Arrestare e avviare un'istanza : Istanza gestita di SQL di Azure

Si applica a:Istanza gestita di SQL di Azure

Questo articolo descrive come arrestare e avviare un'istanza per risparmiare sui costi di fatturazione quando si usa Istanza gestita di SQL di Azure. È possibile arrestare e avviare l'istanza usando il portale di Azure, Azure PowerShell, l'interfaccia della riga di comando di Azure o l'API REST.

Nota

La funzionalità di arresto e avvio per le istanze gestite è disponibile solo per le istanze gestite di SQL nel livello di servizio Utilizzo generico.

Panoramica

Per risparmiare sui costi di fatturazione, è possibile arrestare l'istanza gestita per utilizzo generico quando non viene usata. L'arresto di un'istanza è simile alla deallocazione di una macchina virtuale. Quando un'istanza è in stato arrestato, non vengono più fatturati i costi di calcolo e licenza, ma vengono comunque fatturati i dati e l'archiviazione di backup.

L'arresto di un'istanza gestita cancella tutti i dati memorizzati nella cache.

Questa funzionalità introduce tre nuovi stati di istanza gestita, come indicato nel diagramma seguente:




-Fermarsi
-Fermato
-A partire

Diagram that shows the various states of a SQL Managed Instance deployment.

Dopo l'avvio dell'operazione di arresto, l'arresto dell'istanza richiede in genere circa 5 minuti. Tuttavia, l'avvio di un'istanza richiede circa 20 minuti dal momento in cui viene avviata l'operazione di avvio. È possibile arrestare solo le istanze gestite in uno stato pronto. Dopo l'arresto dell'istanza, rimane in stato di arresto fino all'avvio di un'operazione di avvio, manualmente o attivata con una pianificazione definita. È possibile avviare solo le istanze in stato arrestato.

Quando si crea un'istanza gestita, si avvia un'istanza gestita arrestata o si ridimensiona un'istanza gestita, ad esempio modificando il livello di servizio, l'archiviazione, la generazione hardware o il numero di vCore, Azure alloca le risorse di calcolo al cluster virtuale sottostante. Sebbene ci sia un investimento continuo in un'infrastruttura aggiuntiva per supportare la domanda dei clienti, potrebbero verificarsi occasionali errori di allocazione delle risorse da una crescita senza precedenti della domanda di servizi di Azure in aree specifiche. Ciò potrebbe comportare una durata prolungata dell'operazione (circa 4 ore se è presente un nuovo buildout del cluster virtuale, in base alle durate dell'operazione di gestione) o un errore di avvio dell'istanza, nel qual caso è consigliabile riprovare più tardi.

Importante

Come servizio PaaS (Platform as a Service), Istanza gestita di SQL è responsabile della conformità per ogni parte dei componenti di sistema. Se è necessaria una manutenzione urgente del sistema che richiede che l'istanza sia online, Azure può avviare l'operazione di avvio e mantenere online l'istanza fino al completamento dell'operazione di manutenzione, al momento in cui Azure arresta l'istanza. I costi di calcolo e di licenza vengono applicati per tutto il tempo in cui l'istanza è in stato online.

Tipi di azione

Esistono due modi per arrestare e avviare un'istanza: manualmente su richiesta o creando una pianificazione.

Comandi manuali

È possibile usare i comandi manuali per attivare immediatamente un'azione di arresto e avvio. I comandi manuali sono validi per le istanze con periodi di inattività più lunghi senza modelli regolari o a scopo di test. In alternativa, è possibile usare Automazione di Azure pianificazioni o qualsiasi soluzione personalizzata che crea pianificazioni personalizzate e più flessibili che non è possibile configurare usando l'utilità di pianificazione predefinita di arresto e avvio in Istanza gestita di SQL.

Comandi pianificati

È anche possibile creare una pianificazione con uno o più punti di tempo quando viene attivata un'azione di arresto o avvio. I comandi pianificati sono validi per le istanze con modelli regolari, ad esempio l'avvio di un'istanza ogni giorno feriale alle 8:00, l'arresto alle 17:00 e l'avvio durante il fine settimana alle 11:00. La pianificazione dei comandi elimina la necessità di creare soluzioni personalizzate o di usare Automazione di Azure per creare pianificazioni di arresto e avvio.

Gli elementi pianificati rappresentano punti nel tempo in cui vengono avviati gli eventi di arresto e avvio, non quando l'istanza è attiva e in esecuzione. Quando si crea una pianificazione, prendere in considerazione la durata dell'operazione. Ad esempio, se si vuole che l'istanza sia operativa alle 8:00, è possibile definire una pianificazione che avvii l'operazione di avvio alle 17:40.

Considerare le regole seguenti per una pianificazione di arresto e avvio:

  • Gli elementi pianificati sono definiti come coppia stop-and-start e devono avere sia i valori stop che start popolati. Non è possibile avere un valore di arresto popolato con un valore iniziale mancante e viceversa.
  • Non può esserci una sovrapposizione di coppie pianificate. Se si verifica una sovrapposizione di orari pianificati, l'API restituisce un errore.
  • L'intervallo di tempo tra due azioni successive (ovvero un inizio dopo un arresto o un arresto dopo un inizio) deve essere almeno un'ora. Ad esempio, se un avvio è pianificato per le 10:00, l'azione di arresto non può essere pianificata prima delle 11:00.
  • Se sono presenti operazioni in conflitto quando viene attivato un arresto ,ad esempio il ridimensionamento di vCore in corso, il meccanismo ritenta dopo 10 minuti. Se dopo 10 minuti l'operazione in conflitto è ancora attiva, l'operazione di arresto viene ignorata.

Fatturazione

Le istanze arrestate non vengono fatturate per i vCore e la licenza SQL, ma vengono addebitati solo per i dati e l'archiviazione di backup. Tuttavia, i vCore e la fatturazione delle licenze vengono addebitati ogni ora di inizio . Ad esempio, alle 12:01 viene addebitato l'intero orario, anche se l'istanza viene arrestata entro l'ora.

Vantaggio Azure Hybrid

Il Vantaggio Azure Hybrid (AHB) viene applicato per ogni risorsa. Se l'istanza usa il Vantaggio Azure Hybrid per risparmiare sui costi di licenza, per applicare tale vantaggio a un'altra risorsa quando l'istanza si trova in uno stato arrestato, è prima necessario disabilitare AHB nell'istanza e quindi arrestare l'istanza. Analogamente, dopo aver riavviato l'istanza, è necessario riabilitarlo per applicare il vantaggio di licenza.

Prezzi istanze riservate

I prezzi delle istanze riservate (capacità riservata) vengono applicati per i vCore e le ore generati. Quando un'istanza idonea per i prezzi riservati viene arrestata, i prezzi riservati vengono reindirizzati automaticamente a un'altra istanza, se presente. È possibile usare la funzionalità di arresto e avvio per effettuare il overprovisioning dei prezzi delle istanze riservate.

Si supponga, ad esempio, di aver acquistato un'istanza gestita con una capacità riservata di 16 vCore. È possibile eseguire due istanze con 8 vCore ognuna dalle 13 alle 23:00, arrestare entrambe le istanze e quindi eseguire due istanze diverse con 8 vCore ognuna dalle 2:00 alle 33:00. Questo approccio usa il limite di 16 vCore per ogni ora, distribuito tra quattro istanze in totale.

Gli sconti per le prenotazioni vengono offerti su base "usarla o perderla". Ovvero, se non si dispone di risorse corrispondenti per un'ora specificata, la quantità di prenotazione per quell'ora viene persa. Le ore riservate inutilizzate non possono essere inoltrate.

Limitazioni della funzionalità di arresto e avvio

Tenere presente le limitazioni seguenti:

  • Non è possibile arrestare le istanze che:
  • Mentre un'istanza gestita si trova in uno stato arrestato, non è possibile modificare le relative proprietà di configurazione. Per modificare le proprietà, è necessario avviare l'istanza di .
  • Mentre l'istanza è in stato arrestato, non è possibile eseguire backup. Si supponga, ad esempio, di avere backup a lungo termine configurati , con backup annuali sul posto. Se si arresta l'istanza durante il periodo di backup annuale definito, il backup viene ignorato. È consigliabile mantenere operativa l'istanza durante il periodo di backup annuale.
  • Non è possibile annullare l'operazione di arresto o avvio dopo l'avvio.

Preparare l'ambiente della riga di comando

Ignorare questo passaggio se si usa il portale di Azure.

Per arrestare o avviare un'istanza usando PowerShell o l'interfaccia della riga di comando di Azure, è necessario preparare l'ambiente configurando gli strumenti da riga di comando e definendo i parametri.

In alternativa alla configurazione degli strumenti da riga di comando, è anche possibile usare Azure Cloud Shell, una shell interattiva gratuita che è possibile usare per eseguire i passaggi descritti in questo articolo. Include strumenti di Azure preinstallati comuni e configurati per l'uso con l'account. Se non si ha una sottoscrizione di Azure, creare un account Azure gratuito prima di iniziare.

Per aprire Cloud Shell, selezionare Prova nell'angolo superiore destro di un blocco di codice. È anche possibile avviare Cloud Shell in una scheda separata del browser visitando https://shell.azure.com.

Per arrestare e avviare l'istanza con PowerShell, è possibile installare Azure PowerShell o usare Azure Cloud Shell.

Quando si apre Cloud Shell, verificare che PowerShell sia selezionato per l'ambiente. Le sessioni successive usano l'interfaccia della riga di comando di Azure in un ambiente PowerShell. Selezionare Copia per copiare i blocchi di codice, incollarli in Cloud Shell e premere Invio per eseguirli.

Dopo l'avvio di PowerShell o Cloud Shell, definire i parametri:

$SubscriptionId = "<Subscription-ID>"
$SqlMIName = "<SQL-MI-name>"
$RgName = "<SQL-MI-resource-group>"

# Login-AzAccount
Select-AzSubscription -SubscriptionName $SubscriptionID

Arrestare l'istanza gestita

È possibile arrestare l'istanza usando:

  • Azure portal
  • PowerShell
  • L’interfaccia della riga di comando di Azure
  • Richiamare la chiamata all'API REST tramite qualsiasi strumento

Per arrestare l'istanza gestita usando il portale di Azure, passare alla pagina Panoramica dell'istanza e quindi selezionare il pulsante Arresta.

Screenshot of the managed instance 'Overview' page in the Azure portal, with the 'Stop' button highlighted.

Se l'istanza è già stata arrestata, il pulsante Arresta non è disponibile.

Avviare l'istanza gestita

È possibile avviare l'istanza usando:

  • Azure portal
  • PowerShell
  • L’interfaccia della riga di comando di Azure
  • Richiamare la chiamata all'API REST tramite qualsiasi strumento

Dopo che l'istanza gestita è stata arrestata, per avviarla usando il portale di Azure, passare alla pagina Panoramica dell'istanza e quindi selezionare il pulsante Avvia.

Screenshot of the managed instance 'Overview' page in the Azure portal, with the 'Start' button highlighted.

Se l'istanza è già stata avviata, il pulsante Start non è disponibile.

Gestire una pianificazione di arresto e avvio

È possibile gestire una pianificazione di arresto e avvio usando:

  • Azure portal
  • PowerShell
  • L’interfaccia della riga di comando di Azure
  • Richiamare la chiamata all'API REST tramite qualsiasi strumento

Per gestire una pianificazione di arresto e avvio usando il portale di Azure, passare all'istanza e quindi selezionare Avvia/Arresta pianificazione nel menu delle risorse.

Screenshot of the 'Start/Stop schedule' page of the managed instance.

Nel riquadro Avvio/Arresto pianificazione è possibile:

  • Visualizzare le pianificazioni esistenti.
  • Specificare il fuso orario degli eventi pianificati nell'elenco a discesa Fuso orario .
  • Creare una nuova pianificazione selezionando Crea un elemento di pianificazione.
  • Modificare una pianificazione esistente selezionando l'icona a forma di matita.
  • Eliminare una pianificazione esistente selezionando l'icona del cestino.

Passaggi successivi