Introduzione

Completato

L'uso di SharePoint con Microsoft Power Automate è soggetto a limitazioni.

Limitazioni

Il limite è di 600 chiamate API per ogni connessione ogni 60 secondi.

Inoltre, un flusso cloud può eseguire solo un numero limitato di azioni. Queste esecuzioni includono tutti i tipi di azioni, ad esempio del connettore, HTTP e integrate, dall'inizializzazione delle variabili a una semplice azione di composizione. Nel calcolo di queste limitazioni vengono conteggiate sia le azioni completate che quelle non riuscite, nonché i nuovi tentativi e altre richieste dall'impaginazione.

Nome Limite
Esecuzione ogni 5 minuti 100.000
Esecuzione ogni 24 ore 10.000 per Basso, 25.000 per MedioBasso1, 100.000 per MedioBasso2, 125.000 per Medio e 500.000 per Alto
Chiamate in uscita simultanee 500 per Basso e 2.500 per tutti gli altri
Velocità effettiva dei contenuti ogni 5 minuti 600 MB per Basso e 6 GB per tutti gli altri
Velocità effettiva dei contenuti ogni 24 ore 1 GB per Basso, 10 GB per MedioBasso1, MedioBasso2 e Medio e 50 GB per Alto

Problemi noti e limitazioni:

  • Per i flussi che usano il trigger Per un elemento selezionato o Per un file selezionato, solo quelli che fanno parte dell'ambiente predefinito in Power Automate sono elencati nel menu SharePoint in Power Automate.

  • I flussi SharePoint predefiniti, ad esempio Richiedi approvazione, non verranno elencati nel portale di Power Automate e non sono modificabili.

  • Se si riceve un set di dati incompleto o non vengono restituiti risultati accurati dall'elenco in Elenchi Microsoft, potrebbe dipendere dai limiti di delega.

  • Se si riceve l'errore CannotDisableTriggerConcurrency mentre si usano i trigger SharePoint in un flusso, non è possibile annullare il controllo di concorrenza dopo averlo abilitato e disabilitato. Per risolvere il problema, esportare il flusso e modificare il file JSON per rimuovere la parte "controllo di concorrenza" in modo che l'opzione di concorrenza venga disabilitata durante la reimportazione del flusso.

Limiti delle richieste in base alle licenze utente

Power Automate ha due piani di licenza disponibili: per utente e per flusso.

Il piano Power Automate per utente fornisce ai singoli utenti la capacità di creare ed eseguire flussi di lavoro e processi aziendali illimitati in base alle loro esigenze specifiche. Il piano per utente ha l'obiettivo di supportare un'ampia adozione della cultura dell'automazione in un'organizzazione. Se l'intera organizzazione disponesse di licenze per il piano Power Automate per utente, il carico di lavoro degli amministratori relativo al monitoraggio del numero di flussi attivati/usati all'interno dell'organizzazione sarebbe minimo. Con questo piano, a un utente sono consentite 5.000 richieste API giornaliere.

Il piano Power Automate per flusso è concesso in licenza in base ai singoli flussi e consente ai clienti di implementare processi aziendali critici fornendo la capacità necessaria a team, reparti o all'intera organizzazione. In questo caso, non è necessario che i singoli utenti dispongano di licenze individuali per attivare il flusso coperto da questo tipo di licenza. Il piano Power Automate per flusso è utile negli scenari di reparto in cui, in genere, un utente esperto imposta un flusso e lo condivide con un gruppo più ampio. Questo piano evita di dover concedere una licenza a ogni utente che attiva consapevolmente o inconsapevolmente l'implementazione del flusso concesso in licenza. Con questo piano, a un utente sono consentite 15.000 richieste API giornaliere per flusso.

Connettore locale

Il connettore dati locale viene usato come ponte per fornire un trasferimento dati più rapido e sicuro tra i dati locali, ovvero i dati non sul cloud, e Power Automate. Con un gateway, le organizzazioni possono mantenere i database e le altre origini dati nelle reti locali, ma usare i dati locali nei servizi cloud.

Diagramma del gateway dati locale situato tra il cloud e le origini dati locali.

La velocità Internet disponibile nella posizione in cui è in esecuzione il gateway locale può influire direttamente sulle prestazioni del flusso Power Automate.

Microsoft Azure ExpressRoute è un'alternativa al connettore dati locale. ExpressRoute consente di estendere le reti locali nel cloud Microsoft tramite una connessione privata con il supporto di un provider di connettività. Con ExpressRoute è possibile stabilire connessioni ai servizi cloud Microsoft, ad esempio Microsoft Azure e Microsoft 365. ExpressRoute fornisce una rete più veloce per Microsoft 365 e una connessione secondaria di backup nel caso di interruzioni alla prima connessione, come mostrato nell'immagine seguente.

Diagramma sulla panoramica della connessione ExpressRoute.

Diagramma che mostra il flusso dalla rete del cliente attraverso il perimetro del partner e la successiva separazione in connessioni primarie e secondarie attraverso il circuito ExpressRoute. Ogni connessione riceve due tipi di peering. Peering Microsoft per servizi pubblici (IP pubblici) di Office 365, Dynamics 365 e Azure e Peering privato di Azure per reti virtuali. Il flusso arriva a Microsoft Edge e prosegue fino agli IP pubblici e alle reti virtuali appropriati.

Ogni ambiente è diverso e la velocità effettiva dipende dalla quantità di dati inviati. Per garantire un livello minimo di velocità effettiva tra l'origine dati locale e i data center di Azure, usare Azure ExpressRoute. Per misurare la velocità effettiva, usare l'app per i test della velocità Azure.