versione di Azure Resource Manager per le macchine virtuali per fornire funzionalità di sicurezza migliorate quali controllo di accesso (Controllo degli accessi in base al ruolo) più avanzato, controllo più accurato, distribuzione e governance basate su Azure Resource Manager, accesso alle identità gestite, accesso all'insieme di credenziali delle chiavi per i segreti, autenticazione basata su Azure AD e supporto di tag e gruppi di risorse per una gestione della sicurezza semplificata Audit, Deny, Disabled 1.0.0

Controllo degli accessi in base al ruolo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-3 (7) Proprietà: Cliente

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Nei servizi Kubernetes deve essere usato il controllo degli accessi in base al ruolo Per garantire un filtro granulare per le azioni che gli utenti possono eseguire, usare il controllo degli accessi in base al ruolo per gestire le autorizzazioni nei cluster del servizio Kubernetes e configurare i criteri di autorizzazione pertinenti. Audit, Disabled 1.0.4

Applicazione del controllo dei flussi di informazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
È consigliabile limitare tutte le porte di rete nei gruppi di sicurezza di rete associati alla macchina virtuale Il Centro sicurezza di Azure ha identificato alcune regole in ingresso dei gruppi di sicurezza di rete eccessivamente permissive. Le regole in ingresso non devono consentire l'accesso da 'Tutti' gli intervalli o dagli intervalli 'Internet'. Ciò può consentire potenzialmente agli utenti malintenzionati di attaccare le risorse. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
I servizi di gestione API devono usare una rete virtuale La distribuzione della rete virtuale di Azure offre protezione avanzata, isolamento e consente di inserire il servizio Gestione API in una rete instradabile non Internet di cui si controlla l'accesso. Queste reti possono quindi essere connesse alle reti locali usando varie tecnologie VPN, che consentono l'accesso ai servizi back-end all'interno della rete e/o in locale. Il portale per sviluppatori e il gateway dell'API possono essere configurati in modo che siano accessibili da Internet o solo all'interno della rete virtuale. Audit, Deny, Disabled 1.0.2
Configurazione app deve usare un collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati alle sole istanze di Configurazione app anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/appconfig/private-endpoint. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Le app del Servizio app non devono avere CORS configurato per consentire a ogni risorsa di accedere alle app Condivisione di risorse tra le origini (CORS) non deve consentire a tutti i domini di accedere all'app. Consentire solo ai domini necessari di interagire con l'app. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Gli intervalli IP autorizzati devono essere definiti nei servizi Kubernetes Limita l'accesso all'API Gestione dei servizi Kubernetes concedendo l'accesso all'API solo agli indirizzi IP in intervalli specifici. È consigliabile limitare l'accesso agli intervalli IP autorizzati per garantire che solo le applicazioni provenienti da reti autorizzate possano accedere al cluster. Audit, Disabled 2.0.0
Le risorse di Servizi di Azure AI devono limitare l'accesso alla rete Limitando l'accesso alla rete, è possibile assicurarsi che solo le reti consentite possano accedere al servizio. A tale scopo, è possibile configurare le regole di rete in modo che solo le applicazioni provenienti da reti consentite possano accedere al servizio Azure per intelligenza artificiale. Audit, Deny, Disabled 3.2.0
La cache di Azure per Redis deve usare il collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle istanze di Cache Redis di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/azure-cache-for-redis/cache-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Ricerca cognitiva di Azure deve usare uno SKU che supporta il collegamento privato Con gli SKU supportati di Ricerca cognitiva di Azure, collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico all'origine o alla destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio di ricerca, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I servizi di Ricerca cognitiva di Azure devono disabilitare l'accesso alla rete pubblica La disabilitazione dell'accesso alla rete pubblica migliora la sicurezza assicurandosi che il servizio Ricerca cognitiva di Azure non sia esposto sulla rete Internet pubblica. La creazione di endpoint privati può limitare l'esposizione del servizio di ricerca. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I servizi di Ricerca cognitiva di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Ricerca cognitiva di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Per gli account di Azure Cosmos DB devono essere definite regole del firewall Le regole del firewall devono essere definite negli account Azure Cosmos DB per impedire il traffico proveniente da origini non autorizzate. Gli account per cui è definita almeno una regola IP con il filtro della rete virtuale abilitato vengono ritenuti conformi. Anche gli account che disabilitano l'accesso pubblico vengono ritenuti conformi. Audit, Deny, Disabled 2.1.0
Azure Data Factory usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati ad Azure Data Factory, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/data-factory/data-factory-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
I domini di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul proprio dominio della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarà possibile essere protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Gli argomenti di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul vostro argomento della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarete protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Sincronizzazione file di Azure deve usare collegamenti privati La creazione di un endpoint privato per la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione indicata consente di indirizzare la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione dallo spazio indirizzi IP privati della rete dell'organizzazione, anziché attraverso l'endpoint pubblico accessibile tramite Internet. La creazione di un endpoint privato da sola non disabilita l'endpoint pubblico. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Key Vault deve avere il firewall abilitato Abilitare il firewall dell'insieme di credenziali delle chiavi in modo che questo non sia accessibile per impostazione predefinita a nessun indirizzo IP pubblico. Facoltativamente, è possibile configurare intervalli IP specifici per limitare l'accesso a tali reti. Per altre informazioni, vedere: https://docs.microsoft.com/azure/key-vault/general/network-security Audit, Deny, Disabled 1.4.1
Le aree di lavoro di Azure Machine Learning devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle aree di lavoro di Azure Machine Learning, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/machine-learning/how-to-configure-private-link. Audit, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi del bus di servizio devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi del bus di servizio, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/service-bus-messaging/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Azure SignalR deve usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alla risorsa del servizio Azure SignalR anziché all'intero servizio, si ridurranno i rischi di perdita dei dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/asrs/privatelink. Audit, Disabled 1.0.0
Le area di lavoro Azure Synapse devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'area di lavoro di Azure Synapse, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/synapse-analytics/security/how-to-connect-to-workspace-with-private-links. Audit, Disabled 1.0.1
I Servizi cognitivi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere le reti virtuali ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Servizi cognitivi, si ridurrà il rischio di una perdita di dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=2129800. Audit, Disabled 3.0.0
I registri contenitori non devono consentire l'accesso alla rete senza restrizioni Per impostazione predefinita, i Registri Azure Container accettano le connessioni tramite Internet dagli host in qualsiasi rete. Per proteggere i registri da potenziali minacce, consentire l'accesso solo da specifici endpoint privati, indirizzi IP pubblici o intervalli di indirizzi. Se il Registro di sistema non dispone di regole di rete configurate, verrà visualizzato nelle risorse non integre. Per ulteriori informazioni sulle regole di rete per il Registro Azure Container, vedere: https://aka.ms/acr/privatelink,https://aka.ms/acr/portal/public-network e https://aka.ms/acr/vnet. Audit, Deny, Disabled 2.0.0
I registri contenitori devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati ai soli registri contenitori anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/acr/private-link. Audit, Disabled 1.0.1
Gli account Cosmos DB devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'account CosmosDB, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/cosmos-db/how-to-configure-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Le risorse di accesso al disco devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a diskAccesses, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/disksprivatelinksdoc. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi dell'hub eventi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi dell'hub eventi, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/event-hubs/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le macchine virtuali con connessione Internet devono essere protette con i gruppi di sicurezza di rete Protegge le macchine virtuali da potenziali minacce limitandone l'accesso con i gruppi di sicurezza di rete. Per altre informazioni sul controllo del traffico con i gruppi di sicurezza di rete, vedere https://aka.ms/nsg-doc AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le istanze del servizio Device Provisioning in hub IoT devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio device provisioning in hub IoT, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/iotdpsvnet. Audit, Disabled 1.0.0
L'inoltro IP nella macchina virtuale deve essere disabilitato L'abilitazione dell'inoltro IP sulla scheda di rete di una macchina virtuale consente alla macchina virtuale di ricevere traffico indirizzato ad altre destinazioni. L'inoltro IP è richiesto raramente, ad esempio, quando si usa la macchina virtuale come appliance virtuale di rete, di conseguenza l'abilitazione di questa impostazione deve essere verificata dal team di sicurezza della rete. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le porte di gestione delle macchine virtuali devono essere protette tramite un controllo di accesso alla rete JIT I possibili accessi JIT alla rete verranno monitorati dal Centro sicurezza di Azure che invierà i consigli corrispondenti AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
È consigliabile chiudere le porte di gestione nelle macchine virtuali Le porte di gestione remota aperte espongono la macchina virtuale a un rischio elevato derivante da attacchi di forza bruta basati su Internet per sottrarre le credenziali e ottenere l'accesso di amministratore alla macchina virtuale. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1028 - Applicazione del controllo dei flussi di informazioni Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Le macchine virtuali senza connessione Internet devono essere protette con i gruppi di sicurezza di rete Protegge le macchine virtuali senza connessione Internet da potenziali minacce limitandone l'accesso con i gruppi di sicurezza di rete. Per altre informazioni sul controllo del traffico con i gruppi di sicurezza di rete, vedere https://aka.ms/nsg-doc AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le connessioni endpoint privato nel database SQL di Azure devono essere abilitate Le connessioni endpoint privato impongono la comunicazione sicura tramite l'abilitazione della connettività privata al database SQL di Azure. Audit, Disabled 1.1.0
L'accesso alla rete pubblica nel database SQL di Azure deve essere disabilitato La disabilitazione della proprietà di accesso alla rete pubblica migliora la sicurezza, in quanto garantisce che al database SQL di Azure sia possibile accedere solo da un endpoint privato. Questa configurazione nega tutti gli accessi che corrispondono alle regole del firewall basate su indirizzo IP o rete virtuale. Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Gli account di archiviazione devono limitare l'accesso alla rete L'accesso di rete agli account di archiviazione deve essere limitato. Configurare regole di rete in modo che l'account di archiviazione sia accessibile solo alle applicazioni provenienti da reti consentite. Per consentire le connessioni da client Internet o locali specifici, è possibile concedere l'accesso al traffico da reti virtuali di Azure specifiche o a intervalli di indirizzi IP Internet pubblici Audit, Deny, Disabled 1.1.1
Gli account di archiviazione devono limitare l'accesso alla rete usando regole di rete virtuale Protegge gli account di archiviazione da potenziali minacce usando le regole di rete virtuale come metodo preferito anziché il filtro basato su IP. La disabilitazione del filtro basato su IP, impedisce agli indirizzi IP pubblici di accedere agli account di archiviazione. Audit, Deny, Disabled 1.0.1
Gli account di archiviazione devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all’account di archiviazione, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azureprivatelinkoverview AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Le subnet devono essere associate a un gruppo di sicurezza di rete È possibile proteggere la subnet dalle minacce potenziali limitando l'accesso alla subnet con un gruppo di sicurezza di rete. I gruppi di sicurezza di rete contengono un elenco di regole ACL (elenco di controllo di accesso) che consentono o negano il traffico di rete alla subnet. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0

Controllo del flusso dinamico di informazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-4 (3) Proprietà: Cliente

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Le porte di gestione delle macchine virtuali devono essere protette tramite un controllo di accesso alla rete JIT I possibili accessi JIT alla rete verranno monitorati dal Centro sicurezza di Azure che invierà i consigli corrispondenti AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0

Filtri dei criteri di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-4 (8) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Microsoft Managed Control 1029 - Applicazione del flusso di informazioni | Filtri per i criteri di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Separazione fisica/logica dei flussi di informazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-4 (21) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1030 - Applicazione del flusso di informazioni | Separazione fisica/logica dei flussi di informazioni Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Separazione dei compiti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1031 - Separazione dei compiti Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1032 - Separazione dei compiti Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1033 - Separazione dei compiti Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Alla sottoscrizione deve essere assegnato più di un proprietario È consigliabile designare più di un proprietario di sottoscrizione per assicurare la ridondanza dell'accesso amministratore. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0

Privilegi minimi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Per la sottoscrizione devono essere designati al massimo 3 proprietari È consigliabile designare fino a 3 proprietari della sottoscrizione in modo da ridurre la probabilità di violazione da parte di un proprietario compromesso. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllare l'utilizzo dei ruoli Controllo degli accessi in base al ruolo (RBAC) personalizzati Controlla i ruoli predefiniti, ad esempio "Proprietario, Collaboratore, Lettore" invece che i ruoli Controllo degli accessi in base al ruolo personalizzati, che sono soggetti a errori. L'uso di ruoli personalizzati è considerato un'eccezione e richiede una revisione rigorosa e la modellazione delle minacce Audit, Disabled 1.0.1
Controllo gestito da Microsoft 1034 - Privilegi minimi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Autorizzare l'accesso alle funzioni di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1035 - Privilegi minimi | Autorizzazione dell'accesso a funzioni di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Accesso senza privilegi per funzioni non di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1036 - Privilegi minimi | Accesso senza privilegi per funzioni non di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Accesso di rete ai comandi con privilegi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 (3) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1037 - Privilegi minimi | Accesso di rete a comandi con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Account con privilegi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1038 - Privilegi minimi | Account con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Revisione dei privilegi utente

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 (7) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Per la sottoscrizione devono essere designati al massimo 3 proprietari È consigliabile designare fino a 3 proprietari della sottoscrizione in modo da ridurre la probabilità di violazione da parte di un proprietario compromesso. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllare l'utilizzo dei ruoli Controllo degli accessi in base al ruolo (RBAC) personalizzati Controlla i ruoli predefiniti, ad esempio "Proprietario, Collaboratore, Lettore" invece che i ruoli Controllo degli accessi in base al ruolo personalizzati, che sono soggetti a errori. L'uso di ruoli personalizzati è considerato un'eccezione e richiede una revisione rigorosa e la modellazione delle minacce Audit, Disabled 1.0.1
Controllo gestito da Microsoft 1039 - Privilegio minimo | Revisione dei privilegi utente Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1040 - Privilegio minimo | Revisione dei privilegi utente Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Livelli di privilegi per l'esecuzione di codice

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 (8) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1041 - Privilegio minimo | Livelli di privilegi per l'esecuzione di codice Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Controllo dell'uso delle funzioni privilegiate

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 (9) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1042 - Privilegio minimo | Controllo dell'uso di funzioni con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Impedire agli utenti senza privilegi di eseguire funzioni con privilegi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-6 (10) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1043 - Privilegio minimo | Impedire agli utenti senza privilegi di eseguire funzioni con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Tentativi di accesso non riusciti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1044 - Tentativi di accesso non riusciti Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1045 - Tentativi di accesso non riusciti Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Eliminare / Cancellare un dispositivo mobile

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-7 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1046 - Tentativi di accesso non riusciti | Eliminare / Cancellare un dispositivo mobile Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Notifica sull'uso del sistema

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-8 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1047 - Notifica sull'uso del sistema Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1048 - Notifica sull'uso del sistema Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1049 - Notifica sull'uso del sistema Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Controllo delle sessioni simultanee

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-10 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1050 - Controllo delle sessioni simultanee Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Blocco della sessione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-11 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1051 - Blocco della sessione Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1052 - Blocco della sessione Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Visualizzazioni che nascondono tramite motivi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-11 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1053 - Blocco della sessione | Visualizzazioni che nascondono tramite motivi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Terminazione della sessione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-12 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1054 - Terminazione della sessione Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Disconnessioni avviate dall'utente/visualizzazione di messaggi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-12 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1055 - Terminazione della sessione | Disconnessioni avviate dall'utente / Visualizzazioni di messaggi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1056 - Terminazione della sessione | Disconnessioni avviate dall'utente / Visualizzazioni di messaggi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Azioni consentite senza identificazione o autenticazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-14 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1057 - Azioni consentite senza identificazione o autenticazione Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1058 - Azioni consentite senza identificazione o autenticazione Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Attributi di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-16 Proprietà: Cliente

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2

Accesso remoto

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-17 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali senza identità Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest ma che non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali con un'identità assegnata dall'utente Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest e che hanno almeno un'identità assegnata dall'utente, ma non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Configurazione app deve usare un collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati alle sole istanze di Configurazione app anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/appconfig/private-endpoint. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Per le app del Servizio app il debug remoto deve essere disattivato Il debug remoto richiede l'apertura delle porte in ingresso in un'app per il servizio app. Il debug remoto deve essere disattivato. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Controlla i computer Linux che consentono connessioni remote da account senza password Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer saranno non conformi se i computer Linux consentono connessioni remote da account senza password AuditIfNotExists, Disabled 1.4.0
La cache di Azure per Redis deve usare il collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle istanze di Cache Redis di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/azure-cache-for-redis/cache-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Ricerca cognitiva di Azure deve usare uno SKU che supporta il collegamento privato Con gli SKU supportati di Ricerca cognitiva di Azure, collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico all'origine o alla destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio di ricerca, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I servizi di Ricerca cognitiva di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Ricerca cognitiva di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Azure Data Factory usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati ad Azure Data Factory, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/data-factory/data-factory-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
I domini di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul proprio dominio della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarà possibile essere protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Gli argomenti di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul vostro argomento della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarete protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Sincronizzazione file di Azure deve usare collegamenti privati La creazione di un endpoint privato per la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione indicata consente di indirizzare la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione dallo spazio indirizzi IP privati della rete dell'organizzazione, anziché attraverso l'endpoint pubblico accessibile tramite Internet. La creazione di un endpoint privato da sola non disabilita l'endpoint pubblico. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le aree di lavoro di Azure Machine Learning devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle aree di lavoro di Azure Machine Learning, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/machine-learning/how-to-configure-private-link. Audit, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi del bus di servizio devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi del bus di servizio, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/service-bus-messaging/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Azure SignalR deve usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alla risorsa del servizio Azure SignalR anziché all'intero servizio, si ridurranno i rischi di perdita dei dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/asrs/privatelink. Audit, Disabled 1.0.0
Le area di lavoro Azure Synapse devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'area di lavoro di Azure Synapse, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/synapse-analytics/security/how-to-connect-to-workspace-with-private-links. Audit, Disabled 1.0.1
I Servizi cognitivi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere le reti virtuali ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Servizi cognitivi, si ridurrà il rischio di una perdita di dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=2129800. Audit, Disabled 3.0.0
I registri contenitori devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati ai soli registri contenitori anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/acr/private-link. Audit, Disabled 1.0.1
Gli account Cosmos DB devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'account CosmosDB, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/cosmos-db/how-to-configure-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Linux per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Linux Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Linux nelle macchine virtuali Linux ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Linux è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Linux e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Linux. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.4.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Windows per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Windows Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Windows nelle macchine virtuali Windows ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Windows è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Windows e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Windows. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.2.0
Le risorse di accesso al disco devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a diskAccesses, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/disksprivatelinksdoc. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi dell'hub eventi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi dell'hub eventi, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/event-hubs/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le app per le funzioni devono avere il debug remoto disattivato Il debug remoto richiede che vengano aperte le porte in ingresso nelle app per le funzioni. Il debug remoto deve essere disattivato. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Le istanze del servizio Device Provisioning in hub IoT devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio device provisioning in hub IoT, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/iotdpsvnet. Audit, Disabled 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1059 - Accesso remoto Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1060 - Accesso remoto Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Le connessioni endpoint privato nel database SQL di Azure devono essere abilitate Le connessioni endpoint privato impongono la comunicazione sicura tramite l'abilitazione della connettività privata al database SQL di Azure. Audit, Disabled 1.1.0
Gli account di archiviazione devono limitare l'accesso alla rete L'accesso di rete agli account di archiviazione deve essere limitato. Configurare regole di rete in modo che l'account di archiviazione sia accessibile solo alle applicazioni provenienti da reti consentite. Per consentire le connessioni da client Internet o locali specifici, è possibile concedere l'accesso al traffico da reti virtuali di Azure specifiche o a intervalli di indirizzi IP Internet pubblici Audit, Deny, Disabled 1.1.1
Gli account di archiviazione devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all’account di archiviazione, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azureprivatelinkoverview AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0

Monitoraggio/controllo automatizzato

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-17 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali senza identità Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest ma che non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali con un'identità assegnata dall'utente Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest e che hanno almeno un'identità assegnata dall'utente, ma non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Configurazione app deve usare un collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati alle sole istanze di Configurazione app anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/appconfig/private-endpoint. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Per le app del Servizio app il debug remoto deve essere disattivato Il debug remoto richiede l'apertura delle porte in ingresso in un'app per il servizio app. Il debug remoto deve essere disattivato. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Controlla i computer Linux che consentono connessioni remote da account senza password Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer saranno non conformi se i computer Linux consentono connessioni remote da account senza password AuditIfNotExists, Disabled 1.4.0
La cache di Azure per Redis deve usare il collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle istanze di Cache Redis di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/azure-cache-for-redis/cache-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Ricerca cognitiva di Azure deve usare uno SKU che supporta il collegamento privato Con gli SKU supportati di Ricerca cognitiva di Azure, collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico all'origine o alla destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio di ricerca, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I servizi di Ricerca cognitiva di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Ricerca cognitiva di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Azure Data Factory usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati ad Azure Data Factory, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/data-factory/data-factory-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
I domini di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul proprio dominio della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarà possibile essere protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Gli argomenti di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul vostro argomento della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarete protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Sincronizzazione file di Azure deve usare collegamenti privati La creazione di un endpoint privato per la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione indicata consente di indirizzare la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione dallo spazio indirizzi IP privati della rete dell'organizzazione, anziché attraverso l'endpoint pubblico accessibile tramite Internet. La creazione di un endpoint privato da sola non disabilita l'endpoint pubblico. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le aree di lavoro di Azure Machine Learning devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle aree di lavoro di Azure Machine Learning, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/machine-learning/how-to-configure-private-link. Audit, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi del bus di servizio devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi del bus di servizio, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/service-bus-messaging/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Azure SignalR deve usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alla risorsa del servizio Azure SignalR anziché all'intero servizio, si ridurranno i rischi di perdita dei dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/asrs/privatelink. Audit, Disabled 1.0.0
Le area di lavoro Azure Synapse devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'area di lavoro di Azure Synapse, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/synapse-analytics/security/how-to-connect-to-workspace-with-private-links. Audit, Disabled 1.0.1
I Servizi cognitivi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere le reti virtuali ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Servizi cognitivi, si ridurrà il rischio di una perdita di dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=2129800. Audit, Disabled 3.0.0
I registri contenitori devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati ai soli registri contenitori anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/acr/private-link. Audit, Disabled 1.0.1
Gli account Cosmos DB devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'account CosmosDB, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/cosmos-db/how-to-configure-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Linux per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Linux Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Linux nelle macchine virtuali Linux ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Linux è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Linux e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Linux. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.4.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Windows per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Windows Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Windows nelle macchine virtuali Windows ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Windows è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Windows e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Windows. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.2.0
Le risorse di accesso al disco devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a diskAccesses, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/disksprivatelinksdoc. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi dell'hub eventi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi dell'hub eventi, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/event-hubs/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le app per le funzioni devono avere il debug remoto disattivato Il debug remoto richiede che vengano aperte le porte in ingresso nelle app per le funzioni. Il debug remoto deve essere disattivato. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Le istanze del servizio Device Provisioning in hub IoT devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio device provisioning in hub IoT, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/iotdpsvnet. Audit, Disabled 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1061 - Accesso remoto | Monitoraggio / Controllo automatico Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Le connessioni endpoint privato nel database SQL di Azure devono essere abilitate Le connessioni endpoint privato impongono la comunicazione sicura tramite l'abilitazione della connettività privata al database SQL di Azure. Audit, Disabled 1.1.0
Gli account di archiviazione devono limitare l'accesso alla rete L'accesso di rete agli account di archiviazione deve essere limitato. Configurare regole di rete in modo che l'account di archiviazione sia accessibile solo alle applicazioni provenienti da reti consentite. Per consentire le connessioni da client Internet o locali specifici, è possibile concedere l'accesso al traffico da reti virtuali di Azure specifiche o a intervalli di indirizzi IP Internet pubblici Audit, Deny, Disabled 1.1.1
Gli account di archiviazione devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all’account di archiviazione, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azureprivatelinkoverview AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0

Protezione della riservatezza/integrità con la crittografia

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-17 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Microsoft Managed Control 1062 - Accesso remoto | Protezione della riservatezza / integrità tramite crittografia Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Punti di controllo degli accessi gestiti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-17 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1063 - Accesso remoto | Punti di controllo di accesso gestiti Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Comandi/Accessi privilegiati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-17 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1064 - Accesso remoto | Comandi / Accesso con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1065 - Accesso remoto | Comandi / Accesso con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Disconnettere/Disabilitare accesso

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-17 (9) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1066 - Accesso remoto | Disconnessione / Disabilitazione dell'accesso Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Accesso wireless

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-18 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1067 - Restrizioni dell’accesso wireless Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1068 - Restrizioni dell’accesso wireless Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Autenticazione e crittografia

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-18 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1069 - Restrizioni dell’accesso wireless | Autenticazione e crittografia Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Disabilitare le reti wireless

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-18 (3) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1070 - Restrizioni dell’accesso wireless | Disabilitare le reti wireless Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Limitare le configurazioni in base agli utenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-18 (4) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1071 - Restrizioni dell’accesso wireless | Limitare le configurazioni in base agli utenti Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Antenne / Livelli di potenza di trasmissione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-18 (5) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1072 - Restrizioni dell’accesso wireless | Antenne / Livelli di potenza di trasmissione Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Controllo degli accessi per dispositivi mobili

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-19 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1073 - Controllo di accesso per sistemi mobili e portatili Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1074 - Controllo di accesso per sistemi mobili e portatili Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Crittografia basata su contenitore/dispositivo completo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-19 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1075 - Controllo di accesso per sistemi mobili e portatili | Crittografia dispositivi completa / basata su contenitori Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Uso di sistemi informatici esterni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-20 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1076 - Uso di sistemi informatici esterni Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1077 - Uso di sistemi informatici esterni Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Limiti per l'uso autorizzato

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-20 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1078 - Uso di sistemi informatici esterni | Limiti sull'uso autorizzato Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1079 - Uso di sistemi informatici esterni | Limiti sull'uso autorizzato Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Dispositivi di archiviazione portatili

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-20 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1080 - Uso di sistemi informatici esterni | Dispositivi di archiviazione portatili Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Condivisione delle informazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-21 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1081 - Condivisione delle informazioni Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1082 - Condivisione delle informazioni Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Contenuto accessibile pubblicamente

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AC-22 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1083 - Contenuto accessibile pubblicamente Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1084 - Contenuto accessibile pubblicamente Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1085 - Contenuto accessibile pubblicamente Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1086 - Contenuto accessibile pubblicamente Microsoft implementa questo controllo di Controllo di accesso controllo 1.0.0

Consapevolezza e training

Criteri e procedure per la consapevolezza della sicurezza e il training

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AT-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1087 - Criteri e procedure di sensibilizzazione e formazione in materia di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1088 - Criteri e procedure di sensibilizzazione e formazione in materia di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0

Formazione per la sensibilizzazione in materia di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AT-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1089 - Consapevolezza della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1090 - Consapevolezza della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1091 - Consapevolezza della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0

Minaccia interna

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AT-2 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1092 - Consapevolezza della sicurezza | Minacce interne Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0

Formazione in materia di sicurezza basata sui ruoli

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AT-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1093 - Formazione in materia di sicurezza basata sui ruoli Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1094 - Formazione in materia di sicurezza basata sui ruoli Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1095 - Formazione in materia di sicurezza basata sui ruoli Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0

Esercizi pratici

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AT-3 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1096 - Formazione sulla sicurezza basata sui ruoli | Esercizi pratici Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0

Comunicazioni sospette e comportamento di sistema anomalo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AT-3 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1097 - Formazione sulla sicurezza basata sui ruoli | Comunicazioni sospette e comportamento anomalo del sistema Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0

Record della formazione in materia di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AT-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1098 - Record della formazione in materia di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1099 - Record della formazione in materia di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di sensibilizzazione e formazione controllo 1.0.0

Controllo e responsabilità

Criteri e procedure di audit e responsabilità

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1100 - Criteri e procedure di controllo e responsabilità Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1101 - Criteri e procedure di controllo e responsabilità Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Eventi di controllo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1102 - Eventi di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1103 - Eventi di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1104 - Eventi di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1105 - Eventi di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Recensioni e aggiornamenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-2 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1106 - Eventi di controllo | Revisioni e aggiornamenti Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Contenuto dei record di audit

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1107 - Contenuto dei record di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Informazioni di audit aggiuntive

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-3 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1108 - Contenuto dei record di controllo | Informazioni di controllo aggiuntive Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Gestione centralizzata del contenuto dei record di controllo pianificato

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-3 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1109 - Contenuto dei record di controllo | Gestione centralizzata del contenuto dei record di controllo pianificati Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Capacità dell'archiviazione di controllo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1110 - Capacità di archiviazione di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Risposta a errori di elaborazione di audit

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1111 - Risposta a errori di elaborazione di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1112 - Risposta a errori di elaborazione di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Capacità dell'archiviazione di controllo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-5 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1113 - Risposta a errori di elaborazione di controllo | Capacità dell'archiviazione di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Avvisi in tempo reale

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-5 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1114 - Risposta a errori di elaborazione di controllo | Avvisi in tempo reale Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Verifica, analisi e report di controllo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
[Anteprima]: I cluster Kubernetes con abilitazione di Azure Arc dovrebbero avere installata l'estensione Microsoft Defender per il cloud L'estensione Microsoft Defender for Cloud per Azure Arc fornisce la protezione dalle minacce per i cluster Kubernetes abilitati per Arc. L'estensione raccoglie i dati da tutti i nodi del cluster e li invia al back-end di Azure Defender per Kubernetes nel cloud per un'ulteriore analisi. Altre informazioni sono disponibili in https://docs.microsoft.com/azure/defender-for-cloud/defender-for-containers-enable?pivots=defender-for-container-arc. AuditIfNotExists, Disabled 4.0.1 (anteprima)
[Anteprima]: È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Linux Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
[Anteprima] È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Windows Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1115 - Verifica, analisi e report di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1116 - Verifica, analisi e report di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
È consigliabile abilitare Network Watcher Network Watcher è un servizio a livello di area che permette di monitorare e diagnosticare le condizioni al livello di scenario di rete da, verso e all'interno di Azure. Il monitoraggio a livello di scenario permette di diagnosticare i problemi in una visualizzazione completa a livello di rete. È necessario creare un gruppo di risorse network watcher in ogni area in cui è presente una rete virtuale. Un avviso è abilitato se un gruppo di risorse network watcher non è disponibile in una determinata area. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0

Integrazione processi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-6 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1117 - Revisione di controllo, analisi e creazione di report | Integrazione dei processi Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Repository di audit correlati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-6 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1118 - Revisione di controllo, analisi e creazione di report | Correlare repository di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Revisione centrale e analisi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-6 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
[Anteprima]: I cluster Kubernetes con abilitazione di Azure Arc dovrebbero avere installata l'estensione Microsoft Defender per il cloud L'estensione Microsoft Defender for Cloud per Azure Arc fornisce la protezione dalle minacce per i cluster Kubernetes abilitati per Arc. L'estensione raccoglie i dati da tutti i nodi del cluster e li invia al back-end di Azure Defender per Kubernetes nel cloud per un'ulteriore analisi. Altre informazioni sono disponibili in https://docs.microsoft.com/azure/defender-for-cloud/defender-for-containers-enable?pivots=defender-for-container-arc. AuditIfNotExists, Disabled 4.0.1 (anteprima)
[Anteprima]: È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Linux Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
[Anteprima] È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Windows Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
I log delle risorse devono essere abilitati per le app del servizio app Controllare l'abilitazione dei log delle risorse nell'app. Ciò consente di ricreare la traccia delle attività per scopi di analisi se si verifica un evento imprevisto della sicurezza o la rete viene compromessa. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
È consigliabile abilitare il controllo in SQL Server Abilitare il controllo in SQL Server per verificare le attività del database in tutti i database sul server e salvarle in un log di controllo. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
È consigliabile abilitare il provisioning automatico dell'agente di Log Analytics nella sottoscrizione Per monitorare le minacce e le vulnerabilità della sicurezza, Centro sicurezza di Azure raccoglie i dati dalle macchine virtuali di Azure. I dati vengono raccolti dall'agente di Log Analytics, precedentemente noto come Microsoft Monitoring Agent (MMA), che esegue la lettura di varie configurazioni relative alla sicurezza e log eventi dalla macchina virtuale e copia i dati nell'area di lavoro Log Analytics per l'analisi. È consigliabile abilitare il provisioning automatico per distribuire automaticamente l'agente in tutte le macchine virtuali di Azure supportate e in tutte le nuove macchine virtuali che vengono create. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
L'estensione Configurazione guest deve essere installata nei computer Per garantire configurazioni sicure delle impostazioni guest del computer, installare l'estensione Configurazione guest. Le impostazioni in guest monitorate dall'estensione includono la configurazione del sistema operativo, della configurazione o della presenza dell'applicazione e delle impostazioni dell'ambiente. Dopo l'installazione, saranno disponibili i criteri nei guest, ad esempio "È consigliabile abilitare Windows Defender Exploit Guard". Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/gcpol. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1119 - Revisione di controllo, analisi e creazione di report | Revisione e analisi centrali Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
È consigliabile abilitare Network Watcher Network Watcher è un servizio a livello di area che permette di monitorare e diagnosticare le condizioni al livello di scenario di rete da, verso e all'interno di Azure. Il monitoraggio a livello di scenario permette di diagnosticare i problemi in una visualizzazione completa a livello di rete. È necessario creare un gruppo di risorse network watcher in ogni area in cui è presente una rete virtuale. Un avviso è abilitato se un gruppo di risorse network watcher non è disponibile in una determinata area. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Azure Data Lake Store Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Analisi di flusso di Azure Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati negli account Batch Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Data Lake Analytics Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati nell'hub eventi Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Key Vault Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in App per la logica Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.1.0
I log delle risorse devono essere abilitati nei servizi di ricerca Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati nel bus di servizio Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
L'estensione Configurazione guest delle macchine virtuali deve essere distribuita con un'identità gestita assegnata dal sistema L'estensione Configurazione guest richiede un'identità gestita assegnata al sistema. Le macchine virtuali di Azure nell'ambito di questo criterio saranno non conformi se l'estensione Configurazione guest è installata ma non dispone di un'identità gestita assegnata dal sistema. Per altre informazioni: https://aka.ms/gcpol AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1

Integrazione/scansione e funzionalità di monitoraggio

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-6 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
[Anteprima]: I cluster Kubernetes con abilitazione di Azure Arc dovrebbero avere installata l'estensione Microsoft Defender per il cloud L'estensione Microsoft Defender for Cloud per Azure Arc fornisce la protezione dalle minacce per i cluster Kubernetes abilitati per Arc. L'estensione raccoglie i dati da tutti i nodi del cluster e li invia al back-end di Azure Defender per Kubernetes nel cloud per un'ulteriore analisi. Altre informazioni sono disponibili in https://docs.microsoft.com/azure/defender-for-cloud/defender-for-containers-enable?pivots=defender-for-container-arc. AuditIfNotExists, Disabled 4.0.1 (anteprima)
[Anteprima]: È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Linux Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
[Anteprima] È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Windows Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
I log delle risorse devono essere abilitati per le app del servizio app Controllare l'abilitazione dei log delle risorse nell'app. Ciò consente di ricreare la traccia delle attività per scopi di analisi se si verifica un evento imprevisto della sicurezza o la rete viene compromessa. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
È consigliabile abilitare il controllo in SQL Server Abilitare il controllo in SQL Server per verificare le attività del database in tutti i database sul server e salvarle in un log di controllo. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
È consigliabile abilitare il provisioning automatico dell'agente di Log Analytics nella sottoscrizione Per monitorare le minacce e le vulnerabilità della sicurezza, Centro sicurezza di Azure raccoglie i dati dalle macchine virtuali di Azure. I dati vengono raccolti dall'agente di Log Analytics, precedentemente noto come Microsoft Monitoring Agent (MMA), che esegue la lettura di varie configurazioni relative alla sicurezza e log eventi dalla macchina virtuale e copia i dati nell'area di lavoro Log Analytics per l'analisi. È consigliabile abilitare il provisioning automatico per distribuire automaticamente l'agente in tutte le macchine virtuali di Azure supportate e in tutte le nuove macchine virtuali che vengono create. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
L'estensione Configurazione guest deve essere installata nei computer Per garantire configurazioni sicure delle impostazioni guest del computer, installare l'estensione Configurazione guest. Le impostazioni in guest monitorate dall'estensione includono la configurazione del sistema operativo, della configurazione o della presenza dell'applicazione e delle impostazioni dell'ambiente. Dopo l'installazione, saranno disponibili i criteri nei guest, ad esempio "È consigliabile abilitare Windows Defender Exploit Guard". Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/gcpol. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1120 - Revisione di controllo, analisi e creazione di report | Integrazione / Funzionalità di analisi e monitoraggio Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
È consigliabile abilitare Network Watcher Network Watcher è un servizio a livello di area che permette di monitorare e diagnosticare le condizioni al livello di scenario di rete da, verso e all'interno di Azure. Il monitoraggio a livello di scenario permette di diagnosticare i problemi in una visualizzazione completa a livello di rete. È necessario creare un gruppo di risorse network watcher in ogni area in cui è presente una rete virtuale. Un avviso è abilitato se un gruppo di risorse network watcher non è disponibile in una determinata area. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Azure Data Lake Store Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Analisi di flusso di Azure Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati negli account Batch Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Data Lake Analytics Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati nell'hub eventi Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Key Vault Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in App per la logica Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.1.0
I log delle risorse devono essere abilitati nei servizi di ricerca Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati nel bus di servizio Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
L'estensione Configurazione guest delle macchine virtuali deve essere distribuita con un'identità gestita assegnata dal sistema L'estensione Configurazione guest richiede un'identità gestita assegnata al sistema. Le macchine virtuali di Azure nell'ambito di questo criterio saranno non conformi se l'estensione Configurazione guest è installata ma non dispone di un'identità gestita assegnata dal sistema. Per altre informazioni: https://aka.ms/gcpol AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1

Correlazione con il monitoraggio fisico

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-6 (6) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1121 - Revisione di controllo, analisi e creazione di report | Correlazione con il monitoraggio fisico Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Azioni consentite

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-6 (7) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1122 - Revisione di controllo, analisi e creazione di report | Azioni consentite Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Regolazione del livello di audit

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-6 (10) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1123 - Revisione di controllo, analisi e creazione di report | Rettifica del livello di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Riduzione del controllo e generazione di report

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1124 - Riduzione del controllo e generazione di report Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1125 - Riduzione del controllo e generazione di report Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Elaborazione automatica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-7 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1126 - Riduzione del controllo e generazione di report | Elaborazione automatica Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Timestamp

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-8 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1127 - Timestamp Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1128 - Timestamp Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Sincronizzazione con fonte ora autorevole

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-8 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1129 - Timestamp | Sincronizzazione con un'origine temporale autorevole Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1130 - Timestamp | Sincronizzazione con un'origine temporale autorevole Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Protezione delle informazioni di audit

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-9 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1131 - Protezione delle informazioni di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Controllare il backup in sistemi/componenti fisici separati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-9 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1132 - Protezione delle informazioni di audit | Backup di controllo in sistemi/componenti fisici distinti Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Protezione crittografica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-9 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1133 - Protezione delle informazioni di controllo | Protezione crittografica Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Accesso per sottoinsieme di utenti privilegiati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-9 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1134 - Protezione delle informazioni di controllo | Accesso in base a un subset di utenti con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Non ripudio

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-10 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1135 - Non ripudio Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Conservazione dei record di controllo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-11 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1136 - Conservazione dei record di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
I server SQL con il controllo nella destinazione dell'account di archiviazione devono essere configurati con un periodo di conservazione di 90 giorni o superiore Ai fini dell'indagine degli eventi imprevisti, è consigliabile impostare la conservazione dei dati per il controllo di SQL Server sulla destinazione dell'account di archiviazione su almeno 90 giorni. Verificare di soddisfare le regole di conservazione necessarie per le aree in cui si lavora. Ciò è talvolta necessario per la conformità agli standard normativi. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0

Generazione di controllo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-12 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
[Anteprima]: I cluster Kubernetes con abilitazione di Azure Arc dovrebbero avere installata l'estensione Microsoft Defender per il cloud L'estensione Microsoft Defender for Cloud per Azure Arc fornisce la protezione dalle minacce per i cluster Kubernetes abilitati per Arc. L'estensione raccoglie i dati da tutti i nodi del cluster e li invia al back-end di Azure Defender per Kubernetes nel cloud per un'ulteriore analisi. Altre informazioni sono disponibili in https://docs.microsoft.com/azure/defender-for-cloud/defender-for-containers-enable?pivots=defender-for-container-arc. AuditIfNotExists, Disabled 4.0.1 (anteprima)
[Anteprima]: È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Linux Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
[Anteprima] È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Windows Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
I log delle risorse devono essere abilitati per le app del servizio app Controllare l'abilitazione dei log delle risorse nell'app. Ciò consente di ricreare la traccia delle attività per scopi di analisi se si verifica un evento imprevisto della sicurezza o la rete viene compromessa. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
È consigliabile abilitare il controllo in SQL Server Abilitare il controllo in SQL Server per verificare le attività del database in tutti i database sul server e salvarle in un log di controllo. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
È consigliabile abilitare il provisioning automatico dell'agente di Log Analytics nella sottoscrizione Per monitorare le minacce e le vulnerabilità della sicurezza, Centro sicurezza di Azure raccoglie i dati dalle macchine virtuali di Azure. I dati vengono raccolti dall'agente di Log Analytics, precedentemente noto come Microsoft Monitoring Agent (MMA), che esegue la lettura di varie configurazioni relative alla sicurezza e log eventi dalla macchina virtuale e copia i dati nell'area di lavoro Log Analytics per l'analisi. È consigliabile abilitare il provisioning automatico per distribuire automaticamente l'agente in tutte le macchine virtuali di Azure supportate e in tutte le nuove macchine virtuali che vengono create. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
L'estensione Configurazione guest deve essere installata nei computer Per garantire configurazioni sicure delle impostazioni guest del computer, installare l'estensione Configurazione guest. Le impostazioni in guest monitorate dall'estensione includono la configurazione del sistema operativo, della configurazione o della presenza dell'applicazione e delle impostazioni dell'ambiente. Dopo l'installazione, saranno disponibili i criteri nei guest, ad esempio "È consigliabile abilitare Windows Defender Exploit Guard". Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/gcpol. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1137 - Generazione di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1138 - Generazione di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1139 - Generazione di controllo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
È consigliabile abilitare Network Watcher Network Watcher è un servizio a livello di area che permette di monitorare e diagnosticare le condizioni al livello di scenario di rete da, verso e all'interno di Azure. Il monitoraggio a livello di scenario permette di diagnosticare i problemi in una visualizzazione completa a livello di rete. È necessario creare un gruppo di risorse network watcher in ogni area in cui è presente una rete virtuale. Un avviso è abilitato se un gruppo di risorse network watcher non è disponibile in una determinata area. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Azure Data Lake Store Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Analisi di flusso di Azure Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati negli account Batch Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Data Lake Analytics Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati nell'hub eventi Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Key Vault Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in App per la logica Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.1.0
I log delle risorse devono essere abilitati nei servizi di ricerca Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati nel bus di servizio Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
L'estensione Configurazione guest delle macchine virtuali deve essere distribuita con un'identità gestita assegnata dal sistema L'estensione Configurazione guest richiede un'identità gestita assegnata al sistema. Le macchine virtuali di Azure nell'ambito di questo criterio saranno non conformi se l'estensione Configurazione guest è installata ma non dispone di un'identità gestita assegnata dal sistema. Per altre informazioni: https://aka.ms/gcpol AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1

Audit trail a livello di sistema/con correlazione al tempo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-12 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
[Anteprima]: I cluster Kubernetes con abilitazione di Azure Arc dovrebbero avere installata l'estensione Microsoft Defender per il cloud L'estensione Microsoft Defender for Cloud per Azure Arc fornisce la protezione dalle minacce per i cluster Kubernetes abilitati per Arc. L'estensione raccoglie i dati da tutti i nodi del cluster e li invia al back-end di Azure Defender per Kubernetes nel cloud per un'ulteriore analisi. Altre informazioni sono disponibili in https://docs.microsoft.com/azure/defender-for-cloud/defender-for-containers-enable?pivots=defender-for-container-arc. AuditIfNotExists, Disabled 4.0.1 (anteprima)
[Anteprima]: È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Linux Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
[Anteprima] È consigliabile installare l'agente di raccolta di dati del traffico di rete nelle macchine virtuali Windows Centro sicurezza usa Microsoft Dependency Agent per raccogliere i dati sul traffico di rete dalle macchine virtuali di Azure per abilitare funzionalità di protezione della rete avanzate, ad esempio la visualizzazione del traffico sulla mappa di rete, le raccomandazioni di protezione avanzata della rete e minacce alla rete specifiche. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2-anteprima
I log delle risorse devono essere abilitati per le app del servizio app Controllare l'abilitazione dei log delle risorse nell'app. Ciò consente di ricreare la traccia delle attività per scopi di analisi se si verifica un evento imprevisto della sicurezza o la rete viene compromessa. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
È consigliabile abilitare il controllo in SQL Server Abilitare il controllo in SQL Server per verificare le attività del database in tutti i database sul server e salvarle in un log di controllo. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
È consigliabile abilitare il provisioning automatico dell'agente di Log Analytics nella sottoscrizione Per monitorare le minacce e le vulnerabilità della sicurezza, Centro sicurezza di Azure raccoglie i dati dalle macchine virtuali di Azure. I dati vengono raccolti dall'agente di Log Analytics, precedentemente noto come Microsoft Monitoring Agent (MMA), che esegue la lettura di varie configurazioni relative alla sicurezza e log eventi dalla macchina virtuale e copia i dati nell'area di lavoro Log Analytics per l'analisi. È consigliabile abilitare il provisioning automatico per distribuire automaticamente l'agente in tutte le macchine virtuali di Azure supportate e in tutte le nuove macchine virtuali che vengono create. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
L'estensione Configurazione guest deve essere installata nei computer Per garantire configurazioni sicure delle impostazioni guest del computer, installare l'estensione Configurazione guest. Le impostazioni in guest monitorate dall'estensione includono la configurazione del sistema operativo, della configurazione o della presenza dell'applicazione e delle impostazioni dell'ambiente. Dopo l'installazione, saranno disponibili i criteri nei guest, ad esempio "È consigliabile abilitare Windows Defender Exploit Guard". Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/gcpol. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1140 - Generazione di audit | Audit trail a livello di sistema / correlato al tempo Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0
È consigliabile abilitare Network Watcher Network Watcher è un servizio a livello di area che permette di monitorare e diagnosticare le condizioni al livello di scenario di rete da, verso e all'interno di Azure. Il monitoraggio a livello di scenario permette di diagnosticare i problemi in una visualizzazione completa a livello di rete. È necessario creare un gruppo di risorse network watcher in ogni area in cui è presente una rete virtuale. Un avviso è abilitato se un gruppo di risorse network watcher non è disponibile in una determinata area. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Azure Data Lake Store Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Analisi di flusso di Azure Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati negli account Batch Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Data Lake Analytics Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati nell'hub eventi Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in Key Vault Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati in App per la logica Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.1.0
I log delle risorse devono essere abilitati nei servizi di ricerca Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
I log delle risorse devono essere abilitati nel bus di servizio Controllare l'abilitazione dei log delle risorse. consentendo di ricreare la traccia delle attività da usare a fini di controllo se si verifica un problema di sicurezza o se la rete viene compromessa AuditIfNotExists, Disabled 5.0.0
L'estensione Configurazione guest delle macchine virtuali deve essere distribuita con un'identità gestita assegnata dal sistema L'estensione Configurazione guest richiede un'identità gestita assegnata al sistema. Le macchine virtuali di Azure nell'ambito di questo criterio saranno non conformi se l'estensione Configurazione guest è installata ma non dispone di un'identità gestita assegnata dal sistema. Per altre informazioni: https://aka.ms/gcpol AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1

Modifiche apportate da utenti autorizzati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 AU-12 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1141 - Generazione di audit | Modifiche da parte di individui autorizzati Microsoft implementa questo controllo di Responsabilità e controllo controllo 1.0.0

Valutazione della sicurezza e autorizzazione

Criteri e procedure di valutazione della sicurezza e autorizzazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1142 - Criteri e procedure di valutazione della certificazione, dell’autorizzazione e della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1143 - Criteri e procedure di valutazione della certificazione, dell’autorizzazione e della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Valutazione della sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1144 - Valutazioni della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1145 - Valutazioni della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1146 - Valutazioni della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1147 - Valutazioni della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Valutatori indipendenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-2 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1148 - Valutazioni della sicurezza | Valutatori indipendenti Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Valutazioni specializzate

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-2 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1149 - Valutazioni della sicurezza | Valutazioni specializzate Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Organizzazioni esterne

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-2 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1150 - Valutazioni della sicurezza | Organizzazioni esterne Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Interconnessioni del sistema

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1151 - Interconnessioni del sistema Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1152 - Interconnessioni del sistema Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1153 - Interconnessioni del sistema Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Connessioni non classificate del sistema di sicurezza non nazionale

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-3 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1154 - Interconnessioni del sistema | Connessioni del sistema di sicurezza non nazionali non classificate Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Restrizioni sulle connessioni del sistema esterno

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-3 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1155 - Interconnessioni del sistema | Restrizioni nelle connessioni esterne al sistema Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Piano di azione e attività cardine

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1156 - Piano di azione e attività cardine Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1157 - Piano di azione e attività cardine Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Autorizzazione di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1158 - Autorizzazione di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1159 - Autorizzazione di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1160 - Autorizzazione di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Monitoraggio continuo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1161 - Monitoraggio continuo Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1162 - Monitoraggio continuo Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1163 - Monitoraggio continuo Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1164 - Monitoraggio continuo Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1165 - Monitoraggio continuo Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1166 - Monitoraggio continuo Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1167 - Monitoraggio continuo Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Valutazione indipendente

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-7 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1168 - Monitoraggio continuo | Valutazione indipendente Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Analisi delle tendenze

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-7 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1169 - Monitoraggio continuo | Analisi delle tendenze Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Test di penetrazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-8 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1170 - Test di penetrazione Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Agente di penetrazione o team indipendente

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-8 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1171 - Test di penetrazione | Agente o team di penetrazione indipendente Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Connessioni di sistema interne

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CA-9 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1172 - Connessioni di sistema interne Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1173 - Connessioni di sistema interne Microsoft implementa questo controllo di Valutazione della sicurezza e autorizzazione controllo 1.0.0

Gestione della configurazione

Procedure e criteri di gestione della configurazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1174 - Procedure e criteri di gestione della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1175 - Procedure e criteri di gestione della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Configurazione di base

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1176 - Configurazione di base Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Recensioni e aggiornamenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-2 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1177 - Configurazione di base | Revisioni e aggiornamenti Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1178 - Configurazione di base | Revisioni e aggiornamenti Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1179 - Configurazione di base | Revisioni e aggiornamenti Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Supporto dell'automazione per accuratezza/valuta

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-2 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1180 - Configurazione di base | Supporto dell'automazione per accuratezza / diffusione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Conservazione delle configurazioni precedenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-2 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1181 - Configurazione di base | Conservazione delle configurazioni precedenti Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Configurare sistemi, componenti o dispositivi per le aree ad alto rischio

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-2 (7) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1182 - Configurazione di base | Configurare sistemi, componenti o dispositivi per aree ad alto rischio Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1183 - Configurazione di base | Configurare sistemi, componenti o dispositivi per aree ad alto rischio Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Controllo delle modifiche della configurazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1184 - Controllo delle modifiche della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1185 - Controllo delle modifiche della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1186 - Controllo delle modifiche della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1187 - Controllo delle modifiche della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1188 - Controllo delle modifiche della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1189 - Controllo delle modifiche della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1190 - Controllo delle modifiche della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Documento/notifica/proibizione delle modifiche automatizzate

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-3 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1191 - Controllo delle modifiche della configurazione | Documento automatico / Notifica / Divieto di modifiche Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1192 - Controllo delle modifiche della configurazione | Documento automatico / Notifica / Divieto di modifiche Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1193 - Controllo delle modifiche della configurazione | Documento automatico / Notifica / Divieto di modifiche Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1194 - Controllo delle modifiche della configurazione | Documento automatico / Notifica / Divieto di modifiche Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1195 - Controllo delle modifiche della configurazione | Documento automatico / Notifica / Divieto di modifiche Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1196 - Controllo delle modifiche della configurazione | Documento automatico / Notifica / Divieto di modifiche Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Test/Convalida/Modifiche documento

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-3 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1197 - Controllo delle modifiche della configurazione | Testare / Convalidare / Documentare le modifiche Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Rappresentante della sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-3 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1198 - Controllo delle modifiche della configurazione | Rappresentante della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Gestione della crittografia

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-3 (6) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1199 - Controllo delle modifiche della configurazione | Gestione della crittografia Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Analisi dell'impatto sulla sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1200 - Analisi dell'impatto sulla sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Ambienti di test separati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-4 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1201 - Analisi dell'impatto sulla sicurezza | Separare gli ambienti di test Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Restrizioni di accesso per le modifiche

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1202 - Restrizioni di accesso per le modifiche Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Applicazione e controllo automatizzati dell'accesso

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-5 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1203 - Restrizioni di accesso per le modifiche | Applicazione / Controllo dell'accesso automatizzato Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Rivedere le modifiche di sistema

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-5 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1204 - Restrizioni di accesso per le modifiche | Rivedere le modifiche del sistema Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Componenti firmati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-5 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1205 - Restrizioni di accesso per le modifiche | Componenti firmati Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Limitare i privilegi di produzione/operativi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-5 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1206 - Restrizioni di accesso per le modifiche | Limitare privilegi di produzione / operativi Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1207 - Restrizioni di accesso per le modifiche | Limitare privilegi di produzione / operativi Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Impostazioni di configurazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
[Deprecato]: le app per le funzioni devono avere l’abilitazione per i "Certificati client (certificati client in ingresso)" I certificati client consentono all'app di richiedere un certificato per le richieste in ingresso. Solo i client con certificati validi potranno raggiungere l'app. Questo criterio è stato sostituito da uno nuovo, con stesso nome, perché HTTP 2.0 non supporta i certificati client. Audit, Disabled 3.1.0-deprecated
Per le App del servizio app deve essere abilitata l'opzione Certificati client (certificati client in ingresso) I certificati client consentono all'app di richiedere un certificato per le richieste in ingresso. Solo i client con un certificato valido potranno raggiungere l'app. Questo criterio si applica alle app con versione Http impostata su 1.1. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Per le app del servizio app il debug remoto deve essere disattivato Il debug remoto richiede l'apertura delle porte in ingresso in un'app per il servizio app. Il debug remoto deve essere disattivato. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Le app del Servizio app non devono avere CORS configurato per consentire a ogni risorsa di accedere alle app Condivisione di risorse tra le origini (CORS) non deve consentire a tutti i domini di accedere all'app. Consentire solo ai domini necessari di interagire con l'app. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Il componente aggiuntivo Criteri di Azure per il servizio Azure Kubernetes deve essere installato e abilitato nei cluster Il componente aggiuntivo Criteri di Azure per il servizio Azure Kubernetes estende Gatekeeper v3, un webhook del controller di ammissione per Open Policy Agent (OPA), per applicare le tutele e misure di sicurezza su larga scala per i cluster in modo centralizzato e coerente. Audit, Disabled 1.0.2
Le app per le funzioni devono avere il debug remoto disattivato Il debug remoto richiede che vengano aperte le porte in ingresso nelle app per le funzioni. Il debug remoto deve essere disattivato. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Le app per le funzioni non devono avere CORS configurato per consentire a ogni risorsa di accedere alle app Condivisione risorse tra le origini (CORS) non deve consentire a tutti i domini di accedere all'app per le funzioni. Consentire solo ai domini necessari di interagire con l'app per le funzioni dell'utente. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Le risorse CPU e memoria dei contenitori nel cluster Kubernetes non devono superare i limiti specificati Applicare i limiti delle risorse di CPU e memoria dei contenitori per evitare attacchi di esaurimento delle risorse in un cluster Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, deny, Deny, disabled, Disabled 10.1.0
I contenitori del cluster Kubernetes non devono condividere lo spazio dei nomi IPC host o ID processo host Bloccare i contenitori pod dalla condivisione dello spazio dei nomi dell'ID del processo host e dello spazio dei nomi IPC dell'host in un cluster Kubernetes. Questa raccomandazione fa parte di CIS 5.2.2 e CIS 5.2.3, destinati a migliorare la sicurezza degli ambienti Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 6.1.0
I contenitori del cluster Kubernetes devono usare solo i profili AppArmor consentiti I contenitori devono usare solo i profili AppArmor consentiti in un cluster Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 7.1.1
I contenitori del cluster Kubernetes devono usare solo i privilegi consentiti Limitare le funzionalità per ridurre la superficie di attacco dei contenitori in un cluster Kubernetes. Questa raccomandazione fa parte di CIS 5.2.8 e CIS 5.2.9, destinati a migliorare la sicurezza degli ambienti Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 7.1.0
I contenitori del cluster Kubernetes devono usare solo le immagini consentite Usare immagini di registri attendibili per ridurre il rischio di esposizione del cluster Kubernetes a vulnerabilità sconosciute, problemi di sicurezza e immagini dannose. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, deny, Deny, disabled, Disabled 10.1.1
I contenitori del cluster Kubernetes devono essere eseguiti con un file system radice di sola lettura Eseguire contenitori con un file system radice di sola lettura per proteggersi dalle modifiche in fase di esecuzione con file binari dannosi aggiunti a PATH in un cluster Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 7.1.0
I volumi hostPath dei pod del cluster Kubernetes devono usare solo i percorsi host consentiti Limitare i montaggi del volume HostPath dei pod ai percorsi host consentiti in un cluster Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 7.1.1
I pod e i contenitori del cluster Kubernetes devono essere eseguiti solo con ID utente e gruppo approvati Controllare gli ID degli utenti, dei gruppi primari, dei gruppi supplementari e dei gruppi di file system che i pod e i container possono usare per funzionare in un cluster Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 7.1.1
I pod del cluster Kubernetes devono usare solo la rete host e l'intervallo di porte approvati Limitare l'accesso dei pod alla rete host e all'intervallo di porte host consentito in un cluster Kubernetes. Questa raccomandazione fa parte di CIS 5.2.4, progettato per migliorare la sicurezza degli ambienti Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 7.1.0
Il cluster Kubernetes deve rimanere in ascolto solo sulle porte consentite Limitare i servizi per l'ascolto solo sulle porte consentite per proteggere l'accesso al cluster Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 9.1.0
Il cluster Kubernetes non deve consentire contenitori con privilegi Non consentire la creazione di contenitori privilegiati in un cluster Kubernetes. Questo consiglio fa parte di CIS 5.2.1, destinato a migliorare la sicurezza degli ambienti Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, deny, Deny, disabled, Disabled 10.1.0
I cluster Kubernetes non devono consentire l'escalation dei privilegi dei contenitori Non consentire l'esecuzione dei contenitori con escalation dei privilegi alla radice in un cluster Kubernetes. Questa raccomandazione fa parte di CIS 5.2.5, progettato per migliorare la sicurezza degli ambienti Kubernetes. Questo criterio è generalmente disponibile per Kubernetes Service (AKS) e in anteprima per Kubernetes abilitato ad Azure Arc. Per ulteriori informazioni, vedere https://aka.ms/kubepolicydoc. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 8.1.0
I computer Linux devono soddisfare i requisiti per la baseline di sicurezza di Calcolo di Azure Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer non sono conformi se il computer non è configurato correttamente per una delle raccomandazioni nella baseline di sicurezza di calcolo di Azure. AuditIfNotExists, Disabled 1.5.0
Controllo gestito da Microsoft 1208 - Impostazioni di configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1209 - Impostazioni di configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1210 - Impostazioni di configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1211 - Impostazioni di configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
I computer Windows devono soddisfare i requisiti della baseline di sicurezza di Calcolo di Azure Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer non sono conformi se il computer non è configurato correttamente per una delle raccomandazioni nella baseline di sicurezza di calcolo di Azure. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0

Gestione centralizzata automatizzata/applicazione/verifica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-6 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1212 - Impostazioni di configurazione | Gestione / Applicazione / Verifica centrali automatizzate Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Rispondere a modifiche non autorizzate

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-6 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1213 - Impostazioni di configurazione | Rispondere a modifiche non autorizzate Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Funzionalità minima

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
I controlli applicazioni adattivi per la definizione delle applicazioni sicure devono essere abilitati nei computer Abilita i controlli applicazioni per definire l'elenco delle applicazioni sicure note in esecuzione nei computer e avvisare l'utente quando vengono eseguite altre applicazioni. In questo modo si rafforza la protezione dei computer dal malware. Per semplificare il processo di configurazione e gestione delle regole, il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare le applicazioni in esecuzione in ogni computer e suggerire l'elenco di applicazioni sicure note. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le regole dell'elenco Consentiti dei criteri dei controlli applicazioni adattivi devono essere aggiornate Monitora le variazioni del comportamento nei gruppi di computer configurati per il controllo mediante i controlli applicazioni adattativi del Centro sicurezza di Azure. Il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare i processi in esecuzione nei computer e suggerire un elenco di applicazioni sicure. Queste vengono presentate come app consigliate da consentire nei criteri dei controlli applicazioni adattivi. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Controllo gestito da Microsoft 1214 - Funzionalità minima Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1215 - Funzionalità minima Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Revisione periodica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-7 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1216 - Funzionalità minima | Revisione periodica Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1217 - Funzionalità minima | Revisione periodica Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Impedire esecuzione programma

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-7 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
I controlli applicazioni adattivi per la definizione delle applicazioni sicure devono essere abilitati nei computer Abilita i controlli applicazioni per definire l'elenco delle applicazioni sicure note in esecuzione nei computer e avvisare l'utente quando vengono eseguite altre applicazioni. In questo modo si rafforza la protezione dei computer dal malware. Per semplificare il processo di configurazione e gestione delle regole, il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare le applicazioni in esecuzione in ogni computer e suggerire l'elenco di applicazioni sicure note. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le regole dell'elenco Consentiti dei criteri dei controlli applicazioni adattivi devono essere aggiornate Monitora le variazioni del comportamento nei gruppi di computer configurati per il controllo mediante i controlli applicazioni adattativi del Centro sicurezza di Azure. Il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare i processi in esecuzione nei computer e suggerire un elenco di applicazioni sicure. Queste vengono presentate come app consigliate da consentire nei criteri dei controlli applicazioni adattivi. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1218 - Funzionalità minima | Impedire l'esecuzione di programmi Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Software autorizzato/Elenco degli utenti autorizzati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-7 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
I controlli applicazioni adattivi per la definizione delle applicazioni sicure devono essere abilitati nei computer Abilita i controlli applicazioni per definire l'elenco delle applicazioni sicure note in esecuzione nei computer e avvisare l'utente quando vengono eseguite altre applicazioni. In questo modo si rafforza la protezione dei computer dal malware. Per semplificare il processo di configurazione e gestione delle regole, il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare le applicazioni in esecuzione in ogni computer e suggerire l'elenco di applicazioni sicure note. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le regole dell'elenco Consentiti dei criteri dei controlli applicazioni adattivi devono essere aggiornate Monitora le variazioni del comportamento nei gruppi di computer configurati per il controllo mediante i controlli applicazioni adattativi del Centro sicurezza di Azure. Il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare i processi in esecuzione nei computer e suggerire un elenco di applicazioni sicure. Queste vengono presentate come app consigliate da consentire nei criteri dei controlli applicazioni adattivi. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1219 - Funzionalità minima | Software autorizzato/elenco elementi consentiti Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1220 - Funzionalità minima | Software autorizzato/elenco elementi consentiti Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1221 - Funzionalità minima | Software autorizzato/elenco elementi consentiti Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Inventario dei componenti del sistema informativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-8 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1222 - Inventario dei componenti del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1223 - Inventario dei componenti del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Aggiornamenti durante l'installazione/rimozione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-8 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1224 - Inventario dei componenti del sistema informativo | Aggiornamenti durante le installazioni/rimozioni Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Manutenzione automatizzata

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-8 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1225 - Inventario dei componenti del sistema informativo | Gestione automatizzata Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Rilevamento automatico dei componenti non autorizzati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-8 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1226 - Inventario dei componenti del sistema informativo | Rilevamento automatizzato dei componenti non autorizzati Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1227 - Inventario dei componenti del sistema informativo | Rilevamento automatizzato dei componenti non autorizzati Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Informazioni sulla responsabilità

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-8 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1228 - Inventario dei componenti del sistema informativo | Informazioni sulla responsabilità Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Contabilità non duplicata dei componenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-8 (5) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1229 - Inventario dei componenti del sistema informativo | Account non duplicati dei componenti Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Piano di gestione della configurazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-9 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1230 - Piano di gestione della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1231 - Piano di gestione della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1232 - Piano di gestione della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1233 - Piano di gestione della configurazione Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Restrizioni all'uso del software

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-10 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
I controlli applicazioni adattivi per la definizione delle applicazioni sicure devono essere abilitati nei computer Abilita i controlli applicazioni per definire l'elenco delle applicazioni sicure note in esecuzione nei computer e avvisare l'utente quando vengono eseguite altre applicazioni. In questo modo si rafforza la protezione dei computer dal malware. Per semplificare il processo di configurazione e gestione delle regole, il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare le applicazioni in esecuzione in ogni computer e suggerire l'elenco di applicazioni sicure note. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le regole dell'elenco Consentiti dei criteri dei controlli applicazioni adattivi devono essere aggiornate Monitora le variazioni del comportamento nei gruppi di computer configurati per il controllo mediante i controlli applicazioni adattativi del Centro sicurezza di Azure. Il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare i processi in esecuzione nei computer e suggerire un elenco di applicazioni sicure. Queste vengono presentate come app consigliate da consentire nei criteri dei controlli applicazioni adattivi. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1234 - Restrizioni all'uso del software Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1235 - Restrizioni all'uso del software Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1236 - Restrizioni all'uso del software Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Software Open Source

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-10 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1237 - Restrizioni all'uso del software | Software open source Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Software installato dall'utente

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-11 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
I controlli applicazioni adattivi per la definizione delle applicazioni sicure devono essere abilitati nei computer Abilita i controlli applicazioni per definire l'elenco delle applicazioni sicure note in esecuzione nei computer e avvisare l'utente quando vengono eseguite altre applicazioni. In questo modo si rafforza la protezione dei computer dal malware. Per semplificare il processo di configurazione e gestione delle regole, il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare le applicazioni in esecuzione in ogni computer e suggerire l'elenco di applicazioni sicure note. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le regole dell'elenco Consentiti dei criteri dei controlli applicazioni adattivi devono essere aggiornate Monitora le variazioni del comportamento nei gruppi di computer configurati per il controllo mediante i controlli applicazioni adattativi del Centro sicurezza di Azure. Il Centro sicurezza usa Machine Learning per analizzare i processi in esecuzione nei computer e suggerire un elenco di applicazioni sicure. Queste vengono presentate come app consigliate da consentire nei criteri dei controlli applicazioni adattivi. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1238 - Software installato dall'utente Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1239 - Software installato dall'utente Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1240 - Software installato dall'utente Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Avvisi per installazioni non autorizzate

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CM-11 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1241 - Software installato dall'utente | Avvisi per installazioni non autorizzate Microsoft implementa questo controllo di Gestione della configurazione controllo 1.0.0

Piani di emergenza

Procedure e criteri di pianificazione di emergenza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1242 - Procedure e criteri di pianificazione di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1243 - Procedure e criteri di pianificazione di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Piano di emergenza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1244 - Piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1245 - Piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1246 - Piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1247 - Piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1248 - Piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1249 - Piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1250 - Piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-2 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1251 - Piano di emergenza | Coordinamento con i piani correlati Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Capacity Planning

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-2 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1252 - Piano di emergenza | Pianificazione della capacità Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Riprendere missioni essenziali/funzioni aziendali

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-2 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1253 - Piano di emergenza | Ripresa delle missioni o delle funzioni aziendali essenziali Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Riprendere tutte le missioni/funzioni aziendali

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-2 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1254 - Piano di emergenza | Ripresa di tutte le missioni o funzioni aziendali Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Missioni essenziali/funzioni aziendali continue

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-2 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1255 - Piano di emergenza | Continuazione delle missioni o funzioni aziendali essenziali Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Identificare le risorse critiche

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-2 (8) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1256 - Piano di emergenza | Identificazione delle risorse critiche Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Formazione per la gestione delle emergenze

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1257 - Formazione per la gestione delle emergenze Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1258 - Formazione per la gestione delle emergenze Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1259 - Formazione per la gestione delle emergenze Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Eventi simulati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-3 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1260 - Formazione per la gestione delle emergenze | Eventi simulati Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Test del piano di emergenza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1261 - Test del piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1262 - Test del piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1263 - Test del piano di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-4 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1264 - Test del piano di emergenza | Coordinamento con i piani correlati Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Sito di elaborazione alternativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-4 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1265 - Test del piano di emergenza | Sito di elaborazione alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1266 - Test del piano di emergenza | Sito di elaborazione alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Sito di archiviazione alternativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per MariaDB Il database di Azure per MariaDB consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per MySQL Il database di Azure per MySQL consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per PostgreSQL Il database di Azure per PostgreSQL consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
L'archiviazione con ridondanza geografica deve essere abilitata per gli account di archiviazione Usa la ridondanza geografica per creare applicazioni a disponibilità elevata Audit, Disabled 1.0.0
Il backup con ridondanza geografica a lungo termine deve essere abilitato per i database SQL di Azure Questo criterio controlla tutti i database SQL di Azure in cui non è abilitato il backup con ridondanza geografica a lungo termine. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1267 - Sito di archiviazione alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1268 - Sito di archiviazione alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Separazione dal sito primario

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-6 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per MariaDB Il database di Azure per MariaDB consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per MySQL Il database di Azure per MySQL consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per PostgreSQL Il database di Azure per PostgreSQL consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
L'archiviazione con ridondanza geografica deve essere abilitata per gli account di archiviazione Usa la ridondanza geografica per creare applicazioni a disponibilità elevata Audit, Disabled 1.0.0
Il backup con ridondanza geografica a lungo termine deve essere abilitato per i database SQL di Azure Questo criterio controlla tutti i database SQL di Azure in cui non è abilitato il backup con ridondanza geografica a lungo termine. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1269 - Sito di archiviazione alternativo | Separazione dal sito primario Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Obiettivi in fatto di tempi/punti di recupero

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-6 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1270 - Sito di archiviazione alternativo | Obiettivi di tempo/punto di ripristino Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Accessibilità

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-6 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1271 - Sito di archiviazione alternativo | Accessibilità Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Sito di elaborazione alternativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controlla macchine virtuali in cui non è configurato il ripristino di emergenza Controlla le macchine virtuali in cui non è configurato il ripristino di emergenza. Per altre informazioni sul ripristino di emergenza, vedere https://aka.ms/asr-doc. auditIfNotExists 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1272 - Sito di elaborazione alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1273 - Sito di elaborazione alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1274 - Sito di elaborazione alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Separazione dal sito primario

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-7 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1275 - Sito di elaborazione alternativo | Separazione dal sito primario Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Accessibilità

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-7 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1276 - Sito di elaborazione alternativo | Accessibilità Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Priorità del servizio

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-7 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1277 - Sito di elaborazione alternativo | Priorità del servizio Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Preparazione all'uso

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-7 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1278 - Sito di elaborazione alternativo | Preparazione per l'uso Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Servizi di telecomunicazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-8 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1279 - Servizi di telecomunicazione Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Priorità delle disposizioni del servizio

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-8 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1280 - Servizi di telecomunicazione | Disposizioni di priorità del servizio Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1281 - Servizi di telecomunicazione | Disposizioni di priorità del servizio Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Singoli punti di guasto

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-8 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1282 - Servizi di telecomunicazione | Singoli punti di errore Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Separazione dei provider primari / alternativi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-8 (3) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1283 - Servizi di telecomunicazione | Separazione dei provider primario/alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Piano di emergenza del provider

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-8 (4) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1284 - Servizi di telecomunicazione | Piano di emergenza del provider Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1285 - Servizi di telecomunicazione | Piano di emergenza del provider Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1286 - Servizi di telecomunicazione | Piano di emergenza del provider Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Backup del sistema informativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-9 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
La soluzione Backup di Azure deve essere abilitata per le macchine virtuali È possibile garantire la protezione delle macchine virtuali di Azure abilitando Backup di Azure. Backup di Azure è una soluzione di protezione dei dati per Azure sicura e conveniente. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per MariaDB Il database di Azure per MariaDB consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per MySQL Il database di Azure per MySQL consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
Il backup con ridondanza geografica deve essere abilitato per i database di Azure per PostgreSQL Il database di Azure per PostgreSQL consente di scegliere l'opzione di ridondanza per il server di database. Può essere impostato sull'archiviazione di backup con ridondanza geografica in cui i dati non solo vengono archiviati all'interno dell'area in cui è ospitato il server, ma vengono anche replicati in un'area associata per fornire un'opzione di ripristino in caso di errore di un'area. La configurazione dell'archiviazione con ridondanza geografica per il backup è consentita solo durante la creazione del server. Audit, Disabled 1.0.1
È consigliabile che la protezione dall'eliminazione sia abilitata per gli insiemi di credenziali delle chiavi L'eliminazione dolosa di un insieme di credenziali delle chiavi può causare la perdita permanente di dati. È possibile evitare la perdita permanente dei dati abilitando la protezione dall'eliminazione temporanea e l'eliminazione temporanea. La protezione dalla rimozione definitiva consente di rispondere a questi tipi di attacco imponendo un periodo di conservazione obbligatorio per gli insiemi di credenziali delle chiavi eliminati temporaneamente. Nessuno all'interno dell'organizzazione né Microsoft sarà in grado di rimuovere definitivamente gli insiemi di credenziali delle chiavi durante il periodo di conservazione associato all'eliminazione temporanea. Tenere presente che gli insiemi di credenziali delle chiavi creati dopo il 1° settembre 2019 hanno l'eliminazione temporanea abilitata per impostazione predefinita. Audit, Deny, Disabled 2.1.0
Negli insiemi di credenziali delle chiavi deve essere abilitata la funzionalità di eliminazione temporanea L'eliminazione di un insieme di credenziali delle chiavi senza eliminazione temporanea abilitata elimina definitivamente tutti i segreti, le chiavi e i certificati archiviati nell'insieme di credenziali delle chiavi. L'eliminazione accidentale di un insieme di credenziali delle chiavi può causare la perdita permanente di dati. L'eliminazione temporanea consente di ripristinare un insieme di credenziali delle chiavi eliminato accidentalmente per un periodo di conservazione configurabile. Audit, Deny, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1287 - Backup del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1288 - Backup del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1289 - Backup del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1290 - Backup del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Test per affidabilità / integrità

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-9 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1291 - Backup del sistema informativo | Test di affidabilità/integrità Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Ripresa del test usando il campione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-9 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1292 - Backup del sistema informativo | Test del ripristino tramite campionamento Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Spazio di archiviazione separato per le informazioni critiche

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-9 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1293 - Backup del sistema informativo | Archiviazione separata per le informazioni critiche Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Trasferimento in un sito di archiviazione alternativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-9 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1294 - Backup del sistema informativo | Trasferimento a un sito di archiviazione alternativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Ripristino e ricostituzione del sistema informativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-10 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1295 - Ripristino e ricostituzione del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Recupero delle transazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-10 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1296 - Ripristino e ricostituzione del sistema informativo | Ripristino delle transazioni Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Ripristinare entro un periodo di tempo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 CP-10 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1297 - Ripristino e ricostituzione del sistema informativo | Periodo di tempo per il ripristino Microsoft implementa questo controllo di Piano di emergenza controllo 1.0.0

Identificazione e autenticazione

Procedure e criteri di identificazione e autenticazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1298 - Procedure e criteri di identificazione e autenticazione Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1299 - Procedure e criteri di identificazione e autenticazione Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Identificazione e autenticazione (utenti dell'organizzazione)

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Per gli account con autorizzazioni di proprietario nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con autorizzazioni di proprietario per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Per gli account con autorizzazioni di lettura nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con privilegi di lettura per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Per gli account con autorizzazioni di scrittura nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con privilegi di scrittura per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
È consigliabile effettuare il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per i server SQL Controlla il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per il server SQL per abilitare l'autenticazione di Azure AD. L'autenticazione di Azure AD consente una gestione semplificata delle autorizzazioni e una gestione centralizzata delle identità di utenti di database e di altri servizi Microsoft AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le app del servizio app devono usare l'identità gestita Usare un'identità gestita per la protezione avanzata dell'autenticazione AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le risorse di Servizi di Azure AI devono avere l'accesso alla chiave disabilitato (disabilitare l'autenticazione locale) È consigliabile disabilitare l'accesso alla chiave (autenticazione locale) per la sicurezza. Azure OpenAI Studio, in genere usato in fase di sviluppo/test, richiede l'accesso alle chiavi e non funzionerà se l'accesso alla chiave è disabilitato. Dopo la disabilitazione, Microsoft Entra ID diventa l'unico metodo di accesso, che consente di mantenere il principio dei privilegi minimi e il controllo granulare. Per altre informazioni, vedere: https://aka.ms/AI/auth Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Le app per le funzioni devono usare l'identità gestita Usare un'identità gestita per la protezione avanzata dell'autenticazione AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1300 - Identificazione e autenticazione utenti Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
I cluster di Service Fabric deve usare solo Azure Active Directory per l'autenticazione client Controlla l'utilizzo dell'autenticazione client solo tramite Azure Active Directory in Service Fabric Audit, Deny, Disabled 1.1.0

Accesso di rete ad account privilegiati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Per gli account con autorizzazioni di proprietario nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con autorizzazioni di proprietario per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Per gli account con autorizzazioni di scrittura nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con privilegi di scrittura per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1301 - Identificazione e autenticazione utenti | Accesso alla rete per account con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accesso di rete ad account senza privilegi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Per gli account con autorizzazioni di lettura nelle risorse di Azure deve essere abilitata l'autenticazione a più fattori È necessario abilitare Multi-Factor Authentication (MFA) per tutti gli account della sottoscrizione con privilegi di lettura per evitare una violazione di account o risorse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1302 - Identificazione e autenticazione utenti | Accesso alla rete per account senza privilegi Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accesso locale ad account privilegiati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1303 - Identificazione e autenticazione utenti | Accesso locale per account con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accesso locale per account senza privilegi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (4) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1304 - Identificazione e autenticazione utenti | Accesso locale per account senza privilegi Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Autenticazione di gruppo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1305 - Identificazione e autenticazione utenti | Autenticazione di gruppo Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accesso di rete per account con privilegi - Resistente alla riproduzione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (8) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1306 - Identificazione e autenticazione utenti | Accesso alla rete per account con privilegi - Replay... Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accesso alla rete per account senza privilegi - Resistente alla riproduzione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (9) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1307 - Identificazione e autenticazione utenti | Accesso alla rete per account senza privilegi - Replay... Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accesso remoto - Dispositivo separato

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (11) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1308 - Identificazione e autenticazione utenti | Accesso remoto - Dispositivo separato Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accettazione delle credenziali PIV

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-2 (12) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1309 - Identificazione e autenticazione utenti | Accettazione di credenziali Piv Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Identificazione e autenticazione dei dispositivi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-3 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1310 - Identificazione e autenticazione dei dispositivi Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Gestione identificatori

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
È consigliabile effettuare il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per i server SQL Controlla il provisioning di un amministratore di Azure Active Directory per il server SQL per abilitare l'autenticazione di Azure AD. L'autenticazione di Azure AD consente una gestione semplificata delle autorizzazioni e una gestione centralizzata delle identità di utenti di database e di altri servizi Microsoft AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le app del servizio app devono usare l'identità gestita Usare un'identità gestita per la protezione avanzata dell'autenticazione AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le risorse di Servizi di Azure AI devono avere l'accesso alla chiave disabilitato (disabilitare l'autenticazione locale) È consigliabile disabilitare l'accesso alla chiave (autenticazione locale) per la sicurezza. Azure OpenAI Studio, in genere usato in fase di sviluppo/test, richiede l'accesso alle chiavi e non funzionerà se l'accesso alla chiave è disabilitato. Dopo la disabilitazione, Microsoft Entra ID diventa l'unico metodo di accesso, che consente di mantenere il principio dei privilegi minimi e il controllo granulare. Per altre informazioni, vedere: https://aka.ms/AI/auth Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Le app per le funzioni devono usare l'identità gestita Usare un'identità gestita per la protezione avanzata dell'autenticazione AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1311 - Gestione identificatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1312 - Gestione identificatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1313 - Gestione identificatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1314 - Gestione identificatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1315 - Gestione identificatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
I cluster di Service Fabric deve usare solo Azure Active Directory per l'autenticazione client Controlla l'utilizzo dell'autenticazione client solo tramite Azure Active Directory in Service Fabric Audit, Deny, Disabled 1.1.0

Identificare lo stato utente

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-4 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1316 - Gestione identificatori | Identificazione dello stato utente Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Gestione autenticatori

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali senza identità Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest ma che non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali con un'identità assegnata dall'utente Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest e che hanno almeno un'identità assegnata dall'utente, ma non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Controlla i computer Linux in cui le autorizzazioni per il file passwd non sono impostate su 0644 Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer saranno non conformi se nei computer Linux le autorizzazioni per il file passwd non sono impostate su 0644 AuditIfNotExists, Disabled 1.4.0
Controlla i computer Windows che non archiviano le password usando la crittografia reversibile Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer saranno non conformi se i computer Windows non archiviano le password usando la crittografia reversibile AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Linux per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Linux Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Linux nelle macchine virtuali Linux ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Linux è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Linux e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Linux. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.4.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Windows per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Windows Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Windows nelle macchine virtuali Windows ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Windows è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Windows e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Windows. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.2.0
Controllo gestito da Microsoft 1317 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1318 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1319 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1320 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1321 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1322 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1323 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1324 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1325 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1326 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Autenticazione basata su password

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali senza identità Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest ma che non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Aggiungi l'identità gestita assegnata dal sistema per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali con un'identità assegnata dall'utente Questo criterio aggiunge un'identità gestita assegnata dal sistema alle macchine virtuali ospitate in Azure supportate da Configurazione guest e che hanno almeno un'identità assegnata dall'utente, ma non hanno un'identità gestita assegnata dal sistema. Un'identità gestita assegnata dal sistema è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest e deve essere aggiunta ai computer prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. modify 1.3.0
Controlla i computer Linux in cui le autorizzazioni per il file passwd non sono impostate su 0644 Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer saranno non conformi se nei computer Linux le autorizzazioni per il file passwd non sono impostate su 0644 AuditIfNotExists, Disabled 1.4.0
Controlla i computer Windows che consentono il riutilizzo delle password dopo il numero specificato di password univoche Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. Le macchine non sono conformi se si tratta di macchine Windows che consentono il riutilizzo delle password dopo il numero specificato di password uniche. Il valore predefinito per le password univoche è 24 AuditIfNotExists, Disabled 1.1.0
Controlla i computer Windows che non hanno la validità massima della password impostata sul numero specificato di giorni Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer non sono conformi se i computer Windows che non hanno la validità massima della password impostata sul numero di giorni specificato. Il valore predefinito per la validità massima della password è 70 giorni AuditIfNotExists, Disabled 1.1.0
Controlla i computer Windows che non hanno la validità minima della password impostata sul numero specificato di giorni Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer non sono conformi se i computer Windows che non hanno la validità minima della password impostata sul numero specificato di giorni. Il valore predefinito per l'età minima della password è 1 giorno AuditIfNotExists, Disabled 1.1.0
Controlla i computer Windows in cui non è abilitata l'impostazione relativa alla complessità della password Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer saranno non conformi se nei computer Windows non è abilitata l'impostazione relativa alla complessità della password AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Controlla i computer Windows in cui la lunghezza minima della password non è limitata a un numero specificato di caratteri Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. Non sono conformi le macchine Windows che non limitano la lunghezza minima della password al numero di caratteri specificato. Il valore predefinito per la lunghezza minima della password è di 14 caratteri AuditIfNotExists, Disabled 1.1.0
Controlla i computer Windows che non archiviano le password usando la crittografia reversibile Richiede che i prerequisiti vengano distribuiti nell'ambito dell'assegnazione dei criteri. Per informazioni dettagliate, vedere https://aka.ms/gcpol. I computer saranno non conformi se i computer Windows non archiviano le password usando la crittografia reversibile AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Linux per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Linux Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Linux nelle macchine virtuali Linux ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Linux è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Linux e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Linux. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.4.0
Distribuisci l'estensione Configurazione guest Windows per abilitare le assegnazioni di Configurazione guest nelle macchine virtuali Windows Questo criterio distribuisce l'estensione Configurazione guest di Windows nelle macchine virtuali Windows ospitate in Azure supportate da Configurazione guest. L'estensione Configurazione guest di Windows è un prerequisito per tutte le assegnazioni di Configurazione guest di Windows e deve essere distribuita nelle macchine virtuali prima di usare qualsiasi definizione di criteri di Configurazione guest di Windows. Per altre informazioni su Configurazione guest, vedere https://aka.ms/gcpol. deployIfNotExists 1.2.0
Controllo gestito da Microsoft 1327 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su password Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1328 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su password Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1329 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su password Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1330 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su password Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1331 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su password Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1332 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su password Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Autenticazione basata su PKI

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1333 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su Pki Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1334 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su Pki Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1335 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su Pki Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1336 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su Pki Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Registrazione di persona o di terze parti attendibili

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1337 - Gestione autenticatori | Registrazione di persona o di terzi attendibili Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Supporto automatizzato per la determinazione della complessità della password

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1338 - Gestione autenticatori | Supporto automatizzato per la determinazione della complessità della password Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Protezione degli autenticatori

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (6) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1339 - Gestione autenticatori | Protezione degli autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Nessuna autenticazione statica non crittografata incorporata

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (7) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1340 - Gestione autenticatori | Nessun autenticatore statico non crittografato incorporato Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Account multipli del sistema informativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (8) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1341 - Gestione autenticatori | Account del sistema informativo multipli Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Autenticazione basata su token hardware

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (11) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1342 - Gestione autenticatori | Autenticazione basata su token hardware Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Scadenza degli authenticator memorizzati nella cache

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-5 (13) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1343 - Gestione autenticatori | Scadenza degli autenticatori memorizzati nella cache Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Commenti e suggerimenti sugli autenticatori

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1344 - Gestione autenticatori Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Autenticazione del modulo di crittografia

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1345 - Autenticazione del modulo di crittografia Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Identificazione e autenticazione (Utenti non appartenenti all'organizzazione)

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-8 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1346 - Identificazione e autenticazione (Utenti non appartenenti all'organizzazione) Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accettazione delle credenziali di PIV da altri enti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-8 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1347 - Identificazione e autenticazione (utenti non appartenenti all’organizzazione) | Accettazione di credenziali Piv... Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Accettazione delle credenziali di terze parti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-8 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1348 - Identificazione e autenticazione (utenti non appartenenti all’organizzazione) | Accettazione di terzi... Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Uso dei prodotti approvati da Ficam

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-8 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1349 - Identificazione e autenticazione (utenti non appartenenti all’organizzazione) | Uso di prodotti approvati Ficam Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Uso di profili rilasciati da Ficam

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IA-8 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1350 - Identificazione e autenticazione (utenti non appartenenti all’organizzazione) | Uso di profili emessi da Ficam Microsoft implementa questo controllo di Identificazione e autenticazione controllo 1.0.0

Risposta all'incidente

Procedure e criteri di risposta agli incidenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1351 - Procedure e criteri di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1352 - Procedure e criteri di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Formazione in materia di risposta agli eventi imprevisti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1353 - Formazione in materia di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1354 - Formazione in materia di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1355 - Formazione in materia di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Eventi simulati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-2 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1356 - Formazione in materia di risposta agli incidenti | Eventi simulati Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Ambienti di training automatizzati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-2 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1357 - Formazione in materia di risposta agli eventi imprevisti | Ambienti di formazione automatizzati Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Test sulla risposta agli eventi imprevisti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1358 - Test sulla risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-3 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1359 - Test sulla risposta agli incidenti | Coordinamento con i piani correlati Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Gestione degli eventi imprevisti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
È consigliabile abilitare le notifiche di posta elettronica per gli avvisi con gravità alta Per garantire che le persone pertinenti all'interno dell'organizzazione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza in una delle sottoscrizioni, abilitare l'invio delle notifiche tramite posta elettronica per gli avvisi con gravità elevata nel Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1
È consigliabile abilitare le notifiche di posta elettronica al proprietario della sottoscrizione per gli avvisi con gravità alta Per garantire che i proprietari della sottoscrizione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza nella sottoscrizione, impostare l'invio delle notifiche tramite posta elettronica ai proprietari della sottoscrizione per gli avvisi con gravità elevata nel Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1360 - Gestione degli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1361 - Gestione degli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1362 - Gestione degli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Per le sottoscrizioni deve essere impostato un indirizzo di posta elettronica di contatto per i problemi relativi alla sicurezza Per garantire che le persone pertinenti all'interno dell'organizzazione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza in una delle sottoscrizioni, impostare un contatto di sicurezza per la ricezione delle notifiche tramite posta elettronica dal Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1

Processi automatizzati di gestione degli eventi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-4 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1363 - Gestione degli incidenti | Processi di gestione degli incidenti automatici Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Riconfigurazione dinamica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-4 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1364 - Gestione degli incidenti | Riconfigurazione dinamica Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Continuità delle operazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-4 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1365 - Gestione degli incidenti | Continuità delle operazioni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Correlazione delle informazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-4 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1366 - Gestione degli incidenti | Correlazione delle informazioni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Minacce interne - Funzionalità specifiche

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-4 (6) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1367 - Gestione degli incidenti | Minacce interne - Funzionalità specifiche Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Correlazione con organizzazioni esterne

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-4 (8) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1368 - Gestione degli incidenti | Correlazione con organizzazioni esterne Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Monitoraggio degli eventi imprevisti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
È consigliabile abilitare le notifiche di posta elettronica per gli avvisi con gravità alta Per garantire che le persone pertinenti all'interno dell'organizzazione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza in una delle sottoscrizioni, abilitare l'invio delle notifiche tramite posta elettronica per gli avvisi con gravità elevata nel Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1
È consigliabile abilitare le notifiche di posta elettronica al proprietario della sottoscrizione per gli avvisi con gravità alta Per garantire che i proprietari della sottoscrizione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza nella sottoscrizione, impostare l'invio delle notifiche tramite posta elettronica ai proprietari della sottoscrizione per gli avvisi con gravità elevata nel Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1369 - Monitoraggio degli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Per le sottoscrizioni deve essere impostato un indirizzo di posta elettronica di contatto per i problemi relativi alla sicurezza Per garantire che le persone pertinenti all'interno dell'organizzazione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza in una delle sottoscrizioni, impostare un contatto di sicurezza per la ricezione delle notifiche tramite posta elettronica dal Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1

Tracciamento / Raccolta dati / Analisi automatizzati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-5 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1370 - Monitoraggio degli incidenti | Rilevamento automatico/Raccolta dei dati/Analisi Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Creazione di report sugli eventi imprevisti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-6 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1371 - Creazione di report sugli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1372 - Creazione di report sugli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Creazione di report automatizzata

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-6 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1373 - Creazione di report sugli incidenti | Creazione di report automatica Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-6 (2) Proprietà: Cliente

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
È consigliabile abilitare le notifiche di posta elettronica per gli avvisi con gravità alta Per garantire che le persone pertinenti all'interno dell'organizzazione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza in una delle sottoscrizioni, abilitare l'invio delle notifiche tramite posta elettronica per gli avvisi con gravità elevata nel Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1
È consigliabile abilitare le notifiche di posta elettronica al proprietario della sottoscrizione per gli avvisi con gravità alta Per garantire che i proprietari della sottoscrizione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza nella sottoscrizione, impostare l'invio delle notifiche tramite posta elettronica ai proprietari della sottoscrizione per gli avvisi con gravità elevata nel Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Per le sottoscrizioni deve essere impostato un indirizzo di posta elettronica di contatto per i problemi relativi alla sicurezza Per garantire che le persone pertinenti all'interno dell'organizzazione ricevano una notifica in caso di potenziale violazione della sicurezza in una delle sottoscrizioni, impostare un contatto di sicurezza per la ricezione delle notifiche tramite posta elettronica dal Centro sicurezza. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1

Assistenza nella risposta agli eventi imprevisti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1374 - Assistenza nella risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Supporto dell'automazione per disponibilità di informazioni/supporto

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-7 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1375 - Assistenza nella risposta agli eventi imprevisti | Supporto automatico alla disponibilità di informazioni/Supporto Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Coordinamento con provider esterni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-7 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1376 - Assistenza nella risposta agli incidenti | Coordinamento con provider esterni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1377 - Assistenza nella risposta agli incidenti | Coordinamento con provider esterni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Piano di risposta agli eventi imprevisti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-8 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1378 - Piano di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1379 - Piano di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1380 - Piano di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1381 - Piano di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1382 - Piano di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1383 - Piano di risposta agli eventi imprevisti Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Risposta alla perdita di informazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-9 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1384 - Risposta alla perdita di informazioni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1385 - Risposta alla perdita di informazioni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1386 - Risposta alla perdita di informazioni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1387 - Risposta alla perdita di informazioni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1388 - Risposta alla perdita di informazioni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1389 - Risposta alla perdita di informazioni Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Personale responsabile

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-9 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1390 - Risposta alla perdita di informazioni | Personale responsabile Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Formazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-9 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1391 - Risposta alla perdita di informazioni | Formazione Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Operazioni successive alla perdita di informazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-9 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1392 - Risposta alla perdita di informazioni | Operazioni successive alla perdita Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Esposizione a personale non autorizzato

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 IR-9 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1393 - Risposta alla perdita di informazioni | Esposizione a personale non autorizzato Microsoft implementa questo controllo di Risposta agli eventi imprevisti controllo 1.0.0

Gestione

Procedure e criteri di manutenzione dei sistemi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1394 - Procedure e criteri di manutenzione dei sistemi Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1395 - Procedure e criteri di manutenzione dei sistemi Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Manutenzione controllata

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1396 - Manutenzione controllata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1397 - Manutenzione controllata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1398 - Manutenzione controllata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1399 - Manutenzione controllata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1400 - Manutenzione controllata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1401 - Manutenzione controllata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Attività di manutenzione automatizzata

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-2 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1402 - Manutenzione controllata | Attività di manutenzione automatizzate Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1403 - Manutenzione controllata | Attività di manutenzione automatizzate Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Strumenti di manutenzione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1404 - Strumenti di manutenzione Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Strumenti di controllo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-3 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1405 - Strumenti di manutenzione | Strumenti di ispezione Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Controllare supporti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-3 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1406 - Strumenti di manutenzione | Supporti di ispezione Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Impedire rimozione non autorizzata

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-3 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1407 - Strumenti di manutenzione | Prevenzione della rimozione non autorizzata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1408 - Strumenti di manutenzione | Prevenzione della rimozione non autorizzata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1409 - Strumenti di manutenzione | Prevenzione della rimozione non autorizzata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1410 - Strumenti di manutenzione | Prevenzione della rimozione non autorizzata Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Manutenzione non locale

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1411 - Manutenzione remota Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1412 - Manutenzione remota Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1413 - Manutenzione remota Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1414 - Manutenzione remota Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1415 - Manutenzione remota Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Manutenzione non locale dei documenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-4 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1416 - Manutenzione remota | Documentare la manutenzione remota Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Sicurezza/Sanitizzazione analoghe

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-4 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1417 - Manutenzione remota | Bonifica / Sicurezza comparabile Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1418 - Manutenzione remota | Bonifica / Sicurezza comparabile Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Protezione crittografica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-4 (6) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1419 - Manutenzione non locale | Protezione crittografica Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Personale addetto alla manutenzione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1420 - Personale addetto alla manutenzione Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1421 - Personale addetto alla manutenzione Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1422 - Personale addetto alla manutenzione Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Utenti senza accesso appropriato

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-5 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1423 - Personale di manutenzione | Individui senza accesso appropriato Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1424 - Personale di manutenzione | Individui senza accesso appropriato Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Manutenzione tempestiva

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MA-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1425 - Manutenzione tempestiva Microsoft implementa questo controllo di Manutenzione controllo 1.0.0

Protezione dei supporti

Procedure e criteri di protezione dei supporti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1426 - Procedure e criteri di protezione dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1427 - Procedure e criteri di protezione dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Accesso ai file multimediali

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1428 - Accesso ai supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Contrassegno dei supporti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1429 - Etichettatura dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1430 - Etichettatura dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Conservazione dei supporti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1431 - Conservazione dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1432 - Conservazione dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Trasporto dei supporti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1433 - Trasporto dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1434 - Trasporto dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1435 - Trasporto dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1436 - Trasporto dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Protezione crittografica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-5 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1437 - Trasporto dei supporti | Protezione crittografica Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Purificazione dei supporti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-6 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1438 - Bonifica e smaltimento dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1439 - Bonifica e smaltimento dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Revisione/Approvazione/Tracciamento/Documento/Verifica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-6 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1440 - Bonifica e smaltimento dei supporti | Rivedere / Approvare / Tracciare / Documentare / Verificare Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Test delle apparecchiature

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-6 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1441 - Bonifica e smaltimento dei supporti | Test delle apparecchiature Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Tecniche non distruttive

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-6 (3) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1442 - Bonifica e smaltimento dei supporti | Tecniche non distruttive Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Uso dei supporti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1443 - Uso dei supporti Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Impedire l'uso senza proprietario

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 MP-7 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1444 - Uso dei supporti | Proibire l'uso senza il proprietario Microsoft implementa questo controllo di Protezione dei supporti controllo 1.0.0

Protezione fisica e dell'ambiente

Criteri e procedure di protezione fisica e ambientale

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1445 - Criteri e procedure di protezione fisica e ambientale Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1446 - Criteri e procedure di protezione fisica e ambientale Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Autorizzazioni di accesso fisico

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1447 - Autorizzazioni di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1448 - Autorizzazioni di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1449 - Autorizzazioni di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1450 - Autorizzazioni di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Controllo dell'accesso fisico

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1451 - Controllo di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1452 - Controllo di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1453 - Controllo di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1454 - Controllo di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1455 - Controllo di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1456 - Controllo di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1457 - Controllo di accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Accesso al sistema informativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-3 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1458 - Controllo di accesso fisico | Accesso al sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Controllo degli accessi per mezzi di trasmissione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1459 - Controllo di accesso per mezzi di trasmissione Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Controllo degli accessi per dispositivi di output

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1460 - Controllo di accesso per dispositivi di output Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Monitoraggio dell'accesso fisico

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-6 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1461 - Monitoraggio dell'accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1462 - Monitoraggio dell'accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1463 - Monitoraggio dell'accesso fisico Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Allarmi intrusioni/dispositivi di sorveglianza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-6 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1464 - Monitoraggio dell'accesso fisico | Allarmi di intrusione/apparecchiature di sorveglianza Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Monitoraggio dell'accesso fisico ai sistemi informativi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-6 (4) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1465 - Monitoraggio dell'accesso fisico | Monitoraggio dell'accesso fisico ai sistemi informativi Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Record di accesso dei visitatori

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-8 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1466 - Record di accesso dei visitatori Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1467 - Record di accesso dei visitatori Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Manutenzione / Revisione automatizzate dei record

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-8 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1468 - Record di accesso dei visitatori | Manutenzione / Revisione automatizzate dei record Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Apparecchiature di alimentazione e cavi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-9 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1469 - Apparecchiature di alimentazione e cavi Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Arresto di emergenza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-10 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1470 - Arresto di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1471 - Arresto di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1472 - Arresto di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Alimentazione di emergenza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-11 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1473 - Alimentazione di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Alimentazione alternativa a lungo termine - Funzionalità operativa minima

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-11 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1474 - Alimentazione di emergenza | Alimentazione alternativa a lungo termine - Capacità operativa minima Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Illuminazione di emergenza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-12 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1475 - Illuminazione di emergenza Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Protezione antincendio

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-13 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1476 - Protezione antincendio Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Dispositivi/sistemi di rilevamento

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-13 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1477 - Protezione antincendio | Dispositivi / Sistemi di rilevamento Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Dispositivi/Sistemi di eliminazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-13 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1478 - Protezione antincendio | Dispositivi / Sistemi di estinzione Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Soppressione automatica degli incendi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-13 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1479 - Protezione antincendio | Estinzione automatica di incendi Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Controlli di temperatura e umidità

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-14 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1480 - Controlli di temperatura e umidità Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1481 - Controlli di temperatura e umidità Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Monitoraggio con allarmi/notifiche

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-14 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1482 - Controlli di temperatura e umidità | Monitoraggio con allarmi / notifiche Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Protezione dai danni idrici

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-15 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1483 - Protezione da danni idrici Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

supporto di automazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-15 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1484 - Protezione da danni idrici | Supporto automazione Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Recapito e rimozione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-16 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1485 - Recapito e rimozione Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Sede di lavoro alternativa

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-17 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1486 - Sede di lavoro alternativa Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1487 - Sede di lavoro alternativa Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1488 - Sede di lavoro alternativa Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Collocazione dei componenti del sistema informativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PE-18 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1489 - Collocazione dei componenti del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Protezione fisica e ambientale controllo 1.0.0

Pianificazione

Procedure e criteri di pianificazione della sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PL-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1490 - Procedure e criteri di pianificazione della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1491 - Procedure e criteri di pianificazione della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0

Piano di sicurezza del sistema

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PL-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1492 - Piano di sicurezza del sistema Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1493 - Piano di sicurezza del sistema Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1494 - Piano di sicurezza del sistema Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1495 - Piano di sicurezza del sistema Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1496 - Piano di sicurezza del sistema Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0

Pianificare e coordinare con altre entità organizzative

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PL-2 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1497 - Piano di sicurezza del sistema | Piano / Coordinamento con altre entità organizzative Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0

Regole di comportamento

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PL-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1498 - Regole di comportamento Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1499 - Regole di comportamento Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1500 - Regole di comportamento Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1501 - Regole di comportamento Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0

Limitazioni sui social media e di rete

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PL-4 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1502 - Regole di comportamento | Restrizioni di rete e social media Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0

Architettura di sicurezza delle informazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PL-8 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1503 - Architettura di sicurezza delle informazioni Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1504 - Architettura di sicurezza delle informazioni Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1505 - Architettura di sicurezza delle informazioni Microsoft implementa questo controllo di Pianificazione controllo 1.0.0

Sicurezza del personale

Procedure e criteri di sicurezza del personale

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1506 - Procedure e criteri di sicurezza del personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1507 - Procedure e criteri di sicurezza del personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Designazione del rischio della posizione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1508 - Categorizzazione della posizione Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1509 - Categorizzazione della posizione Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1510 - Categorizzazione della posizione Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Screening del personale

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1511 - Screening del personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1512 - Screening del personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Informazioni con misure di protezione speciali

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-3 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1513 - Screening del personale | Informazioni con misure di protezione speciali Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1514 - Screening del personale | Informazioni con misure di protezione speciali Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Cessazione dell'incarico

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1515 - Cessazione dell'incarico Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1516 - Cessazione dell'incarico Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1517 - Cessazione dell'incarico Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1518 - Cessazione dell'incarico Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1519 - Cessazione dell'incarico Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1520 - Cessazione dell'incarico Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Notifica automatica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-4 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1521 - Licenziamento del personale | Notifica automatica Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Trasferimento di personale

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1522 - Trasferimento di personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1523 - Trasferimento di personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1524 - Trasferimento di personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1525 - Trasferimento di personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Accordi di accesso

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1526 - Accordi di accesso Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1527 - Accordi di accesso Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1528 - Accordi di accesso Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Sicurezza del personale di terze parti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1529 - Sicurezza del personale di terze parti Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1530 - Sicurezza del personale di terze parti Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1531 - Sicurezza del personale di terze parti Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1532 - Sicurezza del personale di terze parti Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1533 - Sicurezza del personale di terze parti Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Sanzioni al personale

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 PS-8 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1534 - Sanzioni al personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1535 - Sanzioni al personale Microsoft implementa questo controllo di Sicurezza del personale controllo 1.0.0

Valutazione dei rischi

Criteri e procedure per la valutazione dei rischi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1536 - Criteri e procedure per la valutazione dei rischi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1537 - Criteri e procedure per la valutazione dei rischi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Categorizzazione di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1538 - Categorizzazione di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1539 - Categorizzazione di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1540 - Categorizzazione di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Valutazione dei rischi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1541 - Valutazione dei rischi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1542 - Valutazione dei rischi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1543 - Valutazione dei rischi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1544 - Valutazione dei rischi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1545 - Valutazione dei rischi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Analisi vulnerabilità

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Azure Defender per i server di database SQL di Azure deve essere abilitato Azure Defender per SQL fornisce funzionalità per l'individuazione e la mitigazione di potenziali vulnerabilità del database, il rilevamento di attività anomale che possono indicare minacce ai database SQL e l'individuazione e la classificazione di dati sensibili. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Azure Defender per Resource Manager deve essere abilitato Azure Defender per Resource Manager monitora automaticamente tutte le operazioni di gestione risorse eseguite nell'organizzazione. Azure Defender rileva minacce e avvisi relativi alle attività sospette. Altre informazioni sulle funzionalità di Azure Defender per Resource Manager sono disponibili all'indirizzo https://aka.ms/defender-for-resource-manager. L'abilitazione di questo piano di Azure Defender comporta degli addebiti. Informazioni sui dettagli sui prezzi per area nella pagina dei prezzi del Centro sicurezza: https://aka.ms/pricing-security-center. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per i server Azure SQL non protetti Controlla server SQL senza Sicurezza dei dati avanzata AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
Azure Defender per SQL deve essere abilitato per le Istanze gestite di SQL non protette Controlla ogni istanza gestita di SQL senza Sicurezza dei dati avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Microsoft Defender per contenitori deve essere abilitato Microsoft Defender per contenitori offre protezione avanzata, valutazione della vulnerabilità e protezione in fase di esecuzione per gli ambienti Kubernetes Azure, ibrido e multi-cloud. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Microsoft Defender per l'archiviazione (versione classica) deve essere abilitato Microsoft Defender per Archiviazione (versione classica) offre il rilevamento di tentativi insoliti e potenzialmente dannosi di accesso o sfruttamento degli account di archiviazione. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.4
Controllo gestito da Microsoft 1546 - Analisi delle vulnerabilità Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1547 - Analisi delle vulnerabilità Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1548 - Analisi delle vulnerabilità Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1549 - Analisi delle vulnerabilità Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1550 - Analisi delle vulnerabilità Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0
I risultati delle vulnerabilità devono essere risolti nei database SQL Consente di monitorare i consigli e i risultati dell'analisi della valutazione della vulnerabilità per informazioni su come correggere le vulnerabilità del database. AuditIfNotExists, Disabled 4.1.0
I risultati delle vulnerabilità devono essere risolti nei server SQL Valutazione della vulnerabilità di SQL analizza il database per individuare vulnerabilità a livello di sicurezza ed espone eventuali scostamenti dalle procedure consigliate, ad esempio configurazioni errate, autorizzazioni eccessive e dati sensibili non protetti. La risoluzione delle vulnerabilità rilevate può migliorare significativamente il comportamento di sicurezza del database. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
È consigliabile correggere le vulnerabilità nelle configurazioni della sicurezza dei contenitori Verifica le vulnerabilità nella configurazione della sicurezza nei computer in cui è installato Docker e le visualizza come raccomandazioni nel Centro sicurezza di Azure. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le vulnerabilità nella configurazione di sicurezza delle macchine devono essere risolte I server che non soddisfano la baseline configurata verranno monitorati dal Centro sicurezza di Azure che invierà i consigli corrispondenti AuditIfNotExists, Disabled 3.1.0
Le vulnerabilità nella configurazione di sicurezza dei set di scalabilità di macchine virtuali devono essere risolte Controlla le vulnerabilità del sistema operativo nei set di scalabilità di macchine virtuali per proteggerli da attacchi. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
La valutazione della vulnerabilità deve essere abilitata nell'istanza gestita di SQL Controlla ogni istanza gestita di SQL in cui non sono abilitate analisi di valutazione della vulnerabilità ricorrenti. La valutazione della vulnerabilità consente di individuare, monitorare e risolvere le potenziali vulnerabilità del database. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.1
È consigliabile abilitare la valutazione della vulnerabilità nei server SQL Controllare i server di Azure SQL in cui non è stata configurata adeguatamente la valutazione della vulnerabilità. La valutazione della vulnerabilità consente di individuare, monitorare e risolvere le potenziali vulnerabilità del database. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
La soluzione Valutazione della vulnerabilità deve essere abilitata nelle aree di lavoro Synapse Consente di individuare, tenere traccia e correggere potenziali vulnerabilità configurando analisi di valutazione delle vulnerabilità SQL ricorrenti nelle aree di lavoro Synapse. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0

Capacità dello strumento di aggiornamento

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1551 - Analisi delle vulnerabilità | Funzionalità dello strumento di aggiornamento Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Aggiornamento in base a frequenza/prima della nuova analisi/quando viene identificato

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1552 - Analisi delle vulnerabilità | Aggiornamento per frequenza/prima di nuova analisi/quando identificato Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Ampiezza/profondità della copertura

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1553 - Analisi delle vulnerabilità | Ampiezza/profondità della copertura Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Informazioni individuabili

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1554 - Analisi delle vulnerabilità | Informazioni individuabili Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Accesso con privilegi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1555 - Analisi delle vulnerabilità | Accesso con privilegi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Analisi automatizzata delle tendenze

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 (6) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1556 - Analisi delle vulnerabilità | Analisi di tendenza automatizzate Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Esaminare i log di audit cronologici

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 (8) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1557 - Analisi delle vulnerabilità | Esaminare i log di controllo cronologici Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Correlare le informazioni per l'analisi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 RA-5 (10) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1558 - Analisi delle vulnerabilità | Correlazione delle informazioni sull'analisi Microsoft implementa questo controllo di Valutazione dei rischi controllo 1.0.0

Acquisizione del sistema e dei servizi

Criteri e procedure per l'acquisizione del sistema e dei servizi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1559 - Criteri e procedure per l'acquisizione del sistema e dei servizi Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1560 - Criteri e procedure per l'acquisizione del sistema e dei servizi Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Allocazione delle risorse

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1561 - Allocazione delle risorse Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1562 - Allocazione delle risorse Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1563 - Allocazione delle risorse Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Ciclo di vita dello sviluppo del sistema

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1564 - Ciclo di vita dello sviluppo del sistema Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1565 - Ciclo di vita dello sviluppo del sistema Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1566 - Ciclo di vita dello sviluppo del sistema Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1567 - Ciclo di vita dello sviluppo del sistema Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Processo di acquisizione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-4 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1568 - Processo di acquisizioni Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1569 - Processo di acquisizioni Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1570 - Processo di acquisizioni Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1571 - Processo di acquisizioni Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1572 - Processo di acquisizioni Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1573 - Processo di acquisizioni Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1574 - Processo di acquisizioni Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Proprietà funzionali dei controlli di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-4 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1575 - Processo di acquisizioni | Proprietà funzionali dei controlli di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Informazioni sulla progettazione e l'implementazione per i controlli di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-4 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1576 - Processo di acquisizioni | Informazioni di progettazione / implementazione per i controlli di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Piano di monitoraggio continuo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-4 (8) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1577 - Processo di acquisizioni | Piano di monitoraggio continuo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Funzioni/Porte/Protocolli/Servizi in uso

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-4 (9) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1578 - Processo di acquisizioni | Funzioni / Porte / Protocolli / Servizi in uso Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Uso dei prodotti PIV approvati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-4 (10) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1579 - Processo di acquisizioni | Uso di prodotti PIV approvati Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Documentazione del sistema informativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1580 - Documentazione del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1581 - Documentazione del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1582 - Documentazione del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1583 - Documentazione del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1584 - Documentazione del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Principi di ingegneria della sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-8 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1585 - Principi di ingegneria della sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Servizi esterni per il sistema informativo

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-9 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1586 - Servizi esterni per il sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1587 - Servizi esterni per il sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1588 - Servizi esterni per il sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Valutazioni dei rischi/Approvazioni dell'organizzazione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-9 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1589 - Servizi esterni per il sistema informativo | Valutazioni dei rischi/Approvazioni dell'organizzazione Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1590 - Servizi esterni per il sistema informativo | Valutazioni dei rischi/Approvazioni dell'organizzazione Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Identificazione di funzioni/porte/protocolli/servizi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-9 (2) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1591 - Servizi esterni del sistema informativo | Identificazione di funzioni / Porte / Protocolli... Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Interessi coerenti di utenti e provider

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-9 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1592 - Servizi esterni del sistema informativo | Interessi coerenti di consumatori e provider Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Elaborazione, archiviazione e posizione dei servizi

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-9 (5) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1593 - Servizi esterni per il sistema informativo | Elaborazione, archiviazione e posizione del servizio Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Gestione della configurazione da parte dello sviluppatore

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-10 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1594 - Gestione della configurazione da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1595 - Gestione della configurazione da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1596 - Gestione della configurazione da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1597 - Gestione della configurazione da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1598 - Gestione della configurazione da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Verifica integrità software/firmware

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-10 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1599 - Gestione della configurazione da parte dello sviluppatore | Verifica dell'integrità del software/firmware Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Test e valutazione della sicurezza da parte del developer

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-11 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1600 - Test e valutazione della sicurezza da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1601 - Test e valutazione della sicurezza da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1602 - Test e valutazione della sicurezza da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1603 - Test e valutazione della sicurezza da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1604 - Test e valutazione della sicurezza da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Analisi codice statico

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-11 (1) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1605 - Test e valutazione della sicurezza dello sviluppatore | Analisi statica del codice Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Analisi di minacce e vulnerabilità

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-11 (2) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1606 - Test e valutazione della sicurezza da parte dello sviluppatore | Analisi delle minacce e delle vulnerabilità Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Analisi dinamica del codice

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-11 (8) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1607 - Test e valutazione della sicurezza dello sviluppatore | Analisi dinamica del codice Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Protezione della supply chain

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-12 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1608 - Protezione della supply chain Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Processo di sviluppo, standard e strumenti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-15 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1609 - Processo di sviluppo, standard e strumenti Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1610 - Processo di sviluppo, standard e strumenti Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Training fornito dallo sviluppatore

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-16 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1611 - Training fornito dallo sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Architettura e progettazione della sicurezza da parte del developer

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SA-17 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1612 - Architettura e progettazione della sicurezza da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1613 - Architettura e progettazione della sicurezza da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1614 - Architettura e progettazione della sicurezza da parte dello sviluppatore Microsoft implementa questo controllo di Acquisizione del sistema e dei servizi controllo 1.0.0

Protezione del sistema e delle comunicazioni

Criteri e procedure per la protezione dei sistemi e delle comunicazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-1 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1615 - Criteri e procedure per la protezione dei sistemi e delle comunicazioni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1616 - Criteri e procedure per la protezione dei sistemi e delle comunicazioni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Partizionamento delle applicazioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-2 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1617 - Partizionamento delle applicazioni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Isolamento delle funzioni di sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-3 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Azure Defender per i server deve essere abilitato Azure Defender per i server fornisce protezione dalle minacce in tempo reale per i carichi di lavoro dei server e genera raccomandazioni per la protezione avanzata e avvisi sulle attività sospette. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.3
La soluzione Endpoint Protection deve essere installata nei set di scalabilità di macchine virtuali Controlla la presenza e l'integrità di una soluzione Endpoint Protection nei set di scalabilità di macchine virtuali per proteggerli da minacce e vulnerabilità. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1618 - Isolamento delle funzioni di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Monitorare il server senza Endpoint Protection nel Centro sicurezza di Azure I server in cui non è installato un agente di Endpoint Protection verranno monitorati dal Centro sicurezza di Azure che invierà i consigli corrispondenti AuditIfNotExists, Disabled 3.1.0
Windows Defender Exploit Guard deve essere abilitato nelle macchine virtuali Windows Defender Exploit Guard usa l’agente di Configurazione guest di Criteri di Azure. Exploit Guard include quattro componenti progettati per bloccare i dispositivi da un'ampia gamma di vettori di attacco e comportamenti di blocco usati comunemente negli attacchi malware, consentendo al contempo alle aziende di bilanciare i requisiti di rischi per la sicurezza e produttività (solo Windows). AuditIfNotExists, Disabled 1.1.1

Informazioni nelle risorse condivise

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-4 Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1619 - Informazioni nelle risorse condivise Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Protezione da attacchi Denial of Service

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-5 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Protezione DDoS di Azure deve essere abilitata È necessario abilitare la protezione DDoS Standard per tutte le reti virtuali con una subnet che fa parte di un gateway applicazione con un indirizzo IP pubblico. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.1
Web application firewall di Azure deve essere abilitato per i punti di ingresso di Frontdoor di Azure Distribuire Azure Web Application Firewall (WAF) davanti ad applicazioni Web pubbliche per un'ulteriore ispezione del traffico in ingresso. Web Application Firewall (WAF) fornisce protezione centralizzata delle applicazioni Web dagli exploit e dalle vulnerabilità più comuni, ad esempio attacchi SQL injection, scripting intersito, esecuzioni file locali e remote. È inoltre possibile limitare l'accesso alle applicazioni Web in base a paesi, intervalli di indirizzi IP e altri parametri HTTP/HTTPS, tramite le regole personalizzate. Audit, Deny, Disabled 1.0.2
L'inoltro IP nella macchina virtuale deve essere disabilitato L'abilitazione dell'inoltro IP sulla scheda di rete di una macchina virtuale consente alla macchina virtuale di ricevere traffico indirizzato ad altre destinazioni. L'inoltro IP è richiesto raramente, ad esempio, quando si usa la macchina virtuale come appliance virtuale di rete, di conseguenza l'abilitazione di questa impostazione deve essere verificata dal team di sicurezza della rete. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1620 - Protezione da attacchi Denial of Service Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Web Application Firewall (WAF) deve essere abilitato per il gateway applicazione Distribuire Azure Web Application Firewall (WAF) davanti ad applicazioni Web pubbliche per un'ulteriore ispezione del traffico in ingresso. Web Application Firewall (WAF) fornisce protezione centralizzata delle applicazioni Web dagli exploit e dalle vulnerabilità più comuni, ad esempio attacchi SQL injection, scripting intersito, esecuzioni file locali e remote. È inoltre possibile limitare l'accesso alle applicazioni Web in base a paesi, intervalli di indirizzi IP e altri parametri HTTP/HTTPS, tramite le regole personalizzate. Audit, Deny, Disabled 2.0.0

Disponiiblità delle risorse

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-6 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1621 - Disponibilità delle risorse Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Protezione dei limiti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
È consigliabile limitare tutte le porte di rete nei gruppi di sicurezza di rete associati alla macchina virtuale Il Centro sicurezza di Azure ha identificato alcune regole in ingresso dei gruppi di sicurezza di rete eccessivamente permissive. Le regole in ingresso non devono consentire l'accesso da 'Tutti' gli intervalli o dagli intervalli 'Internet'. Ciò può consentire potenzialmente agli utenti malintenzionati di attaccare le risorse. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
I servizi di gestione API devono usare una rete virtuale La distribuzione della rete virtuale di Azure offre protezione avanzata, isolamento e consente di inserire il servizio Gestione API in una rete instradabile non Internet di cui si controlla l'accesso. Queste reti possono quindi essere connesse alle reti locali usando varie tecnologie VPN, che consentono l'accesso ai servizi back-end all'interno della rete e/o in locale. Il portale per sviluppatori e il gateway dell'API possono essere configurati in modo che siano accessibili da Internet o solo all'interno della rete virtuale. Audit, Deny, Disabled 1.0.2
Configurazione app deve usare un collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati alle sole istanze di Configurazione app anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/appconfig/private-endpoint. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Gli intervalli IP autorizzati devono essere definiti nei servizi Kubernetes Limita l'accesso all'API Gestione dei servizi Kubernetes concedendo l'accesso all'API solo agli indirizzi IP in intervalli specifici. È consigliabile limitare l'accesso agli intervalli IP autorizzati per garantire che solo le applicazioni provenienti da reti autorizzate possano accedere al cluster. Audit, Disabled 2.0.0
Le risorse di Servizi di Azure AI devono limitare l'accesso alla rete Limitando l'accesso alla rete, è possibile assicurarsi che solo le reti consentite possano accedere al servizio. A tale scopo, è possibile configurare le regole di rete in modo che solo le applicazioni provenienti da reti consentite possano accedere al servizio Azure per intelligenza artificiale. Audit, Deny, Disabled 3.2.0
La cache di Azure per Redis deve usare il collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle istanze di Cache Redis di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/azure-cache-for-redis/cache-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Ricerca cognitiva di Azure deve usare uno SKU che supporta il collegamento privato Con gli SKU supportati di Ricerca cognitiva di Azure, collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico all'origine o alla destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio di ricerca, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I servizi di Ricerca cognitiva di Azure devono disabilitare l'accesso alla rete pubblica La disabilitazione dell'accesso alla rete pubblica migliora la sicurezza assicurandosi che il servizio Ricerca cognitiva di Azure non sia esposto sulla rete Internet pubblica. La creazione di endpoint privati può limitare l'esposizione del servizio di ricerca. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I servizi di Ricerca cognitiva di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Ricerca cognitiva di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Per gli account di Azure Cosmos DB devono essere definite regole del firewall Le regole del firewall devono essere definite negli account Azure Cosmos DB per impedire il traffico proveniente da origini non autorizzate. Gli account per cui è definita almeno una regola IP con il filtro della rete virtuale abilitato vengono ritenuti conformi. Anche gli account che disabilitano l'accesso pubblico vengono ritenuti conformi. Audit, Deny, Disabled 2.1.0
Azure Data Factory usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati ad Azure Data Factory, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/data-factory/data-factory-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
I domini di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul proprio dominio della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarà possibile essere protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Gli argomenti di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul vostro argomento della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarete protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Sincronizzazione file di Azure deve usare collegamenti privati La creazione di un endpoint privato per la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione indicata consente di indirizzare la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione dallo spazio indirizzi IP privati della rete dell'organizzazione, anziché attraverso l'endpoint pubblico accessibile tramite Internet. La creazione di un endpoint privato da sola non disabilita l'endpoint pubblico. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Key Vault deve avere il firewall abilitato Abilitare il firewall dell'insieme di credenziali delle chiavi in modo che questo non sia accessibile per impostazione predefinita a nessun indirizzo IP pubblico. Facoltativamente, è possibile configurare intervalli IP specifici per limitare l'accesso a tali reti. Per altre informazioni, vedere: https://docs.microsoft.com/azure/key-vault/general/network-security Audit, Deny, Disabled 1.4.1
Le aree di lavoro di Azure Machine Learning devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle aree di lavoro di Azure Machine Learning, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/machine-learning/how-to-configure-private-link. Audit, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi del bus di servizio devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi del bus di servizio, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/service-bus-messaging/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Azure SignalR deve usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alla risorsa del servizio Azure SignalR anziché all'intero servizio, si ridurranno i rischi di perdita dei dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/asrs/privatelink. Audit, Disabled 1.0.0
Le area di lavoro Azure Synapse devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'area di lavoro di Azure Synapse, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/synapse-analytics/security/how-to-connect-to-workspace-with-private-links. Audit, Disabled 1.0.1
Web application firewall di Azure deve essere abilitato per i punti di ingresso di Frontdoor di Azure Distribuire Azure Web Application Firewall (WAF) davanti ad applicazioni Web pubbliche per un'ulteriore ispezione del traffico in ingresso. Web Application Firewall (WAF) fornisce protezione centralizzata delle applicazioni Web dagli exploit e dalle vulnerabilità più comuni, ad esempio attacchi SQL injection, scripting intersito, esecuzioni file locali e remote. È inoltre possibile limitare l'accesso alle applicazioni Web in base a paesi, intervalli di indirizzi IP e altri parametri HTTP/HTTPS, tramite le regole personalizzate. Audit, Deny, Disabled 1.0.2
I Servizi cognitivi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere le reti virtuali ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Servizi cognitivi, si ridurrà il rischio di una perdita di dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=2129800. Audit, Disabled 3.0.0
I registri contenitori non devono consentire l'accesso alla rete senza restrizioni Per impostazione predefinita, i Registri Azure Container accettano le connessioni tramite Internet dagli host in qualsiasi rete. Per proteggere i registri da potenziali minacce, consentire l'accesso solo da specifici endpoint privati, indirizzi IP pubblici o intervalli di indirizzi. Se il Registro di sistema non dispone di regole di rete configurate, verrà visualizzato nelle risorse non integre. Per ulteriori informazioni sulle regole di rete per il Registro Azure Container, vedere: https://aka.ms/acr/privatelink,https://aka.ms/acr/portal/public-network e https://aka.ms/acr/vnet. Audit, Deny, Disabled 2.0.0
I registri contenitori devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati ai soli registri contenitori anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/acr/private-link. Audit, Disabled 1.0.1
Gli account Cosmos DB devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'account CosmosDB, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/cosmos-db/how-to-configure-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Le risorse di accesso al disco devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a diskAccesses, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/disksprivatelinksdoc. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi dell'hub eventi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi dell'hub eventi, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/event-hubs/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le macchine virtuali con connessione Internet devono essere protette con i gruppi di sicurezza di rete Protegge le macchine virtuali da potenziali minacce limitandone l'accesso con i gruppi di sicurezza di rete. Per altre informazioni sul controllo del traffico con i gruppi di sicurezza di rete, vedere https://aka.ms/nsg-doc AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le istanze del servizio Device Provisioning in hub IoT devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio device provisioning in hub IoT, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/iotdpsvnet. Audit, Disabled 1.0.0
L'inoltro IP nella macchina virtuale deve essere disabilitato L'abilitazione dell'inoltro IP sulla scheda di rete di una macchina virtuale consente alla macchina virtuale di ricevere traffico indirizzato ad altre destinazioni. L'inoltro IP è richiesto raramente, ad esempio, quando si usa la macchina virtuale come appliance virtuale di rete, di conseguenza l'abilitazione di questa impostazione deve essere verificata dal team di sicurezza della rete. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le porte di gestione delle macchine virtuali devono essere protette tramite un controllo di accesso alla rete JIT I possibili accessi JIT alla rete verranno monitorati dal Centro sicurezza di Azure che invierà i consigli corrispondenti AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
È consigliabile chiudere le porte di gestione nelle macchine virtuali Le porte di gestione remota aperte espongono la macchina virtuale a un rischio elevato derivante da attacchi di forza bruta basati su Internet per sottrarre le credenziali e ottenere l'accesso di amministratore alla macchina virtuale. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1622 - Protezione dei limiti Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1623 - Protezione dei limiti Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1624 - Protezione dei limiti Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Le macchine virtuali senza connessione Internet devono essere protette con i gruppi di sicurezza di rete Protegge le macchine virtuali senza connessione Internet da potenziali minacce limitandone l'accesso con i gruppi di sicurezza di rete. Per altre informazioni sul controllo del traffico con i gruppi di sicurezza di rete, vedere https://aka.ms/nsg-doc AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le connessioni endpoint privato nel database SQL di Azure devono essere abilitate Le connessioni endpoint privato impongono la comunicazione sicura tramite l'abilitazione della connettività privata al database SQL di Azure. Audit, Disabled 1.1.0
L'accesso alla rete pubblica nel database SQL di Azure deve essere disabilitato La disabilitazione della proprietà di accesso alla rete pubblica migliora la sicurezza, in quanto garantisce che al database SQL di Azure sia possibile accedere solo da un endpoint privato. Questa configurazione nega tutti gli accessi che corrispondono alle regole del firewall basate su indirizzo IP o rete virtuale. Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Gli account di archiviazione devono limitare l'accesso alla rete L'accesso di rete agli account di archiviazione deve essere limitato. Configurare regole di rete in modo che l'account di archiviazione sia accessibile solo alle applicazioni provenienti da reti consentite. Per consentire le connessioni da client Internet o locali specifici, è possibile concedere l'accesso al traffico da reti virtuali di Azure specifiche o a intervalli di indirizzi IP Internet pubblici Audit, Deny, Disabled 1.1.1
Gli account di archiviazione devono limitare l'accesso alla rete usando regole di rete virtuale Protegge gli account di archiviazione da potenziali minacce usando le regole di rete virtuale come metodo preferito anziché il filtro basato su IP. La disabilitazione del filtro basato su IP, impedisce agli indirizzi IP pubblici di accedere agli account di archiviazione. Audit, Deny, Disabled 1.0.1
Gli account di archiviazione devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all’account di archiviazione, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azureprivatelinkoverview AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Le subnet devono essere associate a un gruppo di sicurezza di rete È possibile proteggere la subnet dalle minacce potenziali limitando l'accesso alla subnet con un gruppo di sicurezza di rete. I gruppi di sicurezza di rete contengono un elenco di regole ACL (elenco di controllo di accesso) che consentono o negano il traffico di rete alla subnet. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Web Application Firewall (WAF) deve essere abilitato per il gateway applicazione Distribuire Azure Web Application Firewall (WAF) davanti ad applicazioni Web pubbliche per un'ulteriore ispezione del traffico in ingresso. Web Application Firewall (WAF) fornisce protezione centralizzata delle applicazioni Web dagli exploit e dalle vulnerabilità più comuni, ad esempio attacchi SQL injection, scripting intersito, esecuzioni file locali e remote. È inoltre possibile limitare l'accesso alle applicazioni Web in base a paesi, intervalli di indirizzi IP e altri parametri HTTP/HTTPS, tramite le regole personalizzate. Audit, Deny, Disabled 2.0.0

Punti di accesso

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (3) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
È consigliabile limitare tutte le porte di rete nei gruppi di sicurezza di rete associati alla macchina virtuale Il Centro sicurezza di Azure ha identificato alcune regole in ingresso dei gruppi di sicurezza di rete eccessivamente permissive. Le regole in ingresso non devono consentire l'accesso da 'Tutti' gli intervalli o dagli intervalli 'Internet'. Ciò può consentire potenzialmente agli utenti malintenzionati di attaccare le risorse. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
I servizi di gestione API devono usare una rete virtuale La distribuzione della rete virtuale di Azure offre protezione avanzata, isolamento e consente di inserire il servizio Gestione API in una rete instradabile non Internet di cui si controlla l'accesso. Queste reti possono quindi essere connesse alle reti locali usando varie tecnologie VPN, che consentono l'accesso ai servizi back-end all'interno della rete e/o in locale. Il portale per sviluppatori e il gateway dell'API possono essere configurati in modo che siano accessibili da Internet o solo all'interno della rete virtuale. Audit, Deny, Disabled 1.0.2
Configurazione app deve usare un collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati alle sole istanze di Configurazione app anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/appconfig/private-endpoint. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.2
Gli intervalli IP autorizzati devono essere definiti nei servizi Kubernetes Limita l'accesso all'API Gestione dei servizi Kubernetes concedendo l'accesso all'API solo agli indirizzi IP in intervalli specifici. È consigliabile limitare l'accesso agli intervalli IP autorizzati per garantire che solo le applicazioni provenienti da reti autorizzate possano accedere al cluster. Audit, Disabled 2.0.0
Le risorse di Servizi di Azure AI devono limitare l'accesso alla rete Limitando l'accesso alla rete, è possibile assicurarsi che solo le reti consentite possano accedere al servizio. A tale scopo, è possibile configurare le regole di rete in modo che solo le applicazioni provenienti da reti consentite possano accedere al servizio Azure per intelligenza artificiale. Audit, Deny, Disabled 3.2.0
La cache di Azure per Redis deve usare il collegamento privato Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle istanze di Cache Redis di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/azure-cache-for-redis/cache-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Ricerca cognitiva di Azure deve usare uno SKU che supporta il collegamento privato Con gli SKU supportati di Ricerca cognitiva di Azure, collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico all'origine o alla destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio di ricerca, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I servizi di Ricerca cognitiva di Azure devono disabilitare l'accesso alla rete pubblica La disabilitazione dell'accesso alla rete pubblica migliora la sicurezza assicurandosi che il servizio Ricerca cognitiva di Azure non sia esposto sulla rete Internet pubblica. La creazione di endpoint privati può limitare l'esposizione del servizio di ricerca. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I servizi di Ricerca cognitiva di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Ricerca cognitiva di Azure, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azure-cognitive-search/inbound-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Per gli account di Azure Cosmos DB devono essere definite regole del firewall Le regole del firewall devono essere definite negli account Azure Cosmos DB per impedire il traffico proveniente da origini non autorizzate. Gli account per cui è definita almeno una regola IP con il filtro della rete virtuale abilitato vengono ritenuti conformi. Anche gli account che disabilitano l'accesso pubblico vengono ritenuti conformi. Audit, Deny, Disabled 2.1.0
Azure Data Factory usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati ad Azure Data Factory, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/data-factory/data-factory-private-link. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
I domini di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul proprio dominio della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarà possibile essere protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Gli argomenti di Griglia di eventi di Azure devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Mappando gli endpoint privati sul vostro argomento della Griglia di eventi invece che sull'intero servizio, sarete protetti anche dai rischi di perdita di dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/privateendpoints. Audit, Disabled 1.0.2
Sincronizzazione file di Azure deve usare collegamenti privati La creazione di un endpoint privato per la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione indicata consente di indirizzare la risorsa Servizio di sincronizzazione archiviazione dallo spazio indirizzi IP privati della rete dell'organizzazione, anziché attraverso l'endpoint pubblico accessibile tramite Internet. La creazione di un endpoint privato da sola non disabilita l'endpoint pubblico. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Azure Key Vault deve avere il firewall abilitato Abilitare il firewall dell'insieme di credenziali delle chiavi in modo che questo non sia accessibile per impostazione predefinita a nessun indirizzo IP pubblico. Facoltativamente, è possibile configurare intervalli IP specifici per limitare l'accesso a tali reti. Per altre informazioni, vedere: https://docs.microsoft.com/azure/key-vault/general/network-security Audit, Deny, Disabled 1.4.1
Le aree di lavoro di Azure Machine Learning devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alle aree di lavoro di Azure Machine Learning, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/machine-learning/how-to-configure-private-link. Audit, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi del bus di servizio devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi del bus di servizio, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/service-bus-messaging/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Il servizio Azure SignalR deve usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati alla risorsa del servizio Azure SignalR anziché all'intero servizio, si ridurranno i rischi di perdita dei dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/asrs/privatelink. Audit, Disabled 1.0.0
Le area di lavoro Azure Synapse devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'area di lavoro di Azure Synapse, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/synapse-analytics/security/how-to-connect-to-workspace-with-private-links. Audit, Disabled 1.0.1
Web application firewall di Azure deve essere abilitato per i punti di ingresso di Frontdoor di Azure Distribuire Azure Web Application Firewall (WAF) davanti ad applicazioni Web pubbliche per un'ulteriore ispezione del traffico in ingresso. Web Application Firewall (WAF) fornisce protezione centralizzata delle applicazioni Web dagli exploit e dalle vulnerabilità più comuni, ad esempio attacchi SQL injection, scripting intersito, esecuzioni file locali e remote. È inoltre possibile limitare l'accesso alle applicazioni Web in base a paesi, intervalli di indirizzi IP e altri parametri HTTP/HTTPS, tramite le regole personalizzate. Audit, Deny, Disabled 1.0.2
I Servizi cognitivi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere le reti virtuali ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a Servizi cognitivi, si ridurrà il rischio di una perdita di dati. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=2129800. Audit, Disabled 3.0.0
I registri contenitori non devono consentire l'accesso alla rete senza restrizioni Per impostazione predefinita, i Registri Azure Container accettano le connessioni tramite Internet dagli host in qualsiasi rete. Per proteggere i registri da potenziali minacce, consentire l'accesso solo da specifici endpoint privati, indirizzi IP pubblici o intervalli di indirizzi. Se il Registro di sistema non dispone di regole di rete configurate, verrà visualizzato nelle risorse non integre. Per ulteriori informazioni sulle regole di rete per il Registro Azure Container, vedere: https://aka.ms/acr/privatelink,https://aka.ms/acr/portal/public-network e https://aka.ms/acr/vnet. Audit, Deny, Disabled 2.0.0
I registri contenitori devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Il mapping degli endpoint privati ai soli registri contenitori anziché all'intero servizio, garantisce la protezione dai rischi di perdita dei dati. Per altre informazioni, vedere https://aka.ms/acr/private-link. Audit, Disabled 1.0.1
Gli account Cosmos DB devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all'account CosmosDB, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://docs.microsoft.com/azure/cosmos-db/how-to-configure-private-endpoints. Audit, Disabled 1.0.0
Le risorse di accesso al disco devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping di endpoint privati a diskAccesses, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/disksprivatelinksdoc. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Gli spazi dei nomi dell'hub eventi devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati agli spazi dei nomi dell'hub eventi, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. Per altre informazioni, vedere https://docs.microsoft.com/azure/event-hubs/private-link-service. AuditIfNotExists, Disabled 1.0.0
Le macchine virtuali con connessione Internet devono essere protette con i gruppi di sicurezza di rete Protegge le macchine virtuali da potenziali minacce limitandone l'accesso con i gruppi di sicurezza di rete. Per altre informazioni sul controllo del traffico con i gruppi di sicurezza di rete, vedere https://aka.ms/nsg-doc AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le istanze del servizio Device Provisioning in hub IoT devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati al servizio device provisioning in hub IoT, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/iotdpsvnet. Audit, Disabled 1.0.0
L'inoltro IP nella macchina virtuale deve essere disabilitato L'abilitazione dell'inoltro IP sulla scheda di rete di una macchina virtuale consente alla macchina virtuale di ricevere traffico indirizzato ad altre destinazioni. L'inoltro IP è richiesto raramente, ad esempio, quando si usa la macchina virtuale come appliance virtuale di rete, di conseguenza l'abilitazione di questa impostazione deve essere verificata dal team di sicurezza della rete. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le porte di gestione delle macchine virtuali devono essere protette tramite un controllo di accesso alla rete JIT I possibili accessi JIT alla rete verranno monitorati dal Centro sicurezza di Azure che invierà i consigli corrispondenti AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
È consigliabile chiudere le porte di gestione nelle macchine virtuali Le porte di gestione remota aperte espongono la macchina virtuale a un rischio elevato derivante da attacchi di forza bruta basati su Internet per sottrarre le credenziali e ottenere l'accesso di amministratore alla macchina virtuale. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1625 - Protezione dei limiti | Punti di accesso Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Le macchine virtuali senza connessione Internet devono essere protette con i gruppi di sicurezza di rete Protegge le macchine virtuali senza connessione Internet da potenziali minacce limitandone l'accesso con i gruppi di sicurezza di rete. Per altre informazioni sul controllo del traffico con i gruppi di sicurezza di rete, vedere https://aka.ms/nsg-doc AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le connessioni endpoint privato nel database SQL di Azure devono essere abilitate Le connessioni endpoint privato impongono la comunicazione sicura tramite l'abilitazione della connettività privata al database SQL di Azure. Audit, Disabled 1.1.0
L'accesso alla rete pubblica nel database SQL di Azure deve essere disabilitato La disabilitazione della proprietà di accesso alla rete pubblica migliora la sicurezza, in quanto garantisce che al database SQL di Azure sia possibile accedere solo da un endpoint privato. Questa configurazione nega tutti gli accessi che corrispondono alle regole del firewall basate su indirizzo IP o rete virtuale. Audit, Deny, Disabled 1.1.0
Gli account di archiviazione devono limitare l'accesso alla rete L'accesso di rete agli account di archiviazione deve essere limitato. Configurare regole di rete in modo che l'account di archiviazione sia accessibile solo alle applicazioni provenienti da reti consentite. Per consentire le connessioni da client Internet o locali specifici, è possibile concedere l'accesso al traffico da reti virtuali di Azure specifiche o a intervalli di indirizzi IP Internet pubblici Audit, Deny, Disabled 1.1.1
Gli account di archiviazione devono limitare l'accesso alla rete usando regole di rete virtuale Protegge gli account di archiviazione da potenziali minacce usando le regole di rete virtuale come metodo preferito anziché il filtro basato su IP. La disabilitazione del filtro basato su IP, impedisce agli indirizzi IP pubblici di accedere agli account di archiviazione. Audit, Deny, Disabled 1.0.1
Gli account di archiviazione devono usare collegamenti privati Collegamento privato di Azure consente di connettere la rete virtuale ai servizi di Azure senza un indirizzo IP pubblico nell'origine o nella destinazione. La piattaforma del collegamento privato gestisce la connettività tra il consumer e i servizi tramite la rete backbone di Azure. Eseguendo il mapping degli endpoint privati all’account di archiviazione, i rischi di perdita dei dati vengono ridotti. È possibile trovare altre informazioni sui collegamenti privati all’indirizzo: https://aka.ms/azureprivatelinkoverview AuditIfNotExists, Disabled 2.0.0
Le subnet devono essere associate a un gruppo di sicurezza di rete È possibile proteggere la subnet dalle minacce potenziali limitando l'accesso alla subnet con un gruppo di sicurezza di rete. I gruppi di sicurezza di rete contengono un elenco di regole ACL (elenco di controllo di accesso) che consentono o negano il traffico di rete alla subnet. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Web Application Firewall (WAF) deve essere abilitato per il gateway applicazione Distribuire Azure Web Application Firewall (WAF) davanti ad applicazioni Web pubbliche per un'ulteriore ispezione del traffico in ingresso. Web Application Firewall (WAF) fornisce protezione centralizzata delle applicazioni Web dagli exploit e dalle vulnerabilità più comuni, ad esempio attacchi SQL injection, scripting intersito, esecuzioni file locali e remote. È inoltre possibile limitare l'accesso alle applicazioni Web in base a paesi, intervalli di indirizzi IP e altri parametri HTTP/HTTPS, tramite le regole personalizzate. Audit, Deny, Disabled 2.0.0

Servizi di telecomunicazioni esterni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (4) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1626 - Protezione dei limiti | Servizi di telecomunicazione esterni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1627 - Protezione dei limiti | Servizi di telecomunicazione esterni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1628 - Protezione dei limiti | Servizi di telecomunicazione esterni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1629 - Protezione dei limiti | Servizi di telecomunicazione esterni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Controllo gestito da Microsoft 1630 - Protezione dei limiti | Servizi di telecomunicazione esterni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Negare per impostazione predefinita / Consentire in base all’eccezione

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (5) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1631 - Protezione dei limiti | Negare per impostazione predefinita / Consentire in base all’eccezione Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Impedire lo split tunneling per dispositivi remoti

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (7) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1632 - Protezione dei limiti | Impedire lo split tunneling per dispositivi remoti Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Instradare il traffico a server proxy autenticati

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (8) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1633 - Protezione dei limiti | Instradare il traffico a server proxy autenticati Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Evitare l’esfiltrazione non autorizzata

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (10) Proprietà: Microsoft

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1634 - Protezione dei limiti | Evitare l’esfiltrazione non autorizzata Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Protezione basata su host

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (12) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1635 - Protezione dei limiti | Protezione basata su host Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Isolamento di strumenti/meccanismi/componenti di supporto per la sicurezza

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (13) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1636 - Protezione dei limiti | Isolamento di strumenti / meccanismi / componenti di supporto di sicurezza Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Protezione da errori

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (18) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1637 - Protezione dei limiti | Protezione da errori Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Isolamento o segregazione dinamica

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (20) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1638 - Protezione dei limiti | Segregazione / Isolamento dinamico Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Isolamento dei componenti del reparto IT

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-7 (21) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1639 - Protezione dei limiti ! Isolamento dei componenti del sistema informativo Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Riservatezza e integrità delle trasmissioni

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-8 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Il Servizio app deve essere accessibile solo tramite HTTPS L'uso di HTTPS assicura l'autenticazione di server/servizi e protegge i dati in transito da attacchi di intercettazione a livello rete. Audit, Disabled, Deny 4.0.0
Le app del servizio app devono richiedere solo FTPS Abilitare imposizione FTPS per la protezione avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le app del servizio app devono usare la versione TLS più recente Periodicamente vengono rilasciate nuove versioni di TLS a causa di falle di sicurezza, per includere funzionalità aggiuntive e migliorare la velocità. Eseguire l'aggiornamento alla versione più recente di TLS per le app del servizio app per sfruttare le correzioni di sicurezza, se presenti e/o nuove funzionalità della versione più recente. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
I cluster di Azure HDInsight devono usare la crittografia in transito per crittografare le comunicazioni tra i nodi del cluster di Azure HDInsight I dati possono essere manomessi durante la trasmissione tra i nodi del cluster Azure HDInsight. L'abilitazione della crittografia in transito risolve i problemi di uso improprio e manomissione durante questa trasmissione. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
Il criterio Imponi connessione SSL deve essere abilitato per i server di database MySQL Database di Azure per il server MySQL supporta la connessione alle applicazioni client tramite Secure Sockets Layer (SSL). L'imposizione di connessioni SSL tra il server di database e le applicazioni client garantisce la protezione da attacchi 'man in the middle' tramite la crittografia del flusso di dati tra il server e l'applicazione. Questa configurazione impone che SSL sia sempre abilitato per l'accesso al server di database. Audit, Disabled 1.0.1
Il criterio Imponi connessione SSL deve essere abilitato per i server di database PostgreSQL Il database di Azure per PostgreSQL supporta la connessione del server di database di Azure per PostgreSQL alle applicazioni client tramite SSL (Secure Sockets Layer). L'imposizione di connessioni SSL tra il server di database e le applicazioni client garantisce la protezione da attacchi 'man in the middle' tramite la crittografia del flusso di dati tra il server e l'applicazione. Questa configurazione impone che SSL sia sempre abilitato per l'accesso al server di database. Audit, Disabled 1.0.1
Le app per le funzioni devono essere accessibili solo tramite HTTPS L'uso di HTTPS assicura l'autenticazione di server/servizi e protegge i dati in transito da attacchi di intercettazione a livello rete. Audit, Disabled, Deny 5.0.0
Le app per le funzioni devono richiedere solo FTPS Abilitare imposizione FTPS per la protezione avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le app per le funzioni devono usare la versione TLS più recente Periodicamente vengono rilasciate nuove versioni di TLS a causa di falle di sicurezza, per includere funzionalità aggiuntive e migliorare la velocità. Eseguire l'aggiornamento alla versione più recente di TLS per le app per le funzioni per sfruttare le correzioni di sicurezza, se presenti e/o nuove funzionalità della versione più recente. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
I cluster Kubernetes devono essere accessibili solo tramite HTTPS L'uso di HTTPS garantisce l'autenticazione e protegge i dati in transito da attacchi di intercettazione a livello di rete. Questa funzionalità è attualmente disponibile a livello generale per il servizio Kubernetes e in anteprima per Kubernetes con abilitazione di Azure Arc. Per altre info, visitare https://aka.ms/kubepolicydoc controllare, Audit, Nega, Nega, disabilitato, Disabilitato 9.1.0
Controllo gestito da Microsoft 1640 - Riservatezza e integrità delle trasmissioni Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Devono essere abilitate solo le connessioni sicure alla cache di Azure per Redis Controllare l'abilitazione delle sole connessioni tramite SSL a Cache Redis. L'uso di connessioni sicure garantisce l'autenticazione tra il server e il servizio e protegge i dati in transito dagli attacchi a livello rete, come attacchi man-in-the-middle, eavesdropping e hijack della sessione Audit, Deny, Disabled 1.0.0
È consigliabile abilitare il trasferimento sicuro agli account di archiviazione Requisito di controllo del trasferimento sicuro nell'account di archiviazione. Il trasferimento sicuro è un'opzione che impone all'account di archiviazione di accettare richieste solo da connessioni protette (HTTPS). L'uso di HTTPS garantisce l'autenticazione tra il server e il servizio e protegge i dati in transito dagli attacchi a livello rete, come attacchi man-in-the-middle, eavesdropping e hijack della sessione Audit, Deny, Disabled 2.0.0
I computer Windows devono essere configurate per usare protocolli di comunicazione sicuri Per proteggere la privacy delle informazioni comunicate tramite Internet, i computer devono usare la versione più recente del protocollo di crittografia standard del settore, Transport Layer Security (TLS). TLS protegge le comunicazioni tramite una rete crittografando una connessione tra computer. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.1

Protezione fisica crittografica o alternativa

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-8 (1) Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Il Servizio app deve essere accessibile solo tramite HTTPS L'uso di HTTPS assicura l'autenticazione di server/servizi e protegge i dati in transito da attacchi di intercettazione a livello rete. Audit, Disabled, Deny 4.0.0
Le app del servizio app devono richiedere solo FTPS Abilitare imposizione FTPS per la protezione avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le app del servizio app devono usare la versione TLS più recente Periodicamente vengono rilasciate nuove versioni di TLS a causa di falle di sicurezza, per includere funzionalità aggiuntive e migliorare la velocità. Eseguire l'aggiornamento alla versione più recente di TLS per le app del servizio app per sfruttare le correzioni di sicurezza, se presenti e/o nuove funzionalità della versione più recente. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
I cluster di Azure HDInsight devono usare la crittografia in transito per crittografare le comunicazioni tra i nodi del cluster di Azure HDInsight I dati possono essere manomessi durante la trasmissione tra i nodi del cluster Azure HDInsight. L'abilitazione della crittografia in transito risolve i problemi di uso improprio e manomissione durante questa trasmissione. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
Il criterio Imponi connessione SSL deve essere abilitato per i server di database MySQL Database di Azure per il server MySQL supporta la connessione alle applicazioni client tramite Secure Sockets Layer (SSL). L'imposizione di connessioni SSL tra il server di database e le applicazioni client garantisce la protezione da attacchi 'man in the middle' tramite la crittografia del flusso di dati tra il server e l'applicazione. Questa configurazione impone che SSL sia sempre abilitato per l'accesso al server di database. Audit, Disabled 1.0.1
Il criterio Imponi connessione SSL deve essere abilitato per i server di database PostgreSQL Il database di Azure per PostgreSQL supporta la connessione del server di database di Azure per PostgreSQL alle applicazioni client tramite SSL (Secure Sockets Layer). L'imposizione di connessioni SSL tra il server di database e le applicazioni client garantisce la protezione da attacchi 'man in the middle' tramite la crittografia del flusso di dati tra il server e l'applicazione. Questa configurazione impone che SSL sia sempre abilitato per l'accesso al server di database. Audit, Disabled 1.0.1
Le app per le funzioni devono essere accessibili solo tramite HTTPS L'uso di HTTPS assicura l'autenticazione di server/servizi e protegge i dati in transito da attacchi di intercettazione a livello rete. Audit, Disabled, Deny 5.0.0
Le app per le funzioni devono richiedere solo FTPS Abilitare imposizione FTPS per la protezione avanzata. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.0
Le app per le funzioni devono usare la versione TLS più recente Periodicamente vengono rilasciate nuove versioni di TLS a causa di falle di sicurezza, per includere funzionalità aggiuntive e migliorare la velocità. Eseguire l'aggiornamento alla versione più recente di TLS per le app per le funzioni per sfruttare le correzioni di sicurezza, se presenti e/o nuove funzionalità della versione più recente. AuditIfNotExists, Disabled 2.0.1
I cluster Kubernetes devono essere accessibili solo tramite HTTPS L'uso di HTTPS garantisce l'autenticazione e protegge i dati in transito da attacchi di intercettazione a livello di rete. Questa funzionalità è attualmente disponibile a livello generale per il servizio Kubernetes e in anteprima per Kubernetes con abilitazione di Azure Arc. Per altre info, visitare https://aka.ms/kubepolicydoc controllare, Audit, Nega, Nega, disabilitato, Disabilitato 9.1.0
Controllo gestito da Microsoft 1641 - Riservatezza e integrità delle trasmissioni | Protezione crittografica o fisica in alternativa Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0
Devono essere abilitate solo le connessioni sicure alla cache di Azure per Redis Controllare l'abilitazione delle sole connessioni tramite SSL a Cache Redis. L'uso di connessioni sicure garantisce l'autenticazione tra il server e il servizio e protegge i dati in transito dagli attacchi a livello rete, come attacchi man-in-the-middle, eavesdropping e hijack della sessione Audit, Deny, Disabled 1.0.0
È consigliabile abilitare il trasferimento sicuro agli account di archiviazione Requisito di controllo del trasferimento sicuro nell'account di archiviazione. Il trasferimento sicuro è un'opzione che impone all'account di archiviazione di accettare richieste solo da connessioni protette (HTTPS). L'uso di HTTPS garantisce l'autenticazione tra il server e il servizio e protegge i dati in transito dagli attacchi a livello rete, come attacchi man-in-the-middle, eavesdropping e hijack della sessione Audit, Deny, Disabled 2.0.0
I computer Windows devono essere configurate per usare protocolli di comunicazione sicuri Per proteggere la privacy delle informazioni comunicate tramite Internet, i computer devono usare la versione più recente del protocollo di crittografia standard del settore, Transport Layer Security (TLS). TLS protegge le comunicazioni tramite una rete crittografando una connessione tra computer. AuditIfNotExists, Disabled 3.0.1

Disconnessione di rete

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-10 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
Controllo gestito da Microsoft 1642 - Disconnessione di rete Microsoft implementa questo controllo di Protezione del sistema e delle comunicazioni controllo 1.0.0

Definizione e gestione di chiavi crittografiche

ID: NIST SP 800-53 Rev. 4 SC-12 Proprietà: Condiviso

Nome
(Portale di Azure)
Descrizione Effetti Versione
(GitHub)
[Anteprima]: Gli insiemi di credenziali dei servizi di ripristino di Azure devono usare chiavi gestite dal cliente per crittografare i dati di backup Usare le chiavi gestite dal cliente per gestire la crittografia dei dati inattivi dei dati di backup. Per impostazione predefinita, i dati dei clienti sono crittografati tramite chiavi gestite dal servizio, ma in genere sono richieste chiavi gestite dal cliente per soddisfare gli standard di conformità alle normative. Le chiavi gestite dal cliente consentono di crittografare i dati con una chiave di Azure Key Vault creata dall'utente e di sua proprietà. L'utente dispone del controllo completo e della piena responsabilità in merito al ciclo di vita della chiave, incluse le operazioni di rotazione e gestione. Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/AB-CmkEncryption. Audit, Deny, Disabled 1.0.0-preview
[Anteprima]: I dati del servizio Device Provisioning in hub IoT devono essere crittografati con chiavi gestite dal cliente) Usare le chiavi gestite dal cliente per gestire la crittografia dei dati inattivi del servizio device provisioning in hub IoT. I dati vengono automaticamente crittografati a riposo con chiavi gestite dal servizio, ma le chiavi gestite dal cliente (CMK) sono comunemente richieste per soddisfare gli standard di conformità alle normative. Le chiavi gestite dal cliente consentono di crittografare i dati con una chiave di Azure Key Vault creata dall'utente e di sua proprietà. Per altre informazioni sulla crittografia con chiavi gestite dal cliente, vedere https://aka.ms/dps/CMK. Audit, Deny, Disabled 1.0.0-preview
Gli account di Automazione di Azure devono usare chiavi gestite dal cliente per la crittografia dei dati inattivi Usare le chiavi gestite dal cliente per gestire la crittografia a riposo degli account di automazione di Azure. Per impostazione predefinita, i dati dei clienti sono crittografati tramite chiavi gestite dal servizio, ma in genere sono richieste chiavi gestite dal cliente per soddisfare gli standard di conformità alle normative. Le chiavi gestite dal cliente consentono di crittografare i dati con una chiave di Azure Key Vault creata dall'utente e di sua proprietà. L'utente dispone del controllo completo e della piena responsabilità in merito al ciclo di vita della chiave, incluse le operazioni di rotazione e gestione. Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/automation-cmk. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
L'account Azure Batch deve usare chiavi gestite dal cliente per la crittografia dei dati inattivi Usare le chiavi gestite dal cliente per gestire la crittografia dei dati inattivi dell'account Batch. Per impostazione predefinita, i dati dei clienti sono crittografati tramite chiavi gestite dal servizio, ma in genere sono richieste chiavi gestite dal cliente per soddisfare gli standard di conformità alle normative. Le chiavi gestite dal cliente consentono di crittografare i dati con una chiave di Azure Key Vault creata dall'utente e di sua proprietà. L'utente dispone del controllo completo e della piena responsabilità in merito al ciclo di vita della chiave, incluse le operazioni di rotazione e gestione. Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/Batch-CMK. Audit, Deny, Disabled 1.0.1
Il gruppo di contenitori dell'istanza contenitori di Azure deve usare la chiave gestita dal cliente per la crittografia Proteggere i contenitori con maggiore flessibilità usando chiavi gestite dal cliente. Quando si specifica una chiave gestita dal cliente, tale chiave viene usata per proteggere e controllare l'accesso alla chiave che crittografa i dati. L'utilizzo di chiavi gestite dal cliente offre ulteriori possibilità di controllare la rotazione della chiave di crittografia o di cancellare crittograficamente i dati. Audit, Disabled, Deny 1.0.0
Gli account Azure Cosmos DB devono usare chiavi gestite dal cliente per la crittografia dei dati inattivi Usare le chiavi gestite dal cliente per gestire la crittografia dei dati inattivi di Azure Cosmos DB. Per impostazione predefinita, i dati sono crittografati quando inattivi con chiavi gestite dal servizio, ma le chiavi gestite dal cliente sono comunemente richieste per soddisfare gli standard di conformità alle normative. Le chiavi gestite dal cliente consentono di crittografare i dati con una chiave di Azure Key Vault creata dall'utente e di sua proprietà. L'utente dispone del controllo completo e della piena responsabilità in merito al ciclo di vita della chiave, incluse le operazioni di rotazione e gestione. Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/cosmosdb-cmk. audit, Audit, Deny, Deny, disabled, Disabled 1.1.0
Azure Data Box processi deve usare una chiave gestita dal cliente per crittografare la password di sblocco del dispositivo Usare una chiave gestita dal cliente per controllare la crittografia della password di sblocco del dispositivo per Azure Data Box. Le chiavi gestite dal cliente consentono inoltre di gestire l'accesso alla password di sblocco del dispositivo da parte del servizio Data Box per preparare il dispositivo e copiare i dati in modo automatico. I dati inattivi nel dispositivo stesso sono già crittografati tramite la crittografia Advanced Encryption Standard a 256 bit e la password di sblocco del dispositivo è crittografata per impostazione predefinita con una chiave gestita da Microsoft. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
La crittografia dei dati inattivi di Esplora dati di Azure deve usare una chiave gestita dal cliente L'abilitazione della crittografia dei dati inattivi mediante una chiave gestita dal cliente nel cluster di Esplora dati di Azure fornisce un controllo aggiuntivo sulla chiave usata dalla crittografia dei dati inattivi. Questa funzionalità è spesso applicabile ai clienti con requisiti di conformità speciali e richiede un'istanza di Key Vault per la gestione delle chiavi. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
I data factory di Azure devono essere crittografati con una chiave gestita dal cliente Usare le chiavi gestite dal cliente per gestire la crittografia a riposo di Azure Data Factory. Per impostazione predefinita, i dati dei clienti sono crittografati tramite chiavi gestite dal servizio, ma in genere sono richieste chiavi gestite dal cliente per soddisfare gli standard di conformità alle normative. Le chiavi gestite dal cliente consentono di crittografare i dati con una chiave di Azure Key Vault creata dall'utente e di sua proprietà. L'utente dispone del controllo completo e della piena responsabilità in merito al ciclo di vita della chiave, incluse le operazioni di rotazione e gestione. Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/adf-cmk. Audit, Deny, Disabled 1.0.1
I cluster di Azure HDInsight devono usare chiavi gestite dal cliente per la crittografia dei dati inattivi Usare chiavi gestite dal cliente per gestire la crittografia a riposo dei cluster Azure HDInsight. Per impostazione predefinita, i dati dei clienti sono crittografati tramite chiavi gestite dal servizio, ma in genere sono richieste chiavi gestite dal cliente per soddisfare gli standard di conformità alle normative. Le chiavi gestite dal cliente consentono di crittografare i dati con una chiave di Azure Key Vault creata dall'utente e di sua proprietà. L'utente dispone del controllo completo e della piena responsabilità in merito al ciclo di vita della chiave, incluse le operazioni di rotazione e gestione. Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/hdi.cmk. Audit, Deny, Disabled 1.0.1
I cluster di Azure HDInsight devono usare la crittografia a livello di host per la crittografia dei dati inattivi L'abilitazione della crittografia sull'host aiuta a proteggere e salvaguardare i dati per soddisfare gli impegni di sicurezza e conformità dell'organizzazione. Quando si abilita la crittografia nell'host, i dati archiviati nell'host della macchina virtuale vengono crittografati inattivi e i flussi crittografati nel servizio di archiviazione. Audit, Deny, Disabled 1.0.0
Le aree di lavoro di Azure Machine Learning devono essere crittografate con una chiave gestita dal cliente Gestire la crittografia inattiva dei dati dello spazio di lavoro Azure Machine Learning con chiavi gestite dal cliente. Per impostazione predefinita, i dati dei clienti sono crittografati tramite chiavi gestite dal servizio, ma in genere sono richieste chiavi gestite dal cliente per soddisfare gli standard di conformità alle normative. Le chiavi gestite dal cliente consentono di crittografare i dati con una chiave di Azure Key Vault creata dall'utente e di sua proprietà. L'utente dispone del controllo completo e della piena responsabilità in merito al ciclo di vita della chiave, incluse le operazioni di rotazione e gestione. Per ulteriori informazioni, vedi https://aka.ms/azureml-workspaces-cmk. Audit, Deny, Disabled 1.0.3
I cluster dei log di Monitoraggio di Azure devono essere crittografati con una chiave gestita dal cliente Creare un cluster di log di Monitoraggio di Azure con la crittografia delle chiavi gestite dal cliente. Per impostazione predefinita, i dati di log sono critto