Finestra di manutenzione

Si applica a: Database SQL di Azure Istanza gestita di SQL di Azure

La funzionalità della finestra di manutenzione consente di configurare la pianificazione della manutenzione per Azure SQL Database e Istanza gestita di SQL di Azure risorse che rendono prevedibili gli eventi di manutenzione con impatto e meno dirompenti per il carico di lavoro.

Nota

La funzionalità della finestra di manutenzione protegge solo dall'impatto pianificato dagli aggiornamenti o dalla manutenzione pianificata. Non protegge da tutte le cause di failover; eccezioni che possono causare interruzioni di connessione brevi all'esterno di una finestra di manutenzione includono errori hardware, bilanciamento del carico del cluster e riconfigurazione del database a causa di eventi come una modifica nell'obiettivo del livello di servizio del database.

Le notifiche avanzate (anteprima) sono disponibili per i database configurati per l'uso di una finestra di manutenzione non predefinita. Le notifiche anticipate consentono ai clienti di configurare le notifiche da inviare fino a 24 ore prima di qualsiasi evento pianificato.

Panoramica

Azure esegue periodicamente la manutenzione pianificata delle risorse dell'istanza gestita di database SQL e SQL. Durante Azure SQL evento di manutenzione, i database sono completamente disponibili, ma possono essere soggetti a riconfigurazioni brevi all'interno dei rispettivi contratti di servizio di disponibilità per database SQL e istanza gestita di SQL.

La finestra di manutenzione è destinata ai carichi di lavoro di produzione che non sono resilienti ai database o alle riconfigurazioni dell'istanza e non possono assorbire interruzioni di connessione brevi causate da eventi di manutenzione pianificati. Scegliendo una finestra di manutenzione preferita, è possibile ridurre al minimo l'impatto della manutenzione pianificata perché si verifica all'esterno dell'orario di lavoro di picco. Carichi di lavoro resilienti e carichi di lavoro non di produzione possono basarsi sui criteri di manutenzione predefiniti di Azure SQL.

La finestra di manutenzione è gratuita e può essere configurata per la creazione o per le risorse Azure SQL esistenti. Può essere configurato usando l'API portale di Azure, PowerShell, cli o Azure.

Importante

La configurazione della finestra di manutenzione è un'operazione asincrona a esecuzione prolungata, simile alla modifica del livello di servizio della risorsa Azure SQL. La risorsa è disponibile durante l'operazione, ad eccezione di una riconfigurazione breve che si verifica alla fine dell'operazione e in genere dura fino a 8 secondi anche in caso di transazioni a esecuzione prolungata interrotte. Per ridurre al minimo l'impatto della riconfigurazione, è consigliabile eseguire l'operazione al di fuori delle ore di punta.

Ottenere una maggiore stimabilità con la finestra di manutenzione

Per impostazione predefinita, i criteri di manutenzione Azure SQL bloccano gli aggiornamenti più interessati durante il periodo di 8:00-5PM ogni giorno per evitare interruzioni durante le ore lavorative di punta tipiche. L'ora locale è determinata dalla posizione dell'area di Azure che ospita la risorsa e può osservare l'ora legale in base alla definizione del fuso orario locale.

È possibile modificare ulteriormente gli aggiornamenti di manutenzione in un momento adatto alle risorse Azure SQL scegliendo tra due slot aggiuntivi della finestra di manutenzione:

  • Finestra del giorno settimana : 10:00 alle 6:00 ora locale, lunedì - giovedì
  • Finestra fine settimana : 10:00 alle 6:00 ora locale, Venerdì - Domenica

I giorni della finestra di manutenzione elencati indicano il giorno iniziale di ogni finestra di manutenzione di otto ore. Ad esempio, "10:00 alle 6:00 ora locale, lunedì – giovedì" indica che le finestre di manutenzione iniziano alle 10:00 ora locale ogni giorno (lunedì e giovedì) e completano alle 6:00 ora locale il giorno seguente (martedì e venerdì).

Una volta completata la selezione della finestra di manutenzione e completata la configurazione del servizio, la manutenzione pianificata verrà eseguita solo durante la finestra di scelta. Mentre gli eventi di manutenzione vengono in genere completati all'interno di una singola finestra, alcuni di essi possono estendersi su due o più finestre adiacenti.

Importante

In circostanze molto rare in cui qualsiasi rinvio dell'azione potrebbe causare gravi effetti, ad esempio l'applicazione di patch di sicurezza critica, la finestra di manutenzione configurata potrebbe essere temporaneamente sottoposto a override.

Notifiche avanzate

Le notifiche di manutenzione possono essere configurate per avvisare gli eventi di manutenzione pianificati imminenti per il database di Azure SQL e Istanza gestita di SQL di Azure. Gli avvisi arrivano 24 ore in anticipo, al momento della manutenzione e al termine della manutenzione. Per altre informazioni, vedere Notifiche avanzate.

Disponibilità delle funzionalità

Tipi di sottoscrizioni supportati

La configurazione e l'uso della finestra di manutenzione sono disponibili per i tipi di offerta seguenti: Pagamento in base al consumo, Cloud Solution Provider (CSP), Microsoft Enterprise Agreement o Contratto del cliente Microsoft.

Le offerte limitate all'utilizzo di sviluppo/test non sono idonee (ad esempio sviluppo/test con pagamento in base al consumo o sviluppo/test enterprise).

Nota

Per offerta di Azure si intende il tipo di sottoscrizione di Azure di cui si dispone. Ad esempio, una sottoscrizione con tariffe con pagamento in base al consumo, Azure in Aperto e Visual Studio Enterprise sono tutte offerte di Azure. Ogni offerta o piano offre termini e vantaggi diversi. L'offerta o il piano vengono visualizzati nella panoramica della sottoscrizione. Per altre informazioni sul passaggio della sottoscrizione a un'offerta diversa, vedere Modificare la sottoscrizione di Azure in un'offerta diversa.

Obiettivi del livello di servizio supportati

La scelta di una finestra di manutenzione diversa dal valore predefinito è disponibile in tutti i contratti di servizio , ad eccezione di:

  • Pool di istanze
  • Legacy Gen4 vCore
  • Basic, S0 e S1
  • DC, Fsv2, serie M

Supporto dell'area di Azure

La scelta di una finestra di manutenzione diversa dall'impostazione predefinita è attualmente disponibile nelle aree seguenti:

Area di Azure Istanza gestita di SQL Database SQL database SQL in una zona di disponibilità di Azure
Australia centrale 1
Australia centrale 2
Australia orientale
Australia sud-orientale
Brasile meridionale
Brasile sud-orientale
Canada centrale
Canada orientale
India centrale
Stati Uniti centrali
Cina orientale 2
Cina settentrionale 2
Stati Uniti orientali
Stati Uniti orientali 2
Asia orientale
Francia centrale
Francia meridionale
Germania centro-occidentale
Germania settentrionale
Giappone orientale
Giappone occidentale
Corea centrale
Corea meridionale
Stati Uniti centro-settentrionali
Europa settentrionale
Norvegia orientale
Norvegia occidentale
Sudafrica settentrionale
Sudafrica occidentale
Stati Uniti centro-meridionali
India meridionale
Asia sud-orientale
Svizzera settentrionale
Svizzera occidentale
Emirati Arabi Uniti centrali
Emirati Arabi Uniti settentrionali
Regno Unito meridionale
Regno Unito occidentale
US Gov Arizona
US Gov Texas
US Gov Virginia
Stati Uniti centro-occidentali
Europa occidentale
India occidentale
Stati Uniti occidentali
Stati Uniti occidentali 2
Stati Uniti occidentali 3

Manutenzione dei gateway

Per ottenere il massimo vantaggio dalle finestre di manutenzione, assicurarsi che le applicazioni client usino il criterio di connessione di reindirizzamento. Il reindirizzamento è il criterio di connessione consigliato, in cui i client stabiliscono connessioni direttamente al nodo che ospita il database, causando una riduzione della latenza e una velocità effettiva migliorata.

  • In Azure SQL Database, tutte le connessioni che usano i criteri di connessione proxy potrebbero essere interessate dalla finestra di manutenzione scelta e da una finestra di manutenzione del nodo gateway. Tuttavia, le connessioni client che usano i criteri di connessione di reindirizzamento consigliati non sono interessate da una riconfigurazione del nodo gateway.

  • In Istanza gestita di SQL di Azure, i nodi del gateway sono ospitati all'interno del cluster virtuale e hanno la stessa finestra di manutenzione dell'istanza gestita, ma è comunque consigliabile usare i criteri di connessione di reindirizzamento per ridurre al minimo il numero di interruzioni durante l'evento di manutenzione.

Per altre informazioni sui criteri di connessione client in Azure SQL Database, vedere Azure SQL criteri di connessione al database.

Per altre informazioni sui criteri di connessione client in Istanza gestita di SQL di Azure, vedere Istanza gestita di SQL di Azure tipi di connessione.

Considerazioni per Istanza gestita di SQL di Azure

Istanza gestita di SQL di Azure è costituito da componenti del servizio ospitati in un set dedicato di macchine virtuali isolate eseguite all'interno della subnet di rete virtuale del cliente. Queste macchine virtuali formano cluster virtuali che possono ospitare più istanze gestite. La finestra di manutenzione configurata nelle istanze di una subnet può influenzare il numero di cluster virtuali all'interno della subnet, la distribuzione di istanze tra cluster virtuali e operazioni di gestione del cluster virtuale. Ciò può richiedere una considerazione di pochi effetti.

La configurazione della finestra di manutenzione è un'operazione a esecuzione prolungata

Tutte le istanze ospitate in un cluster virtuale condividono la finestra di manutenzione. Per impostazione predefinita, tutte le istanze gestite sono ospitate nel cluster virtuale con la finestra di manutenzione predefinita. Specificando un'altra finestra di manutenzione per l'istanza gestita durante la creazione o successivamente, la finestra di manutenzione corrispondente deve essere inserita nel cluster virtuale. Se non esiste un cluster virtuale di questo tipo nella subnet, è necessario creare prima di tutto un nuovo cluster per supportare l'istanza. L'istanza aggiuntiva nel cluster virtuale esistente può richiedere il ridimensionamento del cluster. Entrambe le operazioni contribuiscono alla durata della configurazione della finestra di manutenzione per un'istanza gestita. La durata prevista della configurazione della finestra di manutenzione nell'istanza gestita può essere calcolata usando la durata stimata delle operazioni di gestione delle istanze.

Importante

Una riconfigurazione breve avviene alla fine dell'operazione di configurazione della finestra di manutenzione e in genere dura fino a 8 secondi anche in caso di transazioni a esecuzione prolungata interrotte. Per ridurre al minimo l'impatto della riconfigurazione, avviare l'operazione all'esterno delle ore di punta.

Requisiti dello spazio degli indirizzi IP

Ogni nuovo cluster virtuale nella subnet richiede indirizzi IP aggiuntivi in base all'allocazione degli indirizzi IP del cluster virtuale. La modifica della finestra di manutenzione per l'istanza gestita esistente richiede anche una capacità IP aggiuntiva temporanea come nello scenario di scalabilità vCore per il livello di servizio corrispondente.

Modifica degli indirizzi IP

La configurazione e la modifica della finestra di manutenzione causa la modifica dell'indirizzo IP dell'istanza, all'interno dell'intervallo di indirizzi IP della subnet.

Importante

Assicurarsi che le regole del gruppo di sicurezza di rete e del firewall non blocchino il traffico dei dati dopo la modifica dell'indirizzo IP.

Serializzazione delle operazioni di gestione del cluster virtuale

Le operazioni che interessano il cluster virtuale, ad esempio gli aggiornamenti del servizio e il ridimensionamento del cluster virtuale (aggiunta di nuovi o rimozione di nodi di calcolo non connessi) vengono serializzati. In altre parole, una nuova operazione di gestione del cluster virtuale non può iniziare fino al completamento dell'operazione precedente. Nel caso in cui la finestra di manutenzione venga chiusa prima del completamento dell'aggiornamento o dell'operazione di manutenzione in corso, tutte le altre operazioni di gestione del cluster virtuale inviate nel frattempo verranno bloccate fino a quando non verrà aperta la finestra di manutenzione successiva e l'aggiornamento del servizio o l'operazione di manutenzione completa. Non è comune che un'operazione di manutenzione richiede più tempo di una singola finestra per cluster virtuale, ma può verificarsi in caso di operazioni di manutenzione molto complesse.

La serializzazione delle operazioni di gestione del cluster virtuale è un comportamento generale che si applica anche ai criteri di manutenzione predefiniti. Con una pianificazione della finestra di manutenzione configurata, il periodo tra due finestre adiacenti può essere di pochi giorni. Le operazioni inviate possono essere bloccate anche per alcuni giorni se l'operazione di manutenzione si estende su due finestre. Questo è molto raro, ma la creazione di nuove istanze o ridimensionamento delle istanze esistenti (se sono necessari nodi di calcolo aggiuntivi) può essere bloccata durante questo periodo.

Recupero di un elenco di eventi di manutenzione

Azure Resource Graph è un servizio di Azure progettato per estendere Gestione risorse di Azure. Azure Resource Graph Explorer offre un'esplorazione efficiente ed efficiente delle risorse con la possibilità di eseguire query su larga scala in un determinato set di sottoscrizioni in modo da poter gestire in modo efficace l'ambiente.

È possibile usare Azure Resource Graph Explorer per eseguire query sugli eventi di manutenzione. Per un'introduzione su come eseguire queste query, vedere Avvio rapido: Eseguire la prima query Resource Graph usando Azure Resource Graph Explorer.

Per verificare la presenza degli eventi di manutenzione per tutti i database SQL nella sottoscrizione, usare la query di esempio seguente in Esplora Resource Graph di Azure:

servicehealthresources
| where type =~ 'Microsoft.ResourceHealth/events'
| extend impact = properties.Impact
| extend impactedService = parse_json(impact[0]).ImpactedService
| where  impactedService =~ 'SQL Database'
| extend eventType = properties.EventType, status = properties.Status, description = properties.Title, trackingId = properties.TrackingId, summary = properties.Summary, priority = properties.Priority, impactStartTime = todatetime(tolong(properties.ImpactStartTime)), impactMitigationTime = todatetime(tolong(properties.ImpactMitigationTime))
| where eventType == 'PlannedMaintenance'
| order by impactStartTime desc

Per verificare la presenza degli eventi di manutenzione per tutte le istanze gestite nella sottoscrizione, usare la query di esempio seguente in Esplora Resource Graph di Azure:

servicehealthresources
| where type =~ 'Microsoft.ResourceHealth/events'
| extend impact = properties.Impact
| extend impactedService = parse_json(impact[0]).ImpactedService
| where  impactedService =~ 'SQL Managed Instance'
| extend eventType = properties.EventType, status = properties.Status, description = properties.Title, trackingId = properties.TrackingId, summary = properties.Summary, priority = properties.Priority, impactStartTime = todatetime(tolong(properties.ImpactStartTime)), impactMitigationTime = todatetime(tolong(properties.ImpactMitigationTime))
| where eventType == 'PlannedMaintenance'
| order by impactStartTime desc

Per il riferimento completo delle query di esempio e come usarli in strumenti come PowerShell o l'interfaccia della riga di comando di Azure, visitare Azure Resource Graph query di esempio per Integrità servizio di Azure.

Passaggi successivi

Altre informazioni