Che cos'è la finestra di progettazione di Azure Machine Learning(v2)?

La finestra di progettazione di Azure Machine Learning è un'interfaccia utente di trascinamento della selezione per la creazione di pipeline di Machine Learning nelle aree di lavoro di Azure Machine Learning.

Come illustrato nella gif seguente, è possibile creare una pipeline visivamente trascinando ed eliminando blocchi predefiniti e collegandoli.

GIF di una compilazione di una pipeline nella finestra di progettazione.

Nota

Designer supporta due tipi di componenti, componenti predefiniti classici (v1) e componenti personalizzati (v2). Questi due tipi di componenti non sono compatibili.

I componenti predefiniti classici supportano attività tipiche di elaborazione dei dati e machine learning, tra cui regressione e classificazione. Anche se i componenti predefiniti classici continueranno a essere supportati, non verranno aggiunti nuovi componenti.

I componenti personalizzati consentono di eseguire il wrapping del codice personalizzato come componente che consente la condivisione tra aree di lavoro e la creazione semplice tra le interfacce di Azure Machine Learning Studio, l'interfaccia della riga di comando v2 e l'SDK v2.

Per i nuovi progetti, è consigliabile usare componenti personalizzati perché sono compatibili con AzureML V2 e continueranno a ricevere nuovi aggiornamenti.

Questo articolo si applica ai componenti personalizzati.

Asset

I blocchi predefiniti della pipeline sono denominati asset in Azure Machine Learning, che include:

Designer dispone di una libreria di asset sul lato sinistro, in cui è possibile accedere a tutti gli asset necessari per creare la pipeline. Vengono visualizzati sia gli asset creati nell'area di lavoro che gli asset condivisi nel Registro di sistema a cui si è autorizzati ad accedere.

Screenshot della libreria di asset.

Per visualizzare gli asset da un registro specifico, selezionare il filtro del nome del Registro di sistema sopra la libreria di asset. Gli asset creati nell'area di lavoro corrente si trovano nel Registro di sistema = area di lavoro. Gli asset forniti da Azure Machine Learning si trovano nel Registro di sistema = azureml.

Designer mostra solo gli asset creati e denominati nell'area di lavoro. Non verranno visualizzati asset senza nome nella libreria di risorse. Per informazioni su come creare asset di dati e componenti, leggere questi articoli:

Pipeline

Designer è uno strumento che consente di creare pipeline con gli asset in modo visivo. Quando si usa la finestra di progettazione, si incontreranno due concetti relativi alle pipeline: pipeline draft e processi della pipeline.

Screenshot della bozza della pipeline e dell'elenco di processi della pipeline.

Bozza di pipeline

Quando si modifica una pipeline nella finestra di progettazione, lo stato viene salvato come bozza di pipeline. È possibile modificare una bozza di pipeline in qualsiasi momento aggiungendo o rimuovendo componenti, configurando destinazioni di calcolo, creando parametri e così via.

Una bozza di pipeline valida presenta queste caratteristiche:

  • Gli asset di dati possono connettersi solo ai componenti.
  • I componenti possono connettersi solo ad asset di dati o ad altri componenti.
  • Tutte le porte di input necessarie per i componenti devono avere una connessione al flusso di dati.
  • Tutti i parametri obbligatori per ogni componente devono essere impostati.

Quando si è pronti per eseguire la bozza di pipeline, si invia un processo della pipeline.

Processo della pipeline

Ogni volta che si esegue una pipeline, la configurazione della pipeline e i relativi risultati vengono archiviati nell'area di lavoro come processo della pipeline. È possibile tornare a qualsiasi processo della pipeline per esaminarlo per la risoluzione dei problemi o il controllo. Clonare un processo della pipeline crea una nuova bozza di pipeline per continuare la modifica.

Approcci per la compilazione della pipeline nella finestra di progettazione

Creare una nuova pipeline da zero

È possibile creare una nuova pipeline e creare da zero. Ricordarsi di selezionare l'opzione Componente personalizzato quando si crea la pipeline nella finestra di progettazione.

Screenshot che mostra come selezionare il componente personalizzato.

Clonare un processo di pipeline esistente

Se si vuole lavorare in base a un processo di pipeline esistente nell'area di lavoro, è possibile clonarlo facilmente in una nuova bozza di pipeline per continuare la modifica.

Screenshot di un processo della pipeline nell'area di lavoro con il pulsante clone evidenziato.

Dopo la clonazione, è anche possibile conoscere il processo della pipeline da cui viene clonato selezionando Mostra derivazione.

Screenshot che mostra la derivazione bozza dopo aver selezionato il pulsante mostra derivazione.

È possibile modificare la pipeline e quindi inviarla di nuovo. Dopo l'invio, è possibile visualizzare la derivazione tra il processo inviato e il processo originale selezionando Mostra derivazione nella pagina dei dettagli del processo.

Passaggio successivo