Uso dei metadati dei set di dati avanzati

Quando Power BI Desktop crea report, crea anche i metadati dei set di dati nei file PBIX e PBIT corrispondenti. In precedenza i metadati venivano archiviati in un formato specifico per Power BI Desktop. I metadati usavano le espressioni M e le origini dati con codifica base 64. Power BI presupponeva modalità di archiviazione dei metadati specifiche.

Con il rilascio della funzionalità dei metadati dei set di dati avanzati, molte di queste limitazioni non esistono più. All'apertura del file, i file PBIX vengono aggiornati automaticamente ai metadati avanzati. Con i metadati dei set di dati avanzati, i metadati creati da Power BI Desktop usano un formato simile a quello usato per i modelli tabulari di Analysis Services, basato sul modello a oggetti tabulare.

La funzionalità dei metadati dei set di dati avanzati è strategica e fondamentale. Le funzionalità di Power BI future saranno basate sui relativi metadati. Queste altre funzionalità possono trarre vantaggio dai metadati dei set di dati avanzati:

  • Lettura/scrittura XMLA per la gestione di set di dati di Power BI
  • Migrazione dei carichi di lavoro di Analysis Services a Power BI per trarre vantaggio dalle funzionalità di prossima generazione.

Aggiornamento

I report verranno aggiornati automaticamente al formato di metadati avanzato quando vengono aperti nella versione più recente di Power BI Desktop. Se il report è stato salvato con modifiche alle query nonapplicate o si è verificato un errore durante l'aggiornamento automatico, verrà visualizzato un avviso nell'area di disegno del report che indica che è ancora necessario eseguire l'aggiornamento. Facendo clic su "Aggiorna report" verranno applicate le modifiche in sospeso e il modello di dati verrà aggiornato al nuovo formato.

Escludere la tabella dall'aggiornamento del report

Dopo l'aggiornamento di un modello di dati al formato di metadati avanzato, alcuni metadati usati in precedenza solo in Power BI Desktop verranno ora rispettati anche nel servizio Power BI, che include l'opzione "Includi in aggiornamento report". Per i modelli aggiornati, se l'opzione "Includi in aggiornamento report" è deselezionata nella editor di Power Query, tale tabella non verrà aggiornata quando il report o il set di dati viene aggiornato in Power BI Desktop o nel servizio Power BI. I report già pubblicati nel servizio Power BI non ancora aggiornati ai nuovi metadati avanzati dovranno essere aggiornati in Power BI Desktop prima che questo nuovo comportamento venga applicato.

Considerazioni e limitazioni

Prima del supporto dei metadati avanzati, per le connessioni SQL Server, Oracle, Teradata e HANA legacy Power BI Desktop aggiungeva una query nativa al modello di dati. Questa query viene usata dai modelli di dati del servizio Power BI. Grazie al supporto dei metadati avanzati, il modello di dati del servizio Power BI rigenera la query nativa in fase di esecuzione e non usa la query creata da Power BI Desktop. Nella maggior parte dei casi, questo recupero viene risolto correttamente, ma alcune trasformazioni non funzioneranno senza leggere i dati sottostanti. È possibile che vengano visualizzati alcuni errori in report che in precedenza funzionavano. Ad esempio, l'errore:

"Non è possibile convertire una query M nella tabella 'Dimension City' in una query di origine nativa. Riprovare più tardi o contattare il supporto tecnico. Se è necessario contattare il supporto tecnico, fornire i dettagli seguenti."

È possibile correggere le query in tre posizioni diverse in Power BI Desktop:

  • Quando si applicano le modifiche o si esegue un aggiornamento.

  • In una barra di avviso nell'editor di Power Query che informa che l'espressione non può essere ridotta nell'origine dati.

    Screenshot of Apply query changes message: We couldn't fold the expression to the data source.

  • Quando si eseguono valutazioni all'apertura di un report per verificare se sono presenti query non supportate. L'esecuzione di queste valutazioni può avere implicazioni per le prestazioni.

  • Alcune combinazioni di caratteri nelle espressioni M che non sarebbero supportate nel modello a oggetti tabulari (TOM) non saranno supportate anche nell'ambiente dei metadati del set di dati avanzato.

Passaggi successivi

Power BI Desktop offre infinite possibilità. Per altre informazioni sulle capacità disponibili, vedere le risorse seguenti: