Supporto per lo spostamento di macchine virtuali di Azure tra aree di Azure

Questo articolo riepiloga il supporto e i prerequisiti quando si spostano macchine virtuali e risorse di rete correlate in aree di Azure usando Resource Mover.

Supporto di macchine virtuali Windows

Resource Mover supporta le macchine virtuali di Azure che eseguono questi sistemi operativi Windows.

Sistema operativo Dettagli
Windows Server 2019 Supportato per Server Core, Server con Esperienza Desktop.
Windows Server 2016 Supportato per Server Core, Server con Esperienza Desktop.
Windows Server 2012 R2 Supportato.
Windows Server 2012 Supportato.
Windows Server 2008 R2 con SP1/SP2 Supportato.

Per i computer che eseguono Windows Server 2008 R2 con SP1/SP2, è necessario installare un aggiornamento dello stack di manutenzione di Windows (SSU) e SHA-2. SHA-1 non è supportato da settembre 2019 e se la firma del codice SHA-2 non è abilitata, l'estensione dell'agente non verrà installata o aggiornata come previsto. Altre informazioni sull'aggiornamento e sui requisiti di SHA-2.
Windows 10 (x64) Supportato.
Windows 8.1 (x64) Supportato.
Windows 8 (x64) Supportato.
Windows 7 (x64) con SP1 e versioni successive Installare un aggiornamento dello stack di manutenzione di Windows (SSU) e l'aggiornamento SHA-2 nei computer che eseguono Windows 7 con SP1. SHA-1 non è supportato da settembre 2019 e se la firma del codice SHA-2 non è abilitata, il passaggio "preparazione" non avrà esito positivo. Altre informazioni sull'aggiornamento e sui requisiti di SHA-2.

Supporto di macchine virtuali Linux

Resource Move supporta le macchine virtuali di Azure che eseguono questi sistemi operativi Linux.

Sistema operativo Dettagli
Red Hat Enterprise Linux 6.7, 6.8, 6.9, 6.10, 7.0, 7.1, 7.2, 7.3, 7.4, 7.5, 7.6,7.7, 8.0, 8.1
CentOS 6.5, 6.6, 6.7, 6.8, 6.9, 6.10, 7.0, 7.1, 7.2, 7.3, 7.4, 7.5, 7.6, 7.7, 8.0, 8.1
Server Ubuntu 14.04 LTS Versioni del kernel supportate
Server Ubuntu 16.04 LTS Versioni del kernel supportate

I server Ubuntu che usano l'autenticazione basata su password e l'accesso e il pacchetto cloud-init per configurare le macchine virtuali cloud, potrebbero avere accesso basato su password disabilitato sul failover (a seconda della configurazione cloud-init). È possibile riabilitare l'accesso basato su password nella macchina virtuale reimpostando la password dal menu Impostazioni risoluzione dei problemi > di supporto > (della macchina virtuale con failover nella portale di Azure.
Server Ubuntu 18.04 LTS Versione del kernel supportata.
Debian 7 Versioni del kernel supportate.
Debian 8 Versioni del kernel supportate.
SUSE Linux Enterprise Server 12 SP1, SP2, SP3, SP4. Versioni del kernel supportate
SUSE Linux Enterprise Server 15 15 e 15 SP1. (Versioni del kernel supportate)
SUSE Linux Enterprise Server 11 SP3
SUSE Linux Enterprise Server 11 SP4
Oracle Linux 6.4, 6.5, 6.6, 6.7, 6.8, 6.9, 6.10, 7.0, 7.1, 7.2, 7.3, 7.4, 7.5, 7.6, 7.7

Esecuzione del kernel compatibile con Red Hat o del kernel Enterprise Breakable Versione 3, 4 & 5 (UEK3, UEK4, UEK5)

Versioni del kernel Ubuntu supportate

Versione Versione del kernel
14.04 LTS Da 3.13.0-24 generica a 3.13.0-170 generica
Da 3.16.0-25 generica a 3.16.0-77 generica
Da 3.19.0-18 generica a 3.19.0-80 generica
Da 4.2.0-18 generica a 4.2.0-42 generica
Da 4.4.0-21 generica a 4.4.0-148 generica
Da 4.15.0-1023 Azure a 4.15.0-1045 Azure
16.04 LTS Da 4.4.0-21 generica a 4.4.0-171 generica
Da 4.8.0-34 generica a 4.8.0-58 generica
Da 4.10.0-14 generica a 4.10.0-42 generica
Da 4.11.0-13 generica a 4.11.0-14 generica
Da 4.13.0-16 generica a 4.13.0-45 generica
Da 4.15.0-13 generica a 4.15.0-74 generica
Da 4.11.0-1009 Azure a 4.11.0-1016 Azure
Da 4.13.0-1005 Azure a 4.13.0-1018 Azure
Da 4.15.0-1012 Azure a 4.15.0-1066 Azure
18.04 LTS 4.15.0-20-generic to 4.15.0-74-generic 4.18.0-13-generic to 4.18.0-25-generic

5.0 0.0-15 Generic to 5.0.0-37-generic 5.3.0-19-generic to 5.3.0-24-generic

4.15.0 -1009-azure to 4.15.0-1037-azure
4.18.0-1006-azure to 4.18.0-1025-azure
5.0 0.0-1012-azure to 5.0.0-1028-azure
5.3.0-1007-azure to 5.3.0-1009-azure

Versioni del kernel Debian supportate

Versione Versione del kernel
Debian 7 Da 3.2.0-4-amd64 a 3.2.0-6-amd64, 3.16.0-0.bpo.4-amd64
Debian 8 Da 3.16.0-4-amd64 a 3.16.0-10-amd64, da 4.9.0-0.bpo.4-amd64 a 4.9.0-0.bpo.11-amd64
Debian 8 Da 3.16.0-4-amd64 a 3.16.0-10-amd64, da 4.9.0-0.bpo.4-amd64 a 4.9.0-0.bpo.9-amd64

Versioni del kernel SUSE Linux Enterprise Server 12 supportate

Versione Versione del kernel
SUSE Linux Enterprise Server 12 (SP1, SP2, SP3, SP4) Sono supportati tutti i kernel SUSE 12 SP1,SP2,SP3,SP4 .

Da 4.4.138-4.7-azure a 4.4.180-4.31-azure,4.12.14-6.3-azure
a 4.12.14-6.34-azure

Versioni del kernel SUSE Linux Enterprise Server 15 supportate

Versione Versione del kernel
SUSE Linux Enterprise Server 15 e 15 SP1 Sono supportati tutti i kernel SUSE 15 e 15 azionari.

Da 4.12.14-5.5-azure a 4.12.14-8.22-azure

File system/archiviazione guest Linux supportata

  • File system: ext3, ext4, XFS, BTRFS
  • Gestore volumi: LVM2
  • Software con percorsi multipli: Mapper dispositivi

Impostazioni di calcolo delle macchine virtuali supportate

Impostazione Supporto Dettagli
Dimensione Qualsiasi dimensione di macchina virtuale di Azure con almeno due core CPU e 1 GB di RAM Verificare le dimensioni delle macchine virtuali in Azure.
Set di disponibilità Supportato Supportata.
Zone di disponibilità Supportato Supportato, a seconda del supporto dell'area di destinazione.
Immagini della raccolta di Azure (pubblicate da Microsoft) Supportato Supportate se la macchina virtuale viene eseguita in un sistema operativo supportato.
Immagini di Raccolta di Azure (pubblicate da terze parti) Supportato Supportate se la macchina virtuale viene eseguita in un sistema operativo supportato.
Immagini personalizzate (pubblicate da terze parti) Supportato Supportate se la macchina virtuale viene eseguita in un sistema operativo supportato.
Macchine virtuali che usano Site Recovery Non supportato Spostare le risorse tra aree per le macchine virtuali, usando Site Recovery nel back-end. Se si usa già Site Recovery, disabilitare la replica e quindi avviare il processo Prepara.
Criteri di controllo degli accessi in base al ruolo di Azure Non supportato I criteri di controllo degli accessi in base al ruolo di Azure nelle macchine virtuali non vengono copiati nella macchina virtuale nell'area di destinazione.
Estensioni Non supportate Le estensioni non vengono copiate nella macchina virtuale nell'area di destinazione. Installarli manualmente al termine dello spostamento.

Impostazioni di archiviazione delle macchine virtuali supportate

Questa tabella riepiloga il supporto per il disco del sistema operativo, il disco dati e il disco temporaneo della macchina virtuale di Azure. È importante osservare i limiti e le destinazioni del disco della macchina virtuale per i dischi gestiti per evitare eventuali problemi di prestazioni.

Nota

Le dimensioni della macchina virtuale di destinazione devono essere uguali o superiori alla macchina virtuale di origine. I parametri usati per la convalida sono: Conteggio dischi dati, conteggio schede di interfaccia di rete, CPU disponibili, memoria in GB. Se non viene generato un errore.

Componente Supporto Dettagli
Dimensione massima del disco del sistema operativo 2048 GB Altre informazioni sui dischi delle VM.
Disco temporaneo Non supportate Il disco temporaneo viene sempre escluso dal processo di preparazione.

Non conservare dati persistenti sul disco temporaneo. Altre informazioni
Dimensione massima del disco dati 8192 GB per i dischi gestiti
Dimensione minima del disco dati 2 GB per i dischi gestiti
Numero massimo di dischi dati Fino a 64, in conformità con il supporto per una specifica dimensione di VM di Azure Altre informazioni sulle dimensioni delle VM.
Frequenza di modifica del disco dati Massimo 10 Mbps per disco per l'archiviazione Premium. Massimo 2 Mbps per disco per l'archiviazione Standard. Se la frequenza media di modifica dei dati sul disco è costantemente superiore al valore massimo, la preparazione non verrà recuperata.

Tuttavia, se il valore massimo viene superato sporadicamente, la preparazione può essere recuperata, ma potrebbero essere visualizzati punti di ripristino leggermente ritardati.
Disco dati (account di archiviazione Standard) Non supportata. Modificare il tipo di archiviazione su disco gestito e quindi provare a spostare la macchina virtuale.
Disco dati (account di archiviazione Premium) Non supportato Modificare il tipo di archiviazione su disco gestito e quindi provare a spostare la macchina virtuale.
Disco gestito (Standard) Supportato
Disco gestito (Premium) Supportato
SSD Standard Supportato
Generazione 2 (avvio UEFI) Supportato
Account di archiviazione della diagnostica di avvio Non supportato Riabilitarlo dopo aver spostato la macchina virtuale nell'area di destinazione.
Macchine virtuali con crittografia dischi di Azure abilitata Supportato Altre informazioni
Macchine virtuali che usano la crittografia lato server con la chiave gestita dal cliente Supportato Altre informazioni

Limiti e frequenza di modifica dei dati

La tabella seguente riepiloga i limiti basati sui test. Queste opzioni non coprono tutte le possibili combinazioni di I/O dell'applicazione. I risultati effettivi variano in base alla combinazione di I/O dell'applicazione. Esistono due limiti da considerare, per varianza dei dati del disco e per varianza dei dati della macchina virtuale.

Destinazione di archiviazione I/O medio del disco di origine Varianza dati media disco di origine Varianza dati totale giornaliera disco di origine
Archiviazione standard 8 KB 2 MB/s 168 GB per disco
Disco P10 o P15 Premium 8 KB 2 MB/s 168 GB per disco
Disco P10 o P15 Premium 16 KB 4 MB/s 336 GB per disco
Disco P10 o P15 Premium 32 KB o superiori 8 MB/s 672 GB per disco
Disco P20, P30, P40 o P50 Premium 8 KB 5 MB/s 421 GB per disco
Disco P20, P30, P40 o P50 Premium 16 KB o superiori 20 MB/s 1684 GB per disco

Impostazioni di rete delle macchine virtuali supportate

Impostazione Supporto Dettagli
NIC Supportato Specificare una risorsa esistente nell'area di destinazione o creare una nuova risorsa durante il processo di preparazione.
Servizio di bilanciamento del carico interno Supportato Specificare una risorsa esistente nell'area di destinazione o creare una nuova risorsa durante il processo di preparazione.
Bilanciamento del carico pubblico Supportato Specificare una risorsa esistente nell'area di destinazione o creare una nuova risorsa durante il processo di preparazione.
Indirizzo IP pubblico Supportato Specificare una risorsa esistente nell'area di destinazione o creare una nuova risorsa durante il processo di preparazione.

L'indirizzo IP pubblico è specifico dell'area e non verrà conservato nell'area di destinazione dopo lo spostamento. Tenere presente questo aspetto quando si modificano le impostazioni di rete (incluse le regole di bilanciamento del carico) nel percorso di destinazione.
Gruppo di sicurezza di rete Supportato Specificare una risorsa esistente nell'area di destinazione o creare una nuova risorsa durante il processo di preparazione.
Indirizzo IP riservato (statico) Supportato Non è attualmente possibile configurare questa impostazione. Il valore predefinito è il valore di origine.

Se la scheda di interfaccia di rete nella macchina virtuale di origine ha un indirizzo IP statico e la subnet di destinazione ha lo stesso indirizzo IP disponibile, viene assegnata alla macchina virtuale di destinazione.

Se la subnet di destinazione non ha lo stesso indirizzo IP disponibile, l'avvio dello spostamento per la macchina virtuale avrà esito negativo.
Indirizzo IP dinamico Supportato Non è attualmente possibile configurare questa impostazione. Il valore predefinito è il valore di origine.

Se la scheda di interfaccia di rete nell'origine ha indirizzi IP dinamici, anche la scheda di interfaccia di rete nella macchina virtuale di destinazione è dinamica per impostazione predefinita.
Configurazioni IP Supportato Non è attualmente possibile configurare questa impostazione. Il valore predefinito è il valore di origine.
Peering reti virtuali Non conservato La rete virtuale spostata nell'area di destinazione non manterrà la configurazione del peering reti virtuali presente nell'area di origine. Per mantenere il peering, è necessario eseguire di nuovo manualmente nell'area di destinazione.

Requisiti di accesso in uscita

Le macchine virtuali di Azure da spostare richiedono l'accesso in uscita.

accesso con URL

Se si usa un proxy firewall basato su URL per controllare la connettività in uscita, consentire l'accesso a questi URL:

Nome Cloud pubblico di Azure Informazioni dettagliate
Archiviazione *.blob.core.windows.net Consente la scrittura di dati dalla macchina virtuale nell'account di archiviazione della cache all'area di origine.
Azure Active Directory login.microsoftonline.com Fornisce l'autenticazione e l'autorizzazione per gli URL del servizio Site Recovery.
Replica *.hypervrecoverymanager.windowsazure.com Consente alla macchina virtuale di comunicare con il servizio Site Recovery.
Bus di servizio *.servicebus.windows.net Consente alla macchina virtuale di scrivere i dati di diagnostica e monitoraggio di Site Recovery.

Regole NSG

Se si usano regole del gruppo di sicurezza di rete per controllare la connettività in uscita, creare queste regole del tag del servizio . Ogni regola deve consentire l'accesso in uscita su HTTPS (443).

  • Creare una regola tag di archiviazione per l'area di origine.
  • Creare una regola del tag AzureSiteRecovery per consentire l'accesso al servizio Site Recovery in qualsiasi area. Questo tag ha dipendenze da questi altri tag, quindi è necessario creare regole per:
    • AzureActiveDirectory
    • *EventHub
    • AzureKeyVault
    • GuestAndHybridManagement
  • È consigliabile testare le regole in un ambiente non di produzione. Esaminare alcuni esempi.

Passaggi successivi

Provare a spostare una macchina virtuale di Azure in un'altra area con Resource Mover.