Share via


Matrice di supporto per il ripristino di emergenza di macchine virtuali Hyper-V locali in Azure

Questo articolo riepiloga i componenti supportati e le impostazioni per il ripristino di emergenza di macchine virtuali Hyper-V locali in Azure con Azure Site Recovery.

Nota

Site Recovery non sposta o archivia i dati dei clienti fuori dall'area di destinazione, in cui è stato configurato il ripristino di emergenza per i computer di origine. I clienti possono selezionare un insieme di credenziali di Servizi di ripristino da un'area diversa, se lo desiderano. L'insieme di credenziali di Servizi di ripristino contiene metadati, ma nessun dato effettivo del cliente.

Scenari supportati

Scenario Dettagli
Hyper-V con Virtual Machine Manager

È possibile eseguire il ripristino di emergenza in Azure per le macchine virtuali in esecuzione in host Hyper-V gestiti nell'infrastruttura di System Center Virtual Machine Manager.

Si può distribuire questo scenario con il portale di Azure o tramite PowerShell.

Se gli host Hyper-V vengono gestiti da Virtual Machine Manager, è anche possibile eseguire il ripristino di emergenza in un sito locale secondario. Per altre informazioni su questo scenario, vedere questa esercitazione.
Hyper-V senza Virtual Machine Manager È possibile eseguire il ripristino di emergenza in Azure per le macchine virtuali in esecuzione in host Hyper-V non gestiti da Virtual Machine Manager.

Si può distribuire questo scenario con il portale di Azure o tramite PowerShell.

Nota

La configurazione di Backup di Azure e Azure Site Recovery nello stesso host Hyper-V può causare problemi con la replica e non è supportata.

Server locali

Server Requisiti Dettagli
Hyper-V (in esecuzione senza Virtual Machine Manager) Windows Server 2022, Windows Server 2019, Windows Server 2016, Windows Server 2012 R2 con gli aggiornamenti più recenti

Nota: sono supportate anche le installazioni dei componenti di base del server di questi sistemi operativi.
Se si è già configurato Windows Server 2012 R2 con/o SCVMM 2012 R2 con Azure Site Recovery e si prevede di aggiornare il sistema operativo, seguire le indicazioni nella documentazione correlata.
Hyper-V (in esecuzione con Virtual Machine Manager) Virtual Machine Manager 2022 (server core non supportato), Virtual Machine Manager 2019, Virtual Machine Manager 2016, Virtual Machine Manager 2012 R2

Nota: sono supportate anche le installazioni dei componenti di base del server di questi sistemi operativi.
Se si usa Virtual Machine Manager, gli host di Windows Server 2019 devono essere gestiti in Virtual Machine Manager 2019. Analogamente, gli host Windows Server 2016 devono essere gestiti in Virtual Machine Manager 2016.

Nota

Assicurarsi che .NET Framework 4.6.2 o versione successiva sia presente nel server locale.

VM replicate

La tabella seguente riepiloga il supporto per VM. Site Recovery supporta i carichi di lavoro in esecuzione in un sistema operativo supportato.

Componente Dettagli
Configurazione della macchina virtuale Le VM che eseguono la replica in Azure devono soddisfare i requisiti di Azure.
Sistema operativo guest Qualsiasi sistema operativo guest supportato per Azure.

Windows Server 2016 Nano Server non è supportato.

Gestione della macchina virtuale e del disco

Azione Dettagli
Ridimensionare li disco nella macchina virtuale Hyper-V replicata Non supportato. Disabilitare la replica, apportare la modifica e quindi riabilitare la replica per la macchina virtuale.
Aggiungere il disco nella macchina virtuale Hyper-V replicata Non supportato. Disabilitare la replica, apportare la modifica e quindi riabilitare la replica per la macchina virtuale.
Modificare l'ID disco nella macchina virtuale Hyper-V di replica Non supportato. Se si modifica l'ID disco, influisce sulla replica e il disco verrà visualizzato come "Non protetto".

Configurazione di rete Hyper-V

Componente Hyper-V con Virtual Machine Manager Hyper-V senza Virtual Machine Manager
Rete host: gruppo NIC
Rete host: VLAN
Rete host: IPv4
Rest host: IPv6 No No
Rete delle macchine virtuali guest: gruppo NIC No No
Rete delle macchine virtuali guest: IPv4
Rete delle macchine virtuali guest: IPv6 No
Rete delle macchine virtuali guest: IP statico (Windows)
Rete delle macchine virtuali guest: IP statico (Linux) No No
Rete delle macchine virtuali guest: più NIC
Https Proxy No No
Indirizzamento IP privato automatico (APIPA) No No
Accesso del collegamento privato al servizio Site Recovery Sì. Altre informazioni. Sì. Altre informazioni.

Configurazione di rete per VM di Azure (dopo il failover)

Componente Hyper-V con Virtual Machine Manager Hyper-V senza Virtual Machine Manager
Azure ExpressRoute
ILB
ELB
Gestione traffico di Azure
Più NIC
IP riservato
IPv4
Conservazione indirizzo IP di origine
Endpoint servizio di rete virtuale di Azure
(senza firewall di Archiviazione di Azure)
Rete accelerata No No

Archiviazione host Hyper-V

Storage Hyper-V con Virtual Machine Manager Hyper-V senza Virtual Machine Manager
NFS N/D N/D
SMB 3.0
SAN (iSCSI)
Percorsi multipli (MPIO). Testato con:

Microsoft DSM, EMC PowerPath 5.7 SP4, EMC PowerPath DSM for CLARiiON

Archiviazione VM guest Hyper-V

Storage Hyper-V con Virtual Machine Manager Hyper-V senza Virtual Machine Manager
VMDK N/D N/D
VHD/VHDX
VM di generazione 2
EFI/UEFI

La macchina virtuale migrata in Azure verrà convertita automaticamente in una macchina virtuale di avvio BIOS. La macchina virtuale deve eseguire solo Windows Server 2012 e versioni successive. Il disco del sistema operativo deve avere fino a cinque partizioni o meno e le dimensioni del disco del sistema operativo devono essere inferiori a 2 TB.
Disco cluster condiviso No No
Disco crittografato No No
NFS N/D N/D
SMB 3.0 No No
RDM N/D N/D
Disco > 1 TB Sì, fino a 32 TB

È necessario aggiornare il provider di replica nell'host Hyper-V a qualsiasi versione dopo la versione 2.0.9214.0 per replicare dischi di grandi dimensioni fino a 32 TB. Per i dischi di grandi dimensioni, la replica avviene solo nei dischi gestiti.
Sì, fino a 32 TB

È necessario aggiornare il provider di replica nell'host Hyper-V a qualsiasi versione dopo la versione 2.0.9214.0 per replicare dischi di grandi dimensioni fino a 32 TB. Per i dischi di grandi dimensioni, la replica avviene solo nei dischi gestiti.
Disco: dimensioni logiche di settore e dimensioni fisiche a 4 KB Non supportato: Gen 1/Gen 2 Non supportato: Gen 1/Gen 2
Disco: settore fisico da 4.000 byte logici e 512 byte
Gestione volumi logici (LVM). LVM è supportata solo nei dischi dati. Azure ha un solo disco di sistema operativo.
Volume con disco con striping > 1 TB
Spazi di archiviazione No No
Aggiunta/rimozione a caldo disco No No
Esclusione disco
Percorsi multipli (MPIO)

Archiviazione di Azure

Componente Hyper-V con Virtual Machine Manager Hyper-V senza Virtual Machine Manager
Archiviazione con ridondanza locale
Archiviazione con ridondanza geografica
Archiviazione con ridondanza geografica e accesso in lettura
Archiviazione con ridondanza della zona No No
Archiviazione ad accesso sporadico No No
Archiviazione ad accesso frequente No No
BLOB in blocchi No No
Crittografia a livello di host No No
Crittografia per dati inattivi (SSE)
Crittografia dei dati inattivi (CMK)

(Solo per il failover in dischi gestiti)
Sì (tramite il modulo Az 3.3.0 di PowerShell e versioni successive) Sì (tramite il modulo Az 3.3.0 di PowerShell e versioni successive)
Crittografia doppia dei dati inattivi

(Solo per il failover in dischi gestiti)

Altre informazioni sulle aree supportate per Windows e Linux
Sì (tramite il modulo Az 3.3.0 di PowerShell e versioni successive) Sì (tramite il modulo Az 3.3.0 di PowerShell e versioni successive)
Archiviazione Premium
Archiviazione standard
Servizio Importazione/Esportazione No No
Archiviazione di Azure account con firewall abilitato Sì. Per l'archiviazione e la cache di destinazione. Sì. Per l'archiviazione e la cache di destinazione.
Modificare l'account di archiviazione No. L'account Archiviazione di Azure di destinazione non può essere modificato dopo l'abilitazione della replica. Per modificare, disabilitare e quindi riabilitare il ripristino di emergenza. No
Opzione di trasferimento sicuro
Avvio protetto UEFI No Numero

Nota

I volumi con striping e i dischi dinamici non sono supportati per gli snapshot coerenti con l'app. Assicurarsi che la frequenza per lo snapshot coerente con l'app sia impostata su zero nei criteri di replica selezionati.

Funzionalità di calcolo di Azure

Funzionalità Hyper-V con Virtual Machine Manager Hyper-V senza Virtual Machine Manager
Set di disponibilità
Zone di disponibilità No No
HUB
Dischi gestiti Sì, sia per il failover che per il failback. Sì, sia il failover che il failback.

Requisiti per le VM di Azure

Le macchine virtuali locali replicate in Azure devono soddisfare i requisiti per le VM di Azure riepilogati in questa tabella.

Componente Requisiti Dettagli
Sistema operativo guest Site Recovery supporta tutti i sistemi operativi supportati da Azure. Il controllo dei prerequisiti ha esito negativo se non supportato.
Architettura sistema operativo guest 32 bit (Windows Server 2008)/64 bit Il controllo dei prerequisiti ha esito negativo se non supportato.
Dimensioni disco del sistema operativo Fino a 2 TB per le macchine virtuali di prima generazione.

Fino a 4 TB per le macchine virtuali di seconda generazione.

È necessario aggiornare il provider di replica nell'host Hyper-V a qualsiasi versione successiva alla versione 2.0.9214.0 per replicare dischi del sistema operativo di grandi dimensioni. Per i dischi di grandi dimensioni, la replica avviene solo nei dischi gestiti.
Il controllo dei prerequisiti ha esito negativo se non supportato.
Numero di dischi del sistema operativo 1 Il controllo dei prerequisiti ha esito negativo se non supportato.
Numero di dischi dati Fino a 16 Il controllo dei prerequisiti ha esito negativo se non supportato.
Dimensioni dei dischi rigidi virtuali dei dischi dati Fino a 32 TB

È necessario aggiornare il provider di replica nell'host Hyper-V a qualsiasi versione successiva alla versione 2.0.9214.0 per replicare dischi di grandi dimensioni. Per i dischi di grandi dimensioni, la replica avviene solo nei dischi gestiti.
Il controllo dei prerequisiti ha esito negativo se non supportato.
Schede di rete Sono supportate più schede
Disco rigido virtuale condiviso Non supportato Il controllo dei prerequisiti ha esito negativo se non supportato.
Disco FC Non supportato Il controllo dei prerequisiti ha esito negativo se non supportato.
Formato disco rigido VHD

VHDX
In Site Recovery VHDX viene convertito automaticamente in VHD quando si esegue il failover in Azure. Quando si esegue il failback in locale, le macchine virtuali continuano a usare il formato VHDX.
BitLocker Non supportato Prima di abilitare la replica per una macchina virtuale occorre disabilitare BitLocker.
Nome della VM. Tra 1 e 63 caratteri. Limitato a lettere, numeri e trattini. Il nome della macchina virtuale deve iniziare e terminare con una lettera o un numero. Aggiornare il valore nelle proprietà della VM in Site Recovery.
Tipo di macchina virtuale Prima generazione

Seconda generazione - Windows
Sono supportate macchine virtuali di seconda generazione con un tipo di disco del sistema operativo di base (che include uno o due volumi di dati formattati come VHDX) e meno di 2 TB di spazio su disco.

Le macchine virtuali linux di seconda generazione non sono supportate. Altre informazioni.

Azioni dell'insieme di credenziali dei Servizi di ripristino

Azione Hyper-V con VMM Hyper-V senza VMM
Spostamento insieme di credenziali tra gruppi di risorse

All'interno e tra sottoscrizioni
No No
Spostamento di risorse di archiviazione, rete e VM di Azure tra gruppi di risorse

All'interno e tra sottoscrizioni
No Numero

Nota

Quando si esegue la replica di macchine virtuali Hyper-V da locale ad Azure, è possibile eseguire la replica in un solo tenant di AD da un ambiente specifico: sito Hyper-V o Hyper-V con VMM, se applicabile.

Provider e agente

Per assicurarsi che la distribuzione sia compatibile con le impostazioni in questo articolo, accertarsi di eseguire le versioni più recenti del provider e dell'agente.

Nome Descrizione Dettagli
Provider di Azure Site Recovery Coordina le comunicazioni tra server locali e Azure

Hyper-V con Virtual Machine Manager: installato nei server Virtual Machine Manager

Hyper-V senza Virtual Machine Manager: installato negli host Hyper-V
Funzionalità e correzioni più recenti
Agente di Servizi di ripristino di Microsoft Azure Coordina la replica tra le macchine virtuali Hyper-V e Azure

Installato nei server Hyper-V locali (con o senza Virtual Machine Manager)
Agente più recente disponibile dal portale

Passaggi successivi

Informazioni su come preparare Azure per il ripristino di emergenza delle VM Hyper-V.