Eseguire la migrazione dell'istanza del cluster di failover a SQL Server nelle macchine virtuali di Azure

Questo articolo illustra come eseguire la migrazione dell'istanza del cluster di failover Always On alle SQL Server nelle macchine virtuali di Azure usando lo strumento Azure Migrate: Server Migration. Usando lo strumento di migrazione, sarà possibile eseguire la migrazione di ogni nodo nell'istanza del cluster di failover in una macchina virtuale di Azure che ospita SQL Server, nonché i metadati del cluster e dell'istanza del cluster.

In questo articolo vengono illustrate le operazioni seguenti:

  • Preparare l'ambiente di Azure e di origine per la migrazione.
  • Avviare la replica delle VM.
  • Monitorare la replica.
  • Eseguire una migrazione completa delle VM.
  • Riconfigurare il cluster di failover SQL con dischi condivisi di Azure.

Questa guida usa l'approccio di migrazione basato sull'agente di Azure Migrate, che tratta qualsiasi server o macchina virtuale come server fisico. Quando si esegue la migrazione di computer fisici, Azure Migrate: Migrazione server usa la stessa architettura di replica del ripristino di emergenza basato su agente nel servizio azure Site Recovery e alcuni componenti condividono la stessa base di codice. Alcuni contenuti potrebbero includere collegamenti alla documentazione di Site Recovery.

Prerequisiti

Prima di iniziare questa esercitazione, è necessario:

  1. Una sottoscrizione di Azure. Creare un account gratuito, se necessario.
  2. Installare il modulo Azure PowerShellAz.
  3. Scaricare gli script di esempio di PowerShell dal repository GitHub.

Preparare Azure

Preparare Azure per la migrazione con Migrazione server.

Attività Dettagli
Creare un progetto di Azure Migrate Per creare un nuovo progetto, l'account Azure deve avere autorizzazioni di Collaboratore o Proprietario.
Verificare le autorizzazioni per l'account Azure L'account Azure necessita delle autorizzazioni collaboratore o proprietario per la sottoscrizione di Azure, le autorizzazioni per registrare app di Azure Active Directory (Azure AD) e le autorizzazioni amministratore accesso utente nella sottoscrizione di Azure per creare un Key Vault, per creare una macchina virtuale e per scrivere in un disco gestito di Azure.
Configurare una rete virtuale di Azure Configurare una rete virtuale di Azure (rete virtuale). Quando si esegue la replica in Azure, le macchine virtuali di Azure vengono create e aggiunte alla rete virtuale di Azure specificata durante la configurazione della migrazione.

Per verificare di avere autorizzazioni appropriate, seguire questa procedura:

  1. Nel portale di Azure aprire la sottoscrizione e selezionare Controllo di accesso (IAM) .
  2. In Controllare l'accesso individuare l'account pertinente e selezionarlo per visualizzare le autorizzazioni.
  3. È necessario avere le autorizzazioni di Collaboratore o Proprietario.
    • Se è appena stato creato un account Azure gratuito, si è proprietari della propria sottoscrizione.
    • Se non si ha il ruolo di proprietario della sottoscrizione, collaborare con il proprietario per assegnare il ruolo.

Se è necessario assegnare le autorizzazioni, seguire la procedura descritta in Preparare un account utente di Azure.

Preparare la migrazione

Per preparare la migrazione del server, è necessario verificare le impostazioni del server e preparare la distribuzione di un'appliance di replica.

Controllare i requisiti del computer

Assicurarsi che i computer siano conformi ai requisiti per la migrazione ad Azure.

  1. Verificare i requisiti dei server.
  2. Verificare che i computer di origine replicati siano conformi ai requisiti della macchina virtuale di Azure.
  3. Alcune origini di Windows richiedono alcune modifiche aggiuntive. La migrazione dell'origine prima di apportare queste modifiche potrebbe impedire all'avvio della macchina virtuale in Azure. Per alcuni sistemi operativi, Azure Migrate apporta automaticamente queste modifiche.

Preparare per la replica

Lo strumento Azure Migrate: Migrazione del server usa un'appliance di replica per replicare i computer in Azure. L'appliance di replica esegue i componenti seguenti:

  • Server di configurazione: Il server di configurazione coordina le comunicazioni tra i componenti locali e Azure e gestisce la replica dei dati.
  • Server di elaborazione Il server di elaborazione funge da gateway di replica. Riceve i dati di replica, li ottimizza con la memorizzazione nella cache, la compressione e la crittografia e li invia a un account di archiviazione cache in Azure.

Preparare la distribuzione dell'appliance come indicato di seguito:

  • Creare un computer Windows Server 2016 per ospitare l'appliance di replica. Esaminare i requisiti del computer.
  • L'appliance di replica usa MySQL. Esaminare le opzioni per l'installazione di MySQL nell'appliance.
  • Esaminare gli URL di Azure necessari all'appliance di replica per accedere ai cloud pubblico e per enti pubblici.
  • Esaminare i requisiti di accesso alle porte per l'appliance di replica.

Nota

L'appliance di replica deve essere installata in un computer diverso dal computer di origine in cui si esegue la replica o la migrazione e non in alcun computer con l'appliance di individuazione e valutazione di Azure Migrate installata in precedenza.

Scaricare il programma di installazione dell'appliance di replica

Per scaricare il programma di installazione dell'appliance di replica, seguire questa procedura:

  1. Nei server di progetto > di Azure Migrate selezionare Individua in Azure Migrate: Migrazione server.

    Individuare le VM

  2. In Individua macchine virtuali>I computer sono virtualizzati? selezionare Fisico o di altro tipo (AWS, GCP, Xen e così via) .

  3. In Area di destinazione selezionare l'area di Azure in cui eseguire la migrazione delle macchine virtuali.

  4. Selezionare Confermare che l'area di destinazione della migrazione è .

  5. Selezionare Crea risorse. Verrà creato un insieme di credenziali di Azure Site Recovery in background.

    • Se è già stata configurata la migrazione con Migrazione server di Azure Migrate, l'opzione della destinazione non può essere configurata, perché le risorse sono state configurate in precedenza.
    • Non è possibile modificare l'area di destinazione per questo progetto dopo aver selezionato questo pulsante.
    • Tutte le migrazioni successive avverranno in questa area.
  6. In Installare una nuova appliance di replica o aumentare le prestazioni della configurazione esistente? selezionare Installare un'appliance di replica.

  7. In Scaricare e installare il software dell'appliance di replica scaricare il programma di installazione dell'appliance e la chiave di registrazione. La chiave è necessaria per registrare l'appliance. È valida per cinque giorni dal momento in cui viene scaricata.

    Scaricare il provider

  8. Copiare il file di installazione dell'appliance e il file della chiave nel computer Windows Server 2016 creato per l'appliance.

  9. Al termine dell'installazione, la configurazione guidata appliance verrà avviata automaticamente (è anche possibile avviare la procedura guidata manualmente usando il collegamento cspsconfigtool creato sul desktop del computer dell'appliance). Usare la scheda Gestisci account della procedura guidata per creare un account fittizio con i dettagli seguenti:

    • "guest" come nome descrittivo
    • "username" come nome utente
    • "password" come password per l'account.

    Questo account fittizio verrà usato nella fase Abilita replica.

  10. Dopo aver completato l'installazione e l'appliance viene riavviata, in Individua computer selezionare la nuova appliance in Seleziona server di configurazione e selezionare Finalize registration (Registrazione finale). Con la finalizzazione della registrazione vengono eseguite un paio di attività finali per preparare l'appliance di replica.

    Finalizzare la registrazione

Installare il servizio Mobility

Installare l'agente di servizio di mobilità nei server di cui si vuole eseguire la migrazione. I programmi di installazione degli agenti sono disponibili nell'appliance di replica. Trovare il programma di installazione corretto e installare l'agente in ogni computer che si vuole eseguire la migrazione.

Per installare la servizio di mobilità, seguire questa procedura:

  1. Accedere all'appliance di replica.

  2. Passare a %ProgramData%\ASR\home\svsystems\pushinstallsvc\repository.

  3. Individuare il programma di installazione del sistema operativo del computer e la versione. Verificare i sistemi operativi supportati.

  4. Copiare il file del programma di installazione nel computer di cui eseguire la migrazione.

  5. Assicurarsi di avere a disposizione la passphrase generata durante la distribuzione dell'appliance.

    • Archiviare il file in un file di testo temporaneo nel computer.
    • È possibile ottenere la passphrase nell'appliance di replica. Dalla riga di comando eseguire C:\ProgramData\ASR\home\svsystems\bin\genpassphrase.exe -v per visualizzare la passphrase corrente.
    • Non rigenerare la passphrase. In caso contrario, la connettività si interrompe ed è necessario ripetere la registrazione dell'appliance di replica.
    • Nel parametro /Platform specificare VMware sia per i computer VMware che per i computer fisici.
  6. Connettersi al computer ed estrarre il contenuto del file del programma di installazione in una cartella locale, ad esempio c:\temp. Eseguire questa operazione in un prompt dei comandi di amministratore:

    ren Microsoft-ASR_UA*Windows*release.exe MobilityServiceInstaller.exe
    MobilityServiceInstaller.exe /q /x:C:\Temp\Extracted
    cd C:\Temp\Extracted
    
  7. Eseguire il programma di installazione del servizio Mobility:

    UnifiedAgent.exe /Role "MS" /Platform "VmWare" /Silent
    
  8. Registrare l'agente con l'appliance di replica:

    cd C:\Program Files (x86)\Microsoft Azure Site Recovery\agent
    UnifiedAgentConfigurator.exe  /CSEndPoint <replication appliance IP address> /PassphraseFilePath <Passphrase File Path>
    

Potrebbe essere necessario tempo dopo l'installazione per visualizzare i computer individuati in Azure Migrate: Migrazione del server. Man mano che vengono individuate VM, il numero indicato in Server individuati aumenta.

Server individuati

Preparare i computer di origine

Per preparare i computer di origine, saranno necessarie informazioni dal cluster.

Attenzione

  • Mantenere la proprietà del disco durante il processo di replica fino al taglio finale. Se si verifica una modifica della proprietà del disco, è possibile che i volumi possano essere danneggiati e che la replica debba essere ritriggere. Impostare il proprietario preferito per ogni disco per evitare il trasferimento della proprietà durante il processo di replica.
  • Evitare di applicare patch alle attività e ai riavvii del sistema durante il processo di replica per evitare il trasferimento della proprietà del disco.

Per preparare i computer di origine, eseguire le operazioni seguenti:

  1. Identificare la proprietà del disco: Accedere a uno dei nodi del cluster e aprire Gestione cluster di failover. Identificare il nodo proprietario per i dischi per determinare i dischi che devono essere migrati con ogni server.

  2. Recuperare le informazioni del cluster: Eseguire lo Get-ClusterInfo.ps1 script in un nodo del cluster per recuperare informazioni sulle risorse del cluster. Lo script restituirà il nome del ruolo, il nome della risorsa, l'IP e la porta probe nel Cluster-Config.csv file. Usare questo file CSV per creare e assegnare la risorsa in Azure più avanti in questo articolo.

    ./Get-ClusterInfo.ps1
    

Creare un servizio di bilanciamento del carico

Per consentire ai ruoli del cluster e del cluster di rispondere correttamente alle richieste, è necessario un servizio di bilanciamento del carico di Azure. Senza un servizio di bilanciamento del carico, le altre macchine virtuali non sono in grado di raggiungere l'indirizzo IP del cluster perché non viene riconosciuto come appartenente alla rete o al cluster.

  1. Compilare le colonne nel Cluster-Config.csv file:

    Intestazione colonna Descrizione
    NewIP Specificare l'indirizzo IP nella rete virtuale di Azure (o subnet) per ogni risorsa nel file CSV.
    ServicePort Specificare la porta del servizio da usare per ogni risorsa nel file CSV. Per la risorsa cluster SQL, usare lo stesso valore per la porta del servizio della porta probe nel file CSV. Per altri ruoli del cluster, i valori predefiniti usati sono 1433, ma è possibile continuare a usare i numeri di porta configurati nell'installazione corrente.
  2. Eseguire lo script per creare il servizio di bilanciamento del Create-ClusterLoadBalancer.ps1 carico usando i parametri obbligatori seguenti:

    Parametro Tipo Descrizione
    ConfigFilePath Obbligatorio Specificare il Cluster-Config.csv percorso del file compilato nel passaggio precedente.
    ResourceGroupName Obbligatorio Specificare il nome del gruppo di risorse in cui deve essere creato il servizio di bilanciamento del carico.
    VNetName Obbligatorio Specificare il nome della rete virtuale di Azure a cui verrà associato il servizio di bilanciamento del carico.
    SubnetName Obbligatorio Specificare il nome della subnet nella rete virtuale di Azure a cui verrà associato il servizio di bilanciamento del carico.
    VNetResourceGroupName Obbligatorio Specificare il nome del gruppo di risorse per la rete virtuale di Azure a cui verrà associato il servizio di bilanciamento del carico.
    Location Obbligatorio Specificare la posizione in cui deve essere creato il servizio di bilanciamento del carico.
    LoadBalancerName Obbligatorio Specificare il nome del servizio di bilanciamento del carico da creare.
    ./Create-ClusterLoadBalancer.ps1 -ConfigFilePath ./cluster-config.csv -ResourceGroupName $resoucegroupname -VNetName $vnetname -subnetName $subnetname -VnetResourceGroupName $vnetresourcegroupname -Location “eastus” -LoadBalancerName $loadbalancername
    

Replicare i computer

Selezionare ora le VM per la migrazione. È possibile replicare fino a 10 VM contemporaneamente. Se è necessario replicarne più, replicarle simultaneamente in batch di 10.

  1. Nei server di progetto >di Azure Migrate, Azure Migrate: Migrazione serverselezionare Replica.

    Screenshot della schermata Azure Migrate - Server che mostra il pulsante Replica selezionato in Azure Migrate: Migrazione del server in Strumenti di migrazione.

  2. In Replica le > impostazioni >di origineSono le macchine virtualizzate?, selezionareFisico o altro (AWS, GCP, Xen e così via).

  3. In Appliance locale selezionare il nome dell'appliance di Azure Migrate configurata.

  4. In Server di elaborazione selezionare il nome dell'appliance di replica.

  5. In Credenziali guest selezionare l'account fittizio creato in precedenza durante la configurazione del programma di installazione della replica. Selezionare Avanti: Macchine virtuali.

    Screenshot della scheda Impostazioni origine nella schermata Replica con il campo Credenziali guest evidenziato.

  6. In Macchine virtuali, in Importare le impostazioni di migrazione da una valutazione? , lasciare l'impostazione predefinita No, specificherò le impostazioni di migrazione manualmente.

  7. Selezionare ogni macchina virtuale di cui si vuole eseguire la migrazione. Selezionare quindi Avanti: Impostazioni di destinazione.

    Selezionare le VM

  8. In Impostazioni di destinazione selezionare la sottoscrizione e l'area di destinazione in cui eseguire la migrazione e quindi specificare il gruppo di risorse in cui risiederanno le VM di Azure dopo la migrazione.

  9. In Rete virtuale selezionare la rete virtuale e la subnet di Azure a cui verranno aggiunte le VM di Azure dopo la migrazione.

  10. In Opzioni di disponibilità selezionare:

    • Zona di disponibilità per aggiungere la macchina migrata a una zona di disponibilità specifica nell'area. Usare questa opzione per distribuire i server che formano un livello applicazione a più nodi tra zone di disponibilità. Se si seleziona questa opzione, sarà necessario specificare la zona di disponibilità da usare per ogni macchina selezionata nella scheda Calcolo. Questa opzione è disponibile solo se l'area di destinazione selezionata per la migrazione supporta le zone di disponibilità
    • Set di disponibilità per inserire la macchina migrata in un set di disponibilità. Per usare questa opzione, il gruppo di risorse di destinazione selezionato deve avere uno o più set di disponibilità.
    • L'opzione La ridondanza dell'infrastruttura non è richiesta se non è necessaria una di queste configurazioni di disponibilità per le macchine migrate.
  11. In Tipo di crittografia dischi selezionare:

    • Crittografia dati inattivi con chiave gestita dalla piattaforma
    • Crittografia dati inattivi con chiave gestita dal cliente
    • Doppia crittografia con chiavi gestite dalla piattaforma e chiavi gestite dal cliente

    Nota

    Per replicare le macchine virtuali con la chiave gestita dal cliente, è necessario creare un set di crittografia dischi nel gruppo di risorse di destinazione. Un oggetto set di crittografia dischi consente eseguire il mapping di Managed Disks a un Key Vault che contiene la chiave gestita dal cliente da usare per la crittografia del servizio di archiviazione.

  12. In Vantaggio Azure Hybrid:

    • Selezionare No se non si vuole applicare Vantaggio Azure Hybrid. Selezionare quindi Avanti.
    • Selezionare se si hanno computer Windows Server con copertura Software Assurance o sottoscrizioni di Windows Server attive e si vuole applicare il vantaggio alle VM di cui si sta eseguendo la migrazione. Selezionare quindi Avanti.

    Impostazioni di destinazione

  13. In Calcolo controllare il nome della macchina virtuale, le dimensioni, il tipo di disco del sistema operativo e la configurazione della disponibilità, se selezionata nel passaggio precedente. Le VM devono essere conformi ai requisiti di Azure.

    • Dimensioni macchina virtuale: se si usano i consigli per la valutazione, l'elenco a discesa Dimensioni macchina virtuale mostra le dimensioni consigliate. In caso contrario, Azure Migrate seleziona le dimensioni più simili nella sottoscrizione di Azure. In alternativa, selezionare manualmente le dimensioni in Dimensioni macchina virtuale di Azure.
    • Disco del sistema operativo: specificare il disco del sistema operativo (di avvio) per la VM. È il disco che contiene il bootloader e il programma di installazione del sistema operativo.
    • Zona di disponibilità: specificare la zona di disponibilità da usare.
    • Set di disponibilità: specificare il set di disponibilità da usare.

    Impostazioni calcolo

  14. In Dischi specificare se i dischi delle VM devono essere replicati in Azure e selezionare il tipo di disco in Azure (dischi gestiti Premium o SSD/HDD Standard). Selezionare quindi Avanti.

    • Usare l'elenco creato in precedenza per selezionare i dischi da replicare con ogni server. Escludere altri dischi dalla replica.

    Impostazioni dei dischi

  15. In Rivedi e avvia la replica esaminare le impostazioni e selezionare Replica per avviare la replica iniziale per i server.

Nota

È possibile aggiornare le impostazioni di replica in qualsiasi momento prima dell'avvio della replica, selezionando Gestisci>Replica delle macchine virtuali. Le impostazioni non possono essere modificate dopo l'avvio della replica.

Tenere traccia e monitorare

La replica procede nella sequenza seguente:

  • Quando si seleziona Replica inizia un processo di avvio della replica .
  • Al termine del processo di avvio della replica , i computer iniziano la replica iniziale in Azure.
  • Al termine della replica iniziale, viene avviata la replica differenziale. Le modifiche incrementali ai dischi locali vengono replicate periodicamente nei dischi di replica in Azure.
  • Al termine della replica iniziale, configurare gli elementi Calcolo e Rete per ogni macchina virtuale. I cluster in genere hanno più schede di interfaccia di rete, ma per la migrazione è necessaria una sola scheda di interfaccia di rete (impostare le altre come non creare).

È possibile tenere traccia dello stato del processo nelle notifiche del portale.

È possibile monitorare lo stato della replica selezionando Replica di server in Azure Migrate: Migrazione server. Monitorare la replica

Eseguire la migrazione di VM

Dopo la replica dei computer, sono pronti per la migrazione. Per eseguire la migrazione dei server, seguire questa procedura:

  1. In Azure Migrate project > ServersAzure Migrate: Server Migration (Server> Migrate: Migrazione server) selezionare Replicating servers (Replica dei server).

    Replica dei server

  2. Per assicurarsi che il server migrato sia sincronizzato con il server di origine, arrestare la risorsa SQL Server (inRuoli>di Gestione> cluster di failoverAltre risorse) assicurando al tempo stesso che i dischi del cluster siano online.

  3. In Replica dei computer> selezionare Panoramica del nome > del server verificare che l'ultimo timestamp sincronizzato sia dopo aver arrestato SQL Server risorsa nei server di cui eseguire la migrazione prima di passare al passaggio successivo. L'operazione dovrebbe richiedere solo alcuni minuti.

  4. In Replica di computer fare clic con il pulsante destro del mouse sulla macchina virtuale Migrate(Esegui migrazione macchina virtuale>).

  5. In Eseguire la migrazione>Arrestare le macchine virtuali ed eseguire una migrazione pianificata senza perdita di dati selezionare No>OK.

    Nota

    Per la migrazione del server fisico, l'arresto del computer di origine non è supportato automaticamente. È consigliabile arrestare l'applicazione come parte della finestra di migrazione (non consentire alle applicazioni di accettare connessioni) e quindi avviare la migrazione (il server deve essere mantenuto in esecuzione, in modo che le modifiche rimanenti possano essere sincronizzate) prima del completamento della migrazione.

  6. Verrà avviato un processo di migrazione per la VM. Tenere traccia del processo nelle notifiche di Azure.

  7. Al termine del processo, è possibile visualizzare e gestire la VM dalla pagina Macchine virtuali.

Riconfigurare il cluster

Dopo aver eseguito la migrazione delle macchine virtuali, riconfigurare il cluster. Seguire questa procedura:

  1. Arrestare i server migrati in Azure.

  2. Aggiungere i computer migrati al pool back-end del servizio di bilanciamento del carico. Passare a Load Balancer>Pool back-end> selezionare pool back-end >per aggiungere computer migrati.

  3. Riconfigurare i dischi migrati dei server come dischi condivisi eseguendo lo Create-SharedDisks.ps1 script. Lo script è interattivo e richiederà un elenco di computer e quindi visualizzerà i dischi disponibili da estrarre (solo i dischi dati). Verrà chiesto una volta di selezionare i computer che contengono le unità da trasformare in dischi condivisi. Dopo aver selezionato, verrà richiesto di nuovo, una volta per ogni computer, di selezionare i dischi specifici.

    Parametro Tipo Descrizione
    ResourceGroupName Obbligatorio Specificare il nome del gruppo di risorse contenente i server migrati.
    NumberofNodes Facoltativo Specificare il numero di nodi nell'istanza del cluster di failover. Questo parametro viene usato per identificare lo SKU corretto per i dischi condivisi da creare. Per impostazione predefinita, lo script presuppone che il numero di nodi nel cluster sia 2.
    DiskNamePrefix Facoltativo Specificare il prefisso da aggiungere ai nomi dei dischi condivisi.
    ./Create-SharedDisks.ps1 -ResourceGroupName $resoucegroupname -NumberofNodes $nodesincluster -DiskNamePrefix $disknameprefix 
    
  4. Collegare i dischi condivisi ai server migrati eseguendo lo Attach-SharedDisks.ps1 script.

    Parametro Tipo Descrizione
    ResourceGroupName Obbligatorio Specificare il nome del gruppo di risorse contenente i server migrati.
    StartingLunNumber Facoltativo Specificare il numero LUN iniziale disponibile per il collegamento dei dischi condivisi. Per impostazione predefinita, lo script tenta di collegare dischi condivisi al LUN a partire da 0.
    ./Attach-ShareDisks.ps1 -ResourceGroupName $resoucegroupname 
    
  5. Avviare i server migrati in Azure e accedere a qualsiasi nodo.

  6. Copiare il ClusterConfig.csv file ed eseguire lo Update-ClusterConfig.ps1 script passando il file CSV come parametro. In questo modo le risorse del cluster vengono aggiornate con la nuova configurazione per il funzionamento del cluster in Azure.

    ./Update-ClusterConfig.ps1 -ConfigFilePath $filepath
    

L'istanza del cluster di failover SQL Server è pronta.

Completare la migrazione

  1. Al termine della migrazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla macchina virtuale >Arresta migrazione. Vengono eseguite le operazioni seguenti:
    • Arresta la replica per il computer locale.
    • Rimuove il computer dal numero di Server in fase di replica in Azure Migrate: Server Migration.
    • Esegue la pulizia delle informazioni sullo stato di replica per la macchina virtuale.
  2. Installare l'agente Windows della macchina virtuale di Azure nei computer migrati.
  3. Apportare nell'app le eventuali modifiche post-migrazione necessarie, come l'aggiornamento delle stringhe di connessione del database e delle configurazioni dei server Web.
  4. Eseguire i test di accettazione della migrazione e dell'applicazione finale sull'applicazione migrata ora in esecuzione in Azure.
  5. Trasferire il traffico all'istanza della VM di Azure di cui è stata eseguita la migrazione.
  6. Rimuovere le macchine virtuali locali dall'inventario delle macchine virtuali locale.
  7. Rimuovere le macchine virtuali locali dai processi di backup locali.
  8. Aggiornare la documentazione interna con la nuova posizione e il nuovo indirizzo IP delle macchine virtuali di Azure.

Procedure consigliate dopo la migrazione

Passaggi successivi

Esaminare il percorso di migrazione al cloud in Azure Cloud Adoption Framework.