Condividi tramite


Copiare e trasformare i dati da e verso un endpoint REST usando Azure Data Factory

SI APPLICA A: Azure Data Factory Azure Synapse Analytics

Suggerimento

Provare Data Factory in Microsoft Fabric, una soluzione di analisi completa per le aziende. Microsoft Fabric copre tutti gli elementi, dallo spostamento dei dati all'analisi scientifica dei dati, all'analisi in tempo reale, alla business intelligence e alla creazione di report. Scopri come avviare gratuitamente una nuova versione di valutazione .

Questo articolo descrive come usare l'attività Copy in Azure Data Factory per copiare dati da e verso un endpoint REST. L'articolo è basato su Attività di copia in Azure Data Factory, dove viene presentata una panoramica generale dell'attività di copia.

La differenza tra questo connettore REST, il connettore HTTP e il connettore Tabella Web è la seguente:

  • Il connettore REST supporta in modo specifico la copia dei dati dalle API RESTful.
  • Il connettore HTTP è un connettore generico per recuperare i dati da qualsiasi endpoint HTTP, ad esempio, per scaricare file. Prima che il connettore REST diventi disponibile, può capitare di usare il connettore HTTP per copiare dati dalle API RESTful, operazione supportata ma meno funzionale rispetto all'uso del connettore REST.
  • Il connettore Tabella Web estrae il contenuto della tabella da una pagina Web HTML.

Funzionalità supportate

Questo connettore REST è supportato per le funzionalità seguenti:

Funzionalità supportate IR
Attività di copia (origine/sink) (1) (2)
Flusso di dati di mapping (origine/sink) (1)

(1) Runtime di integrazione di Azure (2) Runtime di integrazione self-hosted

Per un elenco di archivi dati supportati come origini/sink, vedere Archivi dati supportati.

In particolare, questo connettore REST generico supporta:

  • Copiare dati da un endpoint REST usando i metodi GET o POST e copiando i dati in un endpoint REST usando i metodi POST, PUT o PATCH .
  • Copia dei dati usando una delle autenticazioni seguenti: Anonymous, Basic, Service Principal, OAuth2 Client Credential, System Assigned Managed Identity (Identità gestita assegnata dal sistema) e Identità gestita assegnata dall'utente.
  • La paginazione nelle API REST.
  • Per REST come origine, copiare la risposta JSON REST così come è o analizzarla usando il mapping dello schema. È supportato solo il payload della risposta in JSON.

Suggerimento

Per testare una richiesta di recupero dei dati prima di configurare il connettore REST in Data Factory, fare riferimento alla specifica dell'API per i requisiti relativi a intestazione e corpo. È possibile usare strumenti come Postman o un Web browser per la convalida.

Prerequisiti

Se l'archivio dati si trova all'interno di una rete locale, una rete virtuale di Azure o un cloud privato virtuale di Amazon, è necessario configurare un runtime di integrazione self-hosted per connettersi.

Se l'archivio dati è un servizio dati cloud gestito, è possibile usare Azure Integration Runtime. Se l'accesso è limitato agli indirizzi IP approvati nelle regole del firewall, è possibile aggiungere indirizzi IP del runtime di integrazione di Azure all'elenco elementi consentiti.

È anche possibile usare la funzionalità di runtime di integrazione della rete virtuale gestita in Azure Data Factory per accedere alla rete locale senza installare e configurare un runtime di integrazione self-hosted.

Per altre informazioni sui meccanismi di sicurezza di rete e sulle opzioni supportate da Data Factory, vedere strategie di accesso ai dati.

Operazioni preliminari

Per eseguire l'attività di copia con una pipeline, è possibile usare uno degli strumenti o SDK seguenti:

Creare un servizio collegato REST usando l'interfaccia utente

Usare la procedura seguente per creare un servizio collegato REST nell'interfaccia utente di portale di Azure.

  1. Passare alla scheda Gestisci nell'area di lavoro di Azure Data Factory o Synapse e selezionare Servizi collegati, quindi selezionare Nuovo:

  2. Cercare REST e selezionare il connettore REST.

    Select REST connector.

  3. Configurare i dettagli del servizio, testare la connessione e creare il nuovo servizio collegato.

    Configure REST linked service.

Dettagli di configurazione di Connessione or

Le sezioni seguenti offrono informazioni dettagliate sulle proprietà che è possibile usare per definire entità di Data Factory specifiche del connettore REST.

Proprietà del servizio collegato

Per il servizio collegato REST sono supportate le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
type La proprietà type deve essere impostata su RestService.
URL. URL di base del servizio REST.
enableServerCertificateValidation Indica se convalidare il certificato TLS/SSL sul lato server durante la connessione all'endpoint. No
(il valore predefinito è true)
authenticationType Tipo di autenticazione usato per connettersi al servizio REST. I valori consentiti sono Anonymous, Basic, AadServicePrincipal, OAuth2ClientCredential e ManagedServiceIdentity. È anche possibile configurare le intestazioni di autenticazione nella authHeaders proprietà . Per altre proprietà ed esempi su ogni valore, vedere le sezioni corrispondenti di seguito.
authHeaders Intestazioni di richiesta HTTP aggiuntive per l'autenticazione.
Ad esempio, per usare l'autenticazione con chiave API, è possibile selezionare il tipo di autenticazione "Anonimo" e specificare la chiave API nell'intestazione.
No
connectVia Runtime di integrazione da usare per la connessione all'archivio dati. Per altre informazioni, vedere la sezione Prerequisiti. Se non è specificata, questa proprietà usa il tipo Azure Integration Runtime predefinito. No

Per i diversi tipi di autenticazione, vedere le sezioni corrispondenti per informazioni dettagliate.

Usare l'autenticazione di base

Impostare la proprietà authenticationType su Basic. Oltre alle proprietà generiche descritte nella sezione precedente, specificare le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
userName Nome utente da usare per accedere all'endpoint REST.
password Password per l'utente (valore di userName). Contrassegnare questo campo come di tipo SecureString per l'archiviazione sicura in Data Factory. È anche possibile fare riferimento a un segreto archiviato in Azure Key Vault.

Esempio

{
    "name": "RESTLinkedService",
    "properties": {
        "type": "RestService",
        "typeProperties": {
            "authenticationType": "Basic",
            "url" : "<REST endpoint>",
            "userName": "<user name>",
            "password": {
                "type": "SecureString",
                "value": "<password>"
            }
        },
        "connectVia": {
            "referenceName": "<name of Integration Runtime>",
            "type": "IntegrationRuntimeReference"
        }
    }
}

Usare l'autenticazione dell'entità servizio

Impostare la proprietà authenticationType su AadServicePrincipal. Oltre alle proprietà generiche descritte nella sezione precedente, specificare le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
servicePrincipalId Specificare l'ID client dell'applicazione Microsoft Entra.
servicePrincipalKey Specificare la chiave dell'applicazione Microsoft Entra. Contrassegnare questo campo come SecureString per archiviarlo in modo sicuro in Data Factory oppure fare riferimento a un segreto archiviato in Azure Key Vault.
tenant Specificare le informazioni sul tenant (nome di dominio o ID tenant) in cui si trova l'applicazione. Recuperarle passando il cursore del mouse sull'angolo superiore destro del portale di Azure.
aadResourceId Specificare la risorsa Microsoft Entra richiesta per l'autorizzazione, https://management.core.windows.netad esempio .
azureCloudType Per l'autenticazione dell'entità servizio, specificare il tipo di ambiente cloud di Azure a cui è registrata l'applicazione Microsoft Entra.
I valori consentiti sono AzurePublic, AzureChina, AzureUsGovernment e AzureGermany. Per impostazione predefinita, viene usato l'ambiente cloud della data factory.
No

Esempio

{
    "name": "RESTLinkedService",
    "properties": {
        "type": "RestService",
        "typeProperties": {
            "url": "<REST endpoint e.g. https://www.example.com/>",
            "authenticationType": "AadServicePrincipal",
            "servicePrincipalId": "<service principal id>",
            "servicePrincipalKey": {
                "value": "<service principal key>",
                "type": "SecureString"
            },
            "tenant": "<tenant info, e.g. microsoft.onmicrosoft.com>",
            "aadResourceId": "<Azure AD resource URL e.g. https://management.core.windows.net>"
        },
        "connectVia": {
            "referenceName": "<name of Integration Runtime>",
            "type": "IntegrationRuntimeReference"
        }
    }
}

Usare l'autenticazione delle credenziali client OAuth2

Impostare la proprietà authenticationType su OAuth2ClientCredential. Oltre alle proprietà generiche descritte nella sezione precedente, specificare le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
tokenEndpoint Endpoint del token del server di autorizzazione per acquisire il token di accesso.
clientId ID client associato all'applicazione.
clientSecret Segreto client associato all'applicazione. Contrassegnare questo campo come di tipo SecureString per l'archiviazione sicura in Data Factory. È anche possibile fare riferimento a un segreto archiviato in Azure Key Vault.
ambito Ambito dell'accesso richiesto. Descrive il tipo di accesso che verrà richiesto. No
resource Servizio o risorsa di destinazione a cui verrà richiesto l'accesso. No

Esempio

{
    "name": "RESTLinkedService",
    "properties": {
        "type": "RestService",
        "typeProperties": {
            "url": "<REST endpoint e.g. https://www.example.com/>",
            "enableServerCertificateValidation": true,
            "authenticationType": "OAuth2ClientCredential",
            "clientId": "<client ID>",
            "clientSecret": {
                "type": "SecureString",
                "value": "<client secret>"
            },
            "tokenEndpoint": "<token endpoint>",
            "scope": "<scope>",
            "resource": "<resource>"
        }
    }
}

Usare l'autenticazione dell'identità gestita assegnata dal sistema

Impostare la proprietà authenticationType su ManagedServiceIdentity. Oltre alle proprietà generiche descritte nella sezione precedente, specificare le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
aadResourceId Specificare la risorsa Microsoft Entra richiesta per l'autorizzazione, https://management.core.windows.netad esempio .

Esempio

{
    "name": "RESTLinkedService",
    "properties": {
        "type": "RestService",
        "typeProperties": {
            "url": "<REST endpoint e.g. https://www.example.com/>",
            "authenticationType": "ManagedServiceIdentity",
            "aadResourceId": "<AAD resource URL e.g. https://management.core.windows.net>"
        },
        "connectVia": {
            "referenceName": "<name of Integration Runtime>",
            "type": "IntegrationRuntimeReference"
        }
    }
}

Usare l'autenticazione dell'identità gestita assegnata dall'utente

Impostare la proprietà authenticationType su ManagedServiceIdentity. Oltre alle proprietà generiche descritte nella sezione precedente, specificare le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
aadResourceId Specificare la risorsa Microsoft Entra richiesta per l'autorizzazione, https://management.core.windows.netad esempio .
credentials Specificare l'identità gestita assegnata dall'utente come oggetto credenziale.

Esempio

{
    "name": "RESTLinkedService",
    "properties": {
        "type": "RestService",
        "typeProperties": {
            "url": "<REST endpoint e.g. https://www.example.com/>",
            "authenticationType": "ManagedServiceIdentity",
            "aadResourceId": "<Azure AD resource URL e.g. https://management.core.windows.net>",
            "credential": {
                "referenceName": "credential1",
                "type": "CredentialReference"
            }    
        },
        "connectVia": {
            "referenceName": "<name of Integration Runtime>",
            "type": "IntegrationRuntimeReference"
        }
    }
}

Uso delle intestazioni di autenticazione

Inoltre, è possibile configurare le intestazioni delle richieste per l'autenticazione insieme ai tipi di autenticazione predefiniti.

Esempio: Uso dell'autenticazione della chiave API

{
    "name": "RESTLinkedService",
    "properties": {
        "type": "RestService",
        "typeProperties": {
            "url": "<REST endpoint>",
            "authenticationType": "Anonymous",
            "authHeaders": {
                "x-api-key": {
                    "type": "SecureString",
                    "value": "<API key>"
                }
            }
        },
        "connectVia": {
            "referenceName": "<name of Integration Runtime>",
            "type": "IntegrationRuntimeReference"
        }
    }
}

Proprietà del set di dati

Questa sezione contiene un elenco delle proprietà supportate dal set di dati REST.

Per un elenco completo delle sezioni e delle proprietà disponibili per la definizione dei set di dati, vedere Set di dati e servizi collegati.

Per copiare dati da REST, sono supportate le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
type La proprietà type del set di dati deve essere impostata su RestResource.
relativeUrl URL relativo della risorsa che contiene i dati. Quando questa proprietà non è specificata, viene usato solo l'URL indicato nella definizione del servizio collegato. Il connettore HTTP copia i dati dall'URL combinato: [URL specified in linked service]/[relative URL specified in dataset]. No

Se si impostano requestMethodrequestBody , additionalHeaderse paginationRules nel set di dati, è ancora supportato così come è, mentre si consiglia di usare il nuovo modello nell'attività in futuro.

Esempio:

{
    "name": "RESTDataset",
    "properties": {
        "type": "RestResource",
        "typeProperties": {
            "relativeUrl": "<relative url>"
        },
        "schema": [],
        "linkedServiceName": {
            "referenceName": "<REST linked service name>",
            "type": "LinkedServiceReference"
        }
    }
}

Proprietà dell'attività di copia

In questa sezione viene fornito un elenco delle proprietà supportate dall'origine e dal sink REST.

Per un elenco completo delle sezioni e delle proprietà disponibili per la definizione delle attività, vedere Pipeline.

REST come origine

Nella sezione origine dell'attività di copia sono supportate le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
type La proprietà type dell'origine dell'attività di copia deve essere impostata su RestSource.
requestMethod Metodo HTTP. I valori consentiti sono GET (impostazione predefinita) e POST. No
additionalHeaders Intestazioni richiesta HTTP aggiuntive. No
requestBody Corpo della richiesta HTTP. No
paginationRules Regole di paginazione per comporre le richieste di pagina successive. Per informazioni dettagliate, vedere la sezione Supporto della paginazione. No
httpRequestTimeout Timeout (valore di TimeSpan) durante il quale la richiesta HTTP attende una risposta. Si tratta del timeout per ottenere una risposta, non per leggere i dati della risposta. Il valore predefinito è 00:01:40. No
requestInterval Periodo di attesa prima di inviare la richiesta per la pagina successiva. Il valore predefinito è 00:00:01 No

Nota

Il connettore REST ignora qualsiasi intestazione "Accept" specificata in additionalHeaders. Poiché il connettore REST supporta solo la risposta in JSON, genererà automaticamente un'intestazione di Accept: application/json.
La matrice di oggetto come corpo della risposta non è supportata nell'impaginazione.

Esempio 1: Uso del metodo Get con la paginazione

"activities":[
    {
        "name": "CopyFromREST",
        "type": "Copy",
        "inputs": [
            {
                "referenceName": "<REST input dataset name>",
                "type": "DatasetReference"
            }
        ],
        "outputs": [
            {
                "referenceName": "<output dataset name>",
                "type": "DatasetReference"
            }
        ],
        "typeProperties": {
            "source": {
                "type": "RestSource",
                "additionalHeaders": {
                    "x-user-defined": "helloworld"
                },
                "paginationRules": {
                    "AbsoluteUrl": "$.paging.next"
                },
                "httpRequestTimeout": "00:01:00"
            },
            "sink": {
                "type": "<sink type>"
            }
        }
    }
]

Esempio 2: Uso del metodo POST

"activities":[
    {
        "name": "CopyFromREST",
        "type": "Copy",
        "inputs": [
            {
                "referenceName": "<REST input dataset name>",
                "type": "DatasetReference"
            }
        ],
        "outputs": [
            {
                "referenceName": "<output dataset name>",
                "type": "DatasetReference"
            }
        ],
        "typeProperties": {
            "source": {
                "type": "RestSource",
                "requestMethod": "Post",
                "requestBody": "<body for POST REST request>",
                "httpRequestTimeout": "00:01:00"
            },
            "sink": {
                "type": "<sink type>"
            }
        }
    }
]

REST come sink

Nella sezione sink dell'attività di copia sono supportate le proprietà seguenti:

Proprietà Descrizione Richiesto
type La proprietà type del sink dell'attività di copia deve essere impostata su RestSink.
requestMethod Metodo HTTP. I valori consentiti sono POST (impostazione predefinita), PUT e PATCH. No
additionalHeaders Intestazioni richiesta HTTP aggiuntive. No
httpRequestTimeout Timeout (valore di TimeSpan) durante il quale la richiesta HTTP attende una risposta. Questo valore è il timeout per ottenere una risposta, non il timeout per scrivere i dati. Il valore predefinito è 00:01:40. No
requestInterval Intervallo di tempo tra richieste diverse in millisecondo. Il valore dell'intervallo di richiesta deve essere un numero compreso tra [10, 60000]. No
httpCompressionType Tipo di compressione HTTP da usare durante l'invio di dati con livello di compressione ottimale. I valori consentiti sono none e gzip. No
writeBatchSize Numero di record da scrivere nel sink REST per batch. Il valore predefinito è 10000. No

Il connettore REST come sink funziona con le API REST che accettano JSON. I dati verranno inviati in JSON con il modello seguente. Se necessario, è possibile usare il mapping dello schema dell'attività di copia per modellare i dati di origine in modo che siano conformi al payload previsto dall'API REST.

[
    { <data object> },
    { <data object> },
    ...
]

Esempio:

"activities":[
    {
        "name": "CopyToREST",
        "type": "Copy",
        "inputs": [
            {
                "referenceName": "<input dataset name>",
                "type": "DatasetReference"
            }
        ],
        "outputs": [
            {
                "referenceName": "<REST output dataset name>",
                "type": "DatasetReference"
            }
        ],
        "typeProperties": {
            "source": {
                "type": "<source type>"
            },
            "sink": {
                "type": "RestSink",
                "requestMethod": "POST",
                "httpRequestTimeout": "00:01:40",
                "requestInterval": 10,
                "writeBatchSize": 10000,
                "httpCompressionType": "none",
            },
        }
    }
]

Proprietà del flusso di dati per mapping

REST è supportato nei flussi di dati sia per i set di dati di integrazione che per i set di dati inline.

Trasformazione origine

Proprietà Descrizione Richiesto
requestMethod Metodo HTTP. I valori consentiti sono GET e POST.
relativeUrl URL relativo della risorsa che contiene i dati. Quando questa proprietà non è specificata, viene usato solo l'URL indicato nella definizione del servizio collegato. Il connettore HTTP copia i dati dall'URL combinato: [URL specified in linked service]/[relative URL specified in dataset]. No
additionalHeaders Intestazioni richiesta HTTP aggiuntive. No
httpRequestTimeout Timeout (valore di TimeSpan) durante il quale la richiesta HTTP attende una risposta. Questo valore è il timeout per ottenere una risposta, non il timeout per scrivere i dati. Il valore predefinito è 00:01:40. No
requestInterval Intervallo di tempo tra richieste diverse in millisecondo. Il valore dell'intervallo di richiesta deve essere un numero compreso tra [10, 60000]. No
QueryParameters.parametro_query_richiesta o QueryParameters['parametro_query_richiesta'] "request_query_parameter" è definito dall'utente, che fa riferimento a un nome di parametro di query nell'URL della richiesta HTTP successivo. No

Trasformazione sink

Proprietà Descrizione Richiesto
additionalHeaders Intestazioni richiesta HTTP aggiuntive. No
httpRequestTimeout Timeout (valore di TimeSpan) durante il quale la richiesta HTTP attende una risposta. Questo valore è il timeout per ottenere una risposta, non il timeout per scrivere i dati. Il valore predefinito è 00:01:40. No
requestInterval Intervallo di tempo tra richieste diverse in millisecondo. Il valore dell'intervallo di richiesta deve essere un numero compreso tra [10, 60000]. No
httpCompressionType Tipo di compressione HTTP da usare durante l'invio di dati con livello di compressione ottimale. I valori consentiti sono none e gzip. No
writeBatchSize Numero di record da scrivere nel sink REST per batch. Il valore predefinito è 10000. No

È possibile impostare i metodi delete, insert, update e upsert, nonché i dati di riga relativi da inviare al sink REST per le operazioni CRUD.

Data flow REST sink

Script del flusso di dati di esempio

Si noti l'uso di una trasformazione alter row prima del sink per indicare a ADF quale tipo di azione eseguire con il sink REST. Ad esempio, inserire, aggiornare, upsert, eliminare.

AlterRow1 sink(allowSchemaDrift: true,
	validateSchema: false,
	deletable:true,
	insertable:true,
	updateable:true,
	upsertable:true,
	rowRelativeUrl: 'periods',
	insertHttpMethod: 'PUT',
	deleteHttpMethod: 'DELETE',
	upsertHttpMethod: 'PUT',
	updateHttpMethod: 'PATCH',
	timeout: 30,
	requestFormat: ['type' -> 'json'],
	skipDuplicateMapInputs: true,
	skipDuplicateMapOutputs: true) ~> sink1

Supporto per l'impaginazione

Quando si copiano dati dalle API REST, in genere, l'API REST limita le dimensioni del payload della risposta di una singola richiesta con un numero ragionevole; mentre per restituire grandi quantità di dati, suddivide il risultato in più pagine e richiede ai chiamanti di inviare richieste consecutive per ottenere la pagina successiva del risultato. In genere la richiesta di una sola pagina è dinamica ed è composta dalle informazioni restituite dalla risposta della pagina precedente.

Questo connettore REST generico supporta i modelli di paginazione seguenti:

  • URL assoluto o relativo della richiesta successiva = valore della proprietà nel corpo della risposta corrente
  • URL assoluto o relativo della richiesta successiva = valore dell'intestazione nelle intestazioni di risposta correnti
  • Parametro di query della richiesta successiva = valore della proprietà nel corpo della risposta corrente
  • Parametro di query della richiesta successiva = valore dell'intestazione nelle intestazioni della risposta corrente
  • Intestazione della richiesta successiva = valore della proprietà nel corpo della risposta corrente
  • Intestazione della richiesta successiva = valore dell'intestazione nelle intestazioni della risposta corrente

Le regole di paginazione vengono definite come dizionario nel set di dati, che contiene una o più coppie chiave-valore con distinzione tra maiuscole e minuscole. La configurazione verrà usata per generare la richiesta a partire dalla seconda pagina. Il connettore interromperà l'iterazione quando ottiene il codice di stato HTTP 204 (Nessun contenuto) o una qualsiasi delle espressioni JSONPath in "paginationRules" restituisce null.

Chiavi supportate nelle regole di paginazione:

Chiave Descrizione
AbsoluteUrl Indica l'URL per l'invio della richiesta successiva. Può essere un URL assoluto o un URL relativo.
QueryParameters.parametro_query_richiesta o QueryParameters['parametro_query_richiesta'] "request_query_parameter" è definito dall'utente, che fa riferimento a un nome di parametro di query nell'URL della richiesta HTTP successivo.
Headers.intestazione_richiesta o Headers['intestazione_richiesta'] "request_header" è definito dall'utente, che fa riferimento a un nome di intestazione nella richiesta HTTP successiva.
EndCondition:end_condition "end_condition" è definito dall'utente, che indica la condizione che terminerà il ciclo di paginazione nella richiesta HTTP successiva.
MaxRequestNumber Indica il numero massimo di richiesta di paginazione. Lasciare vuoto significa che non è previsto alcun limite.
SupportRFC5988 Per impostazione predefinita, questa proprietà è impostata su true se non è definita alcuna regola di impaginazione. È possibile disabilitare questa regola impostando su supportRFC5988 false o rimuovendo questa proprietà dallo script.

Valori supportati nelle regole di paginazione:

Valore Descrizione
Headers.intestazione_risposta o Headers['intestazione_risposta'] "response_header" è definito dall'utente, che fa riferimento a un nome di intestazione nella risposta HTTP corrente, il cui valore verrà usato per inviare la richiesta successiva.
Espressione JSONPath che inizia con "$" (che rappresenta la radice del corpo della risposta) Il corpo della risposta deve contenere un solo oggetto JSON e la matrice di oggetto perché il corpo della risposta non è supportato. L'espressione JSONPath deve restituire un singolo valore primitivo, che verrà usato per inviare la richiesta successiva.

Nota

Le regole di impaginazione nei flussi di dati di mapping sono diverse da essa nell'attività di copia negli aspetti seguenti:

  1. L'intervallo non è supportato nei flussi di dati di mapping.
  2. [''] non è supportato nei flussi di dati di mapping. Usare invece per eseguire l'escape {} di un carattere speciale. Ad esempio, body.{@odata.nextLink}, il cui nodo @odata.nextLink JSON contiene un carattere . speciale.
  3. La condizione finale è supportata nei flussi di dati di mapping, ma la sintassi della condizione è diversa da quella nell'attività di copia. body viene usato per indicare il corpo della $risposta anziché . header viene usato per indicare l'intestazione della headersrisposta anziché . Ecco due esempi che illustrano questa differenza:
    • Esempio 1:
      attività Copy: "EndCondition:$.data": "Empty"
      Flussi di dati di mapping: "EndCondition:body.data": "Empty"
    • Esempio 2:
      attività Copy: "EndCondition:headers.complete": "Exist"
      Flussi di dati di mapping: "EndCondition:header.complete": "Exist"

Esempi di regole di paginazione

In questa sezione viene fornito un elenco di esempi per le impostazioni delle regole di paginazione.

Esempio 1: Variabili in QueryParameters

In questo esempio vengono forniti i passaggi di configurazione per inviare più richieste le cui variabili si trovano in QueryParameters.

Richieste multiple:

baseUrl/api/now/table/incident?sysparm_limit=1000&sysparm_offset=0,
baseUrl/api/now/table/incident?sysparm_limit=1000&sysparm_offset=1000,
...... 
baseUrl/api/now/table/incident?sysparm_limit=1000&sysparm_offset=10000

Passaggio 1: Immettere sysparm_offset={offset} l'URL di base o l'URL relativo, come illustrato negli screenshot seguenti:

Screenshot showing one configuration to send multiple requests whose variables are in Query Parameters.

or

Screenshot showing another configuration to send multiple requests whose variables are in Query Parameters.

Passaggio 2: Impostare le regole di paginazione come opzione 1 o opzione 2:

  • Opzione1: "QueryParameters.{ offset}" : "RANGE:0:10000:1000"

  • Option2: "AbsoluteUrl.{ offset}" : "RANGE:0:10000:1000"

Esempio 2:Variables in AbsoluteUrl

In questo esempio vengono forniti i passaggi di configurazione per inviare più richieste le cui variabili sono in AbsoluteUrl.

Richieste multiple:

BaseUrl/api/now/table/t1
BaseUrl/api/now/table/t2
...... 
BaseUrl/api/now/table/t100

Passaggio 1: Immettere {id} nell'URL di base nella pagina di configurazione del servizio collegato o nell'URL relativo nel riquadro di connessione del set di dati.

Screenshot showing one configuration to send multiple requests whose variables are in Absolute Url.

or

Screenshot showing another configuration to send multiple requests whose variables are in Absolute Url.

Passaggio 2: Impostare le regole di paginazione come "AbsoluteUrl.{ id}" :"RANGE:1:100:1".

Esempio 3:Variabili nelle intestazioni

In questo esempio vengono illustrati i passaggi di configurazione per inviare più richieste le cui variabili si trovano in Intestazioni.

Richieste multiple:
RequestUrl: https://example/table
Richiesta 1: Header(id->0)
Richiesta 2: Header(id->10)
......
Richiesta 100: Header(id->100)

Passaggio 1: Input {id} in intestazioni aggiuntive.

Passaggio 2: Impostare le regole di paginazione come "Intestazioni.{ id}" : "RARNGE:0:100:10".

Screenshot showing the pagination rule to send multiple requests whose variables are in Headers.

Esempio 4:Le variabili si trovano in AbsoluteUrl/QueryParameters/Headers, la variabile finale non è predefinita e la condizione finale si basa sulla risposta

Questo esempio illustra i passaggi di configurazione per inviare più richieste le cui variabili si trovano in AbsoluteUrl/QueryParameters/Headers, ma la variabile finale non è definita. Per risposte diverse, in Esempio 4.1-4.6 vengono visualizzate diverse impostazioni delle regole della condizione finale.

Richieste multiple:

Request 1: baseUrl/api/now/table/incident?sysparm_limit=1000&sysparm_offset=0, 
Request 2: baseUrl/api/now/table/incident?sysparm_limit=1000&sysparm_offset=1000,
Request 3: baseUrl/api/now/table/incident?sysparm_limit=1000&sysparm_offset=2000,
...... 

Due risposte rilevate in questo esempio:

Risposta 1:

{
    Data: [
        {key1: val1, key2: val2
        },
        {key1: val3, key2: val4
        }
    ]
}

Risposta 2:

{
    Data: [
        {key1: val5, key2: val6
        },
        {key1: val7, key2: val8
        }
    ]
}

Passaggio 1: Impostare l'intervallo di regole di paginazione come Esempio 1 e lasciare vuota la fine dell'intervallo come "AbsoluteUrl.{ offset}": "RANGE:0::1000".

Passaggio 2: Impostare regole di condizione di fine diverse in base alle diverse risposte dell'ultima risposta. Vedere gli esempi seguenti:

  • Esempio 4.1: la paginazione termina quando il valore del nodo specifico in risposta è vuoto

    L'API REST restituisce l'ultima risposta nella struttura seguente:

    {
        Data: []
    }
    

    Impostare la regola della condizione finale su "EndCondition:$.data": "Empty" per terminare l'impaginazione quando il valore del nodo specifico in risposta è vuoto.

    Screenshot showing the End Condition setting for Example 4.1.

  • Esempio 4.2: la paginazione termina quando il valore del nodo specifico in risposta non esiste

    L'API REST restituisce l'ultima risposta nella struttura seguente:

    {}
    

    Impostare la regola della condizione finale su "EndCondition:$.data": "NonExist" per terminare l'impaginazione quando il valore del nodo specifico in risposta non esiste.

    Screenshot showing the End Condition setting for Example 4.2.

  • Esempio 4.3: la paginazione termina quando esiste il valore del nodo specifico nella risposta

    L'API REST restituisce l'ultima risposta nella struttura seguente:

    {
        Data: [
            {key1: val991, key2: val992
            },
            {key1: val993, key2: val994
            }
        ],
                Complete: true
    }
    

    Impostare la regola della condizione finale su "EndCondition:$. Completa": "Exist" per terminare l'impaginazione quando esiste il valore del nodo specifico nella risposta.

    Screenshot showing the End Condition setting for Example 4.3.

  • Esempio 4.4: la paginazione termina quando il valore del nodo specifico in risposta è un valore const definito dall'utente

    L'API REST restituisce la risposta nella struttura seguente:

    {
        Data: [
            {key1: val1, key2: val2
            },
            {key1: val3, key2: val4
            }
        ],
                Complete: false
    }
    

    ......

    E l'ultima risposta è nella struttura seguente:

    {
        Data: [
            {key1: val991, key2: val992
            },
            {key1: val993, key2: val994
            }
        ],
                Complete: true
    }
    

    Impostare la regola della condizione finale su "EndCondition:$. Complete": "Const:true" per terminare l'impaginazione quando il valore del nodo specifico in risposta è un valore const definito dall'utente.

    Screenshot showing the End Condition setting for Example 4.4.

  • Esempio 4.5: la paginazione termina quando il valore della chiave di intestazione nella risposta è uguale al valore const definito dall'utente

    Le chiavi di intestazione nelle risposte dell'API REST sono illustrate nella struttura seguente:

    Intestazione della risposta 1: header(Complete->0)
    ......
    Ultima intestazione risposta: header(Complete->1)

    Impostare la regola della condizione finale su "EndCondition:headers. Complete": "Const:1" per terminare l'impaginazione quando il valore della chiave di intestazione in risposta è uguale al valore const definito dall'utente.

    Screenshot showing the End Condition setting for Example 4.5.

  • Esempio 4.6: la paginazione termina quando la chiave esiste nell'intestazione della risposta

    Le chiavi di intestazione nelle risposte dell'API REST sono illustrate nella struttura seguente:

    Intestazione della risposta 1: header()
    ......
    Ultima intestazione risposta: header(CompleteTime->20220920)

    Impostare la regola della condizione finale su "EndCondition:headers. CompleteTime": "Exist" per terminare l'impaginazione quando la chiave esiste nell'intestazione della risposta.

    Screenshot showing the End Condition setting for Example 4.6.

Esempio 5:Impostare la condizione di fine per evitare richieste infinite quando la regola di intervallo non è definita

In questo esempio vengono forniti i passaggi di configurazione per inviare più richieste quando la regola di intervallo non viene usata. La condizione finale può essere impostata per fare riferimento all'esempio 4.1-4.6 per evitare richieste infinite. L'API REST restituisce la risposta nella struttura seguente, nel qual caso l'URL della pagina successiva è rappresentato in paging.next.

{
    "data": [
        {
            "created_time": "2017-12-12T14:12:20+0000",
            "name": "album1",
            "id": "1809938745705498_1809939942372045"
        },
        {
            "created_time": "2017-12-12T14:14:03+0000",
            "name": "album2",
            "id": "1809938745705498_1809941802371859"
        },
        {
            "created_time": "2017-12-12T14:14:11+0000",
            "name": "album3",
            "id": "1809938745705498_1809941879038518"
        }
    ],
    "paging": {
        "cursors": {
            "after": "MTAxNTExOTQ1MjAwNzI5NDE=",
            "before": "NDMyNzQyODI3OTQw"
        },
        "previous": "https://graph.facebook.com/me/albums?limit=25&before=NDMyNzQyODI3OTQw",
        "next": "https://graph.facebook.com/me/albums?limit=25&after=MTAxNTExOTQ1MjAwNzI5NDE="
    }
}
...

L'ultima risposta è:

{
    "data": [],
    "paging": {
        "cursors": {
            "after": "MTAxNTExOTQ1MjAwNzI5NDE=",
            "before": "NDMyNzQyODI3OTQw"
        },
        "previous": "https://graph.facebook.com/me/albums?limit=25&before=NDMyNzQyODI3OTQw",
        "next": "Same with Last Request URL"
    }
}

Passaggio 1: Impostare le regole di paginazione come "AbsoluteUrl": "$.paging.next".

Passaggio 2: se next nell'ultima risposta è sempre uguale all'URL dell'ultima richiesta e non vuoto, verranno inviate richieste infinite. La condizione finale può essere usata per evitare richieste infinite. Impostare quindi la regola della condizione finale fare riferimento all'esempio 4.1-4.6.

Esempio 6:Impostare il numero massimo di richiesta per evitare richieste infinite

Impostare MaxRequestNumber per evitare richieste infinite, come illustrato nello screenshot seguente:

Screenshot showing the Max Request Number setting for Example 6.

Esempio 7:La regola di paginazione RFC 5988 è supportata per impostazione predefinita

Il back-end otterrà automaticamente l'URL successivo in base ai collegamenti di stile RFC 5988 nell'intestazione.

Screenshot showing samples of the http header that complies with R F C 5988.

Suggerimento

Se non si vuole abilitare questa regola di impaginazione predefinita, è possibile impostarla supportRFC5988false o semplicemente eliminarla nello script.

Screenshot showing how to disable R F C 5988 setting for Example 7.

Esempio 8: l'URL della richiesta successiva proviene dal corpo della risposta quando si usa la paginazione nei flussi di dati di mapping

Questo esempio indica come impostare la regola di paginazione e la regola della condizione finale nei flussi di dati di mapping quando l'URL della richiesta successiva proviene dal corpo della risposta.

Lo schema di risposta è illustrato di seguito:

Screenshot showing the response schema of Example 8.

Le regole di paginazione devono essere impostate come screenshot seguente:

Screenshot showing how to set the pagination rule for Example 8.

Per impostazione predefinita, l'impaginazione si interrompe quando il corpo. {@odata.nextLink}** è null o vuoto.

Tuttavia, se il valore di @odata.nextLink nell'ultimo corpo della risposta è uguale all'ultimo URL della richiesta, porterà al ciclo infinito. Per evitare questa condizione, definire le regole di condizione finale.

  • Se Value nell'ultima risposta è Vuoto, la regola della condizione finale può essere impostata come indicato di seguito:

    Screenshot showing setting the end condition rule when the last response is empty.

  • Se il valore della chiave completa nell'intestazione della risposta è uguale a true indica la fine dell'impaginazione, la regola della condizione finale può essere impostata come indicato di seguito:

    Screenshot showing setting the end condition rule when the complete key in the response header equals to true indicates the end of pagination.

Esempio 9: il formato della risposta è XML e l'URL della richiesta successiva proviene dal corpo della risposta quando si usa la paginazione nei flussi di dati di mapping

In questo esempio viene illustrato come impostare la regola di paginazione nei flussi di dati di mapping quando il formato della risposta è XML e l'URL della richiesta successiva proviene dal corpo della risposta. Come illustrato nello screenshot seguente, il primo URL è https://< user.dfs.core.windows.NET/bugfix/test/movie_1.xml>

Screenshot showing the response format is X M L and the next request U R L is from the response body.

Lo schema di risposta è illustrato di seguito:

Screenshot showing the response schema of Example 9.

La sintassi della regola di impaginazione è identica a quella dell'esempio 8 e deve essere impostata di seguito in questo esempio:

Screenshot showing setting the pagination rule for Example 9.

Esportare la risposta JSON così com'è

È possibile usare questo connettore REST per esportare la risposta JSON dell'API REST in vari archivi basati su file. Per ottenere una copia priva di schema, ignorare la sezione "structure" (chiamata anche schema) nel set di dati e il mapping dello schema nell'attività di copia.

Mapping dello schema

Per copiare dati dall'endpoint REST al sink in formato tabulare, vedere Mapping dello schema.

Per un elenco degli archivi dati supportati come origini o sink dall'attività di copia in Azure Data Factory, vedere Archivi dati e formati supportati.