Gestire il server di configurazione per il ripristino di emergenza di macchine virtuali VMware/server fisici

Un server di configurazione locale viene impostato quando si usa Azure Site Recovery per il ripristino di emergenza di server fisici e macchine virtuali VMware in Azure. Il server di configurazione coordina le comunicazioni tra VMware locale e Azure e gestisce la replica dei dati. Questo articolo riepiloga le attività comuni per la gestione del server di configurazione dopo che è stato distribuito.

Nota

È consigliabile usare il modulo Azure Az PowerShell per interagire con Azure. Per iniziare, vedere Installare Azure PowerShell. Per informazioni su come eseguire la migrazione al modulo AZ PowerShell, vedere Eseguire la migrazione di Azure PowerShell da AzureRM ad Az.

Aggiornare la licenza di Windows

La licenza fornita con il modello OVF è una licenza di valutazione valida per 180 giorni. Per un utilizzo senza interruzioni, è necessario attivare Windows con una licenza acquistata. L'aggiornamento delle licenze può essere eseguito tramite una chiave autonoma o Servizio di gestione delle chiavi chiave standard. Le indicazioni sono disponibili nella riga di comando di Gestione e manutenzione immagini distribuzione di Windows per l'esecuzione del sistema operativo. Per ottenere le chiavi, fare riferimento a Servizio di gestione delle chiavi client configurato.

Accedere al server di configurazione

È possibile accedere al server di configurazione come indicato di seguito:

  • Accedere alla macchina virtuale in cui è distribuito e avviare Gestione configurazione di Azure Site Recovery dal collegamento sul desktop.
  • In alternativa, è possibile accedere al server di configurazione in remoto da https:// ConfigurationServerName/:44315/. Accedere con le credenziali di amministratore.

Modificare le impostazioni del server VMware

  1. Per associare un server VMware diverso al server di configurazione dopo l'accesso, selezionare Aggiungi server vCenter/vSphere ESXi.
  2. Immettere i dettagli e quindi selezionare OK.

Modificare le credenziali per l'individuazione automatica

  1. Per aggiornare le credenziali usate per connettersi al server VMware per l'individuazione automatica delle macchine virtuali VMware, dopo l'accesso, scegliere l'account e fare clic su Modifica.

  2. Immettere le nuove credenziali e quindi selezionare OK.

    Modify VMware

È possibile modificare le credenziali anche tramite CSPSConfigtool.exe.

  1. Accedere al server di configurazione e avviare CSPSConfigtool.exe
  2. Scegliere l'account che si vuole modificare e fare clic su Modifica.
  3. Immettere le credenziali modificate e fare clic su OK.

Modificare le credenziali per l'installazione del servizio Mobility

Modificare le credenziali usate per installare automaticamente il servizio Mobility nelle macchine virtuali VMware abilitate per la replica.

  1. Dopo l'accesso, selezionare Gestisci credenziali della macchina virtuale.

  2. Scegliere l'account che si vuole modificare e fare clic su Modifica.

  3. Immettere le nuove credenziali e quindi selezionare OK.

    Modify Mobility Service credentials

È possibile modificare le credenziali anche tramite CSPSConfigtool.exe.

  1. Accedere al server di configurazione e avviare CSPSConfigtool.exe
  2. Scegliere l'account che si vuole modificare e fare clic su Modifica.
  3. Immettere le nuove credenziali e fare clic su OK.

Aggiungere le credenziali per l'installazione del servizio Mobility

Se non si sono aggiunte le credenziali durante la distribuzione OVF del server di configurazione:

  1. Dopo l'accesso, selezionare Gestisci credenziali della macchina virtuale.
  2. Fare clic su Aggiungi credenziali della macchina virtuale. Screenshot shows Manage virtual machine credentials pane with the Add virtual machine credentials link.
  3. Immettere le nuove credenziali e fare clic su Aggiungi.

È possibile aggiungere le credenziali anche tramite CSPSConfigtool.exe.

  1. Accedere al server di configurazione e avviare CSPSConfigtool.exe
  2. Fare clic su Aggiungi, immettere le nuove credenziali e fare clic su OK.

Modificare le impostazioni proxy

Modificare le impostazioni proxy usate dal computer server di configurazione per l'accesso Internet ad Azure. Se si ha un computer server di elaborazione, oltre al server di elaborazione predefinito in esecuzione nel computer server di configurazione, modificare le impostazioni in entrambi i computer.

  1. Dopo l'accesso al server di configurazione, selezionare Gestisci connettività.
  2. Aggiornare i valori del proxy. quindi selezionare Salva per aggiornare le impostazioni.

Aggiungere una scheda di rete

Il modello OVF (Open Virtualization Format) distribuisce la macchina virtuale del server di configurazione con una sola scheda di rete.

  • È possibile aggiungere un'altra scheda alla macchina virtuale, ma è necessario aggiungerla prima di registrare il server di configurazione nell'insieme di credenziali.
  • Per aggiungere una scheda dopo aver registrato il server di configurazione nell'insieme di credenziali, aggiungere la scheda nelle proprietà della macchina virtuale. È quindi necessario registrare di nuovo il server nell'insieme di credenziali.

Come rinnovare i certificati SSL

Il server di configurazione dispone di un server Web predefinito, che orchestra le attività degli agenti mobility in tutti i computer protetti, i server di elaborazione predefiniti o con scalabilità orizzontale e i server di destinazione master connessi. Il server Web usa un certificato SSL per autenticare i client. Il certificato scade dopo tre anni e può essere rinnovato in qualsiasi momento.

Controllare la scadenza

La data di scadenza viene visualizzata in Integrità del server di configurazione. Per le distribuzioni del server di configurazione precedenti maggio 2016, la scadenza del certificato è stata impostata su un anno. Se si ha un certificato che sta per scadere, si verifica quanto segue:

  • Quando mancano due mesi o meno alla data di scadenza, il servizio avvia l'invio di notifiche nel portale e tramite posta elettronica (se è stata effettuata la sottoscrizione alle notifiche di Site Recovery).
  • Un banner di notifica viene visualizzato nella pagina delle risorse dell'insieme di credenziali. Per altre informazioni, selezionare il banner.
  • Se viene visualizzato il pulsante Aggiorna ora, alcuni componenti nell'ambiente non sono stati aggiornati alla versione 9.4.xxxx.x o versioni successive. Aggiornare i componenti prima di rinnovare il certificato. Non è possibile eseguire il rinnovo per le versioni precedenti.

Se i certificati sono ancora in scadenza

  1. Per rinnovare, nell'insieme di credenziali aprire Server di configurazione dell'infrastruttura di>Site Recovery. Selezionare il server di configurazione richiesto.
  2. Verificare che tutti i componenti e i server di elaborazione con scalabilità orizzontale, i server di destinazione master e gli agenti di mobilità in tutti i computer protetti si trovino nelle versioni più recenti e siano in stato connesso.
  3. A questo momento, selezionare Rinnova certificati.
  4. Seguire attentamente le istruzioni in questa pagina e fare clic su ok per rinnovare i certificati nel server di configurazione selezionato ed è associato componenti.

Se i certificati sono già scaduti

  1. Dopo la scadenza, i certificati non possono essere rinnovati da portale di Azure. Prima di procedere, verificare che tutti i componenti scale-out process server, i server di destinazione master e gli agenti di mobilità in tutti i computer protetti si trovino nelle versioni più recenti e siano in stato connesso.
  2. Seguire questa procedura solo se i certificati sono già scaduti. Accedere al server di configurazione, passare a C:\ProgramData\ASR\home\svsystems\bin ed eseguire lo strumento RenewCerts executor come amministratore.
  3. Viene visualizzata una finestra di esecuzione di PowerShell che attiva il rinnovo dei certificati. L'operazione può richiedere fino a 15 minuti. Non chiudere la finestra fino al completamento del rinnovo.

RenewCertificates

Registrare di nuovo un server di configurazione nello stesso insieme di credenziali

È possibile registrare nuovamente il server di configurazione nello stesso insieme di credenziali, se necessario. Se si ha un altro computer server di elaborazione, oltre al server di elaborazione predefinito in esecuzione nel computer server di configurazione, registrare nuovamente entrambi i computer.

  1. Nell'insieme di credenziali aprire Gestisci>Site Recovery Infrastructure (Infrastruttura di Site Recovery)>Server di configurazione.

  2. In Server selezionare Scarica chiave di registrazione per scaricare il file di credenziali dell'insieme di credenziali.

  3. Accedere al computer del server di configurazione.

  4. In %ProgramData%\ASR\home\svsystems\bin aprire cspsconfigtool.exe.

  5. Nella scheda Registrazione insieme di credenziali selezionare Sfoglia e individuare il file di credenziali dell'insieme di credenziali scaricato.

  6. Se necessario, fornire i dettagli del server proxy. Selezionare quindi Register (Registra).

  7. Aprire una finestra dei comandi di PowerShell per amministratore ed eseguire il comando seguente:

     $pwd = ConvertTo-SecureString -String MyProxyUserPassword
     Set-OBMachineSetting -ProxyServer http://myproxyserver.domain.com -ProxyPort PortNumber – ProxyUserName domain\username -ProxyPassword $pwd
    

    Nota

    Per eseguire il pull dei certificati più recenti dal server di configurazione al server di elaborazione con scalabilità orizzontale, eseguire il comando "<Unità di installazione\Microsoft Azure Site Recovery\agent\cdpcli.exe>"--registermt

  8. Infine, riavviare obengine eseguendo il comando seguente.

         net stop obengine
         net start obengine
    

Registrare un server di configurazione con un insieme di credenziali diverso

Avviso

Il passaggio seguente rimuove l'associazione tra il server di configurazione e l'insieme di credenziali corrente e la replica di tutte le macchine virtuali protette nel server di configurazione viene arrestata.

  1. Accedere al server di configurazione.

  2. Aprire una finestra dei comandi di PowerShell per amministratore ed eseguire il comando seguente:

    reg delete "HKLM\Software\Microsoft\Azure Site Recovery\Registration"
    net stop dra
    
  3. Avviare il portale del browser dell'appliance del server di configurazione usando il collegamento sul desktop.

  4. Eseguire la procedura di registrazione simile alla registrazione di un nuovo server di configurazione.

Aggiornare il server di configurazione

Per aggiornare il server di configurazione si eseguono aggiornamenti cumulativi. È possibile applicare gli aggiornamenti a un massimo di N-4 versioni. Ad esempio:

  • Se si esegue la versione 9.7, 9.8, 9.9 o 9.10, è possibile eseguire l'aggiornamento direttamente alla versione 9.11.
  • Se si esegue la versione 9.6 o una versione precedente e si desidera eseguire l'aggiornamento alla 9.11, è necessario prima eseguire l'aggiornamento alla versione 9.7 e poi alla 9.11.

Per indicazioni dettagliate sul supporto dei componenti di Azure Site Recovery, vedere qui l'informativa sul supporto. I collegamenti agli aggiornamenti cumulativi a tutte le versioni del server di configurazione sono disponibili qui.

Importante

Con ogni nuova versione 'N' di un componente di Azure Site Recovery rilasciata, tutte le versioni precedenti a 'N-4' sono considerate non supportate. È sempre consigliabile eseguire l'aggiornamento alle versioni più recenti disponibili.
Per indicazioni dettagliate sull'istruzione di supporto dei componenti di Azure Site Recovery, vedere qui.

Per aggiornare il server, seguire questa procedura:

  1. Nell'insieme di credenziali passare a Gestisci>Infrastruttura di Site Recovery>Server di configurazione.

  2. Se è disponibile un aggiornamento, viene visualizzato un collegamento nella colonna Versione> agente. Update

  3. Scaricare il file del programma di installazione dell'aggiornamento nel server di configurazione.

    Screenshot that shows where to click to download the update installer file.

  4. Fare doppio clic per eseguire il programma di installazione.

  5. Il programma di installazione rileva la versione corrente in esecuzione nel computer. Fare clic su per avviare l'aggiornamento.

  6. Al termine dell'aggiornamento viene convalidata la configurazione del server.

    Screenshot that shows the completed server validation configuration.

  7. Fare clic su Fine per chiudere il programma di installazione.

  8. Per eseguire l'aggiornamento degli altri componenti di Site Recovery, vedere le indicazioni sugli aggiornamenti.

Aggiornare il server di configurazione/elaborazione dalla riga di comando

Eseguire il file di installazione come segue:

UnifiedSetup.exe [/ServerMode <CS/PS>] [/InstallDrive <DriveLetter>] [/MySQLCredsFilePath <MySQL credentials file path>] [/VaultCredsFilePath <Vault credentials file path>] [/EnvType <VMWare/NonVMWare>] [/PSIP <IP address to be used for data transfer] [/CSIP <IP address of CS to be registered with>] [/PassphraseFilePath <Passphrase file path>]

Esempio di utilizzo

MicrosoftAzureSiteRecoveryUnifiedSetup.exe /q /x:C:\Temp\Extracted
cd C:\Temp\Extracted
UNIFIEDSETUP.EXE /AcceptThirdpartyEULA /servermode "CS" /InstallLocation "D:\" /MySQLCredsFilePath "C:\Temp\MySQLCredentialsfile.txt" /VaultCredsFilePath "C:\Temp\MyVault.vaultcredentials" /EnvType "VMWare"

Parametri

Nome del parametro Tipo Description Valori
/Modalità server Richiesto Specifica se devono essere installati i server di configurazione e di elaborazione o solo il server di elaborazione CS
PS
/InstallLocation Richiesto Cartella in cui sono installati i componenti Qualsiasi cartella del computer
/MySQLCredsFilePath Richiesto Percorso del file in cui sono archiviate le credenziali del server MySQL Il file deve essere nel formato specificato di seguito
/VaultCredsFilePath Richiesto Percorso del file di credenziali dell'insieme di credenziali Percorso del file valido
/EnvType Richiesto Tipo di ambiente che si vuole proteggere VMware
NonVMware
/PSIP Richiesto Indirizzo IP della scheda di interfaccia di rete da utilizzare per il trasferimento di dati di replica Qualsiasi indirizzo IP valido
/CSIP Richiesto Indirizzo IP della scheda di interfaccia di rete su cui il server di configurazione è in ascolto Qualsiasi indirizzo IP valido
/PassphraseFilePath Richiesto Percorso completo del file della passphrase Percorso del file valido
/BypassProxy Facoltativo Specifica che il server di configurazione si connette ad Azure senza un proxy
/ProxySettingsFilePath Facoltativo Impostazioni proxy, il proxy predefinito richiede l'autenticazione o un proxy personalizzato Il file deve essere nel formato specificato di seguito
DataTransferSecurePort Facoltativo Numero di porta su PSIP da usare per i dati di replica Numero di porta valido (il valore predefinito è 9433)
/SkipSpaceCheck Facoltativo Ignora la verifica dello spazio per il disco della cache
/AcceptThirdpartyEULA Richiesto Il flag implica l'accettazione dell'EULA di terze parti
/ShowThirdpartyEULA Facoltativo Visualizza le condizioni di licenza di terze parti. Se specificato come input, tutti gli altri parametri vengono ignorati

Creare il file di input per MYSQLCredsFilePath

Il parametro MySQLCredsFilePath usa un file come input. Creare il file usando il formato seguente e passarlo come parametro MySQLCredsFilePath di input.

[MySQLCredentials]
MySQLRootPassword = "Password>"
MySQLUserPassword = "Password"

Creare il file di input per ProxySettingsFilePath

Il parametro ProxySettingsFilePath prende un file come input. Creare il file usando il formato seguente e passarlo come parametro ProxySettingsFilePath di input.

[ProxySettings]
ProxyAuthentication = "Yes/No"
Proxy IP = "IP Address"
ProxyPort = "Port"
ProxyUserName="UserName"
ProxyPassword="Password"

Eliminare o annullare la registrazione di un server di configurazione

  1. Disabilitare la protezione per tutte le macchine virtuali nel server di configurazione.

  2. Annullare l'associazione ed eliminare tutti i criteri di replica dal server di configurazione.

  3. Eliminare tutti i server vCenter/host vSphere associati al server di configurazione.

  4. Nell'insieme di credenziali aprire Site Recovery Infrastructure (Infrastruttura di Site Recovery)>Server di configurazione.

  5. Selezionare il server di configurazione che si vuole rimuovere, quindi nella pagina Dettagli selezionare Elimina.

    Delete configuration server

Eseguire l'eliminazione con PowerShell

Facoltativamente, è possibile eliminare il server di configurazione usando PowerShell.

  1. Installare il modulo Azure PowerShell.

  2. Accedere al proprio account di Azure con il seguente comando:

    Connect-AzAccount

  3. Selezionare la sottoscrizione dell'insieme di credenziali.

    Get-AzSubscription –SubscriptionName <your subscription name> | Select-AzSubscription

  4. Impostare il contesto dell'insieme di credenziali.

    $vault = Get-AzRecoveryServicesVault -Name <name of your vault>
    Set-AzRecoveryServicesAsrVaultContext -Vault $vault
    
  5. Recuperare il server di configurazione.

    $fabric = Get-AzRecoveryServicesAsrFabric -FriendlyName <name of your configuration server>

  6. Eliminare il server di configurazione.

    Remove-AzRecoveryServicesAsrFabric -Fabric $fabric [-Force]

Nota

È possibile usare l'opzione -Force in Remove-AzRecoveryServicesAsrFabric per l'eliminazione forzata del server di configurazione.

Generare il passphrase del server di configurazione

  1. Accedere al server di configurazione e quindi aprire una finestra del prompt dei comandi come amministratore.
  2. Per modificare la directory nella cartella cestino, eseguire il comando cd %ProgramData%\ASR\home\svsystems\bin
  3. Per generare il file passphrase, eseguire genpassphrase.exe -v > MobSvc.passphrase.
  4. La passphrase sarà archiviata nel file che si trova in %ProgramData%\ASR\home\svsystems\bin\MobSvc.passphrase.

Aggiornare il server di configurazione

  1. Nel portale di Azure passare a Insieme di credenziali di Servizi di ripristino>Gestisci>Infrastruttura di Site Recovery>Per VMware e computer fisici>Server di configurazione
  2. Fare clic sul server di configurazione che si vuole aggiornare.
  3. Nel pannello con i dettagli del server di configurazione scelto fare clic su Altro>Aggiorna server.
  4. Monitorare lo stato del processo in Insieme di credenziali di Servizi di ripristino>Monitoraggio>Processi di Site Recovery.

Requisiti di failback

Durante la riprotezione e il failback, il server di configurazione locale deve essere in esecuzione e connesso. Per la riuscita del failback, la macchina virtuale di cui viene eseguito il failback deve esistere nel database del server di configurazione.

Verificare di eseguire regolarmente i backup pianificati del server di configurazione. Se si verifica un'emergenza e il server di configurazione viene perso, è necessario innanzitutto ripristinare il server di configurazione da una copia di backup e verificare che il server di configurazione ripristinato abbia lo stesso indirizzo IP con cui è stato registrato nell'insieme di credenziali. Il failback non ha esito positivo se per il server di configurazione ripristinato viene usato un indirizzo IP diverso.

Passaggi successivi

Rivedere le esercitazioni per la configurazione del ripristino di emergenza delle macchine virtuali VMware in Azure.