Limiti di Azure Data Box

Quando si distribuisce e si usa Microsoft Azure Data Box, tenere presenti i limiti seguenti. La tabella seguente illustra i limiti di Data Box.

Limiti di servizio Data Box

  • Se si usano più account di archiviazione con il servizio Data Box, tutti gli account di archiviazione devono appartenere alla stessa area di Azure.
  • È consigliabile usare non più di tre account di archiviazione. L'uso di più account di archiviazione potrebbe potenzialmente influire sulle prestazioni.

Limiti di Data Box

  • Data Box può archiviare un massimo di 500 milioni di file per l'importazione e l'esportazione.
  • Data Box supporta un massimo di 512 contenitori o condivisioni nel cloud. Le directory di primo livello all'interno della condivisione utente diventano contenitori o condivisioni file di Azure nel cloud.
  • La capacità di utilizzo di Data Box può essere inferiore a 80 TiB a causa del consumo di spazio dei metadati ReFS.
  • Data Box supporta un massimo di 10 connessioni client alla volta in una condivisione NFS.

Limiti di Archiviazione di Azure

Questa sezione descrive i limiti relativi al servizio Archiviazione di Azure e le convenzioni di denominazione necessarie per File di Azure, BLOB in blocchi di Azure e BLOB di pagine di Azure, come applicabili al servizio Data Box. Esaminare attentamente i limiti di archiviazione e seguire tutte le raccomandazioni.

Per informazioni aggiornate su limiti del servizio Archiviazione di Azure e le procedure consigliate per la denominazione di condivisioni, contenitori e file, vedere:

Importante

Se sono presenti file o directory che superano i limiti del servizio di archiviazione di Azure o non sono conformi alle convenzioni di denominazione File di Azure/BLOB, questi file o directory non vengono inseriti nell'archiviazione di Azure tramite il servizio Data Box.

Copia dei dati e caricamento di avvisi

Per l'ordine di importazione

Data Box esegue l'avviso per un ordine di importazione:

  • Contenitori, condivisioni e cartelle:
    • Non copiare i file direttamente in una delle condivisioni precreate. È necessario creare una cartella nella condivisione e quindi copiare i file in tale cartella.
    • Una cartella in StorageAccount_BlockBlob e StorageAccount_PageBlob è un contenitore. I contenitori, ad esempio, vengono creati come StorageAccount_BlockBlob/container e StorageAccount_PageBlob/container.
    • Ogni cartella creata direttamente in StorageAccount_AzFile viene tradotta in una condivisione file di Azure.
    • Archiviazione BLOB di Azure non supporta le directory. Se si crea una cartella nella cartella StorageAccount_BlockBlob, vengono create cartelle virtuali nel nome del BLOB. Per File di Azure, viene mantenuta la struttura di directory effettiva.
  • Unione del contenuto della cartella:
    • Ogni file scritto nelle condivisioni StorageAccount_BlockBlob e StorageAccount_PageBlob viene caricato rispettivamente come BLOB in blocchi e BLOB di pagine.
    • Se una cartella ha lo stesso nome di un contenitore esistente, il contenuto della cartella viene unito al contenuto del contenitore. I file o i BLOB non già presenti nel cloud vengono aggiunti al contenitore. Se un file o un BLOB ha lo stesso nome di un file o di un BLOB già presente nel contenitore, il file o il BLOB esistente viene sovrascritto.
    • Un caricamento in un BLOB nel livello Archivio avrà esito negativo se il contenitore ha un BLOB archiviato esistente con lo stesso nome. Mentre un BLOB è nel livello archivio, non può essere letto o modificato. Se è necessario sovrascrivere un BLOB, assicurarsi che il BLOB non sia impostato su archivio. Per altre informazioni, vedere Livello di accesso archivio.
    • Qualsiasi gerarchia di directory vuota (senza file) creata in StorageAccount_BlockBlob e le cartelle di StorageAccount_PageBlob non vengono caricate.
  • Se si usano sia i protocolli SMB che NFS per le copie dei dati, è consigliabile:
    • Usare diversi account di archiviazione per SMB e NFS.
    • Non copiare gli stessi dati nella stessa destinazione finale in Azure usando SMB e NFS. In questi casi, non è possibile prevedere il risultato finale.
    • Anche se la copia tramite SMB e NFS in parallelo può funzionare, non è consigliabile farlo perché è soggetta a errori umani. Attendere il completamento della copia dei dati SMB prima di avviare una copia dei dati NFS.
  • Gestione caricamento:
    • Per migliorare le prestazioni durante i caricamenti dei dati, è consigliabile abilitare condivisioni file di grandi dimensioni nell'account di archiviazione e aumentare la capacità di condivisione a 100 TiB. Le condivisioni file di grandi dimensioni sono supportate solo per gli account di archiviazione con ridondanza locale.
    • Se si verificano errori durante il caricamento dei dati in Azure, viene creato un log degli errori nell'account di archiviazione di destinazione. Il percorso di questo log degli errori è disponibile al termine del caricamento e è possibile esaminare il log per eseguire azioni correttive. Non eliminare i dati dall'origine senza verificare i dati caricati.
    • I metadati dei file e le autorizzazioni NTFS possono essere conservati quando i dati vengono caricati in File di Azure usando linee guida per conservare gli ACL, gli attributi e i timestamp dei file con Azure Data Box.
    • La gerarchia dei file viene mantenuta durante il caricamento nel cloud per BLOB e File di Azure. Ad esempio, è stato copiato un file in questo percorso: <container folder>\A\B\C.txt. Questo file viene caricato nello stesso percorso nel cloud.
    • Se il campo CreateTime o LastWriteTime per un file supera le dimensioni consentite durante un caricamento, "Fri, 31 Dicembre 9999 23:59:59" sostituisce la data originale nella proprietà file di Azure. Il caricamento del file ha esito positivo e non viene generato alcun errore.

Per l'ordine di esportazione

Data Box esegue l'avviso per un ordine di esportazione:

  • Data Box è un dispositivo basato su Windows e non supporta nomi di file con distinzione tra maiuscole e minuscole. Ad esempio, potrebbero essere presenti due file diversi in Azure con nomi che differiscono solo tra maiuscole e minuscole. Non usare Data Box per esportare file come i file verranno sovrascritti nel dispositivo.
  • Se sono presenti tag duplicati nei file di input o nei tag che fanno riferimento agli stessi dati, l'esportazione di Data Box potrebbe ignorare o sovrascrivere i file. Il numero di file e dimensioni dei dati visualizzati dall'portale di Azure potrebbe essere diverso dalle dimensioni effettive dei dati nel dispositivo.
  • Data Box esporta i dati nel sistema basato su Windows su SMB ed è limitato dalle limitazioni SMB per file e cartelle. I file e le cartelle con nomi non supportati non vengono esportati.
  • Esiste un mapping 1:1 dal prefisso al contenitore.
  • La dimensione massima del nome file è di 1024 caratteri. I nomi dei nomi che superano questa lunghezza non vengono esportati.
  • I prefissi duplicati nel file xml (caricati durante la creazione dell'ordine) vengono esportati. I prefissi duplicati non vengono ignorati.
  • I BLOB di pagine e i nomi dei contenitori sono distinzione tra maiuscole e minuscole. Se le maiuscole non corrispondono, il BLOB e/o il contenitore non verranno trovati.

Limiti delle dimensioni dell'account di archiviazione di Azure

Ecco i limiti sulle dimensioni dei dati copiati in un account di archiviazione. Assicurarsi che i dati caricati siano conformi a questi limiti. Per le informazioni più aggiornate su questi limiti, vedere Obiettivi di scalabilità e prestazioni per l'archiviazione BLOB eFile di Azure obiettivi di scalabilità e prestazioni.

Dimensioni dei dati copiati nell'account di archiviazione di Azure Limite predefinito
BLOB in blocchi e BLOB di pagine Il limite massimo è uguale al limite di archiviazione definito per la sottoscrizione di Azure e include i dati di tutte le origini, tra cui Data Box.
File di Azure
  • Data Box supporta condivisioni file di grandi dimensioni (100 TiB) se abilitata prima della creazione dell'ordine di Data Box.
  • Data Box supporta condivisioni file Premium di Azure, che consentono un totale di 100 TiB per tutte le condivisioni nell'account di archiviazione.

Limiti delle dimensioni degli oggetti di Azure

Di seguito vengono indicate le dimensioni degli oggetti Azure che possono essere scritti. Verificare che tutti i file caricati siano conformi a questi limiti.

Tipo di oggetto di Azure Limite predefinito
BLOB in blocchi Circa 4,75 TiB
BLOB di pagine 4 TiB
Le dimensioni di tutti i file caricati nel formato BLOB di pagine devono essere multipli integrali di 512 byte per garantire che il caricamento venga completato in modo corretto.
I file VHD e VHDX sono allineati a 512 byte.
File di Azure 1 TiB
Dischi gestiti 4 TiB
Per altre informazioni sulle dimensioni e sui limiti, vedere:
  • Obiettivi di scalabilità degli SSD Standard
  • Obiettivi di scalabilità di SSD Premium
  • Obiettivi di scalabilità degli HDD Standard
  • Prezzi e fatturazione dei dischi gestiti
  • Convenzioni di denominazione per BLOB in blocchi, BLOB di pagine e file

    Entità Convenzioni
    Nomi di contenitori BLOB in blocchi e BLOB di pagine Deve essere un nome DNS valido compreso tra 3 e 63 caratteri.
    Deve iniziare con una lettera o un numero.
    Può contenere solo lettere minuscole, numeri e trattini (-).
    Ogni trattino (-) deve essere immediatamente preceduto e seguito da una lettera o un numero.
    I trattini consecutivi non sono consentiti nei nomi.
    Nomi delle condivisioni per i file di Azure Vedere sopra.
    Nomi dei file e delle directory per i file di Azure
  • Mantengono le maiuscole/minuscole, non fanno distinzione tra maiuscole e minuscole e non devono superare i 255 caratteri.
  • Non possono terminare con la barra (/).
  • Se inserita, verrà automaticamente rimossa.
  • I caratteri seguenti non sono consentiti: " \ / : | < > * ?
  • I caratteri URL riservati devono essere preceduti da una sequenza di escape.
  • I caratteri del percorso URL non consentiti non sono consentiti. I punti di codice come \uE000 non sono caratteri Unicode validi. Alcuni caratteri ASCII o Unicode, ad esempio i caratteri di controllo (da 0x00 a 0x1F, \u0081 e così via), non sono ammessi. Per le regole che controllano le stringhe Unicode in HTTP/1.1, vedere RFC 2616, sezione 2.2: Basic Rules e RFC 3987.
  • I nomi di file seguenti non sono consentiti: LPT1, LPT2, LPT3, LPT4, LPT5, LPT6, LPT7, LPT8, LPT9, COM1, COM2, COM3, COM4, COM5, COM6, COM7, COM8, COM8, COM9, PRN, AUX, NUL, CON, CLOCK$, dot character (..) e due caratteri dot (..).
  • Nomi di BLOB per BLOB in blocchi e BLOB di pagine
  • I nomi di BLOB fanno distinzione tra maiuscole e minuscole e possono contenere una qualsiasi combinazione di caratteri.
  • La lunghezza di un nome di BLOB deve essere compresa tra 1 e 1.024 caratteri.
  • I caratteri URL riservati devono essere preceduti da una sequenza di escape.
  • Il numero di segmenti del percorso che includono il nome BLOB non può essere superiore a 254. Un segmento di percorso è la stringa tra caratteri di delimitatore consecutivi, ad esempio, la barra rovesciata '/', che corrisponde al nome di una directory virtuale.