ALTER INDEX (Transact-SQL)

Si applica a: SQL Server (tutte le versioni supportate) Database SQL di Azure Istanza gestita di SQL di Azure Azure Synapse Analytics Piattaforma di strumenti analitici (PDW)

Consente di modificare un indice di tabella o di vista esistente, di tipo rowstore, columnstore o XML, tramite la disabilitazione, la ricompilazione o la riorganizzazione dell'indice oppure tramite l'impostazione di opzioni per l'indice.

Icona collegamento argomentoConvenzioni relative alla sintassi Transact-SQL

Sintassi

-- Syntax for SQL Server and Azure SQL Database

ALTER INDEX { index_name | ALL } ON <object>
{
      REBUILD {
            [ PARTITION = ALL ] [ WITH ( <rebuild_index_option> [ ,...n ] ) ]
          | [ PARTITION = partition_number [ WITH ( <single_partition_rebuild_index_option> ) [ ,...n ] ]
      }
    | DISABLE
    | REORGANIZE  [ PARTITION = partition_number ] [ WITH ( <reorganize_option>  ) ]
    | SET ( <set_index_option> [ ,...n ] )
    | RESUME [WITH (<resumable_index_options>,[...n])]
    | PAUSE
    | ABORT
}
[ ; ]

<object> ::=
{
    { database_name.schema_name.table_or_view_name | schema_name.table_or_view_name | table_or_view_name }
}

<rebuild_index_option > ::=
{
      PAD_INDEX = { ON | OFF }
    | FILLFACTOR = fillfactor
    | SORT_IN_TEMPDB = { ON | OFF }
    | IGNORE_DUP_KEY = { ON | OFF }
    | STATISTICS_NORECOMPUTE = { ON | OFF }
    | STATISTICS_INCREMENTAL = { ON | OFF }
    | ONLINE = { ON [ ( <low_priority_lock_wait> ) ] | OFF }
    | RESUMABLE = { ON | OFF }
    | MAX_DURATION = <time> [MINUTES}
    | ALLOW_ROW_LOCKS = { ON | OFF }
    | ALLOW_PAGE_LOCKS = { ON | OFF }
    | MAXDOP = max_degree_of_parallelism
    | DATA_COMPRESSION = { NONE | ROW | PAGE | COLUMNSTORE | COLUMNSTORE_ARCHIVE }
        [ ON PARTITIONS ( {<partition_number> [ TO <partition_number>] } [ , ...n ] ) ]
    | XML_COMPRESSION = { ON | OFF }
        [ ON PARTITIONS ( {<partition_number> [ TO <partition_number>] } [ , ...n ] ) ]}

<single_partition_rebuild_index_option> ::=
{
      SORT_IN_TEMPDB = { ON | OFF }
    | MAXDOP = max_degree_of_parallelism
    | RESUMABLE = { ON | OFF }
    | MAX_DURATION = <time> [MINUTES}
    | DATA_COMPRESSION = { NONE | ROW | PAGE | COLUMNSTORE | COLUMNSTORE_ARCHIVE } }
    | XML_COMPRESSION = { ON | OFF }
    | ONLINE = { ON [ ( <low_priority_lock_wait> ) ] | OFF }
}

<reorganize_option>::=
{
       LOB_COMPACTION = { ON | OFF }
    |  COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS =  { ON | OFF}
}

<set_index_option>::=
{
      ALLOW_ROW_LOCKS = { ON | OFF }
    | ALLOW_PAGE_LOCKS = { ON | OFF }
    | OPTIMIZE_FOR_SEQUENTIAL_KEY = { ON | OFF }
    | IGNORE_DUP_KEY = { ON | OFF }
    | STATISTICS_NORECOMPUTE = { ON | OFF }
    | COMPRESSION_DELAY = { 0 | delay [Minutes] }
}

<resumable_index_option> ::=
 {
    MAXDOP = max_degree_of_parallelism
    | MAX_DURATION =<time> [MINUTES]
    | <low_priority_lock_wait>
 }

<low_priority_lock_wait>::=
{
    WAIT_AT_LOW_PRIORITY ( MAX_DURATION = <time> [ MINUTES ] ,
                          ABORT_AFTER_WAIT = { NONE | SELF | BLOCKERS } )
}

-- Syntax for Azure Synapse Analytics and Parallel Data Warehouse

ALTER INDEX { index_name | ALL }
    ON   [ schema_name. ] table_name
{
      REBUILD {
            [ PARTITION = ALL [ WITH ( <rebuild_index_option> ) ] ]
          | [ PARTITION = partition_number [ WITH ( <single_partition_rebuild_index_option> )] ]
      }
    | DISABLE
    | REORGANIZE [ PARTITION = partition_number ]
}
[;]

<rebuild_index_option > ::=
{
    DATA_COMPRESSION = { COLUMNSTORE | COLUMNSTORE_ARCHIVE }
        [ ON PARTITIONS ( {<partition_number> [ TO <partition_number>] } [ , ...n ] ) ]
    | XML_COMPRESSION = { ON | OFF }
        [ ON PARTITIONS ( {<partition_number> [ TO <partition_number>] } [ , ...n ] ) ]
}

<single_partition_rebuild_index_option > ::=
{
    DATA_COMPRESSION = { COLUMNSTORE | COLUMNSTORE_ARCHIVE }
    | XML_COMPRESSION = { ON | OFF }
}

Nota

Per visualizzare la sintassi Transact-SQL per SQL Server 2014 e versioni precedenti, vedere Documentazione delle versioni precedenti.

Argomenti

index_name

Nome dell'indice. I nomi di indice devono essere univoci all'interno di una tabella o di una vista, ma non all'interno di un database. Devono essere anche conformi alle regole degli identificatori.

ALL

Specifica tutti gli indici associati alla tabella o alla vista indipendentemente dal tipo di indice. Se si specifica ALL e uno o più indici si trovano in un filegroup offline o di sola lettura oppure se l'operazione specificata non è consentita per uno o più tipi di indice, l'istruzione non riesce. Nella tabella seguente vengono elencati le operazioni sugli indici e i tipi di indice non supportati.

Uso della parola chiave ALL con questa operazione Indici non supportati (l'istruzione ha esito negativo se la tabella include uno o più di questi indici)
REBUILD WITH ONLINE = ON Indice XML

Indice spaziale

Indice columnstore: Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2012 (11.x), e database SQL di Azure
REBUILD PARTITION = partition_number Indice non partizionato, indice XML, indice spaziale o indice disabilitato
REORGANIZE Indici con ALLOW_PAGE_LOCKS impostato su OFF
REORGANIZE PARTITION = partition_number Indice non partizionato, indice XML, indice spaziale o indice disabilitato
IGNORE_DUP_KEY = ON Indice XML

Indice spaziale

Indice columnstore: Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2012 (11.x), e database SQL di Azure
ONLINE = ON Indice XML

Indice spaziale

Indice columnstore: Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2012 (11.x), e database SQL di Azure
RESUMABLE = ON Indici ripristinabili non supportati con la parola chiave ALL.

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2017 (14.x), e database SQL di Azure

Avviso

Per informazioni più dettagliate sulle operazioni di indice eseguibili online, vedere Linee guida per operazioni di indice online.

Se la parola chiave ALL viene specificata con PARTITION = partition_number, tutti gli indici devono essere allineati, il che significa che devono essere partizionati in base a funzioni di partizione equivalenti. L'uso di ALL con PARTITION comporta la ricompilazione o la riorganizzazione di tutte le partizioni degli indici con lo stesso partition_number. Per ulteriori informazioni sugli indici partizionati, vedere Partitioned Tables and Indexes.

database_name

Nome del database.

schema_name

Nome dello schema a cui appartiene la tabella o la vista.

table_or_view_name

Nome della tabella o della vista associata all'indice. Per visualizzare un report degli indici di un oggetto, usare la vista del catalogo sys.indexes.

Il database SQL supporta il formato del nome in tre parti database_name.[schema_name].table_or_view_name, dove database_name è il database corrente o tempdb e table_or_view_name inizia con #.

REBUILD [ WITH (<rebuild_index_option> [ ,... n]) ]

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2012 (11.x), e database SQL di Azure

Specifica che l'indice verrà ricompilato con le stesse colonne, lo stesso tipo di indice, lo stesso attributo di univocità e lo stesso tipo di ordinamento. Questa clausola equivale a DBCC DBREINDEX. REBUILD abilita un indice disabilitato. La ricompilazione di un indice cluster non comporta la ricompilazione degli indici non cluster associati, a meno che non venga specificata la parola chiave ALL. Se non vengono specificate opzioni di indice, vengono applicati i valori esistenti delle opzioni di indice archiviati in sys.indexes. Per le opzioni di indice il cui valore non è archiviato in sys.indexes, viene applicato il valore predefinito indicato nella definizione dell'argomento dell'opzione.

Se si specifica ALL e la tabella sottostante è un heap, l'operazione REBUILD non ha effetto sulla tabella. Vengono ricompilati tutti gli indici non cluster associati alla tabella.

L'operazione REBUILD può essere sottoposta a registrazione minima se viene usato il modello di recupero del database con registrazione minima o con registrazione minima delle operazioni bulk.

Nota

Quando si ricompila un indice XML primario, la tabella utente sottostante non è disponibile per tutta la durata dell'operazione sull'indice.

Per gli indici columnstore, l'operazione REBUILD:

  • Non usa l'ordinamento.
  • Acquisisce un blocco esclusivo sulla tabella o partizione durante l'operazione REBUILD. I dati sono offline e non disponibili durante l'operazione REBUILD, anche quando si usa NOLOCK, l'isolamento dello snapshot Read Committed o l'isolamento dello snapshot.
  • Ricomprime tutti i dati nel columnstore. Durante l'operazione REBUILD, esistono due copie dell'indice columnstore. Al termine dell'operazione REBUILD, SQL Server elimina l'indice columnstore originale.

Per altre informazioni, vedere Riorganizzare e ricompilare gli indici.

PARTITION

Specifica che verrà ricompilata o riorganizzata solo una partizione di un indice. Non è possibile specificare PARTITION se index_name non è un indice partizionato.

PARTITION = ALL consente di ricompilare tutte le partizioni.

Avviso

La creazione e la ricompilazione di indici non allineati per una tabella con oltre 1.000 partizioni sono possibili, ma non supportate. Questo tipo di operazioni può causare riduzioni delle prestazioni e un eccessivo consumo della memoria. Quando il numero di partizioni supera 1000, Microsoft consiglia di usare solo indici allineati.

partition_number

Numero di partizioni di un indice partizionato da ricompilare o riorganizzare. partition_number è un'espressione costante che può fare riferimento a variabili, incluse variabili o funzioni con tipo definito dall'utente (UDT) e funzioni definite dall'utente, ma non a istruzioni Transact-SQL. È necessario che partition_number esista o l'istruzione avrà esito negativo.

WITH (<single_partition_rebuild_index_option>)

SORT_IN_TEMPDB, MAXDOP, DATA_COMPRESSION e XML_COMPRESSION sono le opzioni che è possibile specificare quando si esegue l'operazione REBUILD su una singola partizione (PARTITION = partition_number). Non è possibile specificare indici XML in un'operazione REBUILD su una singola partizione.

DISABLE

Contrassegna l'indice come disabilitato e non disponibile per l'uso da parte del motore di database. È possibile disabilitare qualsiasi indice. La definizione di un indice disabilitato rimane nel catalogo di sistema senza i dati dell'indice sottostante. La disabilitazione di un indice cluster impedisce all'utente di accedere ai dati della tabella sottostante. Per abilitare un indice, usare ALTER INDEX REBUILD o CREATE INDEX WITH DROP_EXISTING. Per altre informazioni, vedere Disabilitare indici e vincoli e Abilitare indici e vincoli.

Operazione REORGANIZE per un indice rowstore

Per gli indici rowstore, REORGANIZE specifica la riorganizzazione del livello foglia dell'indice. L'operazione REORGANIZE:

  • Viene eseguita sempre online. Ciò significa che i blocchi di tabella a lungo termine non vengono mantenuti e le query o gli aggiornamenti sulla tabella sottostante possono continuare durante la transazione ALTER INDEX REORGANIZE.
  • Non è consentita per un indice disabilitato.
  • Non è consentita quando ALLOW_PAGE_LOCKS è impostato su OFF.
  • Non viene sottoposta a rollback quando viene eseguita all'interno di una transazione che è sottoposta a rollback.

Nota

Quando ALTER INDEX REORGANIZE usa transazioni esplicite, ad esempio ALTER INDEX all'interno di BEGIN TRAN ... COMMIT/ROLLBACK, anziché la modalità di transazione implicita, il comportamento di blocco di REORGANIZE diventa più restrittivo, causando potenzialmente il blocco. Per altre informazioni sulle transazioni implicite, vedere SET IMPLICIT_TRANSACTIONS (Transact-SQL).

Per altre informazioni, vedere Riorganizzare e ricompilare gli indici.

REORGANIZE WITH ( LOB_COMPACTION = { ON | OFF } )

Si applica agli indici rowstore.

LOB_COMPACTION = ON

  • Specifica di comprimere tutte le pagine che contengono dati di questi tipi di dati LOB: image, text, ntext, varchar(max), nvarchar(max), varbinary(max) e xml. Con la compattazione di questi dati, è possibile ridurre le dimensioni dei dati su disco.
  • Per un indice cluster, vengono compattate tutte le colonne LOB contenute nella tabella.
  • Per un indice non cluster, vengono compattate tutte le colonne LOB che sono colonne non chiave (incluse) nell'indice.
  • REORGANIZE ALL esegue LOB_COMPACTION su tutti gli indici. Per ogni indice, vengono compattate tutte le colonne LOB nell'indice cluster, nella tabella sottostante o le colonne incluse in un indice non cluster.

LOB_COMPACTION = OFF

  • Le pagine contenenti dati LOB non vengono compresse.
  • OFF non ha alcun effetto su un heap.

Operazione REORGANIZE per un indice columnstore

Per gli indici columnstore, REORGANIZE comprime tutti i rowgroup differenziali CLOSED nel columnstore come rowgroup compressi. L'operazione REORGANIZE viene sempre eseguita online. Ciò significa che i blocchi di tabella a lungo termine non vengono mantenuti e le query o gli aggiornamenti sulla tabella sottostante possono continuare durante la transazione ALTER INDEX REORGANIZE. Per altre informazioni, vedere Riorganizzare e ricompilare gli indici.

  • L'operazione REORGANIZE non è necessaria per spostare rowgroup differenziali CLOSED in rowgroup compressi. Il processo del motore di tuple in background si riattiva periodicamente per comprimere i rowgroup differenziali CLOSED. È consigliabile usare REORGANIZE, quando il motore di tuple è in ritardo. Con REORGANIZE è possibile comprimere i rowgroup in modo più aggressivo.
  • Per comprimere tutti i rowgroup OPEN e CLOSED, vedere l'opzione REORGANIZE WITH (COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS) in questa sezione.

Per gli indici columnstore in SQL Server, a partire da SQL Server 2016 (13.x), e nel database SQL di Azure, REORGANIZE esegue le ottimizzazioni di deframmentazione online aggiuntive seguenti:

  • Rimuove fisicamente le righe da un rowgroup quando più del 10% delle righe è stato eliminato in modo logico. I byte eliminati vengono recuperati sui supporti fisici. Ad esempio, se in un rowgroup compresso di 1 milione di righe sono state eliminate 100.000 righe, SQL Server rimuoverà le righe eliminate e ricomprimerà il rowgroup con 900.000 righe. Esegue il salvataggio nell'archiviazione rimuovendo le righe eliminate.

  • Combina uno o più rowgroup compressi per aumentare le righe in ogni rowgroup, fino a un massimo di 1.048.576 righe. Ad esempio, se si importano in blocco 5 batch di 102.400 righe, si otterranno 5 rowgroup compressi. Se si esegue l'operazione REORGANIZE, questi rowgroup verranno uniti in un rowgroup compresso di 512.000 righe. Si presuppone che non vi siano limiti di memoria o di dimensioni del dizionario.

  • Per i rowgroup in cui oltre il 10% delle righe è stato eliminato in modo logico, SQL Server tenterà di combinare questo rowgroup con uno o più rowgroup. Ad esempio, il rowgroup 1 viene compresso con 500.000 righe e il rowgroup 21 viene compresso con il numero massimo di 1.048.576 righe. Nel rowgroup 21 il 60% delle righe è stato eliminato in modo da lasciare 409.830 righe. SQL Server consente di combinare questi due rowgroup per comprimere un nuovo rowgroup con 909.830 righe.

REORGANIZE WITH ( COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS = { ON | OFF } )

Si applica agli indici columnstore.

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2016 (13.x), e database SQL di Azure

COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS consente di forzare i rowgroup differenziali OPEN o CLOSED nel columnstore. Con questa opzione, non è necessario ricompilare l'indice columnstore per svuotare i rowgroup differenziali. Grazie a questa opzione e ad altre funzionalità di deframmentazione per la rimozione e l'unione, nella maggior parte dei casi non è più necessario ricompilare l'indice.

  • L'opzione ON forza tutti i rowgroup nel columnstore, indipendentemente dalle dimensioni e dallo stato (CLOSED o OPEN).
  • L'opzione OFF forza tutti i rowgroup nel columnstore.

Per altre informazioni, vedere Riorganizzare e ricompilare gli indici.

SET ( <set_index option> [ ,... n] )

Specifica alcune opzioni per l'indice senza ricompilare né riorganizzare l'indice. Non è possibile specificare SET per un indice disabilitato.

PAD_INDEX = { ON | OFF }

Specifica il riempimento dell'indice. Il valore predefinito è OFF.

ON

La percentuale di spazio disponibile specificata da FILLFACTOR viene applicata alle pagine di livello intermedio dell'indice. Se non si specifica FILLFACTOR e l'opzione PAD_INDEX è impostata su ON, viene usato il valore del fattore di riempimento archiviato in sys.indexes.

OFF o fillfactor non è specificato

Le pagine di livello intermedio vengono riempite poco al di sotto della capacità massima. Lo spazio residuo è sufficiente per almeno una riga della dimensione massima supportata dall'indice, in base al set di chiavi nelle pagine intermedie.

Per altre informazioni, vedere CREATE INDEX (Transact-SQL).

FILLFACTOR = fillfactor

Specifica la percentuale usata dal motore di database per riempire il livello foglia di ogni pagina di indice durante la creazione o la modifica dell'indice. Il valore per fillfactor deve essere un numero intero compreso tra 1 e 100. Il valore predefinito è 0. I valori 0 e 100 relativi al fattore di riempimento sono equivalenti.

Un'impostazione esplicita di FILLFACTOR viene applicata solo quando l'indice viene creato per la prima volta o ricompilato. La percentuale specificata di spazio vuoto delle pagine non viene mantenuta in modo dinamico dal motore di database. Per altre informazioni, vedere CREATE INDEX (Transact-SQL).

Per visualizzare l'impostazione del fattore di riempimento. usare fill_factor in sys.indexes.

Importante

La creazione o la modifica di un indice cluster con un valore FILLFACTOR influisce sulla quantità di spazio di archiviazione occupata dai dati, perché i dati vengono ridistribuiti dal motore di database durante la creazione dell'indice cluster.

SORT_IN_TEMPDB = { ON | OFF }

Specifica se i risultati dell'ordinamento devono essere archiviati in tempdb. Il valore predefinito è OFF, tranne per il database SQL di Azure con servizio Hyperscale. Per tutte le operazioni di ricompilazione dell'indice in Hyperscale, SORT_IN_TEMPDB è sempre ON, indipendentemente dall'opzione specificata, a meno che non venga usata la ricompilazione dell'indice ripristinabile.

ON
I risultati intermedi dell'ordinamento usati per la compilazione dell'indice vengono archiviati in tempdb. Se tempdb si trova in un set di dischi diverso rispetto al database utente, il tempo necessario per creare un indice potrebbe essere minore. La quantità di spazio su disco utilizzata durante la compilazione dell'indice sarà tuttavia maggiore.

OFF
I risultati intermedi dell'ordinamento vengono archiviati nello stesso database dell'indice.

Se non è necessario eseguire un'operazione di ordinamento o se l'ordinamento può essere eseguito in memoria, l'opzione SORT_IN_TEMPDB viene ignorata.

Per altre informazioni, vedere Opzione SORT_IN_TEMPDB per gli indici.

IGNORE_DUP_KEY = { ON | OFF }

Specifica l'errore restituito quando un'operazione di inserimento tenta di inserire valori di chiave duplicati in un indice univoco. L'opzione IGNORE_DUP_KEY viene applicata solo alle operazioni di inserimento eseguite dopo la creazione o la ricompilazione dell'indice. Il valore predefinito è OFF.

ON
Viene visualizzato un messaggio di avviso quando i valori di chiave duplicati vengono inseriti in un indice univoco. Avranno esito negativo solo le righe che violano il vincolo di unicità.

OFF
Viene visualizzato un messaggio di errore quando i valori di chiave duplicati vengono inseriti in un indice univoco. Viene eseguito il rollback dell'intera operazione INSERT.

L'opzione IGNORE_DUP_KEY non può essere impostata su ON per indici creati in una vista, indici non univoci, indici XML, indici spaziali e indici filtrati.

Per visualizzare IGNORE_DUP_KEY, usare sys.indexes.

Nella sintassi compatibile con le versioni precedenti WITH IGNORE_DUP_KEY equivale a WITH IGNORE_DUP_KEY = ON.

STATISTICS_NORECOMPUTE = { ON | OFF }

Specifica se le statistiche di distribuzione vengono ricalcolate. Il valore predefinito è OFF.

ON
Le statistiche non aggiornate non vengono ricalcolate automaticamente.

OFF
Abilita l'aggiornamento automatico delle statistiche.

Per ripristinare l'aggiornamento automatico delle statistiche, impostare STATISTICS_NORECOMPUTE su OFF oppure eseguire UPDATE STATISTICS senza la clausola NORECOMPUTE.

Importante

La disabilitazione del ricalcolo automatico delle statistiche di distribuzione può compromettere la selezione di piani di esecuzione ottimali per le query riguardanti la tabella in Query Optimizer.

STATISTICS_INCREMENTAL = { ON | OFF }

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2014 (12.x), e database SQL di Azure

Se è specificato ON, le statistiche create sono statistiche per partizione. Se è specificato OFF, l'albero delle statistiche viene eliminato e SQL Server ricalcola le statistiche. Il valore predefinito è OFF.

Se le statistiche per partizione non sono supportate, l'opzione viene ignorata e viene generato un avviso. Le statistiche incrementali non sono supportate per i tipi di statistiche seguenti:

  • Statistiche create con indici il cui partizionamento non è allineato con la tabella di base
  • Statistiche create per i database di replica secondaria leggibile del gruppo di disponibilità
  • Statistiche create per i database di sola lettura
  • Statistiche create per gli indici filtrati
  • Statistiche create per le viste
  • Statistiche create per le tabelle interne
  • Statistiche create con indici spaziali o indici XML

ONLINE = { ON | OFF } <come si applica a rebuild_index_option>

Specifica se le tabelle sottostanti e gli indici associati sono disponibili per le query e la modifica dei dati durante l'operazione sugli indici. Il valore predefinito è OFF.

Per un indice XML o spaziale, è supportata solo l'opzione ONLINE = OFF e se ONLINE è impostata su ON viene generato un errore.

Importante

Le operazioni online sugli indici non sono disponibili in tutte le edizioni di Microsoft SQL Server. Per un elenco delle funzionalità supportate dalle edizioni di SQL Server, vedere:

ON
I blocchi di tabella a lungo termine non vengono mantenuti durante l'operazione sull'indice. Durante la fase principale dell'operazione viene mantenuto solo un blocco preventivo condiviso (IS, Intent Shared) sulla tabella di origine. In questo modo, le query o gli aggiornamenti relativi alla tabella e agli indici sottostanti possono continuare. All'inizio dell'operazione viene mantenuto brevemente un blocco condiviso (S) sull'oggetto di origine. Al termine dell'operazione, per un breve periodo viene mantenuto un blocco S nell'origine se viene creato un indice non cluster. Viene acquisito un blocco di modifica dello schema (SCH-M) quando viene creato o eliminato online un indice cluster e quando viene ricompilato un indice cluster o non cluster. L'opzione ONLINE non può essere impostata su ON quando viene creato un indice per una tabella temporanea locale.

OFF
I blocchi di tabella vengono applicati durante l'operazione sull'indice. Un'operazione sull'indice offline che crea, ricompila o elimina un indice cluster, spaziale o XML oppure che ricompila o elimina un indice non cluster, acquisisce un blocco di modifica dello schema (SCH-M) sulla tabella. Il blocco impedisce a tutti gli utenti di accedere alla tabella sottostante durante l'operazione. Un'operazione sugli indici offline che crea un indice non cluster acquisisce un blocco condiviso (S) sulla tabella. Tale blocco impedisce l'aggiornamento della tabella sottostante ma consente operazioni di lettura, ad esempio l'esecuzione di istruzioni SELECT.

Per altre informazioni, vedere Perform Index Operations Online.

È possibile ricompilare online tutti gli indici, inclusi quelli di tabelle temporanee globali, ad eccezione dei casi seguenti:

  • Indice XML
  • Indice di una tabella temporanea locale
  • Indice cluster univoco iniziale su una vista
  • Indici columnstore
  • Indice cluster, se la tabella sottostante contiene tipi di dati LOB (image, ntext, text) e tipi spaziali
  • Le colonne varchar(max) e varbinary(max) non possono fare parte di un indice. In SQL Server, a partire da SQL Server 2012 (11.x), e nel database SQL di Azure quando una tabella contiene colonne varchar(max) o varbinary(max), è possibile compilare o ricompilare un indice cluster contenente altre colonne usando l'opzione ONLINE. Il database SQL di Azure non consente l'opzione ONLINE quando la tabella di base contiene colonne varchar(max) o varbinary(max)

Per altre informazioni, vedere Funzionamento delle operazioni sugli indici online.

RESUMABLE = { ON | OFF}

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2017 (14.x), e database SQL di Azure

Specifica se un'operazione sull'indice online è ripristinabile.

ON
L'operazione sull'indice è ripristinabile.

OFF
L'operazione sull'indice non è ripristinabile.

MAX_DURATION = time [MINUTES] usato con RESUMABLE = ON (richiede ONLINE = ON)

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2017 (14.x), e database SQL di Azure

Indica il tempo (un valore intero specificato in minuti) di esecuzione di un'operazione sull'indice online ripristinabile prima di essere sospesa.

Importante

Per informazioni più dettagliate sulle operazioni di indice eseguibili online, vedere Linee guida per operazioni di indice online.

Nota

Negli indici columnstore non sono supportate le ricompilazioni degli indici online ripristinabili.

ALLOW_ROW_LOCKS = { ON | OFF }

Specifica se sono consentiti blocchi di riga. Il valore predefinito è ON.

ON
I blocchi di riga sono consentiti durante l'accesso all'indice. Il motore di database determina quando usare i blocchi di riga.

OFF
I blocchi di riga non vengono usati.

ALLOW_PAGE_LOCKS = { ON | OFF }

Specifica se sono consentiti blocchi a livello di pagina. Il valore predefinito è ON.

ON
I blocchi a livello di pagina sono consentiti durante l'accesso all'indice. Il motore di database determina quando usare i blocchi di pagina.

OFF
I blocchi di pagina non vengono usati.

Nota

Quando l'opzione ALLOW_PAGE_LOCKS è impostata su OFF, non è possibile eseguire operazioni di riorganizzazione degli indici.

OPTIMIZE_FOR_SEQUENTIAL_KEY = { ON | OFF }

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2019 (15.x), e database SQL di Azure

Specifica se eseguire o meno l'ottimizzazione per la contesa di inserimento dell'ultima pagina. Il valore predefinito è OFF. Per altre informazioni, vedere Chiavi sequenziali.

MAXDOP = max_degree_of_parallelism

Sostituisce l'opzione di configurazione Massimo grado di parallelismo durante l'operazione sull'indice. Per altre informazioni, vedere Configurare l'opzione di configurazione del server max degree of parallelism. Utilizzare MAXDOP per limitare il numero di processori utilizzati durante l'esecuzione di un piano parallelo. Il valore massimo è 64 processori.

Importante

Benché l'opzione MAXDOP sia supportata a livello di sintassi per tutti gli indici XML, per un indice spaziale o un indice XML primario, ALTER INDEX usa attualmente solo un processore singolo.

max_degree_of_parallelism può essere:

1
Disattiva la generazione di piani paralleli.

>1
Limita il numero massimo di processori utilizzati in un'operazione parallela sull'indice in base al numero specificato.

0 (predefinito)
Utilizza il numero effettivo di processori o un numero inferiore in base al carico di lavoro corrente del sistema.

Per altre informazioni, vedere Configurazione di operazioni parallele sugli indici.

Nota

Le operazioni parallele sugli indici non sono disponibili in tutte le edizioni di SQL Server. Per un elenco delle funzionalità supportate dalle edizioni di SQL Server, vedere Edizioni e funzionalità supportate di SQL Server 2016.

COMPRESSION_DELAY = { 0 | duration [Minutes] }

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2016 (13.x)

Per una tabella basata su disco, il ritardo indica il numero minimo di minuti in cui un rowgroup differenziale deve rimanere nello stato CLOSED nel rowgroup differenziale prima che SQL Server lo comprima nel rowgroup compresso. Poiché le tabelle basate su disco non tengono traccia delle ore di inserimento e aggiornamento per le singole righe, SQL Server applica il ritardo ai rowgroup differenziali nello stato CLOSED.

Il valore predefinito è 0 minuti.

Per indicazioni su quando usare COMPRESSION_DELAY, vedere l'introduzione a columnstore per l'analisi operativa in tempo reale.

DATA_COMPRESSION

Specifica l'opzione di compressione dei dati per l'indice, il numero di partizione o l'intervallo di partizioni specificato. descritte di seguito:

NONE
L'indice o le partizioni specificate non vengono compressi. Non si applica agli indici columnstore.

ROW
L'indice o le partizioni specificate vengono compressi utilizzando la compressione di riga. Non si applica agli indici columnstore.

PAGE
L'indice o le partizioni specificate vengono compressi utilizzando la compressione di pagina. Non si applica agli indici columnstore.

COLUMNSTORE

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2014 (12.x), e database SQL di Azure

Si applica solo agli indici columnstore, inclusi gli indici columnstore cluster e quelli non cluster. COLUMNSTORE specifica di decomprimere l'indice o le partizioni specificate compresse con l'opzione COLUMNSTORE_ARCHIVE. Quando i dati vengono ripristinati, continueranno a essere compressi con la compressione columnstore utilizzata per tutti gli indici columnstore.

COLUMNSTORE_ARCHIVE

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2014 (12.x), e database SQL di Azure

Si applica solo agli indici columnstore, inclusi gli indici columnstore cluster e quelli non cluster. COLUMNSTORE_ARCHIVE comprimerà ulteriormente la partizione specificata a una dimensione inferiore. Può essere utilizzata per l'archiviazione o in altre situazioni in cui sono richieste dimensioni di archiviazione inferiori ed è possibile concedere più tempo per l'archiviazione e il recupero.

Per altre informazioni sulla compressione, vedere Compressione dei dati.

XML_COMPRESSION

Si applica a: SQL Server 2022 (16.x) e versioni successive e Azure SQL Anteprima database.

Specifica l'opzione di compressione XML per l'indice specificato che contiene una o più colonne del tipo di dati xml. descritte di seguito:

ON
L'indice o le partizioni specificate vengono compressi usando la compressione XML.

OFF
L'indice o le partizioni specificate non vengono compressi.

ON PARTITIONS ( { <partition_number_expression> | <range> } [,...n] )

Specifica le partizioni a cui si applicano le impostazioni di DATA_COMPRESSION o XML_COMPRESSION. Se l'indice non è partizionato, l'argomento ON PARTITIONS genererà un errore. Se la clausola ON PARTITIONS non viene specificata, viene applicata l'opzione DATA_COMPRESSION o XML_COMPRESSION a tutte le partizioni di un indice partizionato.

Nota

XML_COMPRESSION è disponibile solo a partire da SQL Server 2022 (16.x) e Azure SQL Anteprima database.

<partition_number_expression> può essere specificato nei modi seguenti:

  • Specificare il numero di una partizione, ad esempio: ON PARTITIONS (2).
  • Specificare i numeri di partizione per più partizioni singole separati da virgole, ad esempio: ON PARTITIONS (1, 5).
  • Specificare sia intervalli che partizioni singole: ON PARTITIONS (2, 4, 6 TO 8).

È possibile specificare <range> sotto forma di numeri di partizione separati dalla parola TO, ad esempio: ON PARTITIONS (6 TO 8).

Per impostare tipi diversi di compressione dei dati per partizioni diverse, specificare più volte l'opzione DATA_COMPRESSION, ad esempio:

REBUILD WITH
(
DATA_COMPRESSION = NONE ON PARTITIONS (1),
DATA_COMPRESSION = ROW ON PARTITIONS (2, 4, 6 TO 8),
DATA_COMPRESSION = PAGE ON PARTITIONS (3, 5)
);

È anche possibile specificare più volte l'opzione XML_COMPRESSION, ad esempio:

REBUILD WITH
(
  XML_COMPRESSION = OFF ON PARTITIONS (1),
  XML_COMPRESSION = ON ON PARTITIONS (2, 4, 6 TO 8),
  XML_COMPRESSION = OFF ON PARTITIONS (3, 5)
);

ONLINE = { ON | OFF } <come si applica a single_partition_rebuild_index_option>

Specifica se un indice o una partizione di indice di una tabella sottostante può essere ricompilata online o offline. Se si esegue REBUILD ... ONLINE = ON, i dati in questa tabella sono disponibili per le query e la modifica dei dati durante l'operazione sull'indice. Il valore predefinito è OFF.

ON
I blocchi di tabella a lungo termine non vengono mantenuti durante l'operazione sull'indice. Durante la fase principale dell'operazione viene mantenuto solo un blocco preventivo condiviso (IS, Intent Shared) sulla tabella di origine. Quando si avvia la ricompilazione dell'indice, è necessario un blocco di stabilità dello schema (Sch-S) sulla tabella, mentre è necessario un blocco di modifica dello schema (Sch-M) sulla tabella alla fine della ricompilazione dell'indice online. Sebbene entrambi i blocchi di metadati siano di breve durata, soprattutto il blocco Sch-M deve attendere il completamento di tutte le transazioni bloccanti. Durante il tempo di attesa, il blocco Sch-M impedisce tutte le altre transazioni in attesa dovute a questo blocco in caso di accesso alla stessa tabella.

Nota

La ricompilazione di indici online può impostare le opzioni low_priority_lock_wait; vedere WAIT_AT_LOW_PRIORITY con operazioni sugli indici online.

OFF
I blocchi di tabella vengono applicati durante l'operazione sull'indice. Il blocco impedisce a tutti gli utenti di accedere alla tabella sottostante durante l'operazione.

RESUME

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2017 (14.x), e database SQL di Azure

Riprende un'operazione sull'indice che è stata sospesa manualmente o a causa di un errore.

MAX_DURATION usato con RESUMABLE = ON

Tempo (un valore intero espresso in minuti) di esecuzione di un'operazione sull'indice online ripristinabile dopo il ripristino. Allo scadere del tempo, l'operazione ripristinabile viene sospesa se è ancora in esecuzione.

WAIT_AT_LOW_PRIORITY usato con RESUMABLE = ON e ONLINE = ON.

Per una ricompilazione di indice online dopo una sospensione è necessario attendere il blocco delle operazioni su questa tabella. WAIT_AT_LOW_PRIORITY indica che l'operazione di ricompilazione di indice online rimarrà in attesa di blocchi con priorità bassa, consentendo la continuazione delle altre operazioni mentre quella di compilazione di indice online è in attesa. L'omissione dell'opzione WAIT_AT_LOW_PRIORITY equivale a WAIT_AT_LOW_PRIORITY (MAX_DURATION = 0 minutes, ABORT_AFTER_WAIT = NONE). Per altre informazioni, vedere WAIT_AT_LOW_PRIORITY.

PAUSE

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2017 (14.x), e database SQL di Azure

Sospende un'operazione di ricompilazione dell'indice online ripristinabile.

ABORT

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2017 (14.x), e database SQL di Azure

Interrompe un'operazione sull'indice in esecuzione o sospesa, dichiarata ripristinabile. È necessario eseguire in modo esplicito un comando ABORT per terminare un'operazione di ricompilazione dell'indice ripristinabile. L'errore o la sospensione di un'operazione sull'indice ripristinabile non ne termina l'esecuzione, ma lascia l'operazione in uno stato di sospensione indefinito.

Commenti

Non è possibile usare ALTER INDEX per ripartizionare un indice o spostarlo in un filegroup diverso, né per modificare la definizione dell'indice, ad esempio per aggiungere o eliminare colonne oppure per modificarne l'ordine. Per eseguire queste operazioni usare CREATE INDEX con la clausola DROP_EXISTING.

Quando un'opzione non viene specificata in modo esplicito, viene applicata l'impostazione corrente. Se, ad esempio, non viene specificata un'impostazione FILLFACTOR nella clausola REBUILD, durante il processo di ricompilazione verrà usato il valore del fattore di riempimento archiviato nel catalogo di sistema. Per visualizzare le impostazioni correnti delle opzioni per gli indici, usare sys.indexes.

I valori per ONLINE, MAXDOP e SORT_IN_TEMPDB non vengono archiviati nel catalogo di sistema. Se non viene specificato un valore nell'istruzione dell'indice, viene utilizzato il valore predefinito dell'opzione.

Nei computer multiprocessore l'istruzione ALTER INDEX REBUILD usa automaticamente più processori per eseguire le operazioni di analisi e ordinamento associate alla modifica dell'indice, in modo identico ad altre query. Quando si esegue ALTER INDEX REORGANIZE, con o senza LOB_COMPACTION, il valore di max degree of parallelism corrisponde a un'operazione a thread singolo. Per altre informazioni, vedere Configurazione di operazioni parallele sugli indici.

Importante

Non è possibile riorganizzare o ricompilare indici contenuti in un filegroup offline o di sola lettura. Quando viene specificata la parola chiave ALL e uno o più indici si trovano in un filegroup offline o di sola lettura, l'istruzione ha esito negativo.

Ricostruzione degli indici

La ricompilazione di un indice consiste nell'eliminazione e nella ricreazione dell'indice. Questa operazione consente di rimuovere la frammentazione, rendere disponibile spazio su disco grazie alla compattazione delle pagine in base all'impostazione del fattore di riempimento esistente o specificata e riordinare le righe dell'indice in pagine contigue. Quando viene specificata la parola chiave ALL, tutti gli indici della tabella vengono eliminati e ricompilati in una singola transazione. Non è necessario eliminare in anticipo i vincoli di chiave esterna. Quando vengono ricompilati indici con 128 o più extent, il motore di database posticipa le effettive deallocazioni delle pagine e i blocchi associati fino al termine del commit della transazione.

Per altre informazioni, vedere Riorganizzare e ricompilare gli indici.

Riorganizzazione degli indici

La riorganizzazione di un indice richiede una quantità minima di risorse di sistema. Questa operazione deframmenta il livello foglia di indici cluster e non cluster di tabelle e viste tramite il riordinamento fisico delle pagine al livello foglia in base all'ordine logico, da sinistra verso destra, dei nodi foglia. La riorganizzazione consente inoltre di compattare le pagine di indice in base al valore del fattore di riempimento esistente.

Quando viene specificato ALL, vengono riorganizzati gli indici relazionali, sia cluster sia non cluster, e gli indici XML della tabella. Quando si specifica ALL, vengono applicate alcune restrizioni. Vedere la definizione di ALL nella sezione Argomenti di questo articolo.

Per altre informazioni, vedere Riorganizzare e ricompilare gli indici.

Importante

Per una tabella di Azure Synapse Analytics con un indice columnstore cluster ordinato, ALTER INDEX REORGANIZE non riordina i dati. Per riordinare i dati, usare ALTER INDEX REBUILD.

Disabilitazione degli indici

La disabilitazione di un indice impedisce agli utenti di accedere all'indice e, nel caso di indici cluster, ai dati della tabella sottostante. La definizione dell'indice rimane archiviata nel catalogo di sistema. La disabilitazione di un indice non cluster o di un indice cluster di una vista elimina fisicamente i dati dell'indice. La disabilitazione di un indice cluster impedisce l'accesso ai dati, i quali tuttavia rimangono archiviati in forma non gestita nell'albero B fino all'eliminazione o alla ricompilazione dell'indice. Per visualizzare lo stato di un indice abilitato o disabilitato, eseguire una query sulla colonna is_disabled della vista del catalogo sys.indexes.

Nota

Nella documentazione di SQL Server viene usato in modo generico il termine albero B in riferimento agli indici. Negli indici rowstore SQL Server implementa un albero B+. Questo non si applica agli indici columnstore o agli archivi dati in memoria. Per informazioni dettagliate, vedere Architettura e guida per la progettazione degli indici di SQL Server.

Se una tabella è inclusa in una pubblicazione per la replica transazionale, non è possibile disabilitare gli indici associati a colonne chiave primaria. Questi indici sono necessari per la replica. Per disabilitare un indice, è innanzitutto necessario eliminare la tabella dalla pubblicazione. Per altre informazioni, vedere Pubblicare dati e oggetti di database.

Per abilitare l'indice, usare l'istruzione ALTER INDEX REBUILD o CREATE INDEX WITH DROP_EXISTING. Quando l'opzione ONLINE è impostata su ON, non è possibile ricompilare un indice cluster disabilitato. Per altre informazioni, vedere Disabilitazione di indici e vincoli.

Opzioni di impostazione

È possibile impostare le opzioni ALLOW_ROW_LOCKS, ALLOW_PAGE_LOCKS, OPTIMIZE_FOR_SEQUENTIAL_KEY, IGNORE_DUP_KEY e STATISTICS_NORECOMPUTE per un indice specificato senza ricompilare o riorganizzare l'indice. I valori modificati vengono applicati immediatamente all'indice. Per visualizzare queste impostazioni, usare sys.indexes. Per altre informazioni vedere Impostare le opzioni di indice.

Opzioni per blocchi di riga e di pagina

Se ALLOW_ROW_LOCKS = ON e ALLOW_PAGE_LOCK = ON, sono consentiti blocchi a livello di riga, pagina e tabella quando si accede all'indice. Il motore di database sceglie il blocco appropriato e può eseguire un'escalation del blocco da un blocco di riga o di pagina a un blocco di tabella.

Se ALLOW_ROW_LOCKS = OFF e ALLOW_PAGE_LOCK = OFF, è consentito solo un blocco a livello di tabella quando si accede all'indice.

Se si specifica la parola chiave ALL durante l'impostazione di opzioni per blocchi di riga o di pagina, le impostazioni vengono applicate a tutti gli indici. Se la tabella sottostante è un heap, le impostazioni vengono applicate nei modi seguenti:

Opzione Dettagli
ALLOW_ROW_LOCKS = ON o OFF Viene applicata all'heap e a tutti gli indici non cluster associati.
ALLOW_PAGE_LOCKS = ON Viene applicata all'heap e a tutti gli indici non cluster associati.
ALLOW_PAGE_LOCKS = OFF Viene applicata agli indici non cluster. Ciò significa che negli indici non cluster non è consentito alcun blocco a livello di pagina. Nell'heap non sono consentiti solo i blocchi condivisi (S), di aggiornamento (U) ed esclusivi (X) per la pagina. Il motore di database può comunque acquisire un blocco preventivo a livello di pagina (IS, IU o IX) per scopi interni.

Operazioni online sugli indici

Quando si ricompila un indice e l'opzione ONLINE è impostata su ON, gli oggetti sottostanti, ovvero le tabelle e gli indici associati, risultano disponibili per query e operazioni di modifica dei dati. È inoltre possibile ricompilare online una parte di indice che risiede in una singola partizione. I blocchi di tabella esclusivi vengono mantenuti attivi per un periodo di tempo molto limitato durante il processo di modifica.

La riorganizzazione di un indice viene sempre eseguita online. Questo processo non mantiene i blocchi a lungo termine e di conseguenza non blocca le query o gli aggiornamenti in corso.

In una stessa tabella o partizione di tabella è possibile eseguire in modo simultaneo solo le operazioni sugli indici online seguenti:

  • Creazione di più indici non cluster.
  • Riorganizzazione di indici diversi della stessa tabella.
  • Riorganizzazione di indici diversi durante la ricompilazione di indici non sovrapposti della stessa tabella.

Qualsiasi altra operazione sugli indici online eseguita nello stesso istante avrà esito negativo. Ad esempio, non è possibile ricompilare due o più indici nella stessa tabella simultaneamente né creare un nuovo indice durante la ricompilazione di un indice esistente nella stessa tabella.

Per altre informazioni, vedere Perform Index Operations Online.

Operazioni sull'indice ripristinabili

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2017 (14.x), e database SQL di Azure

La ricompilazione dell'indice online viene specificata come ripristinabile usando l'opzione RESUMABLE = ON.

  • L'opzione RESUMABLE non è persistente nei metadati per un determinato indice e si applica solo alla durata di un'istruzione DDL corrente. Per abilitare la funzione di ripristino, è necessario quindi che la clausola RESUMABLE = ON sia specificata in modo esplicito.

  • L'opzione MAX_DURATION è supportata per l'opzione RESUMABLE = ON o low_priority_lock_wait.

    • MAX_DURATION per l'opzione RESUMABLE specifica l'intervallo di tempo per la ricompilazione di un indice. Trascorso questo tempo, la ricompilazione dell'indice viene sospesa oppure viene completata. È l'utente a decidere quando riprendere la ricompilazione di un indice che è stata sospesa. Il valore espresso in minuti in time per MAX_DURATION deve essere maggiore di 0 e minore o uguale a una settimana (7 * 24 * 60 = 10080 minuti). Una sospensione prolungata di un'operazione sull'indice può compromettere le prestazioni DML su una tabella specifica, nonché la capacità del disco del database poiché entrambi gli indici, quello originale e quello appena creato, richiedono spazio su disco e devono essere aggiornati durante le operazioni DML. Se l'opzione MAX_DURATION viene omessa, l'operazione sull'indice continuerà fino al suo completamento o fino a quando non si verificherà un errore.
    • L'opzione dell'argomento low_priority_lock_wait consente di definire il comportamento dell'operazione sull'indice quando questa è bloccata tramite il blocco SCH-M.
  • Se si esegue di nuovo l'istruzione ALTER INDEX REBUILD originale con gli stessi parametri, viene ripresa un'operazione di ricompilazione dell'indice sospesa. È possibile riprendere un'operazione di ricompilazione dell'indice sospesa anche eseguendo l'istruzione ALTER INDEX RESUME.

  • L'opzione SORT_IN_TEMPDB = ON non è supportata per un indice ripristinabile

  • Il comando DDL con RESUMABLE = ON non può essere eseguito all'interno di una transazione esplicita (non può fare parte del blocco BEGIN TRAN ... COMMIT).

  • Solo le operazioni sugli indici sospese sono ripristinabili.

  • Quando si riprende un'operazione sull'indice che è stata sospesa, è possibile modificare il valore MAXDOP impostandone uno nuovo. Se non si specifica MAXDOP quando si riprende un'operazione sull'indice sospesa, viene usato l'ultimo valore di MAXDOP. Se l'opzione MAXDOP non viene specificata del tutto per un'operazione di ricompilazione dell'indice, viene usato il valore predefinito.

  • Per sospendere immediatamente l'operazione sull'indice, è possibile arrestare il comando in corso (CTRL+C) o eseguire il comando ALTER INDEX PAUSE o KILL <session_id>. Quando il comando viene sospeso, è possibile riprenderlo usando l'opzione RESUME.

  • Il comando ABORT termina la sessione che ha ospitato la ricompilazione dell'indice originale e interrompe l'operazione sull'indice

  • Non sono necessarie risorse aggiuntive per la ricompilazione dell'indice ripristinale ad eccezione di queste:

    • Uno spazio aggiuntivo necessario per mantenere l'indice compilato, incluso il tempo di sospensione dell'indice
    • Uno stato DDL per impedire eventuali modifiche DDL
  • La pulizia fantasma verrà eseguita durante la fase di sospensione dell'indice, ma verrà sospesa durante l'esecuzione dell'indice. La funzionalità seguente è disabilitata per le operazioni di ricompilazione dell'indice ripristinabili

    • La ricompilazione di un indice disabilitato non è supportata con RESUMABLE = ON
    • Comando ALTER INDEX REBUILD ALL
    • ALTER TABLE usando la ricompilazione dell'indice
    • Il comando DDL con RESUMABLE = ON non può essere eseguito all'interno di una transazione esplicita (non può fare parte del blocco BEGIN TRAN ... COMMIT)
    • La ricompilazione di un indice contenente colonne calcolate o colonne TIMESTAMP come colonne chiave.
  • Nel caso in cui la tabella di base contenga colonne LOB, la ricompilazione dell'indice cluster ripristinabile richiede un blocco Sch-M all'inizio di questa operazione

Nota

Il comando DDL viene eseguito fin tanto che è completato, sospeso o non riuscito. Nel caso in cui il comando sia sospeso, verrà generato un errore a indicare che l'operazione è stata sospesa e che la creazione dell'indice non è stata completata. Altre informazioni sullo stato corrente dell'indice sono disponibili in sys.index_resumable_operations. Come in precedenza, in caso di errore verrà generato un errore.

WAIT_AT_LOW_PRIORITY con operazioni sull'indice online

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2014 (12.x), e database SQL di Azure

La sintassi low_priority_lock_wait consente di specificare il comportamento di WAIT_AT_LOW_PRIORITY. È possibile usare WAIT_AT_LOW_PRIORITY solo con ONLINE = ON.

Per eseguire l'istruzione DDL per una ricompilazione dell'indice online, è necessario completare tutte le transazioni bloccanti attive in esecuzione in una specifica tabella. Quando la ricompilazione dell'indice online viene eseguita, blocca tutte le nuove transazioni pronte per l'esecuzione in questa tabella. Sebbene la durata del blocco della ricompilazione dell'indice online sia molto breve, l'attesa del completamento di tutte le transazioni aperte in una tabella specificata e il blocco dell'avvio di nuove transazioni potrebbero influire in modo significativo sulla velocità effettiva, provocando un rallentamento o un timeout del carico di lavoro e limitando notevolmente l'accesso alla tabella sottostante.

L'opzione WAIT_AT_LOW_PRIORITY consente agli amministratori di database di gestire i blocchi di stabilità dello schema (Sch-S) e i blocchi di modifica dello schema (Sch-M) necessari per le ricompilazioni degli indici online e di selezionare una delle due opzioni. In ogni caso, se durante il tempo di attesa MAX_DURATION = n [minutes] non sono presenti attività di blocco, la ricompilazione dell'indice online viene eseguita immediatamente senza attendere il completamento dell'istruzione DDL.

WAIT_AT_LOW_PRIORITY indica che l'operazione di ricompilazione di indice online rimarrà in attesa di blocchi con priorità bassa, consentendo la continuazione delle altre operazioni mentre quella di compilazione di indice online è in attesa. L'omissione dell'opzione WAIT AT LOW PRIORITY equivale a WAIT_AT_LOW_PRIORITY (MAX_DURATION = 0 minutes, ABORT_AFTER_WAIT = NONE).

MAX_DURATION = time [MINUTES]

Il tempo (valore intero specificato in minuti) di attesa con priorità bassa dei blocchi di ricompilazione di indice online durante l'esecuzione del comando DDL. Se l'operazione viene bloccata per il tempo MAX_DURATION, verrà eseguita l'azione ABORT_AFTER_WAIT specificata. Il tempo MAX_DURATION è sempre espresso in minuti e la parola MINUTES può essere omessa.

ABORT_AFTER_WAIT = [ NONE | SELF | BLOCKERS ]

NONE
Continuare ad attendere il blocco con priorità normale (regolare).

SELF
Esce dall'operazione DDL di ricompilazione dell'indice online attualmente in esecuzione senza eseguire alcuna azione. L'opzione SELF non può essere usata con MAX_DURATION con valore 0.

BLOCKERS
Termina tutte le transazioni utente che bloccano l'operazione DDL di ricompilazione dell'indice online in modo da poter continuare l'operazione. Per l'opzione BLOCKERS è necessario l'account di accesso per avere l'autorizzazione ALTER ANY CONNECTION.

Restrizioni relative agli indici spaziali

Quando si ricompila un indice spaziale, la tabella utente sottostante non è disponibile durante l'operazione sull'indice, in quanto l'indice spaziale acquisisce un blocco di schema.

Il vincolo PRIMARY KEY nella tabella utente non può essere modificato se in una colonna della tabella è definito un indice spaziale. Per modificare il vincolo PRIMARY KEY, eliminare innanzitutto ogni indice spaziale dalla tabella. Dopo avere modificato il vincolo PRIMARY KEY, è possibile ricreare ognuno degli indici spaziali.

In un'operazione di ricompilazione di una singola partizione, non è possibile specificare indici spaziali. È tuttavia possibile specificare indici spaziali in una ricompilazione di partizioni completa.

Per modificare opzioni specifiche di un indice spaziale, come BOUNDING_BOX o GRID, è possibile usare un'istruzione CREATE SPATIAL INDEX che specifica DROP_EXISTING = ON oppure eliminare l'indice spaziale e crearne uno nuovo. Per un esempio, vedere CREATE SPATIAL INDEX (Transact-SQL).

Compressione dei dati

Per altre informazioni sulla compressione dei dati, vedere Compressione dei dati.

Per valutare il modo in cui la modifica della compressione di PAGE e ROW influirà su una tabella, un indice o una partizione, usare la stored procedure sp_estimate_data_compression_savings.

Agli indici partizionati vengono applicate le restrizioni seguenti:

  • Quando si usa ALTER INDEX ALL ..., non è possibile modificare l'impostazione di compressione di una singola partizione se la tabella include indici non allineati.
  • La sintassi ALTER INDEX <index> ... REBUILD PARTITION ... ricompila la partizione specificata dell'indice.
  • La sintassi ALTER INDEX <index> ... REBUILD WITH ... ricompila tutte le partizioni dell'indice.

Statistiche

Quando si esegue ALTER INDEX ALL ... su una tabella, vengono aggiornate solo le statistiche associate agli indici. Le statistiche automatiche o manuali create nella tabella, anziché un indice, non vengono aggiornate.

Autorizzazioni

Per eseguire ALTER INDEX, è necessaria almeno l'autorizzazione ALTER per la tabella o la vista.

Note sulla versione

  • Il database SQL non usa le opzioni per filegroup e filestream.
  • Gli indici columnstore non sono disponibili prima di SQL Server 2012 (11.x).
  • Le operazioni sugli indici ripristinabili sono disponibili a partire da SQL Server 2017 (14.x) e nel database SQL di Azure.

Esempio della sintassi di base

ALTER INDEX index1 ON table1 REBUILD;

ALTER INDEX ALL ON table1 REBUILD;

ALTER INDEX ALL ON dbo.table1 REBUILD;

Esempi: Indici Columnstore

Questi esempio si applicano agli indici columnstore.

R. Demo di REORGANIZE

Questo esempio mostra il funzionamento del comando ALTER INDEX REORGANIZE. Crea una tabella con più rowgroup e quindi mostra in che modo REORGANIZE unisce i rowgroup.

-- Create a database
CREATE DATABASE [ columnstore ];
GO

-- Create a rowstore staging table
CREATE TABLE [ staging ] (
     AccountKey              int NOT NULL,
     AccountDescription      nvarchar (50),
     AccountType             nvarchar(50),
     AccountCodeAlternateKey     int
     )

-- Insert 10 million rows into the staging table.
DECLARE @loop int
DECLARE @AccountDescription varchar(50)
DECLARE @AccountKey int
DECLARE @AccountType varchar(50)
DECLARE @AccountCode int

SELECT @loop = 0
BEGIN TRAN
    WHILE (@loop < 300000)
      BEGIN
        SELECT @AccountKey = CAST (RAND()*10000000 as int);
        SELECT @AccountDescription = 'accountdesc ' + CONVERT(varchar(20), @AccountKey);
        SELECT @AccountType = 'AccountType ' + CONVERT(varchar(20), @AccountKey);
        SELECT @AccountCode =  CAST (RAND()*10000000 as int);

        INSERT INTO  staging VALUES (@AccountKey, @AccountDescription, @AccountType, @AccountCode);

        SELECT @loop = @loop + 1;
    END
COMMIT

-- Create a table for the clustered columnstore index

CREATE TABLE cci_target (
     AccountKey              int NOT NULL,
     AccountDescription      nvarchar (50),
     AccountType             nvarchar(50),
     AccountCodeAlternateKey int
     )

-- Convert the table to a clustered columnstore index named inxcci_cci_target;
CREATE CLUSTERED COLUMNSTORE INDEX idxcci_cci_target ON cci_target;

Usare l'opzione TABLOCK per inserire righe in parallelo. A partire da SQL Server 2016 (13.x), l'operazione INSERT INTO può essere eseguita in parallelo quando si usa TABLOCK.

INSERT INTO cci_target WITH (TABLOCK)
SELECT TOP 300000 * FROM staging;

Eseguire questo comando per visualizzare i rowgroup differenziali OPEN. Il numero di rowgroup dipende dal grado di parallelismo.

SELECT *
FROM sys.dm_db_column_store_row_group_physical_stats
WHERE object_id  = object_id('cci_target');

Eseguire questo comando per forzare tutti i rowgroup OPEN e CLOSED nel columnstore.

ALTER INDEX idxcci_cci_target ON cci_target REORGANIZE WITH (COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS = ON);

Eseguire nuovamente il comando per visualizzare i rowgroup più piccoli uniti in un rowgroup compresso.

ALTER INDEX idxcci_cci_target ON cci_target REORGANIZE WITH (COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS = ON);

B. Comprimere i rowgroup differenziali CLOSED nel columnstore

Questo esempio usa l'opzione REORGANIZE per comprimere tutti i rowgroup differenziali CLOSED nel columnstore come rowgroup compressi. Questa opzione non è necessaria, ma può essere utile quando il motore di tuple non comprime i rowgroup CLOSED in modo sufficientemente rapido.

È possibile eseguire entrambi gli esempi nel database di esempio AdventureWorksDW.

Questo esempio esegue REORGANIZE su tutte le partizioni.

ALTER INDEX cci_FactInternetSales2 ON FactInternetSales2 REORGANIZE;

Questo esempio esegue REORGANIZE su una partizione specifica.

-- REORGANIZE a specific partition
ALTER INDEX cci_FactInternetSales2 ON FactInternetSales2 REORGANIZE PARTITION = 0;

C. Comprimere tutti i rowgroup differenziali OPEN e CLOSED nel columnstore

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2016 (13.x), e database SQL di Azure

Il comando REORGANIZE WITH ( COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS = ON ) comprime tutti i rowgroup differenziali OPEN e CLOSED nel columnstore come rowgroup compressi. In questo modo i deltastore vengono svuotati e tutte le righe vengono forzate per essere compresse nel columnstore. Si tratta di un'operazione utile soprattutto dopo aver eseguito numerose operazioni di inserimento, in quanto tali operazioni archiviano le righe in uno o più rowgroup delta.

L'operazione REORGANIZE combina i rowgroup per ottenere rowgroup contenenti fino a un numero massimo di righe <= 1.024.576. Quando si comprimono tutti i rowgroup OPEN e CLOSED, non si ottengono pertanto tanti rowgroup compressi che contengono solo poche righe. I rowgroup devono essere il più possibile completi in modo da ridurre le dimensioni compresse e migliorare le prestazioni delle query.

Nell'esempio seguente viene utilizzato il database AdventureWorksDW2016.

Questo esempio sposta tutti i rowgroup differenziali OPEN e CLOSED nell'indice columnstore.

ALTER INDEX cci_FactInternetSales2 ON FactInternetSales2 REORGANIZE WITH (COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS = ON);

Questo esempio sposta tutti i rowgroup differenziali OPEN e CLOSED nell'indice columnstore per una partizione specifica.

ALTER INDEX cci_FactInternetSales2 ON FactInternetSales2 REORGANIZE PARTITION = 0 WITH (COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS = ON);

D. Deframmentare un indice columnstore online

Non si applica a: SQL Server 2012 (11.x) e SQL Server 2014 (12.x).

A partire da SQL Server 2016 (13.x), REORGANIZE non comprime solo i rowgroup differenziali nel columnstore, ma esegue anche la deframmentazione online. In primo luogo, riduce le dimensioni del columnstore rimuovendo fisicamente le righe quando oltre il 10% delle righe in un rowgroup è stato eliminato. Poi combina i rowgroup per formare rowgroup di dimensioni più grandi che contengono fino a 1.024.576 righe per rowgroup. Tutti i rowgroup modificati vengono ricompressi.

Nota

A partire da SQL Server 2016 (13.x), la ricompilazione di un indice columnstore non è più necessaria nella maggior parte dei casi, perché REORGANIZE rimuove fisicamente le righe eliminate e unisce i rowgroup. L'opzione COMPRESS_ALL_ROW_GROUPS forza tutti i rowgroup differenziali OPEN o CLOSED nel columnstore. Questo risultato era ottenibile prima solo con una ricompilazione. L'operazione REORGANIZE viene eseguita online e in background in modo che le query non siano interrotte quando l'operazione è in esecuzione.

L'esempio seguente esegue un'operazione REORGANIZE per deframmentare l'indice rimuovendo fisicamente le righe eliminate in modo logico dalla tabella e unendo i rowgroup.

ALTER INDEX cci_FactInternetSales2 ON FactInternetSales2 REORGANIZE;

E. Ricompilare un indice columnstore cluster offline

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2012 (11.x)

Suggerimento

A partire da SQL Server 2016 (13.x) e nel database SQL di Azure, è consigliabile usare ALTER INDEX REORGANIZE anziché ALTER INDEX REBUILD per gli indici columnstore.

Nota

In SQL Server 2012 (11.x) e SQL Server 2014 (12.x) l'operazione REORGANIZE viene usata solo per comprimere i rowgroup CLOSED nel columnstore. L'unico modo per eseguire operazioni di deframmentazione e forzare tutti i rowgroup differenziali nel columnstore consiste nella ricompilazione dell'indice.

In questo esempio viene illustrato come ricompilare un indice columnstore cluster e forzare tutti i rowgroup differenziali nel columnstore. Il primo passaggio prepara una tabella FactInternetSales2 nel database AdventureWorksDW con un indice columnstore cluster e inserisce dati dalle prime quattro colonne.

CREATE TABLE dbo.FactInternetSales2 (
    ProductKey [int] NOT NULL,
    OrderDateKey [int] NOT NULL,
    DueDateKey [int] NOT NULL,
    ShipDateKey [int] NOT NULL);

CREATE CLUSTERED COLUMNSTORE INDEX cci_FactInternetSales2
ON dbo.FactInternetSales2;

INSERT INTO dbo.FactInternetSales2
SELECT ProductKey, OrderDateKey, DueDateKey, ShipDateKey
FROM dbo.FactInternetSales;

SELECT * FROM sys.column_store_row_groups;

Il risultato mostra un rowgroup OPEN, ovvero SQL Server attenderà che vengano aggiunte altre righe prima di chiudere il rowgroup e spostare i dati nel columnstore. L'istruzione successiva ricompila l'indice columnstore cluster, il quale forza tutte le righe nel columnstore.

ALTER INDEX cci_FactInternetSales2 ON FactInternetSales2 REBUILD;
SELECT * FROM sys.column_store_row_groups;

I risultati dell'istruzione SELECT mostrano che il rowgroup è COMPRESSED, ovvero i segmenti di colonna del rowgroup sono ora compressi e archiviati nel columnstore.

F. Ricompilare una partizione di un indice columnstore cluster offline

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2012 (11.x)

Per ricompilare una partizione per un indice columnstore cluster di grandi dimensioni, usare ALTER INDEX REBUILD con l'opzione per la partizione. In questo esempio viene ricompilata la partizione 12. A partire da SQL Server 2016 (13.x), è consigliabile sostituire REBUILD con REORGANIZE.

ALTER INDEX cci_fact3
ON fact3
REBUILD PARTITION = 12;

G. Modificare un indice columnstore cluster per usare la compressione dell'archivio

Non si applica a: SQL Server 2012 (11.x)

È possibile scegliere di ridurre le dimensioni di un indice columnstore cluster ulteriormente tramite l'opzione di compressione dati COLUMNSTORE_ARCHIVE. Si tratta di una procedura utile per i dati meno recenti che si vuole mantenere usando un'archiviazione più economica. È consigliabile usare questo approccio solo per i dati a cui non si accede spesso, in quanto l'operazione di decompressione è più lenta rispetto alla normale compressione COLUMNSTORE.

Nell'esempio seguente viene ricompilato un indice columnstore cluster per l'utilizzo della compressione dell'archivio e viene illustrato come rimuovere tale compressione. Il risultato finale consisterà nell'utilizzo della sola compressione columnstore.

Preparare prima di tutto l'esempio creando una tabella con un indice columnstore cluster. Comprimere quindi ulteriormente la tabella usando la compressione dell'archivio.

--Prepare the example by creating a table with a clustered columnstore index.
CREATE TABLE SimpleTable (
    ProductKey [int] NOT NULL,
    OrderDateKey [int] NOT NULL,
    DueDateKey [int] NOT NULL,
    ShipDateKey [int] NOT NULL
);

CREATE CLUSTERED INDEX cci_SimpleTable ON SimpleTable (ProductKey);

CREATE CLUSTERED COLUMNSTORE INDEX cci_SimpleTable
ON SimpleTable
WITH (DROP_EXISTING = ON);

--Compress the table further by using archival compression.
ALTER INDEX cci_SimpleTable ON SimpleTable
REBUILD
WITH (DATA_COMPRESSION = COLUMNSTORE_ARCHIVE);
GO

Questo esempio rimuove la compressione dell'archivio e usa solo la compressione columnstore.

ALTER INDEX cci_SimpleTable ON SimpleTable
REBUILD
WITH (DATA_COMPRESSION = COLUMNSTORE);
GO

Esempi: Indici rowstore

R. Ricompilare un indice

Nell'esempio seguente viene ricompilato un singolo indice della tabella Employee nel database AdventureWorks2012.

ALTER INDEX PK_Employee_EmployeeID ON HumanResources.Employee REBUILD;

B. Ricompilare tutti gli indici di una tabella e specificare le opzioni

Nell'esempio seguente viene specificata la parola chiave ALL. In questo modo, vengono ricompilati tutti gli indici associati alla tabella Production.Product nel database AdventureWorks2012. Vengono inoltre specificate tre opzioni.

ALTER INDEX ALL ON Production.Product
REBUILD WITH (FILLFACTOR = 80, SORT_IN_TEMPDB = ON, STATISTICS_NORECOMPUTE = ON);

Nell'esempio seguente viene aggiunta l'opzione ONLINE, inclusa l'opzione di blocco con priorità bassa, e viene aggiunta l'opzione di compressione di riga.

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2014 (12.x), e database SQL di Azure

ALTER INDEX ALL ON Production.Product
REBUILD WITH
(
    FILLFACTOR = 80,
    SORT_IN_TEMPDB = ON,
    STATISTICS_NORECOMPUTE = ON,
    ONLINE = ON ( WAIT_AT_LOW_PRIORITY ( MAX_DURATION = 4 MINUTES, ABORT_AFTER_WAIT = BLOCKERS ) ),
    DATA_COMPRESSION = ROW
);

C. Ricompilazione di un indice con la compattazione di dati LOB

Nell'esempio seguente viene riorganizzato un singolo indice cluster nel database AdventureWorks2012. Poiché l'indice contiene un tipo di dati LOB al livello foglia, l'istruzione compatta inoltre tutte le pagine contenenti dati LOB. Non è necessario specificare l'opzione WITH (LOB_COMPACTION = ON) perché il valore predefinito è ON.

ALTER INDEX PK_ProductPhoto_ProductPhotoID ON Production.ProductPhoto REORGANIZE WITH (LOB_COMPACTION = ON);

D. Impostare le opzioni in un indice

Nell'esempio seguente vengono impostate diverse opzioni per l'indice AK_SalesOrderHeader_SalesOrderNumber nel database AdventureWorks2012.

ALTER INDEX AK_SalesOrderHeader_SalesOrderNumber ON
    Sales.SalesOrderHeader
SET (
    STATISTICS_NORECOMPUTE = ON,
    IGNORE_DUP_KEY = ON,
    ALLOW_PAGE_LOCKS = ON
    ) ;
GO

E. Disabilitare un indice

Nell'esempio seguente viene disabilitato un indice non cluster della tabella Employee nel database AdventureWorks2012.

ALTER INDEX IX_Employee_ManagerID ON HumanResources.Employee DISABLE;

F. Disabilitare i vincoli

Nell'esempio seguente viene disabilitato un vincolo PRIMARY KEY disabilitando l'indice PRIMARY KEY nel database AdventureWorks2012. Il vincolo FOREIGN KEY della tabella sottostante viene disabilitato automaticamente e viene visualizzato un messaggio di avviso.

ALTER INDEX PK_Department_DepartmentID ON HumanResources.Department DISABLE;

Nel set di risultati viene restituito il messaggio di avviso seguente.

Warning: Foreign key 'FK_EmployeeDepartmentHistory_Department_DepartmentID'
on table 'EmployeeDepartmentHistory' referencing table 'Department'
was disabled as a result of disabling the index 'PK_Department_DepartmentID'.

G. Abilitare i vincoli

Nell'esempio seguente vengono abilitati i vincoli PRIMARY KEY e FOREIGN KEY disabilitati nell'esempio F.

Il vincolo PRIMARY KEY viene abilitato tramite la ricompilazione dell'indice PRIMARY KEY.

ALTER INDEX PK_Department_DepartmentID ON HumanResources.Department REBUILD;

Viene quindi abilitato il vincolo FOREIGN KEY.

ALTER TABLE HumanResources.EmployeeDepartmentHistory
CHECK CONSTRAINT FK_EmployeeDepartmentHistory_Department_DepartmentID;
GO

H. Creare un indice partizionato

Nell'esempio seguente viene ricompilata una singola partizione, con numero 5, dell'indice partizionato IX_TransactionHistory_TransactionDate nel database AdventureWorks2012. La partizione 5 viene ricompilata con ONLINE=ON e a ogni blocco acquisito dall'operazione di ricompilazione dell'indice viene applicato separatamente il tempo di attesa di 10 minuti per il blocco con priorità bassa. Se durante questo periodo di tempo non è possibile ottenere il blocco per completare la ricompilazione dell'indice, l'istruzione dell'operazione di ricompilazione viene interrotta a causa di ABORT_AFTER_WAIT = SELF.

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2014 (12.x), e database SQL di Azure

-- Verify the partitioned indexes.
SELECT *
FROM sys.dm_db_index_physical_stats (DB_ID(),OBJECT_ID(N'Production.TransactionHistory'), NULL , NULL, NULL);
GO
--Rebuild only partition 5.
ALTER INDEX IX_TransactionHistory_TransactionDate
ON Production.TransactionHistory
REBUILD Partition = 5
   WITH (ONLINE = ON (WAIT_AT_LOW_PRIORITY (MAX_DURATION = 10 minutes, ABORT_AFTER_WAIT = SELF)));
GO

I. Modificare l'impostazione di compressione di un indice

Nell'esempio seguente viene ricompilato un indice in una tabella rowstore non partizionata.

ALTER INDEX IX_INDEX1
ON T1
REBUILD
WITH (DATA_COMPRESSION = PAGE);
GO

J. Modificare l'impostazione di un indice con compressione XML

Si applica a: SQL Server 2022 (16.x) e versioni successive e Azure SQL Anteprima database.

Nell'esempio seguente viene ricompilato un indice in una tabella rowstore non partizionata.

ALTER INDEX IX_INDEX1
ON T1
REBUILD
WITH (XML_COMPRESSION = ON);
GO

Per altri esempi sulla compressione dei dati, vedere Compressione dei dati.

K. Ricompilazione dell'indice ripristinabile online

Si applica a: SQL Server, a partire da SQL Server 2017 (14.x), e database SQL di Azure

Negli esempi seguenti viene illustrato come usare la ricompilazione dell'indice ripristinabile online.

  1. Eseguire una ricompilazione dell'indice online come operazione ripristinabile con MAXDOP = 1.

    ALTER INDEX test_idx on test_table REBUILD WITH (ONLINE = ON, MAXDOP = 1, RESUMABLE = ON) ;
    
  2. Se si esegue nuovamente lo stesso comando (vedere sopra) dopo aver sospeso un'operazione sull'indice, l'operazione di ricompilazione dell'indice riprende automaticamente.

  3. Eseguire una ricompilazione dell'indice online come operazione ripristinabile con MAX_DURATION impostato su 240 minuti.

    ALTER INDEX test_idx on test_table REBUILD WITH (ONLINE = ON, RESUMABLE = ON, MAX_DURATION = 240) ;
    
  4. Sospendere un'operazione di ricompilazione dell'indice online ripristinabile in esecuzione.

    ALTER INDEX test_idx on test_table PAUSE ;
    
  5. Riprendere una ricompilazione dell'indice online per una ricompilazione dell'indice che è stata eseguita come operazione ripristinabile specificando un nuovo valore per MAXDOP impostato su 4.

    ALTER INDEX test_idx on test_table RESUME WITH (MAXDOP = 4) ;
    
  6. Riprendere un'operazione di ricompilazione dell'indice online per una ricompilazione dell'indice online che è stata eseguita come ripristinabile. Impostare MAXDOP su 2, impostare il tempo di esecuzione dell'indice in esecuzione come ripristinabile su 240 minuti e, se un indice viene bloccato, attendere 10 minuti e quindi terminare tutti i blocchi.

       ALTER INDEX test_idx on test_table
          RESUME WITH (MAXDOP = 2, MAX_DURATION = 240 MINUTES,
          WAIT_AT_LOW_PRIORITY (MAX_DURATION = 10, ABORT_AFTER_WAIT = BLOCKERS)) ;
    
  7. Interrompere l'operazione di ricompilazione dell'indice ripristinabile che è stata sospesa o è in esecuzione.

    ALTER INDEX test_idx on test_table ABORT ;
    

Vedere anche