Dischi di base e dinamici

Prima di partizionare un'unità o ottenere informazioni sul layout di partizione di un'unità, è prima necessario comprendere le funzionalità e le limitazioni dei tipi di archiviazione di dischi di base e dinamici.

Ai fini di questo argomento, il termine volume viene usato per fare riferimento al concetto di partizione del disco formattato con un file system valido, più comunemente NTFS, usato dal Windows sistema operativo per archiviare i file. Un volume ha un nome di percorso Win32, può essere enumerato dalle funzioni FindFirstVolume e FindNextVolume e in genere ha una lettera di unità assegnata, ad esempio C:. Per altre informazioni sui volumi e sui file system, vedere File System.

In questo argomento

Esistono due tipi di dischi quando si fa riferimento ai tipi di archiviazione in questo contesto: dischi di base e dischi dinamici. Si noti che i tipi di archiviazione illustrati qui non sono uguali a dischi fisici o stili di partizione, correlati ma concetti separati. Ad esempio, facendo riferimento a un disco di base non implica uno stile di partizione specifico, lo stile di partizione usato per il disco in discussione deve essere specificato anche. Per una descrizione semplificata del modo in cui un tipo di archiviazione su disco di base si riferisce a un disco rigido fisico, vedere Dispositivi e partizioni del disco.

Dischi di base

I dischi di base sono i tipi di archiviazione più spesso usati con Windows. Il termine disco di base fa riferimento a un disco che contiene partizioni, ad esempio partizioni primarie e unità logiche, e questi a loro volta vengono formattati con un file system per diventare un volume per l'archiviazione file. I dischi di base offrono una soluzione di archiviazione semplice che può supportare una matrice utile di scenari di requisiti di archiviazione modificati. I dischi di base supportano anche dischi cluster, Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE) 1394 e unità rimovibili del bus seriale universale (USB). Per la compatibilità con le versioni precedenti, i dischi di base usano in genere lo stesso stile di partizione MBR (Master Boot Record) dei dischi usati da Microsoft sistema operativo MS-DOS e tutte le versioni di Windows, ma possono anche supportare partizioni GUID Partition Table (GPT) nei sistemi che lo supportano. Per altre informazioni sugli stili di partizione MBR e GPT, vedere la sezione Stili di partizione .

È possibile aggiungere spazio a unità logiche e partizioni primarie esistenti estendendole nello spazio adiacente, contiguo non allocato sullo stesso disco. Per estendere un volume di base, deve essere formattato con il file system NTFS. È possibile estendere un'unità logica all'interno di spazio libero contiguo nella partizione estesa che lo contiene. Se si estende un'unità logica oltre lo spazio libero disponibile nella partizione estesa, la partizione estesa cresce per contenere l'unità logica, purché la partizione estesa venga seguita da spazio non allocato contiguo. Per altre informazioni, vedere Funzionamento dei dischi e dei volumi di base.

Le operazioni seguenti possono essere eseguite solo nei dischi di base:

  • Creare ed eliminare partizioni primarie ed estese.
  • Creare ed eliminare unità logiche all'interno di una partizione estesa.
  • Formattare una partizione e contrassegnarla come attiva.

Dischi dinamici

Nota

Per tutti gli usi tranne i volumi di avvio mirror (usando un volume mirror per ospitare il sistema operativo), i dischi dinamici vengono deprecati. Per i dati che richiedono resilienza contro l'errore di unità, usare Spazi di archiviazione, una soluzione di virtualizzazione dell'archiviazione resiliente. Per altre informazioni, vedere Panoramica Spazi di archiviazione.

I dischi dinamici offrono funzionalità che i dischi di base non sono, ad esempio la possibilità di creare volumi che si estendono su più dischi (volumi con estensione e striping) e la possibilità di creare volumi a tolleranza di errore (volumi con mirroring e RAID-5). Come i dischi di base, i dischi dinamici possono usare gli stili di partizione MBR o GPT nei sistemi che supportano entrambi. Tutti i volumi nei dischi dinamici sono noti come volumi dinamici. I dischi dinamici offrono una maggiore flessibilità per la gestione dei volumi perché usano un database per tenere traccia delle informazioni sui volumi dinamici sul disco e su altri dischi dinamici nel computer. Poiché ogni disco dinamico in un computer archivia una replica del database del disco dinamico, ad esempio un database di disco dinamico danneggiato può ripristinare un disco dinamico usando il database in un altro disco dinamico. Il percorso del database è determinato dallo stile di partizione del disco. Nelle partizioni MBR il database è contenuto nell'ultimo megabyte (MB) del disco. Nelle partizioni GPT il database è contenuto in una partizione riservata (nascosta) di 1 MB.

I dischi dinamici sono una forma separata di gestione dei volumi che consente ai volumi di avere extent non contigui su uno o più dischi fisici. I dischi dinamici e i volumi si basano su Gestione dischi logici (LDM) e sul servizio dischi virtuali (VDS) e sulle funzionalità associate. Queste funzionalità consentono di eseguire attività come la conversione di dischi di base in dischi dinamici e la creazione di volumi a tolleranza di errore. Per incoraggiare l'uso dei dischi dinamici, il supporto del volume a più partizioni è stato rimosso dai dischi di base ed è ora supportato esclusivamente nei dischi dinamici.

Le operazioni seguenti possono essere eseguite solo nei dischi dinamici:

  • Creare ed eliminare volumi semplici, con estensione, striping, mirroring e RAID-5.
  • Estendere un volume semplice o esteso.
  • Rimuovere un mirroring da un volume con mirroring o suddividere il volume con mirroring in due volumi.
  • Ripristinare volumi con mirroring o RAID-5.
  • Riattivare un disco mancante o offline.

Un'altra differenza tra dischi di base e dinamici è che i volumi di disco dinamici possono essere costituiti da un set di extent non contigui su uno o più dischi fisici. Al contrario, un volume su un disco di base è costituito da un set di extent contigui su un singolo disco. A causa del percorso e delle dimensioni dello spazio su disco necessario dal database LDM, Windows non può convertire un disco di base in un disco dinamico a meno che non esista almeno 1 MB di spazio inutilizzato sul disco.

Indipendentemente dal fatto che i dischi dinamici in un sistema usino lo stile di partizione MBR o GPT, è possibile creare fino a 2.000 volumi dinamici in un sistema, anche se il numero consigliato di volumi dinamici è 32 o meno. Per informazioni dettagliate e altre considerazioni sull'uso di dischi dinamici e volumi, vedere Dischi dinamici e volumi.

Per altre funzionalità di e scenari di utilizzo per i dischi dinamici, vedere Informazioni su Dischi dinamici e volumi.

Le operazioni comuni ai dischi di base e dinamici sono le seguenti:

  • Supportare sia gli stili di partizione MBR che GPT.
  • Controllare le proprietà del disco, ad esempio capacità, spazio disponibile e stato corrente.
  • Visualizzare le proprietà della partizione, ad esempio offset, lunghezza, tipo e se la partizione può essere usata come volume di sistema all'avvio.
  • Visualizzare le proprietà del volume, ad esempio dimensioni, assegnazione di unità, etichetta, tipo, nome percorso Win32, tipo di partizione e file system.
  • Stabilire assegnazioni di unità per volumi o partizioni del disco e per i dispositivi CD-ROM.
  • Convertire un disco di base in un disco dinamico o in un disco dinamico in un disco di base.

A meno che non sia specificato diversamente, Windows inizialmente partiziona un'unità come disco di base per impostazione predefinita. È necessario convertire in modo esplicito un disco di base in un disco dinamico. Tuttavia, sono disponibili considerazioni sullo spazio su disco che devono essere considerate prima di tentare di eseguire questa operazione.

Stili di partizione

Gli stili di partizione, anche detti schemi di partizione, è un termine che fa riferimento alla particolare struttura sottostante del layout del disco e al modo in cui il partizionamento è effettivamente disposto, quali sono le funzionalità e anche quali limitazioni sono. Per avviare Windows, le implementazioni BIOS nei computer basati su x86 e x64 richiedono un disco di base che deve contenere almeno una partizione mbR (Master Boot Record) contrassegnata come attiva in cui vengono archiviate informazioni sul sistema operativo Windows (ma non necessariamente l'intera installazione del sistema operativo) e dove vengono archiviate le informazioni sulle partizioni sul disco. Queste informazioni vengono inserite in posizioni separate e queste due posizioni possono trovarsi in partizioni separate o in una singola partizione. Tutte le altre risorse di archiviazione disco fisico possono essere configurate come varie combinazioni dei due stili di partizione disponibili, descritti nelle sezioni seguenti. Per altre informazioni su altri tipi di sistema, vedere l'argomento TechNet sugli stili di partizione.

I dischi dinamici seguono scenari di utilizzo leggermente diversi, come descritto in precedenza e il modo in cui usano i due stili di partizione è interessato da tale utilizzo. Poiché i dischi dinamici non vengono in genere usati per contenere volumi di avvio del sistema, questa discussione è semplificata per escludere scenari speciali. Per informazioni più dettagliate sui layout dei blocchi di partizione e sugli scenari di utilizzo di dischi di base o dinamici correlati agli stili di partizione, vedere How Basic Disks and Volumes Work e How Dynamic Disks and Volumes Work.

record di avvio principale

Tutti i computer basati su x86 e x64 che eseguono Windows possono usare lo stile di partizione noto come record di avvio master (MBR). Lo stile di partizione MBR contiene una tabella di partizione che descrive dove si trovano le partizioni nel disco. Poiché MBR è l'unico stile di partizione disponibile nei computer basati su x86 prima di Windows Server 2003 con Service Pack 1 (SP1), non è necessario scegliere questo stile. Viene usato automaticamente.

È possibile creare fino a quattro partizioni in un disco di base usando lo schema di partizione MBR: quattro partizioni primarie o tre primarie e una estesa. La partizione estesa può contenere una o più unità logiche. La figura seguente illustra un layout di esempio di tre partizioni primarie e una partizione estesa in un disco di base usando MBR. La partizione estesa contiene quattro unità logiche estese all'interno di esso. La partizione estesa può o meno trovarsi alla fine del disco, ma è sempre un singolo spazio contiguo per le unità logiche 1-n.

three primary partitions and one extended partition on a basic disk using mbr

Ogni partizione, sia primaria che estesa, può essere formattata in modo da essere un volume Windows, con una correlazione uno-a-uno di volume-to-partition. In altre parole, una singola partizione non può contenere più di un singolo volume. In questo esempio è disponibile un totale di sette volumi per Windows per l'archiviazione file. Una partizione non formattata non è disponibile per l'archiviazione file in Windows.

Il layout MBR del disco dinamico è molto simile al layout MBR del disco di base, ad eccezione del fatto che è consentita una sola partizione primaria (denominata partizione LDM), non è consentita alcuna partizione estesa e la partizione nascosta alla fine del disco per il database LDM. Per altre informazioni sull'LDM, vedere la sezione Dischi dinamici .

tabella delle partizioni GUID

I sistemi che eseguono Windows Server 2003 con SP1 e versioni successive possono usare uno stile di partizione noto come tabella di partizione GUID (Global Unique Identifier) (GPT) oltre allo stile di partizione MBR. Un disco di base che usa lo stile di partizione GPT può avere fino a 128 partizioni primarie, mentre i dischi dinamici avranno una singola partizione LDM come con il partizionamento MBR. Poiché i dischi di base che usano il partizionamento GPT non limitano le partizioni a quattro partizioni, non è necessario creare partizioni estese o unità logiche.

Lo stile di partizione GPT include anche le proprietà seguenti:

  • Consente partizioni superiori a 2 terabyte.
  • Aggiunta dell'affidabilità dalla protezione della replica e della ridondanza ciclico della tabella di partizione.
  • Supporto per guiD di tipo di partizione aggiuntivo definito dai produttori di apparecchiature originali (OEMs), fornitori di software indipendenti (ISV) e altri sistemi operativi.

Il layout di partizionamento GPT per un disco di base è illustrato nella figura seguente.

gpt layout

L'area MBR protettiva esiste in un layout di partizione GPT per la compatibilità con le versioni precedenti con le utilità di gestione dei dischi che operano su MBR. L'intestazione GPT definisce l'intervallo di indirizzi a blocchi logici utilizzabili dalle voci di partizione. L'intestazione GPT definisce anche il percorso sul disco, il GUID e un controllo di ridondanza ciclico a 32 bit (CRC32) usato per verificare l'integrità dell'intestazione GPT. Ogni voce di partizione GUID inizia con un GUID di tipo di partizione. IL GUID del tipo di partizione a 16 byte, simile a un ID di sistema nella tabella di partizione di un disco MBR, identifica il tipo di dati che la partizione contiene e identifica il modo in cui viene usata la partizione, ad esempio se si tratta di un disco di base o di un disco dinamico. Si noti che ogni voce di partizione GUID ha una copia di backup.

I layout di partizione GPT del disco dinamico sono simili a questo esempio di disco di base, ma come indicato in precedenza hanno una sola voce di partizione LDM anziché 1-n partizioni primarie consentite nei dischi di base. Esiste anche una partizione di database LDM nascosta con una voce di partizione GUID corrispondente. Per altre informazioni sull'LDM, vedere la sezione Dischi dinamici .

Rilevamento del tipo di disco

Non esiste alcuna funzione specifica per rilevare a livello di codice il tipo di disco in cui si trova un determinato file o una directory. Esiste un metodo indiretto.

  • Passare il percorso di file o directory a GetVolumePathName per ottenere il punto di montaggio.
  • Passare il punto di montaggio a GetVolumeNameForVolumeMountPoint per ottenere il nome del volume.
  • Rimuovere la barra rovesciata finale dal nome del volume.
  • Passare il nome del volume senza la barra rovesciata finale a CreateFile per aprire il volume.
  • Usare IOCTL_VOLUME_GET_VOLUME_DISK_EXTENTS con l'handle del volume per ottenere i numeri del disco.
  • Usare i numeri di disco per costruire i percorsi del disco, ad esempio "\\?\PhysicalDriveX".
  • Passare ogni percorso del disco a CreateFile per aprire il disco.
  • Usare IOCTL_DISK_GET_DRIVE_LAYOUT_EX per ottenere l'elenco di partizioni.
  • Controllare PartitionType per ogni voce nell'elenco di partizioni.

Informazioni sulla gestione dei volumi

Informazioni di riferimento tecnico su dischi e volumi di base

Informazioni di riferimento tecnico su dischi dinamici e volumi